Morte? No grazie

Stampa questo copione

Morte

Tale opera è pubblicata sotto una licenza Creative Commons,  http://creativecommons.org/licenses/by-nc-sa/2.5/it/ Vedi sintesi alla fine del testo. L’utilizzo di tale copione secondo i limiti della Creative Commons sopra indicata e senza fini di lucro non è soggetto a diritti SIAE. Il motivo di ciò è che sono convinto che queste farse saranno utilizzati da compagnie amatoriali, parrocchiali o circoli non profit i quali fanno già grandi sacrifici per recitare e non voglio far pesare ulteriormente su di loro con i diritti d’autore. Mi riservo ogni diritto in caso di compagnie professionali.

Vi chiedo comunque per una mia soddisfazione personale di citare l’autore e mandare un e-mail per farmi sapere dellamessa in scena della farsa a: jomathan@libero.it

CICCI E LELE IN OSPEDALE

-Atto unico –

Questa fa parte di un ciclo di Farse che ha come protagonisti Cici e Lele, due contadinotti Veneti, apparentemente tontoloni, ma che con il loro comportamento fanno capire l’assurdità di alcune situazioni e di alcuni comportamenti della vita reale.

Scena : una stanza di ospedale con tre letti di cui 2 occupati da Nane e Cicci i quali sono ricoverati.

Personaggi: Nane e Cicci  pazienti ricoverati.

                    Anselmo Diot’aiuti Cadavere

                     La Morte: personaggio con una tonaca nera con un ampio cappuccio. Sul viso si può mettere una maschera, oppure lasciare il viso scoperto che se il cappuccio è bello lasco in parte nasconde il viso. In mano la tipica falce della morte.

                   Dottore (solo voce fuori scena)

                   Infermiera

ATTO UNICO

Nane: (Disteso nel letto che legge il giornale) …Ah ! che pena… tre settimane che son qua… Cicci… varda qua cossa che i scrive su motta… ieri l’è mort JiJo Barba,  …pace all’anima sua …

Cicci:  No!!! Fame veder? …(sempre stando a letto ) eh… Cussì zovane … sol che 98 anni … pensa, ieressi in guerra insieme …Cossa vutu … sen de passajo su sta terra.

Nane:  E si … ghe lo dise sempre a me femena, quando che la vol cambiar la cusina o el divano … ma ea gnent… li compra novi instèss…

Cicci:  Eh.. si (sfogliando le pagine…) …ancuo lu … e doman noialtri … cussì va la vita…

Nane:  (chiude il giornale) ma in fondo … ormai… el mejo lo aven passà … te dirò … pittòst de soffrir…

Cicci:  Te ha proprio rasòn… tanto qua i te fa triboeàr… su e so par i ospedài … finchè …( fa con la mano il segno della croce)

Nane:  Vero? Chi ditu che sia el prossimo?

Cicci:  Te dirò, spere proprio de esser mi, cussì ho finio de combatèr… tanto ho capìo che qua, la va da cussì a pezzo…

Nane:  Cossa ditu … parchè te ha un fià el fegato ingrossà …basta do ombre de vin in manco …e passa tutt… mi pitòst! Co sta macchinetta in tèl cuor … na volta che i se smentega de ricaricarme le batterie… te vedrà che vae prima mi …

Cicci:  eh !…sta tranquio … el me barba Menego, co tre trapianti e na macchinetta al cuor l’ha campà fin 100 anni … te lo dise mi … te vedrà che i me mette el paltò de legno prima a mi … oltre che al fegato  ho sta pressiòn alta … spere solche de no triboeàr …

Nane:  eh… la pressiòn … cossa vutu che sia… sarà la femena che te mette agitassiòn… sta tranquio che  la se sistema da soea… mi invezze son pièn de doeori …  disèa giust me nono: Dopo la sessantina, un doeor novo ogni mattina… comunque ,  te vedrà che te farà ora de vegner al me funeràl … se no altro parchè son el pì vecio.

Cicci:  Cossa centra l’età in te sti casi … varda a sto punto ghe ne fae na question de principio… prima mi.

