Occhio non vede…

Stampa questo copione

Occhio non vede

Occhio non vede...

Satira in due atti di

ALDO LO CASTRO




Personaggi

SCARDACI
IMPELLIZZERI degenti dell’ospedale
PALMI
L’INFERMIERA
IL MEDICO
L’INFERMIERE SCIRE’
PROF. VINCIGUERRA, un altro degente
ALESSANDRA, figlia di Vinciguerra
UN GIORNALISTA
UN CAMERAMAN



L’azione si svolge nella stanza di un ospedale di una qualsiasi città siciliana. Ai giorni nostri.


ATTO PRIMO

La stanza di un ospedale. Reparto oculistico. Quattro letti numerati e relativi comodini, qualche sedia. Sul fondo, a sinistra, la comune attraverso cui si scorge un corridoio.
Tre dei letti sono occupati. Il quarto è ancora libero. Sono le sei del mattino. La scena è poco illuminata. Tutti dormono. Il russare è feroce.
Irrompe l’infermiera.

INFERMIERA – (urla) Sveglia! La puntura! Scardaci! Chi è Scardaci?
PALMI – IMPELLIZZERI – (frastornati dalla violenta sveglia ma sollevati per lo scampato pericolo, indicano il letto di Scardaci) Iddu!
INFERMIERA – Scardaci!
SCARDACI – (tra sonno e veglia) Presente.
TUTTI – Scardaci!
SCARDACI – (si sveglia del tutto) Io sono!
INFERMIERA – La puntura.
SCARDACI – La puntura. E pirchì?
INFERMIERA – E che ne so? Qua c’è scritto “Scardaci, puntura”.
SCARDACI – Ma a mmia nenti mi hanno detto i medici...
INFERMIERA – (prepara la siringa) Perchè, i medici devono passare il permesso a lei, prima? Avanti, si giri, sbrighiamoci!
SCARDACI – (esegue) Ca pacienza...
INFERMIERA – La pazienza la faccio io. E ce ne vuole tanta con voi malati!
SCARDACI – Signurinedda, non m’astruppiassi...
INFERMIERA – No’ struppìu.
SCARDACI – Non m’astruppiassi...
INFERMIERA – No’ struppìu! Ancora!
SCARDACI – Ahi!
INFERMIERA – Ha visto che ho finito?
SCARDACI – Ha visto ca m’astruppiau?
INFERMIERA – Non si tolga il cotone ché sta uscendo un pò di sangue. (Via)

2 –
SCARDACI – (allarmato) Varda ca mi fa moriri dissanguatu, chista!
PALMI – Sono selvaggi, caro Scardaci!
SCARDACI – M’acciuncò menzu latu, la bestia!
IMPELLIZZERI – Ci fa mali, ci fa mali, abberu?
SCARDACI – (senza rispondere) M’arrusbigghia c’a matinata pì farimi ‘a puntura! (Osserva il cotone macchiato di sangue) ‘A puntura, sì...! Mi desi ‘na cutiddata e si ni ivu! A proposito, chi ura è?
PALMI – Boh?
SCARDACI – Non ci l’havi ‘u rulogiu?
PALMI – D’avirlu, ci l’haiu.
SCARDACI – Chi è, si ci firmò?
PALMI – Non pensu. ‘A corda ci ‘a dugnu ogni sira...
IMPELLIZZERI – E allura?
SCARDACI – Insomma, Palmi, m’u voli diri chi ura è o no?
PALMI – Ahu, no’ sacciu! Non ci viru!
IMPELLIZZERI – E santu cristianu, s’addumassi ‘a luci! O’ scuru chi voli vidiri, chi voli vidiri?
PALMI – (esegue) Addumamu ‘a luci.
SCARDACI – Comu finìu?
PALMI – Ca non ci viru ‘u stissu.
IMPELLIZZERI – Vasta ca havi ‘u rulogiu! Vinissi ccà ca ‘u talìu iù, ‘u talìu iù.
PALMI – Susemini. (Gli si accosta)
IMPELLIZZERI – Dunque... Ma chi ci mancanu i lancetti, i lancetti ci mancanu ‘nta ‘stu rulogiu...?
PALMI – Sì, ‘u rulogiu novu, ci mancanu i lancetti?!
SCARDACI – Abbissati semu. Mi ci faciti dari ‘na taliata macari a mmia?
PALMI – Avanti, taliassi macari lei! (Si dirige con qualche difficoltà visiva verso l’altro letto...)
SCARDACI – Palmi... unni sta ghiennu? Sbagghiò direzione! Palmi! A destra! No! Si ci dicu a destra...! Bravo. Ora dritto... piano... Alt! Fermu c’arrivò.
IMPELLIZZERI – (divertito) Signor Scardaci, chi fa ‘u pusteggiaturi, nella vita civile?
SCARDACI – Comu, “nella vita civile”? Chi semu in caserma?
IMPELLIZZERI – Macari Diu! E’ ca semu o’ spitali.
SCARDACI – E allura, chi c’entra...
IMPELLIZZERI – Ma pirchì, chidda ca facemu ccà intra, ccà intra... chi è vita? “Vita civile”
SCARDACI – Ho capito la filosofia. No, iù, ‘nta vita civile, faccio il tassista.
IMPELLIZZERI – ‘U tassista?! E i signali i vidi?
SCARDACI – I signali?! Pari c’haiu a ghiucari a’ briscula!
IMPELLIZZERI – E com’è... com’è che guida?
SCARDACI – Guido, guido. Certo, non ora, in queste condizioni ma prima...
PALMI – (ridacchia) ‘U tassista! Mah!
SCARDACI – Chi è ca ridi? Egregio amico. io, fino all’anno scorso, ero ‘u megghiu tassista della città! Io, agli altri miei colleghi, non disprizzannu, mancu ‘i videva!
PALMI – (continua a ridere) Appunto.
IMPELLIZZERI – (ride anch’egli) Palmi, secunnu mia, Scardaci quannu guida, guida a orecchio... a orecchio guida!
PALMI – (sempre più divertito) No! Ci havi installatu ‘u radar supra ‘a machina, comu nell’aerei!
SCARDACI – Ma quantu siti matelici! Appoi, parranu dui boni...!
IMPELLIZZERI – Ma almenu iù non fazzu ‘u tassista. Io faccio l’idraulico.
SCARDACI – E comu fa ‘u stagninu senza vidiri un tubo?
IMPELLIZZERI – (improvvisamente serio) Non mi fici arridiri nenti nenti!
PALMI – Scardaci, havi menzura ca mi teni ‘u pusu! No’ voli sapiri cchiù l’orariu?
SCARDACI – Ah, già. Mi facissi taliari. (Osserva l’orologio come un microbo al microscopio) Tanto per cominciare, caro Impellizzeri, le comunico ca i lancetti ci sunu...
IMPELLIZZERI – Daveru? Ma sarannu nichi nichi, no?
SCARDACI – (continua lo studio) Almenu... una lancetta ‘a staiu vidennu... Il problema serio, invece, ‘u sapiti qual è?
PALMI – Ca semu orvi completi.
SCARDACI – No. Ca non ci su’ i nummira.
PALMI – Bonu, vah!
SCARDACI – Comunque... a occhio e croce...
PALMI - ... cchiù cruci ca occhiu...
SCARDACI - ... dovrebbero essere le sette. Ura cchiù, ura menu.
PALMI – Appostu. (Si avvia al suo letto non senza difficoltà) Meno male che non dobbiamo cronometrare ‘na gara di cursa... Fussimu persi!
SCARDACI – (lo guida) Stassi attentu! Unni va? A sinistra... ecco, bravo...

3 –
(Seguito dall’infermiera, entra il medico. Sigaretta in bocca, aria sufficiente e annoiata. Si ferma un istante sulla comune).
MEDICO – Bene, bene, bene.
PALMI – Cu’ è? Scardaci, lei che è un’aquila... trasìu qualcunu?
SCARDACI – (tenta di individuare il nuovo arrivato) A occhio e croce...
MEDICO – (severo) Questo spirito è fuori posto!
SCARDACI – E si vidi ca ‘a signurina, dopu ca mi fici ‘a puntura, ‘u lassò peri peri...
MEDICO – (non capisce) Che sta dicendo, lei?
SCARDACI – ‘U spiritu. Non si stava lamintannu ca non era o’ so’ postu...?
MEDICO – (all’infermiera) Come si chiama questo qua, signorina?
INFERMIERA – (legge sulla cartella) Numero uno. Scardaci Matteo.
SCARDACI – Numero uno. E non sono nemmeno raccomandato. Sono il numero uno per titoli!
MEDICO – (non lo sta a sentire. All’infermiera) Chi ce l’ha in cura?
INFERMIERA – Lei, dottore.
MEDICO – Io? E che ha?
INFERMIERA – Questa è la cartella clinica, (Gliela porge)
MEDICO – (dà un’occhiata alla cartella) Ma roba da pazzi! Questo è stato ricoverato venti giorni fa! Ci rendiamo conto? Venti giorni! E nessuno si degna di dirmi niente!
SCARDACI – (con aria mortificata) Su’ assai venti giorni, abberu?
MEDICO – (a Scardaci) Io non ce l’ho con lei. Ce l’ho con certi incoscienti che non capiscono che un ricoverato costa centinaia di euro al giorno! Moltiplichi per venti giorni e vedrà quante migliaia di euro spende la collettività!
SCARDACI – Sono mortificato.
MEDICO – E così alimentiamo le polemiche sui giornali! La malasanità in Italia! (A Scardaci) Li legge, lei, i giornali, no?
SCARDACI – Sul momento avrei qualche difficoltà... ma non appena lei mi mette a posto...
MEDICO – Bravo. Non li legga! Tanto, troverebbe un sacco di fesserie e di menzogne! Parlano di “malasanità” ma nessuno parla di “malastampa”!
SCARDACI – O di “mala vita”.
MEDICO – No, di cronaca nera ce n’è fin troppa.
SCARDACI – No, no. Di mala vita. Quella che facciamo noi, qua dentro.
MEDICO – Capisco il suo disagio. Tenere occupato inutilmente un posto letto in un ospedale dove arrivano migliaia di richieste al giorno... è seccante. (All’infermiera) Qualcuno mi darà delle spiegazioni, spero!
INFERMIERA – (taglia corto) Mi scusi, dottore, io so che doveva operarlo lei quindici giorni fa. Ma c’è stato il Congresso a Parigi... poi ha partecipato al Convegno di Ginevra...
MEDICO – Ma... non ho capito: mi sta rimproverando, per caso?
SCARDACI – Lasci perdere, dottore. Non è successo niente. Basta ca c’è ‘a saluti...!
MEDICO – (a Scardaci) Non s’intrometta, lei! (All’infermiera) Un momento, chiariamo. Io, a Parigi, ero “solo”, io! Non mi sono portato la moglie al seguito, io!
INFERMIERA – (con intenzione) Questo lo so. Sua moglie non c’era proprio!
MEDICO – E a Ginevra, ho lavorato come un negro! Ho dovuto preparare una relazione sulla cataratta precoce, altro che!
SCARDACI – Altro che! ‘U dutturi fici una bella relazione sulla cataratta feroce!
MEDICO – Ma che cazzo sta dicendo, lei?
SCARDACI – No... stavo spiegando...
MEDICO – Lei deve stare zitto! Faccia il paziente e basta!
SCARDACI – E chi ci pari c’haiu fattu finu a oggi? Il paziente e basta! Testimoni, ccà, l’amici mei, pazienti macari iddi. Vede, caro dottore...
MEDICO – Che cosa dovrei vedere?
SCARDACI – La mia... la nostra disgrazia. Lei ca ci vidi bonu, consideri a chiddi che non hanno questa fortuna... Pensi ca pì sapiri chi ura era, poco fa, ficimu un convegno macari nuautri.
MEDICO – Le assicuro che io svolgo i miei compiti con coscienza e scrupolosità. Sono un medico, io! La mia vita la passo ogni giorno con i malati...!
SCARDACI – Forse dovrebbe passare meno tempo con i malati e cchiù tempu “per” i malati.
MEDICO – Forse, se lei la smette di dire stronzate, dò un’occhiata alla cua cartella clinica!
SCARDACI – Bontà sua.
MEDICO – Lei ha una cataratta nell’occhio destro e un distacco di retina sul sinistro...
SCARDACI – Ringraziannu 0’ Signuri.
MEDICO – (all’infermiera) Ha fatto la terapia?
INFERMIERA – Naturalmente.
MEDICO – Benissimo. Apra l’occhio. Apra tutto. Così, bravo. (esegue un rapido esame) Bisognerebbe operare d’urgenza l’occhio sinistro. Questa retina non mi piace.
SCARDACI – E quando mi operate?
MEDICO – Al più presto possibile. Vediamo: domani...
SCARDACI – Si mi livassi ‘u pinseri dumani, bonu fussi...
MEDICO – No, dico, domani manca l’anestesista.
SCARDACI – E allora, dopodomani.
MEDICO – Dopodomani? E lei se la sente di rischiare con lo sciopero del personale paramedico? Io, francamente, non me la sento.
SCARDACI – Comunque, in settimana ci’a facemu, no?
MEDICO – In settimana? E chi può dirlo, amico mio? Me lo auguro. Fosse per me, anche subito. Ma lei vede la situazione...
SCARDACI – Sì, l’unica cosa ca vidu è la situazione di quest’ospedale. Per il resto, buio completo.
MEDICO – Stia tranquillo. Faremo il possibile per accontentarla. (All’infermiera) Continui, intanto, con la terapia. (Si avvicina ad Impellizzeri) Togliamo questa benda. (L’infermiera esegue) Quando è stato operato lei?
IMPELLIZZERI – Chinnici jorna fa, chinnici jorna fa...
MEDICO – E ancora non l’hanno dimesso? (All’infermiera) Chi ce l’ha in cura?
INFERMIERA – Il dottor Lu...
MEDICO – (la interrompe terrorizzato e “si tocca” a mò di scongiuro) Ferma! Non si pronuncia quel nome! Al massimo si dice l’”innominabile”! Ma non lo sa che porta male?
IMPELLIZZERI – ‘U dutturi ca mi operò porta mali, porta?
MEDICO – Non si preoccupi: porta sfiga ai colleghi non ai malati. Anche se, l’altra volta... Comunque, lasciamo perdere, altrimenti lei s’impressiona. Dunque: che cosa riesce a vedere?
IMPELLIZZERI – Nenti.
MEDICO – Niente? In che senso?
IMPELLIZZERI – In tutti i sensi.
MEDICO – Sta scherzando?
IMPELLIZZERI – Sì ca haiu ‘stu sbaddu, ‘stu sbaddu...
MEDICO – Dalla cartella mi risulta che l’intervento è andato bene... Riesce a vedere la mia mano?
IMPELLIZZERI – Ma... insomma...
MEDICO – (spazientito) La vede o no?
IMPELLIZZERI – No.
MEDICO – Va bene, non si preoccupi. L’occhio si deve ancora assestare. E il destro?
IMPELLIZZERI – No, col destro, ci vidu, ci vidu. Mi dissiru: due decimi.
MEDICO – Le mancano due decimi?
IMPELLIZZERI – No, mi ni mancanu ottu. Dui ci l’haiu.
MEDICO – Solo due decimi...?
IMPELLIZZERI – Sì ma con la lente, arrivu a quattru.
SCARDACI – A quattru centimetri di distanza!
MEDICO – Stia sereno, sistemeremo anche lei. (Si porta da Palmi) Come andiamo?
PALMI – (si sforza di individuare l’interlocutore) Ni canuscemu?
MEDICO – Ma perchè, per visitarla, ci dobbiamo frequentare, prima? Facciamo le persone serie, per favore! (Legge la cartella) Lei deve essere operato di cataratta su entrambi gli occhi, vero?
PALMI – I cosi giusti: non mi pozzu lamintari mancu iù.
MEDICO – (esegue una rapidissima visita) Va bene.
PALMI – E’ inutile che ci domando quando mi operate, vero?
MEDICO – Anche lei! E’ una mania!
SCARDACI – Allura. Semu fissati! Appena trasemu in ospedale, ni vulissimu spurigghiari subitu! Signori miei, ci vuole il suo tempo! E com’è?
MEDICO – La finisca di fare lo spiritoso. Vi assicuro che non c’è fretta. Ricordatevi che la gatta frettolosa fa i gattini...
TUTTI – Ciechi!
MEDICO – Bravi. Il morale è buono. Mi fa piacere. (Esce, seguito dalla infermiera)

4 –
SCARDACI – Mi fa diri ‘a testa ca semu cumminati mali.
IMPELLIZZERI – Chi bella scoperta! Si eramu cumminati boni, ‘a’st’ura chi eramu ccà?
MEDICO – Impellizzeri, lei, quando io parlo, mi deve capire. Ca semu cumminati mali, è fuori discussione. Ma cunsideratu unni iemu a cascari, la situazione si fici disperata. Mi ha capito, ora?
PALMI – Ma ‘stu medicu ca vinni, lei ‘u canusci, Scardaci?
SCARDACI – No. Non avevo ancora avuto il piacere.
PALMI – E ora che il piacere l’ha avuto, che cosa ne pensa?
SCARDACI – Lassamu perdiri ca è megghiu. Sacciu sulu ‘na cosa: se il buon giorno si vidi di matina...
PALMI – Ho capito: si n’ha veniri ‘n’acqua...!

