Meza guapparia

Stampa questo copione

MEZA GUAPPARIA

MEZA GUAPPARIA

Roberto D’Aniello

Personaggi:

N:        narratore

M:       Margarita

F:         don Francesco ossoduro

G:        Giuvanne cacasotto

P:         pubblico

N:        (entra con la chitarra) La storia che sto per raccontarvi, è una storia drammatica. Ha per protagonisti… la bella, anzi bellissima, stupenda… meravigliosa… (rivolgendosi fuori, alla donna) …e vvuò trasì, che tocca a te!

M:       Scusa scusa (si mette in posa).

N:        La bella Margarita ra ‘nfrascata!

G:        (entra ed interrompe) Cu cchì? Cu cchì? Diciteme cu cchì?

N:        Ohe! Ma che vvuò?

G:        E ritt ca Margarita stà ‘nfrascata? Me ricere cu cchì?

N:        Margarita ra ‘nfrascata è ‘o nomm suoio (indicando la ragazza).

G:        Cioè, vuò ricere c’aggia fatto n’a figura ‘e…

N:        Nun se po’ dicere che figur ‘e fatt? Jesce a int!

G:        (rivolto al pubblico) Scusate eh. Io me credevo ca chell… ‘nfrascat… ita capit no… vabbuò ia. (esce)

N:        Scusate l’interruzione. Dicevamo che i protagonisti di questa storia sono: Margarita ra ‘nfra… Margarita, sulo Margarita, vaffernì che chillo nun capisce bbuono e iesce n’ata vota. (pausa) La donna è contesa tra due uomini. Uno già lo avete conosciuto: Giuvanne cacasotto (entra in posa), sbruffoncello del quartiere che per sua sfortuna si è innamorato e fidanzato con Margarita togliendola al noto guappo don Francesco ossoduro (Entra).

F:         Finalmente faccia a faccia! Te pigliata ‘a ‘nnammurata mia!

G:        Una cosa, n’accumminciat a ffa ‘a part ra vittima eh. ‘A nnamurata vost, veramente chell nun è mai stata ‘nnamurata e vuie.

F:         Ma tu che stai ricenn?

G:        Over è. Me la itt essa.. proprio mo int ‘a recchia. Vuie nun l’ita sentuta pecché state luntano… po’ pure pecché nun ce sentite tanto bbuono, chell’a vicchiaia, io ‘o ssaccio comm’è, tenev ‘a mammà ca..

F:         Basta! Statte zitte! Me offeso già abbastanza. Piglio ‘o curtiello!?!

G:        Ita taglià ‘o ppane?

F:         No, t’aggia accirere.

G:        Uammamì, pe na cosa e niente vuie… (il narratore inizia a suonare).

F:         (inizia la canzone) Scetateve guagliune ‘e malavita.

G:        Ma pecché lasciate è stà, chille stanne durmenno a chest’ora.

F:         E’ ‘ntussecosa assai sta serenata.

G:        Faciteve na camomilla, calmatevi.

F:         Io, ca song ‘o ‘nnammurato e Margarita…

G:        Se, se.

F:         ‘A femmena cchiù bella d’’a ‘nfrascata!

G:        Bella mò, chella cacaglia pure.

F:         L’aggio purtato ‘o capo cuncertino.

G:        E chi fosse? Chist?

F:         p’’o sfizio e me fa sentere e cantà.!

G:        Canta canta.

F:         M’aggia bevuto nu bicchiere e vino.

G:        (rivolto al pubblico) Stà pure ‘mbriaco stà.

F:         Pecché stanotte a voglio ‘ntessecà!

G:        Ma nun data retta.

F:         Scetateve guagliune e malavita.

G:        Ma sti povere guagliune, faticano tutta ‘a jurnata…

F:         E’ accumparuta ‘a luna all’intrasatta.

G:        Addo stà, io nun veco niente… ah chille stà ‘mbriaco.

F:         Pe le dà ‘o sfizio e me vedé distrutto.

G:        (suona il telefono) Ferm nu poco, scusa, aggia risponnere ‘o telefono. Pronto! Si, giuvann sono io chi parla? No, no, no giuvanne ca chitarra, so giuvanne cacasotto. Ah avevate sentito la chitarra… no è chill è nato ca sta stà sunann, però nun se chiamma Giuvanne! Prego, prego, arrivederci.

F:         Si pronto?

G:        Si, si, scusate, mo o stuto ‘o telefonino…

F:         (ricomincia la canzone) Sunate giuvinò, vuttate ‘e mmane!

G:        Ita zumbate na strofa.

F:         Nun v’abbelite ca sto bbuone ‘e voce.

G:        No, no aiuto.

F:         Io me fir e cantà fino a dimane.

G:        Ma non lo metto in dubbio.

F:         E mett ‘n croce a chi ma mise ‘n croce:

G:        No, pe piacere ‘a croce lasciata stà.

F:         Bast, tu me sfasteriato!

G:        No, vabbuò, vuie mettite ‘a croce mmiezo, si chille po se innervosisce?

F:         E’ sa piglia cu’mme!

G:        Ah vabbuò, ma specificamme stu, eh! Mo c’ho dico io. (rivolto al cielo) Guard bbuono oì? E iss, i nun c’azzecco niente! Èh!

F:         Ce le itt?

G:        Si, si, abbiamo chiarito.

F:         Mo te pozzo accirere!

G:        Ma a chi?

F:         Io a te, t’aggia accirere!

G:        No, no.

P:         Si, si, uccidilo…

F:         Pure ‘o pubblico te vo vedé muorto!

P:         Uccidilo, uccidilo, uccidilo.

F:         (si ferma a guardare il pubblico)

G:        (si rivolge al narratore) No, no, scusa, ferma nu poco…

N:        Vabbuò ia. (prende Margarita e se ne va) Iammucenne!

G:        (rivolto al pubblico) Vuie che suggerite a ffà? Il pubblico non può suggerire.

F:         Invece il pubblico può suggerire!

G:        Il pubblico può suggerire. (rivolto al guappo) Ma sta suggerendo sbagliato.

F:         Over?

G:        Eh! Quanta vote vuie virite a int ‘a televisione…

F:         Int ‘a televisione?

G:        Int ‘a… No, no, int ‘a televisione ca tu a smunt… e vir a int. Quanno fanno ‘e trasmissioni no?

F:         Eh.

G:        E sient, il signore ha perso un sacco di soldi a causa del pubblico che ha suggerito male.

F:         Ah si!

G:        Quanno è vera… Io proprio ieri sera, stev ‘annanze a televisione, pecché aret nun se ver nient, e ho sentito ‘a Mike Buongiorno ca diceva stu fatt! Picciò, ne stà a sentì, viene cu mmé ce jamm ‘a piglià nu café, tant, chella se ne jut co narratore, che te ne ‘mport a te (escono). (entra subito dopo) Aspetta un attimo, mo subito vengo. (rivolgendosi al pubblico) Non mi ha ucciso, che c’è? Ci siete rimasti male? (Esce ridendo)

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 5 volte nell' arco di un'anno