Nane:  (i due cominciano ad agitarsi) … ma gnanca se te crepa…

Cicci: Eh… no …qua me impunte …vui ver la precedenza mi su ste questiòn…

Nane: Varda… se no te me lassa la precedenza te rompe sto vaso in testa !!!

Cicci:  Dai!!! Cussì me sa che te perde la scommessa …

Nane:  te ha rasòn… l’è mejo che me lo dae in testa mi … cussì te freghe… (fa per darselo in testa.. ed entra un infermiera.. che li sgrida…)

INF: E allora… l’avete finita di fare baccano ?!?!?! E’ ora di dormire !!! Avanti!!!

(i due si calmano ..)

Cicci:  ( all’infermiera…) va bèn, ma la me fa da testimone… tra mi Nane la vedrà che more prima mi …

Inf: va bene, va bene… ma adesso dormite…

(l’infermiera se ne va, i due si sistemano nel letto…)

Cicci: Notte Nane…

Nane:… notte…

(Passano pochi secondi e i due prendono sonno… e ad un certo punto da un lato della stanza entra la MORTE… con voce solenne)

Morte:  Sveglia sveglia …

Nane:  (con gli occhi chiusi) Cicci lassame in pase… no te ha sentì l’infermiera…

Cicci:  Varda che mi no ho nianca vert bocca…

Nane:  (sempre con gli occhi chiusi…) e allora l’ha da esser el cambio de turno … ogni volta che cambia el dotòr i vien a visitarne… no ho nianca fat ora de seràr l’ocio… adèss ghe ne dise quattro…( si gira e vede la morte … prende uno spavento e si nasconde sotto le coperte… poi piano piano tira fuori la testa dalle coperte e tremando chiama cicci…

Nane:  (piano e tremolante  … ) Cicci… Cicci…

Cicci:  Lassame star che ho sonno…

Nane:  (insiste…) Cicci… Cicci…

Cicci:  Se l’è ancora quea faccia da becchìn del dottor, dighe che stae bèn… (la Morte si avvicina al letto di Cicci…)

Nane:  (Sempre con voce tremolante…) Cicci… Cicci… varda chicche l’è…

Cicci:  Dai Nane… lassame star… ho dormì poc ieri nòt… son MORT DE SONO

Nane:  Te preghe… Cicci… no sta dir cussì… tìrate su prima che sia massa tardi …

Cicci:  (Sbuffando si alza senza far caso alla Morte che è ai suoi piedi, lui si alza dalla parte di Nane… ) uff… co te taca no te ghe a moea mia… chi vutu che sia … l’omo nero? …(quindi, sempre parlando con Cicci… si sposta fino a trovarsi di fronte alla morte…di colpo si gira… rimane per 5 secondi faccia a faccia con la morte… e poi di colpo emette un grido e si reinfila sotto il letto…tremando)

Cicci:  Nane… chicche l’è sto siòr qua.. ? L’è brut come la Mort !

Nane : Cicci … l’è la mort !!!! 

Cicci: e da cossa l’atu capìo  ?

Nane: L’è na sensaziòn…

Cicci: Ma se l’è vero.. in te sta stanza sèn solche mi e ti !!! Aiuto!!! (E i due si nascondono sotto le coperte).

Morte: (Sempre con tono austero…) Silenziò … per uno di voi è giuta la vostra ora…ho con me una busta divina per uno di voi due … (estrae tre buste… ) che busta volete … la 1, la 2, o la tre…

Cicci:  Ma chichè l’è ? el sosia de Mike Buongiorno?

Morte: Avanti !!! Bando ai discorsi… non ho tempo da perdere… !!!

Nane:  (tremolante… entrambi escono dalle coperte solo con gli occhi..) Par mi va bèn la tre … cossa dittu Cicci?