5 –
(Entra l’infermiere Scirè).
SCIRE’ – Buon giorno, biddazzi! Comu ni sintemu ‘sta matina? Bene, vero? Me ne rallegro. Perchè se uno, la mattina, si sveglia in forma, affronta la giornata nel modo più giusto. Mi staiu sbagghiannu?
SCARDACI – No, lei no. (tra sè) Sò matri, semmai!
IMPELLIZZERI – Scirè, ma lei, ‘a matina, si susi sempri di ‘sta manera, veru?
SCIRE’ – Sempri! E allura, biddazzi, n’aviti fami? N’aviti. Segnu di buona salute. Chi vuliti per colazione? Forza ca haiu chi fari!
PALMI – Un poco di thè e due fette biscottate, grazie. Due fette precise.
SCIRE’ – (a Impellizzeri) E lei?
IMPELLIZZERI – No, iù thè non ni vogghiu. Si ci fussi un succo di frutta...
SCIRE’ – E lei, Scardaci?
SCARDACI – Latti non ni pigghiu ca mi fa mali...
SCIRE’ – Benissimo. Caffellatte per tre! Servo subito.
TUTTI – Comu caffellatte...? – Ma chi c’entra? – Si ci dissi...
SCIRE’ – (poggia una tazza su ogni comodino) Il caffellatte per il signor Impellizzeri... Il caffellatte per Palmi e una bella tazza di caffellatte al signor Scardaci! Comu ci vaiu?
SCARDACI – Ma, dicu, unu comu a lei, ‘u tenunu ancora a piede libero?
PALMI – Iù ci dissi ‘u thè...
IMPELLIZZERI – E iù vuleva...
SCIRE’ – Signori, calma. Calma, per favore. Con la calma, ni putemu capiri megghiu. Sbagghiu?
SCARDACI – No, lei no...
SCIRE’ – Bravo. Ragionate. A mmia chi mi custassi a darivi quello che il vostro cuore giustamente desidera? Ma, purtroppo, il thè è finito, i fetti biscottati macari e restò solo il caffellatte.
IMPELLIZZERI – E i succhi di frutta?
SCIRE’ – Impellizzeri, mi meraviglio di lei. Domanda: quantu tempu havi ca lei è ricoverato?
IMPELLIZZERI – Chi sacciu... ‘na vintina di iorna...
SCIRE’ – Bravo. E quante volte lei ha avuto il succo di frutta?
IMPELLIZZERI – Mancu ‘na vota.
SCIRE’ – E allura, santu cristianu, di unni ci spercia a circarimi, ‘sta matina, ‘u sucu di frutta? Chi mi fazzu sucu di frutta? Mi fazzu thè? O mi fazzu fetta biscottata? Non mi pozzu fari sucu di frutta, non mi pozzu fari thè, non mi pozzu fari fetta biscottata! Staiu sbagghiannu?
PALMI – Ma allura, pirchì schifiu n’addumanna chi vulemu?
SCIRE’ – Per educazione. Ah, lei mi rimprovera perchè sono educato? Io, questo, non me l’aspettavo da lei, egregio signor Palmi. Lei che è una persona squisita, mi umilia. E questo non è giusto. Chi dici, lei, Scardaci, staiu sbagghiannu?
SCARDACI – No. E lei chi curpa n’havi?
SCIRE’ – Bravo. Non ne ho colpa. E per dimostrarvi non solo che non ho colpa ma che ho tutta la buona volontà di farivi cuntenti, ecco qua una sorpresa. (Tira fuori un cornetto) Che cos’è questo?
SCARDACI – Se è un quiz, ci livassi manu perchè tantu, noialtri, a stento, vediamo la sua sagoma.
SCIRE’ – Benedetto Dio, avete ragione! Mi dassi du’ pugna ‘nta facci. Vi ho mortificato. Senza malizia ma vi ho mortificato. Sono un cretino! Dice: perchè è cretino? Vengo e mi spiego. Comu, sapennu che hai da fare con dei poveri disgraziati ca non ci vidunu, tu, pezzu di cretino, ci vai a dumannari “che cos’è questo”? Niente paura. V’u dicu iù. Trattasi di cornetto. Di “un” cornetto. Ora, visto che siete in tre e ‘u cornettu è unu sulu, nasce il problema. Sbagghiu? Non sbagghiu. E allora, alziamo l’ingegno e ragioniamo. Ci troviamo di fronte a due ipotesi: o estraiamo a sorte il nome della persona ca si può mangiare il cornetto oppure – e qua sta l’idea geniale! – vi ni mangiati ‘mpizzuddu all’unu. Che ve ne pare? Benissimo. Mi fa piacere che siete d’accordo con me.
PALMI – (si solleva, rassegnato, sul busto) Avanti, unn’è ‘stu malidittu caffellatte...? (Annaspa con le mani)
SCIRE’ – Fermo! Se sventola ancora dda manu, ‘sta matina non s’arriva a pigghiari mancu ‘u caffellatti! Niente paura, ci sono io. Io sono sempre qua, pronto a darivi l’assistenza di cui avete bisogno. Ci penso io. V’imbocco io a tutti tri: con cura, con amore e senza farini cascari un gocciu ‘nto lettu. Fidatevi. Ma nasce un altro problema. Imboccarvi con cura, con amore e senza fari cascari un goccio di caffellatte, non rientra nelle mie mansioni. Staiu sbagghiannu? Non staiu sbagghiannu. Certo, voi lo sapete che quando faccio una cosa la faccio con tutto il cuore e con tutta l’anima...
SCARDACI – Signor Scirè, ha fari assai ancora?
SCIRE’ – Ma pirchì, si sta siddiannu...?
PALMI – Scirè, pì cortesia, stringissi ca non mi sentu bonu!
IMPELLIZZERI – Ma appoi, ogni matina, ogni matina...!
SCIRE’ – Io vi invito solo a ragionare. Ragioniamo. Impellizzeri, lei ci havi ‘na famigghia, no?
SCARDACI – Accurzamu: tutti avemu ‘na famigghia.
SCIRE’ – Bravo. Tutti avemu ‘na famigghia. ‘U sapiti pirchì mè patruzzu era cuntentu di mia?
SCARDACI – Pirchì aveva ‘nfigghiu ‘i preiu!
SCIRE’ – Sto parlando seriamente. Perchè ero responsabile. Pirchì ‘u sordu ‘u faceva du’ sordi...! Ora, torniamo a noi.
PALMI – (stremato) Madonna d’o Carminu!
SCIRE’ – Ognuno ha il dovere di pensare alla sua famiglia. Voi lo sapete chi stipendiu di fami pigghiu, no? E si non fussi perchè mi dugnu da fare, la mia famiglia si troverebbe in mezzo a una strata, a chiedere l’elemosina! Voi che volete che la mia famiglia si riduce in mezzo a una strata a chiedere l’elemosina?
TUTTI – No!
SCIRE’ – Bravi. E allora, solita tariffa, va bene?
IMPELLIZZERI – Scirè, quattru euro su’ assai!
SCIRE’ – Perchè mi offende, signor Impellizzeri? Ragioni con calma. Se lei, mintemu, fa colazione al bar, quanto spende? Almenu cinque euro. E’ vero? E’ vero. Iù ci n’addumannu quattru e per giunta la imbocco con cura e con amore...! Sono o non sono una persona onesta? Sono una persona onesta. E i soldi non li voglio subito, non vi preoccupati. Poi, a fine settimana, ni facemu i cunti. E allora, siete pronti? Aprite le boccucce!
(Rapidamente, dà una cucchiata di caffellatte a ciascuno utilizzando, per fare prima, lo stesso cucchiaio, e un pezzo di cornetto)
Contenti? Avanti, ora mi ni vaiu chè debbo fare un sacco di cose. Ma state tranquilli: tornu cchiù tardu! Ah, si non ci fussi iù! (Esce)

6 –
PALMI – (del tutto rintronato) Ma... chi fu? Successi cosa?
IMPELLIZZERI – Iù mi ricordo sulu ca vinni ‘u solitu ‘nfirmeri, m’azzannò ‘u ciriveddu ch’è so’ discursi e poi m’affucò cù ‘na cucchiara e ‘mpizzuddu di cornettu!
SCARDACI – Ma com’è ca chistu ni futti ogni matina? O è un pazzo oppure è un genio!
PALMI – Tutti i pazzi sono un poco genii e tutti i genii sunu un poco pazzi.
SCARDACI – Sì? E questo gran pensiero filosofico cu’ è ca ‘u fici?
PALMI – Iù.
SCARDACI – E si vidi.
IMPELLIZZERI – Al massimo, “si sente”, Scardaci... quali vidiri!
SCARDACI – “Si vidi” in senso metaforico, Impellizzeri! Quant’è brutta l’ignoranza, malanova!
IMPELLIZZERI – Beato lei che ha studiato... e accussì, almeno in senso metaforico, ci vidi!

7 –
(Entra l’infermiera con un quarto paziente: Vinciguerra),
INFERMIERA – Stanza 16, letto numero 4. Ecco qua. Si può sistemare. Si metta in pigiama. Io ripasso più tardi. (Esce)
VINCIGUERRA – Grazie, signorina. (Saluta gli altri) Buon giorno.
TUTTI – Buon giorno. 
VINCIGUERRA – (guarda i nuovi compagni e allarga le braccia) Mah!
TUTTI – Mah!
PALMI – (al nuovo arrivato) Dopo un giorno si abitua. Non si preoccupi.
VINCIGUERRA – Non ho capito.
PALMI – No, dico, è questione di poco... Poi uno si adatta. Che fa, si deve operare, lei?
VINCIGUERRA – (distratto) Mi devo operare?
IMPELLIZZERI – E di che cosa si deve operare?
VINCIGUERRA – (c.s.) Di cosa mi devo operare?
PALMI – E si no’ sapi lei...!
IMPELLIZZERI – Se è una cataratta, non si preoccupi: con un poco di fortuna, ‘nta chinnici iorna si ni pò nesciri.
PALMI – Chi havi qualche cataratta?
VINCIGUERRA – Cataratta? No.
IMPELLIZZERI – E allura, chi havi?
SCARDACI – Ma lassatilu stari in paci! Ancora ha trasiri e ci stati facennu il terzo grado: cataratta, non cataratta... E si unu, mintemu, non havi pitittu di parrari? (A Vinciguerra) Comu si chiama lei?
VINCIGUERRA – Vinciguerra.
PALMI – Vinciguerra, Vinciguerra... Parente di...?
VINCIGUERRA – No.
SCARDACI – Non è parente. Il signore si chiama Vinciguerra e non è parente.
PALMI – Semu orvi no’ surdi!
SCARDACI – Senta, non è pì sapiri i fatti so’... e nemmeno per offesa... Lei chi disturbi accusa?
VINCIGUERRA – Ho qualche problema di vista.
SCARDACI – Nel senso ca non ci vidi?
VINCIGUERRA – Nel senso che non vi vedo bene. Miopia elevata. Otto decimi in un occhio e sette nell’altro.
SCARDACI – Piacere! Io mi chiamo Scardaci. Ddà c’è Impellizzeri e ddà ci avissi a ghessiri...
PALMI – Palmi. Molto piacere.
SCARDACI – (gli stringe la mano) Benvenuto nella confraternita di l’orvi!
IMPELLIZZERI – Ccà si non su’ orvi, n’è vulemu...n’è vulemu!
VINCIGUERRA – No, tutto in ordine. Ho titoli e requisiti per essere vostro socio.
IMPELLIZZERI – Che fa, lei, nella vita civile?
SCARDACI – (a Vinciguerra, a parte) Lo compatisca: vinti iorna di ospedale lo hanno rincoglionito. (Alza la voce) Lui vuole dire che fa, qual è la sua professione?
VINCIGUERRA – Insegno.
IMPELLIZZERI – Ah, è prufissuri? E di che cosa, di che cosa?
VINCIGUERRA – Matematica.
IMPELLIZZERI – E dove?
SCARDACI – Chi dumanni fa, Impellizzeri? Unni s’insegna ‘a matematica? Ca a scola, no?
IMPELLIZZERI – Sì ma iù vuleva diri...

8 –
SCIRE’ – (entra) Signori, scusate, un pò di attenzione. Unn’è ‘u pappaiaddu?
TUTTI – Chi è ca voli? – Quali pappaiaddu?
SCIRE’ – Calma. Per cortesia, calma. Qua la cosa è seria. (S’accorge del nuovo paziente) Buon giorno. Lei è nuovo?
VINCIGUERRA – Di zecca. Appena arrivato.
SCIRE’ – Benvenuto. Io sono Scirè, l’infermiere di questo reparto. Dunque, se lei è nuovo, non c’entra. Il discorso riguarda questi signori. E allora, si può sapere chi fini fici ‘u pappaiaddu?
PALMI – E ci torna cù ‘stu pappaiaddu!
SCIRE’ – In questo reparto abbiamo in dotazione du’ pappaiaddi. Uno l’ho trovato. E l’altro? Si persi? E comu si persi? Non si può perdere un pappaiaddu. Staiu sbagghiannu?
SCARDACI – Iù l’anno scorso, persi ‘ncardiddu. Mi scurdai ‘a iaggia aperta e ‘u persi. Ma tuttu ‘stu schifiu ca sta facennu lei, iù no’ fici!
SCIRE’ – Scardaci, la prego. ‘U scherzu è bellu quannu dura pocu. Niscemu fora ‘u pappaiaddu!
SCARDACI – Si fissò, ho capito. Scirè, non n’haiu pappaiaddu. Gliel’ho detto: avevo un cardiddu...
PALMI – Cu’ sapi a cu’ è ca ci ‘u vinnìu...!
SCIRE’ – Sì, schirzamu! Dunque, ragioniamo con calma. Con la calma si ottiene tutto.
SCARDACI – Bravo. Ragioniamo.
SCIRE’ – Ieri sera, cu’ è ca m’addumannò ‘u pappaiaddu?
SCARDACI – Ieri sera ‘u pappaiaddu ci ‘u dumannai iù.
SCIRE’ – Benissimo. Ora, ricostruiamo la situazione. Assira, iù stava spartennu ‘u mangiari. Giustu? Giustu. A un certo punto, lei, Scardaci, mi ha chiesto il pappagallo. E’ vero? E’ vero. Allura, iù chi fici? Per poterla servire subito, lassai i piatti a mità e mi sono precipitato nei bagni da dove ho prelevato il suddetto pappagallo. Ci semu? Ci semu. Turnai cù ‘stu binidittu pappaiaddu e comu fu comu non fu, m’attruvai cò pappaiaddu nella mano destra e ‘u piattu di brodo nella mano sinistra.
SCARDACI – Errore. Lei aveva ‘u piattu a destra e ‘u pappaiaddu a sinistra.
SCIRE’ – Comunque sia, iù ‘u pappaiaddu l’ho consegnato a lei. Sto sbagliando? Non sto sbagliando.
SCARDACI – Non sta sbagliando.
SCIRE’ – E dunque?
SCARDACI – Ricostruiamo la situazione. Siamo arrivati al momento in cui lei mi passò il pappagallo. Mi facissi pinsari. Sì, ora mi ricordo. Iù mi vippi ‘ u brodu poi – diciamo così – ho usato il pappagallo e dopu suani ‘u campanellu.
SCIRE’ – Ma si sapi ca non funziona, pirchì sunò ‘u campanellu?
SCARDACI – Per distrazione.
SCIRE’ – Avanti, continuassi, vah!
SCARDACI – Sunai ‘na vota, sunai du’ voti... nenti. Non fu pappaiaddu che ho potuto riconsegnare. Dopo circa una mezzoretta, Palmi mi chiede il pappagallo. E allora iù mi susu e passu ‘u pappaiaddu al signor Palmi. Da quel momento, ho perso le tracce d’o pappaiaddu.
SCIRE’ – ‘U pappaiaddu pieno... ci ‘u desi a Palmi?!
SCARDACI – Non era pieno. Ho controllato: c’era ancora spazio. Ma, poi, si ddu mischinu doveva fare i suoi bisogni...!
SCIRE’ – Signor Palmi, allura è lei che...
PALMI – Io ricordo solo ca dopu ci ‘u passai a Impellizzeri.
SCIRE’ – (riflette) Scardaci ci ‘u passa a Palmi, Palmi ci ‘u passa a Impellizzeri... Ma chi vi mittistivu a ghiucari c'’ pappaiaddu?! (A Impellizzeri) Mi sfugge una cosa: comu schifiu fici a fare i suoi bisogni 'nta pappaiaddu usato già due volte?
IMPELLIZZERI – Nel senso ca mi dovevo schifiare?
SCIRE’ – No. Nel senso che non ci poteva più entrare altro liquido!
IMPELLIZZERI – E infatti non ci entrò... ma quando me ne sono accorto, era oramai troppo tardi... troppo tardi.
SCIRE’ – Ma certo ca siti curiusi! Biniditti cristiani, non mi potevate chiamare?
SCARDACI – E su dici ca ‘u campanellu non funziona...! Comu ‘u chiamavamu, c’o friscalettu?
SCIRE’ – Bastava ‘na vuciata, no? Iù ddà vabba era. Comunque, non ni parramu cchiù. E allora, Impellizzeri, chi fini fici ‘stu pappaiaddu?
IMPELLIZZERI – Non mi ricordo pirchì, dopu, m’addurmiscii.
SCIRE’ – S’addurmisciu c’o pappaiaddu?!
IMPELLIZZERI – Iù m’addurmiscii... ‘U pappaiaddu no’ sacciu.
SCIRE’ – Signor Impellizzeri, non facissi ‘u spiritusu! Guardi che io, in questo reparto, ho una certa responsabilità!
IMPELLIZZERI – Ahu, comu sta facennu! Mi pari ca s’u purtau ‘a ‘nfirmera. Anzi, ora ca ci pensu, s’u pigghiò idda sicuramente.
SCIRE’ – Ora io m’informo con la collega. Si mi duna ‘u pappaiaddu, non ha successo niente ma se, putacaso, non lo trovo, io torno qua e non mi ni vaiu se prima non nesci ‘u pappaiaddu! (Via)

8 –
PALMI – (ironico) Ma chi è ca vuleva?
IMPELLIZZERI – ‘U pappaiaddu.
PALMI – E pirchì non ci ‘u desi?
IMPELLIZZERI – E chi è, macari lei... macari lei...?
VINCIGUERRA – Scusate... Queste cose succedono di frequente, qui?
SCARDACI – Quali cose?
VINCIGUERRA – L’infermiere che si occupa del pappagallo mentre distribuisce i pasti... Voi, costretti a fare i vostri bisogni nello stesso... Ma è uno schifo! Roba da pazzi! E ve ne state così, senza dire niente... senza nemmeno lamentarvi?
SCARDACI – No, no, ni lamintamu.
PALMI – Ni putemu sulu lamintari.
IMPELLIZZERI – Ma in fondo in fondo chisti su’ fissarii...
VINCIGUERRA – Fesserie? Ma come, l’igiene non esiste, l’assistenza va a farsi benedire... e me le chiamate fesserie?
SCARDACI – E sì, perchè la cosa più importante è ca niscemu di ccà intra ch’e nostri peri e con un poco di vista in più.

10 –
INFERMIERA – (entra. E’ molto contrariata. A Vinciguerra) Ma come, lei è ancora vestito? Io le avevo detto di mettersi in pigiama! E’ vero o no?
VINCIGUERRA – Sì, me l’aveva detto...
INFERMIERA – (aggressiva) Egregio signore, qui le regole vanno rispettate! I ricoverati devono stare in pigiama e possibilmente a letto! Ha capito? In pigiama e a letto! E non lo voglio ripetere più! Perchè se passa il Primario, poi se la prende con me! (Sempre più isterica) E’ inutili ca mi talìa cù dda facci! Questo è un ospedale, non un albergo!
VINCIGUERRA – Me ne sono già accorto.
INFERMIERA – Avanti, si spirciassi chiuttostu! Porca miseria! (Via)
VINCIGUERRA – (annichilito) Fa sempre così?
SCARDACI – Sempre. Chista nascìu isterica. Ma non ci dassi cuntu...
PALMI – Però s’u mittissi ‘u pigiama... pì livari l’acqua. Chi voli fari?
IMPELLIZZERI – Anche perchè ‘a signurina, quannu s’incazza, duna i nnummira... sbagghia terapie, fa punture a cu’ non ci l’ha fari... Un macello!
VINCIGUERRA – (indossa il pigiama) Manicomio, altro che ospedale! E... i medici, come sono?
IMPELLIZZERI – Mah!
VINCIGUERRA – Insomma, sono preparati o no?
SCARDACI – Noialtri siamo preparati... al peggio! Iddi pensu propriu di no. A iddi ci piaci improvvisare e cu’ si visti si visti. Anzi: cu’ non ci visti non ci visti!
VINCIGUERRA – Una gran bella prospettiva!
PALMI – Prufissuri, noi i malati siamo. Chi ni sapemu si su’ bravi, preparati... Iddi ‘u sanu!
IMPELLIZZERI – A sintirli, parunu tanti patreterni! Megghiu di iddi non ci n’è.
SCARDACI – E quannu qualche cosa va male – e ccà va mali o’ spissu! – ‘a curpa non è mai a sò. O su’ le attrezzature ca non servuno oppuri su’ i ‘nfirmeri a essiri strafuttenti... E siccomu macari chistu è veru, ci haiu cuntatu ‘a storia.
PALMI – Semu ‘nte manu d’o Signuri!
SCARDACI – Semu ‘nte manu di nuddu!
VINCIGUERRA – Peggio! Siamo nelle mani di gente incompetente!

11 –
SCIRE’ – (rientra) ‘U truvai ‘u pappaiaddu. La prossima volta, però, per cortesia, non mi mettete in difficoltà.
PALMI – Vo’ diri ca ‘a prossima vota, se dobbiamo fare qualche bisogno, strincemu i denti!
SCARDACI – E dopu ca strinci i denti? Ci pari ca nesci d’a vucca?
SCIRE’ – Va bene, basta. Acqua passata. Io non ne porto rancore. (A Vinciguerra) Per me, egregio signore, il malato è al di sopra di ogni cosa. Il malato è sacro.
SCARDACI – Ni tenunu come a tante reliquie.
IMPELLIZZERI – E poi, quannu muremu, ni fanu santi!
PALMI – A mmia, per esempio, mi fanu santu Lazzaru!
SCIRE’ – Scherzanu pirchì su’ strurusi ma iddi ‘u sanu che io faccio l’unfermiere per vocazione. Per fare del bene agli altri. Io, mi creda, un giorno, senza fare del bene agli altri, non ci so stare. Chi ci pozzu fari? Carattiri. Tanti autri colleghi, invece... Lassamu perdiri ca è megghiu. E... qual è il suo riverito nome?
VINCIGUERRA – Vinciguerra.
SCORE’ – Vinciguerra, Vinciguerra... Parente di...
SCARDACI – Si chiama Vinciguerra, non è parenti di nuddu e fa il professore di matematica.
SCIRE’ – Ah, onoratissimo, caro professore. Mi ritenga a sua disposizione. Se ha bisogno, ‘ncorpu di campanellu... cioè: ‘na vuciata e arrivo.
VINCIGUERRA – Grazie.
SCIRE’ – Dovere. Lei si deve operare?
VINCIGUERRA – Sa qual è il problema? Che io sono qui senza sapere perchè.
SCIRE’ – Senza sapere perchè?!
VINCIGUERRA – Sì. E ancora mi chiedo che cavolo ci faccio qui, nella stanza...
TUTTI – 16!
VINCIGUERRA - ... letto numero...
TUTTI – 4!
SCIRE’ – Non ci piaci ‘a stanza?
VINCIGUERRA – Ma no...
SCIRE’ – Non ci piaci ‘u lettu?
VINCIGUERRA – Se vogliamo dirla tutta, non mi piacciono gli ospedali. Questo, in particolare, già mi terrorizza.
SCIRE’ – Addirittura! Gliela posso fare una domanda? Pirchì si fici ricoverare ccà, allura?
VINCIGUERRA – Mia moglie. E’ stata mia moglie!
SCIRE’ – A sò muggheri ci piaci ‘stu ‘spidali?
VINCIGUERRA – Non credo. Ma pare che sia il solo dove si fanno certi interventi laser che riducono la miopia.
SCIRE’ – Ho capito.
VINCIGUERRA – Mi conferma che è così?
SCIRE’ – Diciamo che ci sono le attrezzature.
VINCIGUERRA – Funzionanti?
SCIRE’ – Quannu funzionano, sì.
VINCIGUERRA – Allora, non funzionano?
SCIRE’ – Non mi facissi diri cose che non ho detto. Io voglio dire che tante volte manca l’assistenza tecnica e quannu manca l’assistenza tecnica, naturalmente, le attrezzature non funzionano.
VINCIGUERRA – E, al momento, stanno funzionando?
SCIRE’ – Da ieri, no. La settimana scorsa, sì. Ma non si preoccupi: può essere ca dumani arriva ‘u tecnicu...
VINCIGUERRA – Lo sa perchè sono qui? Per colpa di mia oglie e di mia figlia che era d’accordo con lei. Io sto benissimo, mi creda. Sono miope, è vero ma con gli occhiali, ho risolto in gran parte il problema. Mia moglie, però, vede la questione in un altro modo. A lei non va bene un marito handicappato! Che non può nemmeno guidare l’automobile... e che ha questi cannocchiali, come li chiama lei, sul naso!
SCIRE’ – E quindi la signora lo ha convinto a ricoverarsi.
VINCIGUERRA – Sì, la signora, la signorina, mia figlia, e un medico, un amico di famiglia. “Stai tranquillo che ti sistemano. In pochi minuti di trattamento laser, recuperi almeno cinque o sei diottrie!” Ed eccomi qua... stanza...
TUTTI – 16, letto numero 4!
VINCIGUERRA – Eh! Ora, quello che io vorrei sapere...

12 –
INFERMIERA – (entra) Vinciguerra!
VINCIGUERRA – Sì?
INFERMIERA – (s’accorge della presenza di Scirè) Naturalmente lei, Scirè, è sempre in giro...!
SCIRE’ – Sì, naturalmente sono sempre in giro! Ma se sono sempre in giro è perchè sono, “naturalmente” nell’esercizio delle mie funzioni! Sto sbagliando? Non sto sbagliando.
INFERMIERA – “Sto sbagliando? Non sto sbagliando”! Chiacchierare coi malati fa parte delle sue funzioni? Poi lo domando al Primario, vediamo che cosa ne pensa!
SCIRE’ – Ma lo sa che lei è ‘nsurtusa forti?! Ca ci parrassi c’o Primariu, a cu’ ci ‘a cunta? Ca poi, ci parru macari iù. Vediamo se è più grave chiddu ca fazzu iù o chiddu ca cummina lei... con qualcuno di nostra conoscenza! Insomma, ci siamo capiti, vero?
INFERMIERA – (fuori di sè) Io?! Come si permette? Scirè, guardi che io la faccio sbattere fuori, ha capito? Io la rovino!
SCIRE’ – E’ inutili ca ietta vuci! Ci pari ca mi scantu?
INFERMIERA – Lei è un maleducato! E se lo metta bene in testa! Il guaio è che certe persone di questo reparto fanno schifo! E si permettono di dire cose che non stanno nè in terra nè in cielo! Io, certe porcherie, non le faccio! Io provengo da una famiglia onesta! Io sono figlia di mia madre!
SCIRE’ – Iù a sò matri n’a canusciu! A lei, sì!
INFERMIERA – Megghiu ca mi ni vaiu, se no ci pinnu ‘a facci a chistu! (A Vinciguerra) Avanti, comu si chiama lei, Vinciguerra, vinissi cù mia!
VINCIGUERRA – E... dove?
INFERMIERA – Venga con me e basta!
SCIRE’ – (a Vinciguerra, a parte) Non si preoccupri, prufissuri, non muzzica. Sicuramente deve passare la visita col medico di guardia.
INFERMIERA – (a Vinciguerra, piuttosto aggressiva) E allora? A lei sto aspettando! (Via con Vinciguerra)

13 –
SCARDACI – Certu ca ‘stu spitali è bellu pirchì è tranquillu. C’è ‘na serenità...
PALMI – Allura. C’è ‘na paci di l’angili...
IMPELLIZZERI – Nuddu fa vuci, tutto funziona perfettamente... Pari ‘na clinica svizzera.
SCIRE’ – Signori, per cortesia, non mi mortificate. Lo so: questi incresciosi episodi, in un ospedale, non dovrebbero succedere. Però, voi mi siete testimoni: avevo torto, per caso? Su idda nesci l’unghia, io che devo fare? Ca nesciu l’unghia macari iù, giustu?
SCARDACI – Più che l’unghia, ccà stati facennu nesciri i peri ‘i fora!
SCIRE’ – Dda gran tappinara mi ha fatto trascendere...! Comunque, non ci pinsamu cchiù... Pinsamu a’ saluti... Io vi dovevo dire ‘na cosa ma non mi ricordo che cosa...
SCARDACI – Non si sfurzassi, lassassi perdiri.
SCIRE’ – Ah, m’u riurdai!
SCARDACI – (rassegnato) Ca comu voli Diu!
SCIRE’ – Dunque, ieri m’arrivò ‘na partita di televisori! Gioielli, mi dovete credere! Piccoli gioielli! Cinque pollici, a colori, presa scart e presa cuffia. A un prezzo irrisorio: duecento euro!
PALMI – E nuatri c’avissimu a fari c’o televisori... per giunta di cinque pollici?
SCIRE’ – Quantu sugnu bestia! Veru è! Scusatimi. E’ ca ogni tantu mi scordu che non ho da fare con persone normali. Signor Palmi, per cortesia, mi dassi ‘na jangata ca m’a meritu! No? E allura m’a dassi lei, Scardaci, pì opera di carità!
SCARDACI – No, c’appoi ‘u struppiu!
SCIRE’ – Vi chiedo scusa. Niente televisori. Chiddi ‘i piazzu nel reparto ortopedico. Per voialtri, invece, ci avissi ‘n’autra cosa: ci haiu pè manu una rimanenza di radioline ca su’ ‘a fini d’o munnu! Piccole, compatte, leggere, AM-FM, effetto stereo, complete di antenna, cuffia e custodia a tracolla in similpelle. Il prezzo? Una fesseria: venti euro! E’ un affare o non è un affare? Vi vogghiu beni o non vi vogghiu beni? Vi vogghiu beni. Affari fattu. Domani ve ne porto una all’unu. E, a propositu, o’ prufissuri? Chi diciti, ci ‘a portu macari a iddu? Va beh, p’o sì o no, ni portu quattru.
(Entra per un istante, l’infermiera)
INFERMIERA – Scirè!
SCIRE’ – Chi è ca voli?
INFERMIERA – Faccia questa endovena al numero 2! (Gli consegna la siringa ed esce)
SCIRE’ – Vastasa e maladucata! E chi vulemu fari? Pacienza. Dunque: ‘u nnummiru 2, ‘u nnummiru 2...
IMPELLIZZERI – Iù sugnu.
SCIRE’ – Una bella endovena al signor Impellizzeri, letto numero 2!
IMPELLIZZERI – Ma... lei ‘a sapi fari?
SCIRE’ – Che cosa, l’endovena?
IMPELLIZZERI – Eh!
SCIRE’ – Sta schirzannu?
IMPELLIZZERI – Ho capito: n’ha sapi fari.
SCIRE’ – Chi è ca non sacciu fari? Egregio Impellizzeri, deve sapere ca a mmia mi chiamano “Scirè, l’infermiere sempre in vena”! Secunnu lei, pirchì mi chiamanu “L’infermiere sempre in vena”?
SCARDACI – Pirchì havi sempri ‘u sbaddu!
SCIRE’ – Perchè indovino, al primo colpo, la vena giusta. (Infila l’ago nel braccio di Impellizzeri che lancia un urlo. Nel frattempo, suona il telefonino di Scirè) E cu’ pò essiri? (Lascia la siringa e tira fuori dalle tasche il telefono. A Impellizzeri) Mi scusi un secondo.
IMPELLIZZERI – E chi mi lassa ‘a ugghia ‘nto vrazzu... ‘nto vrazzu?
SCIRE’ – Lei stassi fermu. (Risponde) Pronto! Ma chi è? Non sento! Cui? Giovanna, parra forti ca non ti sentu! (A Impellizzeri) E’ mè muggheri. (Riprende la conversazione) Giovanna, gioia, ti ho detto cento volte ca ‘nto travagghiu non m’ha’ chiamari mai tranne che per casi gravi!
IMPELLIZZERI – Signor Scirè, ‘a ugghia!
SCIRE’ – Mutu ca non sentu nenti! (Al telefono) Che cosa? Tò patri? E quannu? (A Impellizzeri) Mè soggiru scappò d’a casa!
IMPELLIZZERI – Ma chi mi lassò di ‘sta manera?!
SCIRE’ – (a Impellizzeri) Si voli stari mutu ca non capisciu nenti! (Al telefono) No, non parrava cù ttia... Cù cu’ parrava? Ca cù unu, ccà...
IMPELLIZZERI – Comu “cù unu”...?
SCIRE’ – Giovanna, questo l’ho capito. Non fari vuci. Ma com’è ca scappò? ‘U cani? Tò patri? Tò patri ci desi un muzzicuni o’ cani?! Ah, a ttia! (A Impellizzeri) Ci desi un muzzicuni ‘nta manu a mè muggheri e scappò! Selvaggio! (Al telefono) E certu: t’ha fari l’antirabbica. Ma pirchì vi sciarriastivu? Nientedimeno! Va bene, va bene... ora m’interesso io... No, 0quali polizia! Tò patri all’autri fa ammazzari! Ti dissi ca ci pensu iù! Ancora?
IMPELLIZZERI – Scirè, mi sta vunchiannu ‘u vrazzu!
SCIRE’ – (a Impellizzeri) Mutu! (Al telefono) Giovanna, calmati! A ‘st’ura è cu l’amici a ‘mbriacarisi ‘nta qualchi putia! Avanti, non mi fari perdiri tempu! Sì, sì, ciao, ciao... (Spegne il telefono. A Impellizzeri) ‘U voli sapiri pirchì ddu pazzu di mè soggiru scappò d’a casa?
IMPELLIZZERI – Ma chi schifiu m’interessa a mmia? M’a voli completari ‘sta puntura?
SCIRE’ – Su ci ‘u dicu, ci veni d’arridiri! Si ni scappò pirchì non si voli ricoverari ‘nta ‘stu spitali...! Cosi di pazzi! Perciò. cù sò ienniru ccà intra, iddu non si voli ricoverari!
SCARDACI – E chiddu pì chistu non si voli ricoverari!
IMPELLIZZERI – M’a fa ‘sta ‘gnizioni?
SCIRE’ – Lei mancu m’ascuta! Iù parru e iù mi sentu! Mi n’haiu a ghiri di cursa, l’ha capito o no? Quantu vaiu a pigghiari ddu vecchiu rimbambitu!
IMPELLIZZERI – (ormai sul punto di svenire) E iù?
SCIRE’ – Lei non si muvissi ca ora ci mannu a qualcunu! (Esce di corsa.
Dopo qualche istante, SIPARIO)



ATTO SECONDO

La medesima scena del primo atto.
Impellizzeri, Palmi e Scardaci sono seduti attorno ad un improvvisato ripiano in cartone. Impellizzeri mescola un mazzo di carte da gioco.
Vinciguerra, pensieroso, è seduto sul proprio letto.
SCARDACI – Iù tuttu ‘stu sbaddu di iucari e’ carti non ci l’haiu!
PALMI – Ca ni passamu ‘u tempu, no?
SCARDACI – Sì, ni passamu ‘u tempu! Cù lei ca non viri mancu quantu carti havi ‘nte manu, cù iddu ca non ci smiccia e cù mmia ca non ci alluzzu!
IMPELLIZZERI – E va beh, non è ca n’hama ghiucari sordi!
SCARDACI – Ah, non ni iucamu nenti?
PALMI – Iù mi pozzu iucari ‘a disgrazia c’haiu di ‘ncoddu!
SCARDACI – S’a tinissi.
IMPELLIZZERI – Cinquanta centesimi a partita. Ci stati?
SCARDACI – Iù, pì cinquanta centesimi, non gnisu mancu ‘u mazzu!
PALMI – Basta, vah, no’ sapeva ca è macari viziusu d’o iocu!
SCARDACI – ‘U viziu non c’entra. Però, su si ioca, si deve giocare seriamente. E poi, a vera briscula si fa in quattru. Iù non gniocu.
IMPELLIZZERI – E aspittassi! Ora ci ‘u dicemu o’ prufissuri. Prufissuri, scusi, s’a fa ‘na partitedda?
VINCIGUERRA – Io? Veramente non sono nelle condizioni ideali... e poi, non sono nemmeno un gran giocatore di carte...
IMPELLIZZERI – Sì ca nuatri semu professionisti...! Ca è tantu p’ammazzari ‘u tempu... Avanti, s’assittassi ccà, s’assittassi... 
(Vinciguerra esegue ma senza entusiamo)
Cinquanta centesimi a partita. D’accordo? Cinquanta centesimi.
SCARDACI – Cinquanta centesimi, sissignore, abbiamo capito! E quantu voti?!
IMPELLIZZERI – Siccomu a lei ci parevanu picca... (Scardaci sbuffa) Va beni. Deciso pì cinquanta centesimi. I cumpagni?
PALMI – Iù cù Scardaci.
IMPELLIZZERI – E ‘u prufissuri ioca cù mmia.
SCARDACI – (spazientito) Spartemu ‘sti carti, vah!
IMPELLIZZERI – (divide le carte) Mi raccumannu: nenti signali, ah!
SCARDACI – (a Impellizzeri) Ma chi havi ciatu superchiu? Signali! Nuatri i signali, c’a trumma ni putemu fari!
IMPELLIZZERI – Comu c’a trumma? Chi voli diri?
SCARDACI – Su, per esempio, ‘u prufissuri ci scaccia l’occhiu, lei ‘u vidi?
IMPELLIZZERI – No.
SCARDACI – E allura? 
IMPELLIZZERI – Intanto, per regolarità, si dici: nenti signali. (Finisce di distribuire le carte)
VINCIGUERRA – Scusate, non vanno tre carte a ciascuno?
IMPELLIZZERI – Certu.
VINCIGUERRA – Io ne ho quattro.
PALMI – E iù n’haiu dui.
SCARDACI – Boni accuminciamu. (A Impellizzeri) Chi cumminò?
IMPELLIZZERI – Iù spartii tri carti all’unu. Sarà ca ‘u prufissuri, pì sbagghiu, si pigghiò ‘na carta di Palmi.
VINCIGUERRA – Può darsi. E allora, che faccio?
IMPELLIZZERI – Facemu ‘na cosa: ci dassi ‘na carta a Palmi.
SCARDACI – Bravu! E chi c’entra? Semmai è Palmi ca si l’ha scegliri ‘a carta. Avanti, Palmi, s’annacassi! (Palmi esegue)
PALMI – Cu’ è ca ioca?
IMPELLIZZERI – Iù no ca fici i carti.
SCARDACI – Palmi, lei è di manu e lei ioca.
PALMI – E chi è ca iocu?
SCARDACI – ‘Na carta qualsiasi. Apprima non si parra.
(Palmi gioca una carta)
VINCIGUERRA – Tocca a me?
SCARDACI – Sissignore.
(Vinciguerra gioca una carta)
SCARDACI – (prende la carta giocata da Palmi, l’avvicina agli occhi) Di cu’ è chista?
VINCIGUERRA – Del signor Palmi. La mia è il cinque di oro.
SCARDACI – Palmi, chi è ca ittau lei?
PALMI – (candido) ‘Na carta.
SCARDACI – Ma chistu è l’assu di spati!
PALMI – L’assu di spati? Ma pirchì, l’assu di spati non è ‘na carta?
SCARDACI – L’assu di spati è l’assu di briscula! ‘U capìu o no?
PALMI – Ah, ‘a briscula è a spati? Semu persi!
SCARDACI – Semu orvi! Ora, iù chi ci dugnu su non haiu nenti? Lisciu. (Gioca una carta) Chi bella iucata!
IMPELLIZZERI – (avvicina gli occhi alle carte) Chi è ca ittò, Scardaci?
SCARDACI – Aspittassi ca m’u scurdai. (Riprende la carta, la guarda con attenzione) Sette di bastone.
IMPELLIZZERI – E cu’ è ca fa?
SCARDACI – Su ittò l’assu di briscula, cu’ è c’ha fari? Ca Palmi, no?
IMPELLIZZERI – E allura ‘na bella carta liscia! (Ride)
SCARDACI – Palmi! ‘A prima bestialità ‘a fici. Vidissi chi pò fari ora!
PALMI – Iocu sempri iù?
SCARDACI – Sì! S’arrusbigghiassi!
PALMI – Chi è ca voli?
SCARDACI – ‘Na carta.
PALMI – ‘N’autra vota? Appoi non s’a pigghiassi cù mmia si non ci piaci!
SCARDACI – Mi dicissi chi havi ‘nte manu.
PALMI – E no’ sentunu macari iddi?
SCARDACI – Nenti ci fa. Parramu.
PALMI – Ma lei chi è ca vulissi?
SCARDACI – (spazientito) ‘A morti buttana! M’u voli diri chi havi, sì o no?
PALMI – Aspittassi. (Controlla) ‘U tri di oru, ‘u tri di bastone e ‘u tri di coppe.
SCARDACI –Tirassi ‘u tri di coppe.
(Palmi gioca una carta)
VINCIGUERRA – Guardi che è il tre di spade.
SCARDACI – Comu, ‘u tri di spati? Di unni spuntò ‘stu tri di spati, Palmi?
PALMI – E chi ni sacciu? Iù tirai ‘u tri di coppi.
SCARDACI – Lei tirò ‘u tri di spati! Ovverosia ‘u tri di briscula! Lei, ‘nta nsecunnu, si sciruppò l’assu e ‘u tri di briscula! Ma com’è ca ioca?
PALMI – Ma allura, unn’è ‘u tri di coppe? Chista è bella, vah! (Cerca la carta tra le due che ha in mano)
IMPELLIZZERI – Ma chi sta circannu? ‘U tri di coppe iù ci l’haiu.
PALMI – Lei?! E comu ci finìu ‘nte so’ manu? Avissi annurvari si non era ccà!
SCARDACI – Palmi, se lei s’ha ghottati ‘na jastima seria, non deve dire “Avissi annurvari”! Deve dire “Avissi acciuncari”! Ha capito?

2 –
SCIRE’- (entra) Biddazzi! Chi faciti, iucati e’ carti? Appostu! E cu’ è ca vinci?
IMPELLIZZERI – Stamu accuminciannu ora...
SCARDACI – No, no, finemu! Finemu prima d’accuminciari! Accussì non si pò ghiucari! Nuatri, al massimo, putemu iucari a ‘mmuccia ammuccia! Accussì vincemu tutti.
SCIRE’ – Ma chi fu, ‘u facistivu ‘ncazzari?
PALMI – Se non ho capito male, è siddiatu pirchì ‘u tri di coppe ci l’aveva Impellizzeri.
SCIRE’ – E va beni, si sapi, carti sunu! Comunque, signori, scusate... vi debbo fare una preghiera.
SCARDACI – (tra sè) Sintemu chi svommica!
SCIRE’ – Qualcuno di voialtri si trova, per caso, un cuscino in più?
IMPELLIZZERI – Chi è ‘sta novità? 
SCIRE’ – Ddà banna, nell’altra stanza, c’è ‘mpuvireddu senza cuscinu. E fin qua, non c’è niente di straordinario.
SCARDACI – E’ normali.
SCIRE’ – E’ normale, bravo. Il problema è ca ‘stu puvireddu non pò stari pirchì dici ca senza cuscinu ci gira ‘a testa.
VINCIGUERRA – Ma questo è allucinante! Com’è possibile che in un ospedale manchi un cuscino?
SCIRE’ – Professore, se mi permette, non è ca manca “un cuscino”. Ccà, di cuscini ni mancano du’ mila e, per sua conoscenza, mancanu macari linzola, cuperti... e, certe volte, qualche pappagallo. Ma siccome non spetta a me stabilire su chistu è bellu o non è bellu, io non dico niente e mi ni nesciu. Sto sbagliando?
TUTTI – Non sta sbagliando!
SCIRE’ – Appunto. Io, sul momento, debbo risolvere il problema del poveretto in questione.
IMPELLIZZERI – Non ci pozzu dari aiutu! Il cuscino è personale: m’u purtai d’a casa.
PALMI – Ma pirchì ‘u miu chi è d’o spitali?
SCARDACI – (stringe il cuscino al petto) Mè muggheri m’u desi e guai a chi me lo tocca!
SCIRE’ – Senta, professore, mi perdoni... Se lei dorme, pì ‘na sira senza cuscinu, chi fa, ci soffri? D’altra parte, questa è un’emergenza...
VINCIGUERRA – Ho capito. Il poveretto in questione. Si prenda il cuscino.
SCARDACI – (tra sè) Spogghia a Cristu pì vestiri a Maria! Ssà quantu ci frutta “’st’opera pia”...!
SCIRE’ – Grazie, prufissuri e non si preoccupi: entro ventiquattr’ore le procuro un altro cuscino. Parola di Scirè!
SCARDACI – (tra sè) Ci ‘u futti a qualche autru malatu!
SCIRE’ – Avanti, vi lascio. Buon riposo. A proposito, tutto apposto con le radioline? Funzionanu boni, abberu?
IMPELLIZZERI – Ma quannu mai! Non si senti nenti... nenti!
SCIRE’ – Comu, non si senti nenti?
PALMI – Niente completamente.
SCIRE’ – Ho capito. E’ il posto che non va bene. ve lo spiego in parole povere. Le onde, d’arrivare arrivanu ccà intra. Il problema è ca quannu trasunu, ‘ntappanu mura mura... soffrono... Insomma, non sghiddanu belle, libere nell’aria!
IMPELLIZZERI – E allura?
SCIRE’ – E allura, non putennu sghiddari libere e cuntenti...
SCARDACI - ... si ni tornanu di unni vinniru.
SCIRE’ – Il fatto è che le vostre antenne non ci ‘a fanu a captare le onde. Onde per cui, non si senti nenti. E’ chiaro? E’ chiaro.
PALMI – E’ chiaru. Ma allura chi n’hama fari d’a radio si non sintemu nenti?
SCIRE’ – E chi c’entra? Quannu nisciti di ccà e siti a’ casa, vi ni iti, per esempio, nel terrazzino – unni l’aria è bella libera e non ci sunu mura – e v’arricriati a sintiravilla.
PALMI – E si unu non ci havi ‘ u terrazzinu?
SCIRE’ – In mancanza di terrazzino, ci sarà ‘nbalcuni, ‘na finestra, ‘ncurtigghiu...
PALMI – E si chiovi, chi mi ni vaiu a sintirimi a radio ‘nto curtigghiu?
SCIRE’ – Signor Palmi, ma chi voli di mia? Quannu chiovi, pì forza ‘a radio s’ha sentiri? Ahu, ma è curiusu!

3 –
(Entra il Medico con l’Infermiera)
MEDICO – Vinciguerra, si metta a letto ché devo visitarla. Lei, Scirè che sta facendo con quel cuscino?
SCIRE’ – Lo sto portando nella Stanza 15...
MEDICO – Lasci perdere il cuscino e stia a mia disposizione.
SCIRE’ – (ripone il cuscino sul letto di Vinciguerra) Sissignore.
MEDICO – (a Vinciguerra) Apra bene l’occhio sinistro. (Lo esamina) Lei ha subìto qualche intervento alla retina?
VINCIGUERRA – No. Mai.
MEDICO – E’ sicuro?
VINCIGUERRA – Se avessi subìto un intervento, crede che me lo scorderei?
MEDICO – Io non credo proprio a nulla. Credo solo a ciò che vedo.
VINCIGUERRA – E... che vede?
MEDICO – Vedo una retina piuttosto traumatizzata, malridotta... operata probabilmente qualche anno fa.
SCARDACI – (a parte, a Palmi) Ma chi sta liggennu ‘nta palla di vitru?
PALMI – Sì ca fa ‘u mavaru!
SCARDACI – ‘U dutturi, no di sicuru!
MEDICO – (continua la visita) Francamente, la situazione mi sembra abbastanza chiara... ma se lei mi assicura che non è mai stato operato...
VINCIGUERRA – Glielo assicuro, sì. Io mi trovo qui perchè mi è stato garantito che con un semplice trattamento laser potrò recuperare qualche diottria. Dunque...
MEDICO – Le conclusioni le lasci a me. Intanto su quest’occhio sinistro non potremo fare nessun trattamento laser. Per ora, è necessario curare la retina... poi si vedrà. (Scrive qualcosa sulla cartella) Signorina, mi raccomando, segua questa terapia. Adesso, vediamo il destro. (Esamina l'o’chio) No. Qui è tutto a posto. E’ un occhio miope ma sanissimo. Possiamo recuperare almeno sei o sette diottrie.
VINCIGUERRA – Ne è proprio sicuro, dottore?
MEDICO – Al cento per cento, stia tranquillo. Scirè!
SCIRE’ – Mi dica, dottore.
MEDICO – L’apparecchiatura è stata aggiustata?
SCIRE’ – Quale apparecchiatura? Ccà n’avemu tanti fuori uso!
MEDICO – Il laser è stato messo a punto?
SCIRE’ – Ieri è venuto il tecnico.
MEDICO – E allora, funziona?
SCIRE’ – Sì e no.
MEDICO – Cioè?
SCIRE’ – Il tecnico mi ha detto che la macchina consuma troppa acqua.
SCARDACI – (a Palmi) Ci sarà ‘u radiaturi ca perdi.
PALMI – Menu mali ca non cunsuma benzina!
MEDICO – Ma perchè non l’ha riparata?
SCIRE’ – Dici ca ci manca un pezzo che si deve richiedere in Germania. Però mi ha assicurato che l’apparecchio si può usare lo stesso.
MEDICO – Anche se perde acqua?
SCIRE’ – Accussì mi dissi e accussì ci dicu.
MEDICO – E se l’inconveniente succede durante l’intervento? Se viene a mancare l’acqua, siamo nei guai, lo sa, no?
SCIRE’ – E non ci sono io? Mentre lei lavora, iù vaiu ‘ntrummannu acqua!
MEDICO – Dice?
SCIRE’ – Non è una bella idea? E’ una bella idea. Ni ni iemu cantannu cantannu.
MEDICO – Ho capito. Io opero...
SCIRE’ – E iù ‘ntrummu acqua.
MEDICO – Mah! Potrebbe funzionare.
VINCIGUERRA – Scusi, dottore, che significa “potrebbe”?
MEDICO – Niente. Lei stia tranquillo. Signorina, tre gocce di Colbitrin sul destro. Ogni quindici minuti, per tre volte.
INFERMIERA – Sì, dottore. Ma, mi scusi...
MEDICO – Scirè, più tardi mi porti il paziente e facciamo questo laser.
INFERMIERA – Dottore, le chiedo scusa...
MEDICO – Valeria... (si corregge) Signorina, che c’è?
INFERMIERA – Stavo leggendo la terapia del paziente.
MEDICO – E allora?
INFERMIERA – Riguardo all’occhio sinistro, lei, per sbaglio, ha scritto “Voltigen”.
MEDICO – Cosa le fa pensare che io abbia sbagliato?
INFERMIERA – Il “Voltigen” si prescrive per il glaucoma...
MEDICO – E anche se fosse?
INFERMIERA – Il paziente ha un glaucoma?
MEDICO – Il paziente non ha alcun glaucoma ma... potrebbe averlo! E noi... preveniamo, ha capito? Comunque, lei si limiti a eseguire e basta!
INFERMIERA – Come vuole. (tra sè) Chi se ne frega?
MEDICO – Scirè, venga, andiamo a dare un’occhiata a questa benedetta apparecchiatura.
SCIRE’ – Sì, dottore.
MEDICO – (ci ripensa) Scirè!
SCIRE’ – Sì, dottore?
MEDICO – Ci vada lei. Io ho da fare.
SCIRE’ – Sì, dottore. (Via)
MEDICO – (all’infermiera) Prepari il paziente e poi... poi venga da me. (Via)
INFERMIERA – Va bene. (Mette alcune gocce sugli occhi di Vinciguerra)
VINCIGUERRA – Senta, signorina, quelle gocce di...
INFERMIERA – Il Voltigen?
VINCIGUERRA – Sì, il Voltigen. Ne faccia a meno.
INFERMIERA – No. Io eseguo le disposizioni dei medici. Voltigen mi dicono e Voltigen le metto. Se poi succede qualcosa, ci facciamo quattro risate, non si preoccupi.
VINCIGUERRA – No, no, guardi che io mi preoccupo.
INFERMIERA – Mi dispiace, non posso mettermi contro i medici. Io, qua, mi guadagno il pane.
VINCIGUERRA – Ma lei il pane potrà continuare a guadagnarselo anche se non...
INFERMIERA – Egregio signore, lei fra qualche giorno, da qui se ne va. Io, invece, resto. Mi ha capito?
VINCIGUERRA – Che me ne andrò, èsicuro. Ma in quali condizioni, non lo so.
INFERMIERA – Tamponi l’occhio per qualche minuto. E si tenga pronto che fra poco la chiameranno per il laser. (Via)

4 –
SCARDACI – Mah! Vi persuaditi? ‘Stu spitali è organizzato come un campo di concentramento. Ci mancanu sulu i forni crematoi.
PALMI – Questione di tempo e la USL ci passa macari chiddi!
IMPELLIZZERI – (a Vinciguerra) Ma a lei, cu’ ci ‘u purtò, prufissuri? Pirchì non si ni stava com’era?
(Vinciguerra scuote la testa desolato)
SCARDACI – Non si pigghiassi di colira e circassi di essiri ottimista. Cu’ ‘u sapi? Può darsi che tutto va bene. Su ‘a machina d’o laser funziona, se Scirè abbia acqua ‘nto radiaturi senza firmarisi e se ‘u dutturi ci havi ‘a manu ferma, può essere che la cosa riesce.
VINCIGUERRA – E se questo Voltigen, nel frattempo, non mi acceca l’altro occhio!

5 –
SCIRE’ – (entra rapidamente e tira lesto il cuscino da sotto la testa di Vinciguerra) Scusi, prufissuri, ‘u cuscinu. E stassi cuntentu ca staiu pinsannu pì lei. Ci staiu dannu ‘na sistematina al laser. Che giornata! Tutti ca chiamanu a mmia! Ma comu m’haiu a spartiri? Ah, si non ci fussi iù, ‘nta ‘stu spitali! Chi dici, lei, Palmi?
PALMI – Allura! Putissi chiudiri pì ferii!
SCARDACI – Avissi a chiudiri pì sempri!
SCIRE’ – Dottor Astuto! (Via ad inseguire il medico che è passato nel corridoio, oltre la comune)

6 –
SCARDACI – Com’è ca si chiama ‘stu dutturi? “Astuto”?
IMPELLIZZERI – Accussì mi parsi...
SCARDACI – Chistu havi un nomu ca è tutto un programma! Secunnu mia, unu ca fa l’oculista, pì dari un pocu di fiducia o’ malatu, s’avissi a chiamari “Addumo”, no’ “Astuto”!
VINCIGUERRA – Lui è Astuto anche nel senso che è furbo! I fessi siete voi!
PALMI – Sulu nuatri?
VINCIGUERRA – Sì. Io non sono un fesso. Sono un pazzo! Uno stronzo masochista!
PALMI – (a Scardaci) “Stronzo”, ‘u capii ma chi significa “masochista”?
SCARDACI – (lo ignora anche lui ma tenta strade alternative...) Palmi, o’ prufissuri ci scappò pirchì è ‘ncazzatu ma lei pirchì l’ha ripetiri i maliparoli?
PALMI – Ah, “masochista” è ‘na malaparola? Ma... esattamente, chi vo’ diri?
SCARDACI – Ma chi semu picciriddi, semu? Palmi, mancu lei mi pari!
PALMI – Ahu, e su no’ sacciu...!

7 –
(Sul corridoio, oltre la comune, intanto, si vedranno i passaggi del Medico, tallonato dall’Infermiera e, successivamente, da Scirè. I dialoghi si svolgeranno, quindi, oltre la comune).
INFERMIERA – Non era tua moglie! La voce di tua moglie la conosco bene!
MEDICO – Ti ripeto che era mia moglie! E abbassa la voce! Signorina, mi scusi, ho da fare! (Scompare)
SCIRE’ – Dottore! (Scompare)
MEDICO – (ricompare) Ma la vuoi smettere? Ti metti a fare le scenate, qui?!
INFERMIERA – E ti chiamava anche per nome!
MEDICO – Questo dimostra che si trattava di mia moglie! (Scompare ancora)
INFERMIERA – No! Questo dimostra che sei uno stronzo! (Gli corre dietro e scompare)
SCIRE’ – (sempre all’inseguimento) Dottor Astuto! (Scompare ancora una volta)
MEDICO – (riappare) Senti, cretina, ora mi hai rotto le scatole! E poi, questo non è il momento nè il luogo!
INFERMIERA – Invece, per te, ogni momento è buono e ogni luogo è perfetto!
MEDICO – Finiscila di fare l’isterica o ti prendo a schiaffi! (Scompare)
INFERMIERA – Provaci, signor Aiutoprimario! E ti rovino! (Scompare)
SCIRE’ – (riappare) Dottor Astuto! (Via all’inseguimento)
MEDICO – (riappare, sempre seguito dall’infermiera) Vuoi calmarti, ora?
INFERMIERA – Voglio sapere chi era!
SCIRE’ – (riappare) Oh, finalmente, dottore! Havi menzura ca ‘u vaiu assicutannu!
MEDICO – Va bene, signorina, ne riparliamo con calma. Vada. Che c’è, Scirè?
(L’infermiera, via)
SCIRE’ – In questo momento il laser sta funzionando. Si ni spirciamu, può essiri ca ci ‘a facemu...
MEDICO – (ancora agitato per la scenata di prima, è alquanto assente) E... che dobbiamo fare?
SCIRE’ – Non mi dissi di priparari l’apparecchiatura?
MEDICO – Ha fatto bene. Bravo.
SCIRE’ – Grazie.
MEDICO – Signorina Valeria! (Via rapidamente)

8 –
SCIRE’ – (riamane qualche istante, sulla comune, piuttosto perplesso) Ma dico, cù tanti cosi c’haiu di fari, chistu mi fa perdiri tempu? Mi dissi di priparari ‘u laser e iù priparu ‘u laser. Mi dissi di procurari l’acqua e iù procuru un bellu biduni di acqua. E c’o laser a postu e l’acqua pronta, mi dici “Ha fatto bene, bravo”? Ma chi havi i bummu ‘nta testa?
SCARDACI – Ma chi va circannu lei, ‘u laser, l’acqua... No’ vidi ca ‘u dutturi, per ora, ci havi i so’ problemi?
SCIRE’ – Caro Scardaci, dda ‘nfirmera è la rovina di ‘stu spitali! E’ ‘na gran tappinara! Mi dispiaci ma l’haiu a diri pì forza! Su no’ dicu, mi sentu mali! Chi vuliti ca mi sentu mali?
PALMI – No, pì favuri! Ci maca sulu ‘n malatu comu a lei, ccà! Si spuvassi, si spuvassi!
SCIRE’ – E’ ‘na tappinaruna! Qui lo dico e qui lo nego, sia chiaro.
SCARDACI – E allura pirchì ‘u dici?
SCIRE’ – Pirchì ‘u parrari è bellu ma starisi mutu è megghiu. E chi ha orecchie per intendere, intenda. Mentre chi non ha orecchie per intendere...
PALMI - ... non intenda.
IMPELLIZZERI – (a parte, a Scardaci) Ma com’è ca a chistu, quannu parra, no’ capisciu mai?!
SCARDACI – Non si sfurzassi... Tantu, tempu persu è.
SCIRE’ – In questo ospedale non s’arraggiuna!
VINCIGUERRA – (a Scirè) Scusi, qualcuno dovrebbe mettermi le altre gocce...
SCIRE’ – Un momento, prufissuri, mi facissi completare il mio pensiero.
VINCIGUERRA – Mi scusi se l’ho interrotta.
SCIRE’ – (non lo sente neppure) In conclusione. Qua le cose vanno male. Dice: e perchè vanno male? No’ sacciu. Semu tutti orvi e surdi!
SCARDACI – Più che altro, orvi!
SCIRE’ – E perciò, qui lo dico e qui lo nego.
SCARDACI – E’ ‘sta conclusione che non afferro...
SCIRE’ – Non parru cchiù. Basta. Ho chiuso.
IMPELLIZZERI – Scardaci, non insista! Se ha chiuso, ha chiuso, per cortesia! A mmia ‘a testa mi doli!
SCIRE’ – Ci doli ‘a testa? E’ u lettu. (A Vinciguerra) Chi mi stava dicennu, lei, prufissuri?
VINCIGUERRA – (sforzandosi di stare calmo) Qualcuno mi dovrebbe mettere le altre gocce... sempre che debba fare questo benedetto laser!
SCIRE’ – Ma quali laser? No’ capìu ca ‘u dutturi cangiò idea?

9 –
INFERMIERA – (entra nervosamente. Si accosta a Vinciguerra) Apra l’occhio ché devo metterle le gocce.
VINCIGUERRA – Signorina, scusi, lo farò questo laser o no?
INFERMIERA – E che ne so? Lo chieda ai medici! Lo chieda al dottor Astuto! Lui è persona per bene! E’ onesto, lui! (Continua a versare le gocce su entrambi gli occhi) 
VINCIGUERRA – Signorina... ma che sta facendo?
INFERMIERA – (continua) E’ sincero, lui!
SCIRE’ – Signorina Valeria, a parte il fatto che il laser non si fa cchiù, lei ha sbagliato occhio! Il Colbitrin doveva metterlo sul destro e il Voltigen a sinistra! Lei sta abbiannu gocce o’ scuru e a tinchitè! Comunque, oramai...
INFERMIERA – (sempre più nervosa) E va bene! Mettiamo le gocce anche sul destro! Ecco qua. (A Scirè) E’ contento? (Esce mugugnando)
SCIRE’ – Chista, qualche vota, ‘a cummina grossa! Varda comu ‘u ‘nniau a ddu mischinu!
VINCIGUERRA – (spaventato) E ora? 
SCIRE’ – Ma cosi de’ pazzi! Ci ittò ‘na buttigghia di Voltigen!
SCARDACI – Ma lei, Scirè, pirchì n’ha firmava a dda pazza?
SCIRE’ – Iù? Iù ‘u mè travagghiu fazzu e non interferisco nel lavoro degli altri.
VINCIGUERRA – (sempre più agitato) Mi bruciano gli occhi...!
SCIRE’ – E’ dannifica, ci staiu dicennu! Poi, quannu ‘a cummina bona bona, ni facemu quattru risati!
SCARDACI – Insomma, ‘stu puvireddu v’ha fari arridiri c’a supirchiaria! Ma chi trasìu ‘na signa ‘nta ‘stu spitali...! Benedetto Dio...!
SCIRE’ – “Ni facemu quattru risati” pì modu di diri.
VINCIGUERRA – Senta, Scirè, secondo la sua esperienza, potrei avere problemi?
SCIRE’ – Chi voli ca ci dicu? Speriamo di no. Chi ura si ficiru? Quantu mi ni vaiu, vah! Ah, biddazzi, aviti bisogno di qualche cosa?
PALMI – No, nenti. Si ni issi.
SCIRE’ – No, pirchì stavo pensando di farivi una proposta. Un vero affare!
IMPELLIZZERI – Chistu mi fa veniri l’esaurimento nervoso... l’esaurimento nervoso...!
SCIRE’ – Non vi facissi comodo un bel telefonino cellulare, marca tedesca, ultimo tipo, dual band, dispray a colori, completo di auricolare, caricabatterie e custodia in similpelle di pitone? Secondo me, vi farebbe comodo. Il costo? Irrisorio. Una bazzecola!
SCARDACI – Signor Scirè, lei, beddamatri, mi fa paura!
SCIRE’ – E pirchì? Si ci dicu che il costo è irrisorio! Cinque...
PALMI – Cinque euro?
SCIRE’ – Cinque euro?! Ma lei unni vivi, nelle caverne? Cinquecento euro! E’ regalato o non è regalato?
TUTTI – E’ regalato!

10 –
(Entra il medico, seguito da una sorridente infermiera)
MEDICO – E allora, caro Vinciguerra, lo facciamo questo laser?
SCIRE’ – (a Vinciguerra) Ha visto? Chi ci diceva iù? A lei ci pareva ca ‘u dutturi si l’hava scurdatu...! (Al medico) Non mi vuleva cridiri.
MEDICO – (a Vinciguerra) E’ pronto?
VINCIGUERRA – Sì. Ma siamo sicuri? Non è che, poi, cambia idea?
MEDICO – E perchè dovrei cambiare idea? Amico mio, qui si lavora, si corre! Non ci possiamo permettere il lusso di cambiare idea!
SCARDACI – (tra sè) Per cambiare idea, prima ci avvissi a essiri l’idea!
MEDICO – (all’infermiera) Vale... (si corregge) Signorina, mi prepari il numero 1 per la sala operatoria.
INFERMIERA – (sorride) Certo, dottore.
MEDICO – (sorride) La ringrazio.
SCARDACI – ‘U nummiru 1 non sugnu iù?
INFERMIERA – Certo che è lei.
MEDICO – Tra qualche minuto, può accompagnarlo. L’anestesista è arrivato?
INFERMIERA – Sì, da un bel pò.
SCARDACI – Mi stati operannu pì daveru? Accussì, a morti subbitania?
MEDICO – Ma come, non è contento? Prima si lamentava perchè voleva essere operato subito e ora...
SCARDACI – E cu’ è ca mi opera, lei?
MEDICO – Io, certo, non si preoccupi. Io e il dottor Lampo. (A Scirè) Lei accompagni Vinciguerra in laboratorio. Sarò là fra dieci minuti. (Via)
SCIRE’ – Avanti, vinissi cù mmia, prufissuri! (A Scardaci) Appostu, Scardaci! E’ arrivato il suo turno. Tinemini forti, mi raccumannu! (Via con Vinciguerra)
INFERMIERA – (prepara le gocce. A Scardaci) Qual è l’occhio che si deve operare?
SCARDACI – E chi ni sacciu? Tutti dui.
INFERMIERA – Scardaci, non mi faccia perdere tempo. Dove ce l’ha il distacco di retina?
SCARDACI – Ah, a sinistra.
INFERMIERA – Benissimo. (Mette alcune gocce nell’occhio) La chiamo io, va bene? (Via)

11 –
IMPELLIZZERI – (a Scardaci) Cu’ è ca ci fa ‘st’operazione?
SCARDACI – Lampo e Astuto. Non so perchè ma m’arrizzanu i carni!
PALMI – Avaja, chi si fa impressionari dai cognomi?
SCARDACI – Lampo e Astuto. Il segno del destino. Chisti m’annorvanu del tutto...
PALMI – Ma ci livassi ‘a farsa...!
SCARDACI – Chi sacciu... ‘U fattu è ca ccà intra, unu non sapi a quali santu vutarisi! E allura, pensa alla cabala, alle bestialità, o’ nomu d’o medicu... Si chiovi, si non chiovi, chi ghiornu è... A propositu, quantu n’avemu oggi?
PALMI – Tridici. Porta bonu, no?
SCARDACI – Buttana d’a miseria! A mmia ‘u tridici m’ha purtatu sempri disgrazia!
PALMI – Bonu, vah! Pinsassi, chiuttostu, ca stasira si leva ‘u pinseri e ci vidi perfettamente.
SCARDACI – Ca speriamo ca ‘a Madunnuzza e Santa Lucia ci dunanu ‘na manu a Lampo e Astuto!
IMPELLIZZERI – Ha stari tranquillu. Non si deve agitare. Tantu i cosi comu hannu a ghiri, vanu. S’hannu a ghiri ritti vanu ritti e s’hannu a ghiri storti, vanu storti. E non c’è putenza umana...
SCARDACI – Ci ‘a voli finiri, ora, cù ‘sta filosofia bestia? (Riflette) Lampo e Astuto.

12 –
INFERMIERA – (entra) Scardaci, siamo pronti?
SCARDACI – Lampo e Astuto sunu pronti?
INFERMIERA – Tutti pronti. C’è anche l’anestesista.
SCARDACI – Comu si chiama l’anestesista?
INFERMIERA – Signore. Dottor Signore.
SCARDACI – E iddu sulu mi pò aiutari! (Si avvia. Agli altri) Ni videmu. Almenu... speriamo! (Via, con l’infermiera)

13 –
IMPELLIZZERI – Mah! Pari unu ca spacca ‘u munnu e inveci è cchiù scantulinu di mia!
PALMI – Ccà intra, sulu i sciamunitu non si scantanu!
(Entrano Scirè e Vinciguerra che ha un vistoso tampone sull’occhio destro)
SCIRE’ – (ai due) Avete visto? In cinque minuti abbiamo sistemato ‘u prufissuri.
PALMI – IMPELLIZZERI – Tutto a posto? – Com’è andata?
SCIRE’ – Tutto bene, tutto bene. Veru, prufissuri?
VINCIGUERRA – Me lo auguro.
SCIRE’ – (lo accompagna al letto) Avanti, si curcassi, ora, s’arripusassi. E unnìè ‘u cuscinu?
PALMI – Chi è s’u scurdau ca ‘u cuscinu ci sirvìu a lei?
SCIRE’ – Veru è. Niente paura, ora ci penso io. Staiu turnannu. (Via)
PALMI – (a Vinciguerra) ‘U dutturi chi ci dissi, che è andata bene, no?
VINCIGUERRA – Così mi ha detto. Fra dieci minuti devo togliere la benda.
PALMI – Bravo. Ha visto?
VINCIGUERRA – No, ancora “non ho visto”. Ma secondo lui, dovrei vederci benissimo.
IMPELLIZZERI – Ca certu! Lei si preoccupava...!
VINCIGUERRA – E continuo a preoccuparmi, francamente.
SCIRE’ – (rientra con un cuscino) Quantu ci stesi? Ecco qua!
VINCIGUERRA – (osserva il cuscino) Ma questo non è il mio cuscino.
SCIRE’ – Ma pirchì, c’era accussì affezionato al suo cuscino? Chstu non è ‘u stissu? Chi c’interessa a lei?
VINCIGUERRA – Che schifo! Fa anche cattivo odore!
SCIRE’ – Comu, “cattivo odore”? Chistu disinfettanti è!
VINCIGUERRA – Disinfettante?!
SCIRE’ – Siccomu ‘u pigghiai di dda banna, d’o reparto malattie infettive, prima di purtarlu ccà, ci fici dari ‘na sbruffata di disinfettante d’o collega...
VINCIGUERR – (allontana da sè il cuscino) Malattie infettive?!
SCIRE’ – Sì ma non facissi ‘u piliddusu. Si ci dissi ca ‘u fici sterilizzare...! Chi ci dava ‘n cuscinu infettatu?
VINCIGUERRA – E che ne so?
SCIRE’ – Va beni, vah! Avanti, passànu i deci minuti: livamu ‘sta benda! (Esegue)
SCIRE’ – E allora, comu ci vidi?
VINCIGUERRA – (sbianca. Biascica confusamente) Come ci vede?
SCIRE’ – No, prufissuri, non ci siamo capiti. Iù ci vidu. E’ lei ca m’ha diri come ci vede.
VINCIGUERRA – Non ci vedo! Non vedo niente! Vedo solo delle macchie nere e giallastre...!
SCIRE’ – E chi cumminò ‘u dutturi?
VINCIGUERRA – (in preda al panico) Non ci vedo... Non ci vedo...
SCIRE’ – Ho capito. Non ci vede. E pirchì non ci vidi? Mi segua. Se lei non ci vidi, le ipotesi sono due: o ‘u dutturi sbagghiò oppure lei era già predisposto.
VINCIGUERRA – Che significa “predisposto”? Io ero un miope, ora sono un cieco! Mi hanno rovinato!
SCIRE’ – Calma. Con la calma si risolve tutto.
IMPELLIZZERI – Ma si dici ca non ci vidi, con la calma o senza calma, sempri ‘u stissu non ci vidi!
SCIRE’ – Non mi sono fatto capire. Quello che mi stavo domandando è perchè ‘u prufissuri non ci vidi.
VINCIGUERRA – Perchè sono un disgraziato!
SCIRE’ – Calma, prufissuri...
VINCIGUERRA – Mi hanno accecato un occhio e pretende che mi calmi?!
SCIRE’ – E va be’, s’incazzassi ma che ci risolve?
PALMI – (a Scirè) Ma anzichè perdiri tempu, pirchì non chiama qualche medico? Può darsi che la cosa si può risolvere... Chi ni sapemu?
SCIRE’ – E a cu’ chiamu? Astuto è in sala operatoria, Lampo macari, Lucenti... (si corregge) “l’innomibabile” è in ferie...
IMPELLIZZERI – Ma ‘u Primariu unn’è... non veni mai?
SCIRE’ – ‘U prufissuri Migliore? Chiddu in America si trova, a un convegno! Sì, quantu iungi e ‘u chiamu! Comunque, fra poco si libera ‘u sutturi Astuto...
VINCIGUERRA – (disperato) E’ pazzesco! Mi sembra di vivere un incubo!
SCIRE’ – Ma a mmia non mi pò paci! ‘A machina d’o laser funzionava che era una bellezza... l’acqua calava ca era ‘na meraviglia... ‘u dutturi travagghiava friscu comu ‘na rosa... Comu potti succediri...?
VINCIGUERRA – Gli altri trattamenti laser che Astuto ha fatto, come sono andati?
SCIRE’ – ‘U primu benissimo, pì chiddu ca mi risulta, pirchì iù non c’era...
VINCIGUERRA – E gli altri?
SCIRE’ – Quali altri? ‘U secunnu è chistu ca ci fici a lei.
VINCIGUERRA – Era la seconda volta che usava il laser?!
SCIRE’ – E chi significa? ‘U dutturi è bravu...
PALMI – In fondo, unu sulu n’ha sbagghiatu!
VINCIGUERRA – E io mi sono affidato ad uno che non aveva mai usato il laser!
SCIRE’ – Certo che l’ha usato, ci staiu dicennu: du’ voti.

14 –
INFERMIERA– (entra) Scirè!
SCIRE’ – Ah, signorina, ci ha diri o’ dutturi Astuto...
INFERMIERA – Il dottor Astuto dice...
SCIRE’ – Ci ha diri o’ dutturi Astuto...
INFERMIERA – Mi vuole fare parlare o no?
SCIRE’ – Sì ma ccà c’è ‘u prufissuri...
INFERMIERA – (allarmata) E’ arrivato il Primario?
SCIRE’ – Quali Primariu! ‘U prufissuri Vinciguerra è cumminatu mali!
INFERMIERA – Ma non ha fatto il laser?
SCIRE’ – Appunto.
INFERMIERA – E allora?
SCIRE’ – E allora, non ci vidi.
INFERMIERA – (si avvicina a Vinciguerra) Non riesce a vedere proprio niente?
VINCIGUERRA – Niente! Grazie a quest’ospedale non vedo più niente! A parte le macchie!
INFERMIERA – Stia calmo. Se lei non vede, la colpa non è dell’ospedale.
VINCIGUERRA – Ha ragione: la colpa è mia!
INFERMIERA – Non dico questo. Se vede macchie, ho paura che ci sia un’emorragia.
VINCIGUERRA – (si agita ulteriormente) Un’emorragia? E... come mai?
INFERMIERA – Non ho idea. Quando verrà il dottore Astuto, glielo spiegherà lui. (A Scirè) Le stavo dicendo che Scardaci ha finito l’intervento e deve essere riportato in stanza.
SCIRE’ – E non ci sunu i portantini?
INFERMIERA – No. Sono in sciopero da stamattina.
SCIRE’ – E va bene, si pigghia ‘na lettiga...
INFERMIERA – Non ci sono lettighe, al momento.
SCIRE’ – Ni pignurànu?
INFERMIERA – Non faccia lo spiritoso.Sono state utilizzate per i ricoveri urgenti. In mancanza di letti, abbiamo dovuto approntare lettighe, barelle, brande...
SCIRE’ – E allura?
INFERMIERA – E allora il dottore Astuto dice che bisogna riportare Scardaci qui di peso.
SCIRE’ – Ma chi è addurmisciutu?
INFERMIERA – Il dottore? Ma come si permette questo tono?
SCIRE’ – Quali dutturi? Dico: Scardaci è addurmisciutu? No, pirchì se è mezzo sveglio, pò venire ccà ch’e so’ peri.
INFERMIERA – E’ sveglio perchè ha fatto l’anestesia locale. Comunque, qualcuno deve sostenerlo ugualmente. Perciò, venga con me. (Via)
SCIRE’ – Ma quantu n’haiu a sentiri?! (Via)

15 –
VINCIGUERRA – Se ieri qualcuno m’avesse raccontato quello che succede qui dentro, lo avrei preso per pazzo!
IMPELLIZZERI – Non si pigghiassi di colira ca è peggiu...
VINCIGUERRA – Sì, leggevo sui giornali certe notizie ma pensavo che la stampa ci ricamasse sopra... che i fatti venissero gonfiati... Invece, mi rendo conto che i giornali non denunciano che una piccola parte di ciò che accade veramente!
PALMI – Sarà ‘na cosa di nenti. Non si facissi ‘u sangu acqua...

16 –
(Entra Scardaci – con una benda nell’occhio – sorretto da Scirè e dall’Infermiera).
INFERMIERA – Coraggio che siamo arrivati. Qualche passettino ancora...
SCARDACI – Unni mi purtati?
SCIRE’ – A passiari! Unnu voli ca ‘u purtamu, ca ‘nto sò lettu, no? Forza ca si semu quasi.
SCARDACI – A mmia mi pareva ca m’a vulevuru fari fari a peri finu a’ casa!
INFERMIERA – Ma che sta dicendo?
SCARDACI – E infatti, vi stava addumannannu se qualcuno mi puteva accumpagnari finu a’ firmata dell’autobus...
SCIRE’ – Si curcassi, vah... ‘A firmata dell’autobus! A unu operatu di friscu ‘u ‘ccumpagnamu ‘a firmata?
SCARDACI – E’ fastidioso, abberu?
SCIRE’ – Finu a’ firmata! In ogni caso, ammesso e non concesso, avissimu aspittatu ca passava l’autobus. E chi semu armali?
SCARDACI – Bravi, bravi... Chi cattiva opinioni ca m’hava fattu...!
IMPELLIZZERI – Scardaci, comu si senti?
PALMI – Ci ‘a ficiru fari a peri d’a sala operatoria, vero?
SCARDACI – No, anzi, iddi insistevano: si pigghiassi ‘a barella, si pigghiassi ‘a barella...! Fui iù ca mi vosi fari du’ passi!
INFERMIERA – Stia a letto e non si muova, mi raccomando.
SCARDACI – Non mi movu.
INFERMIERA –Vinciguerra, il dottore sta arrivando. (Via)
SCARDACI – Ora stamu cuntenti, ah! Quannu si leva ‘a benda, lei, ccà intra, ci vidi ‘u megghiu ‘i tutti!
SCARDACI – Ca ci voli assai a vidirici ‘u megghiu ‘i tutti, ccà intra! Ti vogghiu fora!
SCIRE’ – Ma com’è ca non è mai cuntentu? Quantu mi ni vaiu, vah! (A Vinciguerra) Stassi tranquillu c’abbissamu macari a lei! (Via) 
VINCIGUERRA – Mi avete già sistemato, grazie.
17 –
SCARDACI – ‘U prufissuri s’u fici ‘u laser?
PALMI – S’u fici, s’u fici...
IMPELLIZZERI – Ma era megghiu ca non s’u faceva!
SCARDACI – Pirchì? Ci ivu mali?
PALMI – Ha avuto un’emorragia.
SCARDACI – D’o nasu?
PALMI – Sì, d’o nasu! Nell’occhio, no?
SCARDACI – E allura?
VINCIGUERRA – E allora si aspetta il dottore Astuto!
IMPELLIZZERI – (a Scardaci) Ma a lei no’ddurmisceru?
SCARDACI – Solo la parte m’addurmisceru.
IMPELLIZZERI – Quali parti?
SCARDACI – ‘A parti d’a trinca! Quali parti m’avanu addurmisciri? Ca ‘a parti d’a testa, no? Il cervello, l’occhi... Aricchi no, tantu ca ci sinteva benissimo.
IMPELLIZZERI – A mmia, quannu mi hanno operato, m’addurmisceru tuttu.
SCARDACI – E si vidi ca cù mmia vosiru risparmiari.
PALMI – Allura sintìu tuttu chiddu ca dicevano i medici?
SCARDACI – Tutto.
IMPELLIZZERI – E chi dicevanu?
SCARDACI – No, nenti, si cuntavanu i fatti so’. Astuto ci cuntava all’autru dutturi – a Lampo – ca s’hava accattatu ‘na machina nova. Lampo, invece, era ‘ncazzatu pirchì sò muggheri si voli fari i vacanzi a Cortina. E a iddu ‘a muntagna non ci piaci. L’anestesista, al contrario, sosteneva ca ‘a munyagna è bella. Basta: ‘a muntagna è bella, ‘a muntagna non è bella... non si stavanu acchiappannu?
IMPELLIZZERI – Mentri ca operavano a lei?
SCARDACI – Allura. Menu mali ca c’era ‘na ‘nfiermera sperta! Idda visti ‘a carta malapigghiata e, per farli distrarre, si misi a cuntari barzelletti.
PALMI – Menu mali, pì daveru!
VINCIGUERRA – Beati voi che riuscite a scherzarci sopra!
SCARDACI – Ma cu’ è ca scherza, prufissuri? (Agli altri due) Il problema serio fu quannu non si truvava ‘u silicone.
IMPELLIZZERI – Ah, ‘u silicone, sì, chiddu pì ‘mpicari...
SCARDACI – Bravu. Pì ‘mpicari ‘a retina. Ma unn’è ‘u silicone, unni non è ‘u silicone... cerca dda banna, cerca nto tavulu... intra o’ casciolu... Insomma, non era silicone ca si truvava.
PALMI – E comu finìu?
SCARDACI – ‘U sapiti unn’era? Ci l’aveva ‘a ‘nfirmera ‘nta sacchetta!
PALMI – ‘U sta dicennu pì daveru?
SCARDACI – No, pì scherzu! Ci hava sirvutu a’ ‘nfirmera pì ‘mpicari ‘u portacinniri ruttu.
PALMI – Iù, veramenti, pitittu d’operarimi n’aveva picca ma ora...!

18 –
MEDICO – (entra sorridente) E allora, Scardaci, tutto bene?
SCARDACI – Speriamo. Quannu mi leva ‘a benda ci ‘u sacciu diri.
MEDICO – Più tardi le faranno la medicazione. E lei, Vinciguerra, che cos’ha? Qual è il problema?
VINCIGUERRA – Un piccolo problema. L’occhio che mi ha operato è cieco. Vedo solo delle macchie. Ora, se non le reco troppo fastidio, vorrei sapere da lei che cazzo è successo!
MEDICO – Senta, io sono qua per fare il mio dovere dunque la prego di non usare quel tono. Vediamo com’è la situazione. (Esamina l’occhio) Purtroppo devo darle una brutta notizia.
VINCIGUERRA – Lo so: c’è un’emorragia.
MEDICO – Sì c’è l’emorragia ma è la retina che mi preoccupa...
VINCIGUERRA – Non mi dica che si è staccata la retina?
MEDICO – Completamente. Non glielo posso nascondere: l’occhio è molto compromesso. Sì, possiamo tentare di riattaccarla ma abbiamo scarse possibilità di successo...
VINCIGUERRA – In parole povere, ho perso l’occhio!
MEDICO – Non ho detto questo. Le ho solo spiegato che abbiamo poche speranze ma...
VINCIGUERRA – Secondo lei, com’è successo?
MEDICO – E chi può dirlo? Non sono in grado di darle una risposta certa. Posso soltanto supporre che la sua retina era già sofferente e con un vitreo debole come il suo...
VINCIGUERRA – Ma quando mi ha visitato, lei ha detto che l’occhio era sanissimo. Come mai non s’è accorto che la retina era sofferente e il vitreo debole...?
MEDICO – Infatti, non sembrava.
VINCIGUERRA – Non è invece più probabile che sia stato lei, col suo laser, a provocare tutto questo macello?
MEDICO – Non dica sciocchezze! Lo escludo!
VINCIGUERRA – Mi auguro che siano sciocchezze! Perchè io intendo andare a fondo, in questa faccenda!
MEDICO – Non la seguo.
VINCIGUERRA – Sarò più chiaro. Presenterò una bella denuncia alla Procura. Se lei dimostrerà di avere agito con la massima scrupolositù e con la necessaria competenza, le prometto che le chiederò scusa. In caso contrario, le farò passare dei brutti momenti!
MEDICO – Lei lancia accuse e minacce senza senso! Guardi, non prendo in considerazione quello che ha detto perchè capisco che si trova in una condizione psicologica alterata...
VINCIGUERRA – No! Le mie non sono minacce di un individuo stravolto, caro dottore! Io le giuro che metto nei guai lei e tutto questo schifo di apparato che voi chiamate “ospedale”!
MEDICO – Si dia una calmata!
VINCIGUERRA – E lei si dia la sveglia! Cambi mestiere oppure faccia dei corsi accelerati, faccia quel che cavolo vuole ma non si azzardi a trattare i pazienti come cavie per i suoi esperimenti di laser!
MEDICO – Ho la coscienza a posto, io! E dunque, non le permetto...
VINCIGUERRA – Se lo ricordi finchè campa: lei è un irresponsabile!
SCIRE’ – (entra incuriosito da quel frastuono) Chi su’ ‘sti vuci?
VINCIGUERRA – Del resto, tutto quello che succede qua dentro è pazzesco!
SCIRE’ – (agli altri) Cù cu’ ci l’havi?
VINCIGUERRA – Questa merda di struttura ruba allo Stato migliaia di euro al giorno per assicurare un’assistenza che qui non sanno nemmeno dove stia di casa! Dal Primario, che non ho avuto neppure l’onore di conoscere, all’ultimo degli infermieri!
SCIRE’ – Chi ci l’havi macari cù mmia?!
MEDICO – Bene. Si è sfogato. E’ soddisfatto, ora? Faccia pure la sua denuncia, se crede: non me ne frega niente! E può andarsene anche subito. Se, invece, vuole essere operato qui, tenteremo di salvare l’occhio...
VINCIGUERRA – Rimanere qui? Crede che io sia pazzo fino a questo punto?
MEDICO – Faccia un pò come vuole. (Via)

19 –
SCARDACI – (elettrizzato) Minchiuni! Prufissuri, mi piacìu! Ci scattiau ‘nta facci! Quannu ci voli ci voli!
VINCIGUERRA – (distrutto) Trattano i malati con sufficienza... senza riguardo, senza nessuna professionalità! Poi ti accecano e non ti chiedono neanche scusa!
SCIRE’ – Ha scusari, prufissuri...
VINCIGUERRA – Non è da lei che pretendo le scuse!
SCIRE’ – No, dico, ha scusari se mi permetto. Ho sentito parlare di denunce... Ma ‘u dici pì daveru?
VINCIGUERRA – Nelle mie condizioni, lei crede che abbia voglia di scherzare?
SCIRE’ – Ma non ci pari un pò esagerato...?
SCARDACI – Esagerato?! ‘U prufissuri havi ragiuni! Ahu, ‘u ‘nnurvau e ci seppi diri sulu “l’occhio è molto compromesso”! Comu su ‘u dannu non l’avissa cumminatu iddu!
SCIRE’ – E chi è, macari lei, Scardaci?!
SCARDACI – Sì, macari iù! Anzi, testimoni tutti: se avrò qualche problema, denunzio a tutti macari iù! Denunzio a Lampo, denunzio Astuto, Lucenti, denunzio all’Enel! Denunzio a tuttu ‘u spitali e macari a lei!
SCIRE’ – E iù chi c’entru?
SCARDACI – Non fa parti di ‘stu manicomiu? E iù denunziu macari a lei! (Si eccita) Ahu, è ura di finirla, buttana d’a miseria! Non si ioca c’a saluti d’e cristiani! Chi facemu, schirzamu?
SCIRE’ – Scardaci, si calmassi ca fu operatu di friscu, lei.
IMPELLIZZERI – ‘U sapiti chi vi dicu? ‘A denunzia ‘a fazzu macari iù!
SCIRE’ – (tra sè) Appostu semu! E cu’ è, Masaniello, ‘stu prufissuri?!
IMPELLIZZERI – Havi ‘nmisi ca mi operaru! Iù continuo a non vidiri nenti e iddi mi diciunu che “l’occhio si deve assestare”! ‘A virità è ca non sanu chiddu c’hanu a fari! E iù i denunzio... i denunzio!
PALMI – Bah, siccomu a mmia, operazione ancora non mi n’hanu fattu, quasi quasi tolgo il disturbo... Tantu pì evitari ‘n’autra denunzia...
SCIRE’ – Ora vi vuliti calmari, pì cortesia? ‘Ntempu nenti, successi la valli! La rivolta dei gladiatori! Denunzia a destra, denunzia a sinistra...!
VINCIGUERRA – Il bello deve ancora succedere!
SCARDACI – Ci facemu vidiri cosi turchi!
PALMI – Almenu iddi qualche cosa ‘a vidunu ma nuatri...
SCIRE’ – Vi posso dire la mia modesta opinione?
TUTTI – No!
SCIRE’ – E iù v’a dicu ‘u stissu, per scrupolo. Secondo me, non risolvete niente. Ammesso e non concesso c’aviti ragiuni, non è con la denuncia ca vi torna ‘a vista. E poi, si sa come vanno queste cose in Italia: prima si fa ‘npocu di scrusciu e si grapi l’inchiesta. E poi, quannu l’inchiesta s’ha graputu, che succede? Ca si chiudi. L’inchiesta si grapi e si chiudi. Mi spiego? Al massimo, ci vanu ‘nto menzu chiddi ca non ci curpunu e che non hanno santi in Paradiso...
VINCIGUERRA – Si ricordi, Scirè, che in un ospedale, un medico negligente è pericoloso. Ma se aggiungiamo anche l’incapacità, come nel caso di Astuto, allora, quel medico deve andare in galera!
SCIRE’ – In galera? E lei, accussì granni, crede ancora alle favole? Mah! Chi voli ca ci dicu? E con questo, vi lascio. Mi vaiu a spurigghiari ‘mpocu di travagghiu. Ni videmu!
PALMI – Ci livassi ‘a farsa: “Ni videmu”!
SCIRE’ – Rettifico: ni iemu sintennu. (Via)

20 –
(Silenzio per qualche istante)
SCARDACI – Prufissuri, si facissi curaggiu: iù pensu ca si trova ‘na soluzione...
IMPELLIZZERI – Lei ca ci havi ‘a possibilità, si ni issi fora... in Francia, per esempio ca ddà fanu miracoli!
PALMI – E cu’ non ci n0havi soldi?
SCARDACI – Si ni sta ccà e ‘u ‘nnorvanu gratis.

21 –
(Brevissimo stacco musicale. E’ sera).
INFERMIERA – (entra) Vinciguerra!
VINCIGUERRA – Sì?
INFERMIERA – E’ venuta sua figlia. Ma siccome non è l’ora delle visite, non ho potuto farla entrare...
VINCIGUERRA – Qualcosa funziona in quest’ospedale: il regolamento per gli orari di visita.
INFERMIERA – Non parli a vanvera. Sua figlia sta parlando col dottore Astuto. Per avere un permesso speciale. E, come vede, è qua. (Via)
ALESSANDRA – (entra) Papà!
VINCIGUERRA – Ciao, Alessandra. Questi sono i miei compagni di sventura!
ALESSANDRA – Buona sera.
(Salutano a soggetto)
ALESSANDRA – (in disparte, al padre) Papà, come stai?
VINCIGUERRA – Come vuoi che stia? Grazie a tua madre e a quel cretino e un pò grazie anche a te, ho risolto il problema degli occhiali... almeno a metà: l’occhio destro non ha più bisogno di lenti, ormai.
ALESSANDRA – Sì, ho saputo. Ma non è affatto detto che tu perda l’occhio.
VINCIGUERRA – Sai qual è la mia rabbia? Ho una figlia medico, prossima alla specializzazione in oculistica... Ebbene, anche lei mi va a consigliare il ricovero in questo posto!
ALESSANDRA – Te l’ho consigliato perchè conosco il dottore Astuto. Tutti ne parlano bene. Si è specializzato in America. E’ richiesto in tutti i Convegni...
VINCIGUERRA – Sai quante volte aveva usato il laser, prima d’accecarmi? Una volta! Una sola volta!
ALESSANDRA – Questo lo ignoravo. Comunque, stasera stessa prenoto il tuo ricovero in una clinica di Roma. E ti assicuro che il tuo problema si risolverà.
VINCIGUERRA – A Roma? Com’è che non ti fidi più del tuo dottore Astuto?
ALESSANDRA – E’ meglio affidarsi ad un chirurgo di grande esperienza.
VINCIGUERRA – Questa prudenza avresti dovuto averla prima!
ALESSANDRA – Papà, per favore, non farmi sentire in colpa!
VINCIGUERRA – Va bene, non ne parliamo più. Andiamo a Roma, andiamo dovunque ma usciamo da quest’incubo!
ALESSANDRA – Domattina sarai dimesso. Ne ho già parlato con Astuto e lui è d’accordo.
VINCIGUERRA – Ma cosa vai a chiedere ad un imbecille? Gli imbecilli non hanno opinioni e se ne hanno, sono catastrofici!
ALESSANDRA – Stai calmo.
VINCIGUERRA – Ma ho giurato di fargliela pagare! Sputtanerò lui e tutto questo ospedale!
ALESSANDRA – Ho saputo anche delle tue minacce di denuncia...
VINCIGUERRA – Non sono solo minacce!
ALESSANDRA – Lascia perdere.
VINCIGUERRA – Vuoi scherzare? Tu neppure immagini quello che succede qui!
ALESSANDRA – Lo immagino ma altrove, forse, è anche peggio.
VINCIGUERRA – Una ragione in più per dare un taglio a queste porcherie! Presenterò una circostanziata denuncia alla Procura!
ALESSANDRA – Non essere infantile. Non sarai tu a far cambiare le cose.
VINCIGUERRA – Come sarebbe?
ALESSANDRA – Per due motivi. Primo, perchè i medici sanno come difendersi in questi casi e secondo perchè tu non sei nella condizione di fare nessuna denuncia.
VINCIGUERRA – E’ qui che ti sbagli!
ALESSANDRA – Papà, ascoltami bene. Il dottore Astuto fa parte della commissione che mi dovrà esaminare per la specializzazione. Esame che dovrò affrontare, come ricorderai, il mese prossimo.
VINCIGUERRA – Ti deve esaminare... l’imbecille?
ALESSANDRA – Hai le idee più chiare, ora? Dormici sopra e non pensarci più. E non preoccuparti per l’occhio: andrà tutto bene. Scappo. Domani mattina verrò a prenderti. Ciao. Buona sera a tutti! (Via)

22 –
SCIRE’ – (a Vinciguerra) E’ cchiù tranquillu, ora ca vinni sò figghia?
VINCIGUERRA – (non risponde) Questo è un ricatto! Ma io non intendo subìre ricatti, nemmeno da mia figlia!
(Si sentono delle voci concitate provenire dall’esterno)
SCIRE’ – Chi ghiurnata! Chi sta succidennu, ora?
VOCE DEL MEDICO – Non insistete! Qui non potete entrare!
VOCE DEL GIORNALISTA – Ma scusi, dottore, di che si preoccupa?
VOCE DELL’INFERMIERA – Per favore! Non è possibile!
(Irrompono nella stanza, inutilmente trattenuti dal medico e dall’infermiera, il Giornalista e un Cameraman).
GIORNALISTA – Dottore, se lei si calma, potremo lavorare tranquillamente e rendere un servizio alla città.
MEDICO – Questo è un abuso! Non potete usare la telecamera!
GIORNALISTA – Solo qualche minuto e ce ne andiamo. 
SCARDACI – (raggiante) Ma chi c’è, ‘a televisione? Palmi, comu sugnu? Chi ci haiu i capiddi strammati? (Tra sè) E chi ci ‘u dumannu a fari a iddu?
GIORNALISTA – E qui, amici telespettatori, siamo in una stanza del reparto oculistico.
SCARDACI – Stanza 16! Mi vidu, mi vidu?
GIORNALISTA – Stanza 16, ci suggerisce un paziente. Ed è qui che concludiamo il nostro servizio su certe strutture sanitarie tanto discusse. Abbiamo qui il dottor...?
MEDICO – Astuto. Ma non ho intenzione di rispondere a nessuna domanda!
GIORNALISTA – Il dottore Astuto è giustamente contrariato perchè l’abbiamo distolto dal suo lavoro. Dottore, sia gentile, come giudica la situazione di quest’ospedale?
MEDICO – Non è così che si rende un servizio alla comunità!
SCARDACI – (a Vinciguerra) Forza, prufissuri, non c’è megghiu occasioni! Ci ‘u dicissi lei com’è la situazione!
GIORNALISTA – Dottore, ci risulta che questo reparto ha un organico di cinque medici e sei infermieri. Ci spiega perchè abbiamo visto solo due medici, lei incluso e tre infermieri?
MEDICO – Non sono obbligato a risponderle così come lei non è autorizzato a rivolgermi alcuna domanda!
GIORNALISTA – Abbiamo fatto una rapida visita ai locali e abbiamo appurato che l’igiene lascia un pò a desiderare. Qualche bagno è impraticabile e persino la sala operatoria non è esattamente un modello di pulizia. Come lo spiega?
MEDICO – Adesso, basta! Io denuncio lei e la sua emittente!
GIORNALISTA – E, per finire, sono arrivate alla nostra redazione, segnalazioni di casi clinici non del tutto chiari...
MEDICO – Non le permetto insinuazioni ridicole...!
GIORNALISTA – Intervistiamo un degente. Lei si chiama?
SCARDACI – Scardaci Matteo. Numero 1! Ciao, Maria! (Al giornalista) Maria è mè muggheri.
GIORNALISTA – Guardi la telecamera.
SCARDACI – Unn’è? Senta, forsi è meglio che la telecamera guarda a me... accussì non pirdemu tempu.
GIORNALISTA – Ha qualcosa da dire al riguardo?
SCARDACI – Su quest’ospedale? Io no... mi cunfunnu... non sacciu parrari... ‘U prufissuri, invece, deve dire qualche cosa. Avanti, prufissuri, sdivagamu!
GIORNALISTA – (si avvicina a Vinciguerra) Lei è il professor...?
VINCIGUERRA – Vinciguerra.
GIORNALISTA – Le sue impressioni e la sua esperienza personale.
MEDICO – Lei mi infastidisce i malati!
VINCIGUERRA – Beh, la situazione non è certo idilliaca, lo sappiamo tutti. I locali sono fatiscenti, le infrastrutture lasciano un pò a desiderare ma, a onor del vero, il personale, qui, si prodiga per assicurare una buona assistenza...
GIORNALISTA – Quindi, tutto funziona bene?
VINCIGUERRA – Io esprimo solo un mio giudizio.
GIORNALISTA – Il giudizio di una persona affidabile che non ha interesse a difendere quest’ospedale... anzi!
VINCIGUERRA – Quanto alla mia esperienza personale... Mi è stato praticato un trattamento laser che ha avuto un esito negativo... ma, in coscienza, non me la sento di addebitare particolari responsabilità a qualcuno...
GIORNALISTA – La ringraziamo, professore. Chiudiamo qui, con quest’ultima testimonianza, il nostro servizio. Grazie dell’attenzione e buona sera. (Al medico) Ha visto, dottore, che qualcuno ha spezzato una lancia in vostro favore?
MEDICO . Se avete finito...
GIORNALISTA – Sì, abbiamo finito. Grazie e ci scusi per il disturbo. (Ai malati) Grazie anche a voi. Buona sera e auguri! (Via, seguito dal Cameraman, dal Medico e dalla infermiera).

23 –
SCIRE’ – Caro prufissuri, complimeti. Mi piacìu! Io pensavo ca lei avissi sparatu a zeru e invece, ha fatto una discussione sensata...
VINCIGUERRA – Sensata, dice? E allora perchè ho una gran voglia di vomitarmi addosso...?
SCARDACI – Ma... allura, ‘a denuncia... ‘a galera... Accussì finìu?
IMPELLIZZERI – Iù non ci capìi cchiù nenti... cchiù nenti!
PALMI – E lei non si sfurzassi ca ci fa mali.
VINCIGUERRA – Non si sfurzassi, no... non ne vale la pena. “Capire troppo” fa male... anzi, rende infelici! 
SCIRE’ – (a Vinciguerra) ‘U sintìu ‘u prufissuri? Cuntinuassi a non capire accussì campa filici. Avanti, forza, Scardaci, livamu ‘sta benda! (Esegue) Mi vidi?
SCARDACI – ‘U vidu, sì... Però, tutt’attorno a lei, vidu tanti luci e ‘na cornici di oru...
SCIRE’ – Chista è nova!
SCARDACI – E intra ‘sta cornici, vidu a lei tuttu illuminatu.
SCIRE’ – E’ sicuru ca sugnu iù? Non è ca ci cumpariu qualchi santu?
SCARDACI – E si assumigghia a lei, comu pò essiri un santu?
SCIRE’ – Sempri spiritusu!
SCARDACI – Chi dici, ora mi passa?
SCIRE’ – Ca speriamo. Forse l’occhio si deve assestare. (Prepara la siringa per una puntura) Signor Palmi, si girassi ca ci haiu a fari ‘a gnizioni.
PALMI – E comu mai?
SCIRE’ – Domani si deve operare.
PALMI – Ah, tocca a mmia, ora?
SCIRE’ – (grave) Il momento agghica pì tutti.
PALMI – Ca comu voli Diu. Non m’astruppiassi.
SCIRE’ – Tranquillo. (Infila l’ago) 
PALMI – Ahi!
INFERMIERA – (entra per un istante) Signor Scirè!
SCIRE’ – (si blocca) Chi fu?
INFERMIERA – Quel pazzo di suo suocero è scappato dalla stanza!
SCIRE’ – Ma havi ‘na mania, chistu!
INFERMIERA – Il guaio è che è scivolato per le scale! (Via)
SCIRE’ – E comu ci pozzu cummattiri?
PALMI – Scirè, per favore, finissi ‘a ‘gnizioni!
SCIRE’ – A ‘st’ura s’ammazzò! E cu’ ‘a senti a mè muggheri? Staiu vinennu, Palmi... non si muvissi ca staiu vinennu! (Via di corsa)
PALMI – Matri! Iù m’imprissionu cù ‘sta ugghia...! Disgraziatu! Mi sta fannu veniri un attacco cardiaco! Bedda matri, mi sta facennu mali ‘u cori!
SCARDACI – (serafico) Ci fa mali ‘u cori? Non è possibile.
PALMI – Comu, non è possibile?
SCARDACI – ‘U sanu tutti: occhio che non vede, cuore che non duole.

SIPARIO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno