Palazzetto nobile

Stampa questo copione

La scena rappresenta lo scorcio di una piazzetta al Corso Vittorio Emanuele

“PALAZZETTO NOBILE”

FARSA IN TRE ATTI

DI

Angelo Rojo Mirisciotti

Edizione R&C

Napoli                                                                                                                Ottobre  2011


“PALAZZETTO NOBILE”

FARSA IN TRE ATTI

DI

Angelo Rojo Mirisciotti

Personaggi e tipi

TOTONNO                                                       Il Capomastro

DON GENNARO                                             Un Pescivendolo

ERNESTO ESPOSITO                                    ‘O Guardaporte

ING.FINAMORE GIACOMO                         Il Proprietario

 

IL RAG. OVIDIO MERCURIO                      ‘O Carugnone

DONNA MATILDE                                         Una vecchia inquilina

ELENA                                                             Una Bellezza

JOHN  & SAMANTHA                                  “Gli Americani”

I FANTASMI:

IL POVERO SASà                                          Marito di Matilde

BALDASSARRE                                            ‘O stregone

GEREMIA                                                       Il Cannibale

LA JANARA DA PIGNASECCA                  ‘A strega

‘E CRIATURE                                                4 murticielle

MUCILLO                                                      ‘O chiù grussiciello

                               “PALAZZETTO NOBILE”

I atto

La scena rappresenta lo scorcio di una piazzetta al Corso Vittorio Emanuele dopo il Pontano.Sulla sinistra un fabbricato liberty sul quale sono in corso i lavori di ristrutturazione:a destra una bancarella di pescivendolo addossata ad un palazzotto. Sul fondo vicoli che si inerpicano verso la collina del Vomero. Al sipario sono in scena discutendo animatamente il pescivendolo Gennaro ed il capomastro muratore Totonno.

GENNARO: Voglio proprio vedè quanno fernescene ‘sti sacicce’’e lavore…so sei mise che ce stata facenno mangià povere…ma che d’è a Cappella Sistina?!?

TOTONNO: Hè ditt’ buono Gennà....’A Cappella Sistina?...E cca poco ce manca…L’ingegnere partette cu ‘nu prugetto…pò…acconcia a cà…aize allà…votta ‘nterra ‘stu muro…arape chistu pertuso… ce ha fatto ascì pazzo…. E ancora tene che dicere….

GENNARO:Guagliò, io te capisco…però…a quanno so cominciate’e lavore ‘o pesce mio sta chino ‘e fravaca…’a gente se ne fuie’a sotto …gira ‘o largo e  io nun venco manco ‘nu rangio fellone… a sera cu mulierema nce mangiammo nu pare ’e chile d’alice…pe nun’e ghittà…avimmo fatto  ‘e facce de’ sparagliune!

TOTONNO:…e si l’avita ghittà datemelle a me..io tengo sei figlie ca tenene sempre fama e stu brutto vizio ‘e mangià nun so levano maie!...dico io…se io me so levato ‘o vizio ‘e fumà…vuie seie…aiutate ‘a baracca…nun magnate cchiù!!!

GENNARO:seh… ‘e vulite fa murì ‘e stiente sti criature…piuttosto faciteve pavà buono all’ingegnere vuosto…e quacche cosa adda dà pure a me p’’a bona clientela che aggio perzo!Io tengo un’Azienda…!

TOTONNO:Ha parlato il Sig.Findus! Ma faciteme o piacere…chillo l’ingegnere Finamore nun tene ‘na lira …cu chille quatto solde ca nce lasciaie ‘o pate accattaie ‘stu palazziello…la proprietà dei Marchesi di Finizio…ma quale?...chillo, ‘o Palazzo pareva buono e steva tutto fraceto sotto…

GENNARO:…comme a me!..muglierema ‘ o dice sempre…Gennà…tu a’ sotto si fraceto…propeto comma ‘o Palazzo di Finizio…saranno state tutte chell’alice…e allora…l’ingegnere….??

TOTONNO:l’ingegnere..se truvava  abballanno e…ballaie…! ’Nu sacco ‘e spese impreviste…po’ ‘e diabbete.. ‘e banche ‘ncuolle…povuro giovane…s’è arravugliate mano ‘e piede!!!...

GENNARO:Me dispiace…chille è proprio ‘nu signore…ma se sape….ogge,’e vere  signure,vanno sotto ‘ e ‘ncoppa. Guarda a me?

TIOTONNO  : pure ti eri ‘nu Signore…?

GENNARO   :Beh proprio Signore….no..na devi sapere ca …io tenevo ‘na varca…

TOTONNO:va buò..va buò..mo cuntate n’ata vota…io tengo ‘e giuvane sule..chille chesto vonno…e poi, si esce chella faccia gialla e donn’ Ernesto ‘o guardaporta  ‘nce fa a spia… E difatti,parle do Diavulo….

GENNARO:….e spuntano ‘e corne..!( fintamente ossequioso) ….Donn’Ernesto bellissimo…comme va???Siete uscito a prendere un poco di frescolillo..??

ERNESTO:so’ fatte de miei…(a Totonno) e voi qua state?...invece ‘e faticà …ve ne facite salotto…tutte mariuole site vuie fravecature! ‘na prete mettite e ‘na preta v’arrubbate…!

TOTONNO:Guè…don Coso…e chi vo fa fa? Ma io ero sciso a ‘mpastà ‘nu poco ‘e cauce…,po’ don Gennaro ha valuto sapè ‘e l’ingegnere…

ERNESTO: n’atu bello mobile…!..So’ sei mise ca nun me pava o mensile ‘ e guardaporte,…Ma dich’io…: “si te muore ‘e famma…si nun tiene e spalle…addò  t’arriseche?”… ah ma io ‘o stongo  sputtananno pe’ tutta Napule…L’ingegnere…!!invece ‘e pavà o’ guarda-porte fa ‘e lavore…l’ammodernamento…la manutenzione straordinaria!

GENNARO:Ma guardate…guardate…che bellu tipo… “envece ‘e pavà ‘o guardaporte…”…neh…donn’Ernè…ma vuie che facite p’essere pavato?... casa franca…acqua…luce…gas spesate…!accrestate ncoppa ‘a robba…

ERNESTO:E come osate…lurido pescivendolo…a me? ‘o purtiere d’’o Palazzo Di Finizio…!’Stu zuzzuso…mo chiammo ‘ e vigile urbane e sta munnezze ‘ ‘e pesce peruto ta faccio siquistrà… ‘o pesce ….e pure a carrettella…!

GENNARO: A chi  fai siquistrà? Stu servo ca livera!’Stu schiavotto…!Siente buono omme’e plastica: io …quando me song’ scucciato…piglio ‘o pesce e ‘o ghietto…A puzza fernesce! Tu invece a puzza ‘ rinale quale sì,t’’a puortarrai sempre ‘ncuollo…statte buono pappavallo chino! La Findus trasloca…

ERNESTO: carogna…io..te struppeo!...

Totonno trattiene Ernesto che goffamente cercava di aggredire il buon Gennaro…Questi,invece,con tutta calma,smobilita l’azienda e si allontana con la carrettella.

TOTONNO:….Lassat’’o sta…chillo pazziava…

ERNESTO:  Pazziava???...ma io faccio fallì (maligno)…’ngalera ‘o manno a isso ‘e pure a te…chiammo ‘e guardie…:lavori contra legge…nisciuna precauzione…occupazione di strata,abusitivismo; ‘ngalera…tu e chillu naccariello ‘e l’ingegnere…!!

TOTONNO: Onn’Ernè…si quacchè d’uno ve chiama Caino…mance ‘e rispetto a Caino ca vicino a vuie era ‘nu Signurino!!!Stateve buono…(sale nel palazzotto con una cardarella piena sulle spalle).

Donn’Ernesto rimasto solo,si spolvera,tossicchia si accende un mezzo sigaro…passeggia…borbottando ed imprecando contro tutto e tutti.

Dal fondo l’ing.Finamore…è un bel giovane alto,di circa quaranta anni,elegante,signorile. È però evidentemente nervoso e molto preoccupato….

Ernesto nello scorgerlo si accosta servile,ambiguo,mellifluo:

ERNESTO: ingegnere bellissimo…che piacere vedervi…lo dico sempre io…signori come l’ing. Finamore non ce ne sono più…perciò io…umilmente….vi guardo i fatti vostri…!

ING.FIN. : Lo so….Lo so…caro Ernesto…e perciò mi mortifico ancora di più di non aver potuto fare il mio dovere con te…

ERNESTO: ma che dite?...è un onore servirvi umilmente… poi …quando sarete comodo….

ING.FIN. : Ecco..io adesso sono un po’ nelle strette…comunque..se ti accontenti… (si  sgancia un bell orologio dal polso) Guarda che bello…prendi il mio ROLEX…vale più di sei milioni…fu un dono del povero papà…

ERNESTO: ma che fate?...no…no !!!(e intasca avido l’orologio)…ma perché?..un ricordo…!e va bene..se volete così…(si frega le mani)…va bene..solo pe’ ve fà cuntento e magari per un paio di mesi…poi ( maligno) se riuscite a saldare…( ancora più maligno) ..e se no…..( intendendo = me lo tengo)…

ING.FIN.  : ( ingenuo) …Grazie…Ernesto… contavo sulla tua antica amicizia… grazie..adesso vado su dai muratori…per gli ultimi ritocchi…A proposito…se viene il Rag. Mercurio…accompagnalo subito sopra…Sò affari importanti…vitali…di sopravvivenza… E pure se viene qualche compratore…chiamami subito!...(l’ing. entra nel palazzo)

ERNESTO: ( ossequioso)….andate tranquillo,eccellenza…state in mano all’ Arte..( Poi appena ha imboccato la scala)…Seh..seh…stai frisco…và…và… t’acconcio io pe’ feste..…( tira fuori il Rolex lo indossa) Guarda cca che rilorge..!! ‘Stu fesso nun sape manco ‘o valore… ‘o prossimo pesone me faccio rialà pure ‘a Station Vagon…me l’aggia zucà vivo vivo…

  Dal fondo entra il rag. Mercurio. È un rinsecchito,segaligno ed occhialuto individuo Verde di faccia. Veste di scuro comme  a ‘nu schiattamuorto…Si muove cauto e subdolo come un gatto a caccia del topo…

RAG.MERCURIO : Bell’ ‘o …a voi…!...( Ernesto finge di guardare dietro di sé)…

ERNESTO : a voi …significa che dite a me…?

RAG.MER  :… stammo sul’io e vuie ca…Dunque…Mi indicate se il sig. ingegnere Finamore adesso è  in casa….??? E’ cosa urgente…!

ERNESTO: dipende…..!

RAG.M      : dipende….? Gesù…come dipende…?....o c’è o non c’è…!

ERNESTO: Amico..io non parlo mai a vacante…Insomma…Con la mia risposta,ci dobbiamo guadagnare tutte e due…regolatevi...!

RAG.M     : Ho capito….Siete..anzi…sei un bel tipo….. che però, a pensarci bene adesso mi può essere utile…si uno come te mi può essere utile…A te…accosta qua…ecco prendi queste centomila lire…!

ERNESTO: ( mellifluo,servile quasi inchinandosi al nuovo padrone della sua tasca) …signurino bello… vi sono servo….eccellenza….

RAG. M.  : Eccellenza..e mò non esageriamo…Chiamami Cavaliere…!!

ERNESTO :  Cavaliere bello….e voi senz’offesa parlate proprio la mia stessa lingua…Dite…Dite pure…..il vostro Ernestino è a completa  disposizione…e comandate!Comandate…!...Non mi risparmiate…!!!

RAG.M.      : Allora …Ernè… sentimi bene…questa centomila lire è la prima di una numerosa famiglia che ti donerò se mi servi come dico io… E’ in più…se mi accontenti…ti lascio pure al tuo posto di guardaporta!

ERNESTO: Cavaliè… A chi avimme accidere…? Io sono pronto…!

RAG.M  :   ma che accidere…?! …non esageriamo il sangue mi fa impressione….No piuttosto…ascoltami bene… ( lo trae da un canto ed dopo essersi ben  assicurato che nessuno viene e che nessuno sente) Io..Io sono il Rag. Mercurio…. Sono il Direttore della Banca Popolare di Caianello..L’ Ing. Finamore tuo padrone di casa…ha fatto con me un buon debito…di circa duecento milioni…Mò…tra interessi…penali e svalutazione ….quanno  ‘o pava ????

ERNESTO   : ….e quann’’o pava….?

RAG:M.  : mai cchiù!!!!....o’ tengo dint’a stu pugno!!

ERNESTO: A faccia d’o sisco..potenza di un punio! E dunque Eccellè..parlate…

RAG.M      :  n’ata vota Eccellenza mò….

ERNESTO  : e doppo ‘o fatto d’’o punio pe’ vuie Cavaliere è poco..’o Eccellenza o niente…!!

RAG M      : ( tra sé)  M’ha promosso sul campo  ( poi all’’altro) …E va bene…chiammame comme vuò tu…

ERNESTO : dunque Eccellè…col giusto compenso,Ernesto Esposite  ‘o guardaporte pe’ vuie se scorda d’o Codice Civile e pure ‘e chillu Penale…!

RAG.M.    : Bravo!...così mi piaci! Dunque tu da questo momento… pure se fai il portiere a Finamore… sei al mio servizio occultamente….

ERNESTO :….occulta…?

RAG.M     :….mente! Ossia di nascosto.. Ernè tu mi devi capire a volo…E per me due cose devi fare…la prima è spiare l’ingegnere..ogni movimento..ogni passo e riferire a me!Tè ccà…nunn’o perdere…Chist’è ’o nummero mio…(gli da un biglietto da visita) ...

ERNESTO : questo è il biglietto….e per le telefonate..? ( intendendo che ci vuole altra moneta pel la spesa telefonica)

RAG.M.     :   Troppo giusto…( gli molla un altro deca)

ERNESTO: State tranquillo…io so peggio de’ sanguette….ogni minima cosa ve chiammo…e ve faccio pure ‘a sveglia telefonica…e a’ seconda??

RAG.M     : ‘A seconda è chesta..l’Ingegnere ha miso stu palzzo in vendita ncoppo ‘ e giurnale…Pe chello ca cerca isso, ‘o venne subbeto…embè..nun adda succedere! Sienteme buono (gli dà altre centomila lire)….chiunque viene…per comprare..fargli perdere l’occasione…Insomma…l’ingegnere adda fallì…e o palazzo sarrà ‘o mio pe’ tre sorde…!!

ERNESTO: E ‘o Guardaporte  sarraggio io!...Eccellè..jate sicuro! Po’ cadè..ma nun se venne…parola de Ernesto modestamente detto “Malupilo”

RAG.M      : Statte buono….Malupì…..io torno cchiù tarde… Ah,mò sto chiù  tranquillo ( tra sé)…..gli ho annidata la serpe in seno!( poi all’altro) Ernè….a te  …m’arraccumanno….ogni minima cosa…( fa il segno della  rotelal del telefono che gira)….me fai sapè…

ERNES      : pe’  diecimila lire ‘o juorno Eccellè ve faccio pure  ‘o Telegiornale!....Riverisco…

RAG.M:  : ….statte buono….

ERNESTO  : riverisco…e non mi risparmiate….

I due si separano: il portiere rincasa,il rag. si allontana dopo essersi più volte strette mellifluamente le mani… Dal portoncino esce Donna Matilde una vecchia e distintissima gentildonna,ormai decaduta ma comunque decorosa e signorile.

MATILDE: Giusto cielo! Eppure stamane mi era sembrato che qui ad angolo ci fosse il banchetto del buon Don Gennarino…il pescivendolo….Forse però mi sbagliavo..non v’è alcuno…ed io ora come faccio?? Ero scesa per comprarmi tre alici e 50gr. di telline per il pranzo…proprio oggi che avevo deciso di mangiare pesce!...Pranzo festivo….per festeggiare la pensione!Va bene digiunerò …..tanto alla mia età…e  con la mia pensione …sò meglio ‘e ricordi che ‘o mangià…!

Borbottando scartoccia un fagottino e chiama i gatti per dar loro i suoi miseri avanzi…micio…micio….

MATILDE   : micio….micio!…uscite …Venite belli dalla nonna…venite a mangiare mmmmm…sentite..sentite  che profumino : pane raffermo cotto nell’acqua del baccalà! ( richiama) Micio..!….Micio!…su belli ,venite dalla nonna….Niente..non c’è alcun felino in giro…(amara) anch’essi prediligono mangiar dalla pattumiera piuttosto che i miei poveri avanzi….

Dalla comune proviene invece una coppia straniera di americani. Abbigliamento pacchiano classico degli arricchiti d’oltre oceano. Lui ha tra le mani una copia del Mattino ed una pianta di Naèpoli.

JOHN       : (dopo essersi un poco orizzontato anche con l’ausilio di una piantina) that’s all right!..I think that the place is here…almost …cioè..I hope…sarrà sicuro ccà…??

SAMANTHA: John....Ask  that grandmather…Be quick John..! ask! ( chiama lei) Allò Madam…Madam please…

JOHN       : Madam. Excuse me…Madam…signò, do you speak English?...parlate Inglese ?

MATILDE: Inglese…? Quella lingua volgare d’oltre Oceano? Per carità,quella è lingua da carettieri…le signorine della mia generazione studiavano solo francese!...Ne pas?! Oh Paris…!Oh la Senna! Gli Chàmps Elisès..!Le Folies Berger…Monmartre…..!..Quanti ….quanti ricordi!

JOHN        : That’s all right…!va buò..va buò…signò… Allora  we..cioè…niuie speakiamo Taliano,O.K. pecchè io songo miezo e miezo!

MAT          : siete femminiello…?

JOHN        : femminiello….tu dice gay?

SAMANTHA: gay isso? …no ancora ….but poco ‘nce manca! This big  Pig…no make sex never..maie…niente sesso…understand...?

JOHN       : shut up stupid bitch…! ma quale femminiello, ‘a Nò…? I am a man…io sono un ommo..i said…miezo miezo perché sono miezo Americano e miezo Taliano,all right? Capisce mò?

MAT.     : ah …volete dire che siete oriundi….emigrati…??

SAM.     :   jes…emarginati…fore paese…trenta anne agò…jetteme all’America…per fa’ money…denaro…

JOHN      : e l’avimmo fatto…!....Assaie…nuie simme JOHN e SAM MACALUSO O.K…..?? ..Quatte pizzerie napolitane  Macaluso stanno alla California….alla California ca sta dint’all’America…

                   Pizza!...tu conosce Pizza??....

MAT.       : pizza? ( come trasognata)….una volta la conoscevo…ma chi se la può più permettere…comunque…ho piacere per voi! Bentornati a Napoli!

JOHN       : thank you Madam! And now …ora…dopo ca c’avimme presentate…tu me dice…chisto palazzo… Di…Finizio…? È chisto…is this?...isn’it?

MAT.       : Sissignore è proprio questo…è bello vero…? Io vi abito da quando ero giovinetta…ci sono tutti i miei ricordi qui dentro…

SAM.        : Ma che dice…?...Ricordi….I no understand…In any way….Yes…. o’ building è chisto! Simme arrivate yust in time… grazie alla Madonna a tiempe a tiempe…!

JOHN        : (a Matilde) Take ten dollars! Piglia chiste diece  dollari per tua information……tiè…take it!piglia…!

MATILDE: No…grazie…per carità…è stato un vero piacere…aiutare figli della cara Patria…profughi…sfollati…

SAM.        : Prendi soldi..tu ha bisogno…io vedo…

MATILDE: Grazie..ma io non ho bisogno di niente…grazie..ho tutto quello che mi serve…qui nel mio cuore…grazie…questi soldi…dateli ad uno scugnizzo… Grazie…(entra in casa)

JOHN       : That’s crazy! È pazza… se more de famma e don’t  want money…? Why ? Chiste Taliane song’  tutte pazze…!!

SAM.        : John be quiete..statte cuieto…meh…guarda ‘o palazzo…te piace..? I like it very much!!...E too much bellillo!!

JOHN        : Yes…it’s true! È bello overo…po’ è antico…nobbele… nui ‘nciò accattammo…e o’ facimmo diventà: “MACALUSO PIZZA HAUSE”…!

SAM.         : Wonderfull…mie amiche schiatta in body quando vede ca io so diventata nobbele…that’s right???

JOHN        : That’s right,zuccariello! Now chiamiamo o’ patrone ‘e casa e facimme o’ bisinisse! Hallò…! Hey man! ‘Nce sta nisciuno here?...Patrò!!

Esce Ernesto infastidito dal vocio

ERNESTO: Chi è che strilla?...Che d’è stu burdello?..Ch’è stato?

JOHN        : Simme nuie…paisà…John MACALUSO and sua mugliera…turisti italo-americano in holidays…vacanze taliane…understand..? capisce?

ERNESTO: E che sò scemo..? Site cafune ’e fore…e allora?...vulite qualche cosa?..

JOHN        : Yes…paisà…ma prima dimme tu chi sì…po’ parlammo e’ bisinisse…o.k.?

ERNESTO: O.k. Mister….io sono ESPOSITO Ernesto…o’ guardaporte ‘ e chistu palazziello cca…Palazzo Di Finizio…

JOHN         : E allora…vai buono…Get these ten dollars. Pigliati chisti dieci dollari cumpà!

ERNESTO: Dieci dollari…? A chi avimma vattere?

SAM    :     What does he say? Che cavolo dice chisto coso curiuso? Vattere? Che ha capito? È nu mafioso chistu uomo?

JOHN       : Ave ragione muglierema. Ma possibile ca a Napule…vicino ‘e sorde...you …capisce sempe one thing for another..na cosa pe n’ata?...

ERNESTO: Scusate mio signò…è stato un equivoco..nu arravuoglio di cervelle…Allora…in che ve pozzo servì…?...parlate…

SAMANTHA: Now, I speak …ca si no se mbrogliono ‘e lengue O.K. man…Nuie simme italo-americane avimmo fatto ‘e sorde e vulimme turnà a Napule…ce avimme broke…rotto dell’America…vulimme accattà una casarella cca…chistu building we like very much…!

JOHN       : Vicino o’ purtone sta scritto “SI VENDE”…. “FOR SALE”

ERNESTO: Ma quale sale? Cca ce vonno sorde…lire…dollars…

JOHN       : E io dollare tengo…be quick!...Tu dice prezzo: io pago buono…

ERNESTO: (tra se e se) chiste due pullaste se vonno acattà o’ palazzotto…seh…seh..accussì io perdo o posto ‘ e guarda porte e a zizza chiena che ma prumiso o’ ragioniere…e non po’ essere ….mo l’acconcio io p’’e feste……Allora…mistèr….’o prezzo…è …è… un miliardo e’ miezzo e’ lire italiane!

JOHN      : O.K. se pò fa (facendosi i conti con una macchinetta) uno miliardo e miezo era…one million of dollars..O.K. i pay… io pave…is good bisinisse…è nu’buono affare…!!!

ERNESTO: noo…quando mai…?...quale affare?...chillo,pe’ sotto o’ palazzo è fraceto..

SAM          : fracèto?...

ERNESTO  : Yes…se ne cade a pezzulle….

SAM          : Never mind! Nun fa niente …! My marito acconcia…

ERNESTO: Noo,quando mai,chillo sta fatto ncopp’a munnezza..a sotto è vacante!!!

JOHN        : Never mind…i levo munnezza..io aregno ‘a muntagna…

ERNESTO: Noo   ….( tra sé)..ma chi l’ha mannato a chisti duie…? noo…nun vò putite accattà..pecchè..pècchè…

SAM         : Pecchè…jamme, speak..pecchè?

ERNESTO: …Pecchè…pecchè…ecco…questo è grande secretescion….(fa segno di accostare) …pecchè..dint ‘nce stanno e’ fantasme!!

SAM          : Help me…My Goood…Allora no …io me fotto ‘e paura de fantasme…i die…io pozzo pure murì po’ spavento!!! Jamme John……nun o’voglio cchiù…Jamme!

JOHN       : Fantasme…..? Ghosts….? Tu vulive  vennere e me palazzo cu fantasme? Bastard…napulitano ‘mbruglione…? Tu vulive fa fesso a paisà…But i kill you!..t’accido…!!!!!!!!!!!!!!!!

ERNESTO: Guè…ma chi va chiammato?... ‘O bastardo? ‘O mbruglione?... Io v’aggio salvato… v’aggio salvato de’ fantasme!

SAM.        : Let’s go John…! Jammuncennne all’ America…là niente fantasme…niente  mbruglione…let’s go!!

JOHN.        : O.K. Jamme..e tu paisà…damme arreto e’ 10 dollars..Chiste no good bisinisse…Damme e’ sorde..capisce…  ca si no… te vatto…!

ERNESTO   : Ah…. ma allora capisce “vattere”! …..quando vuò tu capisce…! Va buò…pigliate e’ sorde…e vattenne..stu pezzentone…!

JOHN          : Let’s go…baby… and you.. fuck off! (vanno via)

ERNESTO  : Guè…ma jate a fa in culo all’America…chille già so cafune pè nascita…all’America po’ addeventano campione mondiale e’ accuppatura ‘e munneza..… cosa e’ pazze!!

Dalle scale scende l’ingegnere. Ha compiuto la sua visita ai lavori. Poi ha udito le ultime discussione ed è sceso attratto dall’alterco.

ING.        :      Ernè…ma che sta succedendo cca sotto?... Ho sentito un trambusto…cu chi te stive appiccecanno?

ERNESTO:   Cu duie pezziente accattune senza scuorno…pensate ca se volevano accattà o Palazzo vuosto…

ING            : Bene!...

ERN.          : No bene… male…!.....chille duie fetiente  nu palazzo nobbele ‘e chesta manera o’ vulevano pe’ sule ciente milione …….io subito l’aggio secutato a male parole …Ingegnè…ho fatto bene?

 

ING.            : E si capisce…hai fatto benissimo…Se non avessi te…Cento milioni…e come si permettono…tanto l’ho pagato io…poi i lavori..le spese..le asse…io ho fatto dei debiti per farlo mio! Alla banca devo ancora ben duecento milioni…

RAG.           :  (sopravvenendo da sinistra ed avendo ascoltato le ultime parole) Duecento?!!!!..E no,Ingegnè..vi sbagliate..sò cinquecento..!Ora sono diventati cinquecento milioni…!

 

ING.            : Ragioniere Mercurio.. ma che dite?..io alla vostra Banca devo solo duecento milioni…il prestito era tale con tutti gli interessi!

RAG             : Si capisce…Se aveste pagato per tempo,ma non lo avete mai fatto..ecco il vostro riepilogo contabile…( mostra un carteggio che Finamore osserva attentamente)… versamenti nisba!

 

ING             : Ma quale versamenti nisba…?...ma che dite!..io ho pagato… ho le ricevute dei  bonifico…( mostra a sua volta delle ricevute) ecco. Ho fatto il versamento col numero di conto che mi forniste voi..?

RAG.          :  E va trova a chi era intestato quel conto.. non certo alla mia Banca. Perciò ora pagate tutto e subito oppure vi confisco il palazzo e finite pure o in galera per truffa…!!

ING.            : No…in galera no…io sono innocente. Io ho pagato..! sono stato truffato! ( dopo aver riflettuto qualche attimo capisce)..Ah..E adesso capisco…siete stato voi!! Canaglia!! Scommetto che i miei versamenti sono finiti in vostra mano…io vi ammazzo…carogna..vi ammazzo!!!!!!

RAG.           : Ernè..ti nomino guardia del corpo: acchiappa all’ingegnere…se no in galera ce và pure per tentato omicidio…!( Ernesto trattiene l’ingegnere)

ING.            : Vigliacco…anche tu Ernesto sei in combutta con questo criminale…avevo le serpe in seno…vigliacchi…assassini…

Accorrono Totonno, Matilde e Gennaro che afferrano i contendenti e cercano di separarli.

TOTONNO : ma ch’è stato..?

ING:FIM^N : ( con il capo tra le mani) sono rovinato… rovinato!

RAG.          : (crudele) In galera…in galera finirai…e senza il palazzo!

TOTONNO : Ingegnè calmateve…mo’ ve vene ‘na cosa…

GENNARO  : Fatelo sedere .( porge una cassetta)…qua sopra alla spasella…

GENNARO : Totò dateci nu surz’è vino!( TOTONNO Provvede)

MATILDE : Madonna mia e come se sta facenno brutto…s’è fatto tutto bianco…Ingegnè…ingegnè respirate…calmateve….

RAG.         : Calmarsi? E come se fa? Si calmerà al fresco..là i bollenti spiriti si raffreddano sempre…

ING.          : Canaglia …eri un pezzente…il posto in Banca te lo fece prendere mio padre…così mi ripaghi la bontà del Commendator Finamore?

RAG.         : Non lo sapete?..mai fare bene a puttane a ragionieri…Te magnano vivo!

TOT           : tu si n’ommo e’ niente! T’avessa squaglià dint’a cauce!!

RAG.         : o’ sfizio mio è che jate a fernì tutte quante miezo a ‘na via…sciò! Muorte ‘e famme! Sciò!Voi chiamate gli operai vi levo l’Appalto!

GENNARO : Embè,chistu rinale fete cchiù ‘e na spasella ‘e pesce fraceto!

ERNES       : Zitto…puzzolente pesciavinnolo…tu nun tiene manco ‘o diritto e parlà miezo…nun si nisciuno!

MATILD    : Basta…basta! Smettetela con le ingiurie e la violenza… l’ingegnere si sente male…aiutatelo!

RAG.          : E mo lo aiuto io…adesso lo faccio rinvenire…Allora ingegnè…non potere pagare?...E non fa niente…qua ci sta l’amico Ovidio Mercurio vostro che vi salva…pago io il debito bancario…!

ING.              : Cosa? Come? Perché?

RAG.             : Perché voi mi firmate…qui… subito… la cessione definitiva del Palazzo Di Finizio…ecco il contratto..in cambio vi rimetto il debito…e non andate in galera… firmate,ingegnè! E tutti i presenti firmano per testimoni ce la cessione fu regolare,spontanea..gradita!!

ING.            : Non ho scelta…hai vinto,bastardo!..dammi la carta! Io firmo…ma mentre firmo ti maledico. Anatema a te…oggi e sempre!...e le anime dei trapassati che tutto dovranno provvedere alla mia vendetta..damme a carta!

RAG.          : Un momento…che c’entra l’anatema…?..io a chesti cose ce credo…un momento…

ING.            : Damme a carta…ecco…ho firmato…mo ta vide cu’ le Buonanime!!

GENNARO : ‘e Muorte nun t’hanna da pace….

  Il Ragioniere tituba,…è un in effetti poco impressionato..interviene però  il perfido Ernesto a rassicurarlo…

ERNESTO  :   Eccellè…ma  che ve ponno fa ? Basta cu sti scemenze!...’E muorte nun fanno paura ..’e muorte stanno all’ato munno.Che ve ponno fa?...

RAG.M       : hai ragione ….Basta cu ‘sti fessarie… Mò tocca a vuie…Finamò,firmate!!

ING.FIN      : (Firma volentieri) Ecco servito…

ERNESTO  : ( cattivo)….dovete campare cento anni patrò!

GENNARO : tu envece ‘e a muri ‘e subbeto sotto ‘a ‘nu Tram…!

TOTONNO  :   ( passando  il contatto che l’ingegnere distrutto ha fatto cadere) Teccate ‘a carta cu ’o scippo,carogna…! T’hanna carè ‘e prete d’a lamia a una a una ‘ncapo..fetente…!

MAT.          : Ecco..avete avuto la firma da questo povero giovane……ma la casa  non ve lo godrete!...( minacciosa come una maga che vede il futuro) Vedo..Vedo che la farina del Diavolo diventerà crusca…pentitevi…pentitevi…del male che state facendo…!

ERN.           : Zitta vecchia strega…mo ce levammo pure a te da tuorno…!

MATILDE : avreste questo coraggio ..cacciarmi di casa alla mia età..?

RAG: M      :  ….e pure di pressa…a me mi serve il quartino…!

ERNESTO     : sei morosa ‘a diec’anne ….e pure nullatenente…..

GENNARO   : e tu sì nu diece ‘e fetente..!

Gennaro tenta di aggredire Ernesto…Matilde piange amareggiata..

ING.            : Fermo Gennà…vuoi passare un guaio pure tu?..... E voi Donna Matilde…non vi preoccupate… se vi cacciano via ve ne venite a casa mia…io sto solo..mi farete compagnia..come una vecchia zia…voi siete una vera signora..Totò, chiama ‘e guagliune…jammuncenne…lascio il ragioniere Mercurio padrone in casa sua… togliamo il disturbo…Gennà aiutami…Ragioniere Mercurio…statevi bene..godetevi la vostra nuova e sudata proprietà. Buona Fortuna!! A …a proposito…a notte…sentite a me….guardateve ‘e spalle…Andiamo..!

TOTONNO  : (dando una voce versi gli anditi di lavoro)…. Guagliù!Arrecettate ‘e fierre.. Jammuncenne si cambia cantiero…V’aspett’a cantina…..!!!

L’Ingegnere esce sorretto da Matilde e Gennaro. Poi Totonno raccoglie alcuni ferri del mestiere ed esce a capo chino.

RAG.M.        : Jate...Jate alleggerì…Maronna,e che ciucciuvettele!...L’Anatema…’a vendetta. Ma chiste addò campano,nel medioevo? Oggi gli affari sono affari…non c’è pietà..morte tua,vita mia..è overo,Ernè? ( allungandogli una nuova 100.000 lire )

ERNESTO     : (Acchiappa la banconota) Parole Sante! È chello che dico sempe pure io…Prima si tutto gli affari..Eccellè..e mo che pensate ‘e fa?

RAG.           : Che penso ‘e fa?....?... è semplice…domani…sfrattiamo a vecchia…tanto è morosa…Qualche giorno per rifinire i lavori con un nuovo Appaltatore…poi mando ‘a mobilia e mi trasferisco qua…nel palazzo agognato..nel lusso…nella ricchezza,nella nobiltà…Penza Ernè…il Ragioniere Mercurio…dal vico Scassacocchi 22 terzo quartino a destra…passa di casa al Palazzo Di Finizio…!

ERN.            : E cu salute!! E’ la miglioria che meritate…voi si ca site ‘nu Signore…!

RAG           : E’ vero… e tu (porgendogli un pacco) …Cheste songhe ‘a livrea e ‘o berretto gallonato…Miettatelle…( Ernesto rapido indossa la giacca)….Tu sarai il mio portiere,maggiordomo e paraninfo…

ERNESTO : l’ultima parola non l’ho capita….para..?

RAG           :….ninfo..ninfo!Significa che mi terrai bottone con le Donne…

ERNESTO : ah ..faccio il mantesiniello…!

RAG.M.    : Già…….femmene ‘e tutt’’e razze…champagne… ca nun s’adda capì chiù niente…cammina..vatte a mettere a livrea..cammina va!

Si frega le mani considerando il suo prezioso acquisto mentre sulla musica………….

CALA LA TELA

              “PALAZZETTO NOBILE”

II atto

La scena è cambiata:siamo nel salone centrale al primo piano del Palazzo Di Finizio. L’ambiente è ricco e sfarzoso. I mobili sono antichi e di pregio. Alle pareti quadri dell’ 800 napoletano. Tutto è tirato a lucido. Scenografia:sul fondo un vano ad arco che immette in una zona ingresso. A destra una porta che introduce alla stanza da letto. A sinistra un’altra porta che immette negli altri numerosi ambienti della nobile abitazione. Su di un lato una grande cassapanca. In scena,all’apertura,Ernesto che appone quadri sulle pareti.

ERNESTO : E chisto è l’urdemo,ovvì…n’aggio appiso trentasette..tengo ‘e mane comme sasicce a ponta’e curtielle…tutte martellate e spurtusate…io me stongo accedenno ‘e fatica…”Ernesto corri qua su..Ernesto porta laggiù …Ernesto..Ernesto… !”…manco ‘na vammana…l’unica cosa bona è  ca cu o’ ragioniere Mercurio agguazzo bono overo..cca ‘e sorde se jettano…e addò se jettano,pass’io cu’‘a scopa….!

(Dall’interno la voce del ragioniere)

RAG.M        : Ernesto…! Ernesto…!

ERNESTO.: (a bassa voce) o ‘i lloco,oi’…! Sempre sulla breccia…! Chistu nun dorme mai…sta sempe scetato a pensà comme po’ fottere all’ate (con voce forte) . Subito,Patrò! Cumandate…Ernestino vuosto sta qua!...

Entra  il Rag. Mercurio quasi pronto per uscire.

RAG.M       :  Ernè,guanti,bastone e cappello… e fa ambressa…devo scendere di corsa…ho tanto da fare per preparare la trappola!

Mentre gli porge le cose richieste e lo aiuta a vestire.

ERNESTO: A’ trappola…? Avite truvate assai surece,e ovè? Io ‘o dicevo! Stu’ palazzo sta cchino ‘e zoccole!

RAG.M     : Ma quali surece? Quali zoccole?...La trappola che sto preparando è una trappola d’amore….Una gabbia di libidine,di mistero e di sensualità! Profumi erotici…champagne…D’Annunzio docet…!

ERN          : Stu “Don Nunzio doce” sarà uno champagne furastiero…ma fateme capì…se tratta ‘e ‘na femmena?

RAG         :’Na Femmena..? e me la chiami Femmena la Signorina Elena?

ERN          : è nu trans,è ovè…? Come si dice..è una Drag Quinne…

RAG          Ma quale Drag Queen cretino! Quella Elena è un sogno!... quella è la quintessenza della pornografia sensuale arravugliata dinto a ‘na mappate ‘e curve. Là nun se capisce addò accummencia ‘o pietto e addo fenesce ‘o culo!...’una poesia erotica!!

ERN          : All’anema da’ poesia…a me pare cchiù ‘na prosa…prosaica!! Insomma…stasera vene donna Elena…a fidanzata vosta…?

RAG         : Sissignore…alle 20 e 30 sta qua… Finalmente! Quella non mi aveva mai degnatodi uno sguardo…Po’…quando ha saputo che so’ diventato proprietario d’o Palazzo Di Finizio,chissà come… ha accettato la mia corte…

ERN         :….è stata un cosa disinteressata….

RAG         : si capisce…è stata fulminata dal mio fascino per cui  stasera cena con me…”cena”… diciamo così seh…seh…”cena..!”

ERN.         : ( perplesso)…pecchè…envece nun sa mangia? È ‘na finta….

RAG          : Qua finta….? Si mangia… ma la cena è la preparazione erotica della trappola :…ostriche…champagne…D’Annunzio docet….

ERN           : ovvì….“Don Nunzio doce”..spumante amabile…

RAG         : ( che non lo ha sentito)….profumi intensi…peperoncino forte…tu mi capisci….Basta….!! io esco a comprare il necessario, tu organizza tutto,pensa alle candele e prepara la cena in camera da letto

ERN          : in camera da letto? ‘a stanza ‘ e pranzo nunn’ è agibile?

RAG          : deficiente…!’O fatto d’a trappola,nò?..Ceniamo sul letto e poi.. la prendo così…e poi la giro così…e poi….afferro così…( lo cinge e manèa  mimando una serie di abbracci…)

ERN          : ( con voce strozzata) si Eccellè ..ma a essa… a essa…

RAG.  M   : ( che come sempre nngli bafda)…Madò e che l’aggia cumbina!…( lo molla)…Ernè…Tutto pronto  per le nove e mi raccomando l’alcova!

ERN        : l’alc..?

RAG       : ova….ova….!!!!!!....Ignorante ….!

(Indossa Cappello e guanti, afferra il bastoncino di bambù ed esce per la comune)

ERN.       : ( perplesso) L’ova…? E che ci azzeccano l’OVA con lo champagne? Sarrà la ricetta nova…kamasutra gastronomico…! Mah …cert’è ca o’ padrone mio è un’artista a fa fesso a ‘e femmene……ma non solo…a chille povero ingegnere l’ha fottuto o’ palazzo a sotto.. ‘a vicchiarella l’ha sfrattata comm’a ‘na cana…’o pisciavinnolo po’…denuncia all’Ufficio Igiene…ritiro della licenza!...Nientemeno ca Caino vicino a isso era un benefattore dell’Umanità….Meno male ca io sto da parte soia…!!

Matilde entra dalla comune. E’timida ed esitante

MATILDE:   È permesso…? Si può entrare…?

ERN.        : Chi è …chi va là…?...ah…site vuie…donna Matilde,la sfrattata…la profuga…( maligno) Ah,ah..mo si ca ve ne site jute a vivere mieze ‘e gatte…mieze alll’amice vuoste…(beffeggiandola) micio.. micio…. micio… ah...ah…ah….!

MAILDE: E no c’è da ridere perché quelle bestie so meglio di certi cristiani che dico io...: Quel senza Dio del ragioniere mi ha cacciato di casa dopo 65 anni che vi abitavo…mi ha messo fuori come una sacchetta da’ munnezza””

ERN.          : e vuie, là state…!

MAT        .: Screanzato…io adesso per fortuna,sono ospite a casa dell’ingegnere che è un Santo…tu invece, sei perfido come il tuo Padrone…siete cattivi e prepotenti solo con i più deboli..ah se ci fosse ancora la Cavalleria…vi sfiderebbero a duello…una volta sì che c’erano cavalieri senza macchia e senza paura!

ERN.        : ‘A nò, e nun ci azzelliate…’a macchia..’e cavaliere..vuie campate ancora ‘e fantasia..ogge contano sulo ‘e denare…E…comunque..ca che vulite?...’O ragioniere ha cumannato e nun fa mettere chiù pede cca dinto a tutte e vecchie abitatore d’o palazzo…allora…?Parlate ambressa c’agggi ì a cucenà l’OVA per il Kamasutra..!

MAT.       :  ( molto mogia)….il fatto è…vedete…che io…all’atto dello sfratto..nella confusione….nella fretta…nell’agitazione…dimenticai di prendere alcune mie cose…ricordi antichi di famiglia…ninnoli….foto ingiallite..vecchi cappellini…lettere d’amore del mio povero SASA’ …ora sono a pregarvi di consentirmi il recupero di tali memorie…vi scongiuro Sig.Ernesto…

ERN.         : …Overo?..E già….e si po’ arrubbate quacche cosa dinto ‘o ‘mbruoglio? Qua sopra dopo finiti i lavori ci sta uno di tutto…Quadri, gioielli argentaria..Donna Còsa…Io so responsabile…e si ve pigliate coccosa?

MAT.       : Come osate…vile servitore…io..per vostra regola sono povera perché per la mia onestà non volli vendermi ad alcuno…( pensosa)  e sì che a miei tempi c’era la fila…!!

ERN.        : Sì…a fila…fora ‘a Cassa Mutua!! Sta befana!!...Comunque sentiteme buono…io ve faccio piglià ‘a robba,vuie,però,pe’ dissobligo,ve mettite cca e me facite ‘a casa pulita,pulita…tirata a cera…e gratis…se capisce…! Si no l’aggia fa io…D’ accordo!!!

MAT.        : D’accordo…i miei ricordi valgono molto di più di questa umiliazione…d’accordo…..vi servirò…

ERN.        : (Indossa giacca e cappello,chiude a chiave tutte le porte delle stanze). Bene…allora io scendo pe’ cierte commissioni..M’arraccumanno…Tutto pulit! Tutto brillante! ….si no’ facite ‘e cunte cu me!!(esce)

MAT.      : Non ve ne incaricate… A Madonna v’accumpagna…( Poi disgustata)  

                 Che uomo! Che ignobile individuo!...Lui e il suo degno padrone hanno contaminato con volgarità e cattiveria queste nobile stanze…(parlando e capuzzianno donna Matilde si libera dello sdrucito cappottino,del cappellino spennacchiato,e rimboccate le maniche. Inizia a pulire d’intorno). Guardate qua….guardate! (individuando residui di liquori,sigari…) Bacco…Tabacco… (tirando fuor da un divano una calza di seta) e…Venere!! Vizio!...lussuria!...corruzione…Gesù,Giuseppe e Maria,pietà!...Ah..se potessero parlare questi nobili cuori (spolverando i ritratti dei nobili DI FINIZIO)… loro sì che sfiderebbero a duello quel mascalzone del ragioniere dandogli il fatto suo…Ad Ernesto no!...niente duello…troppo onere…ad Ernesto,tanti calcioni nel didietro come merita il più spregevole dei servi….vile caricatura di un Pulcinella!!

L’Ing.Finamore,nel frattempo entrato dalla comune,ha ascoltato le ultime frasi ed osservato mestamente la penosa scena della vecchina che sfaccenda faticosamente.

ING.FIN.: Pulcinella?... Donna Matilde mia …e volete paragonare quel carognone di Ernesto all’antica, geniale maschera napoletana,anima del popolo,voce beffarda dell’intelligenza in lotta con l’arroganza del potere!?!

MAT.       : Oh, Ingegnere…state pure voi qui…io…ero qui per caso..e così…per passare il tempo…mi sono detta…”leviamo un po’ di polvere a queste care cose”!!

ING.FIN     : Non mentite con me,donna Matilde,voi state sfacchinando sotto ricatto dei nuovi Signori del Castello!

MAT.       : Avevo delle cosette…dei cari ricordi da recuperare in cambio…mi sono offerta di pulire…

ING.FIN    : Vili! Bestie….! Ad una signora ecchia come voi ,pardon…ad una vera signora come voi .Ah…ma pagheranno anche questa…se c’è una giustizia…

MAT.        : Certamente…andranno all’inferno….le Scritture Sacre parlano chiaro…il fuoco eterno li punirà….

ING:FIN   : Donna Matì,ma quale fuoco eterno?!...quelli corromperebbero pure Satanasso in persona…no…io parlavo di una giustizia immediata tempestiva…categorica!....fulminante…!paranormale!...

MAT.       : Ingegnere…ma che dite?... voi mi fate paura…

ING.FIN.: Paura voi…non sia mai…ma ai fetentoni,se va in porto il mio piano,gliene faremo tante,ma tante…che dovranno mangiare limone per anni…come terapia astringente!!!

MAT.       : Ingegnere…per amor di Dio…volete far loro del male?...li volete picchiare…?....avvelenare forse?

ING.FIN.    : Io…? …e quando mai…io no..ma…ma ( misterioso)  i nobili Di Finizio…chissà…potrebbero intervenire…a volte i morti ritornano….!

MAT.     : Gesù,Giuseppe e Maria…pietà!...Ingegnere non mi fate morire…che volete dire…chi so sti morti che tornano…??

ING.FIN.: Donna Matì,(imbracciando un secchio ed impugnando una ramazza). Venite..vi aiuto nelle faccende e nel frattempo…ho un piano…Un piano di guerra…”♫♪…sì vendetta…tremenda vendetta ♫♫♪  (cantato).

                   A noi due Ragioniere Mercurio…il casato Di Finizio ti guarda!!! Jamme,donna Matì….(ESCONO parlottando per la comune verso sinistra.

Dopo pochi secondi per la stessa comune,da destra Mercurio e la “signorina” Elena

RAG.M    : Vieni,mia cara. Vieni nella tana dell’orsacchiotto tuo…non temere colombella..non ti mangio…almeno…non subito…

ELENA   : (falsamente ritrosa. È una bella,prosperosa ragazza in abiti attillati,gonna cortissima,molto provocante,del tipo “Toccami ciccio ce la mamma non vede”)…Brr…no..no…non voglio…io resto sull’uscio….tu sei un pericoloso orsacchiotto…affamato con le mani lunghe lunghe pelose…!!!

RAG.M : grrr…gr…suvvia…vieni dentro…non temere..terrò a bada il mio ardore…sarò un gentiluomo  (tra se) almeno per i prossimi 5 minuti…(poi  a lei) e …poi… colombella mia adorata…faremo solo una modesta cenetta..da veri amici…parola d’onore…!!

ELENA    : se mi dai la parola d’onore che non farai il bricconcello ..va bene..cedo…solo la cenetta..però…lo sai: io sono così virtuosa!!!

RAG.M.   : lo so lo so…ed io rispetto la tua virtù….prego...accomodati (con intenzione ammiccando alle belle cose d’intorno) fa come in casa tua…ti piace la mia modesta casetta??

ELENA    : Che meraviglie…!....che cose belle…:  quadri antichi,mobili d’epoca…argenteria (Tra sé) ma qui c’è un capitale,o’pullasto sta cavero overo ( poi a lui)  Oh,caro…(svenevole)…caro…tante cose preziose…mi commuovono…mi sciolgono…addirittura mi eccitano..

RAG: M  : ti eccitano….? Brava…brava… le cose si avviano bene..Guarda !guarda a Ovidiuccio tuo…! Fatte  l’uocchie tante..cascia ‘e brillante!

ELENA    :. dicevi ..?

RAG.M.   : no dicevo che tu …tu gemma tra le gemme…fai risplendere la mia povera casa…(abbracciandola e toccandola lascivamente)

ELENA     : che galante che sei..che “gentiluomo!!”…(tra sè) Gesù..e io cca me piazzo!Io mi acconcio quatt’ova dint’o piatto…( poi a lui) Carooooo,

                   e che famina tremenda…!....sono tanto curiosa di assaporare (ambigua

                    e seducente)…la tua cenetta!

RAG.M.    : Solo qualche momento e sarai..servita! Ho dato ordine al mio Maggiordomo di preparare tutto in camera…da letto…

ELENA   : In camera da letto?!?! Oddio ….Tentatore…Giammai!!! io sono virtuosa!!

RAG.M.   : Peccato…in camera…alla luce degli abatjour…questo solitario (trae di tasca un astuccio da gioielliere) avrebbe avuto gli stessi riflessi verdi dei tuoi occhi!!

Elena ci pensa giusto un attimo

ELENA    : (agguantando l’anello)…beh…forse è vero…a pensarci bene..è meglio in camera..tanto…saremo tète a tète …non lo saprà nessuno….sai…io sono così virtuosa…!!!

RAG.M.   : E si capisce…vieni..amore mio..vieni..in attesa della cena..berremo un drink in terrazza… da qui si vede tutto il golfo! Le isole..(guardandole con intenzione il petto ed il sedere) e quant’è bello o’ panorama..teh…teh…!

ELENA     : sì…sì…andiamo…mi piace il panorama! Ah…guarda caro…c’è la luna. Sapessi come donerebbe un filo di perle alla luce della luna!

RAG.M.    : E mo’ vediamo…vuol dire che ce lo scontiamo a “cenette”…..

ELENA    : Sì,ma senza fare cattivi pensieri…io sono così virtuosa?

RAG.M.   : P’ammore e’ Dio! (escono sul terrazzo).

Dalla comune di sinistra rientrano l’ing Finamore e donna Matilde.

ING.FIN.:  allora,donna Matilde,avete capito tutto?..vi piace il mio piano?...

MAT.      : per essere geniale,è geniale….,però, io ho tanta paura…con queste cose non si scherza…il Signore si piglia collera…

ING.FIN.: Overo…? Per questo?....E nun se piglia collera,o’ Signore,quando i delinquenti manipolano la legge,truffano la gente onesta,derubano agli ingegnieri….? Quel fetentone di Ernesto edil suio infame padrone devono rimanere impuniti?

MAT.       : forse avete ragione…pagheranno il fio…! Però ..ingegniè…ricordatemi la parte mia…mi dovessi imbrogliare?

ING.FIN.  : ma quando mai…è così facile…Dunque..al primo dei due fetentoni che torna confesseremo che,presa dalla struggente nostalgia per i vostri cari che certamente aleggiano in questa casa,abbiamo fatto una seduta spiritica…evocando le buonanime…

MAT.        : …che sono venute…e spiriteggiano qua dentro!

ING.FIN.:  Brava! Al resto penserò io. Ho ancora tutte le chiavi di casa. Stanotte tornerò con Gennaro il pescivendolo e Totonno il capomastro che vorranno di certo vendicarsi al pari di noi… E facimme vedè e’ surece verde!!! Si nun morono pa’ paura,se fanno monaci…..tutte e duie! Parola di Giacomo Finamore!

MATILDE: Gesù,Giuseppe e Maria…pietà!...Io però dopo mi vado a confessare da padre Salvatore…non si sa mai…se fosse peccato?...

ING.FIN.   : Quale peccato? È giustizia! Ma ora basta…zitta…sento girare la chiave nella toppa all’ingresso…viene qualcuno…coraggio…incomincia l’opera!!

Entra Ernesto carico di pacchi e pacchetti,lamentandosi per la fatica.

ERNESTO: Mannaggia a coda do’ diavolo! E che fatica…! Ma quanto magnano sti raggiuniere? E po’ tutta sta robba pe’’ na zoccola sola!(aggiungendosi solo allora dall’ingegnere) ah…voi state qua…? E come siete entrato? che vulite ? (sgarbato)

ING.FIN.   : ho bussato…donna Matilde mi ha aperto…avevo da consegnare alcune carte della cessione al ragioniere..eccole qua…gliele date  voi?

ERNESTO: Sissignore,mettite llà ‘ ncoppo…e mo jatevenne…!...o’ Ragiuniere tene o’ che ffà…e pò qua voi non siete gradito…Fuori!

ING.FIN.  : Capisco…è giusto…vado via….Donna Matilde…ve ne scendete con me?

ERNESTO: Nu mumento…chesta adda fernì ‘e servizie…sinò a cca nun se move…avite capito?!

MATILDE: Ho terminato il mio lavoro..controllate…solo che aspettavo il vostro ritorno per avere quella mia roba e soprattutto (misteriosa)…per mettervi in guardia!

ERNESTO : A’ guardia…Stanno e’ guardie…ch’è succiesso?

ING.FIN.: Quali guardie?....la Signora Matilde vuole solo dirvi di stare molto attento,voi ed il vostro padrone…( misterioso e minaccioso) guardatevi le spalle..stanotte…chissà…essi sono in giro…aleggiano…

ERNESTO: Ma che cacchio state ammaccanno…?....io nun aggio capito niente…chi è ca sta in giro…?....chi sfarfalleggia??

MATILDE: (tenebrosa) I morti….Ernè….i morti…stanno ccà…io li sento…ci circondano…ci palpano…

ING: FIN  : esatto….io mò mò mi sono sentito della carezze fredde sul viso…

ERNESTO: ( impressionato ma facendo il superiore) Ma quali morti…?...fusseve pazze tutte ‘e duie…?...cca nun ce ne sta..sta..stanno muo..muorte!

ING.FIN.c  : Errore…caro il mio Ernesto…questa casa è piena di morti…..il Nobili Di Finizio…le loro vittime….il marito di donna Matilde,essi sono qui…ci osservano…ci scrutano …..pronti a cibarsi del nostro terrore!

 

ERNESTO: Basta! A chi vulite fa fe..fesso?! È un mese ca sta..stammo cca ‘ncoppa e nun si è sentito niente!

ING.FIN.    : Prima… prima no…ma stasera…Oddio…che il Cielo ci protegga…!!!

MATILDE   :  Vergine Santissima….aiutatece Voi ! (facendo segni di scongiuro) anime   dannate …tornate nel buio? Ite  retro!

ERNESTO: Ma vuie o’ vero facite?....Ma chè stato?

ING.FIN.: è successo che Donna Matilde,come tante altre volte,aveva fatto nel passato….non ha resistito al desiderio e quando è rimasta sola di là nella sua stanza matrimoniale ….ha evocato lo spirito del marito morto…il povero Sasà…te lo ricordi,Ernesto?...sai,lo voleva salutare per l’ultima volta…perché la Buonanima solo là si manifesta….e invece…

ERNESTO: …( un poco preoccupato)…e invece?

ING.FIN.  : E invece Sasà è venuto…ma non da solo… si è portato appresso una combriccola di anime dannate…la porta dell’inferno era aperta…e sono passati..ed ora sono qui!!!!

ERNESTO: Ma chi…chi…sono qui?

ING.FIN.: Il conte Baldassare Di Finizio,o’ stregone….suo cugino: Geremia,l’impiccato,chillo ca bruciava e’ criature…e a’ femmena senza capa….a’ janara d’’a Pignasecca….

ERNESTO: Ma..Mamma d’’o Carmene…Ma chi sò sta ge..gente?

ING.FIN.: Tutti abitatori infelici di questo palazzo antico nobile…erano morti nascosti nelle vecchie mura…nei mobili…dietro i quadri…l’esorcismo di donna Matilde li ha liberati ed adesso vagano per la casa…a caccia di sangue…e di anime dannate come loro…

Ernesto è in preda alla paura. Cerca di darsi un contegno ma l’emozione gli spezza la voce.

ERNESTO: voi…voi..me cuffiate……i morti non esistono…cioè…sì esistono ma non fanno niente…stanno per i fatti loro…teneno che fà…io lo so..è vero..guè…ma dove andate..aspettate…fermi…non ve ne andate….

ING.FIN.:  noi vi abbiamo avvisato…(con voce tetra)..adesso dobbiamo andare…abitiamo altrove…questo palazzo ed i suoi… “abitanti” non ci riguardano più…piuttosto…se voi siete un’anima Pia…buona..generosa…non avete nulla da temere..altrimenti…sappiate  che i dannati fanno a pezzi solo i loro simili…Buona nottata,Ernè!donna Matilde andiamo!..buona nottata!  (con intenzione)

ERNESTO: Aspettate..non ve ne andate…Donna Matilde…voi dovete avere la vostra roba..aspettate..non mi lasciate solo…

MATILDE: Non c’è fretta…la roba sta qua…”loro”…i morti non sono ( con intenzione) ladri ….non la toccano…noi dobbiamo andare… e tu,figlio mio,prega….prega per la tua anima di peccatore…addio!

I due escono con gesti teatrali e lentissimi. Ernesto è terrorizzato. Si muove come un automa. Scartoccia qualche pacchetto…si guarda intorno preoccupato…osserva le ombre sul pavimento. A soggetto dal balcone cui lui è di spalle….

RAG.M.   :   Ernesto!

ERNESTO: (sconocchiando sulle ginocchia e rimanendo carponi) Mamma mia bella….! Anime d’’o Purgatorio…abbiate pietà…!

RAG.M.   : (entrando con Elena nel salone)…Ernesto…ma che dici…sei diventato scemo? Che fai inginocchiato?...Tirati su….e girati..!

ERNESTO : non posso guardare…..

RAG. M    : alzati e saluta la signorina Pignatelli Secchi..!

ERNESTO: ( coprendosi gli occhi) buonasera signorina…vuie site la Janara della Pignasecca?

ELENA     : ma che dice…come si permette?..a me Janara…??!!!

RAG.M.    : Ernesto anima dannata……come osi…io ti massacro…io ti brucio…

ERNESTO : o’ bruciatore de’ criature…???! Voi Siete Geremia!

RAG.M      : io so Geremia..?

ELENA      : ma questo tuo servitore è pazzo o è scemo?

RAG.M.   : Beh..proprio normale non è mai stato…ma adesso esagera….Ernesto…animale…deficiente…che hai passato?...stai ubriaco?

                  Sono io .. il tuo padrone e costei è la mia fidanzata. La signorina Elena Pignatelli Secchi…Girati!Ho detto girati…!!!!!

ERNESTO: Non mi fate niente..!(si gira piano piano ed apre gli occhi)…Ah..ma siete voi ..Deo Grazia…(ricomponendosi) siete voi!!!!

RAG. M.   :…e chi doveva essere..?No, io non ti vedo normale..confessa tu hai bevuto!

ERNESTO  : Sì …( per salvarsi in corner)…’a verità è che sto un poco fatto…scusatemi assai…m’aggio bevuto un litro e Gargano addo’

                   cantiniere cca sotto..chillo ‘o vino o’ fa cu’ ‘a povere de’ botte a muro! Scusatemi..scusate ancora…me sono impressionato…

RAG.M.   : E non ti impressionare più…stai al tuo posto di maggiordomo,sì no te ne caccio…e mo basta…! Vai nella mia camera da letto e apparecchia sul tavolino Luigi XV….mai raccomando…posate d’argento e coppe di cristallo…candele rosse e profumo d’oriente..e che lo champagne sia ben ghiacciato..Ostriche,champagne,profumi..Elena mia..sarà una notte di sogno!!

ELENA     : certo amore…dormiremo cullati dal respiro degli angeli…

ERNESTO: ….proprio Angeli…non credo…calore d’inferno piuttosto!

RAG.M.   : Ma che dici,quale inferno?...quale calore?

ERNESTO: oh…niente..niente…pensavo…ostriche..champagne..peperoncino…sarà nottata calda…bruciante..!

ELENA    :  Ovidio…dici a questo servo di stare a posto suo…altrimenti…mi scordo che sono una signora  o’ scippo a faccia e o’ strascino n’terra pe’ tutt’’a casa....E adesso..permesso mio caro..vado ad incipriarmi il nasino in attesa della cenetta..! (esce)

ERNESTO: ….se vede patrò,…vuie mi avite perdunà si scumbino ‘nu poco..però….sapete…sono così emozionato…e la prima volta che abbiamo ospiti in casa…

Rumore di uno sciacquone…

RAG.M.    : si sta incipriando il nasino…beh io vado in camera da letto..

ERNESTO   : nooooo…aspettate..non mi lasciate solo….!

RAG. M.  :  ma che dici…? E sì mo stamme ‘ncumpagnia…..facimme Gaspare, Melchiorre e Baldassarre…

ERNESTO: ( con gli occhi sbarrati).. …Baldassare…Geremia…’a Janara d’a Pignasecca….…patrò….p’ammore da Madonna..ve chiedo ‘na grazia sola …stanotte…faciteme durmì cu vuie!!!

RAG.M.    : vuò durmì cu nuie!? Fetentone schifuso….! Depravato!...mo t’abbotto

                  ‘e  cavece (lo rincorre cercando in tutti i modi di prenderlo a calci -a soggetto) ….mo t’accido sotto e’ piedi….Zuzzuso…tiè….tiè

ERNESTO:  nooooooo…aiuto…ma che avete capito….?....aiuto..ohi…che male….

                  io non è che voglio dormire in mezzo a voi.....voglio stare sveglio in mezzo a voi…!...no mi spiego meglio…ohi…che dolore..! basta!!

ELENA   : (ritornando) ma che accade…Ovidio,che stai facenno?!?

RAG.M.    : ..niente….sto dando al maggiordomo le ultime disposizioni per la cena!!!

Mentre Ernesto fugge via

CALA LA TELA

“PALAZZETTO NOBILE”

 III ATTO

Il salone del II atto. L’ambiente è immerso nella penombra. Solo un raggio di luna crea una luce soffusa,irreale,magica. Sulle pareti laterali inclinati verso la comune, 2 grandi quadri con le immagini di Baldassarre e Geremia,come nel secondo atto: solo che le cornici sono le medesime ma le immagini sono state incarnate,previo testamento,da Gennaro e Giacomo. Entra da sinistra Elena. È in baby doll,scalza,con i lunghi capelli disciolti;bellissima,sensuale. Ha in mano una candela accesa.

ELENA    : S’hanno tirato a’ luce!....Meno male ca ve stevene tutte chelle cannele. Io aggia vevere…mo’…subito…Madonna, e che sete…che arsura….peperoncino,ostriche…impepata di cozze…io so tutta un fuoco!! Ho bisogno di acqua…acqua gelata per spegnere i bruciori che tengo ‘ncoppo e…sotto!...

                  (Gennaro e Giacomo, dai quadri,ammiccano e gesticolano commentando le grazie di Elena. Quando la donna guarda verso di loro,essi subitaneamente si immobilizzano)

ELENA    : aggia truvà a’ cucina…’na funtana….e poi un bagno…ho bisogno di un bagno…freddo…gelido per calmare …il calore…i calori….ih che nuttata…cose e’ pazze…ma dico io…è vero che so na ragazza virtuosa…però nel momento che decido di abbassare la guardia e di cedere alle tue …voglie…tu…tu rag.Ovidio Mercurio…..dico…ne vuoi approfittare???niente!!niente!!

                 L’ostriche…o’ champagne….e’ zeppole fritte da’sora…il vin Santo e po’…po’…t’adduorme!!...e non è giusto!....e tu così mi vuoi mortificare…tu vuoi mortificare la mia femminilità…guarda ccà…guà…Baby doll e calze nere…trecentomila lire…a commessa da lingerie ha ditto: “Signorina…co sta robba addosso risvegliate pure ‘e muorte!” muorto? Addò?! Chillo è stecchito!! Ma io dico se una donna cede….doppo adda quaglià!....sinò che cede a fa…meno male ca primma e s’addurmì Ovidio…ha mollato l’anello….guardate cca che bellizze….smeraldo solitario…oro bianco e corona di brillantini!...varrà almeno dieci milioni…e vai và…!...aggio accuminciato a’ collezione….Ovidio mio,e chi te lascia cchiù…m’aggia fa chiatta comme a ‘na badessa. Gioielli,pellicce,vestite,denare a fiumi…basta co’ spogliarello…e’ marchette dint’o’ night club…aggia fa sulo a’ signora…e se Ovidio dorme,qualcheduno scetato pure lo trovo…acqua…acqua…che calore…(esce)

ING.FIN.   : E capito a’ virtuosa?...chesta è ‘na iena,degna compagna di quel vampiro che sta lla dentro…Gennà,ma stanotte se scontano tutte ‘e peccate!...l’aggia scamazzà sotto ‘e piede…

GENNARO: Ingegnè…p’ammore e Dio…a chesta femmena no…chella è na pupata…se l’avita scamazzà,datemela a me…io ma porta a casa e dico a muglierema “ teh Carmè…guarda…guarda comme è fatta na femmena! Balena! 108 chile…un metro e tretatrè…tra essa e a’ culunnetta,è cchiù bona a culunnetta!”

ING.FIN.: Zitto….nun me fa ridere ca ce scoprono….piuttosto..’a parta toja t’’a ricuorde?..mi raccomando….a mezzanotte in punto arrivano  “e’ Spirite”…po’ tocca a nuje..e mò zitto,Gennà,sta venendo qualcuno..scc…scc

Da una porta laterale Ernesto in camicia da notte,papalina…ha nella sinistra una lanterna e nella desta una scopa…è visibilmente impaurito e  nervoso.

ERNESTO: Mannaggia bubbà…je che nuttata….nun aggio potuto piglià suonno…nientemeno ca se ne juta a luce doie ore fa e nunn’ è turnata cchiù…

(Gennaro dal quadro fa il gesto di avere tagliato lui  i fili)

ERNESTO: Proprio stanotte…cu tutt’’e spirite ca  girano p’’a casa…senza luce…senza cannele…chella ca nce steveno se l’ha pigliate chillu scunciglio d’o ragioniere pe fa o’ romantico ca signurina Elena…’e cannele…a’ luce soffusa…quanta vuommeche!!....io l’appicicasse ncuollo ‘e riflettore ‘e Castel dell’Ovo pe’ ma guardà pilo pilo…wuà…e quant’è bona…però è pure na caina…cca tra essa,o’ ragioniere e o’ sottoscritto avimme fatto na bella cungrega ‘e mappine….

(Gennaro e Giacomo gesticolano a soggetto sottolineando le parole di Ernesto)

ERNESTO: Ognuno pare c’alliscia all’ate e po’ zito zitto nce fa ‘o servizio..mah basta…mo me ne vaco fore a loggia alla luce della luna e aspetto ca schiara…me metto troppa paura ‘e sta’o scuro,sulo dint’a stanza mia…(esce)

GIACOMO: Chisto è n’ato c’adda abbuscà malamente….

GENNARO: Ingegnè, se permette lloco mo veco io…stu purpo scunucchiato avanza tante mazzate ca doppo vattuto adda diventà na sogliola…’e terza scelta!

GIACOMO: Gennà,poca violenza e tanta psicologia…la nostra arma sarà la paura…il terrore…insomma…hanna fa ‘ e vierme e a’ vermenata ‘e stanotte se l’hanno ricurdà vita natural durante…..!

GENNARO: A disposizione!....hanno scuntà “a cacarella” tutte ‘ e fetenzie c’hanno fatto…uè…zitto…sento delle voce ca si avvicinano…zitto!

Entrano Ernesto ed Elena dalla porta di destra. Confabulando animatamente.

ERNESTO: Mannaggia bubbà…signurì…m’avite fatto piglià nu’pandeco quando site accumparuta fora a loggia!!

ELENA    : Perché sono una così renda visione? Sono così mostruosa?

ERNESTO: P’ammore e Dio…no …vuie site ‘na fata..’na bambola…volevo solo dire…siete accomparsa all’improvviso…bianca spugliata..me so mise ma ddiece ‘e paura!

ELENA   : Hai avuto paura,povero cocchino?..e tu sei troppo impressionabile,Ernesto mio…cos’è,le donne ti spaventano?

ERNESTO: Mi spaventano le donne?..signurì…io chelle comme a vuie me mangiasse a muorze e vase…con tutto il rispetto …umilmente…si capisce….io nun ’e desse tregua!...

ELENA     : Tu…Ed invece,il tuo padrone dorme alla grossa e non mi ha dato nemmeno un morsetto..neanche un assaggio piccolo,piccolo,piccolo….

ERNESTO: Overo? E comm’è stato?...sarà svenuto.!…mi dispiace che non mi posso mettere a disposizione….

ELENA     : E perché?...anche tu sei un ghiacciolo morto di sonno?

ERNESTO : noooo….quando mai…dicevo..pè rispetto al Ragioniere…

ELENA     : Quale rispetto? Perché lui a me m’ha rispettata come femmina?...lui mi ha schifato..vediamo se qualcuno mi apprezza!

ERNESTO: Io non oserei…

ELENA     : Osa..osa…fammi vedere che sai fare!

 

ERNESTO: Il ragioniere mi licenzia!

ELENA     : E io ti riassumo! Avanti..è un ordine!

I due si abbracciano,si baciano goffamente traendo sospiri esagerati di piacere (a soggetto). D’improvviso sopraggiunge Ovidio in pigiama e pantofole.

RAG.M.   : Ah…canaglie..assassini!...fedigrafi! vi ho colti in fragranza! Io dormivo e mentre dormivo…il maggiordomo si spupazzava la mia fidanzata!

ERNESTO: Io non volevo..è stata lei…io stevo fore  ‘a loggia!

ELENA     : Vigliacco…tu,tu mi hai messo le mani addosso! Mi stavi violentando ed io cercavo di difendere…disperatamente …la mia virtù..!

ERNESTO: Quando mai…chella m’ha cellecchiato ‘e tutte manere…io stevo ascenno pazzo..è vero ca so maggiordomo-purtiere…ma sotto sotto so n’ommo pur’io!...

RAG.M.    : Basta!...siete due zozzoni schifosi….e puzzolenti…tu sei una zoccola senza scuorno e tu un servo vile e traditore..ah ma mò me so svegliato d’o suonno….

ELENA     : Ovidio…ti sbagli…capiscimi ..perdonami…

ERNESTO: Ragioniè …perdono…nun l’avimmo fatto apposta!...

RAG         : Overo? E si ‘o facevate a posta ‘e corne mie arrivavano ‘o sicondo piano! Basta!...nessuna pietà per chi tradisce. A me…al rag.Ovidio Mercurio…che sono un uomo,un vero un uomo!!

ELENA   : Un uomo….tu si na zampogna sfiatata…tu si una zetella ncannaccata..un uomo…?...tu si un cappone femmeniello! Sciù! Impotente!

RAG       : A me impotente!? …Sta puttana da Duganella…! Sta’ femmena ‘e tre sorde vestuta a festa!...vicino a me…vicino a ‘nu signore!

ERNESTO: Qua signore…vuie site ‘nu mbruglione mariuolo e ‘mpechisso…n’omme ‘e niente c’avite ‘mbrusato a tutte quante…a chillo povero ingegnere cu carte faveze,mbruglione e camorra l’avite arrubbate pure ‘e mutande…mariuò!

RAG          : Mariuolo a me..?......e tu che hai tradito tutti i tuoi padroni,verme schifoso….che per denaro hai venduto ogni dignità…nel fuoco sei stato una salamandra…

ERNESTO: A me scafandro?! E che m’è truvato a mare?

RAG        : A mare…in una cloaca!

ELENA    : E là stai pure tu…Escremento!

RAG        : Puttana!

ERNESTO: Mariuolo!

In quel momento alla luce di tremolanti candele entra lentissimamente una strana,terribile processione. Quattro bambini con il saio,portano in spalla una piccola bara bianca. Seguono : il povero Sasà (TOTONNO) e la janara da Pignasecca (MATILDE). I tre litiganti ammutoliscono inorriditi e quasi a difendersi fanno gruppo in un angolo.

SASA’    : Pace…pace…fratelli e sorelle..la pace sia almeno qui..perchè all’altro mondo…è un inferno!!

RAG       : (tremando e balbettando) chi…chi…chi…siete?...co…co…come siete entrati…? La po….la po….rta è aperta…è ove?...

SASa’      : Noi non abbiamo bisogno di porte…gli spiriti trapassati(BRUM..rumore di tuono)…i morti(BRUM)…i defunti per l’altrui violenza…passano…passano…ah…se passano attraverso muri e coscienze…(BRUM)!

ELENA   : Gesù mio,Madonna mia…S.Giovanni Battista…proteggimi…!!!!Questi sono fantasmi…anime in pena…

JANARA: è vero figlia…siamo anime dannate vaganti(BRUM) alla ricerca de poveri esseri da trascinare all’inferno insieme a noi!

SASA’      : Morimmo di morte violenta dopo aver fatto tanto male (i quattro bambini iniziano lunghi lamenti che sottolineano le varie frasi)

BAMBINI: Ahi noi…ahi noi…

SASA’       : …Dicevo…noi morimmo di dolore e tormenti perché la nostra vita fu per altri un atroce calvario! (BRUM)Io ad esempio,uccisi per onore il mio padrone di casa…e poi per il rimorso mi impiccai a quella trave!

BAMBINI: Ahi noi…ahi noi…

ELENA    : E voi…signora..chi…chi…siete…?

JANARA: Io songo NASELLA ‘a Janara…,’a strega da Pignasecca…chella che accedeva ‘e criature a cu e carnicelle loro faceva ‘o brore ‘e purpe!(BRUM)

BAMBINI: Ahi noi…ahi noi…Noi simme quatte purpietielle affugate!

ERNESTO: Santa Teresa dì Avila…pietà! abbiate pietà!...

JANARA  : Non è possibile…adesso mi servono le vostre luride ossa per fare il brodo di piecori…! Venite…venite dalla nonna!(BRUM. Trae dalle vesti una falce e minacciosa avanza)

ELENA    : No…no..per pietà…noi siamo duri e coriacei per il brodo..indietro…state indietro!...non ci uccidete!...

SASA’     : Non è possibile…la vostra sorte è segnata…. All’Inferno vi stanno aspettando con ansia…voi tre siete dannati!!!(TUONO = BRUM)

RAG         : Non voglio morire…vi prego anime trapassare…dateci una possibilità! Ci ravvederemo…saremo buoni….ed onesti!

JANARA: Noi siamo dannati inferiori…non possiamo salvare le vostre indegne schifosissime carcasse…forse gli Antenati….i padroni del palazzo..i Grandi Peccatori…i terribili di FINIZIO!

ELENA    : Chi…chi…sarebbero..? parlate vi scongiuro!

(BRUM-BRUM-BRUM- RUMORE DI CATENE-GEMITI)

SASA’      : Eccoli,sono….qui…le anime richiamate dalla malvagità e dalla lussuria,tornano dall’inferno e si incarnano nei loro ritratti corporali e terreni…in ginocchio…vermi…ecco che arrivano i TERRIBILI DI FINIZIO!!

BAMBINI: Ahi noi…ahi noi…

ERNESTO: Mamma d’o Carmine!!

Dai quadri escono i due personaggi di Gennaro e Giacomo solennemente , terribilmente occhieggiando maestosi ed orrendi scendendo fino al pavimento. I tre in ginocchio.

BALDASS: Anatema!

GEREMIA:  ( ripete come può e come capisce)….ANNA TREMA!

BALD       : Baldassarre lo stregone è tornato dalle fiamme purganti dell ‘ADE e trarrà con sé le vostre pellicole sanguinanti!!!(BRUM)

GEREMIA: Geremia il cannibale è tornato col purgante di ADA se zucarà l’ossa voste cu tutta ‘a pellecchia!(BRUM)

I TRE         : Pietà!!!

BAMBINI: Ahi noi…!ahi noi…!

BALDAS: Pietà? …Chi osa chiedere pietà a me…a me che uccisi cento uomini e ne leccai le pustole infette?!

GEREMIA: Ed io me mangiaie…core e curatella e poi alleccai ‘ zeppule fritte!!

BALDAS: Pietà…voi volete pietà? Voi che faceste orrore al Manicomio,non sia mai….polli!

RAG.      : (ad Elena) io a chisto dannato nun ‘o capisco tanto buono!...

ELENA   : zitto,per carità…non peggioriamo la nostra situazione

BALDASS: In questo palazzo antico e maledetto io avevo il gabinetto alchemico….qui facevo i miei sanguinari esperimenti di magia e chimica tagliuzzando…smembrando…dissanguando le mie vittime!(BRUM)

ERNESTO: Mamma do’ Carmine…Santa Maria de’ fontanelle!!

GEREMIA In questo palazzo antico e maledetto io tenevo ‘o gabinetto e ‘a cucina ca’ furnacella! Qui facevo fritte,allesse e capunate tagliuzzando e fegatielle comme a una pittima!(BRUM)

GEREMIA: S.Pasquale Baijlonne…aiutaci!!

BAMBINI: Ahi noi…ahi noi…vittime innocenti ed infelici!

BALDASS: Sì, essi sono alcune delle nostre vittime…le più tenere…le più gustose…godemmo nel privarle della vita perché erano piccole…,sole,indifese creature…la nostra malvagità si esaltò nel torturare la loro innocenza..proprio come faceste voi tre! Oh vili!!...

RAG    :    No…eccellenza…quando mai…noi non torturammo mai ‘ e criature…

ERNESTO: Sulo carocchie e qualche cavece quando jucavano a pallone fore ‘o palazzo!

BALDASS: Schifosi insetti! Amebe purulenti!(BRUM)

GEREMIA: Schiappe a’ tressette! Acerbe e puzzolenti..!

BALDASS: (con un’ occhiataccia a Geremia)…dicevo… amebe purulenti!...i vostri peccati sono gravi e terribili e per essi pagherete con la dannazione delle vostre anime tra gli indicibili ed eterni tormenti degli inferi!

ELENA    : Ma infine io…io cosa feci di male? Dove peccai?!? (offrendosi a braccia aperte allo sguardo dei presenti)

SASA      ’: ‘O sacc’io addo peccaste tu e, sinceramente nu peccatuccio mortale, l’avesse fatto pur’io ncuolla a te!(BRUM). Da vivo…si capisce…!

A’JANARA: (Dando a Sasà un calcio negli stinchi) Porco! Anche da trapassato sei il solito porco! Per la tua lussuria me ne hai fatte ingoiare lacrime,schifoso mandrillo!! Traditore vizioso!

RAGb        : (Ad Ernesto) Ma che se ne importa a’NASELLA a’ JANARA si o’ marite ‘e donna Matilde era mandrillo,si era viziuso….semmai erano corna da mugliera?

ERNESTO: Mah,misteri danna teschi! Cert’è c asti quatte muorte trapassate a me me parene scombinate assaie!

ELENA    : Zitti,per carità,non li irritiamo di più…preghiamo invece!

BALDASS: Sì giusto,pregate…pregate molto perché la vostra fine si avvicina…A me demoni,e streghe dell’Averno!

GEREMIA: Sì, a me damme na’ Strega e l’Amaro Averna!

BALDASS: (Altra occhiataccia a Geremia)….dicevo,a me Demoni! Per le terribili punizioni del contrappasso!

GEREMIA: mo ve sunate a canzone co’contrabasso!!

BALDASS: O’contrabasso e’ soreta! Silenzio…Elena Paparella!(BRUM)

ELENA     : Pietà!

BALDASS: Elena Paparella,tu usasti ed abusasti del tuo corpo per avere la ricchezza!...tu che calpestasti la virginale virtù per ingordigia di vestiti e gioielli….tu che donasti il tuo corpo non per amore ma per lussuria e bramosìa…tu sei condannata al bidè infernale…vodka e pepe nero! In eterno!(BRUM)

ELENA      : Pietà,il bidè col pepe nero no..pietà..ah..!(sviene)

BALDASS    : ESPOSITO ERNESTO: portiere!

ERNESTO: Agli ordini eccellenza!

BALDASS: Esposito Ernesto, tu che fosti,per danaro,lo schiavo dei potenti….tu che offristi le chiappe a chiunque pagasse i tuoi lerci servigi…tu che senza rimorso,vendesti gli amici ed ogn’ora cambiasti bandiera…tu che girasti l vento delle idee come una banderuola…tu sei condannato a girare in eterno infilzato in uno spiedo rovente!!(BRUM)

ERNESTO: No….lo spiedo no!....Tengo ‘e ‘morroidi…Pietà….(sviene)

BALDASS: Ed infine….tu OVIDIO MERCURIO!

RAG           : Co…co…comandi!!

BALDASS: Mercurio…tu che tra questi infami fosti il peggiore…sì, perché essi almeno peccarono e si prostituirono per necessità…tu no…tu eri già ricco e potente,Ovidio Mercurio…Direttore della banca popolare di Caianello!! Ovidio  Mercurio,il piccolo DIO del Fido e del Protesto! L’uomo che decideva con un “sì” o con un “No”! del destino della povera gente…tu no…tu eri un fetentone ed un chiavicone per natura e per nascita!!

RAG        :  No..non è vero…erano solo piccoli raggiri…truffette…giochetti di borsa…poca cosa…

BALDASS: Poca cosa…truffette…e tiene stu curaggio?? Tu serpe velenoso,tu con infinita malvagità hai manipolato documenti,hai nascosto cambiali, falsificato firme,e date, hai prestato denari ad usura,hai riscattato e taglieggiato tutti i poveri infelici che a te ricorrevano…tutti anche quel povero giovane…come ci chiama?...l’ingegnere Finamore…

RAG          : lo conoscete?

BALDASS: Noi conosciamo tutto e vediamo tutto! A quel povero ragazzo l’hai rimbambito tra fidi, prestiti,ipoteche, carte vere e carte false..insomma a quell’infelice l’hai fatto prima fallire e poi impazzire!! E poi, pe junte ‘ e ruotolo, te si futtuto stu palazzetto…la sacra dimora DI FINIZIO!

RAG           : Ma lui non pagò le tratte!

BALDASS: Per tuo  inganno..ma adesso pagherai tu…la tua condanna sarà di essere ingozzato a forza ed in eterno con monete,banconote, cambiali, distinte…sì, ingozzato sino a scoppiare!...Forza guagliù, arapite a cascia….fuori l’imbuto..a lavoro!!!(BRUM)

Come in una tragicomica pantomima si organizza il supplizio del ragioniere . Geremia e Sasà lo immobilizzano,i 4 bambini aprono la bara traendone un grosso imbuto ed infilandolo nella bocca del ragioniere terrorizzato. La janara con fare stregonesco ed allucinante trae dalla bara manciate di monetine fumanti che infila nell’imbuto.

RAG       : Sch…Arg…Arf..Sch…Ba…sta…un…oento..Argh…Ah…un…oento!jetà!

‘A JANARA: Ma che dice..che dice ?

SASA’       : E chi lo capisce…stu mortale scostumato parla cu ‘a vocca chiena!!

BALDASS: Fermi… se sospende il supplizio!..sentiamo un momento stu fetente che dice!(l’imbuto viene rimosso e tutti si dispongono ad ascoltare)

RAG          : A……A….Aria..aria…Madonna mia bella…Gesù Santissimo…aiutatemi…e voi…Signori Demoni…Abbiate pietà…non mi torturate più….vi scongiuro..sono pentito…pentitissimo del male che ho fatto…

GEREMIA: Solo pentito…non basta…continuiamo!

RAG          :  No….No…No…per pietà…sono anche pronto a ripagare coloro che…truffai…tutti….!

BALDASS: Anche l’ing. Finamore..??!  (Mercurio assentisce)

‘A JANARA: Anche la signora Matilde…?..quella squisita gentildonna!

RAG          : Sì’….sì…anche lei…!

SASA’       : Anche il pescivendolo ed i muratori?!?

RAG          : Sì..sì….Ma che ce trase sta gente?!

GEREMIA: Ce trase,ce trase…allora?..continuiamo?

RAG        : Noooo…va bene…anche loro…anche loro….lo giuro!

BALDASS: va bene…Guagliò…avanti con il necessario: contratto,pugnale,tampone,penna infernale…avanti….

RAG       : Ma a che serve…?......che mi volete fare ancora?

BALDASS: Avanti…dovrai firmare un contratto AUDE VERME!SACRUM ET ETERNUM SCRIBI…PER SAECULA SECOLORUM…CUM SANGUINE ATQUE SPUTAZZAM,…REMISSIO DEBITUM ET PECCATIBUS TUIS…CA…SI…NO…VAI…IN FIAMMIBUS INFERNUM..IPSE DIXIT!!

ERNESTO   : Ma…che dice..io nun l’aggio capito…

GEREMIA: Ignorante…è latinorum!! Comunque ha ditto…più o meno….è ovè…dunque..: “tu mo firme stu contratto..co sanghe tuoie e de chi te stravivo…”   Cu sta firma ‘o palazzo torna all’ingegnere…e donna Matilde restarrà pe sempre cca…a fa a purtiera….

BALDASS: POSTILLAM…CAUCIS IN COLORUM AB IVI AT FERROVIA,DUXIT DUOS PERVERSOS INFAMONES…MAXIME ERNESTO ATQUE POSTEA ZOCCOLAM ELENAM,NUNQUAM VEDEBO IN HOC DOMUS…PER SECULA SECULORUM…

TUTTI: AMEN…AMEN!

SASA’        : Chesto l’è capito?

ERNESTO: Veramente io no…

ELENA     : Ho capito io…Ernè fuimmuncenno e nun turnammo mai cchiù a sti parte, si no nce scamazzano sotto e piede!

BALDASS: Esatto!!

ERNESTO: Jamme Elenù…fuimmo luntano…a Milano…là…nce mettimmo in commercio…un’azienda di servizio…tu operi ed io gestisco…!

A’ JANARA: Che intende?

SASA’    : Essa fa ‘a puttana ‘e isso fa a’ ricotta!

BALDASS: bene….FUORI ADESSO!....Via,voi due piccoli spregevoli vermi…l’inferno per il momento vi schifa…fuori!

ELENA ED ERNESTO se la danno a gambe per la comune.

SASA’       : (seguendoli per qualche passo)…E nun turnate cchiù per Secula seculorum!!AMEN

BALDASS: E adesso a noi due,canaglia di un ragioniere…! Il sangue..voglio il tuo sangue…fatemi vedere il sangue di Mercurio!!!

 

RAG        : Un momento…per pietà….si era detto che….fermi…aspettate…avevate proposto …che…un attimo…posate i coltelli…se accettavo le condizioni….allora….

TUTTI       : Allora?!?!?

RAG         : Sì…. Accetto …. Sì accetto… basta …no mi torturate…non mi spaventate più…basta io voglio vivere ancora…sono giovane e bello!!

TUTTI      : Ma va va…stu cesso a viento!

RAG        : Va bene…no bello…ma piaccio….

TUTTI     : Allora?!?!?

RAG        : Ecco… ecco qua…nel cassetto ci sono le cambiali dell’ingegnere Finamore…Ecco…Eccellenza a voi!...

BALDASS: Bene…dà qua…(le brucia in un braciere di bronzo) e adesso…firma…firma qui…l’atto di restituzione del palazzetto indebitamente carpito…

RAG          : Ecco…! (FIRMA)

BALDASS: Bene! E adesso devi sparire… Ma sparire per sempre dalla nostra vista…dalle nostre vite…da questo città..

RAG         : Ho uno zio in Australia…che mi ha cercato tante volte…domattina parto per SIDNEY!...

SASA’      : Domattina?!...tu devi partire subito!!! L’inferno non aspetta!...

RAG          : Va bene…avete ragione…me ne vado subito…Addio…perdono…non mi perseguitate…io sparisco….per sempre !

Il Rag. Scappa così come sta…precipitosamente mentre tutti a soggetto fingono di inseguirlo a capirlo finché non si è dileguato.

SASA’       : Se ne ghiuto!

GEREMIA: Sciù…pa’ faccia soia… ‘nu fetente ‘e meno a Napule…

‘A JANARA: (togliendosi il travestimento) Madonna bella, ti ringrazio…è andato tutto bene senza spargimento di sangue….

MUCILLO   : (A Sasà- Totonno) Papà, comme simme  jute?

SASA’      : Na bellezza ‘a papà…me parivate quatto (toccandosi) murticielle overe!

ING.FIN.: Bravi….veramente bravi..tutti quanti…i bambini sono stati eccezionali  (dando loro banconote)…..e pure voi..Gennaro…Donna Matilde…bravi…e grazie…grazie a voi il palazzo Di Finizio è tornato in mio possesso e quel Giuda di ragioniere ha avuto la giusta punizione…. Alla fine…come nelle favole di tanto tempo fa i buoni hanno trionfato sui malvagi…

GENNARO: Sì…però…ce stanno ancora tanti debiti….

MATILDE: L’importante è la salute…. al resto pensa la Provvidenza…

DRIN…DRIN… campanello dalla porta…Totonno va ad aprire. Tutti si guardano perplessi…  data l’ora. Rientra Totonno con i due americani John e Samantha Macaluso..

JOHN       : Scusate paisà…avimme viste ‘a luce appicciata… and that “UMBRELLA BROKER OF MY WIFE”…chella scassa ‘mbrella ‘e muglierema, ha voluto saglì…le mugliere Americane scassano tale e quale alle Taliane…Do you know?

SAMANTHA: Jes we stevemo o’ Night Club…this pig  (indica il marito) guardava sulo ‘o strip-these…culi e zizze,..zizze e culi…io envece..penzavo sempe a ‘sta hause che me piace tanto…so I said…aggio ditto….

JOHN       : parlo io!….. Ha ditto “Darling…facime n’ato tentativo e ci’accatta o’ palazzo O.k.?...nun me ‘mporta dè fantasme, nuie chiamammo the GHOSTBUSTERS….l’acchiappafantaseme!”

ING.FIN.  : Scusate…se ho ben capito lor signori hanno già visitato il mio palazzetto e volevano comprarlo??

JOHN       : That’s right…! Hai capito buono,guagliò…si tu vuò vennnere…io voglio accattà…dice quanto  vuò!

ING.FIN.  : un..un..un…mi…mi..

SAM         : What he says?...

JOHN        : Guagliò…che dice?..io nun capisco…

ING.FIN.  : Un miliardo!

JOHN         : Ok…o’ prezzo è giusto! It is good bisinisse!... se po’ fa…dimane vienete a piglià ‘e denaro a  Tuledo ncoppo addo nutaio Petrusino, my friend. All right?!

ING.FIN.  : mi date un miliardo…tutto unnmiliardo ? Soldi veri?.. contante…?

JOHN       : No cantante ..in Dollars…REAL Green  DOLLARS…uno ‘ncoppo a n’ato…O.K?

ING.FIN.: O.K. è fatta..il palazzetto è tutto vostro!!

Samantha abbraccia e bacia il marito, mentre tutti si complimentano tra loro.

ING.FIN. : Solo una preghiera ancora…queste brave persone sono legate molto al Palazzetto nobile…potrebbero rimanere? Lavorando,si capisce…

 

SAM        : Of course,certamente! …paisà…chesta bella nunnarella…farrà ‘a guardia porta…O.K?...chistu (Totonno) bell’ommo ccà…you look very nice,yes…farrà l’autista mio personale…O.K.?

GENNARO: Ed io….? Io che faccio….?

JOHN         : E che sai fa tu, paisà?

GENNARO: Io sarebbe pescivendolo…però so pure buono pizzaiolo…

JOHN       : Pizzaiolo…pizza margherita!..calzoni…marinara cu l’alice…..quattro stagioni!!mm..mmm…evviva..io cercavo buono pizzaiolo per bisinisse of pizza…ok. Cumpà…tu sì assunto capo pizzaiolo…!

A soggetto: Frasi di ringraziamento,complimenti!

TUTTI       : “evviva…”… “grazie”…. “no non c’è di che”… “A Madonna v’’o rende”….Avita campà ciento anne.!Never mind. “viva l’Italia” o.k paisà!

ING.FIN.: Donna Matilde,il momento e l’affare meritano un brindisi…champagne e bicchieri…

Arrivano bottiglie e bicchieri.Lo champagne viene stappato tra evviva e battimani.

MUCILLO: (A JOHN tirandogli la giacca) Signorì,scusate…e pe’ nuie piccerille nun ce sta niente…?..’nu poco ‘e fatica…qualsiasi cosa…

ING.FIN.: Che cosa? Nu poco ‘e fatica?...Ma che scherziamo?Voi dovete andare a scuola…dovete diventare persone adulte,colte ed importanti, avvocati,magistrati…professori…col permesso di papà,vi aiuterò io..pagherò quel che serve e voi sarete cittadini modello…onesti,preparati,integerrimi…in modo da buttare fuori da Napoli tutti gli imbroglioni e quei mestatori che ne infangano la immagine e la vita…voi dovete crescere bene…questa città deve crescere bene….(al Pubblico) …o no?

CALA LA TELA !!!

 

Napoli  R&C. 25.11.2011

                                                                                 Angelo Rojo Mirisciotti

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 9 volte nell' arco di un'anno