Longobardi e Calabresi

Stampa questo copione

Longobardi e Calabresi

Commedia in un atto

di

Salvatore Macri

 

Autore Posizione SIAE 184727 - Codice Opera SIAE 905266A

mail: macrisa@libero.it - anno 2012

PERSONAGGI

Giulietta Calabresi                             D                    

Romeo Longobardi                 U                               

Aldo                                        U                               

Carmelina                                          D                    

Amalia                                                           D                    

Felice                                      U                                

Scena: Appartamento contemporaneo

Scena prima

Carmelina e Amalia in scena

Carmelina                     (gira per il palco) Vue' io oggi me sento...eccitata! Nun veco l'ora 'e ghi' 'o stadio!

Amalia                          (seduta) Carmeli', ma chella è sulo 'na partita 'e pallone!

Carmelina                     See... ma tu comme fai? Calabrese e Longobarda... 'o stesso punteggio...chi vince va in promozione... tu nun te sienti niente che te rivoluziona tutte cose?

Amalia                          A me 'o pallone nun me piace...nun me dice proprio niente...saccio 'e chesta partita pecchè so' venuti da me 'nu sacco 'e gente!

Carmelina                     Vulevano farte fa' 'e carte?

Amalia                          Hai voglia... coccheduno vuleva pure 'a fattura... ma io cierti cose nun 'e voglio fa'... quanne se tratta 'e salute, tu 'o sai, che me metto a disposizione, ma chilli se penzanno che songo 'na addirittura 'na strega!

Carmelina                     Beh... sì stessemo 'o Medioevo... io nun saccio si tu t' 'a scampassi...

Amalia                          Io songo sulo stata furtunata a truvà chilli libri viecchi...

Caterina                        Certo che 'o monaco che l' 'a scritti 'eva tene' 'na capa tanta! Ma tu nun 'e cercato mai 'e capi' chi era?

Amalia                          A me abbasta che 'e ricette funzionano... e po', addo' trovo 'e nutizie... e che me ne facesse? Che me ne 'mporta a me si era niro o janco? Comunque, t' è passato 'o male 'e capa?

Caterina                        Sì, me sento bona e... tutta scuitata!

Amalia                          Te passerà, è l'effetto d' 'a medicina che t'aggio data... allora va buono... io vaco a truva' 'o tabaccaro... l'aggia purtà coccosa p' 'a squadra! (si alza ed esce) Statte bona, ce verimmo!

Caterina                        E vieni 'o stadio pure tu... ce divertimmo 'nu poco! (si siede) Oggi m'aggia proprio cunsula'... (verso le quinte) Aldu' 'e fernuto dint' 'o bagno? Jammo bello!

Aldo                               (entra parlando al telefono e si siede) Sì, sì... porta pure a isso... ma senza 'a fidanzata... ah, ecco... no pecchè ce stanno certe guaglione che 'o calcio nun le piace... ah, va bene... 'e pigliato 'o biglietto? Ah... quanto t'hanno fatto pava'?

(Caterina esce)            

                                      Certo che hanno aizato 'e prezzi... no, no, ne tengo uno io disponibile... te lo do io... sì, sì, va buono...'o solito bar...e po' tutti inzieme... no 'a tromba no... s' è rotta! Però 'e tracchi l'aggio pigliati... e tengo pure 'na bomba! Eh...? 'O solito posto... no, no... ce penza Carmelina... e chi 'a mantene, a chella? Ssapissi comme sta oggi.. comme? Che stai dicenne? Neh, ma tu fussi scemo? (chiude il telefono, si alza e va ad aprire) Io nun saccio che dicere... ma comme, tu stai annanze 'a porta... e me telefoni? E poi pecchè sempe chiammi sempe anonimo? (fa entrare Romeo)

Romeo                          (si siede, con modi affettati) Ma è per discrezione, tu non sei un animo gentile... non puoi capire la mia delicatezza, la mia nobiltà d'animo... Aldu', tu sì tamarro... che ci vuoi fare? Caccia 'o biglietto, anzi duje, pecchè ce sta pure 'o Console che è venuto!

Aldo                               (dandogli due biglietti) Però l'amico tamarro te serve quanne vuò ghi' 'o stadio, eh? E te serve pure quanno s' 'anna accatta' 'e tracchi... ringrazia a Dio che te so amico... tu e chella squadra toja...

Romeo                          La sempre gloriosa...

Aldo                               (saltandogli addosso e coprendogli la bocca)  Zitto! Fussi capace 'e te fa' senti'? Te sì scurdato 'e chi è chesta casa... e tutt' 'o palazzo... e 'o rione sano sano... so' tutti tifosi d' 'a Calabrese! Chilli t'accirono!

Romeo                          Ma io li metterò tutti intorno a me, mi ascolteranno a bocca aperta... li saprò confondere con la mia eloquenza e la sottigliezza della mia retorica, caro Aldo...

Aldo                               E dalli... tu ti devi annasconnere 'e capito? Si te fai vede', chilli te pigliano, te mettono 'miezo a te e 'a retorica toja e... lassammo sta’!