Cicci:  (tremolante anche lui… ) Sssi.. ssi.. va ben la tre…

Morte: (apre la busta e con tono austero legge… ) “ospedale di Oderzo… reparto di Medicina …stanza 5 Oggi 2 febbraio 2006 per volontà ultraterrena… dovrà lasciare questa vita terrena… il Sig…”… ( la morte comincia a cercare un nome che in realtà non è scritto…comincia a mostrare segni di imbarazzo…) il Signor… (cerca per un po’ e poi tra sé..) Porca miseria no stame dir che i se ha desmentegà de metter el nome … (continua a cercare… ) e si… qua no l’è … (guarda la busta…) …la busta la è giusta (rilegge la destinazione…) ma che razza de aiutanti che ho … eh.. da quando che l’è mort Gino Bramieri… lu l’è sempre la che el conta barzeette, e lori i se distrae… cussì succede ste robe… e adèss…? (pensa un po …) vediamo … (va da Nane, in quale con la coperta sotto gli occhi si nasconde… e con la testa fa cenno di no, e con il dito indica Cicci…quindi la morte si gira verso Cicci… il quale sempre riparato dalle coperte fa la croce con le dita come per scacciare i demoni…)

Cicci:  Vade retro … (fa la croce con le dita e le corna…  eventualmente tira fuori qualche amuleto dal cassetto, si infila una treccia d’aglio…) pssss…. Pussa via …  (La morte continua a guardare e a pensare chi portare via …)

Morte: e adesso …? (Cammina su e giù pensierosa… poi si rivolge ai due …) Signori … capisco che è una cosa imbarazzante… capisco il vostro disagio… ma dato che non mi sembrate poi cosi in salute …. Se potete mettervi d’accordo ve ne sarei grata per tutta la vita…

Cicci:  (i due si calmano ascoltano e a un certo punti Cicci sembra fare un atto di generosità… si inginocchia sul letto dimesso e, rivolto alla Morte…) Ma si … quel che l’è giust l’è giust… (pausa) Portate via Nane … do minuti fa el jera cussì ansioso de passar a miglior vita… par mi … voarà dìr che patirò n’altro fià!

Nane: (Stupito…) Ciò cossa eo tutta sta generosità in te i me confronti? E el to fegato ingrossà ..? Varda, non posse proprio accettàr la to offerta, parchè prima te me ha commosso, e siccome no vui farte soffrir… preferisse lassarte el posto …

Cicci:  (facendo le corna) Tiè… el me fegato el sta ben cussì… ti pittost… (rivolto alla Morte…) La vardi che bianco che l’è …l’è bianco come la puina … la sa …co na macchinetta picàda al cuor… come se fa a andar avanti … la fa un atto de carità se se lo porta via… vardi se fusse mi el prescelto, ghe offre volentieri el me posto.

Nane:  Ma nianca par sogno … quei i è posti riservadi, un el spetta na vita intiera par  rivàr là… no te faria sto torto Cicci … (rivolto alla Morte…) Pitòst, no per farme i affari de che altri, ma el me ha dita che la anca la pressiòn alta …

Cicci:  La pression alta te me l’ha fa vegner ti… (alla Morte) Nane invezze… el me disea che el vea de quei dolori, … un mal …da morir…  perciò…

Morte: (Gridando…) Basta!!!! State zitti… (tra se’…) Qua … non so cossa far… (pensa…) Mmmm podaria portarme via quel che l’è ciapà pezzo… e guarda Cicci…

Cicci:  Pussa via … (scende dal letto in mutandoni…) Varda qua che quarti … te pareo i quarti de un moribondo ?? Portate via nane che l’è pi sèc…( e torna a letto… la Morte va da Nane)

Nane:  Ciò … vutu insegnarghe el mestier a la siora qua ??? No varò i so quarti, ma varda che panzetta… (si alza la maglietta e si prende la pancia…)

Cicci:  Si… Panzetta da ombre…

Nane:  ‘nimporta… sempre panzetta l’è .. Scoltame mi … portate via Cicci che lassù te fa pi bea figura… mi son un pore desgrazzià…no so gnanca parlar bèn in italiàn… E po’ mi no ho mai  fumà nianca na sigaretta… Cicci invece….( la morte torna dalla parte di Cicci)

Cicci:  Tasi su …  varda che rassa de amigo… e po le sigarette le fumee co ti te iera co mi … quindi el fumo te lo ha respirà anca ti. E siccome i dise che el fumo respirà el fa pi mal che quel che lo fuma…

Nane:  Però….

Morte: SILENZIO ho detto!!! …  qua se drio far confusiòn… ed io ho una certa fretta… (pensa tra se…) no posse tornar senza nient! Gli ordini vanno eseguiti senza eccezioni…lo dice il regolamento…  in fondo la stanza è quella giusta… quindi si tratta solo di scegliere uno dei due… (si gira e guarda in faccia prima Cicci e poi Nane…  i quali entrambi gesticolano e fanno cenno di prendere l’altro… appena  fa per andarsene da Nane, nane dice: )

Nane:  Te vea rasòn Cicci, la è proprio brutta come la mort!

Morte: (Si gira di scatto) come?

Nane:  No… disee che la è na bea signora, ma bisogna che la se cure un sciàntenin… la se trascura… lo dise par el so bèn… la me scolti mi, no la dura mia tant se la va vanti cussì …

Morte: (Rivolto a Nane…) Ahhhh… lei mi sta provocando…ho deciso… prendo Lei.

Nane:  Provaghe! Prima bisogna che te passe sul me cadavere…(confuso…) cioè su quel del me avvocato…cioè ..ecco sì… non mi muovo senza la presenza del mio avvocato! Ecco!!! (Scandendo le parole) V O G L I O    I L    M I O   A V V O CA T O  !!!!

Morte: (Scocciata…) O sant’Antonio,  … co i mette de mezzo i avvocati no se ghe ne vien pì fora… (si avvicina a nane…) ..va bene… va bene… stia buono … facciamo così … (in un orecchio) non dica niente a nessuno di questa nostra conversazione… tanto per me è lo stesso…  ( La Morte si volta decisa verso Cicci…) Ho deciso: LEI DEVE VENIRE CON ME !

Cicci: Ma nianca dopo mort!

Morte: Non faccia lo spiritoso…

Cicci: Ma la stai tenta…( si alza con timore…) scusi se me permette, ma sa … ho fat un pochi de anni de sindacalista e ho un fia de esperienza de scartoffie … la me fai vedar el mandato de …de.. de prelievo… forse…interpretando un fià le parole…na virgola messa prima o dopo .. pol farne capir tante robe…

Morte: (Estrae un foglietto… e lo porge a Cicci, il quale infila gli occhiali e legge…)

Cicci: Allora… MANDATO DI PRELIEVO BUONANIME… e fin qua .. tutt a posto … Anno Dominis 2006, addì 6 febbraio  … e anca questo l’è giust… (continua a leggere) … eccellentissima et illustrissima Signoria… ella deve recarsi oggi in nosocomio Opitergino et prelevare Buonanima in base a scelta busta…   veden la busta che ven scelt… (la morte gli porge la busta… cicci legge…) Reparto di Medicina, stanza n. 5. ..e dentro l’è el fogliett… co scritt…  Oggi 2 febbraio 2006 per volontà ultraterrena… dovrà lasciare questa vita terrena… il Sig…   (…cicci si illumina …) ecco la solussiòn de el problema … La parola signor… no la pol che riferirse a ti Nane, se se trattasse de mi i varia scritt… quel poarèt… o …

Nane: Questo l’è tutt da dimostrar… sol che parchè mi el raccolto dei campi lo dichiare tutt, ti inveze…. (fa cenno che lui fa la cresta sul raccolto)

Morte: Ah…Questo è un fatto che merita di essere segnalato ( indica in alto …) alla nostra amministrazione…nel reparto “purgatorio, smistamento anime” potrebbe essere fondamentale (prende un blocchetto dalla tasca e comincia a scrivere…).

Cicci: no, no … cossa voea scriver… le è tutte busie che el ghe conta lu… lo fa par difenderse… no l’è vero … per Dio…

Morte: Ecco!…(scrive …) “quarto comandamento … non nominare il nome di Dio invano,,,” anche questo potrebbe essere rilevante…soprattutto come ultime parole…

Cicci: (Fa le corna…) Ma lassi stàr… le ultime parole.. no la stae scriver nient… per … per … per Budda…

Morte: Beeennneee!!! Segnamo anche questo…

Cicci: Ma Come !!!!

Morte: … e si … io non so chi c’è lassù…(indica in alto…)  Dio, Budda, Manitù… mah…  io ho solo il compito di riportare le ultime parole che potrebbero avere qualche rilevanza…

Cicci: Insomma, la me fai un piazèr… no la stai scriver nient e la me scolti…

Morte: Purchè sia una cosa veloce, perché mi state continuando a far perder tempo … guardi qui … (mostra un pacco di buste…) ho un sacco di appuntamenti per oggi…

Cicci: Immagino mi … no i vederà l’ora de vederte …

Morte: continui a fare lo spiritoso lei … vedrà che fine farà … perché io da questa stanza qualcuno devo portare via … e …

Cicci: Shhhhsssss… (tutti ascoltano una voce concitata fuori campo  )

Dott: … veloce… veloce… avanti con il massaggio cardiaco …  veloci .. veloci…. (si sente il biiiiiiiiip del battito cardiaco piatto. Pausa di 2 secondi , poi il dottore con tono dimesso dice) … mi spiace… lo abbiamo perso …. Infermiera… lo porti in obitorio …

Inf: E dov’è? Sono nuova/o di qui …

Dott: in fondo al corridoio a destra…

Inf: Bene…

Cicci: Me ha vegnù un idea… (esce felice…. Ed entra con due infermieri che portano  una barella o una portantina con sopra una persona o un manichino… e l’infermiera che  indica la strada …) di qua, di qua… lo metta qui  …. (entra la barella con il morto, cicci lo fa appoggiare sul letto  e si  rivolge alla morte esultante …) ecco… grazie … grazie (gli infermieri se ne vanno e cicci Gongolante si rivolge alla Morte…)  ecco qua quel che la voea… tutt suo .. e tutto secondo gli ordini…

Nane: Cicci te si un grande !!!!

Cicci: (rivolto alla Morte…) dia qua … (legge il mandato… e ad ogni parola sottolinea compiaciuto la corrispondenza con gli eventi) Nosocomio Opitergino, reparto Medicina, stanza 5 … dame na penna… ecco qua…  Sig. (guarda la cartella clinica…) Anselmo Diot’aiuti… (e lo consegna alla morte) Va bèn cussì ?.

Morte: (Perplessa…) Ma… Io non ho visto niente… (Riprende la busta e se la mette in tasca…) formalmente siamo a posto… è stato un piacere … arrivederci  ...(prende il cadavere e se lo porta via… oppure lo copre con il suo mantello così la persona può alzarsi… e lo porta fuori…)

Nane: (facendo gli scongiuri) Si … ma el pi tardi possibile…

Cicci: Visto? Lassaghe far a i sindacaisti ti …

Nane: (i due riprendono un fare malinconico) e adèss ? Anselmo, (ammiccando al letto vuoto) pace all’anima sua, l’è ‘ndat…

Cicci: (sospirando…) E si …tac tatàc … senza tante storie…

Nane : Beato lu … l’ha finio de patir…

Cicci: Eh si … podesse mi… (fa l’occhietto al pubblico e si chiude il sipario…)

FINE

By Bortolin Marco, 10 Settembre 2005

Ispirato dal libro di Simone Fregonese “La vendetta dell’uomo smilzo” Prospettiva editrice, racconto “Alla Fine”.


Attribuzione - Non commerciale - Condividi allo stesso modo 2.5 Italia

Tu sei libero:

di riprodurre, distribuire, comunicare al pubblico, esporre in pubblico, rappresentare, eseguire e recitare quest'opera di modificare quest'opera

Alle seguenti condizioni:

·Attribuzione. Devi attribuire la paternità dell'opera nei modi indicati dall'autore o da chi ti ha dato l'opera in licenza.

·Non commerciale. Non puoi usare quest'opera per fini commerciali.

·Condividi allo stesso modo. Se alteri o trasformi quest'opera, o se la usi per crearne un'altra, puoi distribuire l'opera risultante solo con una licenza identica a questa.

Ogni volta che usi o distribuisci quest'opera, devi farlo secondo i termini di questa licenza, che va comunicata con chiarezza. In ogni caso, puoi concordare col titolare dei diritti d'autore utilizzi di quest'opera non consentiti da questa licenza. Nothing in this license impairs or restricts the author's moral rights.

Le utilizzazioni consentite dalla legge sul diritto d'autore e gli altri diritti non sono in alcun modo limitati da quanto sopra.

Questo è un riassunto in linguaggio accessibile a tutti del Codice Legale (la licenza integrale).

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno