L’omicidiu de Ria Du Buxe

Stampa questo copione

L’OMICIDIO de RIA DU BUXE

                        L’OMICIDIU de RIA DU BUXE

Autore: Giovanni De Moliner.

Genere: Brillante – Dialettale genovese

Atti: 3

Durata: 1h e 40’ (Compresi 2 intervalli di 10’ fra 1° e 2° atto e fra 2° e 3°atto)

Attori:  4 Maschi e 4 Femmine

                                    TRAMA

  Brutta estate per il commissario Giorgio Scarsi, mandato alla viglia di ferragosto ad indagare su un presunto caso di omicidio in un posto sperduto sulle alture genovesi, dove esiste un’unica pensione gestita da una oste impicciona coadiuvata da un assistente invadente e dove si aggirano personaggi quanto meno inquietanti.

  Ma, alla fine, anche grazie all’aiuto del locale brigadiere dei Carabinieri, il commissario Scarsi riuscira’ nonostante tutto a chiarire le cose, scoprendo nel frattempo un bel po’ di altarini, e a partire finalmente per le agognate ferie !!!

info 349.5254263 - bandadeimisci@libero.it


                                 L’OMICIDIU de RIA DU BUXE

                                   (Commedia brillante in tre’ di Giovanni DE MOLINER)

Il Commissario Giorgio SCARSI, incaricato delle indagini;

VENANSIU, portiere della pensione con ambizioni di investigatore;

Antonino COLLAFAVA, Appuntato dei carabinieri;

La Baronessa Ute VON MANNENGHE, moglie della vittima;

IRENE, segretaria “particolare” del defunto barone;

Il notaio SPECULA, notabile e gia’ sindaco del Paese;

A scia BICE, padrona della pensione;

La bella LOLA, avvenente “coinquilina” del defunto Barone;

                                               “LA SCENA”

La sala soggiorno della pensione “Da-a Matta”, nel Comune di Quarcosa, profondo entroterra di Genova: ci sono tre’ accessi, uno a destra, che porta all’ingresso esterno della pensione, uno a sini-

stra, che porta alle camere degli ospiti, e uno sul fondo che porta alle cucine ed ai magazzini della pensione.

Quasi a centro scena, spostata verso sinistra, c’e’ una scrivania con tre’ sedie ed un telefono, fogli di carta e alcuni libri.

Nell’angolo di destra, un divano e/o diverse sedie.

E’ il pomeriggio di Ferragosto di un anno vicino a noi: fa’ un caldo terribile.

La scena si apre vuota, con l’ingresso un attimo dopo de A scia Bice che precede il Commissario Scarsi e, piu’ defilato, il buon Venansiu.

1 – BICE – (Entra in scena da destra, precedendo il Commissario Scarsi: e’ una donna energica, di mezza eta’, vestita alla buona. Volgendosi all’indietro e spostandosi per lasciare il passo dopo aver fatto qualche passo verso il centro scena) “Scia vegne, sciu Questu, scia s’acomude……”

2 – IL COMMISSARIO SCARSI – (Entra subito dietro di lei: e’ vestito i giacca e cravatta, nono-

stante la temperatura sia piuttosto elevata e sbuffa pesantemente per il caldo) “Grasie, scia Bice, grasie…..” (Si avvicina al tavolo e vi sbatte sopra la borsa che ha in mano, poi, aperta la borsa e dopo aver cominciato a togliere dall’interno le cose che pensa gli possano servire e a poggiarle a loro volta sul tavolo… ) “Scia Bice…..” (Le fa’ cenno con la mano di avvicinarsi, seguito dallo sgu

ardo incuriosito di Venansiu che e’ entrato a sua volta da destra, subito dietro di lui, e si e’ fermato pochi passi oltre l’ingresso)

3 – BICE – (Si illumina, avanzando di gran carriera verso di lui) “Sci, sciu Prefettu, scia digghe….

4 – SCARSI – (Con indifferenza, continuando a rovistare nella sua borsa) “Cumisaiu, scia Bice…..

sun Cumisaiu, eh….: Commissario Giorgio Scarsi, da squadra mobile da Questua”

5 – BICE – (Stupita) “Uuuuuhhhh….cumme Maigret….!!!”

6 – VENANSIU – (Si e’ fermato in piedi subito dopo l’ingresso, mani dietro la schiena: ascolta in-

teressato, poi, lapidario, commenta ad alta voce) “Cumme quellu du can….pe televixiun….u cumi-

saiu Res…..”

7 – SCARSI – (Lo guarda malissimo: si toglie la giacca) “O beh…..” (Si slaccia la cravatta) “……

propriu cumme u can….sperieiva de nu, eh….!!!!”

8 – BICE – (Interviene premurosa) “Sciu ispetu-u…..ma se fa’ pe di eh……!!” (Puntualizza)

9 – SCARSI – (Seccatissimo, cominciaa disporre sul tavolo l’agenda e il blocco degli appunti) “Za, se fa’ pe di-i…..” (Estrae dalla borsa un voluminoso fascicolo) “Ma de otte….” (Fa’ una piccola pausa, richiudendo la borsa e posandola per terra) “….pe dii de belinate, tantu meggiu sta sitti…!!

10 – BICE – (Tossicchia leggermente imbarazzata, guardando male Venansiu: poi…) “Amiragliu, scia credde de fermase tantu chi da niatri….??”

11 – SCARSI – (Sobbalza) “Speru propriu de nu….!!!” (Spara seccatissimo: poi si corregge) “Scia sa’….” (Molto piu’ docilmente, cerca di rimediare alla gaffe) “….nu vorieiva da troppu disturbu…”

12 – BICE – (Ossequiosa) “Ma nu, ma nuuu….scia se figure…!! Quest’annu, tantu, pou feragustu...

oltre che u poviu Barun, seu mugee a barunessa e a Secretaia, gh’e’ sulu na scignurin-a cumme ospi

te…..”

13 – SCARSI – (Ha finito di sistemare la scrivania, ha aperto il fascicolo e ha cominciato a guarda

re con attenzione i vari documenti: con noncuranza, tanto per dire qualcosa) “I anni pase-e, invece, gh’ea ciu’ gente….??”

14 – BICE – (In imbarazzo) “Beh….eccu….viamente….”

15 – VENANSIU – (Con ovvieta’) “Viamenti i anni pase-e cun u Barun e a seu scorta nu gh’ea mancu a scignurin-a….!”

16 – SCARSI – (Trattiene a stento una risata: poi, sarcastico) “In postu quetu pe ‘n davei, alua…!”   

17 – BICE – (Glissa) “E sci, e sci….pe quellu nu se puemmu propriu lamenta….” (Riprende corag-

gio) “D’orestu, l’albergu “Da-a Matta” u l’e’ sempre stetu rinomou pe a seu tranquilitee….u postu i

deale pe pasaghe e ferie….!!” (Incrocia lo sguardo carico d’odio di Scarsi, si interrompe e si affret-

ta a cambiare argomento) “Cumunque….scia cunta de cuminsale subetu e seu indagini….??”

18 – SCARSI – (Distoglie lo sguardo dagli incartamenti) “E beh, pe forsa…..sedunca, cose saieiva vegua a faa in te stu…..” (Fa’ una pausa, mordendosi la lingua) “….bellu paisettu….” (Riprende di

grignando i denti) “…..cusci’ tranquillu….??”

19 – BICE – (Lo asseconda prontamente) “Sci, sci…l’e’ vea, l’e’ vea….!!” (Fa’ una breve pausa, guardandolo sorniona) “Alantun….scia l’incuminsa subitu a interuga i testimoni….!?!?”

20 – SCARSI – (Sbuffa seccato) “Ma via, scia Bice…..nu semmu miga au cine, eh….!!” (Fa’ una pausa, allentandosi ulteriormente la cravatta) “Primma de cuminsa-a a vedde gente, ghe n’e’ pecu-

sci’ du lou da fa-a….!!” (Si accascia esausto sulla sedia, pensando al da farsi e ripetendo ad alta voce) “Bezeugna piggia attu da vicenda, mia-a i verbali, lezze i atti…..”

21 – VENANSIU – (Sempre in disparte, non ci sta’ capendo niente: trafelato) “Rezze i gatti….!?!?

Ma….scia l’amie che chi i gatti stan in pe-e da suli, eh…!! L’e’ in site-e che deruen perche’ nisciun ghe da’ da mangia-a….!!!”

22 – SCARSI – (Strabuzza gli occhi) “I gatti…..!?!? Ma cose gh’intra i gatti…..!?!?”

23 – BICE – (A Venansiu, rincara la dose) “L’e’ quellu che diggu anche mi…..va ben che in te ‘sti caxi s’e’ tutti suspete-e, ma cu segge stetu in gattu a me pa in poo grossa….!!”

24 – VENANSIU – (Non capisce, si giustifica) “Ma mi…l’ei ditu vui’ che duvei rezze i gatti….!!”

25 – SCARSI – (Stizzito) “Lezze i atti: mia-a i papee, i documenti…..!!!” (Sbuffa pesantemente, al-

lungandosi nuovamente sulla sedia, sopraffatto dal caldo) “Mue ca-a, che cadu che gh’e’ chi dentru

…..!!” (Rivolto a Bice) “Nu ghe l’ei in ventilatu da faa in poo d’aia…..??”

26 – VENANSIU – (Anticipa Bice che sta’ per rispondere) “E nu….quellu che gh’ea u s’e’ ruttu e nu l’eemu ciu’ agiustou….” (Si illumina: indica l’uscita di destra) “Da quarche parte devu aveighe ancun a bandeta de mee lalla Netta….se vuei, ve prestu quella….!!”

27 – SCARSI – (Fa’ ampi cenni di diniego) “Nu, nu….lascemmu perde, va….che l’e’ meggiu…!!!”

28 – BICE – (Interviene a mettere fine alla discussione) “Ben, oua foscia l’e’ meggiu che ve lascem

mu loua, eh….!!” (Rivolta a Scarsi) “Se ve fa’ piaxei quarcosa da beive…..che so…..”

29 – VENANSIU – (L’interrompe) “In poo d’egua fresca….de vivagna….”

30 – BICE – (Lo guarda interdetta) “Mah……!?!?”

31 – VENANSIU – (Allarga le braccia) “Nu gh’emmu atru….!! L’egua de vesci’ a fassu ciu’ tardi: cun stu cadu, in tu frigu a nu g’arezze….!!”

32 – SCARSI – (Alza le braccia, quasi a chiedere pieta’) “Nu…nu…nu…grasie: nu ocure ninte, eh

…..nu ocure ninte…..!!!!”

33 – BICE – (Sempre ossequiosa, in leggero imbarazzo) “Bene….bene…Alantun….niatri anemmu, eh….!!!” (Indica l’uscita a Venansiu che allarga le braccia e la precede verso l’uscita di destra) “Arivederci, sciu culunellu…..arivederci, eh……!!!” (Fa’ per uscire preceduta da Venansiu: si blocca, torna indietro da qualche passo seguita da Venansiu che, gia’ uscito, fa’ ritorno in scena fermandosi nuovamente subito dopo l’ingresso) “Cumunque segge…..se scia l’ha bezeugnu de quar

cosa, scia ciamme, eh….!!!” (Si avvicina ancora di qualche passo) “Se nu ghe sun mi….” (Indica Vemansiu) “….gh’e’ sempre u Venansiu cu l’e’ a dispusisiun….!!”

34 – VENANSIU – (Fa’ ampi gesti affermativi, confermando) “E sci, e….mi ghe sun sempre…!!”

35 – SCARSI – (S’e’ rituffato negli incartamenti) “Sci, sci grasie…..prufitio sens’atru….”

36 – BICE – (Si rimette in marcia per uscire da destra, mentre Venansiu volta i tacchi e fa’ per u-

scire) “Pe qualunque cosa….m’aracumandu…..!!” (Esita un istante, poi si riavvicina alla scrivania provocando un chiaro anche se misurato gesto di disperazione in Scarsi) “Anche pe quante riguar-

da e indagini, eh….!!” (Si avvicina ancora allungandosi verso di lui) “Descursci, nutisie….quarsia-

si cosa….!!”

37 – SCARSI – (La guarda sconsolato, abbozza un timido sorriso senza rispondere) “Uhuhu….!!!”

38 – BICE – (Riparte per uscire da destra e Venansiu riparte a sua volta precedendola: si riferma sull’uscita) “Anche pe quellu….” (Indica a destra da dove Venansiu e’ appena uscito) “….u Venan

siu u l’e’ na canuna…..in poo pulisiottu, serti viaggi, u-u l’e’ anche lee….!!!”

39 – SCARSI – (Al limite della desolazione, non riesce a trattenersi: sbotta) “E alantun semmu a postu….!!”

40 – VENANSIU – (Si sente sminuito: ripiomba in scena da destra) “Ou nu, ou nuu….da zuenu, l’ho fetta mi asci’ a dumanda in puliscia…..!!!”

41 – SCARSI – (Acido) “Nu me meravigliu che nu v’agge pigiou….”

42 – VENANSIU – (Piccato) “Ousci-i che ghe sun stetu, invece….!!”

43 – SCARSI – (Stupito) “A-a sci….!?!? E duv’ei….??”

44 – VENANSIU – (Con ovvia naturalezza) “A lava-a i veddri da Permolio…!!” (Poi, con malcela-

to orgoglio) “Ghe sun stetu vint’anni, fin che nu an serou…..!!”

45 – SCARSI – (Al culmine della desolazione, si passa una mano sulla fronte sudata) “A me paiva strana….!!!” (Geme quasi: poi, con noncuranza) “Ben, ben…me fa’ piaxei….!!” (Poi, facendo ad entrambi un vago gesto verso l’uscita di destra) “Maaa….oua g’aviei da faa, eh…!! Nu veuggu disturbave oltre….” (Rimarca leggermente il tono della voce) “Anei, pure, grasie….!! Mi, intantu, cuminsu a lezze i att….” (Si blocca correggendosi prontamente) “….a mia-a i documenti: se gh’e’ bezeugnu, me permetio de ciamave, eh….!!”

46 – BICE – (Avviandosi finalmente all’uscita di destra) “Sci, sci….scia fasse comudu, sciu tenente

scia fasse comudu…..” (Spinge letteralmente fuori da destra Venansiu che e’ rimasto impalato a fis

sare Scarsi che li accomiata con un vago sorriso) “Niatri dui….” (Indica entrambi) “….semmu de la’….!!!!”

47 – VENANSIU – (Letteralmente scaraventato fuori da Bice, si volta verso scarsi) “Semmu de la’

…sci’, semmu de la’……!!”

48 – SCARSI – (Li guarda uscire con un sorriso ebete sulle labbra che si spegne non appena i due sono fuori scena, dopo di che’ chiude pesantemente il fascicolo che ha di fronte, si prende la faccia fra le mani e geme pesantemente) “O mue caa…o mue caaaa…..!!!!” (Sbuffa nuovamente, poggian-

do i gomiti sulla scrivania ed il volto al palmo delle mani) “Bellu Segnu-u cusci’ cau, dunde sun finiu a sbatte ‘st’otta…..!!” (Cerca di ricomporsi, sospira pesantemente, riapre il fascicolo) “Dun-

que….vedemmu in poo…..A vitima: Rudolf Von Mannenghe, facoltoso industriale Austriaco….di Innsbruck…..sposato….due volte….divorziato….” (Trasalisce) “Tree otte…..!?!?!?” (Sfoglia velo-

cemente le carte all’indietro) “Esposito….te l’ho ditu tante otte de nu beive primma de pigia servi-

siu….!!!” (Sacramenta fra se’: poi scopre l’arcano) “Ah, eccu: a mexima donna u l’ha spusaa due otte….e a l’e’ finia due otte in tanti porchi rusci….!!!” (Commenta fra se’ ad alta voce, alzando lo sguardo e rivolgendolo alla platea) “L’attuale compagna e’ la nobildonna Prussiana Ute Von Man-

nenghe nata Strunz…..” (Ridacchia fra se’, poi commenta) “Se cumme ti te ciammi de numme u l’ha za’ in significatu cumme dixen…..me sa’ che st’otta u l’ha treua pezzu che le….” (Si ferma un attimo, va’ a ritroso….) “Cumunque segge, u s’e’ spuzou TREE OTTE…..” (Sottolinea le parole)

“…..nu due….” (Si ferma, pensa un attimo, poi sentenzia) “Devu dilu au Questu-u: d’oua in avanti,

anche in mensa, sulu egua minerale….!!!!” (Riprende la lettura) “…..con la quale si sono sposati a Las Vegas…..” (Fa’ una smorfia di meraviglia) “Baccere…..!!!” (Poi continua) “Ha ceduto la con-

duzione delle sue aziende circa sei anni fa’…..riservandosi una partecipazione ….che gli rende circa

……” (Strabuzza gli occhi) “…..CINQUANTA MILIONI AL MESE……!?!?!?” (Deglutisce pesan

temente) “Seisentu miliuni l’annu…..u l’ea riccu da faa anguscia….!!!!” (Riprende la lettura: si fer-

ma di nuovo, allibito) “Si presume viva di rendita……!?!?!?” (Batte pesantemente una mano sulla scrivania) “Nu, nu….u va a dumandaa l’elemoxina sutta au punte Munumentale……: Esposito….”

(Sentenzia) “….chi u vin u nu gh’intra: tie scemmu de teu….!!!” (Continua a scartabellare) “Situa-

zione patrimoniale…..possiede ampie proprieta’ immobiliari….Milano….Roma….Venezia…..Vien

na…..Innsbruck….Messico….Brasile…..Montecarlo…..” (Man mano che gira i fogli il suo sguar-

do diventa sempre piu’ incredulo) “Costa Azzurra….Costa Smeralda…..” (Allontana nervosamente i fogli con una smorfia di disgusto) “A l’e’ roba da nu credde…..” (Sbotta) “…da NU CREDDE….!

!!” (Sottolinea alzando il tono della voce) “Cun tutti i beuggi….” (Si blocca: sottolinea) “E CHE BEUGGI…..cu l’aiva in giu, propriu in te stu beuggiu chi….” (Allarga le braccia indicando l’am-

biente che lo circonda) “……u duveiva vegni a Feragustu pe tia-a e stringhe….!!!!” (Poi, trafelato, rivolto alla platea, quasi sillabando le parole e con voce sostenuta) “Mi…..” (Si indica) “….duman

…..” (Agitando le mani con rabbia) “……devu ana-a in ferie…..!!!!” (Sacramenta ancora in silen-

zio per qualche attimo, poi si fa’ coraggio e riapre il fascicolo) “Alantun….verbale di rinvenimento di salma gia’ cadavere……Oggi, tredici agosto…..” (Si ferma: torna indietro nella lettura) “Di sal-

ma gia’ cadavere….!?!?!?” (Strabuzza gli occhi) “Ma chi l’ha scritu questu…..???” (Si chiede stupi-

to: poi, come folgorato) “G’an mandou Esposito….!!!!” (Ricontrolla i documenti) “A nu…u l’e’ di carbine-e: beh, me cunsolu…..” (Riprende la lettura) “In Comune di Quarcosa….nella localita’ no-

minata…..” (Si ferma un attimo) “Denominata….” (Sorride con un gesto di ovvieta’. Poi commenta

“Avei a che faa cun Esposito, ogni tantu serve…..!!” (Riprende nuovamente a leggere) “….nomina-

ta Ria du Buxe, su segnalazione di persona ignorata…..ignota….” (Corregge in automatico) “….si ritrovava recandosi sul posto cadavere di persona uomo di eta’ indefinibile….” (Corregge nuova-

mente) “…..indefinita alla vista. Constatavasi che al ritrovamento il cadavere della persona era or-

mai diventato salma…..” (Si ferma nuovamente. Commenta acido) “L’e’ cumme dii: il cavallo bian-

co di Garibaldi non era di colore nero…..!” (Riprende a leggere) “Il cadavere non presentava segni di violenza, non aveva seco soldi o documenti e solo da successive indagini veniva identificato come appartenente a sedicente Rudolf Von Manninghe, facoltativo….” (Corregge rassegnato) “….facoltoso possidente tedesco di nazionalita’ austriaca ivi presente in ferie e non piu’ rinvenuto in albergo dalla sedicente moglie Ute Von Manninghe….” (Si ferma: commenta ad alta voce) “In te stu caxu, sedicente u vegne anche ben….” (Ultima la lettura) “….la quale moglie, nel vederlo lo riconosceva. Non presentava ferite, ma……non vi erano segni di caduta…..forse infarto o comunque cause naturali…..” (Si ferma, alza lo sguardo, poi, meravigliato) “Alantun….mi, cose me g’an mandou a faa...….!?!?” (Continua la lettura) “Ah, eccu….” (S’illumina) “….oua capisciu: nonostante non vi siano segni esterni non si esclude morte violenta o non naturale…..: brau merlu…., TI, ti te n’ee lavou e man, e mi…..” (Sospira desolato) “….adiu ferie….!!!” (Gira il foglio del verbale) “In poo a vei chi u l’e’ stu anghesu…..Appuntato Antonino Collafava: ostia….!!!” (Richiude il fascicolo) “Va ben…..” (Sbuffa ancora pesantemente, facendosi aria con alcune delle carte che sono sulla scrivania) “Saia cumme faa in beuggiu in te l’egua, ma za che sem

mu in ballu, vedemmu de bala-a…..” (Si alza, facendo leva sui palmi delle mani poggiati sulla scri-

vania) “Sun pruntu a scumette che i rizultati de l’autopsia cunfermen cu l’e’ mortu de infartu, ma in

tantu anemmu a da-a n’euggia au postu duve l’an atreuou…..” (Raccoglie tutte le carte e le depone insieme col fascicolo dentro alla cartella, chiudendola e rimettendola sotto il tavolo) “Localita’ Ria du Buxe….” (Pensa ad alta voce, mentre si rimette la giacca, si toglie la cravatta e la mette nella ta

sca della stessa) “….chissa’ undu l’e’ ‘stu postu….!!” (Prende l’agendina e il taccuino per gli ap-

punti e li sistema nell’altra tasca della giacca) “Bezeuria che me ghe fasse acumpagnaa…..” (Si fer

ma perplesso) “Ma da chi….!?!?” (Si chiede sconsolato: fa’ per muovere verso l’uscita di destra, si ferma nuovamente, rimane incerto per alcuni istanti, poi, allargando le braccia e alzando gli occhi

al cielo mentre muove uscendo a destra, chiama a gran voce) “Venansiu….!!!”

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da sinistra, fa’ il suo ingresso in scena la bella Lola.

49 – LOLA – (Irrompe letteralmente in scena da sinistra: e’ decisamente seccata) “E’ roba da matti

….” (Sacramenta fra se’ ad alta voce passeggiando nervosamente a centro scena) “A l’e’ roba da matti……!!!!” (Si ferma, alza le mani al cielo, poi, desolata) “E mi, stupida, che ho acetou l’invitu de quel’ anghesu de Rudy…..cun tutte e che’ cu l’aiva in giu….” (Allarga ancora le braccia) “……

propriu in te ‘stu beuggiu de postu u duviva invitame a passaa Feragustu…..!!!” (Passeggia ancora nervosamente per qualche istante, poi, ancora a centro scena, si blocca, allarga le braccia trafela-

ta e, rivolta alla platea) “Pe crepaghe, poi, a Feragustu….!!!!” (Ricomincia a passeggiare sempre piu’ nervosa. Si ferma) “E quella specie de Carbinee cu vegne a dime si tenga a disposizione…”

(Sbotta) “E pe quante, fin-a ae calende greche…..!?!?!?” (Riprende a passeggiare, si ferma nuova-

mente) “Fino al termine delle indagini…..figuremuse, cun quellu che duen de solitu e indagini !!”

(Inviperita) “Mi EUGGIU ANAMENE DE CHI……!!!!” (Spara a tutta voce: poi, piu’ calma) “Chissa’, se quell’aucca da padrun-a a l’ha ciu’ saciu ninte…..” (Parte verso l’uscita di destra uscendo a gran carriera e chiamando a tutta voce) “Scia Biceeee…..!!!!!”

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra, fa’ capolino una figura femminile: si nota che e’ donna dal suo abbigliamento (gonna sotto il ginocchio) ma ha il viso coperto da uno scialle nero apparentemente molto pesante: e’ Irene, Segretaria Particolare del defunto Barone Von Man-

nenghe che viaggia in incognito.  

50 – IRENE – (Entra in scena avvolta nello scialle, con assoluta circospezione: si ferma guardinga a centro scena, si guarda in giro, poi, fra se’) “Non c’e’ nessuno: bene…!!” (Si avvia verso l’uscita di sinistra, fermandosi ancora un attimo, prima di uscire, a scrutare oltre la stessa commentando fra se’) “Accidenti, che colpo….!!! Altro che Segretaria Particolare: con quelle pergamene, sono a posto per tutta la vita….” (Esce da sinistra commentando fra se’) “Stipendio e buonuscita: grazie, si

gnor Barone….!!!!”

C’e’ un altro attimo di vuoto, poi, da destra, si sentono le voci di Scarsi e di Venansiu che discuto-

no animatamente)

51 – SCARSI – (Da fuori, a sinistra) “Ma puei capi’: sun nasciu in sce in briccu, miga in via Vinti..

…!!!”

52 – VENANSIU – (Pervicace) “Ou nuu, ou nuu….vou diggu mi che gh’euen….!!!”

53 – SCARSI – (Rientra in scena da destra, dirigendosi verso la scrivania) “I sciantilin de ‘sta sta-

giun, pe ana-a in t’en ria duve ghe saia in diu d’egua d’invernu….!!”

54 – VENANSIU – (Rientra dietro di lui: si ferma a centro scena. Poi, mentre Scarsi prende la bor

sa, cerca qualcosa, ne cava un foglio e se lo mette in tasca riponendola APERTA sotto la scrivania)

“Ma Cumisaiu….de otte… a nu l’e’ sulu l’egua a daa fastidiu….!!”

55 – SCARSI – (Scuote la testa, si avvia uscendo a destra) “Lascemmu perde, sciu….anemmu…!!”

56 – VENANSIU – (Lo lascia uscire seguendolo con lo sguardo, poi, allargando leggermente le braccia e avviandosi subito dopo dietro di lui) “Se u dii vui’…!!!”

Passa ancora un attimo e, da sinistra, irrompe in scena, trafelata, Irene.

57 – IRENE – (Entra in scena a passo spedito: ora lo scialle non le copre piu’ il viso ma scende lungo il capo. Agitatissima) “Non ci sono piu’….!!!! Le pergamene….sono sparite….!!!!!” (Rimane qualche istante immobile a centro scena, poi si illumina) “A meno che….” (Si dirige verso la scriva

nia) “Il poliziotto che e’ arrivato…..” (Ci gira intorno agitata) “Dove ha messo la sua roba….!?!?”

(Nota la borsa) “Ah, ecco….!!!” (La prende, la posa sul tavolo) “Vediamo se a volte…..” (Comin-

cia a rovistarci dentro) “Macche’…..!!!” (Sbotta alla fine, stizzita) “Ma porca miseria….ma dove le avra’ messe…..!!!!”

Da fuori a destra, si sentono le voci di Bice e di Lola che stanno rientrando in scena.

58 – BICE – (Da fuori a destra, saccente) “Ma….scignurin-a…..se tratta de n’indagine de puliscia !

59 – LOLA – (Da fuori a destra, sempre piu’ seccata) “Nu me ne frega ninte…se entru na setimana nu rientru a Zena, va a finii che puliscen mi…..ansi, u mee purtafeugiu…..!!”

60 – IRENE – (Trasalisce) “Oh, oh….seccatori in arrivo….!!!” (Richiude la borsa, la posa sotto il tavolo, si guarda un attimo intorno, poi, prima di uscire velocemente da sinistra) “In camera….di corsa….!!!”

(Dopo un attimo, da destra, entra in scena a Scia Bice, seguita da Lola)

61 – BICE – (Cattedrattica, rivolgendosi a Lola che la segue) “Nu pensu che se staia-a tantu a screuvii u culpevule: u generale da puliscia che l’ha mandou a Questua u s’e’ za fetu acumpagnaa da Venansiu a vedde u leugu du delittu…..”

62 – LOLA – (Entra subito dietro di lei, la sorpassa, si ferma a centro scena e voltandosi verso Bice che si e’ fermata poco piu’ indietro, con somma stizza) “E a faghe cose, a tia-a a caden-a…!?!?

(Sbuffa pesantemente, poi, avvicinandosi a Bice, a muso duro) “Ma poi, scia scuse, chi l’ha ditu cu dev’esse pe forsa in delittu….!?!? U l’aiva sciusciant’anni, magari quarche prublema de salute, na muge-e ca l’e’ tuttu in prugramma, u l’e’ sciortiu pe ana-a a paseggiu in te l’ua ciu’ cada da giurnaa, CHI….” (Rafforza la parola alzando il tono della voce e indicando il pavimento con un dito) “……

gh’e’ inn cadu che se sua sulu che a respiaa…..peu esse normale che ghe segge vegniu in curpu, nu.

….!?!?”

63 – BICE – (Con l’aria di chi sta’ per esprimere un dogma inconfutabile) “Eeeehh….scignurin-a...

….in te ‘ste cose, l’e’ propriu quande a sulusiun a paa semplice che invece se scunde u delittu….!!”

64 – LOLA – (Trasalisce) “Eeehhh….e chi l’ha ditu…..!?!?”

65 – BICE – (Cattedrattica) “U tenente Culumbu, pe televixiun….!!!”

66 – LOLA -  (Sconsolata) “O Madonna caa…..anemmu ben…!!!” (Passeggia rassegnata per la scena alcuni istanti, sotto lo sguardo indagatore di Bice che la guarda compiacendosi della sua competenza in materia, poi allarga leggermente le braccia) “E va ben….” (Prende una sedia e la porta nei pressi della scrivania) “Spetiemu….!!” (Si siede rassegnata, spalle alla scrivania) “Ciuto

stu……ghe saieiva miga quarcosa da beive, pe piaxei….?? Cun ‘stu cadu….me vegnu-u na see…!!

67 – BICE – (Premurosa) “Ou sci…..perbaccu…..!!!” (Si volta per uscire da destra) “Miu subetu se Venansiu, primma d’anaa cun u Questuu u l’avesse fetu l’egua de vesci….!!!”

68 – LOLA – (Scatta in piedi, bloccandola tendendo un braccio verso di lei) “Nu, nu….nu l’e’ pro-

priu u caxiu….!!!” (Bice si volta verso di lei, guardandola interdetta e interrogativa: cerca una scu

sa) “E nu perche’….” (Non sa’ cosa inventare: si illumina) “U frizzu….u me da’ in poo fastidiu au steummegu…..”

69 – BICE – (Si illumina come chi ha capito tutto) “Aaaahh….scia l’e’ in poo delicaa….!!”

70 – LOLA – (Acconsente poco convinta) “E sci….e sci….” (Poi, perentoria) “In poo d’egua de vi-

vagna a va beniscimu….!!!”

71 – BICE – (Uscendo da destra) “Ben…ben…gaa portu subetu….!!!”

72 – LOLA – (Dopo che Bice e’ uscita, con un’espressione di sommo disgusto) “L’egua de vescii…

a l’e’ amaa cumme u teuscegu….!!! Me sa che pe fala, invece che l’egua da vivagna u deuvia a pule

grin-a ……!!!” (Passeggia ancora qualche attimo per la scena sbuffando nervosamente) “Mue caa, che cadu…..!!!” (Torna a sedersi: tenta disperatamente di farsi aria con una mano) “Poo de bellu postu pe pasaghe u tempu….!! U primmu barlumme de civiltee u l’e’ a mez’ua de straa…… a pee, perche’ nu gh’e’ mancu de curiere…..!!” (Si agita nervosamente sulla sedia) “In cadu da scieupaa che se nu ti tegni tuttu avertu nu ti dormi ne giurnu ne neutte…..e se ti lasci i barcuin averti….de neutte…..sinsae che pae elicotteri…..!!!!” (Scatta stizzita) “Ma dunde a l’e’ aneta a pigia-a l’egua, in sciu munte giancu……!?!?”

In quel momento, da sinistra, riappare in scena Irene

73 – IRENE – (Riappare da sinistra, vede Lola, si blocca: alza gli occhi al cielo sbuffando, poi al-

larga le braccia con rassegnazione ed entra. A Lola…..) “Oh, buongiorno Lola….!!” (Lola rispon-

de con un grugnito, lei la apostrofa con finta meraviglia) “Uh, che umore pessimo….devo dedurre che non e’ una bella giornata…..”

74 – LOLA – (Con una smorfia di disgusto fatta di sottecchio e strascicando le parole con espres-

sione marcatamente scocciata) “Perche’, per lei lo e’…..!?!?”

75 – IRENE – (Fa’ spallucce) “Oh, beh…..direi che da queste parti….una giornata vale l’altra…!!”

76 – LOLA – (Velenosa) “Gia’…..c’e’ poco da scegliere…..” (Poi, sinceramente incuriosita) “Ma...

mi dica un po’…..come poteva sopportare di passarsi ferragosto in un buco come questo…?? E’ una noia mortale….!!!!”

77 – IRENE – (Prende una sedia, si avvicina a Lola e si siede vicino a lei) “Sa, Lola, essere la Se-

gretaria Particolare del barone era un lavoro speciale….con Rudy….non ci si annoiava mai, nean-

che nel deserto….!!”

78 – LOLA – (Corrucciata) “Rudy…..!?!?”

79 – IRENE – (Si allarga in un sorriso) “Si, il barone….sa’, dopo tanti anni al suo servizio, ormai mi considerava un po’….un po’….” (Con l’aria di chi cerca la definizione giusta) “…..come sua ni

pote, ecco….!”

80 – LOLA – (Abbozza) “Uhm, dopo tanti anni puo’ essere normale, si…..”

81 – IRENE – (Butta li’ con noncuranza) “Maa….lei non era mai stata da queste parti, prima….??”

82 – LOLA – (A muso duro) “No…!!! E’ la prima volta che veggo si tanta meraviglia….!!” (Fa’ gi-

rare le braccia intorno a se’. Poi, quasi fra se’) “E anche l’ultima, purtroppo….!!!”

83 – IRENE – (Prende la palla al balzo per girare il discorso dove vuole lei) “Oh, si…si….ha ragio

ne….proprio una brutta disgrazia, povero barone…” (Fa’ una pausa studiata, scuotendo la testa e abbassando lievemente il capo, poi……) “D’altronde, anche per lei, dev’essere stato un brutto colpo perdere cosi’ all’improvviso un amico…..” (S’interrompe: con l’aria di chi teme di aver fatto una gaffe) “Eravate amici, vero….!?!?”

84 – LOLA – (Con marcata indifferenza) “Piu’ o meno…..I nostri piu’ che altro erano rapporti di la

voro….”

85 – IRENE – (Interessata) “Ah, si….!?!? Eeee….di che cosa si occupa lei….??”

86 – LOLA – (Si mantiene sul vago) “Un po’ di tutto….dipende…: brookeraggio, intermediazione di affari……”

87 – IRENE – (Cerca di saperne di piu’: con fare civettuolo) “Bello…!!! Ma….mi perdoni la curio-

sita’…..che genere di affari….??” (Poi, rimarcando il suo disinteresse) “Scusi se mi permetto, ma il suo e’ un tipo di lavoro che mi ha sempre affascinato….”

88 – LOLA – (Mostra disponibilita’) “Per carita’, si figuri…!!!” (Poi, con indifferenza) “Affari di ogni genere, senza particolari preferenze: intermediazione di immobili, di automobili, di titoli azio-

nari, valuta estera, metalli preziosi…..” (Fa’ una breve pausa, poi attacca decisa) “Si figuri che Ru-

d….” (Si corregge al volo) “….il Barone, mi aveva invitata qui a passare Ferragosto proprio per mo

strarmi alcune pergamene antiche che intendeva vendere….”

89 – IRENE – (Trasalisce) “Aah…!!! Eeee….davvero…??”

90 – LOLA – (Con naturalezza) “Si, certo…A proposito, lei che era la sua Segretaria Particolare, non e’ che sa’ qualcosa in merito….??” (Fa’ una breve pausa, poi, di getto) “Perche’ sa’, avrei gia’ trovato un paio di possibili acquirenti….”

91 – IRENE – (In imbarazzo) “Cosi’….cosi’ di fretta….!?!?”

92 – LOLA – (Si stupisce) “Perche’, le sembra strano ??”

93 – IRENE – (Sempre piu’ in ambasce, non sa’ cosa rispondere) “No, no…e’ che…..”

In quel momento, a toglierla d’imbarazzo, fa’ il suo ingresso in scena da destra Bice con un bicchie

re in mano.

94 – BICE – (Entra in scena da destra con l’acqua: rivolta a Lola) “Eccu chi, scignurin-a, cumma l’aiva dumandou….” (Rivolta a Irene) “Bungiurnu, scignurin-a Irene, a gh’e’ anche lee…!?!?”

95 – IRENE – (Acidissima, non la sopporta) “Perche’, disturbo…??”

96 – BICE – (Con un sorriso solare) “Ou nuu, ou nuu……ca stagghe tranquilla: i clienti nu distur-

ben mai…!!” (Passa il bicchiere a Lola) “Bella fresca, pruveniente direttamente da……”

97 – LOLA – (Altrettanto acida) “E falde du Kilimangiaro….!!” (Beve un sorso, poi a Bice, che la guarda senza capire) “Pe u tempu ca g’ha missu minimu a l’e’ aneta a pigiala in Africa e vistu che lazu’ ne gia pochetta….”

98 – BICE – (Sobbalza lievemente) “Ah…!!” (Tenta di giustificarsi) “E beh, scia sa’, a pigiala dau funtanin g’e’ in poo de trafegu…”

99 – LOLA – (Ha svuotato avidamente tutto il bicchiere) “Eeeuuhh…!!!” (Agita una mano a rimar-

care le parole) “Cun tutta a gente che gh’e’ chi in giu….chissa’ che cua….!!!”

100 – IRENE – (Vorrebbe approfittarne per dileguarsi: si alza in piedi) “Scusate, signore, ma ades-

so io dovrei….”

101 – LOLA – (La ferma) “Ca scuse, Irene….parlamu de pergamene…!!”

102 – IRENE – (Si blocca: sempre piu’ in imbarazzo) “Ah, si….le…le pergamene, gia’…”

103 – BICE – (Curiosissima) “Pergamene….!?!? E cose sun ….!?!?”

104 – LOLA – (Di rimando) “Papee….” (Poi, con l’aria di chi puntualizza) “Da scrive, eh…: nu da fasciaghe e euve….!!!”

105 – BICE – (Punta sul vivo, s’irrigidisce) “Ah…!!” (Poi, quasi fra se’, ad alta voce) “Ta vitta, nu se finisce mai de imparaa….”

106 – LOLA – (La guarda male, poi fa’ per rivolgersi ad Irene: si accorge che Bice non ha nessu-

na voglia di andarsene ma, anzi, si e’ fermata alle sue spalle con le orecchie ben spalancate: si vol-

ta, la squadra ingrugnita. Indicando l’uscita di destra) “Scia Bice….a nu ha propriu ninte da faa de

la’…!?!?”

107 – BICE – (Colta in castagna, tossicchia leggermente cercando una scusa) “Viamente….” (Indi

ca il bicchiere in mano a Lola) “Aspetavu u gottu…!!”

108 – LOLA – (Di rimando, acidissima) “Perche’, in ta cuxin-a de ‘sta reggia ghe nei un sulu…??”

109 – BICE – (Piccata, gira sui tacchi avviandosi a destra) “Eh….u l’e’ u ciu’ bellu….” (Commen-

ta fra se’ ad alta voce) “….pe i clienti buin bezeugna avei in poo de riguardu….!!”

110 – LOLA – (La ferma sull’uscita) “Scia Bice….!!” (Lei si blocca, si gira, la guarda incuriosita: Lola gli porge il bicchiere) “U gottu….!!” (Bice torna indietro: mentre sta’ riprendendo il bicchie-

re, prima di cederglielo) “Nu se sa mai……duvesse arivaa quarche auturitee ve tucca vegni de sa’ a pigialu de cursa….!!”

Bice afferra il bicchiere con un moto di stizza ed esce offesissima da destra.

111 – LOLA – (Aspetta che Bice sia uscita poi riferma Irene che cercava nuovamente di guadagna-

re alla chetichella l’uscita di sinistra) “Alua, signorina Irene….cosa mi dice a proposito di queste benedette pergamene….!?!?”

112 – IRENE – (Alza gli occhi al cielo smoccolando in silenzio, poi si volta verso la sua interlocu-

trice cercando disperatamente di pesare le parole) “Beh….siii….cioe’ nooo…..”

113 – LOLA – (Feroce, la incalza) “Mi faccia capire: si o no….!?!?!”

114 – IRENE – (Tossicchia leggermente, si rida’ un contegno) “Si, certo….ne ho sentito parlare…”

(Si avvicina alla sua interlocutrice) “…..Rudy lo faceva spesso….un po’ con tutti. Ma a dirle il vero

…..io, non le ho mai viste….!!”

115 – LOLA – (Fa’ spallucce) “Peccato….” (Si alza) “Se erano veramente come diceva, ci si pote-

va fare dei bei soldi….”

116 – IRENE – (Finge stupore) “Davvero…..!?!?!?”

117 – LOLA – (Si alza) “Si…!!” (Si dirige verso l’uscita di destra: volgendosi indietro) “Tre – quat

trocento milioni….” (Riprende verso l’uscita, poi si ferma ancora un attimo proprio sulla stessa) “Non male direi…..vero…??”

118 – IRENE – (Aspetta che sia uscita: poi, ad alta voce) “Cavoli, altroche’….!!” (Resta un attimo immobile a pensare, poi……) “Hai capito, il vigliacco…..!!” (Fra se’. Si rivolge alla platea) “Altro che regalarle al museo delle Arti….se le voleva vendere…..!!” (Muove lentamente verso destra: pri

ma di uscire, rivolta alla platea) “E mica per poco, accidenti….!!”

La scena rimane vuota per alcuni attimi, poi, da destra, si odono le voci di Venansiu e del Commis-

sario Scarsi che fanno il loro rientro in scena.

119 – SCARSI – (Da fuori a destra) “Ma nu se peu miga loua,  cusci’….!!!”

120 – VENANSIU – (Ossequioso, cerca di scusarsi) “Ma mi….ghe l’eiva ditu de mettise i scianti-

lin…..!!!”

121 – SCARSI – (Entra in scena da destra, piuttosto seccato: si volta) “Venansiu, fei u piaxei, eh..!

122 – VENANSIU – (Lo segue a  pochi passi) “Ma se ve meteivi i sciantilin….”

123 – SCARSI – (E’ quasi alla scrivania, si ferma e si volta nuovamente) “E pueivi dilu cieu….” (S

indica le scarpe tutte inzaccherate, inviperito) “Che in te ‘stu musca de Ria du Buxe ghe scarega e fogne de tutto u paize….!!!”

124 – VENANSIU – (Si ferma a centro scena: allarga le braccia, sconsolato) “Ma mi….u l’e’ ste-

tu u Notaiu Specula cu ghe l’ha permissu….!!!”

125 – SCARSI – (Si siede alla scrivania) “Chiiii….!?!?” (Chiede interdetto: prende la borsa, fa’ per cercare qualcosa dentro, si stupisce di trovarla chiusa) “Epure….me paiva d’aveila lascia seraa

…..boh….!!”

126 – VENANSIU – (Gli spiega) “U notaiu Specula, u vegiu scindicu….”

127 – SCARSI – (Ha trovato quello che cercava: lo posa sulla scrivania, CHIUDE la borsa, la ri-

posa per terra) “Notaiu Specula….” (Fa’ una smorfia dubitativa) “E oua u nu l’e’ ciu’ scindicu…!”

128 – VENANSIU – (Si avvicina alla scrivania: servizievole) “E nu….oua, gh’an missu n’atru….”

129 – SCARSI – (Acido) “Cun u numme cu se ritreua, nu me meravigliu….!!”

130 – VENANSIU – (Completa compito la sua spiegazione) “Au seu postu, oua, gh’e’ l’avucatu Trufetti….!!”

131 – SCARSI – (Sobbalza) “O porca….” (Poi, a Venansiu) “Ma dunde anei a pigia i nummi pe faa e liste eletorali, in sciu codice penale…..!?!?”

132 – VENANSIU – (Quasi a scusarli) “Ma….sciu Cumisaiu, se se ciammen cusci’ a nu l’e’ miga curpa seu….!!!”

133 – SCARSI – (Si accorge di aver esagerato: si rida’ un contegno) “Beh, Venansiu, nu ei tutti i

torti…..dopututtu a nu l’e’ mancu curpa seu: u cugnumme se l’an atreou…!” (Apre il fasciolo che ha preso dalla borsa e comincia a far scorrere i documenti) “Cumunque….” (Alza lo sguardo ver-

so Venansiu) “Mi sun cunvintu che u cugnumme u mette za’ subetu in risaltu a qualitee de na per-

sun-a….” (Si rimette a leggere: si accorge che Venansiu e’ rimasto fisso in piedi davanti a lui e lo sta’ guardando perplesso) “Eben….!?!? Nu ei ninte da faa…???”

134 – VENANSIU – (Allunga le braccia verso di lui, scusandosi) “Sciu Cumisaiu, se disturbu…me ne vaggu subetu, eh….!!!”

135 – SCARSI – (Allunga a sua volta le braccia verso di lui) “Ma nuu…ma figuremuse….!! Ma al-

menu seteive….!!!” (Sbotta: poi, di sottecchio, verso la platea) “Mi ‘stu chi nu l’acapisciu propriu !

136 – VENANSIU – (Scatta verso le sedie ancora vicino alla scrivania e ne afferra una) “Ou scii...

ou sciii….” (La prende, la sistema a lato della scrivania sulla destra, leggermente defilata, si siede)

“Grasie, sciu Cumisaiu, grasie….!!!”

137 – SCARSI – (Riprende il suo lavoro, sbuffando pesantemente per il caldo) “De ninte, g’aman-

chieiva…..” (Prende il blocco degli appunti e comincia ad annotare) “Dunque, vedemmu in poo…”

C’e’ un attimo di silenzio durante il quale Scarsi continua a far passare le sue carte e a prendere appunti mentre Venansiu rimane silenzioso a pensare, con una mano appoggiata al mento. Poi..)

138 – VENANSIU – (Perplesso) “Sciu Cumisaiu….”

139 – SCARSI – (Distrattamente, senza interrompere il suo lavoro) “Sciii….???”

140 – VENANSIU – (Sempre molto perplesso) “Scia credde in davei che u cugnumme u digghe za tantu in scia buntee da persun-a….??”

141 – SCARSI – (Ansora distratto, senza alzare gli occhi) “Ma mi…. a l’e’ na mee teoria…”

142 – VENANSIU – (Lo fissa ancora un attimo in silenzio, poi……) “Vuscia’, scia se ciamma Scar

sci, nu….??”

143 – SCARSI – (S’interrompe; alza gli occhi dal foglio e lo guarda stupito) “Sci’ perche’…..!?!?”

144 – VENANSIU – (Soddisfatto e deciso) “Oua ben….!!! Ueiva ben di, mi…!!!!”

145 – SCARSI – (Lo fissa stupefatto ancora un attimo, poi realizza: truce…) “Nu l’e’ ditu che a mee…..a segge ‘na teoria giusta…..!!” (Poi, in imbarazzo) “Va ben, vaben, Venansiu…..” (Cerca di sviare il discorso) “…..oua emmu atru da faa, eh….!?!?” (Chiude il fascicolo, lo spinge da una parte, strappa il foglietto su cui ha scritto dal blocchetto degli appunti) “Mi devu cunvocaa in poo de gente cumme testimonni, vui’, pe piaxei, dii ae due scignurin-e ospiti de l’albergu che devu parla

ghe…..”

146 – VENANSIU – (Scatta prontamente verso l’uscita di sinistra) “Subetu, sciu Cumisaiu….” (Al

zandosi, spinge via la sedia, rovesciandola) “Scia cumande….!!!”

147 – SCARSI – (Con un’espressione fra il rassegnato ed il depresso) “Sci, va ben….ma nu l’e’ u caxu de inversaa e careghe, tantu nu scappen….!!!” (Osserva sconsolato Venansiu uscire da sinistr

rimanendo con la testa poggiata al pugno alcuni istanti) “Bellu Segnuu cusci’ cau…!!!” (Commen-ta desolato fra se’: si riprende, comincia a fare il punto della situazione, scorrendo il foglietto com-

pilato qualche istante prima) “Dunque: a Segretaia, a scia Lola….Bice nu: l’ho za’ sentia fin-a trop-

pu, basta e avansa…..Duvio ciamaa l’Apuntatu Collafava e sens’atru a Vidua….” (Con un’ espres-

sione di repulsione) “….a scia Strunz….! Sperandu che almenu a sacce parlaa Italian…!!” (Com-

menta acido, poi, pensieroso…) “E stu notaiu Specula…..e perche’ nu…!! Tantu oriee rendighe cun

tu d’en paa de scarpe neue lascee in te fogne a cielo aperto du seu Cumune….!!!”

148 – VENANSIU – (Rientra da sinistra) “Sciu Cumisaiu, in ta camia e scignurin-e nu ghe sun, ve-

ggu in poo se fissen feua….sperandu che nu segen guei distanti….”

149 – SCARSI – (Seccato) “E sci’ perche’, sei….da ste parti gh’e’ tante distrasuin che….” (Ferma Venansiu che sta’ per uscire da destra) “Venansiu….dui piaxei, se puei….”

150 – VENANSIU – (Si blocca, girandosi verso di lui) “Sci….scia digghe, sciu Cumisaiu…..!”

151 – SCARSI – (Indica l’uscita di destra) “Za’ che anei de la’…..gh’e l’ei n’elencu du telefunu…?

152 – VENANSIU – (S’illumina) “Ou scii….perbaccu….!!!”

153 – SCARSI – (Lo ferma nuovamente mentre sta’ uscendo) “E anche in gottu d’egua, se nu ve di-

spiaxe…..me se sta’ secandu e bele….!!!!”

154 – VENANSIU – (Servizievole uscendo) “Sens’ atru….sens’atru….!!”

155 – SCARSI – (Rimmergendosi nel suo lavoro) “Grasie mille…..” (Ricomincia a pensare ad alta voce) “A ‘sti punti pensieiva propriu che duvieiscimu esse a postu, anche perche’…..” (Riapre il fa-

scicolo, cerca un foglio, lo scorre velocemente) “I rilievi nu dan propriu a pensaa che….”

156 – VENANSIU – (Interrompe il corso dei suoi pensieri rientrando in scena da destra con un bic

chiere d’acqua) “Prunti, sciu Cumisaiu….!!” (Si avvicina alla scrivania e lo porge a Scarsi che ri-

pone il foglio e richiude il fascicolo) “A l’e’ de vescii….bella fresca, l’ho apena feta….!!”

157 – SCARSI – (Prende il bicchiere) “Grasie, Venansiu….bella fresca a me fa’ propriu piaxei….”

158 – VENANSIU – (Servizievole come sempre) “E g’amanchieiva….u l’e’ in duvei, atru che…!!!”

(Rimane immobile qualche istante ad osservare Scarsi che lo guarda reggendo il bicchiere a mezza

altezza e con un sorriso forzato sulle labbra: capisce di essere di troppo) “Ben, mi oua vaggu a pi-

giave l’elencu du telefunu e a sercaa e due scignurin-e, eh….!!!”

159 – SCARSI – (Lo guarda mentre esce da destra) “Eccu, brau….anei…!!” (Mentre sta’ uscendo) “Grasie, eh, Venansiu: ve rendioo meritu….”

160 – VENANSIU – (Gia’ fuori a destra) “Ma nu l’e’ u caxu….nu l’e’ u caxu….!!!”

161 – SCARSI – (Seccato) “L’e’ u caxu che ti me lasci loua, pero’….” (Sempre col bicchiere in ma

no, riapre il fascicolo) “Sedunca chi…..” (Prende il foglietto con gli appunti) “Oua quandu porta l’e

lencu vedemmu de rintracia questi e…..” (Deposita il foglietto accanto al telefono e beve un sorso

d’acqua: si blocca trafelato, sbarra gli occhi e sputa via l’acqua con veemenza) “Sacrabandu gram-

mu…..!!” (Sacramenta ad alta voce, poi, guardando l’acqua in controluce) “E cun cosu l’ha feta l’egua de vesci’, cun a pulegrin-a……!?!?” (Si tira indietro con la sedia, il bicchiere sempre in ma-

no: a tutta voce) “Venansiu….!!!!” (Aspetta un attimo, poi scatta in piedi e si dirige a gran passo verso l’uscita di destra portando con se’ il bicchiere mezzo pieno, lasciando il FASCICOLO APER-

TO sulla scrivania. A voce altissima, uscendo da destra) “VEENANSIUUUUUU…….!!!!!!”

La scena rimane vuota alcuni istanti, poi, da destra, visibilmente preoccupata, rientra Lola

162 – LOLA – (Rientra agitata da destra) “Undu l’avia misse…..” (Si ferma pensierosa  a centro scena) “UNDU L’AVIAA MISSE…..!!!!” (Spara a tutta voce, braccia larghe e volto verso il cie-

lo. Sbuffa pesantemente) “In ta stansia…..nu ghe sun…” (Passeggia corrucciata a centro scena) “E oua mi cose ghe diggu au culesiunista….!?!? U m’ha za’ detu sentu miliuni d’anticipu….” (Fa’ una breve pausa) “Che ho za’ pruvedu-u a scunde ben….!!” (Si ferma, respira profondamente) “Dun-

que….” (Prova a ragionare con calma) “In zu u nu gh’e’ ciu’ anetu…..via, u nu l’ha portee……..”

(Ricomincia a passeggiare con calma) “Quella sacratu da mugee a nu l’e’ ciu’ vegnua  a remescia-

ghe in te cantie…..da escludde….!!” (Si blocca) “Deven esse chi….da quarche parte….!!” (Senten-

zia. Si guarda intorno, nota il fascicolo aperto sulla scrivania) “A menu che…..” (Le viene il dub-

bio: si avvicina cautamente alla scrivania) “A menu che…..!!!” (Scartabella alcuni istanti senza successo) “Ninte…..!!!” (Nota la borsa per terra, la prende, la posa sulla scrivania, la apre e co-

mincia a cercare.)

 Dall’esterno a destra si odono le voci di Venansiu e Scarsi che rientrano in scena

163 – VENANSIU – (Da fuori a destra, con tono lamentoso) “Ma mi….sciu Cumisaiu….l’an sem-

pre bevua tutti….!”

164 – SCARSI – (Da fuori a destra, sostenuto) “Bevua tutti…..!?!? Ma mi ve mandu l’igiene, attru che storie….!!!”

165 – LOLA – (Si blocca) “O mi….tei chi….!!!” (Chiude velocemente il fascicolo lasciandolo spo-

stato rispetto a prima e con le carte che sporgono fuori, prende la borsa APERTA e la butta al volo sotto la scrivania, poi, uscendo velocemente  da sinistra) “Famme anaa, che l’e’ meggiu….!!”

Un attimo dopo, da destra, rientra in scena il Commissario Scarsi che precede Venansiu.

166 – SCARSI – (Rientra da destra: ancora a Venansiu, prima di dirigersi alla scrivania) “Vou dig

gu mi che chi gh’eu l’igiene….!!!”

167 – VENANSIU – (Ha in mano l’elenco del telefono: si ferma a centro scena e poi, sempre la-

mentoso, a Scarsi) “Sciu Cumisaiu, foscia a l’e’ curpa du vescii cu nu s’e’ mantegnu ben. L’e’ ‘n

poo de tempu che ghe l’emmu e…..”

168 – SCARSI – (Si ferma, si gira, lo interrompe guardandolo malissimo) “In poo….!?!?” (Chiede con accentuato stupore: poi, acido) “Vint’anni….!!!”

169 – VENANSIU – (Si avvicina a lui, tenta disperatamente di giustificarsi) “Ma nuu….l’e’ dui an

ni cu l’e’ zu in cantin-a…..ma….scia sa’…..u se fa’ sulu pe i clienti e……”

170 – SCARSI – (Brusco, lo interrompe nuovamente) “E clienti ghe n’e’ pochi….u so’….u so’….” (Poi, deciso) “Ma questu nu l’eu dii che quelli pochi deven esse avvelenee…!!!” (Lo guarda di sbie

co) “Venansiu, femmu in moddu de caciaa via quellu veggiu e de catane de l’atru vescii, eh….!!!” (Fa’ per riprendere il cammino, si riferma) “Sedunca, demmu sulu egua de vivagna, che armenu a l’e’ pulita….!!!”

171 – VENANSIU – (Perplesso) “E nu so’ miga se…..in ta vivagna, propriu in tu toccu bun pe pi-

giaghe l’egua, ghe va a faa i seu bezeugni a crave…..”

172 – SCARSI – (Si blocca folgorato, battendosi con forza una mano sulla fronte e passandosela poi sul viso) “O San Pee….!!!” (Ritorna sui suoi passi verso Venansiu, vorrebbe dirgli qualcosa ma lui lo anticipa)

173 – VENANSIU – (Gli allunga prontamente l’elenco del telefono) “Sciu Cumisaiu, chi gh’e’ l’e-

lencu…..!!”

174 – SCARSI – (E’ distratto dalla mossa furbesca di Venansiu) “Ah, sci….” (Prende l’elenco) “Grasie, Venansiu…..” (Va’ verso la scrivania sfogliandolo distrattamente: si blocca nuovamente e voltandosi verso Venansiu) “Ma…..u l’e’ de dui anni fa’…..!!!”

175 – VENANSIU – (Con naturalezza) “Sci….u so’….!!”

176 – SCARSI – (Seccato) “Ghe n’ei un ciu’ recente o anche questu u l’e’ sulu pe i clienti…..!?!?”

177 – VENANSIU – (Candidamente) “Cumisaiu, ciu’ neu u nu ne serve…..a Quarcosa, da dui anni a questa parte u telefunu nu l’ha ciu’ missu nisciun….!!”

178 – SCARSI – (Con l’aria di chi ha capito tutto) “Aaahhhh….questu u l’e’ sulu pe viatri, nu pe i clienti….!!!!” (Torna verso la scrivania) “Ciutostu, e scignurin-e i ei treuee…??”

179 – VENANSIU – (Servizievole) “Nu, ma vaggu subetu a sercale, eh….”

180 – SCARSI – (E’ dalla scrivania, sfoglia l’elenco) “Eccu, bravu…!! Dighe che ho bezeugnu de vedile….tutte due….d’urgensa….!!”

181 – VENANSIU – (Fa’ per uscire) “Sens’atru, sciu Cumisaiu….sens’atru….” (Si blocca sull’usci

ta) “Sciu Cumisaiu, in cangiu du vescii ve portu miga in gottu d’egua de vivagna che….”

182 – SCARSI – (Si gira di scatto, bloccandolo con un gesto della mano: strilla quasi) “Nu….!!!!”

183 – VENANSIU – (Prova a convincerlo) “A l’e’ bella fresca….l’ho pigiaa……”

184 – SCARSI – (L’interrompe quasi gridando) “Dunde scarega e crave….!!! Nu, grasie…me tegn

u u cadu……!!!!!”

185 – VENANSIU – (Esce allargando le braccia rassegnato) “Va ben ….va ben….cumme vuei…”

186 – SCARSI – (Riesce finalmente ad arrivare alla scrivania: nota il fascicolo chiuso in disordine

“E chi cose l’e’ pasou, l’aragan….!!!” (Apre il fascicolo e riordina le carte) “N’asidente, bezeugna che stagghe ciu’ atentu….” (Impreca fra se’) “Nu se deve mai lasciaa serte cose in vista….” (Si sie-

de) “….nu l’e’ bellu fa savei in giu ‘sti afari e poi…..” (Prende il fascicolo con una mano e si allun-

ga con l’altra verso la borsa) “….vegnen a faa puliscia e…..” (Fa’ per allargare la borsa che crede

APERTA e mettervi il fascicolo ma la trova CHIUSA) “Ou beleu….sun proriu trunou, eh…!!” (Posa

Il fascicolo sulla scrivania, prende la borsa la apre, la poggia sulla scrivania, fa’ per riporvi il fa-

Scicolo: si blocca, con la borsa larga ed il fascicolo a mezza altezza) “Mumentu….!! Semmu segui che segge propriu cusci’ trunou dau cadu….!?!?” (Rimane pensoso un attimo) “Epure….sun segu-u de aveila lasciaa averta…..” (Fa’ spallucce, dandosi del cretino) “Che bezugu….chi t’eu che g’agge fregugnou dentru…..e pe sercaghe cose, poi…..!?!?” (Ripone il fascicolo) “En ben vegnui a levaa a pua e…..” (Ripone la borsa, CHIUSA, e lo sguardo gli cade su un angolo della scrivania. Si blocca, il suo sguardo osserva a lungo l’angolo, poi, abbassandosi, soffia con forza sollevando una nuvola di polvere: tossisce secco qualche istante rialzandosi e cercando di coprirsi la bocca con una mano

Poi, con aria sospettosa) “Nu…..nu sun vegnui sens’atru a levaa a pua…!!!” (Rimane qualche atti-

mo in silenzio, pensoso) “Ansi….” (Commenta poi, drastico) “…..me sa’ che chi a pua a l’e’ cum-

me u vesci’ e l’elencu du telefunu: de dui anni fa’..….!!” (Si ferma nuovamente a pensare, facendo passare lo sguardo dal tavolo alla borsa ritmicamente, per piu’ volte: poi, fra se’, ad alta voce,

reggendosi il mento con una mano, il braccio appoggiato sul tavolo) “Chi peu essse cusci’ cuiusu da avei trafegou in tu fasciculu e in ta mee bursa…..e a secaghe cose…..!?!?” (Si chiede: rimane an

cora qualche istante sopra pensiero, poi si illumina) “A scia Bice….!!!” (Si alza di scatto dalla se-

dia ed esce rapido da destra chiamandola a gran voce) “Scia Bice….!! SCIA BICEE….!!!!”

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, quasi contemporaneamente, fanno il loro ingresso, in modo deciso, Irene da destra e Lola da sinistra: si scorgono a vicenda appena oltre l’ingresso.

187 – IRENE – (Entra decisa da destra) “Eppure ci devono essere…..” (Vede Lola) “O porca….!!!”

188 – LOLA – (Entra anche lei decisa da sinistra) “U nu peu aveile portee via…..” (Vede Irene) “Ma porca…..!!!!”

Si fermano un istante l’una davanti all’altra, poi, quasi contemporaneamente, ostentando indifferen

za

189 – LOLA – (Piu’ naturale possibile) “Oh, signorina Irene…..ci si rivede, eh….!!!”

190 – IRENE – (Con malcelato imbarazzo) “E gia’….ed entrambe di fretta vedo…..”

191 – LOLA – (Con noncuranza, avvicinandosi a centro scena) “Beh, ogni tanto…..muoversi un po’ fa bene…..”

192 – IRENE – (Anche lei muovendo verso il centro) “Si, si….ci aiuta a tenerci in forma…..”

Si incontrano a centro scena, gironzolano entrambe per qualche istante lanciando occhiate furtive verso la scrivania, cercando di individuare la borsa. Poi Lola rompe il ghiaccio……

193 – LOLA – (Con noncuranza) “Comunque stavo…..stavo giusto uscendo a prendere una bocca-

ta d’aria, ecco….”

194 – IRENE – (Con un sorriso forzato) “E io…..in camera mia , ecco….in camera mia…!!”

195 – LOLA – (Muovendo lentamente verso destra) “Arrivederci, Irene….arrivederci, eh….!!”

196 – IRENE – (Muovendo quasi a rallentatore dalla parte opposta) “Arrivederci, Lola….arriveder

ci…..!!”

Muovono entrambe verso le uscite, guardandosi a vicenda, si fermano un attimo sulle stesse, scam-

biandosi vaghi cenni di saluto e sorrisi forzati finche’ poi, entrambe allargando le braccia e levan-

do gli occhi al cielo con un sospiro, escono, Lola a destra e Irene a sinistra.

La scena rimane vuota qualche istante, poi, contemporaneamente, una da destra e l’altra da sini-

stra, con fare furtivo, ricompaiono in scena Lola e Irene.

197 – IRENE – (Ricompare con aria furtiva da sinistra: vede Lola, si ferma) “Ah….!! Buon………

buongiorno, eh, Lola…….arrivederci….!!!” (Le lancia un sorriso ebete, imbarazzatissima, e la salu

ta, girandosi come per uscire di nuovo, con vaghi cenni della mano) “Arrivederci….!!!”

198 – LOLA – (Ricompare a sua volta da destra con lo stesso atteggiamento: anche lei, notando I-

rene, si ferma di colpo appena oltre l’ingresso) “E te paiva….!!!” (Sbuffa pesantemente. Poi, con a-

ria glaciale) “Irene….anche lee ancun chi, eh….!!” (Poi, decisamente seccata) “Sci….sci….arrive-

derci, Irene…..arrivederci….!!” (Girandosi a sua volta come per uscire, rivolta alla platea) “Speru ciu’ tardi puscibile….!!!”

C’e’ ancora qualche attimo di vuoto e poi, da sinistra, piu’ furtiva di prima, ricompare in scena Ire

ne.

 

199 – IRENE – (Ricompare in scena da sinistra, con massima circospezione: si guarda a lungo at-

torno, fissa per alcuni istanti l’entrata di destra, poi entra con fare deciso) “Meno male…..via libe-

ra…..!!” (Si dirige velocemente alla scrivania, afferra la borsa di Scarsi, la posa sul tavolo la apre, comincia a frugarci dentro) “Devono essere qui…..non possono che essere qui…..!!!” (Da destra si sente un rumore: Irene trasalisce) “Accidenti…..!!!” (Smoccola: prende la borsa e la rigetta a ter-

ra, sotto la scrivania, con un gesto di stizza: si avvia velocemente, uscendo a sinistra) “Riusciro’ a

dare un’occhiata come si deve, prima o poi, porcaccia miseria…..!!!”

Passa un istante e, da destra, rifa’ il suo ingresso in scena Lola.

200 – LOLA – (Rientra furtivamente da destra, guardandosi attorno con massima circospezione) “Finalmente…..a l’e’ aneta…..!!!” (Commenta con rabbia avvicinandosi anche lei alla scrivania e prendendo la borsa da terra) “Tieu scumette che sun propriu chi dentru…..!?!?” (Commenta fra se’ mentre rovista furiosamente nella borsa: acidissima…) “E u nu pueiva aspetaa na setiman-a a tia’ e stringhe…..?!?!?”

Non vista, alle sue spalle, da sinistra, fa’ la sua ricomparsa in scena, sempre con massima circospe

zione, nuovamente Irene.

201 – IRENE – (Ricompare furtiva da sinistra, vede Lola rovistare nella borsa, si ferma un attimo, poi, mani sui fianchi, assume l’espressione di chi ha trovato qualcuno intento a rubare la marmella

ta. Si ricompone subito e, lentamente, senza farsi sentire, arriva a breve distanza da Lola) “Lola…!

!!” (La chiama con voce suadente. Lola trasalisce, voltandosi di colpo spaventata, smoccolando fra se’ a bassa voce) “Se cerchi le pergamene….guarda che li’….” (Indica la borsa, faccendo assumere a Lola un’espressione di meravigliata paura) “…..non ci sono….!” (Poi, con voce piu’ decisa) “Ci ho gia’ guardato io….!!!”

202 – LOLA – (Lascia la borsa e si appoggia alla scrivania, decisamente spaventata) “N’asidente cun i cuppi….!!! Ti m’ee fetu vegni-i e spremaxiuin….!!!!”

203 – IRENE – (Fa’ spallucce, avvicinandosi alla scrivania) “Cos’e’, paura di essere sorpresa con le mani nel sacco….??”

204 – LOLA – (Ha un moto di stizza) “Mani nel sacco un accidenti, io…..” (Si blocca, resta un at-

timo in silenzio, poi, ostentatamente indagatrice) “Senti in poo, ma da quande se demmu du ti….!?

Non avevi detto che nu l’ea u caxiu perche’ non abbiamo niente in comune….!?!?”

205 – IRENE – (Sorniona, si siede sulla scrivania accanto a lei) “Oh, ma adesso le cose sono cam-

biate…..adesso ABBIAMO ….” (Sottolinea la parola alzando il tono della voce) “…..qualcosa in comune…..” (Perentoria, allo sguardo interrogativo di Lola) “Le pergamene….!!”

206 – LOLA – (E’ colpita nel segno) “Ah….!!!” (Fa’ una breve pausa, poi, risentita….) “Ma…allo

ra non e’ che ne sapevi poco o niente…..!!!”

207 – IRENE – (Scrolla le spalle) “Sai com’e’…..a furia di sentirne parlare….” (Con un sorriso sar

castico) “…..alla fine ci si informa….!!!”

208 – LOLA – (Scatta verso di lei, aggredendola quasi) “A brutta Giudda…..!!!”

209 – IRENE – (La affronta a muso duro, bloccandole la mano che ha proteso verso di lei per col-

pirla) “Ohu, calma eh….!!!! Perche’ mi pare che QUI….” (Sottolinea la parola alzando il tono del-

la voce) “….di Giuda ce ne siano piu’ di uno…!!”

210 – LOLA – (Si calma) “Gia’…..” (Ritira la mano e comincia a passeggiare nervosamente men-

tre Irene rimane a guardarla con le braccia conserte) “In fondo, hai ragione….” (Allarga le brac-

cia) “E’ inutile che litighiamo fra di noi, adesso….” (Si ferma: piu’ convincente possibile) “Se sono veramente originali come mi ha sempre detto, la torta da spartire e’ grossa, credimi….quindi…..”

211 – IRENE – (Con naturalezza, la interrompe) “Sono veramente originali, credimi….”

212 – LOLA – (Trasalisce) “Le hai viste…..!?!?!?”

213 – IRENE – (Sorniona) “Viste….??? Le ho fatte periziare….!!!”

214 – LOLA – (Incredula) “Ma…..e come ci sei riuscita…..!?!?!?”

215 – IRENE – (Comincia a girellare per la scena, braccia conserte: con naturalezza) “Oh beh…..

diciamo che una donna ha sempre argomenti validi per arrivare ad ottenere cio’ che vuole con un uo

mo…..” (Si gira beffarda verso Lola) “……e al nostro amico Rudy…..piacevano le donne…. E non poco…..!!!!”

216 – LOLA – (Stupefatta: rivolta alla platea, con gesti eloquenti) “Tie capiu, a gattamorta…..!!!”

217 – IRENE – (Con aria di bonario rimprovero) “Lola, Lola…. proprio tu mi vieni a fare certi di-

scorsi…..!?!?!?”

218 – LOLA – (Indispettita, di scatto) “E tu cosa ne sai…..!?!?”

219 – IRENE – (Con tono oltremodo pacato, ricominciando a girare a braccia conserte) “Vedi, io soffro d’insonia…..la notte non e’ difficile, girando, vedere e sentire, senza volerlo, cose che…..”

220 – LOLA – (La interrompe di getto) “Va bene, va bene…..lasciamo perdere….!!” (Poi, con deci

sione) “Piuttosto….quelle dannate pergamene…..sai dove sono….???”

221 – IRENE – (Serafica) “Non ne ho la piu’ pallida idea…..”

222 – LOLA – (Stizzita) “Accidenti….!!!”

223 – IRENE – (Con falsa noncuranza) “A parte il gruzzolo che ci si puo’ fare, ma sono proprio co-

si’ importanti…??”

224 – LOLA – (Con rabbia) “E sono importanti si’, maledizione…..!!! Io, quella roba, l’ho gia’ ven

duta…..!!!!” (Comincia a passeggiare anche lei per la scena, agitata) “E ho gia’ incassato un lauto anticipo, per giunta….!!!”

225 – IRENE – (Drastica) “Che ti sei gia’ speso….!!!”

226 – LOLA – (Scatta furibonda verso di lei) “Ou, bella….fatte in poo i afari teu, eh….!!!”

227 – IRENE – (Con massima naturalezza) “Ma sono affari miei, carina, visto che adesso siamo so-

cie….!”

228 – LOLA – (Schiumante rabbia: strabuzza gli occhi) “Socieeeeee……!?!?!?”

229 – IRENE – (Sempre calmissima) “E gia’…..abbiamo un segreto in comune e non mi sembra giu

sto non condividerlo fino in fondo, ti pare…..!?!?”

230 – LOLA – (Sta’ per aggredirla di nuovo) “Ma io ti…..”

L’alterco viene interrotto dalle voci di Bice e di Scarsi che stanno rientrando da destra.

231 – BICE – (Da fuori scena, melenflua) “Ma sciu culunellu….scia nu dubitia miga de mie, eh….!

232 – SCARSI – (Deciso) “Scia Bice, de le nu, ma da seu cuiusitee…. sci….!!!”

Irene e Lola si bloccano, si girano entrambe di scatto verso l’uscita di destra, trafelate.

233 – LOLA – (Si gira di scatto verso destra) “Accidenti….!!”

234 – IRENE – (La imita quasi contemporaneamente) “Porca vacca….!!!”

235 – LOLA – (E’ la prima a riprendersi) “Lascia staa a vacca e anemusene de chi’, che l’e’ megiu

….!!!” (Prende la borsa, la scaraventa APERTA sotto la scrivania e poi segue a passo spedito Ire-

ne che, nel frattempo, sta’ uscendo da sinistra, sacramentando) “E menu male che ghe semmu in ta

pochi…..nu se queta mancu de neutte, attru che’…..!!!!”

Dopo pochi istanti, da destra, fa’ il suo ingresso in scena il Commissario Scarsi che precede una Bice affranta.

236 – SCARSI – (Fa’ il suo ingresso da sinistra, alquanto piccato) “Insumma, scia Bice…..nisciun sta’ acusandula de ninte…..ma che me se fasse pasaa e braghe dau collu, nu eh……!!!!”

237 – BICE – (Con voce flebile e aria da cagnolino bastonato) “Ma sciu Questuu….scia se figure...

…nu me permetieiva mai……!!!!”

238 – SCARSI – (E’ quasi dalla scrivania: si volta di scatto, affatto contento) “Cumisaiu, scia Bice

sulu Cumisaiu…..!!!!” (Sbraita. Poi, alzando gli occhi al cielo) “E fin che me mandian a faa serti numeri in te serti posti cun serta gente…..” (Allarga le braccia desolato) “Ascorditelu de diventaa Questuu…….!!!”

239 – BICE – (Lo incalza avanzando a piccoli passi dietro di lui) “Ma nu, ma nu, sciu Ispetuu…..!! Ueiva sulu dighe che mi…..nu ho tucou propriu ninte….!!! Nu veuggu anacqua e preue….!!!!”

240 – SCARSI – (Ha mosso solo un passo: si gira nuovamente di scatto) “Ma nisciun a sta’ acusan-

du de ninte, donna beneita…..!!!!” (Poi, piu’ rilassato) “Sulu che de otte….sensa uei….magari le-

vandu a pua…..”

241 – BICE – (L’interrompe di scatto) “Nu nu….a pua a levvu sulu d’ogni tantu, sedunca au legnu scuertu se g’atacca e cammue…..!!!”

242 – SCARSI – (Scettico, si avvicina alla scrivania) “Ogni tantu, eh…..” (Fa’ passare un dito sul-

la scrivania, ritirandolo coperto di polvere: caustico) “Magari ogni dui anni, cumme u vesci’ e l’e-

lencu du telefunu…..!!!”

243 – BICE – (Cerca ancora di giustificarsi) “Ma nu, ma nu….nu cusci’ tantu….!!” (Poi, risentita) “Cumunque, MI….” (Si indica portando entrambi le mani al petto e sottolinea la parola alzando il tono della voce) “Li’ insimma…..” (Indica la scrivania) “….nu ho tucou ninte…!!”

244 – SCARSI – (Ha fatto il giro della scrivania, sta per sedersi, si ferma per risponderle) “Scia Bi

ce…..sta’ de fetu che MI…..” (Si indica a sua volta imitandola nel tono della voce) “….ho treuou i feuggi spanteghee…..e CHI…..” (indica verso la borsa a terra) “…..ho treuou a bursa….” (Fissa un attimo la borsa, la vede aperta: incredulo……) “……AVERTAAAA…..!?!?!?”

245 – BICE – (Lo fissa interdetta) “E ben, cose gh’e’ de stranu…..!?!?”

246 – SCARSI – (Irritatissimo) “Gh’e’ de stranu che l’eiva lasciaa seraa….!!!” (Afferra la borsa, la mette sulla scrivania, comincia a frugarci dentro affannosamente) “Scia Bice, quarche d’un l’ha pi-

giaa e g’ha fregugnou dentru, attru che micce….!!!” (Tira fuori il fascicolo e controlla che ci siano tutte le carte) “E sa nu l’e’ steta le pe cuiusitee, chi l’e’ stetu e pe quale mutivu, oriei savei…..”

247 – BICE – (Con un sorriso di soddisfazione) “Sciu giudise, ghe l’aiva ditu che sun inocente…!!”

248 – SCARSI – (Imbufalito) “Scia Biceee…..” (Indica la borsa sul tavolo) “….nu me serve n’ino-

cente…..me serve di culpevuli……!!!!!”

249 – BICE – (Fa’ spallucce) “Ma mi, cose scia veuu che ghe digghe…..” (Fa’ una breve pausa, poi) “Saiaa stetu quarche d’un cu l’aviaa sercou i papiri……”

250 – SCARSI – (Trasalisce) “I papiri…..!?!?!? Che papiri, scia scuse….???”

251 – BICE – (Con naturalezza) “Viamenti, nu savieiva ben cose sun….Ho sentiu u Barun, na otta, cu ne parlava…..”

252 – SCARSI – (La guarda sornione) “A scii….!?!? E cosu diva….????”

253 – BICE – (Si avvicina di colpo alla scrivania: con l’aria di chi confida un grande segreto) “Che sun papiri veggi….che custen in saccu de palanche…..!!!!”

254 – SCARSI – (Con falsa naturalezza) “Baccere….!!! Eeee….cun chi u ne parlava…..!?!?”

255 – BICE – (Ritorna evasiva) “Ma mi…..nu me ricordu, oua….”

256 – SCARSI – (Ostentando ancora naturalezza, con voce vellutata) “Scia Bice….scia se g’apen-

se ben…..!!!”

257 – BICE – (Si ritrae, con falso pudore) “Eeee….sci, sci….me g’apensiou ben…..”

258 – SCARSI – (Sempre mellifluo, la incalza) “Eccu, brava….ca se g’apense ben e….me racuman

du……” (Continua per qualche istante la manfrina mentre Bice lo segue con un sorriso ebete) “Sci

e……sci…..ca se g’apense propriu ben…..” (Poi, di botto) “Scia a se g’he apensaa……!?!?”

259 – BICE – (Risoluta, di botto) “Cun a scignurin-a Irene e cun a scignurin-a Lola….” (Si piazza davanti alla scrivania) “Primma cun a scignurin-a Irene, na matin, e u ghe diva che ciutostu che la-

sciale a-a mugee u e regalava, poi cun a scignurin-a Lola, a seia mexima ca l’e’ arivaa, asetee pro-

priu chi’, in ta saletta che pigiaven u te’…..”

260 – SCARSI – (L’interrompe venefico) “De dui anni faa…??”

261 – BICE – (S’interrompe: lo guarda interdetta) “Cumme….!?!?”

262 – SCARSI – (Alza le mani verso di lei) “Oooo….ninte, ninte….pensavu a vuxe ata….scia vag-

ghe pure avanti, grasie….scia vagghe pure avanti….!!!”

263 – BICE – (Riassume un tono sussiegoso e riprende il racconto) “Eccu….!! Ghe diva….cu ne parlava cun a scignurin-a Lola e le a ghe diva che sa l’ea viamenti cusci’ vaiven in saccu de dinee…

….!!!!!”

264 – SCARSI – (Girando lo sguardo verso la platea) “E menu male ca nu saiva ninte….!!!” (Poi, a Bice……) “A l’ha idea de cosse seggen ‘sti papiri e de duve possen esse…..??”

265 – BICE – (Quasi scandalizzandosi) “Ma mi nu….gou zu-u….n’ho sulu sentiu parla-a….!!!”

266 – SCARSI – (Si siede alla scrivania) “Va ben….va ben….” (Passandosi una mano sulla fron-

te) “N’asidente che cadu…..!!” (Poi, a Bice) “Eeee….se peu savei armenu ‘ste due perle de scignu-

rin-e dunde sun anete a scundise….!?!? L’e da quande sun arivou che e sercu, ma…..”

267 – BICE – (Allarga le braccia) “Ma mi….in poo fa’ l’ho viste tutte due chi de feua in scia ciaset

ta…..” (Indica l’uscita di destra) “…..primma un-a e poi l’atra, ma poi…..”

268 – SCARSI – (La interrompe) “Eccu, braa….ca l’amie in poo se ghe fissen e ca mee mande…su

betu, pe piaxei….!!!!”

269 – BICE – (Fa’ per uscire da destra) “Subetu, sciu Prefettu…..saiaa fetu subetu….!!”

270 – SCARSI – (La ferma sull’uscita) “Scia Bice, ca scuse……”

271 – BICE – (Si volta: servizievole) “Sci, scia digghe sciu…..”

272 – SCARSI – (La ferma prima che lei dica qualche altro sproposito) “Giorgio….pe lee sulu Giorgio….grasie….!!!”

273 – BICE – (Si illumina) “Uhhhh…..grasie, sciu Gener…..” (Si corregge: con un sorriso a tutta bocca) “Giorgio….!!”

274 – SCARSI – (Con un sorriso forzato) “Ninte, ninte….ca se figure….!!” (Poi, piu’ formale) “Za ca va’ de la’, ca me fasse ancun in piaxei….se gh’e’ Venansiu, ca ghe digghe su fa’ in satu in paise a pigiaa due butigge d’egua minerale…..”

275 – BICE – (Sdolcinata, uscendo) “Sens’atru, Giorgio, sens’atru…..!!” (Si ferma, torna un passo indietro) “In tu fratempu u veu miga in gottu d’egua de vescii….?? Venansiu u l’ha apena feta e….”

276 – SCARSI – (Sobbalza sulla scrivania) “Noooo…..sun alergicu…..!!!!”

277 – BICE – (Accondiscendente) “Au frizzu….??”

278 – SCARSI – (Perentorio) “A-a pulegrin-a ……!!!”

279 – BICE – (Non si arrende) “Alantun…..in gottu d’egua de vivagna che……”

280 – SCARSI – (Drastico) “Sun alergicu…..!!!!”

281 – BICE – (Interdetta) “A l’egua…..!?!?”

282 – SCARSI – (Al fulmicotone) “Ae crave….!!!!!”

283 – BICE – (Colpita nel vivo) “Ah….!!” (Si rida’ un contegno: uscendo da destra) “Alantun……

ghe fassu pigiaa due butigge d’egua minerale, eh….!!!”

284 – SCARSI – (L’insegue fuori scena con la voce) “Puscibilmente de quest’annu, grasie…..!!!!”

(Dopo che Bice e’ uscita, rimane qualche istante immobile: si passa le mani sul viso, sconsolato) “Roba da cioi….me l’avessen cuntaa, nu ma-a saie mai credua….!!!!” (Poi, prova a fare il punto

della situazione) “Oua, poi…..cose saian ‘sti papiri….e perche’ i serchen…..sun davei cusci’ presiu

si….!?!? E chi l’e’ che i serca, poi…..” (Sbuffa allungandosi sulla sedia) “E ‘ste due tisie….Lola e

quel’atra….Irene….cose sun diventee, dui fantasmi….???” (Scatta di colpo seduto, poggiando le

mani sulla scrivania) “Tieu vedde che u sciu Rudolf u g’ha lasciou a pelle apreu a ‘sti beleu de papi

ri…..!?!?” (Si gratta la fronte perplesso: apre il fascicolo, togliendolo dalla borsa) “Vedemmu in

poo turna u verbale…..” (Comincia a scorrerlo in silenzio: si ferma, appoggiando il mento alle ma-

ni) “Se diotte fisse che ‘stu apuntatu Collafava u l’e’ menu bezugu de quante parieiva….!!” (Allar-

ga le braccia) “Mah….stemmu a vedde duman, eh….!!” (Poi, perplesso) “Sci ma chi….bezeugna rifaa tutte e indagini….ricuminsaa da l’imprinsipiu…..g’oria armenu ‘na setiman-a……” (Traseco-

la) “Na setiman-a….CHI…..!!!!!” (Urla quasi, guardandosi attorno. Poi, sconsolato) “Mi devu ana

in ferie…..!!”(Mugola appena. Poi, a tutta voce, agitando le mani con gli occhimpallati,  rivolto al- la platea) “EUGGIU ANA-A IN FERIE…….!!!!!!!”

-S I P A R I O –


La scena e’ rimasta praticamente invariata. Non si e’ aggiunto nulla ma, semplicemente, e’ stato ri

Stabilito l’ordine delle sedie intorno alla scrivania e all’angolo della scenografia.

Solo sulla scrivania e’ comparso un bicchiere e due bottigliette di acqua minerale.

E’ il Commissario Scarsi che, dopo qualche attimo di vuoto, rientra da destra con in mano la sua borsa e, retto a fatica, un voluminoso fascicolo.

1 – SCARSI – (Rientra da destra, smoccolando fra se’: ha tolto anche la giacca e adesso e’ in ma-

niche di camicia) “Beleu che cadu….!!!” (Si avvicina alla scrivania e via appoggia sopra prima il fascicolo e poi la borsa) “Lea anni che nu fava cusci’ cadu a feragustu…..” (Apre la borsa, ne to-

glie l’agenda ed il blocco degli appunti e li depone sulla scrivania) “Propriu ‘st’annu che me tucou ‘sta ruzenuza u duveiva metiseghe….!!!” (Chiude la borsa, la deposita a terra, fa’ per sedersi, si blocca. Guarda la borsa, rimane un attimo perplesso, si siede, torna a fissare la borsa) “Me sa che chi’ nu l’e’ u postu giustu pe lasciala…..” (La guarda ancora, perplesso) “G’oriee in luchettu….o quarcosa du genere…..” (S’illumina: schiocca le dita) “Nu….quarcosa de megiu….!!!” (Rivolto a

destra, a tutta voce) “Venansiu….VENANSIU…..!!!!”

2 – VENANSIU – (Da fuori a destra) “Sci, sciu cumisaiu, arivu….!!” (Compare in scena dopo po-

chi istanti) “Scia me digghe, Cumiasaiu, scia cumande….”

3 – SCARSI – (Infastidito dal gran caldo e da tutta la situazione) “Mancu in ca’ mee che cumanda mee mugie….cumunque….ho bezeugnu d’en piaxei da vuii….” (Fa’ una breve pausa) “Ansi, de dui….”

4 – VENANSIU – (Si avvicina alla scrivania) “Perbaccu, sun chi a posta….!!!”

5 – SCARSI – (Comincia a spiegare) “Pe stamatin ho cunvocou dui testimoni…..a Barunessa Von Manninghe e u Notaiu Specula: quande ariven , feili pasaa a un pe viaggiu e….pe piaxei…che un u nu l’intre finche’ nu l’e’ sciortiu l’atru…..”

6 – VENANSIU – (In posa militaresca) “Sens’atru, segu-u, saiaa fetu…..”

7 – SCARSI – (Continua nella sua spiegazione) “In tu fratempu, duvieiva arivaa anche l’Apuntatu Collafava, di Carbinee…..me racumandu, feilu pasaa subitu perche’ u duviaa dame ‘na man cun e indagini…..”

8 – VENANSIU – (Un po’ risentito) “Sens’atru ma…..se l’e’ pe quellu na man vaa pueiva daa mi a sci’, eh….!!!”

9 – SCARSI – (Coglie la palla al balzo) “Eccu, sci, brau….!!! Na man ma puei daa ecumme….!!!”

10 – VENANSIU – (Si illumina) “Ah sci…..!?!?”

11 – SCARSI – (Con naturalezza) “Segu-u…!!! Anch’eu, quande anei in paise, pasei in farmacia e procueime in butigin de tentua de iodio…..ansi, dui…..”

12 – VENANSIU – (Non realizza) “Tentua de iodiu….!?!?” (Pensa di aver realizzato) “Sei anetu in

paise a perlustraa in te stalle e v’ha pesigou in chicottu…!!!”

13 – SCARSI – (Lo tranquillizza) “Nu nu, Venansiu….stei tranquillu….nisciun-a pesigaa….euggiu sulu faa n’esperimentu, tuttu li’….”

14 – VENANSIU – (Lo guarda, sussiegoso) “N’esperimentu….pulisica scentifica….??”

15 – SCARSI – (Desolato) “Sci, puliscia scentifica….cumme quella che bezeurieiva faa chi dentru..

….” (Alza gli occhi al cielo, poi, rassegnato) “Cumunque….m’aracumando: quande ariva l’Appun-

tatu Collafava, cu passe subetu….”

16 – VENANSIU – (Con decisione) “Sci, sci….Cu a Bazan-a, avanti subetu….!!”

17 – SCARSI – (Resta un attimo perplesso) “Cun a Baz….” (Realizza) “Venansiu…COLLAFAVA

…..” (Sillaba quasi il nome) “…..Appuntato Antonino Collafava….!!!!”

18 – VENANSIU – (Con ovvieta’) “Apuntu….!! Mi cos’ho ditu….!?!? Cun a Bazan-a….!!!!”

19 – SCARSI – (Si copre il viso con una mano, in preda alla desolazione piu’ nera) “Bella muee caa….!!!” (Poi rincorre Venansiu che sta’ uscendo da destra con la voce) “Venansiu, agei pasiensa.

……” (Venansiu si ferma, si volta, torna indietro di qualche passo) “Ancun ‘na cosa, m’ascordava..

….” (Fa’ una breve pausa, poi, a Venansiu) “A Barunessa Ute Von Manninghe a l’e’ Austriaca, de Innsbruck…..sa nu capisce o a nu parla ben l’Italian …..nu feiva neravigia, eh….!!!!”

20 – VENANSIU – (Lo guarda un attimo, interdetto) “Striaca…..!?!?”

21 – SCARSI – (Non realizza) “Cumme….!?!?”

22 – VENANSIU – (Si spiega meglio) “A barunessa…..a l’e’ Striaca….!?!?”

23 – SCARSI – (Afferra) “Sci’….a l’e’ Austriaca…..de Innsbruck….!”

24 – VENANSIU – (Con l’espressione di chi ha capito tutto) “Aaahh….!!!” (Si volta, fa’ qualche passo verso l’uscita di destra, poi si ferma, resta un attimo pensoso sotto lo sguardo interrogativo di Scarsi, ritorna sui suoi passi) “Ma….alantun anche u barun u l’ea striacu….!!!”

25 – SCARSI – (Meravigliato) “Sci…..perche’….!?!?”

26 – VENANSIU – (Si illumina) “Oua ho capiu tuttu….!!!”

27 – SCARSI – (Sempre piu’ meravigliato) “Ma tuttu cose, se peu savei…..!?!?”

28 – VENANSIU – (Con ovvieta’) “Ma perche’ u nu l’ha rispostu all’apuntatu…..!!” (Si avvicina con piglio deciso alla scrivania) “In sciu verbale gh’e’ scritu: - a domanda u cadavere u nu rispun-

de…- . E te creddu…..l’Apuntatu u g’ha parlou Talian e quellu la’ u l’ea Striacu….!!!!” (Si gira e muove per uscire a destra: si ferma un attimo prima di uscire e con un’espressione di somma ovvie-

ta’) “Eeehhh…..!!!”

29 – SCARSI – (Rimane un lungo istante impietrito a guardarlo uscire, incapace di profferire paro

la: poi si riprende) “U l’ea Talian….e u g’ha parlou Striacu…..au mortu….e l’e’ pe quellu cu nu g’

ha rispostu…..!!” (Mette le braccia conserte sulla scrivania) “A l’e’ roba da cioi….!!!” (Sta’ per ri-

mettersi al lavoro, scrollando la testa: si blocca di colpo) “Mumentu….!!! Ma a LE….” (Guarda

verso l’uscita di destra, poi, rivolto alla platea) “…..chi ghe l’ha ditu…..!?!?” (Muove lentamente lo sguardo verso la borsa) “Oscitu scavenate u collu….!!!!” (Scatta di botto dalla scrivania uscen-

do precipitosamente da destra) “Venansiu…..VENANSIUUU…….!!!!”

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra, rifanno il loro ingresso in scena, accaldate ed agitate, Lola e Irene.

30 – LOLA – (Rientra da destra, accaldata e alquanto agitata) “Menu male….i emmu schivee…!!

31 – IRENE – (La segue reggendo una grossa borsa di plastica: anche lei e’ accaldata ma sembra decisamente piu’ rilassata) “Beh, fra tutti e due non mi sembrano fulmini di guerra….!!!”

32 – LOLA – (Per niente rassicurata) “Venansiu nu, ma l’atru….aspetta a dirlo, eh…!!”

33 – IRENE – (Si avvicina alla scrivania, ci posa sopra la borsa) “Intendi tirarla ancora a lungo ‘sta commedia….??”

34 – LOLA – (Decisa) “Finche’ ce ne sara’ bisogno…!!” (Poi, piu’ calma) “Ciutostu….pensi che quei due fogli possano passare per pergamene autentiche….??”

35 – IRENE – (Scrolla le spalle) “Perche’ no…??” (Apre la borsa e ne tira fuori di fogli di cartave-

lina) “In fondo….dobbiamo solo farle trovare al poliziotto, mica mostrarle ad un esperto…!!”

36 – LOLA – (La guarda dubbiosa) “Ma ti pensi davei ca posse funsiunaa….!?!?”

37 – IRENE – (Con sicurezza) “Una volta che le avra’ ritrovate, dovra’ bene metterle insieme alle altre, no….??”

38 – LOLA – (Sembra rinfrancata dalla spiegazione) “Ben….meggiu che anemmu a preparale, alantun…..” (Fa’ cenno a Irene di precederla all’uscita di sinistra. Irene ripone la cartavelina, pr

ende la borsa ed esce da sinistra. Lei fa’ per seguirla, ma il suo sguardo viene attratto dalle due bot

tiglie di acqua minerale sulla scrivania) “Cose veddu….” (Ne afferra una) “Cosse veddu….!!!” (La apre, la solleva per guardarla contro luce ed essere sicura di non sbagliare) “Egua minerale….!!!”

(Ne beve un lungo sorso a garganella, la richiude e la posa sulla scrivania: prima di uscire a sini-

stra, alzando gli occhi al cielo) “Segnuu….te ringrasiu….!!!!”

La scena rimane vuota per qualche istante, poi, da destra rifa’ il suo ingresso in scena Scarsi, segui

to da Venansiu.

39 – SCARSI – (Rientra da destra, per niente tranquillo) “Insumma, Venansiu, nu mou saieiva mai aspetou…..!!!”

40 – VENANSIU – (Con estrema naturalezza) “E cose, che fisse bun a lezze….!?!?”

41 – SCARSI – (Si dirige alla scrivania: con veemenza) “Nu….che me fisci anetu a trafegaa in ta bursa….!!!”

42 – VENANSIU – (Con ovvieta’) “Nu, nu….u lea posou li’ in simma…..” (Indica la scrivania) “...

….bellu largu….!!!”

43 – SCARSI – (E’ alla scrivania: ha preso il bicchiere e una bottiglia d’acqua minerale in mano: fa’ per replicare ma nota la bottiglia aperta e l’acqua mancante) “E questa….!?!?” (Con stupore: poi, a Venansiu, mostrandogli la bottiglia) “E chi se l’e’ colaa ‘sta chi’….!?!?”

44 – VENANSIU – (Fa’ spallucce) “Booh….!!!” (Poi, risoluto) “A mi’, l’egua minerale a nu me ghusta….m’e’ ciu’ cau quella de vivagna…..” (Indica la bottiglietta) “’Sta chi, a nu ha de sou…!!”

45 – SCARSI – (Sarcastico) “Za’….a nu sa’ mancu de crava….” (Poi, a Venansiu, perentorio) “E chi l’e’ stetu alantun, u Spiritu Santu….!?!?” (Si vuota da bere) “E cosa l’e’, ‘sta chi….a ca’ di fan-

tasmi…..!?!?” (Non gli lascia tempo di replicare) “A prupoxitu de fantasmi….. e due scignurin-e….

….!?!?”

46 – VENANSIU – (Allarga le braccia) “E mah….!!! Vei seia, a-a toua, nu gh’e-en….e stamatin…

a eutt’ue g’ho picou ‘n’ta porta…..ma e-en za’ sciortie….!!”

47 – SCARSI – (Riapre il fascicolo, comincia a sfogliare le carte) “Matiniere, eh….!! Va ben, oria dii che e vedioo anch’eu a dirnaa….”

48 – VENANSIU – (Si accomiata, dirigendosi all’uscita di destra) “Ben….alantun, mi vaggu a vei se ariva quelli de Geova, eh…..”

49 – SCARSI – (Trasalisce) “Quelli de chi…..!?!? E cose gh’intren…..!?!?!?”

50 – VENANSIU – (Uscendo a destra) “I testimoni, nu….!?!?”

51 – SCARSI – (Rimane un lungo attimo immobile, come folgorato. Poi chiude il fascicolo, afferra la bottiglia d’acqua, ne beve un bicchiere di fiato, se ne versa un po’ su una mano passandosela sul viso: poi, asciugandosi con un fazzoletto cavato di tasca) “U l’e’ u cadu…..” (Apre convulsamente il fascicolo, sfogliando le carte) “…..u nu peu esse che u cadu…..!!!!”

In quel momento, da destra, fa’ il suo ingresso in scena reggendo un vassoio con una tazza e un pac

chettino a scia Bice.

52 – BICE – (Fa’ il suo ingresso in scena da destra: con voce squillante) “Bungiurnu, Giorgio….!!

U l’ha dormiu ben….!?!?” (Scostando disordinatamente le carte dalla scrivania sotto lo sguardo at

tonito di Scarsi e posandoci il vassoio) “Pero’, u l’e’ matinieru, eh…..!!!”

53 – SCARSI – (Desolato) “Pe forsa….o s’aprufitta quande i atri dorme, o chi nu se resce a faa nin-

te…..!!!!”

54 – BICE – (Accondiscendente) “E sci, Giorgio…..u l’ha raxiun….u l’ha propriu raxiun….!!”

(Poi, materna) “Sciu, sciu….oua basta loua….” (Chiude il fascicolo, glielo toglie letteralmente da davanti riponendolo in un angolo) “Cu fasse culasiun, che cun stu cadu….bezeugna mangiaa se uemmu rezise in pee…..” (Gli mette davanti la tazza ed il pacchettino) “G’ho portou u te’ cui creck

ke…..d’estee, bezeugna staa legeri….”

55 – SCARSI – (La guarda interdetto) “U the….cui crecker…..” (Guarda la tazza, prende il pac-

chetto, lo osserva alcuni istanti, poi, disperato, indicandolo) “De dui anni fa…..!?!?”

56 – BICE – (Si allarga in un sorriso) “Nu, nu….sti chi’ sun belli freschi…..” (Scarsi sta’ per rilas-

sarsi e sul suo viso sta’ per comparire una parvenza di sorriso liberatorio ma e’ gelato dal resto

della frase) “Va’ Venansiu a pigiali zu’ in tu paise, n’otta ogni trei meixi…..: u sa’, i mangemmu an

che niatri e alantun…..”

57 – SCARSI – (L’interrompe secco) “I mangei anche viatri…..!?!?!?”

58 – BICE – (Un po’ sorpresa) “Sci….!!”

59 – SCARSI – (Glaciale) “E sei ancun vivi…..!?!?” (Poi, rivolto alla platea, sbotta) “Beleu che pelle…..pezu di baggi…..!!!!”

60 – BICE – (Meravigliata) “Perche’, nu ghe piaxen i i crekke….???”

61 – SCARSI – (Tenta di svicolare) “Nu, nu….l’e’ che….a-a matin nu fassu mai culasiun….a m’a-

ruin-a dirnaa….” (Si riappropria delle sue carte, sposta il vassoio in un angolo, ci posa sopra i crecker, prende la tazza del the’) “Eu dii che….bevioo sulu in poo de the’, eh….!” (Avvicina la taz-

za alla bocca, poi si blocca di colpo: trafelato) “Scia Bice….cun che egua a l’ha fetu u the’…..!?!?”

62 – BICE – (Con assoluta naturalezza) “Cun quella de vivagna, nu….!?!?” (Tenta di spiegare) “Quella che Venansiu u va’ a pigia tutte e matin dunde…..”

63 – SCARSI – (L’interrompe inorridito) “Dunde scarega e crave….!!!” (Posa precipitosamente il bicchiere nel vassoi: prende la bottiglia di minerale, la apre) “Ben cusci’, scia Bice….ben cusci’, eh….!!!!” (Beve a canna un lungo sorso d’acqua. Poi, indicando il vassoio a Bice) “Ca sacolle via tuttu….!!!”

64 – BICE – (Con aria preoccupata) “Ma….Giorgio….u nu me dia’ che….”

65 – SCARSI – (L’interrompe: disgustato) “Ca sacolle via tuttuuuu…..!!!!”

66 – BICE – (Si avvicina alla scrivania, prende il vassoio) “Va ben, va ben…portu via subetu…” (Si avvia per uscire a destra: si ferma, voltandosi verso di lui) “Cumunque….su se gh’apensa…..se ghe veggne famme…..mi, lasciu tuttu de la, eh….!!”

67 – SCARSI – (Sbrigativo) “Sci, sci…..grasie, scia Bice, grasie…..”

68 – BICE – (Sta’ uscendo: si ferma sull’uscita si volta ancora verso di lui. Melliflua) “Giorgio….”

(Alza la testa di scatto, gli occhi pallati: si volta verso di lei ancora di scatto. Bice prosegue) “Pe le

Bice…..” (Poi, svenevole, prima di uscire) “Sulu Bice…..pe piaxei…..!!”

69 – SCARSI – (La guarda uscire con gli occhi sbarrati, poi, prendendosi il viso fra le mani, con e-

spressione di sommo disgusto) “Pe caitee….!!!!!”

La scena rimane immobile per alcuni istanti, durante i quali Scarsi torna ad esaminare le carte del fascicolo, prendendo appunti e bofonchiando fra se’ commenti incomprensibili. Poi, da destra, fa’ il suo ingresso in scena Venansiu.

70 – VENANSIU – (Ricompare in scena da destra: sussiegoso) “Cumisaiu, gh’e’ l’Apuntatu Cun a Bazan-a…..”

71 – SCARSI – (Ha un moto di esasperazione)“E u marasciallu cun u salamme…!! Venansiu……..

Collafava….!!! Appuntato Antonino Collafava….!!!!”

72 – VENANSIU – (Perentorio) “Apuntu: Cun a Bazan-a…!!!”

73 – SCARSI – (Esasperato) “In Italian……Collafava….!!!!”

74 – VENANSIU – (Ha un moto di stizza: lo manda a quel paese con un plateale gesto del braccio) “E so’ asee mi…nu sun miga bun a parlaa e lengue…!!!” (Uscendo da destra) “U fassu intraa, che l’e’ megiu…..”

75 – SCARSI – (Lo guarda uscire: rassegnato) “Sci, Venansiu….feilu intraa che l’e’ megiu…..!!!”

76 – COLLAFAVA – (Entra in scena qualche attimo dopo da destra) “Il Commissario Scarsi…??”

77 – SCARSI – (Si alza) “Si, sono io….” (Gli tende la mano) “….piacere di sconoscerla, appuntato

78 – COLLAFAVA - (Saluta militarmente) “Commissario, appuntato Antonino Collafava della lo-

cale caserma dei carabinieri…..” (Gli stringe la mano) “A disposizione…..”

79 – SCARSI – (Poco avvezzo ai formalismi) “Si, si….la ringrazio….” (Gli indica la sedia di fronte a lui, tornando a sedersi) “Si accomodi, prego…..!”

80 – COLLAFAVA – (Si toglie il berretto) “La ringrazio….” (Poi, indicando le carte che Scarsi ha davanti) “Ha gia’ visto il fasciolo….??”

81 – SCARSI – (Perplesso) “Si, si….l’ho visto ma….non ci ho capito molto….”

82 – COLLAFAVA – (Allarga leggermente le braccia) “Mi scusi ma….con la grammatica e la sin-

tesi non e’ che ci vado molto d’accordo…..”

83 – SCARSI – (Lo giustifica) “No, no….ma non e’ per la sintassi…..!!!” (Rassegnato) “In Questua

….ghe sun abituou….!!!” (Fa’ scorrere brevemente le carte) “Gh’e’ propriu due o tre cose chi….” (Le indica) “….che nu me cunvinsen….”

84 – COLLAFAVA – (Anch’egli dubbioso) “Se e’ per questo….anche a me’ ci sono alcune cose che mi hanno lasciato dubitativo….”

85 – SCARSI – (Sospira rassegnato) “E meno male che anche lei e’ dubbioso….!!!”

86 – COLLAFAVA – (Pensieroso) “E si….e’ per questo che ho lasciato spazio per un suo interven-

to…..perche’ in tutta questa storia non ci vedo chiaro…!!”

87 – SCARSI – (Un po’ piccato) “E brau cee….ti mee fetu propriu in bellu regallu….!!!”

88 – COLLAFAVA – (Quasi a scusarsi) “E lo so’…un bel pasticcio…!!! Non si vive bene da que-

ste parti…..soprattutto di questa stagione….!!” (Poi, quasi cercando comprensione) “Si figuri un po

che oggi io avrei dovuto partire per le ferie….!!!”

89 – SCARSI – (Si allarga in un sorriso spontaneo) “Ma alantun….semmu in ta dui che l’an pigia in tu breuxiu….!!!” (Poi, allungandosi verso di lui) “Apuntatu…..ti see che ti m’ee simpaticu…!?!?

90 – COLLAFAVA – (Stupito) “Comeee….!?!?!?”

91 – SCARSI – (Si ricompone) “Ninte….ninte….” (Prende la bottiglia della minerale) “Pensavu a vuxe ata….” (Fa’ per versarsi l’acqua, si ferma: guarda la bottiglia, poi Collafava, poi ancora la bottiglia) “Apuntatu….ti l’ee za’ feta culasiun…..??”

92 – COLLAFAVA – (Sempre piu’ meravigliato) “No, ma….”

93 – SCARSI – (Chiude il fascicolo, lo ripone nella borsa) “Nemmu a fala….!!!”

94 – COLLAFAVA – (Si alza imitando Scarsi) “Ma…commissario…non credo che di la’ in cucina

….”

95 – SCARSI – (Perentorio, avviandosi a destra) “Nu, nu….in tu paize….au bar….!!! De la’ in cu-

xin-a minimu te dan i bescheutti cun e tagne-e e e cupette cui gnagnei dentru…..!!!”

96 – COLLAFAVA – (Cerca di ribattere) “Si ma….se arrivano i testimoni….!?!?”

97 – SCARSI – (E’ sull’uscita: si volta di scatto e, perentorio) “Aspeten….cumme e nostre ferie..!!

La scena rimane vuota alcuni istanti, poi, da sinistra, con massima circospezione, rifanno il loro in-

gresso Lola e Irene.

96 – LOLA – (Fa’ capolino da sinistra, si guarda in giro un lungo istante con circospezione, fa’ al-

cuni passi poi si ferma, si gira e fa’ ampi cenni di entrare) “Liberu….forsa….!!!”

97 – IRENE – (Compare in scena subito dopo: ha in mano un rotolo) “Eccomi….!!” (Raggiunge

Lola che nel frattempo si e’ portata a centro scena) “Dove lo mettiamo….??”

98 – LOLA – (Guarda il rotolo che le sta’ tendendo Irene) “Dunde u se possa atreua, lucca….!!!”

99 – IRENE – (Seccata) “Ehi, calma, eh…..!!” (Si guarda intorno) “Pensi che sia facile nascondere qualcosa in modo che lo possano trovare…..!?!?”

100 – LOLA – (La guarda, sogghigna) “Fasile….!?!?” (Le prende il rotolino di mano e si avvicina alla scrivania) “Ciu’ de quante nu ti creddi, caa….!!!” (Lo posa in bella vista accanto al telefono) “Tou li’, tie vistu….??”

101 – IRENE – (Prova ad obbiettare) “Ma….cosi’ e’ troppo semplice…!!! Non credi che il poliziot

to possa insospettirsi se lo trova li’, di punto in bianco…..!?!?”

102 – LOLA – (Caustica) “Perche’, vistu che oua u nu gh’e’ ti creddi cu fasse in tempu a treualu le.

….!?!?!?” (Poi, perentoria) “Oua, puemmu fase treua anche niatre….!!” (Indica a Irene l’uscita di sinistra, seguendola poi fuori scena)

Passano solo pochi secondi e da destra rifa’ il suo ingresso in scena Venansiu.

103 – VENANSIU – (Rientra da destra, cercando Scarsi) “Cumisaiu, ghe saieiva…..” (Non lo vede

si blocca) “E dunde en aneti, oua….!?!?” (Rimane fermo qualche attimo, allarga le braccia) “Boh...

…!!” (Rimane ancora qualche istante immobile, indeciso. Poi muove verso la scrivania. Prende la bottiglia d’acqua minerale, l’apre, ne beve un lungo sorso) “Pero’…..” (Commenta posandola) “An raxiun….a levva propriu a see….” (Comincia a curiosare sulla scrivania) “E a nu sa’ mancu de pu-

legrin-a cumme u vesci’…..” (Non trova niente: scuote la testa. Prende la borsa per terra, la apre, ci guarda dentro) “E nu gh’e’ gustu….” (Rigetta la borsa sotto la scrivania) “U l’ha za missu tuttu a postu….!!!!” (Il suo sguardo si posa sul rotolino accanto al telefono) “E questu cosu l’e’…..!?!?”

(Si chiede: lo prende, lo guarda, si illumina) “Carta Velin-a….!!” (Soddisfatto, uscendo da destra) “A vegne ben pe fasciaghe e euve….!!”

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra, accompagnata da Bice, fa’ il suo ingresso in scena con passo pesante e portamento solenne, la Baronessa Ute Von Manninghe.

104 – LA BARONESSA – (Entra da destra, preceduta da Bice: sguardo penetrante e diffidente, portamento maestoso) “Damn….questo contrattempo non ci folefa….!!”

105 – BICE – (Tenta quasi di giustificare il defunto Barone) “Beh ma….poviou Barun…pensu che le….a n’avieiva fetu a menu vuentea de crealu….!!”

106 – LA BARONESSA – (Gironzolando indagatrice e sospettosa per la scena, con un gesto di stizza) “Ohhh….non e’ kuesto il problema…..!!”

107 – BICE – (Si ferma a centro scena: interdetta, allargando le braccia) “Sau dixe le…!!!”

108 – LA BARONESSA – (Si volta verso di lei) “La zua dipartita e’ arrifata in un momento poco opportuno per i nozstri affari che purtroppo rizschiano di supire pesanti consequenze….”

109 – BICE – (Piuttosto incuriosita) “Uhhhhh….davei….!?!? Me rincresce….me rincresce propriu.

….!!”

110 – LA BARONESSA – (Impassibile) “Prendo atto della zua zolidarieta’…” (Fa’ una breve pau-

sa) “Piuttosto….i zuoi effetti perzonali sono gia’ ztati messi a dizposizione da autorita’ giudiziaria...

….??”

111 – BICE – (Resta un attimo perplessa, poi capisce) “ I seu bagagli a veu di….!!!” (Si illumina) “Sci, sci….sun de la’ in ta stansia….” (Indica l’uscita a sinistra) “Ca vegne…..” (Avviandosi e usce

ndo a sinistra) “….ghe fassu vedde….!!”

112 – LA BARONESSA – (La segue fuori a sinistra) “Crazie….!!!”

La scena rimane vuota ancora alcuni istanti, poi, da sinistra, preoccupatissima, rifa’ il suo ingres-

so in scena Lola.

113 – LOLA – (Rientra da sinistra, decisamente agitata) “Beleu chi…..” (Si avvia con passo spedi-

to verso la scrivania) “Beleu chi….!!!!” (Afferra la borsa, la posa sulla scrivania) “Quella gatta

morta de la’…..” (Indica l’uscita di sinistra, riferendosi a Irene) “A paa cusci’ santa ma….” (Rovi-

sta furiosamente nella borsa) “Pe nu dii ninte de pergamene a pretende trei quarti du guagnu….!!”

(Non trova quello che cerca: rovescia stizzita la borsa sulla scrivania) “A l’e’ bella lucca, tou dig-

gu mi….!!!!” (Apre il fascicolo, sparpaglia le carte)  “Epure deven esse chi….nu gh’e’ atra spiega-

siun…..”

Da fuori a sinistra, si sentono le voci di Bice e della Baronessa che rientrano in scena.

114 – BICE – (Rassicurante, da fuori a sinistra) “Ma nu…ma nu….scia stagghe tranquilla….nu ha tucou ninte nisciun….sulu i carbinee e a puliscia….!!!”

115 – LA BARONESSA – (Poco convinta) “Zpero bene….zopratutto per lei….!!”

116 – LOLA – (Trasalisce) “N’assidente…..!!!” (Ripone in fretta e furia tutte le carte nella borsa e la getta per terra: si guarda un attimo intorno, poi, uscendo da destra) “Megiu anna, eh….!!”

Un attimo dopo, da destra, fanno il loro ingresso in scena Bice e la Baronessa.

117 – BICE – (Quanto mai ossequiosa e piu’ convincente possibile) “Ma ghe l’ho ditu, Barunessa, ghe l’ho ditu…..”

118 – LA BARONESSA – (Abbozza) “Uhm….d’accordo….d’accordo….” (Si avvicina alla scriva-

nia) “Ha detto che in camera ci zono ztati solo i carapinieri ed il poliziotto che mi ha confocato….”

119 – BICE – (Risoluta) “Sci, sci….sulu lu….ghe l’asegu-u….!!”

120 – LA BARONESSA – (Gironzola pensierosa attorno alla scrivania) “Kuesta….” (La indica) “E’ la zcrivania dofe lafora il poliziotto, ha detto…..”

121 – BICE – (Decisa) “Segu-u…..u s’e’ missu propriu chi….!!”

122 – LA BARONESSA – (Con falsa noncuranza, indica la borsa a terra) “E kuella….immagino.

….e’ la porsa con le zue karte….”

123 – BICE – (Fa’ ampi cenni di assenso) “Brava….brava….scia l’ha imaginou ben….!!”

124 – LA BARONESSA – (Gironzola ancora qualche attimo, poi si appoggia alla scrivania) “E….

dofe zarebbe ora il poliziotto….??”

125 – BICE – (Allarga le braccia) “Mah….nu u so’….u l’e’ sciortiu in poo fa’ insemme au carbine-

e…..saian aneti a faa quarche suvialeugu….imaginu…..”

126 – LA BARONESSA – (Annuisce distratta) “Gia’…penzo che lei immagini bene….” (Si siede pesantemente su una delle sedie accanto alla scrivania) “Uff….ma khe caldo, oggi…!!” (A Bice) “Kortesemente….potrei afere un bicchier d’acqua….??”

127 – BICE – (Scatta ossequiosa) “Ma segu-u….!!” (Poi, professionale) “Ghe portu in gottu d’egua de vivagna, o a preferisce u vescii’…??”

128 – LA BARONESSA – (Distrattamente) “E’ indifferente, crazie….”

129 – BICE – (Uscendo a destra con passo spedito) “Alantun ghe portu in gottu d’egua de vesci’..”

(Praticamente gia’ fuori scena) “Bella fresca, che u Venansiu u l’ha apena feta….”

La Baronessa la guarda uscire con sguardo freddo, poi, non appena e’ fuori scena, scatta come una furia verso la scrivania.

130 – LA BARONESSA – (Appena Bice e’ uscita, si catapulta alla scrivania) “Maledisiun…..ma

ledisiun…..!!!!” (Afferra la borsa e comincia a rovistarla furiosamente) “Se de la’ nu gh’en, via u nu peu aveile portee e mancu u pueiva aveile za’ vendue…..l’ha treuee u pulisiottu….!!!”

Prosegue frenetica la sua ricerca ancora qualche istante, poi, da destra, si sentono i passi di Bice che sta’ rientrando.

131 – LA BARONESSA – (Riponendo velocemente la borsa per terra e tornandosi a sedere) “De-

vu cuntataa subetu l’agensia, perche’ se nu ghe l’han luu……nu peu aveile pigee che quella gatta- morta de Irene, a segretaia….!!!”

132 – BICE – (Rientra da destra con un bicchiere d’acqua) “Eccu chi, barunessa….bella fresca, ca tia sciu’ u cheu…!!”

133 – LA BARONESSA – (Abbozza un sorriso, prende il bicchiere) “Crazie…!” (Comincia a bere, si ferma al primo sorso: con un’espressione di sommo disgusto) “Che diamine….” (Poi, rivolta a Bi

ce) “Ma e’ terribile….!!!”

134 – BICE – (Capisce fischi per fiaschi) “E sci, poviu barun….l’e’ propriu teribile cu segge mortu cusci’….!!”

135 – LA BARONESSA – (Posa il bicchiere, si alza: fra se’, ad alta voce) “L’e’ teribile che beven

du ‘sta roba u segge scampou cusci’ tantu….!!!”

136 – BICE – (Stupitissima) “Ma…..barunessa….scia parla zeneize…..!?!?”

137 – LA BARONESSA – (Si accorge di essersi tradita: tossicchia leggermente, in imbarazzo, poi si ricompone) “No, no….zolo qualkhe parola…E’ ztato Rudy ad izegnarmelo: lui l’afefa imparato piuttosto bene…..” (Poi, avviandosi verso l’uscita di destra) “Adesso, pero’, e’ meglio che fada. Ho degli impegni urgenti che mi attendono…..tornero’ piu’ tardi, kuando zara’ tornato anke il poliziot-

to….” (Uscendo da destra) “Arrifederci…..”

138 – BICE – (Rimane qualche attimo impalata aspettando che esca, poi, prima di uscire a sua vol-

ta da destra, rivolta alla platea, con uno sguardo di poco rassicurata meraviglia) “Scigue….che essere….!!!”

C’e’ un attimo di vuoto, poi, da destra, fanno il loro ingresso in scena Scarsi e l’appuntato Collafa-

va.

139 – SCARSI – (Precede Collafava, parla con fervore) “Ti capisci cumm-a l’e’ vestia…!?!? A ‘stu puntu peu esse tuttu e u cuntraiu de tuttu: bezeugna ricuminsaa da l’imprinsipiu….!!”

140 – COLLAFAVA – (Segue il suo discorso) “Si, si….ti capisco….ma adesso, con quello che ab-

biamo in mano possiamo provare ben poco….”

141 – SCARSI – (Va’ a sedersi dietro la scrivania) “Se ariva i risultati dell’autopsia, foscia puem-

mu resci-i a cuminsaa a capii quarcosa….”

142 – COLLAFAVA – (Si siede di fronte a lui: allargando leggermente le braccia) “Speriamo…!!

Il colloquio e’ interrotto dall’ingresso in scena di Lola da sinistra.

143 – LOLA – (Rientra spedita da sinistra, li vede, si blocca) “Orca vacca….!!”

144 – COLLAFAVA – (La vede, non se la lascia scappare) “Buongiorno, signorina….!!” (La apo-

strofa immediatamente) “Cercavamo proprio di lei….prego, si accomodi…!

145 – SCARSI – (Alza lo sguardo, fa’ un rapido cenno di saluto a Lola, poi, rivolto a Collafava) “Sarebbe…..!?!?”

146 – COLLAFAVA – (Alzandosi in piedi e facendo accomodare Lola che nel frattempo si e’ avvi-

cinata prudentemente alla scrivania) “La signorina Lola….”

147 – SCARSI – (Con un’espressione liberatoria) “E l’ea ua….!! Pensavu che u suu u l’avesse derlenguaa….!!!”

148 – LOLA – (Si siede: in imbarazzo) “Cosu dixe….” (Accenna un timido sorriso) “Sun sempre steta chi in albergu, sciu….!?!?”

149 – SCARSI – (A muso duro) “Scarsi….cumisaiu Giorgio Scarsi, scignurin-a….”

150 – LOLA – (Velenosa: fra se’ ma ben attenta a farsi sentire) “Scarsi….!?!? Ohibo’, ma alantun a l’e’ propriu n’indagine de serie B…..!!!”

151 – SCARSI – (La guarda malissimo) “Prego….!?!?”

152 – LOLA – (Con falso pudore) “Oh, ninte…ninte….pensavu a vuxe erta….” (Poi, insinuante) “Pero’…..le stranu cumme de votte i nummi…..”

153 – SCARSI – (L’interrompe bruscamente) “U so’….u so’….a l’e’ na teoria sbaglia….!!!”

154 – COLLAFAVA – (Sedendosi accanto a Lola) “A proposito di albergo, signorina Lola…..se lei e’ sempre stata qui, come mai non l’abbiamo piu’ vista….??” (Si allunga leggermente verso di lei) “Neamche ieri sera a tavola…..!?!?”

155 – LOLA – (Con apparente tranquillita’) “Ecco….ieri ero un po’ indisposta….” (Lo guarda sor

niona) “Sa’….a noi donne capita, ogni tanto, di essere indisposte….”

156 – SCARSI – (La guarda feroce) “Anche a niatri ommi capita de esse indisposti….ogni tantu….

Specie quande n’euen faa pasaa e braghe dau collu….!!”

Lola sta’ per ribattere, ma e’ interrotta dall’ingresso in scena da destra di Venansiu

157 – VENANSIU – (Entra da destra con fare imperioso) “Cumisai….gh’e’ a Barunessa Euttu Cun e Maneggie….!!!”

158 – SCARSI – (Sconsolato, sotto lo sguardo trafelato degli altri) “Scie….” (Agita il pugno chiu-

so a formare un otto) “Cumme in sciu tramvai…!!!” (Sbotta. Poi, piu’ calmo) “Venansiu, a se ciam

me Ute Von Manninghe….!!!” (Sillaba il nome con rabbia) “BARONESSA…..UTE….VON……..

MANNINGHE…….!!!!”

159 – VENANSIU – (Con un gesto di insofferenza) “E so asee mi…..!! A l’e’ Striaca…e mi, nu sun miga bun…..”

160 – SCARSI – (Con ovvieta’) “A parlaa e lengue….” (Poi, sconsolato) “U semma, Venansiu….u semmu….!!” (Poi, professionale) “Diighe ca l’aspete n’attimu, pe piaxei …..oua semmu ocupee…”

161 – VENANSIU – (Impassibile) “A l’ha za’ aspetou primma…. quande nu gh’ei….!!”

162 – SCARSI – (Ha un moto di insofferenza) “Eu dii ca l’aspeta anche oua….!!”

163 – VENANSIU – (Tranquillo) “A l’ha e paturnie….” (Poi, con un sorriso beffardo) “A l’e’de la

…..” (Imita il gesto dello scalcio) “….ca tia de gamba cumme in tou primma da carega….!!”

164 – LOLA – (Cerca di approfittare della situazione per defilarsi) “Ma se mai, niatri puemmu ved

dise anche ciu’ tardi….tantu mi….de chi….nu scappu…..!!” (Scarsi e Collafava la guardano entra

mbi male: con un sorriso piu’ naturale possibile, ostentando ovvieta’) “Tantu….anche se vuesse….

Nu gh’e’ mancu de curiere….!!!”

165 – COLLAFAVA – (Perentorio, stronca sul nascere le sue illusioni) “Non si preoccupi, signori-

na Lola…..vorra’ dire che intanto che il Commissario Scarsi sentira’ la Baronessa, noi proseguire-

mo il nostro colloquio di la’, nelle camere…..” (Guarda Scarsi di sottecchio che annuisce convinto: poi, ancora rivolto a Lola) “Che ne dice, vogliamo andare….??”

166 – LOLA – (Acconsente suo malgrado: si alza e, prima di uscire a sinistra seguita da Collafava

“Se proprio non si puo’ rimandare…..”

167 – SCARSI – (Li guarda uscire, poi, tra se’) “E nu bella….emmu za rimandou fin troppu….” (Rivolto a Venansiu) “Fei pasaa ‘st’atra anghesa…..!!”

Venansiu annuisce e si volta per uscire da destra, ma Scarsi lo ferma

168 – SCARSI – (Richiama Venansiu) “Venansiu, pe piaxei…..” (Venansiu si volta con sguardo in-

terrogativo) “N’atroutta, se ariva quarche d’un atru…..in poo ciu’ de tattu….de discresiun, eh…!!”

(Venansiu, che non ha capito nulla, lo guarda come se fosse un marziano. Scarsi, un po’ spazientito

) “Insumma, nu l’e’ u caxu de strumbasa-a numme e cugnumme de persun-e che emmu cunvucou…

nu semmu miga an ricevimentu…..!!”

169 – VENANSIU – (S’illumina) “Aaahhh…ho capiu….!!” (Uscendo da destra) “Ho capiu tuttu !!

170 – SCARSI – (Preparandosi all’incontro con la Baronessa) “Speremmu….!!”

171 – VENANSIU – (Rientra in scena qualche istante dopo, precedendo la Baronessa: indicandola

annuncia trionfale) “Cumisaiu, gh’e’ l’atra anghesa….!!”

172 – SCARSI – (Si accascia afflitto sulla scrivania, mentre la Baronessa si blocca a centro scena guardando Venansiu sbigottita) “E te paiva na miccia…!!!” (Poi, alzandosi, rivolto alla Baronessa)

“Prego, si accomodi….” (Le indica la sedia davanti alla scrivania porgendole la mano che lei evita con indifferenza) “Mi spiace averla disturbata in un momento come questo….” (Ritrae la mano qua

si vergognandosi un po’ del gesto) “….ma purtroppo, signora…..”

173 – LA BARONESSA – (Lo interrompe decisa) “Baronessa, preco….!!”

174 – SCARSI – (Interdetto: in imbarazzo) “Ah…!! Certo, certo, baronessa….certo….!!” (Il suo sguardo si posa su Venansiu che e’ rimasto pensoso ed interdetto a guardare la baronessa) “Venan

siu, puei ana-a, eh…!!!”

175 – VENANSIU – (Non lo considera: si avvicina invece con aria indagatrice alla Baronessa, che nel frattempo si e’ seduta) “Barunessa….ca scuse….ma, a l’e’ propriu segua de esse Striaca..??

176 – LA BARONESSA – (Lo guarda meravigliata) “Ma certo….!! Di Innsbruck….perche’…!?!?

177 – VENANSIU – (Ridacchia, scuotendo leggermente la testa) “Pero’, a vitta…!! A s’asumeggia tantu a-a Terre, a figgia de Gioxe de l’Armella, du burgu veggiu….a paa seu seu binella….!!”

178 – SCARSI – (Si porta una mano alla fronte, sconsolato) “Venansiu, pe piaxei…..”

179 – VENANSIU – (L’interrompe) “Cumisaiu, nu gh’e’ miga ninte de stranu, eh…..Dixen xhe au mundu, ‘n te quarche cantu, tutti gh’emmu in binellu….!!” (Poi, uscendo a destra, allargando leg-

germente le braccia verso la platea) “Eehhh….!!”

180 – SCARSI – (Guarda trafelato la Baronessa che sembra essere in serio imbarazzo) “Lo perdoni, Baronessa…..Venansiu e’ fatto cosi’…!!”

181 – LA BARONESSA – (Vagamente stizzita) “Gia’….me lo afefano detto che kuesto piu’ che un alpergo era una specie di manicomio….”

182 – SCARSI – (Si sorprende) “Come….quando lei raggiungeva suo marito, non alloggiava qui…

…..!?!?”

183 – LA BARONESSA – (Con un moto di sommo disgusto) “Quiiii….!?!? Per carita’…!!!” (Poi si

chiarisce) “In kuesto buco fuori dal mondo, sarei morta….!! Rimanevo in paese, ospite del Notaio Spekula…un carissimo amico…..”

184 – SCARSI – (Fa’ cenno di comprendere) “Ahhh….capisco…!!!” (Poi, con noncuranza) “Co-

munque….e’ a conoscenza delle attivita’ di suo marito qui….di quelli che erano i suoi eventuali a-

mici….le frequentazioni…..”

185 – LA BARONESSA – (Sarcastica) “Certo….!!! Lucertole, cani e gatti randaggi, la sua segreta-

ria, la padrona del locale e quel tale Venanziu di cui prima…..”

186 – SCARSI – (Ancora sorpreso) “Ah….la segretaria….alloggiava qui con suo marito….!!”

187 – LA BARONESSA – (Con ovvieta’) “Certo….!!! Altrimenti….kome afrebbe potuta fargli da segretaria….!?!?”

188 – SCARSI – (Finge naturalezza) “Beh….certo….e’ ovvio….!!” (Poi, con piu’ tatto possibile) “Maa….lei….non era preoccupata da questa….diciamo cosi’….” (Si ferma un attimo, tossicchia leggermente) “…..assidua vicinanza del Barone con la segretaria…??”

189 – LA BARONESSA – (Prorompe in una fragorosa risata. Poi, con decisione) “Commissario...

….mio marito aveva sessantasei anni, soffriva di asma e aveva tre’ bay pass cardiaci, ogni kualziasi sforzo prolungato gli zarebbe stato fatale….!!!”

190 – SCARSI – (Sorpreso) “Aahh…!!! E con tutti quegli acciacchi…..veniva a passare ferragosto in un posto come questo, dove fa’ un caldo bestiale e il primo segno di civilta’ e’ a mezz’ora di di-

stanza…..!?!?”

191 – LA BARONESSA – (Fa’ spallucce) “Rudy non ha mai badato molto alla zua salute…..profa ne e’ che ha scelto per la zua stramaledetta pazzeggiata kuotidiana l’ora piu’ calda della giornata ed il pozto pecciore di tutto il circondario….!!!” (Assolutista) “Non stupiamoci se gli e’ fenuto un kol-

po…!!”

192 – SCARSI – (Preso in netto contropiede) “Beh….effettivamente…..”

193 – LA BARONESSA – (Allarga leggermente le braccia) “Komunque….inutile piancere sul lat-

te verzato, adesso….” (Con rassegnazione. Poi fa’ una breve pausa e passa al contrattacco) “Pitto-

sto…..mio marito afefa con ze’ due preziosissime perkamene antiche che dofefano ezzere donate ad un museo….fra i zuoi effetti personali non le ho trofate, lei le ha notate o  ne sa qualkosa….??”
194 – SCARSI – (La guarda un attimo con vago sospetto, poi, evasivo) “No…no…non ne so assolu

tamente nulla, baronessa. Del resto gli effetti personali del defunto Barone sono stati ispezionati va-

rie volte sia da me che dai Carabinieri…..se non sono state trovate, vuol dire che probabilmente non erano piu’ qui…..” (Si volta distrattamente per prendere l’acqua minerale) “…..anche perche’…”

(Gli cade l’occhio sulla sua borsa e sullo sconquasso provocato dalla Baronessa alla ricerca delle pergamene: vagamente irritato…) “….l’han za serchee in ta tanti….!!!” (Prende la bottiglia ed il

bicchiere sotto lo sguardo vagamente imbarazzato della Baronessa, la trova desolatamente vuota: rovesciandola piu’ volte) “……e intantu che e sercaven….” (Punta uno sguardo feroce sulla Baro-

nessa) “…..s’en freghee anche l’egua minerale….!!!”

195 – LA BARONESSA – (Imbarazzata) “Beh….se e’ cosi….” (Fa’ una pausa, si agita sulla sedia tossicchiando nervosamente) “….fuol dire che….le afefa gia’ trasferite altrofe…..” (Prova a glissa-

re. Poi, riprendendo coraggio) “Bene, commissario….se non ha piu’ bisogno di me, io…..”

E’ interrotta dall’ingresso in scena di Venansiu da destra

196 – VENANSIU – (Rientra da destra: con fare marziale) “Cumisaiu….” (Indica con una mano l’entrata di destra) “…..de la’ gh’e’ quel’atru anghesu cu l’aspeta…..!!”

197 – SCARSI – (Gli lancia uno sguardo carico di odio) “Venansiu….foscia e gente g’an in num-

me, nu….!?!?”

198 – VENANSIU – (Risentito) “Ma me l’ei ditu vui de nu faa de nummi….!!!” (Poi, a Scarsi che lo guarda trafelato, perentorio) “M’ei ditu de nu faa de nummi e de nu faa entraa l’anghesu…” (In-

dica nuovamente l’entrata di destra) “…..fin che nu se ne va’….” (Indica la baronessa) “….l’anghe

sa…..!!!”

199 – SCARSI – (Vede lo sguardo imbufalito della Baronessa: si premura di evitare incidenti) “Va ben….va ben, Venansiu…..” (Gli indica con la mano l’uscita di destra facendogli capire in modo inequivocabile di uscire) “…..dui menuti e puei falu pasa-a…..”

200 – VENANSIU – (Uscendo da destra) “Saia fetu, cumisaiu….saia fetu…..”

201 – SCARSI – (Sbuffa pesantemente: alla Baronessa) “Baronessa, credo che, almeno per ora, pos

sa bastare…..eventualmente fosse necessario….” (Si alza, tendendogli la mano per accomiatarla) “Mi permettero’ di ridisturbarla piu’ in la’….”

202 – LA BARONESSA – (Stringendogliela mollemente) “Per karita’, commissario….mi konzideri a zua dizpozizione….!!”

203 – SCARSI – (Accompagnandola con la voce mentre muove per uscire a destra) “La ringrazio, Baronessa….”

La Baronessa arriva all’uscita di destra proprio mentre sta’ entrando in scena Venansiu che prece-

de il notaio Specula. Venansiu entra e la passa, il notaio si ferma un attimo davanti a lei: si guarda

no, si scambiano uno sguardo preoccupato e poi la Baronessa esce proprio mentre Venansiu, che ha raggiunto il centro scena, annuncia il Notaio a Scarsi.

204 – VENANSIU – (Marziale come sempre) “Cumisaiu….gh’e’ u notaiu Specula….!!!”

205 – SCARSI – (Sudatissimo e al limite della disperazione, aprendo l’altra bottiglia di minerale) “Avanti, avanti…..” (Si vuota un bicchiere d’acqua e, prima di berla con avidita’, indicandogli la seggiola davanti alla scrivania) “Scia s’acomude, notaiu…..scia s’acomude….”

206 – SPECULA – (Avanza verso la sedia con camminare elegante: e’ vestito in maniera ricercata e ha un portamento fiero e baldanzoso. Parla in modo altrettanto ricercato, alternando le parole a lunghe pause) “Grasie, cumisaiu, grasie….!!!”

207 – VENANSIU – (Mentre Scarsi beve, si avvicina a Specula che si sta’ sedendo) “Sciu notaiu…

scia scuse…..”

208 – SPECULA – (Si gira verso Venansiu e, col modo di chi ascolta benevolmente un bimbo trop-

po piccolo per capire) “Venansiu…..dimme, cau…!!”

209 – VENANSIU – (Con discrezione, quasi bisbigliandogli all’orecchio) “A Barunessa…..” (Spe-

cula fa’ ampi cenni di si col capo) “…..quella ca l’e’ sciortia….” (Indica l’uscita di destra sotto lo

sguardo attonito di Scarsi che ha posato il bicchiere e si aspetta qualunque cosa) “….a nu paa tutta a Terre….a figgia de Gioxe de l’Armella….?? Ou, a paa seu seu binella, eh….!!!”

210 – SPECULA – (Con una risatina quasi di compatimento) “Venansiu…..ma cose ti dixi…!?!?” (Scuote la testa con aria di compassione) “A Terre a l’e’ aneta via trent’anni fa’….a sta’ a Rumma, oua…..!! Sun cunvintu che se duvescimu incuntrala nu a cunuscemmu ciu’ ne mi…ne ti’….!!” (Poi, rivolto a Scarsi, quasi a corroborare la sua tesi) “E Gioxe de l’Armella….figge, u ghe n’aiva un-a sula…..!!!” (Allarga le braccia platealmente, con ovvieta’ epomposita’) “Se ne deduce….”

211 -. SCARSI – (Piuttosto spazientito, lo interrompe) “….che nu semmu seguamente chi pe fa a cronistoria de Gioxe de l’Armella e de seu figgia….!!!”

212 – SPECULA – (Si ricompone: gli scompare il sorriso ebete dal volto) “Cumisaiu….seguamen-

te nu….!!!”

213 – SCARSI – (Con rassegnazione) “Menu male….armenu in sce questu….se semmu capi-i…!!”

(Rivolto a Venansiu) “Anei pure, grasie….!!” (Vede che non lo considera ma rimane pensieroso per

qualche istante e poi prova a riprendere il discorso. Lo blocca: alzando il tono della voce) “VENANSIU…..!!!”

214 – VENANSIU – (Trasalisce) “Sci, cumisaiu….dii pure, eh….!!”

215 – SCARSI – (Feroce, sempre a voce sostenuta) “SE HO BEZEUGNU….” (Si alza, indicando-

gli l’uscita di destra) “…..VE CIAMMU…..!!!!”

C’e’ un attimo di silenzio, poi Scarsi si siede e riprende la bottiglia dell’acqua riempiendosi nuova-

mente il bicchiere.

216 – SCARSI – (Beve un lungo sorso, aspettando che Venansiu sia uscito, poi) “Cu scuse, notaiu, ma loua cun ‘stu cadu e in te ‘ste cundisuin…..”

217 – SPECULA – (Lo interrompe sfoderando un sorriso da grandi eventi) “Oh, l’acapisciu, Cumi-

saiu….l’acapisciu….!!” (Poi, con un’espressione sofferente, di circostanza) “Anche mi….quan’ea Scindicu….ho avu-u i mee mumenti de depresciun, cu credde….!”

218 – SCARSI – (Ripensa alle scarpe rovinate: caustico, quasi a se’ stesso) “E te creddu…..cun tutte e grandi opere cu l’ha realizou….!!”

219 – SPECULA – (Si illumina) “U cunusce e me opere cumme Scindicu….!?!?”

220 – SCARSI – (Ne spegne subito ogni velleita’) “Mi nu….ma un-a l’ha cunuscia e mee scarpe, quande sun stetu in tu Ria du Buxe….!!”

221 – SPECULA – (Tossichia leggermente, imbarazzato) “Eeee…sci…effettivamente quellu de Ria du Buxe u l’e’ sempre stetu in di prublemi irrisolti che…..”

222 – SCARSI – (L’interrompe deciso) “A prupoxitu de prublemi irisolti…..in che raporti u l’ea cun u defuntu Barun Von Manninghe….!?!?”

223 – SPECULA – (Sorpreso dalla domanda a bruciapelo) “Mi…..!?!?!?”

224 – SCARSI – (Si guarda un attimo attorno, poi, deciso) “Viamenti….nu veddu nisciun atru…!!”

225 – SPECULA – (In imbarazzo) “Sciii….nuuuu….cioe’….vueiva dii…..” (Si ricompone: molto evasivo) “U vedde….cumisaiu…..” (Gesticola alcuni secondi, facendo una lunga pausa) “…..se cunusceivimu apena…..” (Poi, molto enfatico) “U barun u nu l’ea tipu de daa cunfidensa au primmu cu l’incuntrava….e pe dila intrega…..u l’ea in veru e propriu ursu….scorbutico e maducou…!!!”

226 – SCARSI – (Sottilmente indagatore) “Questu nu ghe impedisce de daa ospitalitee a-a Barunes-

sa quande a l’ariva da queste parti…..”

227 – SPECULA – (Si illumina) “Cun a Barunessa u discursu u l’e’ diversu…!!” (Con fare accati-

vante) “Semmu amixi de veggia data….” (Fa’ una lunga pausa: si protrae verso Scarsi) “L’ho cu-

nuscia parecchiu tempu fa’……” (Altra pausa) “…..quande a l’ea ancun Strunz….”

228 – SCARSI – (Venefico) “Perche’, oua a l’e’ diventaa ciu’ braa…!?!?”

229 – SPECULA – (Si accorge della gaffe: tossicchia un attimo imbarazzato) “Nuuu….nuu….cose u l’ha capiu, cumisaiu…..!!” (Si protende nuovamente verso Scarsi: altra pausa, poi) “Intendeivu…

…quande a nu l’ea ancun spusaa….!!!” (Altra lunga pausa) “Na donna ecessiunale….” (Inizia a far

ne il panegirico, alzando lo sguardo al cielo con fare mistico: dopo un’ulteriore pausa) “Na persun

-a stupenda…..!!!”

230 – SCARSI – (Serissimo) “Dev’esse passou parecchiu tempu, sci….!!”

231 – SPECULA – (Cerca di sviare) “Cumunque, le a l’e’ sempre a benvegnu-a in casa mee….”

232 – SCARSI – (Professionale) “Capisciu, notaiu….capisciu….” (Fa’ una breve pausa, poi) “Le u nu l’e’ spuzou, vea….!?!?”

233 – SPECULA – (Sorpreso dalla domanda) “Nu…..perche’…!?!?”

234 – SCARSI – (Glissa) “L’e’ sulu pe cumpletaa a scheda cun i seu dati….tuttu chi…” (Gli regala un sorriso tranquillizzante. Fa’ una breve pausa, poi) “L’e’ inutile dumandaghe cunferma du fetu che i raporti cun a Barunessa se limite a na solida, curdiale, lunga amicisia, veu….??”

235 – SPECULA – (Finge risentimento) “Cumisaiu, cummu peu pensaa che…..”

236 – SCARSI – (L’interrompe) “Nu ho pensou….ho dumandou…!” (Fa’ una breve pausa, poi) “Notaiu, sun indiscretu se ghe dumandu in te che circustansa u l’ha cunusciu a Barunessa….??”

237 – SPECULA – (Accondiscendente) “Ma pe caitee….gh’amanchieiva….!!!” (Fa’ una lunga pau

sa, poi, con aria pensosa) “L’ho cunusciua……” (Pausa) “…a Vienna….!!” (Fa’ un’ulteriore pau-

sa:  poi, deciso) “Gh’ea anetu pe travaggiu….a Barunessa a viveiva li’ e…….”

238 – SCARSI – (L’interrompe secco) “Stranu….!!”

239 – SPECULA – (Trasalisce) “Perche’….!?!?”

240 – SCARSI – (Finge meraviglia) “A l’e’ de Innsbruck, cumma fava a vive a Vienna….!?!?”

241 – SPECULA – (S’accorge della gaffe: corre ai ripari) “A ghe viveiva in tu sensu ca ghe trava-

giava…..!!”

242 – SCARSI – (Si allarga in un sorriso) “Aaahhh…eccu…!!!” (Rabbuiandosi di nuovo) “E che travaggiu a fava….??”

243 – SPECULA – (Aveva ritrovato il sorriso: lo perde di nuovo) “Ah….!!!” (Pausa) “Eeee……”

(Altra pausa) “A l’ea…..” (Pausa: imbarazzatissimo) “A fava…..”

244 – SCARSI – (L’interrompe) “Sei cumunque arestee in ottimi raporti…”

245 – SPECULA – (Si rilassa) “Za….” (Sbuffa pesantemente) “Propriu cusci’….”

246 – SCARSI – (Deciso) “Devu credde che alantun u nu l’e’ stetu u Barun a sceglie ‘stu postu pe pasaghe feragustu….ma a Barunessa…..”

247 – SPECULA – (Nuovamente in  imbarazzo) “Beh…sci’…effettivamente…a-a Barunessa…….

a l’e’ vegnua a treuame na otta….gh’e’ piaxu-u u postu…..”

248 – SCARSI – (Perentorio) “A l’ha pensou ben de parchegiaghe u maiu intantu ca l’alogiava in ca’ de n’amigu….!!!”

249 – SPECULA – (Al colmo del disagio) “Cumisaiu….cu nu stagghe a credde…..” (Fa’ una lunga pausa, deglutisce pesantemente) “…..anche u Barun….da ‘ste parti….u l’aiva i seu diversivi, eh…!!

250 – SCARSI – (Fa’ spallucce) “Imaginu….” (Fa’ una pausa: lo guarda malissimo) “Riesciu a imagina-a….!!” (Poi, dopo un’altra pausa) “Bene, notaiu….pensu che pe u mumentu posse bastaa..

(Si alza per congedarlo, imitato da specula) “Se saiaa u caxu, me permetioo de desturbalu ancun…

251 – SPECULA – (Gli tende la mano con un ampio sorriso) “Ma pe caitee, Cumisaiu: sempre a di

spusisiun….!!!” (Poi, mentre si stringono la mano, si fa’ serio in viso) “Cumisaiu….u nu l’aviaa mi

ga pensou maa, eh……!?!?”

252 – SCARSI – (Lo guarda fisso negli occhi: tenendogli stretta la mano, glaciale) “Perche’, aviee duvu-u….??”

253 – SPECULA – (Si divincola quasi dalla stretta di Scarsi) “Nu, nu….” (Avviandosi in fretta verso l’uscita di destra) “Arivederci, Cumisaiu….” (E’ voltato per salutare: centra in pieno una se-

dia, rovesciandola. Si piega piu’ volte, indeciso se alzarla o meno, poi la rialza, la sistema dove era prima con massima cura e, uscendo da destra con passo svelto, sotto lo sguardo glaciale di Scarsi)

“Arrivederci…..!!”

254 – SCARSI – (Lo guarda uscire, poi, sornione) “Sci, sci….arrivederci….!!”

Scarsi si risiede scuotendo la testa e, dopo un attimo, da sinistra, rifa’ il suo ingresso in scena l’ap-

puntato Collafava.

255 – COLLAFAVA – (Rientra in scena da sinistra con un blocco per appunti in mano: sbuffa pe-

santemente, sedendosi di fronte a Scarsi) “Uffa….!!! Peggio che scrivere un rapporto….!!”

256 – SCARSI – (Lo guarda sogghignando) “Dua a scia Lola, eh….!!!”

257 – COLLAFAVA – (Lo guarda stravolto) “Dura la scia Lola….!?!? Vedessi l’altra….!!”

258 – SCARSI – (Meravigliato) “Ah….!! Hai beccato pure la segretaria….!?!?”

259 – COLLAFAVA – (Con rassegnazione) “Gia’….la signorina Irene…Si scusa per non essersi fatta viva prima ma non sapeva che la stavi cercando…..” (Poi, scimiottandola vagamente) “….e ie-

ri sera, era indisposta pure lei….!!”

260 – SCARSI – (Con una smorfia) “Pero’, n’epidemia, eh….!!”

261 – COLLAFAVA – (Prosegue nel suo rapporto) “Comunque, i papiri sono pergamene antiche che……”

262 – SCARSI – (Lo interrompe) “Si, lo so: me ne ha parlato la Baronessa….sembra siano sparite”

263 – COLLAFAVA – (Riprende il racconto) “Sapevano entrambe che esistevano, Lola era adirit-

tura qui per venderle per conto del Barone,  ma su che fine abbiano fatto…..” (Allarga le braccia) “…..non ne hanno idea….!”

264 – SCARSI – (Fa’ spallucce: fra se, ad alta voce) “G’aviei zuou….saieva stetu troppu fasile….”

265 – COLLAFAVA – (Prosegue) “Confermano che sono state loro a vederlo per ultime in vita, ma quello che e’ strano…..” (Fa’ una pausa allargando le braccia) “….e’ che, dato che l’hanno vi-

sto separatamente, non si riesce bene a capire chi delle due sia stata l’ultima….!!!”

266 – SCARSI – (Trasalisce) “Cumme saieiva a dii….!?!?”

267 – COLLAFAVA – (Allarga ancora le braccia) “Beh, ognuna delle due dice di averlo incontra-

to qui nel cortile verso le due e che, dopo aver scambiato due parole, l’ha salutata e si e’ incammina

to per fare la sua passeggiata…..”

268 – SCARSI – (Drastico) “Un-a de due a cunta de micce….” (Si fa’ pensoso) “Bezeugna vedde chi e perche’…..!!”

269 – COLLAFAVA – (Risbuffa pesantemente) “Commissario, io sarei distrutto….ti va’ di prender

ti un caffe’….??”

270 – SCARSI – (Distolto dai suoi pensieri) “Perche’ nu….!?!?” (Si alza, imitato da Collafava: si blocca) “’Speta in po….” (Si china verso la borsa, prende il fascicolo e lo porge a Collafava) “Por-

titelu in poo via, stu chi…!!”

271 – COLLAFAVA – (Meravigliato, prendendo il fascicolo) “Perche’, nella tua borsa non ci sta’”

272 – SCARSI – (Sornione) “Devu faa n’esperimentu de…..puliscia scientifica….!!”

Si avvia a destra seguito da Collafava che, non avendo capito nulla, rimane un attimo fermo, fa’ una smorfia, perplesso, ed esce a sua volta con il fascicolo in mano. Dopo qualche istante, da destra, rifa’ il suo ingresso in scena Venansiu.

273 – VENANSIU – (Fa’ il suo ingresso in scena da destra con qualcosa da portare nelle stanze a sinistra: arriva dalla scrivania, il suo sguardo si posa sulla bottiglia dell’acqua minerale, si ferma)

“Pero’…..” (Si avvicina alla scrivania, prende la bottiglia, rimane un lungo istante a guardarla: po

sa cio’ che ha in mano, la apre e beve a garganella. Rifiatando) “A nu l’e’ miga gramma eh….!!”

(Richiude la bottiglia, la posa sulla scrivania, fa’ per riprendere quello che aveva in mano, si bloc-

ca: il suo sguardo si e’ riposato sulla bottiglia e ha notato che e’ quasi vuota. Preoccupato) “Sci ma……” (Un istante, poi s’illumina) “Speta ti….!!” (Agguanta la bottiglia ed esce velocemente da destra. Dopo qualche istante riappare in scena con la bottiglia piena, la posa sulla scrivania, ri-

prende cio’ che aveva in mano e, prima di uscire da sinistra, soddisfatto di se’ stesso) “Oua ben…!

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra, rifa’ il suo ingresso in scena Scarsi.

274 – SCARSI – (Rientrando da destra, si ferma sull’ingresso e si volta a salutare) “Ciao, appunta-

to….ci vediamo oggi. Bun apetittu…..!!!” (S’incammina verso la scrivania: alzando gli occhi al cie

lo) “Beatu ti che ti vee a ca’ a mangiaa e nu t’aresti in te ‘sta ratea….!!” (Si siede alla scrivania scuotendo il capo, prende il bicchiere e se lo pone davanti, poi prende la bottiglia: si blocca guar-

dandola con stupore) “Ma….a l’ea quexi veua….!!!”

In quel momento, da sinistra, rientra in scena Venansiu.

275 – VENANSIU – (Transita in scena uscendo da sinistra diretto a destra: vede Scarsi perplesso osservare la bottiglia e, prima di uscire a destra, senza fermarsi) “Cumisaiu, l’ho impia mi eh….!!”

276 – SCARSI – (Allarga la faccia in un sorriso) “Aaahhh…..ueiva dii….!!!” (Si versa un bicchie-

re d’acqua, ne beve un sorso mentre prende il blocchetto degli appunti e la penna. Poi, ad alta vo-

ce, fra se’) “Pero’, Venansiu…..u l’e’ stetu gentile a impimela turna….” (Sta’ per bere di nuovo: si ferma: perplesso) “Sci ma….cun  cose u me l’ha impia…!?!?” (Si rilassa, fa’ spallucce: con ovvie-

ta’) “Cun l’egua de vivagna….!!!” (Ne mette in bocca un altro sorso: si blocca senza inghiottire, sbarra gli occhi sputando via l’acqua) “L’egua de vivagna…..!?!?!? E CRAVEEE…..!!!!!” (Posa il bicchiere, si alza di scatto e, uscendo da destra con passo spedito, a tutta voce) “VENANSIUUU…

…!!!!!!!”

-S I P A R I O –

  


Al riaprirsi del sipario, la scena e’ praticamente invariata: in scena ci sono Scarsi, seduto alla scri-

vania, Collafava in piedi accanto a lui che passeggia lentamente con le mani dietro la schiena e Lo

la e Irene, sedute di fronte a Scarsi, entrambe visibilmente nervose. Sulla scrivania, e’ comparsa u-

na bottiglietta di acqua minerale nuova di zecca.

1 – SCARSI – (Sbuffa ancora pesantemente, muovendosi nervosamente sulla sedia, poi, mettendo le mani aperte davanti a se’, in direzione delle due astanti) “Allora…ricominciamo….!!”

2 – LOLA – (Sbuffa a sua volta, nervosa) “Ancun….!!!”

3 – IRENE – (Allarga le braccia visibilmente seccata) “Ma insomma….!!!”

4 – SCARSI – (Perde la pazienza: batte con forza una mano sulla scrivania) “Sci scignure….ancun

….!!!” (Poi, guardando malissimo sia Lola che Irene che sono sobbalzate sulle sedie) “E se nu s’a-

scea ‘stu descursu, ghe stemmu fun-a a l’annu de trei Natali….!!!” (Riposa lo sguardo su entrambe che si sono di colpo rabbonite: piu’ calmo) “Bene….!!” (Poi, rivolto a Collafava che si e’ fermato vicino a loro) “Anemmu avanti….!!!”

5 – COLLAFAVA – (A Lola) “Signorina, mi conferma che alle due lei ha incontrato il defunto Baro

ne sul piazzale davanti all’albergo, avete scambiato qualche parola e poi lui si e’ incamminato per la sua solita passeggiata….??”

6 – LOLA – (Perentoria) “Si’….!!”

7 – COLLAFAVA – (A Irene) “E lei, mi conferma che alla stessa ora ha incontrato il Barone davan

ti all’albergo, avete scambiato qualche parola e poi si e’ incamminato per la sua passeggiata…??”

8 – IRENE – (Decisa) “Si..!!”

9 – SCARSI – (Squadra Irene con sguardo feroce) “Possiamo allora dire…..” (Gira lo stesso sguar

do verso Lola) “…..ca l’e’ steta a Scignurin-a Irene a incuntralu pe urtima…..”

10 – IRENE – (Di getto, decisissima) “Si…!!”

11 – LOLA – (Ha un sussulto: contemporaneamente, visibilmente agitata) “No…!!”

12 – SCARSI – (Abbassa lo sguardo, chiamando a raccolta tutta la sua pazienza) “Allora si puo’ dire…..”  (Ripete la manfrina di prima passando questa volta da Lola a Irene) “….ca l’e’ steta a sci

gnurin-a Lola a vedilu vivu pe urtima…..!!”

13 – LOLA – (Con enfasi) “Siiii….!!!”

14 – IRENE – (Con rabbia) “Nooo….!!!!”

(Collafava si scambia uno sguardo d’intesa con Scarsi, poi esce da sinistra)

15 – SCARSI – (Riprende a interrogare le due donne) “Eeee….dopo che lo avete lasciato, cosa ave

te fatto….??”

16 – IRENE – (Naturale) “Sono tornata in camera….”

17 – LOLA – (Con ovvieta’ allargando le braccia) “Anche mie….!!!”

Un attimo dopo, da sinistra, rientra in scena Collafava: nasconde un sacchetto con qualcosa dentro dietro la schiena. Si scambia un cenno d’intesa con Scarsi, poi si ferma accanto alla scrivania sem-

pre nascondendo il sacchetto dalla vista degli astanti.

18 – SCARSI – (Si deterge il sudore: prende la bottiglia di minerale, la apre si vuota da bere, beve un sorso) “Vabbe’…..femmu finta che segge vea….” (Fa’ una pausa, poi) “Atru descursu….le per-

gamene…!!” (Guarda entrambe interrogativo) “Cosa mi dite a proposito….!?!?”

19 – IRENE – (Scrolla le spalle) “So’ che esistevano perche’ il Barone non faceva altro che parlar-

ne ma non le ho mai viste, ne tantomeno so’ dove possono essere finite adesso….”

20 – LOLA – (Fa’ spallucce anche lei) “U Barun u me n’aiva parlou mille viaggi e u m’eiva invi-

tou chie pe fasele valutaa e eventualmente vendighele…..” (Allarga le braccia sospirando) “U nu l’ha fetu a tempu….!!”

21 – SCARSI – (Le squadra di nuovo con aria feroce) “Nint’atru….!?!?”

22 – LOLA e IRENE – (Contemporaneamente, stavolta d’accordo) “No….!!!”

23 – SCARSI – (Fa segno di si con la testa) “Bene….pe oua, basta cusci’. Per favore, pero’, tenete-

vi a disposizione perche’ penso che avro’ ancora bisogno di voi….”

24 – LOLA – (Decisamente seccata) “E pe quante, pe dui o trei anni….!?!?”

25 – SCARSI – (Secco) “Fin che ghe ne saia bezeugnu….!!!” (Guarda entrambe) “Grazie, arriveder

ci….!!!”

26 – LOLA – (Si alza, estremamente seccata) “Sci…..arivederci….!!!”

27 – IRENE – (La segue: piu’ tranquilla) “Arrivederci, commissario….” (Si avviano entrambe all’uscita di sinistra: Irene si ferma un attimo, si volta e, leggermente sarcastica) “Eeee…buon la-

voro…!!!”

28 – COLLAFAVA – (Le guarda uscire, badando bene a tenere sempre nascosto cio’ che ha in mano, poi, con una smorfia di dileggio) “Spiritosa….!!!”

29 – SCARSI – (Lascia che siano uscite, poi, a Collafava) “Ti l’ee treue….???”

30 – COLLAFAVA – (Si allarga in un sorriso: trionfante, mostrando il sacchetto) “Si….!!!!”

31 – SCARSI – (Agitato) “A gh’e’…..!?!?!?”

32 – COLLAFAVA – (Sornione) “Eccome….!!!”

33 – SCARSI – (Scatta come una molla: avviandosi a destra) “Anemmu….!!”

34 – COLLAFAVA – (Rimane un attimo interdetto) “Ma….e la borsa….!?!? Lasci tutto cosi’…??”

35 – SCARSI – (Uscendo e invitandolo a seguirlo) “Nu te preocupa….: dentru, gh’e’ a puliscia sce

ntifica…..!!” (Una volta che Collafava l’ha raggiunto sull’uscita, fermandolo per un momento) “A ghe pensa lee a faa a guardia….!!!”

La scena resta vuota per alcuni istanti, poi, da destra, armata di scopa, fa’ il suo ingresso in scena a scia Bice accompagnata da Venansiu.

36 – BICE – (Fa’ il suo ingresso da destra, precedendo Venansiu) “E ma, Venansiu….nu se dixe levaa e tagnee ma armenu na spasaa in tera se peu anche dala eh…!!”

37 – VENANSIU – (Entrando dietro di lei, mogio) “Ma scia Bice….scia au sa’….: mi, g’ho l’ernia cun u discu….!!”

38 – BICE – (Caustica) “Sci, u discu de Claudio Villa….!! Ma pe piaxei, sciu….!!” (Si avvicina al-

la scrivania, comincia a ramazzare il pavimento, poi il suo occhio cade sulla borsa: si ferma e si chiede con fare sdolcinato) “Pero’….chissa’ se Giorgio u l’ha treue i papiri….??”

39 – VENANSIU – (Non capisce: interdetto) “Giorgio…..!?!? E chi u l’e’ mai questu…??”

40 – BICE – (In brodo di giuggiolle) “U cumisaiu, nu….!?!?” (Scuotendo la testa e riservando a Ve

nansiu un sorriso di compatimento, muove per riprendere il suo lavoro ma si blocca a meta’. Guar-

da ancora la borsa, esita qualche istante poi, abbandonando la scopa e muovendo decisamente ver-

so di essa) “Ma mi’ che daggu n’eugia, se….!”

41 – VENANSIU – (Muove verso  di lei cercando di fermarla) “Nu, scia Bice, che poi u me da’ a curpa a mi…!!”

42 – BICE – (Riceve il rimbrotto quando ormai e’ troppo tardi: ha preso la borsa, l’ha posata sulla scrivania e vi ha tuffato dentro una mano. Si irrigidisce: emette un gemito) “O muee caa…..!!”

43 – VENANSIU – (La guarda interdetto, avvicinandosi a lei) “Scia Bice, scia se sente maa…??”

44 – BICE – (Ritrae lentamente la mano dalla borsa completamente sporca di rosso: la guarda tra-

felata, sbarra gli occhi e grida) “O MUEE CAA…..!!!!”

45 – VENANSIU – (Sorpreso e un po’ disgustato) “Hoi me mi…!!”

46 – BICE – (Paralizzata dal terrore, quasi in preda ad una crisi isterica) “Sangue….!! U mortu….

u cadavere….l’han tagiou a tocchi….l’han serou in ta bursa….!!!”

47 – VENANSIU – (Le e’ vicino: gli prende la mano, la osserva un attimo) “Ma che sangue….che cadavere….!!! A l’e’ tentua de iodiu….!!!” (Si illumina) “Tou li’ cosa ghe serviva au Cumisaiu…pe scundila in ta bursa e anna a vedde chi ghe fregugnava dentru…..!!”

48 – BICE – (Desolata) “Uuuhhh…..!!! E oua cumme femmu…..!?!?” (Lo guarda affranta) “Mi nu ueiva miga fregugnaghe in ta bursa, ueiva sulu vedde a che puntu u l’ea pe giutalu…!!!”

49 – VENANSIU – (Allarga le braccia: fatalista) “E mah….!!!” (Poi, indicando l’uscita di destra) “Preuemmu a mettila a bagnu in ta pulegrin-a….” (Bice annuisce sconsolata, poi prende la scopa e lo precede verso l’uscita di destra: un attimo prima di uscire, scuotendo la testa) “Speremmu ca segge ancun bun-a….l’urtima l’ho cataa in sciu mercou dui anni fa’….!!”

La scena rimane vuota per alcuni istanti, poi, da destra, con mille precauzioni, fa’ capolino il Nota-

io Specula.

50 – SPECULA – (Compare con fare circospetto sull’entrata di destra, fa’ capolino, si guarda in-

torno, entra lentamente in scena, girovaga qualche istante guardandosi intorno, si avvicina alla

scrivania, ci guarda sopra con sospetto, va’ all’uscita di sinistra, guarda oltre la stessa per alcuni istanti, poi, verificato che non c’e’ nessuno in giro, torna a passo svelto verso l’uscita di destra) “Terre….!!” (Chiama a bassa voce) “Terre….nu gh’e’ nisciun….via libera….!!!” (Fa’ ampi cenni di entrare a qualcuno) “Veggni….!!!”

Dopo qualche istante, irrompe in scena da destra la Baronessa Von Manninghe.

51 – LA BARONESSA – (Entra da destra con passo di carica: per niente nobilmente e in dialetto) “N’assidente cui butti….a tie e a questu beleu d’en paize….!!!”

52 – SPECULA – (Quasi a giustificarsi) “Ma Terre….u m’ha pigiou a-a spruvista….”

53 – LA BARONESSA – (Ferma a centro scena, si gira di scatto verso di lui) “Tie n’oxelun…!!! E quella storia de Rumma, poi….cose ti te creddi, che nu vagghen a verificaa e micce che ti ghe cunti.

…!?!? Duman matin u san za’ cumma l’e’ tutta a storia, berodu….!!!”

54 – SPECULA – (Le si avvicina: con aria piagnucolante) “A l’e’ a primma cosa che m’e’ vegnu-u in mente….!! Nu pueiva miga dighe che te sercaven perche’ ti favi a Maitresse e che ti t’ei ascusa da teu lalla a-a Vitoia….!!!”

55 – LA BARONESSA – (Sbuffa pesantemente) “E quellu nesciu de Venansiu….u nu va’ a cunusci

me….!!! Doppu trent’anni, porca vacca…!!!”

56 – SPECULA – (Perentorio) “Amia che pe mi’, quellu li’ u-u fa’ da nesciu….u nu-u l’e’ miga, se

57 – LA BARONESSA – (Fa’ spallucce) “Cose t’ieu che m’interesse suu l’e’ o suu fa’…!! A l’e’ sempre aneta ben anche perche’ mi, CHI…” (Indica l’ambiente circostante) “…g’ho sempre giou pocu….” (Riprende a passeggiare nervosamente per la scena) “Cunuscendu a scia Bice e Venansiu

….nu l’e’ che ghe fisse da fiase….” (Si ferma, allarga le braccia) “Ma oua….vistu che a quellu be-

zugu de mee maiu gh’e’ vegnu-u in mente de fase vegnii na cricca….nu ho posciu propriu fane a menu….!!!”

58 – SPECULA – (Fa’ spallucce, rassegnato) “Beh….sci….nu presentase nu saieiva stetu bellu…”

59 – LA BARONESSA – (Irritatissima) “Ciutostiu….e pergamene…..se peu savei dunde sun finie..

….!?!?”

60 – SPECULA – (Anch’egli irritato) “E ti mou dumandi a mie….!?!? E nu sun miga mi a mugee du Barun….!!!!” (Fa’ una pausa, va’ alla scrivania: sedendosi davanti ad essa) “Mi duveiva sulu incuntralu pe vedde de piciunaghele….” (Tende una mano verso di lei: con enfasi) “Figurite che eimu apuntamentu anch’eu doppu dirnaa…!!!”

C’e’ una breve pausa durante la quale la Baronessa continua a passeggiare nervosamente per la scena e il notaio si deterge il sudore con un fazzoletto, facendosi poi aria col medesimo.

61 – LA BARONESSA – (Si blocca di colpo davanti a lui) “Ghe l’ha a segretaia….nu peu esse atru

….!!!” (Sentenzia acidissima. Poi, scattando verso sinistra) “Ma oua ti vedie’ che…..”

62 – SPECULA – (Scatta dalla sedia bloccandola) “Ou…ou…ou….calma, eh….!! Gh’e’ puliscia e carbinee, nu l’e’ propriu u caxu…!!”

63 – LA BARONESSA – (Inviperita) “Ma ti te rendi cuntu…..!?!? Vaiven na furtun-a e quellu sep-

pu grammu u l’ueiva regalale….!!!”

64 – SPECULA – (Cerca di calmarla) “Va ben, va ben….” (L’accompagna verso la scrivania) “Ma oua vedemmu de carmase, eh….!!!!” (La fa’ sedere al posto che occupava lui primi e si siede a sua volta accanto a lei) “Raxunemmu….!!!”

65 – LA BARONESSA – (Venefica) “Amia Bertu che chi nu bezeugna raxunaa….bezeugna treuale.

….!!!”

66 – SPECULA – (Indispettito) “Sci, ma se nu deuviemmu u servellu, saiaa ben difisile che g’aresci

mu…!!!” (La Baronessa fa’ spallucce, apparentemente si calma. Specula fa’ una breve pausa, poi) “Tie segua che seggen ancun chi….??”

67 – LA BARONESSA – (Perentoria) “Sci’….nu peuen esse anete da nisciun-a parte…!!”

68 – SPECULA – (Pensieroso) “Nun sun stete treue da nisciun-a parte….??”

69 – LA BARONESSA – (Con fastidio) “NU….!!”

70 – SPECULA – (Insiste) “Mancu dau pulisiottu….!?!?”

71 – LA BARONESSA – (Perentoria) “Pe piaxei, eh….g’ho fin-a fregugnou in ta bursa….!!!”

72 – SPECULA – (Non molla) “Ti gh’ee amiou ben….!?!?”

73 – LA BARONESSA – (Ha un moto di stizza: si gira senza alzarsi, afferra la borsa e gliela sca-

raventa in grembo) “E amiteghee in poo ti, alantun….!!!”

74 – SPECULA – (Rimane sorpreso dalla sua reazione: si blocca un attimo, poi fa’ spallucce e fa’ per mettere una mano dentro ma all’ultimo momento si blocca di nuovo) “Segu-u che…” (Fa’ una pausa) “Segu-u che….fregugnaa in ta bursa d’en pulisiottu…..” (Fa’ una smorfia dubitativa) “Nu l’e’ che segge…..”

75 – LA BARONESSA – (Imbestialita, glia afferra la borsa se la mette in grembo, estrae un plico di carte e glielo scaraventa letteralmente in mano) “Te’….demuite…!!!” (Poi fa’ una smorfia di stu

pore, si guarda la mano e la scopre completamente tinta di rosso: geme) “O mue caa….!!”

76 – SPECULA – (Nota la mano, fa’ una smorfia di disperazione, poi, passandosi il plico da una mano all’altra, controlla le sue. Anche lui gemente) “E mia in poo mie….!!!”

77 – LA BARONESSA – (Stupefatta) “E oua cose femmu….!?!?”

78 – SPECULA – (Afferra la borsa che ha in grembo) “Anemmu a lavase….” (Vi getta dentro a caso il blocco di carte, si alza di scatto, scaraventa la borsa sotto la scrivania, poi afferrando la Ba

ronessa e trascinandola quasi di peso fuori a destra)  “E de cursa, attru che micce….!!!!”

La scena rimane vuota alcuni istanti, poi, da destra, armata di scopa, straccio e secchio, fa’ il suo ingresso in scena Bice.

79 – BICE – (Entra da destra, alquanto preoccupata) “Devu faa fitu e ben….!!” (Si catapulta verso la scrivania) “Bezeugna che pulisce subetu, primma che Giorgio u se n’acorze….!!!” (Comincia a passare lo straccio, dopo averlo immerso nell’acqua, con frenesia) “Gh’e’ de macette de quella por

caia che m’e’ cheitu d’en man…..devu pulile…..!!!” (Va’ verso l’uscita a destra seguendo il percor

so della macchie: si ferma un attimo, rimane pensosa, appoggiata alla scopa) “Pero’….nu me pai-

va che fissen cusci’ tante….!!!” (Scuota la testa con meraviglia: riprendendo il suo lavoro) “Saia’..

E’ arrivata a pochi passi dall’uscita di destra quando dalla stessa, anch’egli piuttosto agitato, si ca

tapulta in scena Venansiu.

79 – VENANSIU – (Irrompe in scena di gran carriera, quasi travolgendo a scia Bice) “Scia Bice

scia Bice….!!!!”

80 – BICE – (Trasalisce, ritirandosi di colpo per evitare Venansiu che quasi la travolge) “Aaahhh..

….!!” (Grida spaventata: poi, riprendendo il controllo) “Venansiu, n’assidente….se peu savei cose gh’e’….!?!? A mumenti me fei muii….!!!”

81 – VENANSIU – (Sempre alquanto alterato) “Scia savesse, scia Bice…..scia savesse…!!!”

82 – BICE – (Posa la scopa) “Va ben, d’acordiu….” (Lo prende sottobraccio e lo accompagna alla scrivania) “Ma nu l’e’ u caxiu de fase vegnii i patansci…..” (Lo invita a sedersi di fronte alla scriva

nia) “Seteive…..” (Si siede accanto a lui) “E oua cunteime….cusci’ so’….!!”

83 – VENANSIU – (Ansima ancora qualche istante, poi sbuffa cercando di riprendere fiato) “Ho sentiu parlaa u Cumisaiu…..cun u carbinee….”

84 – BICE – (Interrrogativa) “L’apuntatu…??”

85 – VENANSIU – (Con ovvieta’) “Cun a Bazan-a, scie…..” (Poi riprende il suo racconto) “Diven che gh’e’ de preue precise…..di raxunamenti….” (Fa’ una pausa, cercando di ricordare da parola)

“….leurgici, eccu….”

86 – BICE – (Lo guarda stupefatta) “Leurgici….!?!? Logici, oriei dii….” (Poi, interrogativa) “Ma..

….in sce cose, poi….???”

87 – VENANSIU – (Con tono marziale) “Scia Bice……a nu l’e’ na disgrasia…..” (Perentorio) “Ne

uve in sce dexe……” (Alza il tono della voce) “…..U L’E’ OMICIDIU…..!!!!”

88 – BICE – (Schizza dalla sedia: portandosi una mano alla bocca) “O mue caa….!!!”

89 – VENANSIU – (Con aria contrita) “Eeee sci’….!!!” (Allarga le braccia: alzandosi a sua volta)

“D’orestu…..” (Assume un’aria cattedrattica) “Mi l’eivu ditu subetu, eh….!!!”

90 – BICE – (Visibilmente frastornata) “Venansiu….ma cos’eu dii…..!?!?!?”

91 – VENANSIU – (Prosegue imperterrito) “Vedeivu za’ i tituli in scii giurnali…..” (Con voce im-

periosa) “…..L’OMICIDIU de RIA du BUXE……tutti i particulari in cronica….!!!!”

92 – BICE – (Ha riacquistato la calma: perentoria) “Venansiu….de cronica chi gh’e’ sulu a vostra mancansa de servellu….!!!” (Si avvicina a Venansiu che la guarda stranito, senza capire) “Ma ve rendei cuntu cosa significa na storia du genere a Quarcosa…..!?!?” (Lo riprende sottobraccio) “Pu-

liscia….carbinee….giudisi….giurnalisti….televixiuin….cuiuzi….!!!” (Guarda Venansiu che conti-

nua a fissarla con un sorriso ebete, senza capire) “Semmu l’unicu albergu da zona….!!! Tutta ‘sta gente….da quarche parte….” (Con un sorriso smagliante) “….a duviaa ben fermase…!!”

93 – VENANSIU – (Si allarga in un sorriso) “Aaaaahhhh…..ho capiu…..!!!” (Sornione) “Ciu’ pe-

gue….ciu’ durbega….!!!”

94 – BICE – (Lo scrolla leggermente, autocompiacendosi della sua perspicacia) “E sci, eh…!!” (Poi, perentoria) “Duman matin….anei au mercou…!!” (Si stacca da lui e raccoglie i suoi attrezzi. Poi, uscendo a destra e invitandolo a seguirla) “Vegnii….n’emmu a faa a lista da speiza….!!”

Dopo che Venansiu e Bice sono usciti da destra, la scena rimane vuota per alcuni secondi. Poi, da sinistra, rientrano in scena Irene e Lola: stanno litigando furiosamente.

95 – LOLA – (Rientra da sinistra, visibilmente alterata: a Irene che la segue) “E nu, eh….!!! Socia o nu socia….chin-a zu da l’erbu….!!!”

96 – IRENE – (La segue a pochi passi, molto piu’ rilassata) “Che vuoi dire con cio’, che non inten-

di piu’ stare ai patti….??”

97 – LOLA – (Inviperita) “No….intendo dire che nu eggiu famelu locia in tu mannegu…!!!”

98 – IRENE – (La guarda di sbieco: canzonandola) “Tradotto dall’ostrogoto significa che….??”

99 – LOLA – (Venefica) “Tradotto dal Genovese significa che nu ti devi preua a fregame…!!”

100 – IRENE – (Fingendo meraviglia) “Ohibo’….e quando mai…??”

101 – LOLA – (Fuori di se’) “Quande mai…..!?!? Tutte e outte che ti parli….!!! Ti mee cuntou in saccu de storie in sce ste beleu de pergamene e oua ti orieisci adreitua che te anticipesse meitee de palanche sensa savei se existen in davei, cose sun e tantu menu dunde sun…!! Ti tie tutta struna-a, tou diggu mi….!!!!”

102 – IRENE – (Imperturbabile) “Nooo…..non meta’ di tutti i soldi, ci mancherebbe…!!!” (Poi, for

zatamente pacata) “Solo meta’ del congruo anticipo che ti sei gia’ intascata, ecco tutto…!!”

103 – LOLA – (Sempre piu’ furibonda) “E braa merla….!!! Mia che se nu se treua e pergamene, MI

…..” (Si indica, alzando il tono della voce) “….de quellu che ho za’ pigiou devu restituine u duggiu

….!!”

104 – IRENE – (Passeggia con noncuranza per la scena) “Ci sono, le pergamene….ci sono…..” (Fa’ spallucce) “Probabilmente le ha davvero prese il poliziotto e ora….chissa’….le ha mandate a far valutare…..”

105 – LOLA – (A muso duro) “E dunde u se l’ha scuse, in te braghe….!?!?”

106 – IRENE – (Con somma naturalezza) “Probabilmente….davvero nella borsa…!!”

107 – LOLA – (Quasi ringhiando) “Nu gh’e-en, g’ho miou due otte….!!!!”

108 – IRENE – (Fa’ spallucce: riavviandosi lentamente verso l’uscita di sinistra) “Se ci guardi adesso…..magari le trovi….”

109 – LOLA – (Agitatissima) “In poo a vei…..” (Si avventa sulla borsa, la getta con furia sulla scri

vania sotto lo sguardo curioso di Irene che si e’ fermata, braccia conserte, sull’uscita di sinistra, vi getta letteralmente una mano dentro: si irrigidisce, sentendo qualcosa di liquido sul fondo, ritrae la mano lentamente, ,la guarda e la vede completamente tinta di rosso. Fra se’, un po’ impaurita) “E cosa l’e’ ‘sta roba….!?!?” (Realizza) “Pitua…!!!” (Poi, con un ghigno beffardo, a Irene che la sta’ osservando cercando di capire cosa stia combinando) “Irene….tieivi raxiun…le ho trovate…!!”

110 – IRENE – (Trasalisce) “Cooosaaa….sei sicura….!?!?!?”

111 – LOLA – (Si volta tendendogli la borsa aperta con una mano e nascondendo quella sporca) “Te’…..mighe ti asci’….!!!”

112 – IRENE – (Scatta verso la borsa come una molla) “Dai qua’….dai qua’…..!!!” (Immerge anche lei la mano d’impeto, senza guardare, sente il liquido sul fondo, ritrae la mano con un grido)

“Aaaahhh…!!!” (La vede tinto di rosso, sbarra gli occhi) “Sangue…..!!!”

113 – LOLA – (Ride a squarciagola) “Ma vanni via, beroda….a l’e’ pitua….!!!!” (Ributta la borsa sotto la scrivania, mostra la sua mano sporca di rosso a Irene che e’ rimasta a guardarla impietrita

“Te’…..mia chi….!!!”

114 – IRENE – (Con un filo di voce) “E ora….cosa facciamo….!?!?”

115 – LOLA – (La prende sottobraccio: accompagnandola per uscire a destra) “Anemmu a lava-

se e man, tou li’ cose femmu…..sciensiata….!!!!”

La scena rimane vuota alcuni istanti, poi, da destra, rifanno il loro ingresso in scena la Baronessa e il Notaio Specula.

116 – LA BARONESSA – (Entra da destra a passo di carica: ha un diavolo per capello. Si blocca a centro scena e, volgendosi verso Specula che la segue) “Oua basta….!!! Oua sun stuffa de fame piggia in giu: deven sciortii feua….!!!”

117 – SPECULA – (La segue poco lontano come un cagnolino: con un filo di voce) “Ma Terre…nu esse cusci’ fiea…raxiun-a….!!”

118 – LA BARONESSA – (Lo zittisce con un ruggito) “Ma sta’ sittu, nesciu….!!! Ho vistu ti’, cun u teu raxiunaa, cumme tie finiu….!!!”

119 – SPECULA – (Finge meraviglia) “Cose ti orieisci dii, scusa….!?!?”

120 – LA BARONESSA – (Deridendolo) “Quande t’iei scindicu, tie raxiunou tantu a grataa da tutte e parti che se nu ti te n’anavi subetu ti finivi dritu a Marasci…..!!”

121 – SPECULA – (Cerca di sminuire) “Ma Terre, turna cun quella storia….Ma ti see ben cumme a l’e’ aneta….!!!”

122 – LA BARONESSA – (Quasi grugnendo) “A l’e’ aneta che a mumenti ne rabellen via tutti…!!

123 – SPECULA – (Leggermente irritato) “Pe quella storia de fogne….a curpa a l’e’ de teu pue…!! U l’e’ lee cu m’ha ditu de fale scaregaa in tu ria du buxe….!!!”

124 – LA BARONESSA – (Venefica) “Ma tiee stetu ti’ a faghe a pruposta e a faa pasaa i prugetti an

che se ti saivi che e-en feua lezze…..” (Con aria interrogativa) “E questu perche’…..!?!?” (Gli si av

vicina: gli urla in faccia, ringhiando) “TI GHEE PIGIOU A MUIETTA…..!!!!” (Si avvia per usci-

re a destra: si ferma, lo squadra. Prima di voltarsi e riprendere la strada) “E che muietta…..!!!!”

125 – SPECULA – (E’ confuso: la vede avviarsi a sinistra e la rincorre con la voce) “Terre….ma dunde ti vee oua…..!?!?”

126 – LA BARONESSA – (E’ gia’ sull’uscita: si volta di scatto) “A sercaa  e pergamene….!!” (Fa

per avviarsi, poi si ferma di nuovo) “E cuminsu propriu daa stansia da scia Irene….in tu cascetun, dunde Venansiu u ghe tegniva u rumentaa….!!”

127 – SPECULA – (La vede uscire da sinistra: rimane un momento immobile a pensare, poi trasali

sce) “Terre nuuu…..!!!” (Si avvia di gran carriera: uscendo a sinistra) “In sciu cascetun gh’e’ i pei-

si du cantaa….!!!!”

 La scena rimane vuota alcuni istanti, poi, da destra, rifanno il loro ingresso in scena Venansiu e Bi

ce: discutono animatamente.

128 – VENANSIU – (Rientra da destra: questa volta e’ lui a precedere Bice. Fermandosi a centro scena e volgendosi per parlarle) “Ma ghe diggu de nu, che nu l’e’ u caxiu….!!!”

129 – BICE – (Scettica) “E peu capii se oua u papee u nasce in sa e in la cumme i funzi…!!”

130 – VENANSIU – (Si avvicina alla scrivania e indica l’angolo vicino al telefono) “Eccu, a vedde

…..!?!? I ho treue chi…..” (Poi indica l’uscita di destra) “E atri dui e-en de la’ in ta camia….!!”

131 – BICE – (Fa’ spallucce, non del tutto convinta) “Se u dii vui’….” (Poi, perentoria) “L’impor-

tante l’e’ cu ghe segge, sedunca dunde see fascemmu e euve….!?!?”

132 – VENANSIU – (Guarda Bice che esce impettita da sinistra, poi, seguendola, fa’ spallucce e…

“Ti peu capi’ se pe fasciaa due euve nu veggne ben a carta velin-a…..!!!”

Passa un attimo e, da destra, rifa’ il suo ingresso in scena la Baronessa: zoppica vistosamente, sor-

retta da Specula.

133 – LA BARONESSA – (Rientra da destra, zoppica vistosamente, e’ visibilmente dolorante e si fa’ sorreggere da Specula per camminare) “Ahia….!!” (Si lamenta visibilmente alterata) “Beleu che maa…..!!!” (Poi, con un moto di stizza) “N’asidente cui butti….ma u nu l’aiva atru postu dunde mette i peizi du cantaa….!?!?”

134 – SPECULA – (La sorregge accompagnandola verso l’uscita di destra) “Ma te l’aiva ditu de staa atenta….!!!” (Prima di uscire, fermandosi un attimo per far rifiatare la Baronessa) “Cumun-

que, ‘na cosa a l’e’ segua: cun u bulezumme che gh’e’ in simma, o Irene a l’e’ l’incredibile Hulk, o li’ dentru e pergamene nu ghe sun sens’atru….!!”

La scena rimane vuota ancora qualche istante, poi, da destra, rifanno il loro ingresso in scena Scar

si e Collafava: il primo ha in mano alcuni fogli mentre in quelle di Collafava e’ ricomparso il volu-

minoso fascicolo. Stanno discutendo fra di loro.

135 – SCARSI – (Entra per primo: si ferma un attimo, aspetta l’ingresso di Collafava, poi…) “Nu ti eivi prorpriu tutti i torti a pensaa maa…!!”

136 – COLLAFAVA – (Allarga le braccia) “Pensar male e’ peccato, ma spesso si indovina…!!”

137 – SCARSI – (Riprende il cammino verso la scrivania) “L’e’ propriu vea che….” (Nota le mac-

chie di tintura di iodio per terra: si blocca, le indica) “E questu cosu l’e’….!?!?”

138 – COLLAFAVA – (Guarda le macchie, sgrana gli occhi) “Sangue….!!!”

139 – SCARSI – (Scoppia a ridere) “Macche’ sangue e sangue….!! (Si china, sfiora con le dita una delle macchie, si rialza con l’espressione di un grosso gatto che ha appena visto il topo) “Iodiu…!”

140 – COLLAFAVA -  (Non capisce) “Iodio….!?!? Ma….che c’azzecca……!?!?”

141 – SCARSI – (Andando alla scrivania) “Tentua de iodiu, p’esse precisi…..” (Si siede sotto lo sguardo stralunato di Collafava, prende la borsa, la posa sulla scrivania, la apre: all’Appuntato, in

dicandone l’interno) “Vegni in poo a vei che c’azecca….!!”

142 – COLLAFAVA – (Si avvicina, posa il fascicolo, guarda all’interno della borsa, s’illumina) “Ho capito…!!! Ecco perche’ mi hai fatto portare via il fascicolo…..!!!”

143 – SCARSI – (Con un ghigno beffardo) “E oua euggiu in poo vei, cun stu cadu, chi l’ha u curag-

giu de arivaa cun i guanti…..!!!”

144 – COLLAFAVA – (Ridacchia soddisfatto) “Pero’….mica male come idea…!!!” (Si siede di fro

nte a Scarsi) “E intanto, noi che si fa’….?”

145 – SCARSI – (Con naturalezza) “Femmu u puntu da situasiun, e poi ciamemu tutti insemme ‘sta meza duzen-a de bezughi….”  (Indica le carte. Poi, allungandosi verso Collafava) “Euggiu propriu faame due risate….!!” (Comincia a sfogliare le carte sulla scrivania, ributtando a terra la borsa, e Collafava apre contemporaneamente il corposo fascicolo) “Dunque….vedemmu in poo…” (Prende in mano il primo foglio) “Primo elemento: il Barone Rudolf Von Manninghe. Rinvenuto che la sal-

ma.….” (Guarda male Collafava che gli e’ seduto di fronte) “….era gia’ cadavere !!”

146 – COLLAFAVA – (Si passa una mano sulla fronte, disperato) “Mio Dio….!!! Io non sono cer-

to un letterato, ma chi ha compilato il verbale…..”

147 – SCARSI – (Lo guarda di sbieco) “Ma non l’hai letto prima di firmarlo….!?!?”

148 – COLLAFAVA – (Allarga le braccia) “E che dovevo fare, rifarlo io….!?!?”

149 – SCARSI – (Scuote la testa con rassegnazione) “Andiamo avanti, che l’e’ megiu…!!” (Gli po

rge il foglio e Collafava lo allega ad uno che prende dal fascicolo) “Niente che faccia sospettare morte non naturale…..se non la strana posizione in cui e’ stato ritrovato….: sembrava Cristo in Cro-

ce….!!” (Ne scimmiotta la posizione allargando le braccia) “Secondo elemento: la moglie…..” (Passa un secondo foglio all’appuntato che ripete l’operazione) “La cosiddetta Baronessa Ute Von Manninghe…..” (Lo guarda un attimo di sottecchio) “Ciu’ che na barunessa, a me paa in pit bull…”

(Fa’ una breve pausa) “A saiva de pergamene e anche quarc’os ‘atru….Possibile sospetta…!” (Co

nclude passando al terzo foglio) “Terzo elemento: il notaio Specula….” (Ripete il passaggio di fogli

o) “Se a Barunessa a saiva de pergamene, figurite se u nuu saiva le…!! Possibile sospetto..!!” (Pas-

sa al quarto foglio) “E due madamme…..”

In quel momento, da destra, rifa’ il suo ingresso in scena a Scia Bice: e’ armata di scopa, stracci, secchio e indossa un paio di guanti da lavoro.

150 – BICE – (Entra da destra armata del necessario per le pulizie, canticchiando) “Cumme tie bel

la Zena….cumme tie bella….!!!”

151 – COLLAFAVA – (Sbuffa pesantemente) “E te pareva….!!!”

152 – SCARSI – (Si affloscia letteralmente sulla scrivania) “O mue caa…!!!”

153 – BICE – (Li vede: si illumina) “Giorgio…..bungiurnu….!!!!” (A Collafava, piu’ fredda) “Bun-

giurnu, eh…” (Non considera nemmeno l’appuntato che le rivolge un distratto cenno di saluto. Con

centra subito su Scarsi la sua attenzione) “Ma u l’e’ sempre chi cu loua, le….!!! Cun ‘ste giurnne de suu….” (Comincia ad armeggiare con scopa e straccio sul pavimento) “Cusci’ cadu….!!!” (Cer-

ca disperatamente di ripulire le macchie di iodio senza dare troppo nell’occhio) “Nu l’e’ a stagiun de loua, questa…..” (Posa la scopa, si avvicina con un altro straccio alla scrivania) “L’e’ a stagiun de anaa in ferie….!!!!”

154 – SCARSI – (Emette un grugnito sordo) “E propriu a mi’ ti mou dixi, bruttu seppu…!!!”

155 – BICE – (Comincia a spolverare sulla scrivania, sotto lo sguardo incredulo di Collafava che inizia a spostare e togliergli dalla vista le carte man mano che lei avanza) “Au maa….o magari in muntagna….”

156 – SCARSI – (Decisamente seccato) “Sci, ma se nu ti ne lasci loua au maa e in muntagna nu g’a

nemmu mai ciu’ niatri….!!!!”

157 – BICE – (Candidamente) “Ma Giorgio….levavu sulu in poo de pua…!!!”

158 – SCARSI – (Sempre piu’ imbufalito) “Propriu oua….!?!? (Passa un dito su un angolo della scrivania, alzandoglielo poi contro) “Se l’e’ dui anni che nu ti a levvi….!!!!”

159 – BICE – (Categorica, continuando imperterrita il proprio lavoro) “Apuntu….doppu dui anni bezeugna ben mette remediu…!!”

160 – COLLAFAVA – (Anch’egli piuttosto seccato) “Anche noi dobbiamo lavorare, signora…”

161 – BICE – (Con massima naturalezza) “Oh, ma fei pure,eh….nu me ne dei fastidiu….!!!”

163 – SCARSI – (Sbuffa pesantemente: rivolto a Collafava) “O capiu, mia….” (Si alza e raccoglie le sue carte imitato da Collafava) “Megiu che anemmu a pigiaa na bucaa d’aia…” (Fa’ per muover-

si ma si blocca: lo sguardo gli cade sui guanti di Bice) “Pero’…!!” (Posa nuovamente le carte sulla scrivania) “Bice, che bellu paa de guanti….!!”

164 – BICE – (Abbozza con noncuranza) “Oh, en in paa de guanti da lou…..” (Abbozza un sorriso forzato) “….catee in sciu mercou….”

165 – SCARSI – (La interrompe: completa lui la frase) “Dui anni fa’….” (Poi, di rimando) “Comu

di pe loua, eh….!!”

166 – BICE – (Finisce velocemente di passare lo straccio e comincia ad affrettarsi a togliere le ten-

de) “Sci, sci…..propriu comudi…!!” (Raccogliendo gli attrezzi) “U sa, Giorgio….pulindo…a pua…

i detersivi….”

167 – SCARSI – (Fingendo noncuranza) “Ma mia in poo che nu g’ho mai pensou….!! Squexi sque

xi…..ne piggiu in paa pe mee mugee….!!” (Poi, bloccando Bice che sta’ per incamminarsi veloce-

mente verso l’uscita di destra) “A mei fa’ in poo vedde, pe piaxei….??”

168 – BICE – (Si blocca di colpo: con un’espressione terrorizzata) “Sci, ma….a mezua….nuu so’ se….”

169 – SCARSI – (Tranquillizzante) “Sulu pe vedde u modellu….a mezua, poi….me regulu  mi…!!”

170 – BICE – (Non sa’ che dire: ne sfila uno lentamente e glielo porge) “Ah ben….sci, sci….”

171 – SCARSI – (Prende il guanto, fa’ finta di scrutarlo un lungo istante con interesse, poi, tenen-

dolo in una mano e tendendo l’altra verso Bice) “Anche l’atru….??” (Notando un attimo di tenten-

namento, con voce decisa e senza mai alzare lo sguardo dal guanto) “Pe piaxei…..!!??”

172 – BICE – (Balbetta, sfilando ancora piu’ lentamente l’altro guanto) “An…anche…l’a..l’atru…

(Poi, lamentosa) “Pe piaxei…..!!”

173 – SCARSI – (Alza repentinamente lo sguardo su di lei sorprendendola mentre cerca di nascon-

dere la mano dietro la schiena) “Ma….cosa s’e’ feta in te quella man lie….!?!?” (Avanza verso di lei prendendogliela fra le sue con delicatezza) “A l’ha missa in sciu feugu….!?!? De ‘sta stagiun….

nu dieiva…!!”

174 – BICE – (Paralizzata, con voce flebile) “N…nu nu….a l’e’….pitua….” (Balbetta quasi. Poi, tutto d’un fiato) “Ca nu se n’eu anaa….!!”

175 – SCARSI – (Con grande naturalezza) “Pitua….?? Ma gh’eu ninte….basta in poo de egua raxa

….” (La prende per mano e fa’ per incamminarsi a destra) “Ca vegne…ghe l’ho in macchina…..”

176 – BICE – (Rimane bloccata: sfila la mano dalla sua) “Nuuuu….!!!” (Resta a fissarlo qualche i-

stante mentre Scarsi la guarda sornione e interrogativo: non sa’ cosa dire) “A nu l’e’ pitua….a l’e’

…..a l’e’…..”

177 – SCARSI – (Ancora una volta conclude la frase per lei) “Tentua…..??” (La fissa, mentre Bice assume lo sguardo di chi si sente perso) “De iodiu….!?!?” (Rincara la dose: fa’ una pausa, quasi aspettando che Bice ribatta, poi) “Bice, Bice….!!” (Va’ verso la scrivania scuotendo la testa: pren-

de la borsa e gliela apre sotto gli occhi) “E bouxie….an e gambe curte….!!”

178 – BICE – (Paralizzata, con un filo di voce) “Ma mi nu ueiva imbreugiaghe e preue….ueiva sulu amiaa a che puntu u l’ea pe daghe na man…..!!”

179 – SCARSI – (Torna verso la scrivania) “Ah beh….sa l’e cusci’….” (Posa la borsa, mentre il vi

so di Bice accenna a riprendere coraggio) “….peu dase che u giudise u ne tegne cuntu…”

180 – BICE – (Torna ad essere una maschera di terrore: balbettando quasi, con un filo di voce) “U

….giudise….!?!?”

181 – SCARSI – (Si volta verso di lei, allargando le braccia) “Cosa veu che ghe digghe….!?!? Fre-

gugna in mezu ai reperti d’en caxiu in cursu de indagine, u l’e’ reatu penale: dai trei ai sei anni de galea…”

182 – BICE – (Rimane immobile un lungo istante, poi sibila) “O mue caa…!!” (Fa’ una pausa, poi, accuendo l’espressione di terrore, a tutta voce) “O MUEE CAAA….!!!!!” (Si gira di scatto, ince-

spica nella scopa che e’ appoggiata vicino a lei, riesce a tenersi in piedi, scatta verso l’uscita di si-

nistra, centra in pieno il secchio scalciandolo lontano, poi, dopo un ulteriore attimo di imbarazzo, e

sce di corsa da sinistra urlando a gran voce) “O MUEE CAAA…..!!!!”

Appena Bice e’ fuori scena, Collafava, che fino ad allora l’aveva trattenuta a stento, scoppia in una fragorosa risata.

183 – COLLAFAVA – (A Scarsi, ridendo a crepapelle) “Ma che t’e’ venuto in mente di propinargli la panzana del reato e degli anni di galera….!?!? L’hai spaventata a morte…!!”

184 – SCARSI – (A muso duro) “A vaa pe l’egua de vesci’ cun a pulegrin-a, quella de vivavgna cun a cacca de crave e a culasiun cui crecker de dui anni fa’…..!!!”

185 – COLLAFAVA – (Stenta a ricomporsi) “E’ davvero incredibile….!!!” (Poi, riacquistata pa-

dronanza di se’) “E adesso, sotto con gli altri…??”

186 – SCARSI – (Avviandosi a destra) “E ti peu dilu forte…” (Invita Collafava a seguirlo, uscendo da destra) “Anemmu…!!”

La scena rimane vuota alcuni istanti, poi, da destra, ricompaiono Venansiu e Bice.

187 – VENANSIU – (Entra da destra precedendo Bice: con aria afflitta) “Scia Bice….ma mi ghe l’eivu ditu che nu l’ea bellu, eh…!!”

188 – BICE – (Lo segue: ancora spaventatissima) “Mi nu ueiva miga faa de cose brutte….” (Comin

cia a raccogliere gli attrezzi che ha lasciato disseminati in scena) “….miaa in po’ se….”

189 – VENANSIU – (La interrompe) “A l’aresciva a cuiusaa….” (Poi, filosofico) “Sumensa de cuiuzu….a sciuisce in gramegna….!!!”

190 – BICE – (Con voce lamentosa ma risentita) “Senti in poo chi l’e’ che fa’ a predica…a carta ve

lin-a, pero’…..l’emmu pigia, eh….!!!”

191 – VENANSIU – (Si risente a sua volta) “E cose gh’intra….!?!? A lea li’….” (Indica la scriva-

nia) “Che nisciun a-a deuviava….!!!” (Allarga le braccia. Fa’ una pausa, poi) “E anche quella de

la’….in ta cammia……”

192 – BICE – (Ha un sussulto) “In ta camia……!?!? Quale stansia….??”

193 – VENANSIU – (Con naturalezza) “In ta cammia du Barun, nu…???” (Le si avvicina e spiega con calma) “Quandu l’e’ mortu….e an cheugeitu e cose….l’aiven lasciaa li’ da na parte che nisciun a pigiava…..: eu dii ca nu serviva. E pe caciala via…..”

194 – BICE – (Ha raccolto secchio e scopa) “Venansiu…..” (Con un filo di voce) “…ma quelli e-en i papiri….!!!” (Guarda Venansiu che non capisce: a tutta voce) “E pergamene che sercaven tutti…!

(Fa’ una pausa, sospira pesantemente, poi) “E oua dunde sun…??”

195 – VENANSIU – (Non si capacita di tanta agitazione: tranquillo) “G’ho fasciou e euve a Beppe u Pegua e a Luensin da leza….”

196 – BICE – (Gli cadono di mano secchio e scopa: si irrigidisce e, con un filo di voce) “O muee ca

aa…!!” (Rimane come paralizzata per un lungo istante sotto lo sguardo perplesso e incredulo di Ve

nansiu, poi, scattando verso l’uscita di destra, a tutta voce) “O MUEE CAAA….!!!!” (Parte a tutta velocita’ verso l’uscita di destra, vede che Venansiu e’ rimasto imbambolato a centro scena, si vol-

ta e, agitatissima) “Venansiu….bexeugna treuale….bezeugna dilu a Giorgio….!!!” (Poi, ancora la-

mentosa, a tutta voce) “O MUEEE CAAAA……!!!!”

197 – VENANSIU – (Muove anche lui verso l’uscita, gli si ferma accanto cercando di calmarla) “Ma….scia Bice….nu creddu che pe dui feuggi de carta velin-a…..”

198 – BICE – (L’interrompe: drastica) “Carta velin-a…….!?!? Ma se u-u sa’ u Giorgio, u ne mette in prexiun subetu, attru che….!!”

199 – VENANSIU – (Sempre pacato) “Eeee….ma ca nu se preocupe, scia Bice, che tantu doppu i sciusciant’anni in prexiun nu ghe metten ciu’ nisciun….!!!” (Poi, interrogativo) “Le….sciuscianta ai ha za’ feti d’an toccu, nu….??”

200 – BICE – (Ha un sobbalzo: piccatissima, prima di uscire a destra seguita da Venansiu) “Madu-

cou….pensa pe tie…..!!!”

La scena rimane vuota per un breve istante poi, da destra, ricompare ancora in scena una trafelata Bice, questa volta in compagnia di Scarsi e Collafava.

201 – SCARSI – (Rientra in scena da destra precedendo Bice e Collafava) “De questu nu gh’e’ da preocupase ciu’ de tantu…..visti i urtimi riscuntri, nu l’e’ che e pergamene serven a guei….”

202 – BICE – (Lo segue mogia: allarga leggermente le braccia mentre lui si avvia alla scrivania, imitato da Collafava che passa Bice, ferma a centro scena) “Mi….nu so’ propriu cumme rescusame

……” (Poi, con irritazione) “Za’, Venansiu u l’e’ in gran cuiusu: u nu peu faa a menu de fase i afari di atri….!!!”

203 – COLLAFAVA – (Si siede di fronte a Scarsi: venefico) “Signora, mi sa’ proprio che non e’ il solo….!!”

Bice fa’ per replicare, piccata, ma e’ anticipata dal rientro in scena di Venansiu dalla destra.

204 – VENANSIU – (Rientra dalla destra: con fare professionale) “Cumisaiu, gh’e’ u notaiu Spe-

cula e a barunessa…..li’…cumma se ciamma….!!”

205 – SCARSI – (Rassegnato) “Euttu cun e manegge…..” (Fa’ girare la mano chiusa a pugno nel segno dell’otto) “….cumme in sciu tramvai….!!” (Poi, perentorio) “Venansiu, lascei perde e lengue e feili intraa, che l’e’ meggiu….!!!”

206 – VENANSIU – (Esce da destra) “Saia fetu, cumisaiu….saia fetu…”

207 – BICE – (Muove a passo svelto verso la scrivania: si allunga verso Scarsi con un sorriso intri

gante) “Giorgio….u l’ha cunvuchee…!! Ma alantun….gh’e’ di suspetti….!!!!”

208 – COLLAFAVA – (Con un sorriso sarcastico) “Signora, cosa stava dicendo di Venanzio un at-

timo fa’…??”

209 – BICE – (Si volta verso di lui: cattedratica) “Cu nu se fa’ i afari….” (Si rende conto della gaf-

fe: con la voce che si affievolisce da mano a mano) “….seuuuuu…..” (Rantola quasi) “Giorgio….”

(Tossicchia nervosamente, interrompendosi) “Eccu…oua….mi l’e’ meggiu che vagghe, eh…!!!” (Fa’ dietro front, uscendo velocemente da destra) “L’e’ propriu megiu che vagghe….!!!”

210 – SCARSI – (La guarda uscire imbronciato, reggendosi il mento con una mano, il gomito pog-

giato sul tavolo) “Saieiva ua che ti anesci, na otta pe tutte…!!!”

Passa solo qualche istante durante il quale Collafava si alza e va’ a sedersi in una posizione piu’ la

terale rispetto alla scrivania, poi, da destra rifa’ il suo ingresso in scena Venansiu che accompagna il notaio Specula e la Baronessa Von Manninghe.

211 – VENANSIU – (Con fare professionale) “Cumisaiu….u notaiu Specula e a Barunessa…..cun quellu numme la’…!!”

212 – SCARSI – (Si alza: li saluta ricambiato) “Scignuri, bungiurnu…!!” (Gli indica le sedie da-

vanti alla scrivania) “Pregu, acumodeive….”

213 – VENANSIU – (Si e’ avvicinato a Scarsi: intanto che i due si avvicinano, a mezza voce, quasi in un orecchio) “Cumisaiu….mi, a barunessa….ciu’ l’amiu, e ciu’ a me paa a figgia de Gioxe de

l’armella….!!”

214 – SCARSI – (Lo fissa: con uno sguardo beffardo) “Ma ti peu capi’….!!!” (poi, mentre Venan-

siu si allontana perplesso, allargando leggermente le braccia e muovendosi per uscire a destra, si rivolge al Notaio Specula e alla Baronessa Von Manninghe che, nel frattempo si sono seduti di fron

te a lui) “Dunque, notaiu….” (Fissa Specula che risponde con un sorriso imbarazzato) “Barunessa..

…..” (Volge lo sguardo verso di lei, poi, beffardo) “Puemmu parlaa in zenesise, vea….tantu le a l’acapisce beniscimu….!!”

215 – VENANSIU – (Ha gia’ raggiunto l’uscita di destra: alle parole di Scarsi si blocca e si gira di scatto rimanendo fermo sull’uscita: commenta fra se’ a bassa voce) “Ou balette chi….!!!”

216 – LA BARONESSA – (Ha un sussulto: in imbarazzo) “Ma….che coza intente tire, scuzi…”

217 – SCARSI  - (Sfila con studiata lentezza un foglio dal fascicolo che nel frattempo ha aperto da-

vanti a se’) “Teresa Sciaccaluga….detta Terre….figlia di Giuseppe detto Gioxe d l’armella….nata a Genova il ……”

218 – VENANSIU – (Si illumina: sbotta) “Alantun tiu lee a figgia de Gioxe….bruttu seppu….!!!” (Si gira discatto, infilando l’uscita di destra) “Scia Bice….scia Biceeee…..au l’e’ in davei….!!! (Gia’ fuori scena)  “Ghe l’eivu ditu mi….!!!”

220 – LA BARONESSA – (Allibita) “Ci….ci deve ezzere un equifoco….!!”

221 – COLLAFAVA – (Rincara la dose) “Nient’affatto, signora….: nessun equivoco…!!” (Si alza e si avvicina alla scrivania) “Lei ha vissuto giu’ in paese fino a circa trent’anni fa’, quando, pressa-

ta dalla Polizia che le stava addosso perche’ gestrice di case di tolleranza, ha pensato bene di sparire

rifugiandosi presso un’anziana zia alla Vittoria…..”

222 – SCARSI – (Si alterna a Collafava) “E l’e’ propriu lasciu’, in te un di seu pelegrinaggi dae seu prutette, che u barun Austriacu u s’e’ fetu guantaa a l’ammu…..”

223 – COLLAFAVA – (Rincara la dose) “Ingoiando esca e tutto….!!!”

224 – SCARSI – (Prosegue nel suo racconto) “Emmu fetu quarche indagine cun e banche: i te dexe anni che sei insemme, dai cunti du barun l’e’ spariu circa ‘na duzenn-a de miliardi, speixi poi regu-

larmente da-a barunessa Cun e Maneggie, cumme dixe Venansiu…..”

225 – COLLAFAVA – (E’ accanto a Scarsi: apre il fascicolo e comincia a posare sulla scrivania, sotto il naso dell’esterefatta Baronessa, alcune carte) “Tutto rigorosamente documentato, fino all’u

ltimo spicciolo….”

226 – SPECULA – (Cerca di sganciarsi) “Sci ma….in te tutta ‘sta storia….mi cose gh’intru…??”

227 – COLLAFAVA – (Allarga leggermente le braccia: con ovvieta’, spostandosi verso il notaio) “Semplice….lei, nel frattempo, si e’ sempre spupazzato la qui’ presente signora, attingendo a piene mani dal patrimonio che era a sua disposizione….!!”

228 – SCAPOLA – (Assume un atteggiamento di sdegno) “L’e’ fasu….!!!” (Si inalbera, alzandosi di scatto) “Questu u l’e’ n’afruntu che…..”

229 – SCARSI – (Si alza di anche lui, spingendo il barone a sedere premendogli una mano su una spalla) “Setite, cundutu…..!!!” (Risedendosi a sua volta) “Quella de l’afruntu se mai ti vee a cunta-

la a Marasci….!!!”

230 – COLLAFAVA – (Si siede sulla scrivania, proprio di fronte a lui) “A si…!?!? Allora voglia-

mo vedere….” (Apre il fascicolo e comincia a cavarne dei fogli) “….quanti assegni la signora le ha girato negli ultimi due anni e a quanto ammonta l’importo..??”  (Continua ad ammonticchiare fogli sotto il naso del Barone che da’ evidenti segni di grande inquietudine) “Non era il Barone che ave-

va scelto questo idilliaco luogo per venirci a passare ferragosto perche’ si era innamorato del posto..

….” (Indica la baronessa) “…..bensi’ la signora, perche’ da ben prima di conoscerlo, era innamora-

ta del notaio Specula…!!!”

231 – SCARSI – (Squadra nuovamente male il notaio) “A prupoxitu de cunduti….” (Lo fissa silen-

zioso un lungo istante) “….sciu scindicu, uemmu vedde in poo unde sun anete a finii e palanche pe mette in sestu e fogne de Ria du Buxe….!?!?”

232 – SPECULA – (Ha preso un fazzoletto: continua ad asciugarsi il sudore che cola copioso sul suo volto e ad usarlo poi per cercare di farsi fresco. Prova a glissare) “Nu so….nu so’ de cose u stagghe parlandu…”

233 – COLLAFAVA – (Con apparente seraficita’) “Di quei trecento milioni di denaro pubblico…”

(Riprende a cavare fogli dal fascicolo mettendoglieli sotto il naso) “….che lei ha sottratto alle casse del Comune investendoli e perdendoli in borsa e per rendere i quali lei e la qui presente signora…”

(Indica la Baronessa) “….cercavate disperatamente le famose pergamene per venderle…..”

234 – LA BARONESSA – (Cerca di scaricare Specula) “De quelle pergamene…..mi…nu ne so’

ninte…!! Sun arivaa chi’ che e-en za’ sparie e nu me sun missa segu-u a sercale….” (Si volge verso Specula: con astio profondo) “Semai u l’e’ lee cu se l’ueiva marmelaa……” (Lo indica. Poi rincara la dose: a Scarsi) “U l’e’ fin-a anetu a fregugnaghe in ta bursa pe sercale….!!!”

235 – SPECULA – (Sobbalza sulla sedia: si alza di scatto, protendendosi verso la baronessa) “Ou, fuenta….semai tie steta ti che ti ghee  fregugnou in ta bursa….!!!”

236 – SCARSI – (Li guarda sornione) “Se fa’ fitu a vedighe…..” (Passa lo sguardo rapidamente da uno all’altra, poi) “Femmu cumme a scheua….feime vedde e man…!!!”

237 – SPECULA (Terrorizzato) e LA BARONESSA (Attonita: contemporaneamente) “E man…!?

238 – SCARSI – (Li guarda: con un ghigno cattivo) “Sci…e man…!!!” (C’e’ un attimo di silenzio durante il quale Specula e la Baronessa si scambiano sguardi esitanti ed imbarazzati, poi, molto lentamente, allungano entrambi le mani di dorso. Facendo un gesto emblematico con una mano) “Da l’atra parte…!!” (Si guardano ancora, esitanti, poi guardano Collafava che si e’ spostato alle loro spalle e, scambiatosi un ultimo sguardo, girano contemporaneamente le mani di palmo, ritra-

endole molto velocemente)

239 – COLLAFAVA – (Alle loro spalle, non aspettava altro) “Momento….momento…!!” (Cerca con lo sguardo le loro mani che sono finite chiuse a pugno e il meno visibili possibile) “Cosa sono quei segni rossi che avete sul palmo delle mani….??”

240 – SPECULA – (Sommamente in imbarazzo, esita qualche istante guardandosi intorno, poi si al

za di scatto e, tutto d’un fiato, a piena voce) “Mi avvalgo della facolta’ di non rispondere….!!!”

241 – LA BARONESSA – (Coglie la palla al balzo: si alza anche lei di scatto) “Anche mie….!!!”

242 – SCARSI – (Li guarda un attimo, poi si alza poggiando i palmi delle mani sulla scrivania: con un’espressione di odio…) “E mi m’avalgu de quella de infiave in galea e caciaa via a ciave se entru in menuto nu pigei a porta e sparii tutti dui…!!” (Fa’ una breve pausa, alzandosi definitiva-

mente. Poi, ancora bieco) “Ma nu sulu de chi dentru…” (Alzando progressivamente il tono della vo

ce) “…..de in tu paise, daa pruvincia, daa regiun….DA L’ITALIA….!!!!” (Li osserva entrambi sem

pre piu’ truce) “Sun stetu cieu….!?!?” (Entrambi annuiscono a gesti, visibilmente scossi e preoccu-

pati: e lui, a tutta voce, indicando con l’indice del braccio teso l’uscita di destra) “VIA……!!!!!”

Specula e la Baronessa rimangono un attimo fermi, sconcertati, poi scattano entrambi per raggiun-

gere l’uscita ma nella stessa direzione finendo per scontrarsi malamente.

243 – SPECULA – (Si scontra frontalmente con la baronessa, inzuccandola pesantemente) “Ahia...

…e stanni atenta, trumbun…!!!”

244 – LA BARONESSA – (Accusa il colpo, ondeggia qualche istante, poi, con rabbia, lo spinge via rimandandolo seduto) “Vanni ciu’ in la’, ommu de pessa…!!!”

La Baronessa gira sui tacchi, imboccando velocemente la strada verso l’uscita di destra, trascinan-

Do via con se’ la sedia vicino a lei, seguita per un attimo dall’interdetto e dolorante Specula che, pero’, non perde tempo a rialzarsi e seguirla piu’ velocemente possibile. Raggiungono l’uscita qua-

si contemporaneamente ma sono bloccati dall’ingresso in scena di Venansiu che precede Bice appe

na entrata: Specula passa la Baronessa, cercando di scartare Venansiu e guadagnare l’uscita, ma anche Venansiu si e’ nel frattempo spostato per lasciargli il passo e lo scontro e’ inevitabile. La sce

na si ripete un paio di volte, fra espressioni di sconforto e irritazione di Specula e di imbarazzo di Venansiu, sotto gli sguardi interdetto di Bice e divertiti di Scarsi e Collafava, finche’ alle loro spal-

le non interviene la Baronessa.

 

245 – LA BARONESSA – (Con irritazione, a Venansiu) “Ti te levi in poo, ardiciocca….!!!”

246 – VENANSIU – (Serissimo, spostandosi di lato e indicando di passare) “Prego, barunessa Cun e Manegge…!!!” (La Baronessa esce regalandogli uno sguardo pieno d’odio, seguita a pochi passi da Specula. Venansiu li lascia uscire, poi, rivolto a Scarsi) “Ardiciocca….tie capiu !! A l’e’ bun-a lee che dunda l’e’ nasciua, pe mesciase in cuxin-a sataven d’an travu a l’atru sedunca finiven in te-

sta a-a vacca…..!!!”

 

Scarsi e Collafava ridacchiano divertiti, poi tornano a sedersi.

247 – SCARSI – (Notando lo sguardo incredulo di Bice) “Bice, a me paa preocupaa….”

248 – BICE – (Non sa’ che dire) “Ma mi….Giorgio….fra quellu cu m’ha ditu le in poo fa’ e quellu che m’ha cuntou Venansiu in sce quelli dui sciabecchi che sun apena sciortii….nu savieiva mancu mi cumme pigiala….”

249 – SCARSI – (Ride divertito) “Ca stagghe tranquilla, se gh’e’ d’anaa in galea, a nu ghe finisce de segu-u le pe primma….!!”

250 – BICE – (Lo guarda incredula) “Ma alantun….” (Indica l’uscita a destra) “….u notaiu e a Ba-

runessa….”

251 – SCARSI – (La interrompe) “I stan spetandu zu in tu paise….u proscimu feragustu sou passen a Marasci…!!” (Poi, a Collafava, indicando l’uscita di sinistra) “Ciamma in poo quele atre due per- le de figeue…!!”

Collafava fa’ un cenno di assenso col capo, poi esce a sinistra.

252 – VENANSIU – (A Scarsi, dopo che Collafava e’ uscito) “Cumisaiu, eiva raxiun, eh…Au l’ea a figgia de Gioxe de l’Armella….!!!”

253 – SCARSI – (Fa’ cenno di si’ con la testa) “E sci, Venansiu, eivi prorpiu raxiun…!!”

254 – BICE – (Riprende coraggio) “Giorgio ma….” (Si avvicina a lui alla scrivania: con tono confi

denziale) “….cu me digghe in poo….: alantun sun steti l’iatri dui….” (Indica l’uscita a destra) “…a organizaa l’omicidiu…!!”

255 – SCARSI – (Scuote leggermente la testa) “Bice, chi de omicidiu…..”

E’ interrotto dall’ingresso in scena da sinistra di Collafava che accompagna Lola e Irene.

256 – COLLAFAVA – (Rientra da destra) “Commissario…..” (Si ferma e si sposta di lato lascian-

dole passare) “…..ecco le signorine….”

257 – SCARSI – (Si gira verso di loro: a Collafava) “Ah….grasie…!!” (Poi, a Lola e Irene, alzan-

dosi e indicando le due sedie di fronte alla scrivania, nel frattempo rimesse entrambe in piedi da Ve

nansiu) “Prego….seteive…!!”

258 – LOLA – (Avanza per prima: andando a sedersi, con espressione di sommo fastidio) “Alantun

….sciu SCARSI….” (Ne pronuncia il nome alzando volutamente il tono della voce quasi a rimar-

carne il significato) “…..ghe semmu ancun arivee a na cuncluxiun….!?!?”

259 – IRENE – (La segue: andando a sedersi, piu’ pacata) “Se ci ha fatto chiamare vuol dire che ci sono novita’….” (Fa’ una breve pausa: poi, lanciandogli uno sguardo provocatorio) “Almeno spe-

ro….!!”

260 – SCARSI – (Con un sorriso beffardo) “Scignurin-a….me meravigiu da seu arguzia…!!” (Chi-

na immediatamente la testa sugli incartamenti del fascicolo rimanendo un lungo istante a sfogliarli, il tempo che Collafava esca da destra e rientri quasi subito con un involucro in mano. Poi…) “Dun-

ca…dunca…dunca….”

261 – LOLA – (Con strafottenza) “Dui cunchin, fan i na cunca….!!”

262 – SCARSI – (Sempre controllando il fascicolo) “Sun cuntentu ca l’agge quee de rie…..” (Poi, alzando di colpo lo sguardo e fissandole deciso, prima Lola e poi Irene, abruciapelo) “In te l’urti-

ma setiman-a, sei mai stete, pe in mutivu qualsiasi, in tu Ria du Buxe….!?!?”

263 – LOLA – (Stupita) “Nu…!! E a faghe cose….!?!?”

264 – IRENE – (Ride forzata) “Iooo….!?!? Ma per carita’….!!!”

265 – SCARSI – (Fa’ un cenno a Collafava, che e’ in piedi vicino a lui, il quale posa l’involucro

sulla scrivania) “E allora mi spiegate come mai…..” (Comincia a svolgere l’involucro, prende due scarpe, una diversa dall’altra, e le posa sulla scrivania) “….sutta ae vostre scarpe gh’e’ a tera russa che chi in gia a s’atreuva sulu in scia ciasetta de Ria du Buxe e a nu l’e’ de ciu’ de dui giurni fa…!?

Lola e Irene rimangono di sale: si guardano un lungo istante, poi e’ Lola che prende l’iniziativa.

266 – LOLA – (Con un largo sorriso conciliante) “No, cumisaiu….foscia le meggiu che ghe spie-

ghe….” (Si rischiara la gola, nervosa) “L’e’ che….eccu….quelle pergamene….pe mi’ ueiven dii tantu…..” (Deglutisce imbarazzata) “U barun u m’aiva za’ detu in largu anticipu e….pe cunvinsilu in sciu prexiu….u sa’…..” (Ammiccante) “Rudy….u nu l’ha mai disdegnou a cumpagnia feminile..”

267 – SCARSI – (La guarda truce: perentorio) “Mancu u giurnu cu l’e’ mortu….??”

268 – LOLA – (Al sommo dell’imbarazzo) “Beh….eccu….efetivamente….” (Si volge di scatto ver-

so Bice e Venansiu che sono rimasti in disparte e seguono l’interrogatorio con massima attenzione, paurosi di perdersi anche il minimo dettaglio: poi, piccata, a Scarsi) “Ma sti dui paracari….” (Li in

dica) “…..deven propriu staa a sentii….!?!?”

269 – SCARSI – (Perentorio) “Nu peuen fane a menu: g’an e uegge…” (Fa’ una piccola pausa, poi

gelandola con lo sguardo) “Efetivamente……da che ua a che ua….!?!?”

270 – LOLA – (Si rivolta) “E nue eh…mi nu gh’intru: da n’ua a due ue….nu in menutu de ciu’…!”

271 – SCARSI – (Scatta con gli occhi verso Irene: a bruciapelo) “E lei…..!?!?”

272 – IRENE – (Fa’ spallucce) “Dalle due alle tre’, inutile negarlo….” (Sospira: poi trasalisce) “Momento, eh….!! Io, con l’omicidio non c’entro niente…!!!”

273 – SCARSI – (Fa’ un gestaccio con la mano) “Pe pixei che chi l’unicu omicidiu che gh’e’ stetu u l’e’ quellu du bun sensu….!!” (Poi, rivolgendosi con lo sguardo, prima a Lola e poi a Irene) “Eu di che qunde u l’ha molou un-a…..u l’ha pigio l’atra….!!”

274 – LOLA – (Guarda Irene di straforo, poi, rassegnata) “Cusci’ parieiva…..”

275 – IRENE – (Risponde allo sguardo, poi) “Gia’….!!!”

276 – SCARSI – (Soddisfatto di se’) “Bene….oua che ghe semmu…!!” (Si blocca: interdetto) “A sciusciantesei anni…..trei bay pass….l’asma…..trenta graddi a l’umbra…..” (Si gira di scatto verso Venansiu) “Venansiu, ti eivi raxiun….!!!” (Perentorio) “U l’e’ omicidiu…..!!!”

277 – VENANSIU e BICE – (Si guardano stupefatti: contemporaneamente) “Omicidiu….!?!?”

278 – SCARSI – (Perentorio) “Agravou…..e premeditou….!!!!” (Scuote la testa, quasi incredulo. Poi, a Irene e Lola) “E se peu savei u mutivu de tanta atensiun…..!?!?”

279 – IRENE – (Fa’ spallucce) “Le pergamene…..” (Fa’ una pausa) “Sembrava volesse venderle e

280 – SCARSI – (La interrompe) “Tutti ueivi a vostra fetta, eh….” (Conclude. Poi) “Quante e-en ‘ste pergamene…??”

Lola e Irene si lanciano una rapida occhiata, poi, contemporaneamente

281 – LOLA – (Decisa) “Due….!!”

282 – IRENE – (Con naturalezza) “Quattro….!!!”

Scarsi le guarda malissimo, passando lo sguardo con rapidita’ da una all’altra: loro si scambiano

Nuovamente una rapida occhiata, poi, ancora contemporaneamente

283 – LOLA – (Con un sorriso di circostanza) “Quattro….”

284 – IRENE – (Con insofferenza) “Due…!!!”

285 – SCARSI – (Le guarda ancora male) “E-en due o e-en quattru….!?!?”

286 – LOLA – (Fa’ spallucce) “Due originali e due fase……”

287 – IRENE – (Di rimando) “Ma intanto che importanza ha…?? Chissa’ che fine hanno fatto…!!”

288 – SCARSI – (A Irene, un po’ sarcastico) “Magari, sun finie-e in ta mee bursa…..”

289 – IRENE – (Lapidaria) “Gia’ guardato….” (Mostra le mani sporche di rosso) “….non ci sono !

290 – SCARSI – (Osserva Lola che, a sua volta, mostra le mani sporche scuotendo la testa, poi si alza) “Se vi puo’ interessare, i due falsi che avete preparato sun finii in te man de certi Beppe u pe-

gua e Luensin da leza: Venansiu u g’ha fasciou  e euve cu g’ha vendu-u.” (Comincia a raccogliere i fogli sulla scrivania, imitato da Collafava che nel frqattempo si e’ avvicinato) “I originali, invece, sun steti recuperee e mandee in Questua…..u Barun u l’ueiva vendile de cursa perche’ sun stete robee d’an museu de Milan, l’annu pasou….” (Le guarda entrambe) “Cunscidereive furtunee, belle figge, perche’ a ve pueiva finii pezu…..”

291 – LOLA – (Distrutta dalla notizia, si alza) “Cumisaiu….n’iatre puemmu anaa…..!?!?”

292 – SCARSI – (Avviandosi verso destra, seguito da Collafava) “Sci, sci…anee pure, eh…..” (Guarda di sottecchi Collafava) “….che mi e l’apuntatu Cun a Bazan-a se n’anemmu in ferie….!!”

293 – COLLAFAVA – (Ride avviandosi anche lui a destra, mentre le due signorine si avviano me-

stamente a sinistra e Bice e Venansiu rimangono fermi a centro scena: prima dell’uscita si blocca)

“Ah…dimenticavamo…!!” (Si fermano tutti voltandosi verso di lui) “E’ arrivato l’esito dell’autop-

sia: il Barone e’ morto per doppio infarto miocardico acuto. Il perito settore non sa’ spiegarsene la causa scatenante, ma noi abbiamo la presunzione di averla capita….!!!”

294 – BICE – (Desolata, a Scarsi che si trova proprio sull’uscita) “Giorgio….ma alantun….u nu l’e’ stetu n’omicidiu….!!”

295 – SCARSI – (Allarga leggermente le braccia) “Bice, serti reati nu sun ancun perseguibili pe le-

ze….!!!”

296 – BICE – (Si gira di scatto verso Venansiu: perentoria) “Venansiu, ninte marcou…cacei via a lista da speiza…..!!!!”

297 – VENANSIU – (Allarga le braccia, poi si volta verso la scrivania e nota la borsa di Scarsi. Lo richiama) “Cumisaiu, ghe lascei a bursa….!!!”

298 – SCARSI – (Ridendo) “Venansiu, vaa regallu….!!!”

299 – VENANSIU – (Interdetto) “Ma….dentru a l’e’ tutta tenta de russu….!!!”

300 – SCARSI – (Fa’ spallucce) “Beh….da chi a dui anni pouriei sempre dii che sun tracce de san-

gue de l’omicidiu de Ria du Buxe….!!!”

Scarsi e Collafava escono da destra, Lola e Irene da sinistra, lasciando Venansiu e Bice a guardar-

si sconsolati a centro scena

-S I P A R I O –

   

                        

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 15 volte nell' arco di un'anno