L’aocat di vip

Stampa questo copione

                                                               L'AOCAT  DI  VIP

                                Commedia dialettale comica in tre atti di Guglielmo Antonello Esposito.        

Personaggi

Carlo Delgelso: Avvocato.

Piero: Ladro,cameriera e maggiordomo.

Mario: Papà di Carlo.

Teresa:  Mamma di Carlo.

Marina: Figlia di Carlo.

Contessa: Cliente di Carlo.

Gertrude: Domestica della contessa.

Onorevole Staiello: Marito della contessa.

Giuàn: Pusher amico di Piero.

Tullia: Amica amico di Piero.

Lady Domina: Amica di Piero.

Dottore: Medico di famiglia.

                                                                                              PRIMO ATTO

                                                                                              SCENA PRIMA

Si vede una veranda o una finestra, l'avvocato Carlo Delgelso gli da le spalle, sta rimirando controluce e sorseggiando una coppa di cognac, si sentirà in sottofondo l'aria più nota del barbiere di Siviglia di Rossini. Dalla finestra entra furtivamente un personaggio in tuta nera attillata, in quel momento l'avvocato si accorgerà dell'estraneo, quest'ultimo rimarrà impalato e sorpreso.

Carlo:  E lü?!? Chi l'sarèss?

Piero: Be..mé sarèss...

Carlo: O capìt...ghe par adèss ól mumènt de ègn che a fà i pulissie?

Piero: Be... mé ülie mia..

Carlo: Cosè ülie mia?!?Egn che a distürbà ün onést aucàt che l'è dré a recuperàól laurà aretràt, col sostègn de m'pó de cognac e del maestro Rossini. Accenna cantando un pezzo dell'aria. Ma cùsa na sà lü, chesta l'è cultura, compàgn de ches-ce quàder, compàgn de ches-ce vas cinés autentici e de inestimabile valùr, compàgn de chesta spada apartenìda a ü me antenato. Toglie la spada dal muro e la terra in mano. Caro l'me omino di pulissie, al sà cos'éla chest'aria del maestro? Ma lasèm perd, al màsem scumète che lü al canta  "La bella la va al fossol" Ride della propria battuta. Be l'gh'à amò tant de stà che, l'è dré a fàm perd tép. L'i ndàghe vià, i pulissie i a farà ndomà.

Piero: Va bé, ma mé só mia l'òm di pulissie.

Carlo: L'è mia l'addetto ai pulissie?!?

Piero: No. E póa mé gh'ó i me gös-cc müsicai, póa a mé me piàss Rossini.

Carlo: Ghe crède mia ai me urège, ó sentìt bé?

Piero: Se, però mé piöntera ön'ótra sò opera.

Carlo: E sentèm  quaéla  l'opera che ghe piàss de piö de Rossini?

Piero,mima con le mani il furto e dice: La "Gazza ladra"!

Carlo: La Gazza ladra l'diss...la Gazza ladra... guarda sempre più sospettosamente l'intruso punta la spada verso quest'ultimo, il quale si mette sulla difensiva.

Carlo: Adèss ó capìt chi l'è lü, se, pròpe, talmènt silensiùs e professionàl che só gnàa rincursìt che l'è egnìt in cà.

Piero sempre più sulla difensiva convinto di essere stato ormai smascherato, l'avvocato va al telefono compone un numero.

Carlo: Fermo lé! Adèss l'è töt ciàr....Mama diga póa al papà che gh'ó bisògn de parlàv, Ah si che de bass del bechér? Mei, egnì che söbet. Riaggancia. Adèss l'è töt ciar,sesesesese,lü...lü l'è ól nuovo maggiordomo.

Piero: Be veramènt...Un poco sollevato.

Carlo: Be veramènt cusè? A propóset, del sò curricolum l'me risulta che l'è mia spusàt e che ghe interèsa mia i dòne, èco, l'importante l'è che ghe nterèse mia i dòne, daltronde adèss gh'ó mia döbe, ü che l'se presènta estìt  isse, i pöl mia nteresàga i dòne .

Piero: Be l'è mia pròpe isse....mé sarèss mia pròpe ü maggiordomo....

Carlo: L'è mia cusè?!? Alura l'pöl èss adóma ü lader, e se l'è isse , gh'ó òia de dorvà söbet chesta. Punta la spada.

Piero: No no no..

Carlo: Meno màl. Alùra circhèm de capé con che genere de domestico gh'avrèss a che fa. Ölerèss mia occhi indiscreti adòss ala me Gisella. I maggiordomi che gh'ó üt nfina adèss i era töcc  tròp presuntùs, töcc i vülia fam la muràl a mé perche la me Gisella la à e la é d'ü istituto de belessa a l' óter, e quando l'era a cà i la mangiàa coi öcc, mas-cc adóma lur, cola sò virilità i metìa in inbaràss la me Giselluccia che l'era sèmper töta rossa. Se ghe pènse ma é òia de dorvà chesta spada. Piötost l'sè presènte diamine!

Piero spaventato comincia ad avere modi di fare e di parlare molto effeminati e dice: Guendalino!

Carlo: Guendalino?!? Del curriculum l'mé parìa l'sé ciamèss Battista.

Piero: Guendalino per gli amici, Battista per la professione.

Carlo: Alura l'è sicuramènt mei Battista. Gira intorno a Piero per esaminarlo meglio e dice: Però... öna bela via de mèss la à bé. Se perche póa i dòne i gh'à la sò. Bisbetiche e pettegole invidiùse dela me Gisella. I ó licensiade töte, perche i rendìa malinconica la Gisy, e alura mé assumie ü maggiordomo, ma lé gh'era ól rovescio dela medaglia, quando riàe a cà ala sira truàe la me Gisella sèmper rossa e coi öcc löster per l'imbaràss. Se ghe pènse me é òia de dorvà chesta spada.

Piero: Sciùr aocàt l'me scüse ü momènt apéna.

Carlo: Séé?!?

Piero: Dato che io sono un fauno libero dalle costrizioni del sesso convenzionale...

Carlo: Fauno?Convenzionale? Ma certo, ü poeta, ü poeta ó assunto. Ma dìm.

Piero: Al mète zó chela spada lé, lo sa... le armi mi uccidono.

Carlo: Va be, va be, caro ól me fauno. Ripone la spada al muro.

In questo momento Piero. tenta di prendere la via da cui è entrato, Carlo se ne accorge e dice: Se öleresset fà adèss?

Piero sorpreso tenta di nascondere l'atto della fuga con dei passi di danza, aggrappandosi al davanzale da dove stava per scappare come fanno i ballerini classici, e dice: Gli esercizi di danza, sa oggi non li ho ancora eseguiti.. .In francese: Uno due tre e quattro, uno due tre e quattro, avvocato vuol provare con me?

Carlo: Be ,perche no, ampliamo la mia già estesa cultura.

Piero: Bene, allora venga qui con me. appoggi la mano al davanzale e segua i miei movimenti, uno due tre e quattro, benissimo, adesso un po più di stile, più flessuoso, così, uno due tre e quattro, uno....

                                                                              SCENA SECONDA

Appaino sulla porta d'ingresso i genitori i quali rimangono allibiti.

Piero: Uno due tre e quattro...

Teresa: Carlo?!?

Mario: Chel lé l'sarèss ól tò s-cèt?

Carlo si accorge dei genitori, e come se niente fosse: Cari i me genitùr, egnì nàcc.

Mario  ironico: Se n'distürba n'va vià.

Carlo: Ma che disturbo, sére dré a ciapà la consueta lessiù de dansa, per amplià la me zemò ampia cultura.

Mario: E ól Don Lurio chi sarèssel?

Carlo: Ah, ól fauno? Lassi che l'se presente lü.

Teresa: Fauno, se l'è cusè?

Piero va verso i due e con un' inchino plateale si presenta: Guendalino .

Teresa: Piö che ü fauno l'me par öna faraùna.

Mario: Sènt Carlo, mé capése che la Gisella la gh'è mai, però me par mia ól caso de cambià la natura.... ahé, t'ét capìt.

Carlo: Ma che natura, lü l'è ól nuovo maggiordomo. Non che poeta e provetto ballerino ,e ól sò nòm professionàl l'è Battista.

Teresa: E l'se presenta söl pòst de laurà issé? Estìt de lüanghìna sciùr Battista.

Piero: L'è ól me tutu de ballerino. La sa sciura, sere dré a ndà a lessiù de dansa, e sicòme pasàe de che me só dicc: Perche n'se presènta mia del'aucàt  per ól colòquio? Cosi ho preso due piccioni con una fava.

Teresa: L'à ciapàt cosè?

Carlo: Due usèi con  ü gramergòt. L'è öna metafora. L'è come di che l'è riàt a risòlv du impègn insèma.

Mario: Meno mal . Mia per fàm i afare tò Carlo, ma quàce gra de mergòt te ghe darèset al fauno?

Carlo: Giöst. Ma gnemò parlàt de stipendio. Cosa te ölerèset ciapà al mis?

Piero: Be veramente mé...

Carlo: Duméla?

Piero: Mé sò mia sigür de èss al'altèsa de chesto compito. Ölerèss nda a cà a pensàga sö ü mumentì. Con permesso.  Fa per uscire ma Carlo gli si para davanti.

Carlo: Se n'parla gnàch! Sichmela euro, piö vitto e alloggio.

Piero: Sich...se pròpe insistì aocàt, só a sò completa dispusissiù.

Carlo: Insiste, insiste. Ma bando alle ciancie. Cari i me genitùr, me v'ó convocacc per...

Mario: Apùnto, ncö de gh'éret mia de èss in vacànsa?

Carlo: Ma che vacànsa. Cosa ülì che festègie cusè sènsa la me Gisella? Al pensér de lé, la in dela beautyfarm magàre sóta ól strèss d'ü massaggio tailandese opür  in d'öna sauna töta südada, mé nvece che in vacànsa. No no, l'è mei ól laurà che l'me tira vià ól pensér de lé.

Piero: Infatti! Póa mé pensàe che lü  laurèss mia ncö.

Teresa: Ma lü sé na sà cusè?

Piero: Ülìe di , infatti mia due piccioni con una fava, ma addiritura trì. Cioè, l'aocàt l'gh'era de èss in vacànsa e nvece l'è egnìt in de stöde, mé sere dré a ndà al corso de bàl e nvece ó facc ól colòquio, e alura...

Mario: Va be, va be m'a capìt. A Carlo: Alùra ? Perchè te gh'ét facc vègn che?

Carlo: Al sì, so dré a spetà la contessa, la rierà i n'd'u moment co l'oter. L 'sì  l'è öna pia dòna ölerèss ofréga, un bel quadretto familiare. Mia per negót so dré a fa i straurdinàre.

Mario: La dòna del.....

Carlo: Pròpe. Per la sò causa l'à sircàt ól migliùr aocàt söla piàssa naturalmènt.

Teresa: Serto che con d'ü òm issé, e ü pader amò piö potènt , qualsiasi causa la sess, te la ènzet sicuramènt.

Carlo: Sertamènt, sertamènt.

Mario: Però gh'è ü laùr che l' và mia ndél  quadrèt.

Carlo: E l'sarèss?

Mario: Ól fauno!

Carlo: Be alùra? L'è ól me maggiordomo. L'mèt sö la livrea e l'è facia.

Mario a Piero: Lü, l'faghe öna caminàda per piassér.

Piero cammina avanti e indietro come una modella da sfilata di moda.

Carlo: Forse l'è mei fàl traesté de cameriera.

Mario: Sènsa forse. Perchè sènsa la Gisella e col fauno in gìr, ól quadrèt  familiàr l'sé stàca del mür.

Carlo: Mama pórtel de là e faga mèt sö ól scusàl del'öltima cameriera che gh'éra che, e tröchel m'pó.

Teresa: Se me tóca fa. Gli interessati si avviano verso gli alloggi.

                                                                                              SCENA TERZA

Mario: Certo che come aucàt gh'è negót de dìt. Te set stàcc imgagiàt dela contessa, pecàt che come marito te sét m'pó ü tàmbor.

Carlo: Perchè papà?

Mario: Per la Gisella....

Carlo: A propóset de Gisella... Va al telefono compone un numero e dice: Pronto, se Gisella so mé, gh'ét ól fiatù? Come mai póera stèla? A te set dré a fa i massaggi superenergici... o póera la me Gisy, scolta ü laùr, gh'ó de assistere la contessa.... se pròpe la dòna del'onorevole ól motivo l'conòse gnemò mia.. nfatti gh'ó l'apuntamènt che ndé stöde de che m'pó..l'è mia brào ól tò umasì?? Ah propóset, in chesto fine settimana ègne a truàt, set cuntéta? Alùra n'sé èd, va be, bacibacibaci, estrepàsess mia tròp. Riattacca. Póera dòna, póera dòna. Suona il campanello di casa,Carlo va alla finestra e dice: Contessa buongiorno, salite pure con l'ascensore. Alura papa, ü bel quadretto familiare, te racumànde.

Carlo si sistemerà il vestito, metterà o sposterà alcuni oggetti etc.                                                                    

Entra in scena la contessa molto castigata e con un atteggiamento pio esagerato.

                                                                                              SCENA QUARTA

 Carlo: Buongiorno contessa. Baciamano. Prego egnì nàcc, e acumudìs in dela me umile dimora, scüsì la presènsa di me genitùr, ma l'sì, per mé la faméa l'è sacra, ve presente ntàt ól me papa. Stretta di mano. Entra in questo momento la mamma. Ah, ecco la me mama. La mamma fa un mezzo inchino imbarazzato. Prego acumudìs.

Teresa: La biv vergót contessa? O apéna metìt söól café.

Cont: Grazie sciura, ulentéra, ó apena finit ü digiuno a sostègn delle caste sorelle di Cuba.

Carlo: I caste sorelle di Cuba? Che causa nobile contessa, che causa nobile .

Teresa: Alura ciàme la serva per ól café, cameriera, cameriera!

                                                                                              SCENA QUINTA

Piero entra in scena vestito da cameriera: Si?

Teresa: Eco che , la nòsta serva.

Cont: Cameriera , serva, la me scüse sciura, ma nonostante chesta umile so prufessiù, chèsta sorella la gh'avvrà pür ü nòm, si presenti sorella.

Piero: Guendalina.

Cont: E cubana sorella?

Piero: No, so  ddo Brasìu.

Cont: Piacere.

Teresa: Ma l'se ciamàa mia Battista ól fauno?

Cont: Battista? Fauno?!?

Carlo comincia a dover inventare.

Carlo:Ól cognòm.... Battista Fauno Pareira do Pinto Terreira do Santos, e per fené Guendalina.

Mario: Te dicc sö la furmassiù del Brasile?

Cont: Spiritùs sciur Mario.

Carlo: Guendalina, adesso porta del caffe alla contessa.                                                            

Piero: Va bienos. Esce con un inchino.

                                                                                              SCENA  SESTA

Carlo: Come edì cuntèsa, póa nóter m'à fàcc la scelta de asumere ön'esrtacomunitaria bisugnùsa, grassie àla magnanimità dela me santa dòna.

I genitori: Santisima nèh?

Cont: Condoglianze per la sò sciura.

Carlo: No,no! La me moér l'è mia trapasada. L'è santa in tèra, e l'è sés mis che la manca de cà per la sò causa.

Cont: Al me scüse aocàt, ere capìt mal. Pöde saé in quale opera pia la esercita la sò moér?

Carlo: La me santa dòna la esercita per ól rifacimènt del....

Teresa: Del seno...

Carlo: Mamma per piasser...Alùra sere dré a di...per ól mantenimènt del....

Mario: Corpo...

Carlo: In seno al corpo....

Cont: De che corpo?

Teresa: Del sò de lé, mantenimènt del corpo, rifacimènt del seno....

Carlo interviene tempestivamente: Per ól rifacimènt del corpo delle....in seno a....dunque per fa....

Mario: Masàgi tailandés, per tirà sö i ciàpe.

Cont: Ciape?!?Seno, corpo, e adèss ciàpe, ma insomma!

Carlo finalmente illuminato dice: Chiapas, regione sud'orientale del Messico

Cont: Chiapas , Messico, ól corpo, ól seno?

Mario: All inclusive.

Carlo :Lur i vülia div del'impègn de la me moér per ól mantenimènt del corpo di sufragète in seno al Chiapas, in del Messico, per l'utenimènt del diritto al voto. Scüsì contèsa la poca padronànsa dell'italica lingua di me genitùr.

Cont: Italica lingua? Veramènt me parìa i parlèss bergamàsch, e se i ghe èntra  i massaggi tailandesi?

Carlo: Messaggi! Messaggi ai tailandesi perche  i se dèsde póa lur.

Cont: Ah, giüstissem. In chel paìs le gh'è la piaga dela prostitussiù, e l'è pié de turismo sessuale. L'è ura che i dòne i se dèsde póa nzó la. S'ere quase convinta che la sò dòna  la frequentèss..come s'pöl di?  Quelle lubriche beauty farm, dove vige lussuria e adulazione del corpo.

Carlo: Si dré a schersà cuntèsa? In stó mumènt la me santa dòna la sarà dré a südà e col fiatù per sostègn ól piss del  fardello...

Mario: Di ciàpas!

Carlo: Apùnto, di cheste póere dòne Messicane.

Cont: Quindi öna pia dòna la so moér. In caso cuntrare meterèss mai la me causa in di sò ma aucàt, n'di ma d'ön'òm che l'condivide la vita orgiastica e peccaminosa della propria moglie.

Carlo: Figüriss contessa , voi avete posto la vostra causa in sante mani.

Rientra Piero. con il vassoio del caffè e comincia a distribuire le tazzine.

                                                                                              SCENA  SETTIMA

 Cont: Quindi anche Guendalina s'è ritrovata in casa sua a causa del fardello fra le povere Chiapas.

Piero: Non tiengo fardello fra le ciàpas.

Mad: Ma contessa cosa la cünta sö pò?

Cont: Guendalina s'è ritrovata a servizio da voi grazie al fardello, ossia al peso delle responsabilità di vostra nuora per il corpo delle suffragette in Ciapas, Messico,nonostante sia brasiliana. Come mai?

Piero: Aeh, passavo di li e mi son ritrovata tra le povere ciàpas.

Carlo: E da lé la me santa dòna la fàcc sé che ecc. ecc. ecc. Ma adèss ve preghe cari genitori, e anche tu Guendalina di ritirarvi di la.

I genitori si alzano.

Cont: Complimèncc  per la òsta nuora.

Carlo: lassi sta i complimèncc per la me moér, d'altra parte, dove c'è un grande uomo ci sta dietro una grande donna.

Mario: Öna grand dòna col fardello tra le ciàpas! Grand'òm.  Escono verso gli alloggi.

                                                                              SCENA  OTTAVA

Carlo: Allora contessa , quaéla la causa che la v'à  fàcc ègn che?

Cont: Gh'è öna persuna che la gh'à de dàm ü miliù de euro, ma chesto che l'völ mia dàmei .

Carlo: E quindi ülì ól migliur aucàt söla piassa, l'aocàt di vìp, per rià a èga ól miliù de euro.

Cont: Esattamènt.

Carlo: Gh'è mia problemi. Chèsta persùna l'è zemò masacràda pulverizàda e anientàda per sèmper de mé, l'avvocato Carlo Delgelso. Gh'i de sèntess zemò i solcc in sacòcia . E chi l'sarèss chèsto meschino malandrino?

Cont: Mio marito, ól me òm.

Colpo di tosse d'imbarazzo dell'avvocato: Ól vòst òm? Ó sentìt bé?

Cont: L'a sentìt benissem. Ól me òm l'm'à tradida, lü l'diss de no, ma mé al só che l'è ira, e n'piö li spènd e li spànd solcc depertöt. L'è per chèsto che mé öle ól miliù de euro, come risarcimènt del dàn moràl che l'm'à facc in càmbe del me perdù. Chès-ce solcc naturalmènt i sarèss devoluti per la causa delle caste sorelle di Cuba . Ma lü l'völ mia dàmei. L'è per chèsto che me se rivolge a lü aocàt ,per utègnei. 

Carlo: Scüsìm contessa, ma gh'è öl i próe per dimostrà ól tradimènt.

Cont: I próe i gh'è, e i sussiste ndél fatto ghe ól me marito l'è un'òm del sud, e quindi l'è come spöl di...caldo.

Carlo: Ma sicuramente voi contessa mantenete fede ai doveri coniugali, e dunque.....

Cont: L'è chèsto ól punto. L'è de ün'àn che ó facc ól voto de castità per la causa delle caste sorelle di Cuba.

Carlo: Be, in chèsto caso ól vòst òm l'gh'à di attenuanti.

Cont: Quaéle?

Carlo: Lo spirito è forte, ma la carne.....

Cont: Alura póa lü aocàt l'è impuro se l' pensa  isse! E per de piö la sò moèr l'è sés mìs che la manca de cà.

Carlo: Al contràre contessa, al contràre.Mé só fedelissimo àla me Gisella .

Cont: Quindi immagine che póa la sò moér che l'è öna pia dòna. L'avrà facc ól voto de castità, per stà vià isse tànt a causa delle suffragette del Messico dela regiù del....

Carlo: Chiapas!

Cont: Quindi.....

Carlo: Castità fra le chiapas! Certamente contessa. Pero ède gnemò mia come poderèss ütàv, ól vòst òm l'è potènt e inatacàbel.

Cont : Lü aucàt l'è ól professionista di Vip, e la sò professionalità l'è leggendaria.Quindi l'pöl vèns.

Carlo: E già, la me grande professionalità.

Cont: E se n'vèns la causa, ól sò onorario l'sarà de centomela euro. Se me la pèrd...

Carlo: E già, se me la pèrd?

Cont: Se me la pèrd, faró in manéra che l'me papà senatùr al rüìne ól famoso avvocato Delgelso. E l'onorevole me marito denàcc al me pàder l'è nissü.

Carlo: Ah bene, me desmentegàe ól sò pàder, e allora con d'ü alleato compàgn del sò pàder, all'arrembaggio,rompiamo le reni all'onorevole.

Cont: Gh'ére mia di döbe che lü aocàt al m'avrèss ütàda in chèsta causa. E adèss dovrèss pròpe ndà.

Carlo: Permetìm contessa de acompagnàv ala òsta machina isse n'fenéss de parlà di dettagli. Chiama: Papà, mama, l'è ura de ndà.

 Rientrano dagli alloggi Carlo Teresa eP iero.

                                                                                              SCENA  NONA

Carlo: Sö che vé acumpàgne zó de bàss, insèma ala contessa.

Teresa: A che m'pöl ndà zó póa per nòst cönt.

Mario: Te sét stacc té a diga de ègn che, e l'minimo che te püdiet fa però, l'èra de ègn a töga e purtàga a cà.

Carlo: Sö, sö bruntulù, ah Guendalina... la casa è nelle tue mani. Escono dall'ingresso principale.

                                                                                              SCENA  DECIMA

Appena escono  Piero manifesta la sua contentezza tornando ad avere i modi di fare originali, da maschio.

Piero: Sichmela euro al mìs, piö vitto e alloggio. Canta il barbiere di Siviglia... O che bel vivere o che piacere per un barbiere di qualità..di qualita! E pensa che l'me òltem alogio l'è stacc ól carcere de via Gleno, adèss pöde ncumincià öna éta onesta. Va al telefono e compone un numero. Giuàn? Só mé.... alura negót, ülìe dit che ó truàt ü bel pòst de laurà.... del bù se, al servése del'aucàt Delgelso...l'è m'pó strambòt, però l'paga bé...gh'è apena stacc che la moér del'onorevole" la neve", L'onorevole Staiello, se ól tò principàl cliènt.... và be..... se gh'avrró bisògn te ciàme, ciao. Riattacca. Si sente bussare insistentemente alla porta, I. si agita ma poi si ricompone e va ad aprire, irrompe in casa l'onorevole, sprezzante e prepotente.

                                                                                              SCENA  UNDICESIMA

On: Dov'è mia moglie?

 Piero: E uscita con l'avvocato segnor.

On: Ah ,con quel buffone a qui ha affidato una causa persa. Intanto comincia a girare intorno a Piero, con aria di grande apprezzamento.

On: Ci siamo già visti mia cara?

Piero: Non me siembra. Intimidito.

On: Hai forse un fratello nel giro... diciamo un fratello che spesso soggiorna a San Vittore o in via Gleno?

Piero: Non tiengo ernani.-

On: Ah già, sei straniera, come potresti? E di dove?

Piero: Do Brasìu.

On: Uàu, una brasillera, mi fan bollire il sangue le brasiliane. Vieni qui mia bella carioca.

Piero: La prego segnor sono illibata

On: Mia bella carioca.

Piero: Se l'và nacc isse gh'e la fó ed mé la carioca.

On: Si parla la tua lusitana lingua. Cantami una canzone della tua terra.

Piero: Accenna a una canzone: Ahi che dolor...

On: Il dolore per la tua lontana terra, si! Intanto l'onorevole si fa sempre piu vicino a Piero Continua ti prego.

Piero: Ahi che dolor, tiengo una carioca a dodici color. E scappa sul retro inseguita dall'onorevole, Si sente il rumore di pugni e schiaffi.

 In questo momento rientra l'avvocato.

                                                                                              SCENA  DODICESIMA

Carlo: Demòne, se l'sücéd?

Rientra Piero tutto affannato e dice: C'è quì un segnor muio focoso che mi fa delle avances e nello slancio a sbattuto contro le mie mani.

Rientra l'onorevole dagli alloggi ammaccato con la camicia strappata e un occhio nero, i due si guardano e poi l'avvocato dice: Che sorpresa onorevole, l'è zemò a tòch prima de ncumincià? Se i à ciapàde sà dela me servitù, al se imàgine quando l'gh'avrà de ncuntràm mé. Si sfrega le mani. Chi bencomincia è già a meta dell'opera, le conviene già mollare il milione a sua moglie, non vede? E già alle corde. Ride sempre delle proprie battute.

On: Io la distruggerò!

Carlo: Ma va?!?

On: La dilanierò!

Carlo comincerà a prendere in giro l'onorevole facendo un balletto: La distruggerò, la dilanierò, ma chi si crede di essere diamine, lei e della peggior razza di buffoni che conosca, lo chieda a suo suocero.

L'onorevole livido in faccia esce tutto impettito, mentre l'avvocato comincia ad esaltarsi a fare le trombette verso l'onorevole uscente: Ghe la fó ed mé  a chel balù gunfiàt le, a se ghe la fó ed mé l'avvocato, ól principe del foro Carlo Delgelso. E adèss Battista, champagne!

                                                                                               Fine primo atto.

                                                                                              SECONDO ATTO

                                                                                              SCENA  PRIMA

Il secondo atto comincia una settimana dopo la fine del primo. L'avvocato sta simulando con Battista un interrogatorio al onorevole, Battista sta seduto alla scrivania simulando la parte dell'onorevole sotto accusa.

Carlo: E così onorevole, non vuole risarcire la contessa sua moglie dal tradimento, dall'adulterio da lei commesso?

Piero: Non se ne parla nemmeno!

Carlo spazientito: Battista, ün pó piö de mascolinità per piasser , e m'pó piö de catiéria.Te gh'ét de èss piö vero.N'gh'à  mia tat tép de pèrd. Ndomà gh'è l'incontro fra mé la contessa e l'sò òm.

Piero virilmente: Gnàa m'pó!

Carlo: Oh, isse l'và mei. Quindi lei non ammette le sue luride colpe, nonostante la contessa stia tenendo fede ormai da un anno al voto di castità per la causa delle caste sorelle di Cuba?

Piero ridendo, e sempre virilmente: La tègne pür ól voto de castità, che I rànge mé i caste sorelle di cuba, ah ah ah ah.

Carlo: Però Battista, te regórde che l'onorevole l'è del sud, al parla mia bergamàsch.

Piero: Ah va be. Ma che mme frega du voto di castità, e ad una ad una , patapam patapam, le sistemo io le caste sorelle di Cuba.

Carlo: Cosa mi tocca sentire, un'ammissione della sua colpevolezza. Dunque la giustizia seguirà il suo iter. Quindi lei è reo e pagherà il fio!

Piero: L'me scüse aocàt, ó perdìt i öltime dò parole, che mé só ól cusè?

Carlo: Reo, colpevole, e ól fio l'è in giurisprudenza ól prése de pagà. Già , me desmentegàe la tò gnorànsa. A n'séra restacc à?

Piero: Al motivo dela me gnorànsa.

Carlo: Dunque onorevole , neanche un po' di moralità le appartiene. Come se io me ne approfittassi del voto di castità della mia Gisella nel Chiapas.

Piero: Mo gli dò io la castità alla sua Gisella nel ciapas. Ridendo.

Carlo diventa serio e cambia atteggiamento, Piero è troppo preso dalla parte per accorgersene, avvocato si avvicina alla spada  la prende, e dice: Cos'ét dicc?!?

Piero: Che gli dò io la castità alla Gisella...Si trova la spada puntata al collo.

Piero torna ad essere femminile: Chèsto l'è fuori programma aucàt?

Carlo: Ól programma l'è finìt. Cosa farèsset ala me Gisella?!?

Piero impaurito: Mé pròpe negót, ma l'onorevole magàre....e pó me l'à dicc lü de èss piö cativ, insomma stavo facendo l'avvocato del diavolo.

In quel momento entra in casa Marina, la figlia di Carlo.

                                                                                              SCENA SECONDA

Marina: Che stai facendo papà?             

Carlo: Stavo recitando l'Orlando il furioso mia cara. A Piero: Vero?!?

Piero: Molto furioso.

Carlo depone la spada al muro e va ad abbracciare Marina: Come stai mia cara?

Marina: Bene papa, grazie, vedo che c'è un nuovo domestico. Va verso Piero e dice: Piacere, io sono Marina. Porge la mano.

Piero  meraviglia Marina con un elegante baciamano: Battista , per servirvi  Madamoiselle.

Marina: Uàho che gentil'uomo Battista.

Piero si dimentica della presenza di Carlo, affascinato da Marina cerca il flirt e dice: E come non potrei esserlo davanti ad una meraviglia della natura la quale voi rappresentate, un fiore splendente di rugiada baciato dai raggi del sole di un magico mattino di Maggio .

Marina: Che poeta.

Carlo prende la spada e dice minacciosamente: N'gh'à de fené la scena del'Orlando il furioso Battista?!?

Piero ravvedendosi dice: Diserèss pròpe de no aucàt. Per ncö m'à facc asé.

Carlo sempre minacciosamente: Bene, bene. Te convé turnà a èss ól fauno de sèmper.

Marina: Fauno?

Carlo: L'è lü che l'diss de èss ü fauno.

Marina:Il fauno è un antica divinità dei boschi, protettore delle greggi.

Carlo: Ü pastùr Marina?

Marina: In qualche modo si, il fauno è un'antica figura mitologica italica, immaginati un giovincello dalle sembianze femminee vestito solo di una corta tunica una corona di foglie in testa ed un piffero in mano.

Carlo: Compàgn del sommo poeta Dante, belissem. Alùra caro ól me fauno, va de là e estesset come l'à dicc la Marina. D'ora in avanti come domestico n'gh'avrà un fauno poeta. Adèss Battista lassega despernóter.

Piero: Certamènt, scüsìm. Fa un inchino ed esce verso gli alloggi camminando molto femminilmente.

                                                                                              SCENA TERZA

Marina: Hai assunto un poeta, chissà la mamma come sarà felice di sapere questo, non sei contento?

Carlo: Un sommo fauno poeta attore e póa ballerino.

Marina: Una delle tue abituali stranezze, non la finisci mai di giocare con le persone?

Carlo: Giocare? Diciamo che mi diletto costruendo artisti. E loro si dilettano della mia sapienza.

Marina: Beh ci sono abituata. Ma i nonni dove sono ancora? Va alla porta. Oh, finalmente siete arrivati.

 I genitori di Carlo entrano in casa affannati.

                                                                                              SCENA  QUARTA

Mario: Calma èh...

Teresa: Te Carlo, che manéra l'ascensör l'è fò servése?

Mario: Se, al gh'à la porta sigilàda col nàster del'ASL.

Carlo: L'òm dela me nöa cliente. Chèst'öltima la ghé sìrca ü risarcimènt tramite mé, lü per intimurém L'm'à mandàt che l'ente preposto e l'm'à sequestràt l'ascensör perche l'è mia in regola.

Mario: Con töte chèle scale lé de fà, prima o dopo me egnerà l'infàrt.

Teresa: Almeno dopo te ghe porterét a cà, l'è ól minimo che te pödet fà per nóter.

Carlo: Pöde mia. La stèsa persùna la m'à facc sequestrà la machina perchè l'ó lassada ü momènt in divieto de sosta.

Marina: C'è quella della mamma in garage.

Carlo: Pöde mia, perchè gh'ó piö gnàa la patente.

Mario: Che manéra demòne?

Carlo: La stèsa persùna, la gh'à dicc ai vigili de sequestràm la patente per accertamenti, fino a nuovo ordine. Ma ndomà gh'è l'incontro tra mé e lur dù, e alura töta sta farsa la feneserà. Ma per turnà a nóter, come l'i truàda la me Gisella?

Teresa: Come ölet che me l'abbie truàda? Töta bianca con sö dò fète de süchì söi öcc.

Mario: Chèsto ól prim dé. Ól dé dopo, töta nigra che la tegnìa öna laméra sota ól còl.

Marina: Ma nonni, si stava facendo una maschera di bellezza prima, e poi si abbronzava il viso.

Mario: Chèsto n'di pause fra ü masàgio del Valeriano che l'fa i masàgi rilasàncc, e...

Teresa: Che bèl  s-cèt ól Valeriano, simpàtech, do spàle isse.

Mario: E sere dré a di?Ah sé, fra ü masàgio e l'bagn cól turco.

Marina: Bagno turco nonno.

Mario: Mé l'só che quando la ndàa ndét , li ndàa ndét nsèma ü bestiù con dù barbìs isse.

Carlo: Ól feroce Saladino! A te papà, l'sarà stàcc l'asistènt.

Marina: Ma certo nonno, sai che mamma ha problemi di pressione , ha bisogno di essere assistita.

Carlo: Sigür , póera stèla.

Mario: Öh...che pressiù, ala sira l'era talmènt stràca, che la gh'a purtàt a balà.

Teresa: E lé la fàa la ragazza immagine. La balàa söi cubi.

Carlo: Sigür, m'pó de svago dopo giurnàde isse estenuanti, l'è piö che giöst.

Teresa: Comunque la stà benóne, la s-ciòpa de salute.

Carlo: Mama te m'et dervìt ól cör, mé stó bé quando la me Gisella la stà bé.

Mario: Ma per turnà a nóter Carlo....

Carlo: Se papà?

Mario: Chèl che l't'à fermàt ascensör ,patente e machina, chi l'sarèss?

Carlo: L'onorevole Staiello.

Mario: L'òm dela contessa tò cliente?

Carlo: Pròpe papà.

Marina: Scusate la contessa figlia del senatore?

Carlo: Pròpe lé. E grassie al senatore sò pader, l'è come se èss  zemò enzìt la causa. L'è compàgn se gh'èss zemò in sacòcia la parcella de centomela euro.  Ghé faró sbasà i àle al'onorevole balù gunfiàt.

Teresa: Centomela euro? Se l'à facc de mal ól'onorevole ala contessa?

Carlo: Segreto professionale mama.

Teresa: Se,se giöst,giöst.

Marina: Papa, non sai del senatore? Non li leggi i giornali?

Carlo: No. I giurnài l'è almeno séss de chi lèze mia, perchè de quando gh'ó piö machina e patente, só piö ndàcc fò de cà e ó püdìt gnàa ndà a truà la me Gisella. Töt chèsto grassie a chel delinguènt del'onorevole. Ma la vendetta è un piatto che si serve freddo, e ndumà al tire fò del frigo. Ma, se gh'è sücedìt al senatore?

Marina: Sembra sia partito per un viaggio improvviso, lasciando gli impegni politici.

Carlo: Ól senatùr al pöl ndà in séma al mùnd. Ma la sò influènsa politica la resta, perchè se l'födess mia isse mé ndumà sira me tóca ndà a mangià la minestra ala mensa di poerècc. E i giornai i ntitolerèss. "L'avvocato Delgelso rovinato dall'onorevole il genero del senatore". Invece cola protessiù del senatùr enzeró la causa contra l'onorevole. E isse pöderó restà ndèl mercàt del jet set, fra i vip fra i big.

Mario a Teresa: Al völ mèt zó ól mercàt di gesèt de scriv söla lavagna, e i vip e i big cos'éi?

Teresa: I sarà biro, pène de sciv. Al völerà dervé öna cartoleria.

Carlo: Si capìt cosè?

Mario: Gesècc, pène biro, bic ,vip.

Carlo: Jetset , il belmondo dei  vip,Very  important  person.

Marina: Adesso papa io dovrei andarmene, sono già in ritardo. Bacia il padre e dice ai nonni: Nonni, se volete vi accompagno a casa.

Teresa: Grassie Marina, n'vé ulentéra.

Mario: Ciao Carlo, alura nóter an'và.

Carlo: Arrivederci, cari genitori. Accompagnandoli alla porta.

                                                                                              SCENA QUINTA

Rientrando si trova davanti Piero vestito con una corta tunica ed una corona di foglie in testa.

Carlo meravigliato dice: Se magnific, beautifull, wanderfull.

Piero: Va be isse? Rènde l'idea del fauno aocàt?

Carlo: Sesesese, se! Isse te nobilitét amò de piö ól me animo poetico cola tò presènsa, la presènsa del sommo fauno poeta.

Piero: Ó truàt chi costöm che, de là in d'ü baül e me só permetìt de met sö chèi chi sumeàa de piö al fauno, perchè ghe n'è talmèncc tàce di cöstöm in che baül là.

Carlo: I è i costöm che n'dórva mé e la Gisella quando n'fà i feste in maschera.

Piero: A carneàl?

Carlo: L'è mia necesàre che l'sess carneàl. Per esèmpe, chèl le l'ó metìt sö per fa Marcantonio a öna festa baccanale, e la me Gisella la fàa Cleopatra.

Piero: Baccanale ? Che festa éla?

Carlo: L'è öna festa chi fàa i antichi romani in onore del dio Bacco ndóe i mangiàa i biìa e pó dopo ...nsomma..fra òmegn e dòne...

Piero: I fàa i orge. E lü e la sò sciura.....

Carlo: Solo evocazioni storiche. Serate culturali dove ci si scambiava poi fra tutti i partecipanti delle idee a proposito...

Piero: De cusè?

Carlo: Del tempo libero ndéla antica Roma. Ma adèss ciàpe la machina fotografica, perche öle immortalà l'immagine del sommo fauno poeta. Prende da qualche parte una macchina fotografica con cavalletto, si sistema e dice: Mètess in pusissiù.

Piero: Quaéla de pusissiù?

Carlo: Te fó èd mé.  Carlo va da Piero e comincia a muovergli le braccia il viso le gambe. In questo contesto appaiono alla porta d'entrata i suoi genitori seguiti da una signora dall'aria estremamente castigata. Sorprendendo Carlo e Piero in una posizione ambigua ed imbarazzante.

                                                                                               SCENA SESTA

Teresa: Ól fauno?!?

Tutti allibiti, Carlo si rende conto della situazione compromettente, tossicchia e tenta di uscire dalla situazione come da suo stile, intanto la sconosciuta è impalata a bocca aperta.

Carlo: Sìev mia ndacc a cà óter dù?

Mario: N'séra dré a ndà a cà , ma che de bass m'à ncuntràt chela sciura ché, e sicome la ülìa parlàt, me l'à acumpagnàda sö.

Carlo per rompere l'atmosfera: Volevate parlarmi signora? E di che? E poi ,chi siete?

Gertrude: Sono la signorina Gertrude. Domestica della contessa vostra cliente non che guida morale e psicologica della signora.

Carlo: Ma che piacere. Porge la mano, Gertrude non si scompone. Ma che sbadato sono, prego accomodatevi.

Tutti si siedono.

Carlo: Ma óter dù gh'ìev mia de nda a cà?

Teresa: Te ghe l'ét dicc té de accomodarvi.

Carlo: Accomodarvi ala signorina.

Gertrude: Lasciate che rimangano. I vostri genitori mi sembrano due persone genuine, al contrario vostro avvocato. Voi....voi... mi sorprendete negativamente.

Teresa: Sigür, fàss truà che cól fauno in chel stato lé, svergógnes!

Carlo ridendo: Cos'hai capito mamma?

Gertrude: Non capisco cosa ci sia da ridere. Voi avvocato avete tradito la fiducia della mia signora. Ed io sono responsabile dell'integrità morale delle persone che circondano la contessa. Ma voi stavate .......con quel....

Carlo: E un travestimento sinorina. Vero Battista?

Piero: Si sono travestito.

Gertrude: Lo vedo che è un....travestito. Ed io che sono venuta a nome della contessa per recapitarvi un messaggio, adesso mi sento costretta a comunicare alla mia signora la vostra ignobiltà.

Carlo: E tutto un equivoco  signora....

Gertrude: Signorina! Prego. Mi è stato detto che vostra moglie è paladina di purezza, che ha fatto un voto, e voi tradite così la castità della vostra consorte?!?

Mario: La tò moer l'à fàcc ü voto de cussè?!? Fàm mia grignà Carlo.

Carlo: Castità papa. Ed io signorina non tradirei mai il voto della mia santissima signora.

Gertrude: Non solo tradite, ma l'aggravante è che tradite con un uomo....con un....travestito.

Carlo: Ma e tutta una messa in scena, è una recita. Vero Battista?

Piero: Si, io sono un fauno libero dalle costrizioni del sesso convenzionale.

Gertrude: Lo vedo! Se almeno questo tradimento rientrasse nel....sesso convenzionale, potrebbe essere un'attenuante, ma così tradite vostra moglie contro ogni convenzione. E avete tradito anche la contessa che voleva affidarvi la causa.

Teresa: Mario, cosa l'à fàcc ól nòst s-cèt?

Mario: L'a tradìt la convenzione de Ginevra.

Teresa: Madona me l'à facia grossa.

Carlo: Madamoiselle, è tutto un qui pro quo, posso spiegare.

Gertrude: Va bene. Vediamo cos'ha da dire in sua difesa.

Carlo: Volevo fare qualche fotografia da mandare per natale alle suffragette del Ciapas, e allora quale figura meglio di Battista.

Gertrude: Battista? Il..... travestito si chiama Battista?

Carlo: Si , e il mio nuovo maggiordomo. Come già saprete, settimana scorsa c'era una ragazza al mio servizio, ma l'ho licenziata per assumere il fratello. Si, ho preferito il fratello.

Gertrude: Lo vedo! Per il....per il....sesso?

Carlo: No no. Per non essere indotto in tentazione da una giovane femmina per casa. Sapete, lo spirito è forte, ma la carne.....

Gertrude: La contessa mi riferì di questa ragazza brasiliana dal cognome lunghissimo, proveniente dalla missione di vostra moglie , e voi l'avete licenziata.

Carlo: Si, ma di comune accordo. Ho dato una generosa buona uscita alla ragazza, in cambio ho assunto il fratello che ho scoperto essere fauno poeta.

Gertrude: Fauno o Battista?

Carlo: Battista è il nome. Il cognome invece, Fauno Pereira do Pinto Tereira do Santos. Ma è proprio il nome fauno che ha ispirato la mia più profonda creatività artistica.

Gertrude ai genitori: Mi sta venendo il mal di testa, voi avete capito qualche cosa?

Mario: Che l'völ bat la convensiù de Ginevra cola nasiunàl del Brasile: Fauno Pereira do Pinto Tereira do Santos Pelè Riverino Juninio.....

Carlo: Non scherzare papà. Voglio semplicemente immortalare in fotogrammi il fauno, che è una divinità mitologica dei boschi protettore delle greggi. Non è vero Battista?

Piero: Si guardo le pecorelle che non si smarriscano.

Carlo: Queste fotografie sono un omaggio alla mia santissima moglie per far si che non perda neanche una pecorella della sua missione. Che le conti tutte e dorma sogni tranquilli.

Teresa: La gh'à mia mbisògn de cüntà i pecore per dörme la tò dòna. Perche ala sira l'è sèmper stràca.

Mario: Se, l'e sèmper in muimènt. La cumìncia ala matina prèst a saltà sö chel laùr la che l'gh'à fa tremà töte i ciàpe.....

Gertrude Cosa?!? Ciap....

Carlo: Ciàpas! Regione del Messico dove opera la mia consorte.

Gertrude: E chi trema?

Carlo: Le ciàpas. Queste povere suffragette messicane.

Gertrude Per i frequenti  terremoti immagino, oppure per questi uragani sub tropicali carichi di lampi e tuoni. Vero signor Mario?

Mario: Al só mia se l'trùna fra le ciàpas dela Gisella. La dovrèss domandàghel a lü che l'dörma nsèma.

Carlo: Scusate mio padre Gertrude. Voleva solo dire che Gisella mia moglie, inizia la sua giornata facendo un discorso infervorante a queste ragazze ciàpas, il quale fa tremare, o meglio le fa vibrare d'orgoglio.

Teresa: Se, pó dopo la fa i massaggi energici, la se spaciüga sö töta. Cioe la fa i fanghi. Pó töta bagnàda la fa la sauna.

Carlo: Giusto mamma, giusto. Infatti poi sbriga la posta, porta dei messaggi lei stessa ai villaggi limitrofi attraversando la giungla in mezzo al fango, e con un caldo che sembra di essere in una sauna.

Mario: E per fené àla sira la bàla söi cubi.

Gertrude: Balla sui cubi?!? In discoteca?

Carlo: Balla coi lupi! Il papa voleva dire Balla coi lupi.

Teresa: Del dé la tègn i pecorelle e àla sira la bàla coi lüf per tègnei bù sé de nò i ghe màia i pecorelle. le isse Mario?

Mario: Sicuramènt, sicuramènt. Per me comunque la bàla söi cubi.

Carlo: Balla coi lupi. Famoso film che mia moglie ama vedere per rilassarsi dopo un'estenuante giornata di lavoro.

Gertrude: Bel film. Quindi, dopo che la vostra coraggiosa signora ha contato fino all'ultima pecorella della sua missione, si concede un po' di sano svago, giustamente. Mi avete convinta avvocato. Le fotografie della figura mitologica del fauno protettore delle greggi sono proprio le immagini che più collimano con la missione di vostra moglie. Bravo avvocato. Poi guardando Piero dice: Ma che bel costume Battista,dove ve lo siete procurato?

Piero: In camera dell'avvocato signorina, è il costume che mette quando fa le......

Gertrude: Le cosa?!?

Carlo fa un colpo di tosse imbarazzato e dice: Per piacere Battista non scherzare. Non è il momento. Racconta la verità.

Piero: Me l'ha detto lei avvocato che con sua moglie vi travestite da Marcantonio e Cleopatra ed andate in certi locali dove vi scambiate le idee mangiate e bevete e poi fate.......

Gertrude: Oh mamma mia. Fa per svenire i genitori si alzano per portare aiuto a soggetto parole d'incoraggiamento, chi gli fa aria ecc, poi Gertrude riavendosi dice: Non credo alle mie orecchie, voi e vostra moglie frequentate locali per.....scambisti?

 Carlo: È una metafora Gertrude. Suvvia, è successo che in passato, io e la mia santissima moglie ci siamo immersi nel fango della lussuria e della perversione travestiti, ma in realtà missionari di castità e purezza per poter portare queste sporche pecorelle alla pulizia e alla redenzione.

Gertrude Vi siete immersi nel fango del peccato? In mezzo a dei corpi....nudi e avvinghiati.

Carlo: E già....immaginate signorina, immaginate.

Ger. visibilmente eccitata comincia a farsi aria con le mani: Che missione terribile.

Carlo: Terribile , si. È molto più difficile essere missionari nella propria società che fra le suffragette del Ciapas o fra le caste sorelle di Cuba.

Gertrude: Certamente, meno male , meno male. M'ero quasi convinta che voi e vostra moglie foste due pervertiti  lussuriosi.

Carlo: Non pensatelo nemmeno Gertrude.  Visibilmente sollevato come se avesse appena finito di correre una maratona.

Gertrude :Comunque il motivo della mia visita è un messaggio della contessa mia signora.

Carlo: Ditemi signorina, ditemi.

Gertrude: La contessa vi riferisce che non ci sarà domani al confronto col marito. Dovrete arrangiarvi per conto vostro avvocato. Adesso dovrei proprio andarmene. Rivolgendosi ai genitori: Se volete vi accompagno a casa, senza complimenti.

Teresa: Grassie signorina la ghe fà pròpe ü piasser.  N'cumincia a nda zó de bàs, che sènsa ascensör l'è lunga. Ciao Carlo. I genitori  escono dalla porta.

                                                                              SCENA  SETTIMA

Carlo: Signorina, riferite alla contessa che non c'è problema. L'ombra del senatore suo padre basterà ad annientare l'onorevole suo marito.

Gertrude: Il motivo dell'assenza della contessa è proprio la dipartita di suo padre. Sapete avvocato, il senatore ha avuto una profonda crisi mistica,ed ha lasciato tutto. Non vuol più sapere niente ed è andato in Tibet. La contessa lo sta cercando fra quelle impervie montagne.

Carlo: Allora l'ombra....l'influenza del senatore, non ci sono più?

Gertrude: Credo proprio di no.

Carlo: Ed io mi trovo da solo?

Gertrude: Cosi mi è stato detto di riferire.

Carlo: Signorina voglio confessarvi una cosa.

Gertrude: Prego.

Carlo: Io tutte le settimane vado ad Amsterdam, a Parigi, precisamente al Pigalle. Mia moglie vive in una beauty farm. Dulcis in fundi,  io sono innamorato di Battista.

Gertrude scoppia in una risata e dice: Piantatela di prendermi in giro avvocato. Dopo tutto quello che mi avete raccontato come potreste essere un pervertito. Cambia atteggiamento e dice: Piuttosto avvocato,io.... sarei interessata a portare il mio aiuto ai bisognosi, e vorrei proprio farlo....diciamo... nella nostra società, troppo facile andare altrove, proprio come avete fatto voi in passato immergendomi nel fango della.... lussuria per poter aiutare queste pecorelle perse nella perversione a tornare pulite, se voleste darmi qualche dritta...qualche indirizzo....

Carlo: Signorina i miei genitori vi stanno aspettando. Invitandola ad uscire dalla porta.

Gertrude uscendo quasi per scusarsi di essersi fatta sorprendere Dice: Ma solo per spirito di carità intendiamoci...Esce.

                                                                              SCENA OTTAVA

Rimane atterrito solo con Battista, si rivolge a quest'ultimo dicendo: Ndumà l'onorevole l'mé farà a tòch. Raccoglierai i miei resti Battista? E....la sarà bùna la minestra àla mensa di poerècc?

Piero: L'e mia màl. Ghe l'garantése.

Carlo sviene.

                                                                              FINE SECONDO ATTO

                                                                                              TERZO ATTO

                                                                                              SCENA PRIMA

E il giorno dopo la fine del secondo atto. Piero è al telefono.

Piero: Se Giuàn, só stöf. Ü dé Guendalina, ü dé Battista , ü dé Fauno, stamatìna l'è dientàt compàgn del malato immaginario, gh'ó üt nfina de ciamà ól dutùr.....pöde mia piantàl che söbet.....mia per lü, per i sò genitùr e la sò s-cèta che i è di brae persùne. Si sentono dei lamenti. Adèss gh'ó pròpe de stacà, te salüde....te riciàme mé. Posa la cornetta del telefono e torna a spolverare i mobili, intanto entra dagli alloggi Carlo, indossa un pigiama con sopra una giacca da notte, avrà una borsa del ghiaccio in mano e un termometro nell'altra.

Carlo: Et ciamàt ól dutùr Battista?

Piero: Se, e ó ciamàt póa i sò genitùr.

Proprio in questo momento entrano dall'esterno i genitori e la figlia.

                                                                                              SCENA SECONDA

Carlo: Se parla del diàol, e i spunta i córegn.

Teresa: L'è permèss?

Carlo: Permèss cusè? Tanto si zemò de dét.

Mario: Oéh! A che n'fà prèst póa a turnà a ca nòsta, te sét té che te ghe fàcc ciamà che.

Teresa: Sigür. E pó ,l'è mia ura de mètess a pòst? Te sét amò in pigiama.

Piero: Veramènt só mé che v'ó ciamàt, nsèma al dutùr.

Teresa: Dutùr?!? Che manéra?

Carlo: L'è per mé.

Tutti a soggetto: Cosa te capitàt? Stét mia bé? Etc etc etc.

Carlo piagnucolante: Se cari familiari. Crède de èga ü male incurabile.

In questo momento suona il campanello. Piero va al citofono.

Piero: Salga pure dottore.

Mario: L'é riàt ól dutùr. Sö Carlo adèss  càlmet.

Marina : Vedrai papa che non e niente.

Carlo: Fi prèst vóter, ma un fuoco arde dentro me.

Teresa: Ndóe Carlo? Fam mia stà mal ducà.

Carlo: Ndóe? Ndél me cör.

Teresa: Oh Signùr sant.

Carlo: Battista, a che ura l'è l'esecuzione?

Piero: De che ü pér de ure.

Mario: Esecuzione?

Piero: L'apuntamènt col onorevole, sciur Mario.

Mario: La malattia incurabile, un fuoco arde dentro me......

Ma in questo momento si sente: E permesso?

Piero: Prego dottore, accomodatevi.

Piero fa entrare il dottore,poi lui se ne andrà discretamente negli alloggi.

                                                                                              SCENA TERZA

Teresa: Al vègne nacc dutùr, al fàghe prèst, ól me s-cèt l'è.....

Dott: Cosa succede all'avvocato? Vediamo.

Il dottore comincia ad armeggiare coi suoi attrezzi, si avvicina a Carlo e con lo stetoscopio comincia ad auscultare, sente il polso fa delle cose di routin che fa un dottore con un paziente.

Carlo: Al fàghe a pià dutùr.

Dott: Ma cosa le fa male? Cosa sente?

Carlo: Sente ól cör che l'và a méla, al sente in gola.

Dott: Ha le pulsazioni regolari, pressione e cuore sono apposto avvocato.

Carlo: Delbù dutùr?

Dott: Davvero. Glielo assicuro.

Carlo: Alùra.... me sé sente ü föch che l' cumìncia del cör e l'va a fené nfìna ai pé.

Dott: Signor Mario e signora Teresa, da quando curo vostro figlio?

Teresa: De quando l'è nassit dutùr.

Dott: E dall'età scolastica puntualmente, quando l'avvocato deve affrontare un problema serio ha sempre questi sintomi. Fuoco nel cuore che si irraggia fino ai piedi.

Teresa: A l'è ira. Ma che culpa ghe n'à lü póera stèla.

Mario: Fenessela de fà la mamina ,e dèrva fò m'pó i öcc.

Dott: Lei avvocato è perfettamente sano. Veda di risolvere i suoi problemi in un'altro modo.

Carlo: Ma dutùr , la situassiu l'è pegiuràda.

Dott: Eh già . Con l'età aumentano anche i problemi. Senta avvocato, io non so quali siano i suoi. So solo che non sono fisici. I miei io li risolvo da solo. Adesso voglia scusarmi, ma ho altri pazienti d'andare a trovare, che hanno veramente bisogno di me.  Poi rivolgendosi agli altri dice:   Signori, vi auguro buona giornata.

Tutti salutano, a soggetto, grassie dutùr , l'ghe scüse. Etc, etc.

                                                                                              SCENA QUARTA

Carlo: Póa ól dutùr a l'me capéss mia.

Teresa: Sö dai, Carlo, ól dutùr l'à dicc che te gh'ét negót.

Carlo: Certo che ól dutùr  l'sà mia cosa spróa a èga de afruntà l'onorevole.

Mario: Alùra l'è per l'onorevole che te gh'ét la tremarèla. Ól föch in del cör al diss.

Carlo : Papà, mé sóön'òm ruinàt.

Teresa: Ma tanto gh'è ól senatùr, ól papà dela contessa che l'té da öna mà, no?

Carlo: A l'gh'è piö. L'è scapàt, e la sò s-cèta l'è ndàcia a circàl. Só depermé.

Marina: E allora? Sei un bravo avvocato. Anche se non vincessi questa causa, hai sempre un sacco di altri clienti.

Carlo: L'onorevole l'sé vendicherà, l'farà tabula rasa ntùren a mé.

Marina: Perche dovrebbe?

Carlo: Perche l'ó ufendìt. Sére talmènt convinto de èga l'apògio del senatùr, ól papà dela me cliènt, che l'ó nfìna umilàt. I óter me cliencc i è ligacc politicamét e econonicamét a l'onorevole, te l'sét , in chel mónd le öna ma làa l'ótra, té te fét ü piasser a mé, mé te n'fó ü a té. E issé i me abandunerà töcc.

Marina: Tu per primo ti aspettavi l'aiuto del senatore, e allora sei uguale a loro.

Carlo : Figlia, lasciami al mio dolore.

Marina: L'hai voluto tu. Ti sei ingarbugliato con tutti per arrivare nell'alta società, tralasciando un po' la tua famiglia. Col risultato che la mamma non si vede più, ed io se non venissi ogni tanto a farti visita, non vedrei più neanche te. Adesso sei al top della carriera, sei in cima, ma rischi di cadere e di farti male.

Teresa: La gh'à rezù la Marina.

Mario: Alùra come te dicc té iér, stasìra te ndét a mangià àla mensa di poerècc.

Carlo: Padre, tu uccidi un uomo morto.

Teresa: Sö dai Carlo, magàre la te piaserà la minestra àla mensa dela caritas.

Carlo: Madre, come disse Cavaradossi nella Tosca, io muoio disperato.

Mario: Sö, ndèm che n'và. Scüsega Carlo se n'rèsta mia che per assistere all'esecuzione, ma te l'sét, a só débol de stòmech.

Carlo: Padre, così giri il coltello nella piaga.

Teresa: Fenéssela de fà ól teàter ducà. Ėga la decènsa de cumpurtàss de òm.

Suona il telefono, rientra Piero il quale risponde.

                                                                                              SCENA QUINTA

Piero: Si signora..... ghe l'pàse söbet.... Só ól Battista..... se ghe l'pàse.

Carlo: Pronto cara.....comè , te me domàndet gnàa come stó, e te me domàndet chi l'è ól Battista.....stó mal, só dré a mör.....no l'è mia necesàre che te ègnet a cà.....circheró de resistere alura.....pòta se i è importàncc i massaggi.....a te pödet mia lasà le.... ma certo......a te finìt chi coi alghe del Mar Morto e te cuminciàt con chei a l'olio di tigre dela Siberia? Pòta alùra resisteró stoicamente nfìna al tò ritorno prima de mör.....amò ól Battista? L'è l'öltem di servidùr, ü servo dela gleba......Alùra resisteró. Ciao amore, bacibacibacibaci.

Piero: Signori scüsìm, ma adèss ölerèss esprimere la me upiniù.

Carlo: Ma che upiniù ölét èga té? Té, te gh'ét dóma de öbedé.

 Marina: Papà, pèr favore, lascia parlare Battista. Prego Battista, esprimiti pure.

 Piero: Grazie Marina, la me upiniù la riguarda giösto ól sò papà. Rivolgendosi a Carlo: Aocàt, mé saró l'öltém di servidùr, adiritüra ü  servo dela gleba, ma certo, cosa l'è la gleba? La gleba l'è la tèra, e l'è un'unùr èss ól sò servo. Perchè dela tèra i nàs i fröcc chi ghe dà de mangià.E dela tèra l'nàs töta la éta de stó mond.

Carlo: Turna ndi ranghi Battista! Turna a èss ól fauno de sèmper.

Piero: Prima ölerèss fené ól me discors. Sere dré a dì che in fì di cüncc l'è ól mestér de chi al laùra la tèra ól piö importànt de töcc, perchè sènsa i servi dela gleba, ó mei sènsa i cuntadì te mànget piö. E alura i servess piö aucàcc diretùr. Ma per turnà a nóter du , e fenése ól discórs, mé per guadagnàm la pagnòta gh'ó ùt de sbasàs a fà ól giupì per dò setimane, per fà contét öna persùna arogànte,vissiada e ignorànta.Öna persùna che la disprèsa la zét al di sóta dela sò scala sociàl, e la lèca zó chi al di sura dela sò pusissiù. E quando l'è in dificoltà al pèrd ogni dignità.

Carlo: Cosa me tóca sènt, la servitù si ribella. La servitù si vergogna di servire un luminare della giurisprudenza. Dunque l'è issé Battista?

Piero: Aocàt, mé ó mia stüdiàt. Però di olte pènse.

Carlo: Anche le classi sociali inferiori pensano? E sentèm, cosa pènset?

Piero: Pènse....se ndumà i dovréss fené töte i scorte de energia, de carburante....al pènse nsèma a mé aucàt....i se smórsa i centrali elettriche , n'rèsta töcc al fósch, i machine i va piö,i computer i va piö, l'va piö negót, dopo mpó i fenéss póa i scorte alimentari. A chel punto aucàcc, diretùr, politici, i ndarà töcc a circà de laurà per ü cuntadì, per pöde mangia. Al pènse aucàt... a laurà per ü servo dela gleba.

Silenzio, dopo un po'  Mario dice: Che legnàde che t'ét ciapàt sö, che lessiù de umiltà e filosofia che l't'à dàcc  ól "Servo della gleba"

Carlo: Gh'ó de amèt che dò setimane pasàde al me cospetto i a fàcc de Battista ü poeta ballerino e adèss póa ü filosofo e si nutàt anche ü mas-cc.

Mario rivolgendosi agli altri: Öna olta per ü, l'gh'à sèmper rezù lü.

Marina: Papa, non cambierai mai, ma io ti voglio bene lo stesso. Va a baciare Carlo.

Carlo: Ma adèss me ritìre. Battista, ciàmem quando l'ria l'onorevole, afrunteró ól patibolo a cràpa ólta.

Carlo esce verso gli alloggi.

                                                                                              SCENA SESTA

Piero: Scüsìm signori Delgelso, ma quando i ghé öl i ghé öl.

Mario: T'ét fàcc bé. Piötòst, spiéghem ü laùr.

Piero: Al me dìze.

Mario: Come mai sto cambiamènt? Öle di, de fauno a mas-cc.

Piero: Perchè la me vera natura l'è chèsta. Ma per èga ól pòst de laurà me tucàt fa finta de èss fauno e Guendalina. Per asecundà l'aucàt insoma.

Marina: E perche ai dovuto fare questa finzione?

Piero: Perchè l'aucàt li spetàa ü maggiordomo m'pó....insoma, che ghe piasìa mia i dòne. Sicome l'aucàt l'è gelùs dela sò moér.

Mario: A te Battista, te me pàret ü tàmbor. Che manéra alura la sò dòna la tègn mia a cà? Se l'föss delbù gelus?

Marina: La verità è che per mio padre la vita è tutto un gioco, e tu Battista sei stato il suo giocattolo. Ti ha ricattato per divertirsi.

Piero: Ah seee?!?

Mario: E già.

Piero: Ma adèss l'à finìt de diertéss. Al rìa l'onorevole. Sentì mé gh'ó de div ü laùr.

Mario: Sentèm.

Piero: Mé se ciàme Piero e mia Battista.

Teresa: Te se ciàmet Piero? Battista?

Piero: Só capitàt che per caso e ve dìze mia perchè. Ó ést che óter sì di bràe persùne e l'è doma per vóter che öterò  ól vòst  s-cèt  a vèns la causa col'onorevole.

Teresa: Nóter n'te ringràssia. Ma come pöderét  vèns co l'onorevole?

Piero: Perchè.....Segreto professionale. Ma intàt vé salüde, perchè mé dopo spareseró e me ederì piö. Però me porteró vià ól me onorario, dizèm....per diertém m'pó anche mé ai spale del vòst  s-cèt.

Mario: Alùra Piero, te àugure de diertét pròpe tànt. Adèss però noter a n'va a cà.

Marina: E stato un piacere conoscerti, e ti auguro buona fortuna.

Teresa: Poa mé Piero .

Piero: Ól piasér l'è stàcc töt me.

Escono tra i saluti e strette di mani.

                                                                                              SCENA SETTIMA

Piero: Ghe fó èd mé al luminare adèss, me egnìt pròpe öna idea geniàl. Va al telefono compone un numero. Pronto Giuàn....só ól Piero, sènt gh'ó bisògn de té..... n'gh'à de ütà l'aucàt a vèns la causa col'onorevole.....in che manéra te dizét? M'é egnìt ün'idea, ciàma póa la Lady Domina e l'Tullio.. cioè la Tullia, l'onorevole l'è ól vòst principàl cliènt no? E alùra spetì che de sóta ai giardinècc....tanto se gh'i de fa? Quando l'ria l'onorevole, dopo des menücc se presentì che póa óter.... des menücc perchè öle lasà bói m'pó l'aucàt.....pó dopo al'onorevole n'gh'à fa öna bela sorpresa,me  l'ricàta, me l'mèt in cundissiù de diga töt ai giurnài, però se al lassa vèns l'aucàt , n'turna töcc in de l'ombra...... Ah certo, ól compenso, gh'è mia problemi lassìm fa a mé.Capìt?

 Riattacca, si sfrega le mani soddisfatto ma in questo momento suona il campanello di casa, Piero va alla finestra a sbirciare .

Piero: L'è zemò che l'onorevole?!?

Va velocemente al telefono ricompone il numero, intanto il campanello di casa suona nuovamente.

Piero: Giuàn! Só amò mé .... egnì che al piö prèst... l'e zemò riàt.....l'onorevole Staiello.....fa bói l'aucàt? Se ma mia strabói.

Riattacca, va velocemente al citofono.

Piero: SI?......Salite pure onorevole. L'avvocato vi sta aspettando.

Piero va alla porta che da agli alloggi e dice: Aocàt, l'è riàt l'onorevole.

Carlo esce dagli alloggi ancora in pigiama e giacca da notte.

                                                                                              SCENA OTTAVA

Carlo: Chi gh'è riàt?

Piero: L'e amò in pigiama?

Carlo: Pensàe mia che l'rièss isse prèst.

In quel momento si apre la porta d'ingresso ed entra l'onorevole sprezzante, senza chiedere permesso.

                                                                                              SCENA NONA

On: Ma che sorpresa, un avvocato che accoglie il suo imputato in pigiama.

Piero: Con permesso. Se ne va negli alloggi.

                                                                                              SCENA DECIMA

Carlo: Posso spiegare onorevole.

On: E cosa c'e da spiegare? Io vedo soltanto un buffone che sta finendo la sua farsa col vestito più adatto.

Carlo: La verità è che....

On: La verità è che lei è un cialtrone senza dignità.

Carlo: Io le assicuro che....

On: Cosa mi assicura? Sentiamo, di cosa mi accusa? Cominci la sua arringa. Intanto l'onorevole gira intorno sprezzante a Carlo.

Carlo: Io, Carlo avvocato Delgelso, in qualità di tutore delle richieste della mia assistita contessa sua moglie...

On: Ma la smetta. Come si permette di fare il portavoce di mia moglie in quello stato. Si vergogni, lei è una persona ridicola. Un essere insignificante.

Carlo: Be, veramente sono stato scelto da sua moglie come legale e.....

On: E lei diventerà un ammonimento per chi si metterà contro di me, diventerà il mio capro espiatorio. Si! Io la sbudellerò sulla pietra sacrificale.

Carlo: Non c'e un altro modo per sacrificarmi? Sa io non sopporto il dolore.

In quel momento suona il campanello di casa, rientra Piero che va al citofono.

                                                                                              SCENA UNDICESIMA

Piero: Si? Un amico dell'onorevole Staiello? Onorevole c'e un vostro amico che chiede di salire, dice che è importante.

On: Non aspettavo nessuno. Ma fallo salire.

Piero: Prego salite pure. Torna negli alloggi.

                                                                                              SCENA DODICESIMA

Carlo: Onorevole , le ricordo che si trova in casa mia.....

On: E allora?!?

Carlo impaurito: Niente, niente, volevo dire che in casa mia può ricevere chi vuole.

On: Non ho bisogno del suo permesso. Perche fra poco questa casa diventerà mia. Si! La prenderò come risarcimento delle offese subite.

In questo momento si sente: E permesso?

On: Avanti.

                                                                                              SCENA TREDICESIMA

Entra in scena Giuàn, spacciatore di droga: Caro ól me onorevole.  Va per stringergli la mano, ma l'on. si ritrae.

On: Cosa vorresti da me? Chi ti ha chiamato?

Giuàn: Mé de lü öle negót, ma magare lü de mé l'gh'à bisògn de ergót.

On: Ti sembra il momento?

Giuàn: E perche no? Magàre l'pöderèss ufréga m'pó de polvere magica  póa al'aucàt, che l'me pàr zó.

Giuàn va verso Carlo, e con fare cospiratorio: M'pó de bianca neve aucàt?

Carlo: Droga?

Giuàn: Öh che parola gròssa, vero onorevole? L'sà aucàt, l'onorevole l'diènta màt per la me biancaneve, e per forsa, a l'è ól me principàl cliènt, e mé ai me clièncc ghe dó dóma roba de prima qualità.

Carlo comincia a vedere un'ancora di salvezza: Ah, è così onorevole?

On sprezzante: E se anche fosse? Cosa potrebbe fare lei? Non ha nessuna prova, a parte la parola di un spacciatore che vive coi miei soldi.

Giuàn: Spacciatore? Che bröt nòm, diciamo, procuratore di gioia, e perchè tacà béga adèss che l'cumìncia la festa. Sö aucàt, al dàghe öna bela snifàda póa lü.

Carlo: Festa? quaela de festa?

Giuàn: Cumè? Ghe l'à mia dicc l'onorevole che l'è egnìt che per fa ü di sò soliti party per festegià la òsta amicissia?

On: Ma quale amicizia? E poi, chi ha organizzato questa festa?

Giuàn: Lü onorevole. L'sé regórda piö? Ahiahiahi....forse l'è mei che li stàghe m'pó ndré con chela roba che, l'dìze contra ól me interèss, ma per la sò salute, questo e altro.

L'onorevole comincia a diventare un po' dubbioso, comincia a vacillare.

Carlo comincia ad alzare la testa: Vedo che la contessa ha tutte le ragioni per chiedere un risarcimento.

On: Lei taccia. Non  costruirà nessuna prova contro di me.

Giuàn: Sö , basta tacà béga adèss.

Si sente bussare alla porta.

Giuàn: A che i è riàcc póa i óter. Va alla porta  apre. Egnì nàcc. Si aprano le danze.

Entrano in scena Domina, avvenente donna,con tacchi alti , impermeabile allacciato e occhiali da sole. Tullia travestito lampante.

                                                                               SCENA QUATTORDICESIMA

Domina in quel momento lascia cadere l'impermeabile i sarà vestita da sadomaso, in qualche modo comparirà anche un frustino, Domina lo farà schioccare vicino al'onorevole.

Tullia andrà a baciare l'onorevole dicendo: Ciao caro.

On: Ma cosa fa? Ma per favore,queste cose a me non piacciono.

Tullia:Be, non posso baciarti appassionatamente davanti a persone che non conosco. Poi va verso Carlo, e si presenta.  Io mi chiamo Tullia. Amico amica e amante dell'onorevole.

Carlo: Oh, ma che sorpresa, il piacere è tutto mio. Io sono Carlo Avvocato Delgelso. Facendosi beffe dell'onorevole.

Tullia: Avvocato, le presento Lady Domina. Dominatrice e amante di Stay Biancaneve.

Domina va verso Carlo, ma invece di porgere la mano fa schioccare la frusta.

 Carlo si ritrae: Stay Biancaneve?

Tullia: E il nomignolo nell'intimità dell'onorevole Staiello.

Carlo: Manca doma i sette nani pó n'sè apòst. Vero onorevole Stay Biancaneve?

Tullia: Be, non esageriamo adesso,Stay a si gusti particolari, ma non i sette nani.

L'onorevole ormai è annichilito, Carlo accorgendosi di questo, si erge in cattedra.

Carlo: E quali sarebbero questi gusti particolari? Va verso l'onorevole che si è ormai seduto.

On: Non crederà a questi buffoni per caso?

Tullia: Buffoni?!? Questa è la riconoscenza per  quello che facciamo per te Stay? Per come io personalmente mi prendo cura di te dopo che Domina ti ha frustato e calpestato? Sei un cattivaccio.

Giuàn: E mé che ghe procüre sèmper roba de prima qualità, sarèss ü bufu? Ma é quase òia de diga töt ai giurnài....In questo momento entra Piero.

On: Ma cosa volete dire ai giornali? La parola di delinquenti contro la mia.

Piero: C'e anche la mia parola.

On: E tu servo cosa centri?

Piero gli va vicino ed intona la canzone "ahi che dolor Ahi che dolor"

On: Guendalina?!?

Piero: Si, l'onorevole ha tentato di sedurmi. Voleva che io facessi la cameriera, Guendalina appunto.

Giuàn: Póa ól maggiordomo?

On: Be, è stata una defaiance, io non immaginavo che Guendalina fosse un maggiordomo, pensavo fosse una cameriera eh....

Carlo:  Non si arrampichi sui vetri adesso.Dunque lei ammette che almeno in un caso ha tentato di tradire sua moglie.

On: Caro avvocato, potremmo metterci d'accordo....

Carlo: Nient'affatto. Lei è un traditore, un adultero pervertito. L'accordo e solo l'esborso di un milione di euro per il risarcimento del danno morale apportato dalla sua lussuriosa persona ai danni della propria moglie.

On: Senz'altro avvocato.....

Carlo: Inoltre, duecentomila euro alla mia persona per i danni morali arrecatimi dalla sua sete di sangue.

On: Quale sete di sangue?

Carlo: Io avvocato Carlo Delgelso agnello sacrificale. Anzi, peggio ancora, capro espiatorio. Lei in pratica mi ha definito un caprone. Per di più, sventrato, sbudellato sulla pietra sacrificale per essere da monito a chi lede al suo potere.

On: Ma caro avvocato, sono metafore......

Carlo gli si para vicino e minacciosamente dice: Anche loro sono metafore? Indicando il gruppetto.

On: Loro sono solo cose per me. Cose per divertirmi. Caro avvocato, loro fanno parte della feccia della società, non sono come noi. In modo complice.

Carlo allargando le braccia dice al gruppo: Sentito miei cari? Questa è l'ammissione totale della colpevolezza di questo individuo.

Il gruppo si fa incontro all'onorevole in modo minaccioso, Giuàn e Tullia si tirano su le maniche, domina fa schioccare la frusta.

Carlo bloccandoli con un cenno plateale della mano dice: E allora miei cari, chiediamo ulteriore risarcimento alle offese arrecatovi da quest'arrogante individuo. In qualità di vostro tutore legale il risarcimento alle offese quantificato in modo arbitrario dalla mia onorevole persona in euro centomila cadauno. Cosi è stato detto, cosi sia scritto.

On: Ma cosi avvocato mi dissangua.

Carlo: La sto solo sventrando sull'ara sacrificale. Ma è una metafora onorevole.

On: Va bene, va bene.   Comincia a staccare gli assegni.

Intanto l'avvocato scrive su di un foglio e poi dice: Inoltre!

On: Che c'e ancora?

Carlo: In qualità di arbitro e giudice supremo ed unico, io Carlo avvocato Delgelso, condanno l'onorevole Staiello a firmare questo foglio, in cui l'onorevole si impegna ad andare in Tibet alla ricerca del suocero senatore.

On: Ma io odio il freddo.

Carlo: Zitto! In modo che possa permettere alla contessa sua moglie di tornare per poter saldare il mio onorario. Cosi e stato detto cosi sia scritto. L'udienza e terminata.

Scrosciano gli applausi del gruppetto.

L'onorevole va a stringere la mano  a Carlo e dice: E quando potrò tornare?

Carlo: Quando avrà trovato il senatore suo suocero e lo avrà convinto a tornare con lei.

On: Com'è magnanimo lei avvocato. Grazie, grazie mille. Ossequiosamente eseguirà degli inchini a tutti ed uscirà.

                                                                                              SCENA QUINDICESIMA

Carlo,guardando la platea dirà: La Gisella, gh'ó de dìghel söbet àla me Gisy. Prende il telefonino oppure un cordless, compone il numero e dirà: Pronto? Istituto di cura e di bellezza? Sono l'avvocato Delgelso.... vorrei conferire con la mia signora.

Nel frattempo alle spalle di Carlo, Piero con la complicità degli altri porterà via le cose preziose, la spada i quadri, i vasi cinesi, e mentre Carlo telefona vuoteranno il salotto, Piero farà capire al pubblico che quella è la sua vendetta personale. La commedia si risolve con Carlo al telefono in scena da solo.

                                                                                              SCENA SEDICESIMA

Carlo: Gisella, ciao, come vai i massagi col'öle de tigre dela Siberia? O póera stèla , te tucàt riprènd con chèi ai alghe del Mar Morto, chèle alméno i te fa bé. Scóltem mé adèss. Se regórdet la causa dela contessa contra ól sò òm?.... Se pròpe, ól'onorevole, l'ó pulverizàt. L'ó mandàt in esilio in Tibet....Se ól tò òm, pròpe, il principe del foro Carlo avvocato Delgelso ha sacrificato l'onorevole Staiello . L'ha sventrato... comè che schéfe? L'è öna metafora. Sbudellato sulla pietra sacrificale della giurisprudenza da sua altezza  il principe del foro Carlo Delgelso....

Sul discorso si chiude il sipario.

                                                                                              FINE DELLA COMMEDIA

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 3 volte nell' arco di un'anno