‘Na maruzzella doce doce

Stampa questo copione

‘NA MARUZZELLA DOCE DOCE

DEDICA AL MAESTRO

                     

   RENATO CAROSONE  

SPETTACOLO MUSICALE

INSCENATO CON LE CANZONI DEL GRANDE MAESTRO

Personaggi in ordine di apparizione

Maruzzella_____________________________________________

Gennaro, loscapricciatiello_______________________________

Francesco, l’aristocratico________________________________

Carmine l’amico consigliere di Gennaro____________________

L’ americano___________________________________________

Marlene, l’amica dell’americano___________________________

Julie, l’altra amica dell’americano_________________________

Nunzia, la fan dell’americano e del Saracino________________

Caterina, la fan amica dell’americano e del Saracino_________

Federica, la fan del Saracino_____________________________

Alessia , la  fan del Saracino_____________________________

Clara, la fan del Saracino________________________________

Saracino______________________________________________

Michele, l’amico di Maruzzella e Gennaro___________________

Pasquale, amico del cuore di Gennaro_____________________

Anna, la bionda provocante______________________________

Maria, l’amica di Carmine________________________________

Peppino e Ciccio, i due scugnizzi_________________________

Menelik, il cercatore di petrolio___________________________

Raffaella, una passante__________________________________

Angela, un’altra passante________________________________

Ballerini_______________________________________________

PRIMO ATTO

La scena si svolge in uno di quei tipici larghi napoletani: gradoni,panni stesi, scugnizzi che giocano con lo strummolo e i  “ritrattielli”. Gennaro, lo “scapricciatiello” osserva una bionda che gli passa davanti e, mentre fa diversi apprezzamenti giunge Maruzzella la sua fidanzata, che da qualche tempo litiga per problemi di gelosia.

Maruzzella entra in scena e canta  “Scapricciatiello mio”

Maruzzella:Gennà,….tu nun me vuò cchiù bbene!

Gennaro:Uh! N’ata vota? Ma comme, Maruzzè…Tu si ‘a vita mia!

Maruzzella: E allora pecchè fai il cascamorto con le altre ragazze?

Gennaro:Io?!?...’O cascamorto?......Ma quando mai!

Maruzzella: Si, mi hanno detto che fettei le altre quando io non ci sono…..

Gennaro: Ma chi te ddice ste ciucciarie! Io sono un tipo scherzoso….Quello, nel mio cuore ci esisti propetamente solo tu…

(mentre l’abbraccia passano due signorine, di nascosto fa loro cenni e inviti, le due si allontanano ridendosela)…..Quelli sono degli invidiosi….

Maruzzella: Speriamo che è come dici tu…,pecchè si saccio che me staje piglianno in giro…ti lascio,….e mi metto col primo che passa…(indica, stendendo la mano, uno che passa proprio in quel momento, un certo Francesco).

Francesco: Piaceve! (le prende la mano e con aria aristocratica gliela bacia)….mi permetta,…sono Fvancesco….

Maruzzella: (presa un po’in contropiede) piacere Maruzzella!

Francesco: ( con sentimento) che begli occhi che avete, sembrano due…

Gennaro: ne uè…che begli occhi!...ma ghi sij! (lo allontana) Addò è asciute chiste…

Francesco: guavdi che è la signorina che ha iniziato le avance pev pvima…

Gennaro: ma qua “pev pvima”….vide è avnzà ‘o pere ‘o vvì! È venuto frisco frisco Franceschiello, ma vuje vedite nu poco….chillo guarda ancora…(lo afferra per la giacca)…agge ditto vide e te ne ghì!...ce simme spiegate!

Francesco: insolente! Levatemi le mani di dosso! Quanta confidenza…(mentre va via) che zotico, che screanzato!

Maruzzella: mamma mia che brutta figura che hai fatto!...che espressione da delinquente!...Vattene!...ma quando impererai ad usare un linguaggio più corretto e dei modi meno villani!...ho vergogna solo a starti vicina (gira le spalle ed esce di scena)

Gennaro: aspetta un momento…(chiamandola con vigore) Maruzzella! Ma vide a chest’ata! (pausa) ….ma chi me l’ha mannate a chilo…Embè si me capita pe ‘nnanze ‘e piedi n’ata vota…’o rape a cape!...o facce vedè bbuono…”’o screanzato” (la richiama) Maruzzella!...ma ‘a chi ‘o vvuò pure chest’ata… mo vado ad acchiappare quella due bonazze…(entra Carmine)

Carmine: (mentre entra lo afferra e lo frena) uè ma dove vai così in fretta?