Romeo                          (alzandosi) Forse le tua disquisizione non è fuori luogo... ti dicevo poc'anzi che ho avuto un esempio della rozzezza degli autoctoni quando ho domandato per il biglietto ad un rivendugliolo ambulante... dovrei selezionare l'uditorio, prima di avviare la mia Lezio Magistralis! Che disgusto, che noia, questo borgo! Se avessi saputo, non sarei venuto fino qui... ma il mio cuore avrebbe sanguinato, se in questa storica occasione fossi stato lontano dalla mia squadra adorata... la gloriosa...

Aldo                               (coprendogli di nuovo la bocca)  Zitto! 'N'ata vota, mò?

Carmelina                     (entrando)  Ma chi è...? Aldo... che stai facenne... chi è chisto... signore?

Aldo                               Ah, Carolina, te presento Romeo... n'amico mio d'infanzia... Romeo, questa signorina è quella che fa 'a finta 'ncinta... chella che porta 'a botta ferma! Ah... nun simmo fidanzati... dividimmo sulo l'appartamento... sai comm'è!

Romeo                          (baciandole la mano) Giammai ebbi l'onore di conoscere sì delicata pulzella!

Carmelina                     (a Romeo) Ma chisto... ci è... ci fa... ma arò esce?

Aldo                               Sì, è 'nu poco strano, sta all'estero... ma è 'nu bravo cumpagno!

Romeo                          Dolcezza infinita, qual carme potrò mai inviare agli dei del cielo per guiderdone di sì fortunato incontro che vide la mia vittoria nel certame contro avversi stuoli che pretendevano il posto al vostro fianco?

Carmelina                     (ad Aldo) Uh, comme parla bello... ma che 'a ditto?

Aldo                               Ehhh? Ma vulissi parla' pe' farti capi' 'nu poco?

Romeo                          Aldu', tu si' tamarro! Ho semplicemente significato la lietezza... va buo', signorina Carmelina, so' cuntento 'e ve accanoscere!

Aldo                               Puozzi campa' cient'anni!

Carmelina                     (pavoneggiandosi) Ah, pure io songo cuntenta... certo che comme l'avite ditto primma... è tutta n'ata cosa! Diciteme 'na cosa... site fidanzato?

Romeo                          A chi? Vuje ve sentite bona? Io... posseggo l'arte della fine dizione, io infiammo i cuori femminili con uno sguardo... prendo l'anima di una donna e la porto nell'Empireo... ohè Carmeli', io nun me pozzo fidanza'... io sono il Cupido redivivo... il risorto Casanova...

Aldo                               Romeo, 'a vuo' ferni'? Ah....Carmeli' tu ce vieni 'a partita?

Carmelina                     Sicuro che ce vengo... e che pazziammo?

Romeo                          Ed anche io sarò lì, stendendo previo vermiglia passatoia dinnazi alle vostre gentili caviglie, onde il vostro piede non abbia inciampo veruno! Or corro, damigella, alla bisogna! Sia questo il pegno che vedrà l'unione non solo spirituale, ma anche materiale dei nostri sensi... un’unione di eccelsi sensi che ci eleverà in alto, alla presenza del popolo! Aldu', tu sì tamarro!(esce sventolando i biglietti)

Carmelina                     Ohhh! Ma comme, chillo vo' fa' l'unione senzuale... in pubblico!

Aldo                               Carmeli', chillo steva parlanne d' 'a partita e d' 'o stadio! E calmate 'nu poco!

Carmelina                     Però... è 'nu bello gualglione... chi sa si è overo che nun è fidanzato... tu sai niente?

Aldo                               Chillo va a caccia a pili e a penne! Tene 'nu sacco 'e guaglione... nun saccio comme fa... e mò piglia e mò posa...

Carmelina                     (si siede in atteggiamento romantico) Però è troppo bello... e comme parla buono!

Aldo                               Ohè, scetate 'nu poco… (esce un momento e rientra con un pacco rotondo, come un pallone da calcio, con una miccia sporgente) ecco qua... provate chist'ato ninno!

Carmelina                     (riscuotendosi) Eppure va a ferni' che me mette incinta!

Aldo                               Ma chi, 'a bomba?

Carmelina                     Tu nun capisci niente! Tu sei un... zotico e... Aldu', tu sì tamarro! (prende il pacco ed esce)

Scena seconda

Aldo                               E pure oggi ce simmo pigliati 'o buon giorno!

Giulietta                        (sporgendosi da una quinta) Permesso... si può? Scusate...

Aldo                               Ohè... e chi v' ha fatto trasì? Comme 'ate fatto?

Giulietta                        'A porta steva aperta... io nun l'aggio tuccata...

Aldo                               Chillo rimbambito! Scusate signori' nun ce l'aggio cu' vuje... trasite...  ma io nun ve cunosco... chi jate truvanne?

Giulietta                        (entra, portando una valigetta) Ma comme! Io so' Giulietta, 'a figlia d' 'o tabaccaro, vendo ricariche telefoniche... con lo sconto cinque per cento... e nuje ce cunuscimmo 'a quann'ero piccerella... nun v'arricurdate?

Aldo                               Uh, è overo... è 'nu sacco 'e tiempo ca nun ve veco... comme site crisciuta, signuri'! Beh, a me, me cunvenesse... ma fossero schede... arrubbate?