Gennaro: ‘na commissione urgente! Agge visto due tipini niente male!

Carmine: (fermandolo) aspetta, così non otterai niente!

Gennaro: (si ferma) no?!

Carmine: nossignore! Quello ci vuole lo charme….

Gennaro: ‘o scialle?

Carmine: charme,…originalità! (entra in scena l’americano e passeggia andando verso di loro) ecco,  vedi per esempio a questo!...questo ha avuto la trovata di fare l’americano!...si è messo un po’ la visiera storta, due adesivi attaccati dietro i pantaloni e una mazza da baseball in mano…mò passa per  Toledo come un guappicello e … tutte le ragazzine gli stanno dietro!

Gennaro: ma che ddici? Cù tuta sta pagliacciata, le ragazze lo trovano attraente?

Carmine: e cosa vuoi che ti dica, quelle le donne oggi sono fatte così! Preferiscono le stravaganze, le originalità…..

Gennaro: ah? Ho capito!...uno adda fa ò stravagante?

Carmine: certo ci vuole inventiva…

Gennaro: ecco!...inventiva?...bene, bene…

Carmine: (vede arrivare l’americano) a proposito…zitto!...zitto e guarda!

Americano: (chiamando a sé Marlene e Julie che passano in quell’istante) uè,pupatelles, what’s your name?

Marlene: (sospirando e strusciandosi addosso) … oh…Marlene!...I am fine, and you?

Julie: (anche lei sospirando e strusciandosi addosso) my name is julie!

Americano: (le abbraccia) very well! Comeon  with me, babies…we are going to danca …ok

Entra il balletto, Julie  e Marlene cantano “tu vuò fa’ l’americano”

Dopo il balletto, l’americano esce portando con sé le due ragazze.

Intanto entrano in scena, parlando tra di loro, dall’altro lato del teatro Nunzia e Caterina.

Nunzia: che bellu guaglione… è o’ vero?

Caterina: si me piace assale…è proprio ‘nu friscone!

Nunzia: embè, che facimmo?... ce vuttamme pure nuje?

Caterina: m’addò te vutte! Nun ‘e visto ca già se n’è purtato a ddoje… e ppò, io songo ‘na guagliona sistemata!..mica sono una sberlessa!

Nunzia: oi né, ma lievete a ‘lloco!.. nun me fa avutà ‘o stommeco!

Caterina: e ggià, mi ero scordata!

Da un lato del teatro entra Gennaro che con molte arie da latin lover, interrompe il dialogo delle due avvicinandosi, mentre dall’alto lato Maruzzella spia facendo capolino dalle quinte.

Gennaro: ( parlando un inglese napoletano) hei, babies… how are you? Comme states…aiem fino, fino…and you? 

Nunzia: né….ma chi si?

Gennaro: aiem Genny!... your small Genny!

Caterina: ma fame ‘o piacere! Genny…vide e te ne ghì!

Nunzia : ma chi te sape !...iammuncenne,(uscendo dalla scena continuano) ma che vvo’ stu cretino!...va truvanne small…stu cose molle….

Intanto entra anche Carmine

Gennaro: (rivolto a Carmine che lo guarda perplesso) secondo te, addò agge sbagliato?

Carmine: prima di tutto ti sei messo a fare l’americano pure tu…

Gennaro: embè…

Carmine: ma come “embè”… quello l’americano già ci sta’!...sei mancato di originalità…hai fatto il copione!

Gennaro: ah …ecco…ho capito!

Carmine: poi,…seconda base…l’abbigliamento! Per coqiustare le ragazze oggi… devi essere un personaggio! …ti devi vestire in modo particolare…che so,…qualcosa che attragga la loro attenzione….

Maruzzella: (etra in scena applaudendo nervosamente) ma bravi! Complimenti!...che begli insegnamenti! (si volge a Gennaro) vedi? Mi avevano detto la verità!  È inutile che adesso te lo neghi…ora è evidente! A tè piace fare il cascamorto!

Gennaro: ma quale cascamorto…quella la gente è invidiosa! Dai, vieni qua,( le si avvicina tentando di abbracciarla) facciamo pace…non lo faccio più!

Maruzzella: (lo sposta e gli volta le spalle piagnucolando) lasciami stare!

Gennaro: (le si avvicina di nuovo e tenta di nuovo di abbracciarla) dai, non fare così…

Maruzzella: (ancora spostandolo) ti ho detto lasciami…

Gennaro: (spazientandosi) dai, come la fai pesante!

Maruzzella: pesante?...mo ti faccio vedere io cosa significa!

Gennaro: “cosa significa”…che cosa?

Maruzzella: significa che …faccio pure io la cascamorta!

Gennaro: ma , nun so cose pe te! (con tono arrabbiato) né,…ma stisse ascenne pazza?

Maruzzella: nossignore! Sto benissimo! Ed ho deciso….(gira le spalle e va via) adesso faccio pure io le acciappanze!

Gennaro: (arrabbiandosi ancora di più) ma fa chelle che vuò tu, và!

Iammuncenne carminiè, tengo un’idea originale! Ti faccio vedere …tutte ‘e guaglione che me passano pe ‘nnanze anna casca ‘nterra ‘e piedi mije!  Compreso sta muccusella! Mannaggia ‘o suricille ‘e pezza ‘nfosa!(va verso le qiunte insieme a Carmine ed uscendo insieme) Po’ ti faccio vedere!     

Gennaro si cambia di abito e si veste da torero per rientrare ine scena.

Maruzzella resta perplessa in un angolo mentre dall’altro lato entra il balletto con Federica Alessia e Clara e fanno finta di litigare

Maruzzella: (va loro incontro tentando di fermarle) ferme, ferme! Ma perchè litigate così tanto?

Federica: perché si vuole prendere il mio ragazzo!

Alessia: nun è overo! Quello…l’ho visto prima io!

Clara: ma che dicene sti ddoje? Jo, pe isso, me so pure avvelenata!

Maruzzella: eh,mamma mia che esagerazione! Quante attenzioni! Ma si può sapere chi è questo ragazzo? Questo principe azzurro?(mentre parla entra Gennaro vestito da torero Maruzzella lo vede  meravigliata ed ironica gli dice) Gennà, ma come ti sei combinato?

Gennaro: (scimmiottando i toreri e avvicinandosi a tutto il gruppo di ragazze) olè…Buenos dias senorite! Stivane parlannos de mico?

Inizia la musica di “Torero”il balletto comincia a ballare e cantano Clara, Alessia e Federica.

Gennaro: muchaches,..jo songo ‘nu celebre matadores… a me los toros me fa nu baffos…

Federica: ma chi è sto scemo?

Alessia: e chi ‘o conosce!

Clara: avrann’ aperto ‘e manicomi!

Federica: ma non sarà pericoloso?

Alessia: ma chi? Stu pesce a broro?

Clara: nun ‘o damme retta,(spingendo da un lato le compagne) facimmece cchiù a llà!

Maruzzella:Gennaro, ma che cos’è sta pagliacciata!

Gennaro: ( mortificato per la brutta figura) sei tu che mi costringi a fare il buffone

Intanto entra il Saracino e le ragazze lo guardano perché è di lui che stavano parlando.

Federica: (andandogli incontro)eccolo! È il mio amore il mio sogno di una notte di una lunga estate… ‘O Saracino!

Alessia: (correndo avanti a Federica e tirandola dietro di sé) né Sheakspear, lievete ‘a mieze..chiste,..è rrobba mia! (si volta verso ‘o Saracino sospirosa)oh, mon amour!

Federica: vieni da me.. sarò la tua serva!

Alessia: ma qua serva.. stamme a sentì a me…chesta nun serve proprio!

Clara: (si fa largo tra le due e viene avanti) uè sberlesse levateve ‘a nanze a mmè, è mio! Toglietevi! L’ho conosciuto prima io! Saracino, prendimi con tè sarò il tuo tappetino.

Alessia: (iniziano a litigare tra loro) ma quante mai! Tu si solo ‘nu tappe

Saracino: (guarda interessato Maruzzella e  dicei)calma, state calme(poi va verso di lei) scusate un attimino…fatemi vedere une cosa…e tu chi sei?

Maruzzella: mi chiamano Maruzzella

Saracino: ah,Maruzzella! Sai, non ti avevo mai visto prima… strano, perché certe situazioni non mi sfuggono..(guarda Gennaro)hai qualche impegno?

Maruzzella: (guardando Gennaro) ecco, veramente …io (poi per far dispetto a Gennaro con tono deciso e dispettoso) no, nessun impegno!

Saracino: ti va di fare quattro passi con me Maruzzella?

Maruzzella: beh,certo, ma spero che non ti sia messo nulla in testa! Io sono una ragazza seria!

Saracino: e chi lo mette in dubbio! Pure io sono un ragazzo serio!

Maruzzella: sei sicuro? A me hanno detto che le ragazze le guardi solo “sotto determinati lati”

Saracino: (guardandola interessato dalla testa ai piedi)  ma non è vero io le guardo da tutti i lati! Dai,andiamo e poi mica ti mangio! (avviandosi insieme verso l’uscita).facciamo solo quattro passi, ci conosceremo meglio.

Federica: (rivolta ad Alessia) ma tu haie capito a sta bbona guagliona?(Alessia la zittisce ma lei continua) è uscita fresca fresca ‘a signurin’!

Alessia: non ci facciamo acconoscere!

Clara: (parlando con nervosismo a Gennaro) né toreador e tu nun fai niente?

Federica: lascialo stare …e poi quale toreador, quello mo’ deve fare(fa il segno delle corna) il toro.

Gennaro: (sta per picchiare le ragazze ma si frena,le tre ragazze scappano burlandosi di lui) venite qua,che v’ò faccio vedere io il toro! (poi guardando dal lato di Maruzzella) Maruzzella, Maruzzella mia…

Entra Michele e va verso Gennaro

Michele: né Genna’, ma che ti è successo?

Gennaro: niente! Lassame stà! Io mò, m’aggia solo accidere!

Michele: e gghià nun fa accussì! Parliamone forza fammi capire! Maruzzella?(Gennaro fa cenno di si) e vva bbuò, quella poi le passa e ritorna da te, come ha fatto sempre.

Gennaro: no!mò nun torna cchiù…sta vota l’aggia fatta grossa…proprio quante aggio capito overamente quanto ‘a voglio bbene (si dispera)

Va verso il centro del palco ed canta la canzone “Maruzzella”alla fine esce dalla scena.

Entra Pasquale

Pasquale: né, ma che è successo a Gennaro?

Michele: niente, Maruzzella, ‘a ‘nnammurata, lo ha lasciato!

Pasquale: uh!e come mai?

Michele: eh,sai com’è, quello ha voluto fare il bufoncello con le altre ragazze…allora si è presentato vestito da torero per spiggiarsi un po’ Maruzzella,l’ha sorpreso e non ne ha più voluto sapere.

Pasquale: ah,poverino!

Michele: e ggià poverino, invece di fare il zezo, si riguardava la sua ragazza.

Pasquale: si hai ragione, ma non hai visto come sta giù! Ho paura che si faccia qualcosa!lo sto vedendo ogni notte in giro per la strada figurati che parla con gli ubriachi, fa lunghi discorsi con i gatti!ieri l’ho fermato mi ha detto che sono tre mesi che non dorme più.

Michele: embè,la colpa mica è di Maruzzella?

Pasquale: no,senza dubbio lo ha ben consigliato, gli ha dato una bella cura, una serie di pastiglie e po’ una strana dieta con……

Comincia la canzone “pigliate na’ pastiglia” canta Pasquale.

Pasquale: va bbe’,mo’ scherziamoci pure sopra io non me lo fidso più di vedere in quelle condizioni

Michele: e che possiamo fare noi?

Pasquale: è semplice, dobbiamo far tornare Maruzzella con lui.

Michele: è ‘na parola! come si fa? Quella ragazza si è infatuata del Saracino e quello là non la molla fino a quando non ottiene quello che vuole!

Pasquale: quello che vuole,ah ho capito, ma allora è in pericolo pure la ragazza?

Michele: sicuramente!

Pasquale: guardate, guardate,embè, cosa possiamo fare? Forse ci sono! Senti, io tengo una cugina bionda e bella, molto appariscente, una bonazza insomma figurati che quando passa, a chi la vede gli può venire pure una mossa solo se consideri quella sua vocca rossa rossa

Michele: addirittura, e chi è Marilyn Monroe!

Entra Anna la bella bionda comincia la canzone “’o suspiro” canta Michele, finisce la canzone e Michele resta incantato da Anna.

Pasquale:.Michè,…che dici, allora?michè, uè ma te sì ‘nzallanute?

Michele: (fingendosi di riprendersi) ‘e ditte proprio bbuono! me so’ nzallanuto! mamme do Carmine e comm’è bbell! Io vado ci vediamo più tardi!

Pasquale: (lo prende per il collo della camicia e lo tira a sé) ma addò vai? Quella ci serve per il Saracino!

Michele: a ggià! Però, doppo sta cosa, mo fai fa nu ggiro pure a mme?

Pasquale: ma quale ggiro?ma che de’ na lambretta?quella Anna è una brava ragazza, che t’avissa credere! Solo che le piace fare l’appariscente!

Michele: si,ho capito! ma non ti preoccupare perché se lei ci sta, io me la sposo!

Pasquale: ma tu veramente fai? Avresti questo coraggio?

Michele: pecchè? Mi sono sbilanciato trippo? Va bbè non fa niente. Pure se merito qualcosa in più

Pasquale: stai scherzando?(prendendolo in giro) Io, volevo dire che, secondo te, no, mia cugina si piglia a uno come te?

Michele: ma famme ‘o piacere! Po’ tua cugina vuttasse l’uosso ‘o cane! (poi si accorge che lo sta prendendo in giro) agge capito, è meglio che non ti rispondo, dimme c’avimma fa,jà?

Pasquale: niente! La chiamo e le spiego la situazione. Li faciamo incontrare, poi, piglio e gliela sgancio!

Michele: gliela sganci?

Pasquale: si,praticamente, ci’a scioglie ‘nguollo!

Michele: ci’a scioglie ‘nguollo?

Pasquale: e ccerto! Se riusciamo a distrarlo con mia cugina, forse Maruzzella si sveglia dal sonno e si rende conto con chi ha a che fare

Michele: ho capito! E tua cugina si presta?

Pasquale: se le spiego la buona ragione, si mette a disposizione!

Michele: e io che debbo fare?

Pasquale: tu non devi muoverti di qua!io vado a prendere mia cugine e le spiego tutto il piano, quella si prepara un po’ e poi la porto qua! (continua a parlare uscendo dalla scena) aspettami! Ah, dimenticavo, mi raccomando, se passa il Saracino, trattienilo! Non te le far scappare.

Michele: aspetta, senti, ma come faccio a, mannaggia! E poi, che significa “trattienilo” co’ dico: che begli occhi che ci  hai accussì va a fernì che piglia ‘na cosa pe ‘nato doppe che faccio? ‘o dongo nu vaso,(mentre sta parlando entra il Saracino con Maruzzella chiacchierando e subito dietro di loro un gruppetto di ragazze che cercano di ascoltare ciò che si dicono. Sono invidiose e sparlano sul suo conto. Il Saracino non le ascolta e corteggia Maruzzella.) obbi lloco l’acqua! ‘o vedite lloco, sta venendo, e mmò che faccio!

Maruzzella: (spazientita) senti, ma che vogliono queste qua? È mai possibile che ci seguono ovunque, andiamo!

Saracino: ma che vuoi? Quelle sono delle mie amiche, e poi che ci posso fare se mi vengono appresso?

Maruzzella: almeno di loro dì allontanarsi un po’ da noi, altrimenti andiamocene altrove.

Michele: un momento! Scusate, addò jate! Quale altrove?

Maruzzella: scusa ma chi sei? Che vuoi?

Michele: io? Veramente, niente, però non potete andarvene così.

Maruzzella: no? E perché?

Michele: ( balbettando) no, perché, sapete che de (parlando a bassa voce con sé stesso) e mò che dic’ a chisti ccà (poi alzando di nuovo la voce) quello mò viene e

Maruzzella: mo’,viene chi?

Michele: mi ha detto che dovete aspettare, poi ve ne andate!

Saracino: ( arrabbiato lo prendo per il petto) né, ma chi sì?

Michele: (impaurito) io ‘o sapevo che ghiere a ffernì accussì (nascondendo la sue paura) niente, volevo dire alla signorina che non sta bene che ve ne andate dal quartiere.

Saracino: no? E perché?

Michele: se mi lasci un attimino, mi spiego meglio (il Saracino molla la presa) dunque, ora mi spiego, siccome il Saracino, qui, è l’unica attrattiva nel quartiere, l’unico motivo che porta i turisti a passare di qua, tu non puoi portarcelo via! Andresti contro tutti i tuoi paesani che sono fieri di averlo qua.

Maruzzella: ma che sta dicendo?

Saracino: (pavoneggiandosi inorgoglito) aspetta fammi sentire sta cosa! Dai forza continua.

Michele: tu, Maruzzella, lo dovresti sapere meglio di me.’o Saracino qua è portato!

Inizia la canzone “O SARACINO” canta Michele, entra il balletto e da un lato entra anche Anna che gira intorno al Saracino cercando di conquistarlo, Pasquale si affianca a Michele e si gode lo spettacolo da loro organizzato. O Saracino è attratto da Anna e si lascia conquistare trascurando le altre.

Saracino: ciao! Sei nuova da queste parti?

Maruzzella: senti, ora vogliamo andare.

Saracino: (allontanando Maruzzella, guarda sempre più interessato Anna) non ti avevo mai vista prima.

Anna: ( con molte arie e fingendo di essere aristocratica) veramente sono di origine svedese, ma da qualche mese vivo qui. Possiamo incontrarci spesso e.

Maruzzella: ( li interrompe arrabbiata e rivolta al Saracino dice)mi fai capire che hai deciso?

Anna: ma chi è costei? ( con tono di disprezzo rivolta agli altri ) conoscete questa tizia?

Saracino: chi, ah, lei? Veramente no! Cioè si, è un’amica! Solo un’amica.

Maruzzella: ma che dici, cafone!

Anna: per favore, non vedete che stiamo parlando? Non potreste evitare di importunarci?

Maruzzella: importunarvi? (guarda il Saracino meravigliata) ma come?

Anna: (rivolta al Saracino) scusatemi,mi permetta un attimino,(si volge a Maruzella, la prende per un bracio e la allontana da tutti ,poi involgarendosi) siente bellezza, ma ciò vvuò fa fa? O’ vire, o si cecata? Quello sta per ammoccare! A ttè, non ti pensa proprio! Chisti tipi ccà accussì s’anna piglià, cu “no scialanze”sinnò diventi la loro schiava a vita! Mo, stamme a sentì, prime ca te ne vaje, ti volgio dare un consiglio, si caso maje t’avesa capità pe ‘nnanze e piedi ‘nu guaglione, nu’ buonu guaglione, nù fellocco che te vò bbene, insomma, nun t’o fa scappà, ‘e capito? Nun t’o fa scappa’! sinnò, cu tutto ca sì ‘na bella guagliona faje ‘a fine d’e tracchi! Staje a sentì chi queste esperienze l’ha ggià fatte! E mmò lievete a ‘nanze ‘e piedi, famme faticà che tengo ‘o che fa pe mmane! (lascia Maruzzella e va verso il Saracino riacquistando atteggiamenti fini) allora che dicevate’

Saracino: sapete, ho notato subito che siete una donna molto raffinata, qui, difficilmente si vedono ragazze con un tale stile.

Anna: probabilmente sono le mie origini regali che mi permettono di ben figurare, voi piuttosto

Saracino: (la interrompe dicendo) ma scusate, non possiamo darci del tu

Anna: certo, diamoci del tu, io mi chiamo Ann, ma puoi chiamarmi Anna, e tu?

Saracino: io sono Saracino

Anna: ah, il famoso Saracino, ma è il tuo vero nome?

Saracino: (uscendo di scena insieme ad Anna) no, quello, veramente, è un soprannome

Maruzzella rimane da sola, Michele e Pasquale festeggiano la riuscita del piano, entra di nuovo Francesco

Francesco: uè, cavissima signorina, che vi è successo? Ma che faccia tviste che avete (la consola battendo sulla spalla con una mano) su, su, non fate così, adesso Fvanceschiello vostro vi tevvà compagnia pev tutta la sevata.

Intanto Michele e Pasquale smettono di festeggiare e guardano stupefatti poi si avvicinano

Michele: né, ma addò si asciute?

Pasquale: (afferrando con Michele Francesco per le braccia e portandolo di peso fuori) è venuto frisco frisco.

Francesco: lasciatemi, ma come vi permettete, toglietemi le mani di dosso, guardie, chiamate i cavabinievi

Michele: iamme, cammina, come vi permettete, cammina ovvì,doppe tanta ammuina,vene isse tomo tomo e se vulesse piglià ‘a purpetta a dinte ‘o piatto.

Maruzzella: (camminando dietro di loro) ma lasciatelo stare, che ha fatto di male?

In scena sono rimasti uno scugnizzo Peppino, che gioca con lo strummolo e Maria una passante che lo osserva mentre gioca. Dall’altro lato entra Carmine, un amico di Maria, le si avvicina e dice.

CARMINE: Uè, Maria carissima, come mai da queste parti?

Maria: niente, facevo quatro passi per la città e mi sono soffermata a guardare questo ragazzino che gioca con lo strummolo.

Carmine: ah, i ricordi di infanzia

Maria: certo, mi ricordo quando i miei fratellini facevano la gara “a tracchiare” vinceva quello che spaccava lo strummolo all’avversario.

Carmine: e ssi, i momenti di spensieratezza che non tornano più.

Maria: ( si avvicina confidenzialmente) io veramente sono venuta qui perché voglio conoscere quel tipo che si aggira per questi dintorni, quello che dicono che mischia il pepe col tabacco (ridendo) e dice che troverà il petrolio nel sottosuolo napoletano.

Carmine: ah, Menelik.

Maria: ecco si proprio lui, deve essere un bel matto.

Carmine: è certo, quello è la barzelletta del quartiere figurati che la gente ci fa i numeri: 60 Napoli, 44 il petrolio, 65 il pertuso

Intanto entra Menelik con diversi giornali in mano

Maria: e 23 lo scemo.

Carmine:shhshh ( a bassa voce) eccolo, è lui.

Maria:(gli passa davanti gli ride in faccia e va via con Carmine dicendo) ahah, ahah, ahah.

Menelik: (arrabbiandosi) ridete, ridete, sti ignoranti, poi vediamo,(si esalta e dice)un giorno diventerò il RE di Napoli,

l’Alì Babà del Mezzogiorno, (vede i ragazzini e riavvicina a loro)sentite giovanotti,( i ragazzi non lo ascoltano e continuano a giocare) giovanotti, chisto so surdi, (con tono arrabbiato alzando la voce) guagliò, v’è vulite abbusca diecimila lire?

Peppino: (balza in piedi) diecimila lire? A servirvi capo.

Menelik: (rivolto al pubblico) ma che tenevano ‘na molla ncuorpo!

‘e denari fanne venì a vista ai cecati ( poi si volge al ragazzo) dunque, mi dovete fare un piccolo favore, niente di impegnativo.

Peppino: ( con aria sospettosa e titubante) si ma C’AVIMMA FA.

CICCIO: no, pecchè siamo persone pulite.

Menelik li guarda entrambi e osserva gli abiti sporchi

Peppino: ( si accorge dello sguardo di Menelik e aggiunge)  pulite di animo dottò.

Ciccio: di animo.

Menelik: va bbè,  va bbè, non dovete fare niente di eccezionale, una cosa semplice semplice, dovete fare lo strillone.

Peppino: (incredulo) come sarebbe? Se facciamo gli strilloni, voi ci date diecimila lire?

Ciccio: diecimila lire?

Menelik: proprio così.

Peppino: adesso?

Menelik: certamente

Peppino: va bbè (raccoglie tutto il  fiato possibile e poi intentendosi con Ciccio urlano insieme a squarciagola) uaaaaaaaaaaa.

Menelik: (meravigliato) e che dè sta cosa?

Peppino: guardate ca cchiu’ forte e chesto nun ce vene. Se non l’avete reputato all’altezza, allora fate una cosa, dateci solo cinquemila lire, così voi risparmiate e noi ci accontentiamo lo stesso.

Ciccio: si,si, noi ci accontentiamo lo stesso.

Menelik: ma che avete capito, io parlavo dello strillone ambulante

Peppino: e chi è?

Menelik: ma come, è quello che vende i giornali per la strada, quello che annuncia i fatti, le sciagure per vendere il quotidiano.

Peppino: ah, eco, e si chiama strillone?

Menelik: si chiamava, vabbuò, veniamo al sodo ( prende i giornali che ha in mano e li consegna ai due) dunque dovete fingere di vendere questi giornali e nel contempo dovete pubblicizzare le notizie più importanti, che saccio, terremoto in Messico, Guerra nell’ex-jugoslavia, sciagura aerea (una piccola pausa) e poi, e qua ti voglio,(pavoneggiandosi tutto quanto) Menelik ha trovato il petrolio.

Peppino: voi?

Menelik: (continuando senza ascoltarlo) dopo vari tentativi, finalmente l’oro nero nel sottosuolo napoletano.

Peppino: (sempre più meravigliato) voi avete trovato il petrolio?

Menelik: nossignore ( pausa) ma lo troverò.

Peppino: ma allora dobbiamo dare una notizia falsa.

Ciccio: allora dobbiamo dare una notizia falsa.

Menelik:  nossignore. Dovete semplicemente anticipare l’evento, perché, prima o poi, il petrolio lo troveròsicuramente.

Accussì fernescene di sfottermi ( con rabbia )tutti quanti.

Peppino: ah, ecco, quelli vi sfottono (con ironia)senza sapere che voi, invece il petrolio lo troverete sicuramente.

Menelik: è ccert, poi vedranno, falli dire, quello è un illuso, è un pazzo,o petrolio nun ce sta’.

Comincia la canzone CARAVAN PETROL cantata da Peppino e Ciccio ed entra il balletto.

Peppino: ho capito tutto, dateci sti giornali e i soldi.

Menelik: (dando loro quanto richiesto) mi raccomando.

Peppino: dotto’ non vi preoccupate, state mmano a ll’arte. Gente gè, Menelik ha truvate ‘o petrolio!

Menelik: aspetta, aspetta, e damme ‘o tempo ‘e me ne ghì, no, e ppò dai prime qualche altra notizia, fammene prima ghì.

Peppino: va bene, va bene, iatevenna, e nun ve preoccupate, state mmano all’arte.

Ciccio: state mmano all’arte.

Peppino: uè ma tu ‘a vuò fernì ‘e fa ‘o pappagallo? ( gli passa alcuni giornali e iniziano ad urlare)sciagura aerea nel Tirreno, nessun superstite.

Il palcoscenico comincia a popolarsi di passanti

Ciccio: guera nell’ex-iugoslavia, molti i morti

Peppino: petrolio nel sottosuolo napoletano, l’oro nero scoperto da Menelik

Le persone aumentano e iniziano ad acquistare

Si avvicina Raffaella una signora

Raffaella: hai visto la sciagura aerea? Nessun sopravvissuto:

Angela: e ggià, quando cadono, non c’è niente da fare, ma dove è successo?

Raffaella: aspetta, mo vedo, ah ecco, è caduto a Ustica

Angela: (prendendo il giornale e guardando la data) Ustica? Ma stu giurnale tene cchiù ‘e dieci anni.

Raffaella: (riprendendo il giornale) uh, avete ragione:

Angela: (guardando il suo) ‘o mio porta la guerra in Kossovo, ( va verso Peppino) guagliò ma che ci hai venduto sti giurnali teneno cchiù ‘e dieci anni.

Raffaella: n’atu ppoco steveme mmano a Garibaldi.

Peppino: e, agge capito, embè che vulite? Aspettate nu poco. Quello poi vi faccio vedere che nell’ex-jugoslavia succede n’ata guerra, v’avimme anticipato ‘a notizia.

Ciccio: v’avimme anticipato ‘a notizia, questo è tutto.

Angela: ma che razza di spiegazione è questa?

Peppino: significa ca ‘e giurnale dicene sempe ‘e stessi ccose (va via trascinando con sé Ciccio) e i problemi non si risolveranno mai.

Raffaella: ma che ddice chiste, viene ccà, addo vaje, dacce ‘e sorde nuoste, all’anima d’o mariuolo,(inseguendolo mentre esce di scena) callista, vieni qua:

la scena si è sgombrata e sul fondale solo Pasquale e Gennaro che parlano tra di loro.

Gennaro: ma tu veramente dici?

Pasquale: sicuro, credimi, Maruzzella ha capito con chi aveva a che fare e così non ne ha voluto più sapere del Saracino. Mi ha fatto capire che desidererebbe incontrarti di nuovo per dei chiarimenti.

Gennaro: non ci posso credere e quando?

Pasquale: proprio stasera. Ha detto di aspettarla qui, entro le nove la vedrai venire, anzi, siccome manca poco, ti lascio da solo, sennò fai la figura del bambinone, dai tirati su, domani mi fai sapere come è andata.(esce di scena e lascia da solo Gennaro.)

Gennaro: (si gira e si rigira nella piazzetta impaziente guardando l’orologio) pe quantu tempo m’agge sunnnato ca putesse schiarì ‘na jurnata nova, me so’ sentite n’ommo pierzo, disperato, e mò stò ccà e aspetto ca se fanno ‘e nnove.

Inizia la canzone t’aspetto ‘e nove canta Gennaro.

Gennaro: (finito di cantare,alza la testa e vede Maruzzzella) Maruzzella.

Maruzzella: Gennaro

Gennaro: come ti va la vita?’o Saracino che dice?

Maruzzella: e chi lo ha visto più, quello è un buffone, io non ci voglio più avere a che fare con lui. Poi tra noi non c’è stato niente solo amicizia, niente altro.

Gennaro: ho capito, embè e mmò?

Maruzzella: e mmò niente sto così

Gennaro: quanti sbagli aggio fatto.

Maruzzella: quanti sbagli amma fatte. Ma ora non ci pensiamo più. Io, non ho mai smesso di volerti bene, sei sempre stato nel mio cuore.

Gennaro: Maruzzella mia, cominciamo tutto da capo.

Si abbracciano e cominciano a cantare  ‘na canzuncella doce doce e il palcoscenico si popola di tutti gli attori compreso i ballerini a coppie a coppie.

 

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 5 volte nell' ultima settimana
  • 20 volte nell' ultimo mese
  • 102 volte nell' arco di un'anno