Giulietta                        No, quanne mai? Papà ce rimette 'a percentuale, ma ce serve pe' ave' clienti nuovi gente che se fa 'a tessera d' 'a Calabrese!

Aldo                               Ah... si è pe' chesto... nuje 'a tessera 'a tenimmo già, però aspettate ccà... vaco a chiamma' a Carmelina... chella pure telefona assai... assettateve! (esce)

Giulietta                        (gira intorno al tavolo, con la valigia in mano)

Romeo                          (entra di corsa e si blocca, vedendo Giulietta; porta una sacca in mano) Aldo...  aggio truvato...'na tromba...

Giulietta                        (guardando Romeo a bocca aperta lascia cadere la valigetta)

Romeo                          (guardando Giulietta  c.s. lascia cadere la sacca)

Giulietta                        Ah... scusate... io ho il permesso di rimanere...

Romeo                          Ah... scusate... io sono ospite...

Giulietta                        Pensavo che eravate il padrone di casa...

Romeo                          Veramente... no... ma se vi fa piacere... sono un amico... sono qui per caso...

Giulietta                        Anche io sono qui per caso... forse c'è un nesso...

Romeo                          Un motivo...

Giulietta                        Una volontà...

Romeo                          Un destino... che ha voluto questo incontro...

Giulietta                        Che nessun essere umano ha preparato... o previsto.

Romeo                          Vi è sfuggita di mano la valigetta...

Giulietta                        Vi è scappata di mano la borsa...

Romeo                          Voi parlate così bene...

Giulietta                        Non come voi...signor...

Romeo                          Io... mi chiamo Romeo Longobardi... molto lieto.

Giulietta                        Ah...io sono Giulietta Calabresi... piacere.

Romeo                          Ah... so che il vostro cognome è molto diffuso... nel rione.

Giulietta                        Sì... la mia famiglia è antica... mio padre fa il tabaccaio e conosce un po' tutti, qui.

Romeo                          Ah... io sono invece un oriundo... ho vissuto in giro... e non abito qui... ma ho sempre avuto nostalgia per la mia patria...

Giulietta                        Amore, forse...

Romeo                          Sensazione inspiegabile... io stavo bene come stavo… avevo tutte le opportunità...

Giulietta                        Forse ora manca qualcosa...

Romeo                          Manca tutto... sento la terra stessa svanire sotto i miei piedi...

Giulietta                        Forse servirebbe una mano... amica

Romeo                          Forse... più di una mano... solo un vostro dito, per un anello d'amore...

Giulietta                        Le mie dita non hanno anelli... potrebbero sfiorarvi il cuore senza graffiarlo...

Romeo                          Esso è già sofferente di un nuovo calore... mai provato prima...

Giulietta                        Il mio cuore... più che caldo... gioisce.

Romeo                          Giulietta... dunque posso sperare?

Giulietta                        Romeo, non sperate, ma prendete ciò che è già vostro...  per una scelta   voluta dal cielo, ora rivelata apertamente... abbiate solo rispetto per colei che indegnamente porta questo cuore... che non ha altro scopo che di battere sul vostro... fino a quando gli sarà concesso.

Romeo                          Amore mio, io sono in terra straniera, posso sposarmi secondo il mio diritto di cittadinanza... anche oggi stesso... anche ora... ed il matrimonio è l'essenza del rispetto d'amore... volete sposarmi?

Giulietta                        Quello che provo non mi consente di scegliere. Sarò vostra moglie, quando vorrete, anche contro tutte le logiche e la prudenza, dimentica di chi mi ha mostrato simpatia, cancellando i miei passati sorrisi ai miei pur allegri compagni.

Romeo                          Sarà dunque fatto in breve... anche io non ho più spazio nel mio cuore se non per voi... Giulietta... la mia sposa. Mi seguirete per prendere possesso della nostra tenuta, di cui sarete padrona incontrastata... vivo da solo… non ho parenti.

Giulietta                        Vi seguirò fin dove il mio dovere di moglie mi porta... debbo però adempiere anche al dovere di figlia, informando di questo la mia famiglia... e mio padre... il Presidente della Calabrese!

Romeo                          Ecco dunque il destino beffardo degli umani... io, sostenitore dell'avversa squadra, costretto a celare i miei sentimenti e acerrimo nemico della Calabrese, debbo muovermi in tale campo, ed amare la mia formazione nemica, per non creare barriere con la mia Giulietta!

Giulietta                        Allora voi siete tifoso della Longobarda? Il destino così vuole che il nostro matrimonio sia segreto... mio padre non darebbe mai il suo consenso... mi aveva indirizzata ad un giovane, proprio perché allenatore della... nostra squadra.

Romeo                          Nel mio cuore non c'è spazio se non per voi. Passioni e amicizie saranno rimodellate alla luce dell'amore che sento. Debbo incontrarmi con il mio Console e preparare il matrimonio e la vostra fuga dalla casa paterna.

Giulietta                        Io dipendo da voi. Il mio essere è svuotato di tutto e vive solo per voi. Attendo solo un vostro segnale per lasciare la mia casa ed i miei a rammaricarsi per la mia assenza. (porge un biglietto) Qui c'è il mio numero.

Romeo                          (prende dalla tasca un biglietto da visita enorme e glielo porge) E qui c'è il mio, con l'elenco dei miei titoli, che si ridurranno ad uno solo, dopo il mio matrimonio con voi: sposo e marito di Giulietta Calabresi.

Giulietta                        Dunque quanto tempo mi lasciate, amore mio, per prepararmi all'ingresso nella mia vera vita?

Romeo                          Appena possibile vi contatterò, vita mia. Tra un'ora forse.

(i due si avvicinano progressivamente)

Giulietta                        Forse meno.

Romeo                          Forse adesso...

(mentre si abbracciano e stanno per baciarsi, entrano Aldo e Carmelina)

Aldo                               Ohè, Romeo tu stai ccà... guarda che bella panza!

Carmelina                     (con il pacco sotto il vestito) Pe' me nun va buono! Pare che songo incinta e n'anno! Uh... signor Romeo... che piacere... ca site turnato!

(Giulietta e Romeo si staccano)

Romeo                          (prende la sacca e la dà ad Aldo, guardando solo Giulietta) Aldo, ti ho portato una tromba nuova...

Giulietta                        (prende la valigetta)  Io comincio ad andare...

Aldo                               Ohè, signuri'... e 'a scheda a me nun m' 'a date?

Carmelina                     Pure a me! Io pe' chello so' venuta... accussì comme me truvavo...

Giulietta                        (guardando solo Romeo) Le tessere sono finite... jatevelle a accattà 'o tabacchino! Ciao... Romeo. (esce)

Aldo                               (sbirciando nel sacchetto) Che bella tromba, Romeo... grazie! Mò 'a vado a mettere vicino 'e tracchi, accussì nun ce la scurdammo! Scusate 'no mumento! (esce)

 

Scena terza

Carmelina                     Signor Romeo... nun saccio comme ve veco.

Romeo                          Signorina Carmelina... perdonate il mio agire così impetuoso di poc’anzi... la fretta che mi agitava, cattiva consigliera, mi spingeva a bere a tutte le fonti che incontravo, perché assetato d'amore! Ora sono giunto al termine del mio viaggio, trovando l'assenzio perfetto, il nirvana del loto celeste, cui tutto debbo!

Carmelina                     Romeo... io nun aggio capito niente... ma vuje ve stesseve rimangianne 'a parola vosta? Io ce aggio penzato... io voglio fare gli atti senzuali in pubblico cu' te... pure si doppo ce portano 'n galera!

Romeo                          Ahime' come mai potrò io significare... Carmeli', io me so' fidanzato!

Carmelina                     E che ci azzecca? Io nun songo gelosa! (muove verso di lui) Vieni ccà, bellillo 'e Carmelina toja...

Romeo                          (girando intorno al tavolo e scansandola) Ma nun se po' fa'...

Carmelina                     Guarda che 'a panza è finta... io nun songo incinta... vieni ccà, e damme 'nu vaso! (cercando di raggiungerlo)

Romeo                          Niente da fare! Mò so' fidanzato 'e Giulietta... e basta accussì!

Carmelina                     Primma m' 'e ditto che me vulivi bene! Allora si' 'nu buciardo e 'mbruglione! T'acconcio io... fatte acchiappa'!

Romeo                          Ma insomma... me vulissi lassa' sta'? Se io avessi 'ncuntrato primma a Giulietta, nun t'avesse ditto niente! Sientime 'nu poco... te faccio 'nu regalo si nun fai ammuina!

Carmelina                     (fermandosi e poi riprendendo ad inseguirlo) Ahhhh! Pe' chi m' è pigliato? Brutto scemo... io te meno!

Romeo                          Ma comme aggia fa'... io me n'aggia i', devo chiamare 'o Console... m'aggia spusa 'e corza!

Carmelina                     'Ate fatto 'o nguacchio, è overo? E mò ce vonno 'e nozze riparatrici! (si ferma e si tiene la pancia) Si' furtunato... m'aggia i' a leva' 'sto coso... si no, fernisce che care... e fa 'a botta... se ne sta scennenno... aspettame ccà, io vaco e torno! (esce tenendosi la pancia)

Aldo                               (entra) Ohè, addo' vai?

Romeo                          Mamma mia... e chi s'aspettava 'na cosa 'e chesta? Aldo... ma so' tutte comme a Carmelina 'e guaglione 'e chisto paese? Ascesse accussì pure Giulietta?

Aldo                               No, chella è 'na brava guagliona... 'a cunosco 'a quann'era piccerella... sulo mò sta 'ncumincianne a asci', p'aiuta' 'o pate!

Romeo                          Meno male... io vaco a chiamma' 'o Console, ce 'amma spusa'... ciao, bella Carmelina... nun te pozzo aspetta', m'hanno chiammato!(esce)

Scena quarta

Carmelina                     (entra) M'ha fatto scema! Se n' è ghiuto! E tu, nun 'o sapivi ferma'?

Aldo                               Neh ma tu che vai truvanne 'a me? Sì Romeo nun s'è fermato pe' te... che sì femmena... sicondo te, se fermava cu' me... ca songo masculillo?

Carmelina                     E io che ne saccio?

Aldo                               Comme che ne sai? Nun se vere che songo masculo? Porto 'a vunnella, io?

Carmelina                     No, che ne saccio io che... va buo', lassa sta... ma io a chillo l'acchiappo... o fa chello che dico io... o s' è piglia 'e santa ragione!

Aldo                               Guarda che chillo se vo' spusa' overamente cu' Giulietta... e lassalo perdere!

Felice                            (entrando) Permesso... ciao, Aldo, comme mai steva 'a porta aperta?

Aldo                               Ma comme... chillo scemo 'a lassato apierto n'ata vota!

Felice                            Uhè, Carmeli'... tutto a posto?

Carmelina                     Ciao, Felice... tutto bene!

Felice                            Pe' caso, avesseve visto a Giulietta? M'hanno ditto che saglieva a vennere 'e schede... e io dint' 'o palazzo conosco sulo a vuje...

Aldo                               C'è stata...

Felice                            Ah... quanto tiempo fa? Sapissi addo' è ghiuta?

Carmelina                     Felice... credo che sta in giro... ma...

Aldo                               E tu le vuo' sempe bene, overo?

Felice                            Sicuro... ma che sta succerenne?

Carmelina                     Eh... certe volte succere che... 'o cielo chiure 'na porta e arape 'nu purtone...

Aldo                               Feli', Giulietta s'è fidanzata!

Carmelina                     Aldu', si' 'nu tamarro! Statte zitto!

Felice                            Comme... fidanzata? E cu' chi?

Carmelina                     C' 'o fidanzato mio! Se chiamma Romeo!

Felice                            E comme jammo bello! Ma comme... io ce aggio miso tutt' 'o mio...

Carmelina                     E pure io c'evo miso tutte cose annanzi... ma nun c'è stato niente 'a fa'! Cierti vote ce se mette coccosa 'mmiezo che nun riuscimmo a capi’! Caro mio... me sape che se so' proprio incucciati tutti e duje!

Felice                            E nun m'ha ditto niente? Ma quanne è succieso?

Aldo                               Poco tiempo fa...

Felice                            Ma nun po' essere... io l'aggia parla'!

Aldo                               E chiammala a telefono...  

Carmelina                     Aldu', si' proprio 'nu tamarro! Comme se fa a parla' 'e cierti cose pe' telefono?

Felice                            Ce aggio pruvato... nun risponne manco essa!

Carmelina                     Comme sarebbe neanche essa?

Felice                            Oggi ce sta l'allenamento primma d' 'a partita... stongo chiammanne tutti i giocatori e nun me risponne nisciuno!

Aldo                               Neh... ma 'sto telefono tuojo se fosse scassato?

Felice                            No, so' io che songo sfortunato... che aggia fa? Mò tanto faccio e tanto giro che 'a fine 'a ncoccio!

Carmelina                     Prova 'o tabacchino!

Felice                            Vaco... si' Giulietta capitasse ccà... dicentencelle che me chiamma... almeno ce 'ncuntrammo... ma vuje site proprio sicuri che...

Carmelina                     Feli'... i' so' sicura... aggio perzo pure 'o fidanzato mio!

Felice                            (esce mestamente) Va buo'... ce verimmo... e si' acchiappo a chillo Romeo... le faccio 'na faccia accussì!

Carmelina                     Si l'acchiappi, famme sape'... io l'aggia accirere 'e mazzate!

Scena  quinta

Amalia                          (entra) Ohè, Aldo buongiorno, ciao Carmeli'!

Aldo                               Oh, mai nisciuno che chiuresse chella porta!

Amalia                          L'aggio chiusa, mò... sienti Aldo... t'essa dicere 'na cosa...

Carmelina                     E dici, Aldo sta ccà!

Amalia                          Veramente io 'o vulevo dicere sulo a isso... comunque... chill'amico tuojo... Romeo... sai aro' sta?

Aldo                               E' ghiuto addo' 'o Console... forse all'albergo... pecchè?

Amalia                          E' succieso 'nu guaio! Ce stevo io dint' 'o tabacchino... è venuta Giulietta e 'a abbiato a parla' c' 'o pate... parlavano chiano... ma io stevo vicino e aggio sentuto tutte cose!

Carmelina                     E allora... dicci!

Aldo                               Carmeli', comme si' scucciante... Ama', ma che è succieso?

Amalia                          E' succieso che essa 'a ditto 'o pate che se s'è lassata cu' Felice... e 'o pate 'a ditto che si'...

Aldo                               E po'?

Amalia                          E po' 'a ditto che s'è spusata oggi, justo mez’ora primma...e isso 'a ditto che si...

Carmelina                     E po'?

Amalia                          E l'ha ditto che se ne jeva d' 'a casa... e isso 'a ditto che si...

Aldo                               E nun 'a tirà a luongo!

Amalia                          E po' l'ha ditto che se s'era spusata a chillo Romeo Longobardi...

Carmelina                     E isso ha ditto che no!

Aldo                               Ma te vuo' sta' zitta?

Amalia                          E' stato proprio accussì... sulo a senti' 'o nomme, 'o tabaccaro l'è venuta 'na mossa... e 'a chiuso dint' 'a casa a Giulietta... e l'ha sequestrato 'o telefono!

Carmelina                     Addirittura!

Aldo                               E tu che ne sai che sta chiusa?

Amalia                          T'aggio ditto che ce stevo... è succieso tutto annanze a me...

Aldo                               E mò?

Carmelina                     Povera Giulietta! L'hammo aiuta'!

Aldo                               E comme facimmo?

Carmelina                     Giulietta adda asci' 'a chella casa! Stammo ancora 'o Medioevo? Mò vidi che 'na guagliona spusata nun po' ghi' c' 'o marito!

Aldo                               Si, va buono... ma comme facimmo a farla asci'?

Amalia                          Io 'no sistema 'o tenesse... però è assai delicato...

Aldo                               Ah... Amalia... ccà nun stammo 'o Medioevo...    

Carmelina                     Aldu'... Amalia sape 'o fatto suojo... dici, dici, Ama'!

Amalia                          Pe' comme sta chillo, 'a povera Giulietta nun jesce 'a chella casa manco pe' chi' 'o spedale!

Aldo                               Beh, se vere che ‘s'è... nquartato proprio!

Carmelina                     Ama'... ma tu che stai dicenne... manco 'o spidale...? Allora che ce rimane...?

Amalia                          (annuisce) 'O cimitero.

Aldo                               Ma che canchero stai dicenne?

Amalia                          Stongo dicenne 'e farla trasi' in catalessi... 'o tiempo necessario pe' farla purta' all'obitorio... po' Romeo 'a va' a piglia'... e se ne vanno!

Aldo                               Tu si' pazza!

Carmelina                     No. Tu nun cunusci che sape fa Amalia... Ama'... ma s'adda parla' primma cu' Romeo.

Amalia                          Perciò stongo ccà... come facimmo a truva' a Romeo?

Aldo                               E' 'na parola! Nun tengo 'o telefono, chillo telefona sempe anonimo, nun saccio a che albergo sta... putesse fa' cocche telefonata..

Carmelina                     Nun t' 'o dicene, si sta llà o no... 'a legge d' 'a privacy...

Aldo                               E allora nun saccio comme truvarlo!

Carolina                        'A partita! 'O truvammo llà!

Amalia                          Però  'a catalessi nun po' dura' assai... addiventa pericoloso!

Carolina                        Aldu', telefona 'a casa soia e dincello che l'avvisassero! 'O nummero fisso 'o tieni?

Aldo                               Sì, è overo! Chiammo 'a casa soja... e le faccio l'ammasciata!

Carolina                        Diccello pure che te chiammasse... doje vote so' meglio 'e una!

Aldo                               Vaco... Ama'... quanto tiempo?

Amalia                          Hmmm... le faccio asci' 'na cosa che qualunque miereco 'a fa' purta' in obitorio 'e corza! Me abbastano quatto ore.. diccelle che tra cinque ore se truvasse 'o cimitero... cinche ore da mò! Sii preciso!

Carolina                        E l'altra ora?               

Amalia                          Vaco a prepara'... chello che saccio io... po' 'a vaco a truva'... le spiego tutte cose e le faccio piglia' chello che s'adda piglia'! Io vaco... Aldu', nun te ne scappa' 'a dint' 'a casa... 'a cosa è impurtante... si nun funzionano 'e telefoni, io aggia sape' arò stai!(esce)

Aldo                               'Sto fatto però me pare 'nu poco esagerato...

Carolina                        Amalia sape fa'... certo che si Giulietta se ne putesse scappa' primma...

Aldo                               Hmm... mò ce sta l'allenamento... chi sape si 'o tabaccaro 'o va a vede'...

Carolina                        Ce penzo io! Mò vaco 'o tabacchino... e tanto faccio che ce 'o porto!

Aldo                               Brava... e comme fa' Amalia, pe' trasi' addo' Giulietta, si isso nun ce sta?

Carolina                        Ma tu' si' proprio tamarro!

Aldo                               E' destino... a n'ato poco me chiammano accussì pure 'e valline!

Carolina                        E scusa... ma sicondo te, si chillo nun esce, comme fa Giulietta a ascì pure essa? Io vaco, aspetto che fa' trasi' Amalia dint' ' a stanza e Giulietta e po' m' 'o porto 'o stadio! Accussì 'a via è libera!

Aldo                               E' overo, hai ragione... ma allora nun ce sta bisogno manco d' 'a fa' cade' in catalessi... brava! Anzi... dincello a Amalia che purtasse ccà a Giulietta, senza darle niente! Curri e fa' chello che 'e fa!

Carolina                        E tu?

Aldo                               Io rimmango ccà.... si overamente nun funzionassero 'e telefoni, faccio io 'o punto 'e riferimento!

Carolina                        Va buono... nun te movere, venimmo subito! (esce)

Scena sesta

Aldo                               Io però primma 'e chiamma' 'a casa 'e Romeo, 'no paro 'e telefonate all'alberghi 'e facesse... nun se sape mai... (prende il telefono e lo usa)  l'altra vota steva... ah... ecco... sì, pronto....si... vorrei sapere se alloggia da voi il signor Romeo Longobardi... ah, sì... gli  posso parlare?  Ah, meno male... mica avete il suo cellulare...? Capisco... si... si, un messaggio...si... telefonare ad Aldo Calabretti, urgente... no, è sufficiente. Grazie... si...va bene... no io risiedo qui, non ho bisogno... grazie di nuovo!

(colpi alla porta; Aldo va ad aprire e fa entrare Romeo)

                                      Meno male che si' venuto! Te cercavamo pe' mare e pe' terra... assiettete e statti fermo ccà!

Romeo                          Che cosa turba il tuo rozzo animo, amico mio? Come mai l'ansia confonde le tue gentili parole?

Aldo                               Tu nun sai niente! Doppo che ve site spusati, 'o pate 'e Giulietta 'a chiusa a chiave dint' 'a casa e le 'a levato 'o telefono! E pure l'ex fidanzato suoio te va cercanne... comme a Carulina... si t'acchiappano, te fanno nuovo nuovo!

Romeo                          Io non ho tema di soffrire amore, che già travaglia il mio spirito... e dunque è questo il motivo per il quale la mia dolce consorte non corrispondeva ai miei reiterati sussurri amorosi telefonici... io ero venuto a chiedere a te, dolce amico, di recarle un mio messaggio d'amore, poscia che la mia presenza va celata in questo luogo colmo di ostili turbe!

Aldo                               Va buo', mo ci stai e ti fermi qua... fa' cunto che ce sta 'a colla 'ncopp' 'a seggia e nun te movere! Giulietta sta venenne ccà!

Romeo                          Il mio amore dunque mi viene portato qual petalo da Zefiro? Giammai io lascerò questo luogo, che per me diviene adesso santuario di tremebonda attesa e di dolce speranza!

Aldo                               Famme 'o piacere 'e parla' normale cu’ me... me stai facenne veni' mal' 'e capa!

Romeo                          Aldu', tu si' tamarro!

Aldo                               Ecco... chesto me mancava proprio! Comunque 'e sape' che ce sta 'na guagliona, ccà... che fa 'a maga... addirittura fa 'e medicine... tra essa e Carulina stanne facenne ascì a Giulietta...

Amalia                          (entra) Ce l'hammo fatta! Comunque, Aldu', 'e lassato 'a porta aperta!

Aldo                               E chillo è Romeo... ah... Romeo, chesta è Amalia

Amalia                          Romeo? Oh, lietissima 'e incontrarvi!

Romeo                          (alzandosi) Gentile angelo... so che vi siete prodigata in tutte le guise per la liberazione della mia deliziosa consorte Giulietta, e non so come esprimere la profonda riconoscenza che pervade il mio animo... siete seconda solo alla mia consorte nel mio cuore!

Aldo                               Chisto ancumincia n'ata vota...

Amalia                          Aldo, tu 'e correre abbascio! Carmelina vuleva accumpagna' 'o tabaccaro 'o stadio, ma se so' misi 'miezo pure chilli che stevano cu' isso, e nun ce 'a fa' 'a sola!

Aldo                               Va buono... vaco... e Giulietta?

Amalia                          Tene 'a porta aperta... (mostra una chiave) chesta arape tutte cose... è speciale! Appene tene via libera, vene subito!

Aldo                               Allora io vaco... corro! (esce)

Amalia                          Romeo, allora è fatta! Appena che vene Giulietta, fujtevenne!

Romeo                          Sarà fatto... rinuncerò con piacere a seguire le agonistiche vicende... per dedicarmi anima e corpo alla mia adorata, ricoprendola di fervidi baci come la rugiada bagna i fiori assetati!

Amalia                          Ecco, bravo.. te voglio fa' 'no regalo... (fruga nella sua borsa ed estrae una fialetta) ogni tanto succede che... 'a rugiada po' manca'... 'e sciuri se fanno sicchi... e allora tu te pigli doje gocce 'e chesta medicina... diluita... oh, statte accuorto... solo doje gocce... è assai potente e se te ne pigli troppo, te stenne!

Romeo                          Grazie... (prendendo la fiala ed esaminandola) potenza del creato... dunque è condensata qui la felicità che noi proveremo durante l'inverno della nostra vita... io serberò con cura questo amorevole dono, e quando me ne servirò, grazie su grazie raggiungeranno il vostro amabile nome, gentile pulzella!

Amalia                          Oh, tu 'e sape' che io stevo pe' da' cierti gocce a Giulietta... pe' costringere 'o pate a farla asci' d' 'a casa... ma nun c'è stato bisogno, pe' fortuna... però... mò m'arricordo... aggio lassato 'o bicchiere in giro... mannaggia... nun vulesse che coccheduno s' 'o beve... se fa 'o viaggio! Sienti.... io aggia turna' 'a casa d' 'o tabaccaro... scusa, ma me stongo facenne rimbambita... torno subito, lasso 'a porta socchiusa! (esce)

 

Scena settima

Romeo                          Eccomi dunque solo. L'animo mi presagisce vicina la notizia piena di gioia, il tiranno del mio cuore se ne sta assiso allegramente sul suo trono, e una insolita animazione mi solleva al di sopra della terra con giocondi pensieri. La mia donna viene come in un sogno, portando con sé le carezze e i baci che renderanno me imperatore e lei la mia signora e unica padrona. Ah, come deve esser dolce il vero possesso dell'amore, se la sua ombra soltanto è così ricca di gioia!

Felice                            (entra) Ah, siete voi Romeo?

Romeo                          Io sono Romeo... ed io con chi ho l'onore di parlare... e per quale motivo?

Felice                            Io... ho saputo che voi avete sposato la mia Giulietta.

Romeo                          Quindi voi frequentavate Giulietta... ma non pensate che io abbia rubato quel fiore a voi. Ella ha trovato qualcosa di più alto, come io mi sono trovato spogliato di tutti i miei affetti, solo guardandola. E' una sensazione che vi auguro di provare… così forse potrete perdonare il peccato che io non ho commesso!

Felice                            Io ero venuto a cercarvi armato... il mio più grande desiderio era quello di sopprimere colui che mi ha privato della mia vita.... io mi sono sottomesso a suo padre, ho accettato compiti ingrati, sopportato umiliazioni, vissuto come un profugo, ho violentato i miei affetti... tutto per un sorriso di quei suoi occhi... che adesso si sono chiusi per sempre su di me... ma non vi colpirò... non vi ucciderò... perché colpirei l'oggetto del suo amore, e darei a lei una ingiusta pena. Ma pregherò perché la vostra unione sia di breve durata... attenderò un segno dal cielo, se i miei sacrifici non sono stati vani... e rapirò di nuovo quel fiore che ha turbato i miei sogni, distante e distaccato, che ero riuscito ad avvicinare solo con i miei sforzi. Abbiate la mia più profonda maledizione, Romeo... il cielo mi farà giustizia, e Giulietta sarà mia... no... Giulietta sarà con me... io non oso neppure pensare di essere alla sua altezza... se il destino vorrà, sarò il suo servo... per tutta la vita! Siate maledetto! (esce)

Romeo                          Povero uomo, fratello mio... io capisco il tuo dramma, avendo respirato di quell'etere di paradiso, mi è grave questa scipida aria che mi circonda... io avrei fatto di peggio al tuo posto... perdere Giulietta? Ma si apra l'inferno sotto i miei piedi, mi seppellisca la terra, che le mie ossa siano strappate da me vivo e quindi disperse in mare... tutto, ma non perdere la ragione della mia vita, della mia stessa esistenza!

Giulietta                        (entra con andatura incerta) Romeo, sposo mio...

Romeo                          Giulietta... sposa mia adorata... sii pronta a lasciare questo luogo... viaggeremo verso la mia terra... il tempo è propizio, nessuno ci cercherà, per ora, e potremo facilmente abbandonare questa terra ostile... ma… ti vedo pallida... cosa turba l'animo della mia sposa?

Giulietta                        Il peso della fatica di queste ultime ore... mi ha sfiancata, ecco... non riesco a muovermi bene.. mi sento come...intorpidita.

Romeo                          Giulietta... ma che ti sta succedendo?

Giulietta                        (si siede)  Non lo so... Rome'... nun me sento bona!

Romeo                          (facendosi vicino a lei) Giulie'... nun pazziammo... che te sienti? Dici... che pozzo fa'?

Giulietta                        Me sape che nun ce può fa' niente... aggio sbagliato... è colpa mia... ma tenevo sete...

Romeo                          Maronna! Te si' bevuta chella schifezza 'e Amalia? Giulie', jammo all'ospedale! Aro' sta? (la scuote)

Giulietta                        Lassa sta' 'o spedale... nun serve cchiu'... però so stata brava... ce l'aggio fatta a arriva' ccà, a vederti... l'ultima volta... me so' fatta 'e scalini a uno 'a vota... comme quanno era piccerella... pe' nun cari'...abbasta che t'aggio visto...  sposo mio... 'o sposo 'e tutt' 'a vita mia... l'unico... amore... (si abbandona)

Romeo                          (in piedi, vicino a lei) Giulietta... unico e vero amore... durato un momento solo... e mò che ce campo a fare? Che me serve 'e rimmanne' 'ncatenato ccà? Ce steva 'na vita 'e felicità che ci aspettava, Giulie'... nun te preoccupa'... mo ce la giocammo int' 'a nu’ minuto... nun te lasso sola... nun te preoccupa'.. (prende il flaconcino di Amalia e lo beve tutto) Allora si apra l'inferno sotto i miei piedi, mi seppellisca la terra, le mie ossa siano strappate da me e disperse in mare... tutto, perché ho perso la ragione della mia vita, della mia stessa esistenza! (si siede e si abbandona vicino a Giulietta, col braccio sulle sue spalle) Eccomi, Giulietta... sto arrivando da te...

Aldo                               (entra) Ancummincia 'a partita... me so' scurdato tromba, pallone e tracchi! E jammo, Romeo... vienatenne 'o stadio... che ce fai ccà? Sta ancumincianne 'a partita! (chinandosi e scuotendo Romeo) E pure tu, Giulie'... ohe, comme site belli... se vere che state cuntienti... tenite tutti e duje 'o pizzo a riso... ma scetateve 'nu poco, che parite duje muorti!

fine

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno