Povero Ulisse!

Stampa questo copione

Povero Ulisse

Povero Ulisse!

atto unico

di

Paolo Cappelloni

Personaggi

L'uomo

Il suggeritore

TUTELA SIAE (codice opera: 863809A)

L'uso senza permesso da parte di chiunque, in qualunque forma, è assolutamente vietato.

Per eventuali comunicazioni contattare l'autore.

cell: 338 9 338 116

e mail: paolo_cappelloni@yahoo.it

Nel caso di rappresentazione dichiarare alla SIAE il titolo originale.

All'aprirsi del sipario il palcoscenico è completamente vuoto a parte una sedia sul proscenio che l'uomo può usare secondo le indicazioni della regia. Si sente un forte rumore di mare. Entra lentamente un uomo con l'atteggiamento e lo sguardo di chi ha visto tante cose e vissuto tante esperienze nella sua vita. L'uomo si ferma al centro del proscenio, guarda il pubblico, poi tutto l'ambiente intorno a sé, quindi va a sedersi. Il rumore del mare lentamente sfuma.

L'uomo -              (Al pubblico) Sono solo di passaggio, Signore e Signori, come del resto lo sono sempre stato. Sì, la mia stessa vita è stata un continuo passaggio scandito da arrivi e partenze…

Suggeritore -        (Nascosto dietro alla quinta, suggerisce in modo che senta anche il pubblico)… con soste più o meno lunghe…

L'uomo -              … con soste più o meno lunghe dovute…

Suggeritore -        (Suggerisce)… a necessità…

L'uomo -              … a necessità, qualsiasi tipo di necessità, ma poi… via di nuovo, magari lasciando sempre qualcosa alle spalle; qualcosa che non avrei sopportato di portarmi dentro. Capite? No, non credo che voi capiate, perché non vedo nei vostri occhi il forte desiderio di spaziare oltre il limitato orizzonte.

Suggeritore -        (Suggerisce) Perciò, se avete…

L'uomo -              (Getta un'occhiata verso la quinta dietro la quale c'è il Suggeritore) Perciò, se avete la cortesia e la pazienza di ascoltarmi vi parlerò di ciò che iniziai a fare ormai tanti anni fa: (Enfatico e nostalgico) forse cento, mille anni fa, forse in un'altra vita.

Suggeritore -        (Suggerisce) Vivevo in una piccola…

L'uomo -              … Vivevo in una piccola città, in una piccola casa, con una piccola famiglia e insieme a mia moglie gestivo un minuscolo negozio di articoli sanitari.

Suggeritore -        (Suggerisce) Anche il negozio…

L’uomo -             (Getta un'altra occhiata verso la quinta dietro la quale c'è il Suggeritore) Anche il negozio era piccolo. Ricordo: era talmente minuscolo che riuscivamo ad esporre solo due articoli alla volta: giusto una tazza…

Suggeritore -        (Suggerisce)… e un bidè.

L’uomo -             … e un bidè; era praticamente…

Suggeritore -        (Suggerisce)… un cesso.

L'uomo -              (Lievemente alterato, rivolto al Suggeritore, ancora dietro la quinta) Guardi che lei mi deve suggerire, non raccontare la mia storia infiorettandola con particolari superflui!

Suggeritore -        (Si affaccia) Mi ascolti: se crede che non sappia fare il suggeritore ne chiami pure un altro, oppure si studi meglio la parte, visto che sotto questo aspetto lascia alquanto a desiderare.

L'uomo -              (Si altera) Ma come si permette?? Sa, lei, che questa che sto narrando è davvero la mia vita?

Suggeritore -        Ne sono convinto, allora perché ha bisogno di un suggeritore?

L'uomo -              Perché… pur ricordandomi benissimo i fatti, i concetti, ho bisogno di usare parole esatte. (Al pubblico) Sapete: basta un termine fuori luogo, non consono, e il concetto può essere percepito in maniera completamente…

Suggeritore -        (Restando affacciato, semi-visibile al pubblico, suggerisce)… errata.

L'uomo -              Esatto.

Suggeritore -        (Suggerisce)… distorta.

L'uomo -              (Annuendo) Distorta... (Al Suggeritore, con ironia) Allora, se permette, io continuerei.

Suggeritore -        E io cosa dovrei fare?

L'uomo -              (Irritato) Lei mi deve suggerire! È il suggeritore sì o no? È pagato per questo, se non sbaglio. Ma il pubblico deve sentire me, non i suoi suggerimenti! Lei deve sussurrare, solamente sussurrare!

Suggeritore -        Ma se parlo a voce più bassa lei poi non mi sente!

L'uomo -              Ora mi vuol far passare per sordo? (Esita) Comunque, visto che ormai si è scoperto, si faccia pure vedere del tutto e mi venga più vicino.

Suggeritore -        Posso portare la mia sedia?

L'uomo -              (Con distacco) Si accomodi.

Suggeritore -        (Va a prendersi una sedia e torna) Dove eravamo rimasti?

L'uomo -              Questo me lo deve dire lei.

Suggeritore -        Ah sì. (Consultando il copione, suggerisce) Ma sentivo ormai da tempo...

L'uomo -              (Annuisce) Ma sentivo ormai da tempo il forte bisogno, la profonda necessità di provare a spezzare questa...

Suggeritore -        (Suggerisce)… catena...

L'uomo -              ... questa catena i cui anelli mi tenevano agganciato ad una grigia realtà che mi stava asfissiando...

Suggeritore -        (Suggerisce)… nonostante...

L'uomo -              (Con un sospiro)... nonostante l'amore che ho sempre provato per mia moglie e per il mio adorato figlio...

Suggeritore -        (Suggerisce)… Telesforo.

L'uomo -              (Al Suggeritore) Il nome di mio figlio me lo ricordo benissimo.

Suggeritore -        (Tra sé) Meno male. (Suggerisce) Così un giorno qualunque…

L'uomo -              … Così un giorno qualunque decisi di fare il grande salto: una scelta di vita che per me sarebbe stata…

Suggeritore -        (Suggerisce)… determinante.

L'uomo -              … determinante.

Suggeritore -        (Suggerisce) Lasciai tutto…

L'uomo -              Lasciai tutto: la piccola città, la mia piccola casa…

Suggeritore -        (Suggerisce)… la mia piccola famiglia…

L'uomo -              … la mia piccola famiglia, il minuscolo negozio e me ne andai dopo aver guardato mia moglie negli occhi e averle detto col pianto nel cuore: "Ho bisogno di trovare me stesso".

Suggeritore -        (Pausa. Annuisce ironicamente)

L'uomo -              (Pausa. Guarda il Suggeritore e annuisce seriamente)

Suggeritore -        (Chiede) E lei cosa rispose?

L'uomo -              (Come se riprendesse a narrare) E lei cosa rispose?

Suggeritore -        Non le sto suggerendo, glielo sto chiedendo io.

L'uomo -              Ah. (Rivolto al pubblico) Lei mi rispose fissando i miei occhi che erano già altrove: "Se tu te ne vai per trovare te stesso cosa farò io per continuare a restare qui e trovare il modo di tirare avanti da sola con Telesforo?"

Suggeritore -        (Tra sé) Aveva perfettamente ragione.

L'uomo -              (Torvo, al Suggeritore) Prego…?

Suggeritore -        (Suggerisce) Ma io sapevo che lei…

L'uomo -              Ma io sapevo che lei…

Suggeritore -        (Suggerisce)… ce l'avrebbe fatta…

L'uomo -              … ce l'avrebbe fatta anche senza di me.

Suggeritore -        (Suggerisce)... Perché mia moglie...

L'uomo -              Perché mia moglie...

Suggeritore -        (Suggerisce)... è sempre stata...

L'uomo -              ... è sempre stata una donna forte...

Suggeritore -        (Suggerisce)... energica.

L'uomo -              … energica.

Suggeritore -        (Suggerisce) Sicché…

L'uomo -              (Al Suggeritore) Sicché… cosa?

Suggeritore -        (Suggerisce) Sicché me ne andai...

L'uomo -              Già! Sicché me ne andai sforzandomi di non guardare dietro di me.

Suggeritore -        (Suggerisce) Presi il treno...

L'uomo -              Presi il treno e raggiunsi ben presto la Francia dove lavorai per Antoine Crinière, un allevatore di cavalli...

Suggeritore -        (Suggerisce)… e con lui…

L'uomo -              … e con lui imparai il francese alla perfezione, parfaitement! Finché un giorno trovai un cavallo...

Suggeritore -        (Suggerisce ironicamente)... per caso...

L'uomo -              … per caso; ci salii in groppa e mi trasferii in Germania dove lavorai per Helmut Schnauzer, un addestratore di cani...

Suggeritore -        (Suggerisce)… e con lui…

L'uomo -              … e con lui imparai il tedesco alla perfezione, ausgezeichnet! Finché un giorno trovai un pastore tedesco...

Suggeritore -        (Suggerisce ironicamente)... per caso...

L'uomo -              … per caso, che mi seguì quando partii...

Suggeritore -        (Suggerisce ironicamente)... nottetempo...

L'uomo -              ... nottetempo per la Grecia dove non lavorai...

Suggeritore -        ... ma imparai il greco.

L'uomo -              (Al Suggeritore) C'è scritto così?

Suggeritore -        No, è una mia supposizione.

L'uomo -              (Alza la voce) Lei non deve supporre! Lei deve suggerire! (Riprende)... Dove non lavorai ma la attraversai da oriente ad occidente vedendo intorno a me solo pietre, sassi, capre, pecore…

Suggeritore -        (Tra sé)… yoghurt…

L'uomo -              (Lo ignora)… ed alcune di queste pecore...

Suggeritore -        (Suggerisce ironicamente)... per caso...

L'uomo -              … per caso mi seguirono donandomi...

Suggeritore -        (Suggerisce ironicamente)... spontaneamente...

L'uomo -              … spontaneamente il loro latte e il loro formaggio.

Suggeritore -        Domanda: Poi cosa fece?

L'uomo -              (Al Suggeritore) Me lo suggerisca lei!

Suggeritore -        Giusto. (Legge il copione e suggerisce)… Continuai così il mio viaggio...

L'uomo -              ... Continuai così il mio viaggio con la mia piccola, allegra...

Suggeritore -        (Suggerisce)... refurtiva...

L'uomo -              (Guardando il Suggeritore in malo modo)... brigata! E su innumerevoli mezzi di fortuna raggiunsi…

Suggeritore -        (Suggerisce)... l'India...

L'uomo -              … l'India: la terra delle grandi anime. E lì, proprio lì, trovai quello che forse da sempre andavo cercando...

Suggeritore -        In India…?

L'uomo -              Sì, in India, perché lì conobbi il mio grande maestro Parag Hul che ebbe la compiacenza di insegnarmi il vero significato della vita.

Suggeritore -        (Suggerisce) Egli mi accolse...

L'uomo -              Egli mi accolse come un figlio.

Suggeritore -        (Suggerisce) Io gli donavo oboli mensilmente…

L'uomo -              Io gli donavo oboli mensilmente e lui, che nella sua grande saggezza disprezzava il denaro...

Suggeritore -        (Suggerisce)... li intascava lo stesso.

L'uomo -              … li intasc... (Si corregge) li passava ai suoi vice-maestri che usavano quel denaro per il bene di tutti.

Suggeritore -        Lo immagino.

L'uomo -              (Al Suggeritore) Mi suggerisca esattamente, per favore!

Suggeritore -        (Suggerisce) Capii allora...

L'uomo -              Capii allora il profondo significato della vita: raggiungere appieno la felicità per se stessi così da poterla donare al prossimo che se la prenderà...

Suggeritore -        (Si tappa la bocca con la mano)

L'uomo -              (Lo guarda disgustato e continua)... che se la prenderà a piene mani e comprenderà anch'esso l'intima essenza del nostro viaggio terreno. Guardare sempre avanti e guardarsi dietro.

Suggeritore -        Di fianco mai, eh?

L'uomo -              (Ribadisce) Avanti e dietro!

Suggeritore -        (Suggerisce) Rimasi così per un lungo anno…

L'uomo -              Rimasi così per un lungo anno con il maestro, donandogli oboli...

Suggeritore -        (Suggerisce)... e ricevendo massime di vita...

L'uomo -              ... e ricevendo massime di vita che mi fecero crescere interiormente; finché, un brutto giorno, entrando nella sua villa, mi accorsi che lui non c'era più!

Suggeritore -        (Tra sé, ironicamente) Chissà perché.

L'uomo -              (Indispettito, al Suggeritore) Vada avanti.

Suggeritore -        (Suggerisce) Vagai...

L'uomo -              Vagai, sconcertato, per le 340 stanze della sua dimora ma niente... non trovai né lui né i suoi vice-maestri! Neanche il mio cavallo, né il pastore tedesco né le pecore! Più niente!

Suggeritore -        Ma guarda un po'!

L'uomo -              Ma guarda... (Al Suggeritore) Non si permetta più di interferire con le sue illazioni! (Riprende rivolto al pubblico) Il maestro...

Suggeritore -        (Suggerisce)... era sparito...

L'uomo -              ... era sparito, scomparso, svanito nel nulla.

Suggeritore -        (Suggerisce) Fuggito chissà dove...

L'uomo -              (Al Suggeritore) La smetta!!

Suggeritore -        Ma c'è scritto così!

L'uomo -              Allora cancelli quella frase! (Riprende) Forse era tornato fra le montagne della sua amata Mongolia…

Suggeritore -        Forse.

L'uomo -              ... a meditare sulla felicità.

Suggeritore -        Sua.

L'uomo -              Mi ritrovai con una mano...

Suggeritore -        (Suggerisce)... davanti...

L'uomo -              (Lo corregge)... sul cuore! E ripensai alle ultime parole che mi disse il maestro il giorno prima della sua sparizione.

Suggeritore -        (Suggerisce facendo il tipico, eloquente gesto con la mano) Chi ha avuto...

L'uomo -              "Chi ha avuto il mio insegnamento imparerà a vivere felice anche senza i beni materiali, anche senza denaro, come umile creatura". Così io, sia pur con profonda tristezza, mi misi l'animo in spalla...

Suggeritore -        (Suggerisce)... e come un pellegrino…

L'uomo -              ... e come un pellegrino me ne andai ramingo per il mondo...

Suggeritore -        (Suggerisce)... costretto a volte…

L'uomo -              ... costretto a volte ai lavori più umili.

Suggeritore -        Di che tipo?

L'uomo -              Sorvoliamo. Mi spostai ancor più ad oriente, fino in Cina, dove raccolsi riso per tre mesi finché...

Suggeritore -        (Suggerisce)... il proprietario non si accorse...

L'uomo -              ... il proprietario non si accorse del riso che gli diminuiva rendendolo "umile creatura" come diceva il mio maestro, ma lui...

Suggeritore -        (Suggerisce)... ignorante...

L'uomo -              ... ignorante contadino cinese, non poteva capire perché non aveva conosciuto…

Suggeritore -        … Parag Hul...

L'uomo -              … il saggio.

Suggeritore -        (Suggerisce)... quindi dovetti...

L'uomo -              ... quindi dovetti trasferirmi a Pechino dove fui assunto da Lìh La Foh, un commerciante di articoli sanitari come lo ero stato io.

Suggeritore -        (Suggerisce) Corsi e ricorsi...

L'uomo -              "Corsi e ricorsi storici", mi dissi. Così iniziai a lavorare in quel modesto negozio ricordando le frequenti esortazioni del mio maestro: "Lavorate, umili creature, lavorate...

Suggeritore -        (Suggerisce)... per i bisogni...

L'uomo -              ... per i bisogni del prossimo...

Suggeritore -        (Suggerisce)... mentre io medito...

L'uomo -              … mentre io medito sulla mia e sulla vostra felicità!"

Suggeritore -        (Suggerisce)... E fra quegli articoli...

L'uomo -              E fra quegli articoli, non dissimili da quelli del mio vecchio, minuscolo negozio….

Suggeritore -        (Suggerisce)... per la prima volta...

L'uomo -              ... per la prima volta, dopo tanto tempo, mi sentii un poco come a casa mia, e ripensai a mia moglie.

Suggeritore -        (Suggerisce) Nonostante tutto ci rimasi tre anni...

L'uomo -              Sì, ci rimasi tre anni ma non imparai il cinese...

Suggeritore -        (Suggerisce) E come fece?

L'uomo -              "Come fece?" Vi chiederete, bè, mi esprimevo a gesti, anche se, vendendo articoli sanitari, era a volte un po'…

Suggeritore -        (Suggerisce)... imbarazzante.

L'uomo -              Imbarazzante, sì, certo. Un giorno, infatti, per l'incomprensione con un cliente sull'uso di un oggetto che gli stavo vendendo, capii che era ora di andarmene di nuovo...

Suggeritore -        (Suggerisce)... per trovare ancor più me stesso...

L'uomo -              ... per trovare ancor più me stesso...

Suggeritore -        (Suggerisce) Via!

L'uomo -              Via! Via! Ancora più ad oriente!

Suggeritore -        (Suggerisce) Salpai.

L'uomo -              Salpai su una nave battente bandiera Neo Zelandese…

Suggeritore -        (Chiede) Perché Neo Zelandese?

L'uomo -              (Al Suggeritore) Perché fu la prima che mi capitò! (Riprende)... e solcai l'Oceano Pacifico che pacifico non era affatto, in un'attraversata così lacerante che mi rimescolò completamente...

Suggeritore -        (Suggerisce)... le mie più intime...

L'uomo -              (Guarda il Suggeritore)... le mie più intime fibre. Durante quel viaggio, più che in altri, provai tensioni, spasimi e rivolgimenti mai provati prima.

Suggeritore -        (Suggerisce)... Gettai fuori...

L'uomo -              Gettai fuori anche l'anima... liberandomi dei miei recenti fardelli che me la appesantivano.

Suggeritore -        (Con faccia disgustata) Sarebbe stato meglio sorvolare.

L'uomo -              (Che non ha afferrato) No, no! niente aerei, presi invece quella nave e in qualche modo...

Suggeritore -        (Suggerisce)... approdai…

L'uomo -              ... approdai infine sulle coste americane.

Suggeritore -        (Suggerisce)... Ah!

L'uomo -              (Al Suggeritore) Cosa c’è…?

Suggeritore -        (Suggerisce) Ah! La California!|

L'uomo -              Ah! La California! The American dream!

Suggeritore -        (Suggerisce) San Francisco...

L'uomo -              San Francisco!

Suggeritore -        (Suggerisce) Los Angeles...

L'uomo -              Los Angeles!

Suggeritore -        (Suggerisce) Hollywood...

L'uomo -              Hollywood!

Suggeritore -        (Suggerisce) Imparai…

L'uomo -              Imparai l'americano perfettamente, perfectly! E riuscii ad entrare nel cinema.

Suggeritore -        (Chiede) In che senso, scusi?

L'uomo -              Come comparsa in innumerevoli film tra i quali: "Forrest Gump", "Matrix", "Salvate il soldato Ryan"...

Suggeritore -        (Suggerisce) Come erano diversi...

L'uomo -              Come erano diversi i valori della società americana da quelli del mio maestro Parag Hul! Là era tutto basato sull'accumular denaro!

Suggeritore -        (Suggerisce con ironia) Invece con Parag Hul...

L'uomo -              Invece con lui no! Ma mi trovai ugualmente bene perché anche lì tutti cercavano la felicità...

Suggeritore -        (Suggerisce)... felicità che...

L'uomo -              … felicità che cercai di scambiare più volte con Betty: una brava attrice conosciuta sul set.

Suggeritore -        (Suggerisce)… ma lei...

L'uomo -              … ma lei non volle darmi la sua perché non aveva avuto l'insegnamento...

Suggeritore -        (Suggerisce)... di Parag Hul...

L'uomo -              … di Parag Hul. Ah, Betty! Dietro di sé aveva un…

Suggeritore -        Un…?

L'uomo -              Un passato da star che non riuscì mai a sfruttare appieno.

Suggeritore -        Capisco. (Suggerisce) Così ripartii...

L'uomo -              Così ripartii per intraprendere un viaggio "coast to coast" attraversando l'Arizona...

Suggeritore -        (Suggerisce)… dove imparai...

L'uomo -              (Scocciato, al Suggeritore) Parlavano dappertutto l'americano!

Suggeritore -        Ah. (Suggerisce)... il New Mexico...

L'uomo -              ... il New Mexico...

Suggeritore -        (Suggerisce)... il Texas...

L'uomo -              ... il Texas e tanti altri stati giungendo infine a New York.

Suggeritore -        (Suggerisce)... dove presi alloggio...

L'uomo -              ... dove presi alloggio in casa di Jane: una ballerina di Broadway che mi trattenne con sé...

Suggeritore -        (Suggerisce)... e anche con lei…

L'uomo -              ... tentai invano di scambiare la felicità...

Suggeritore -        (Suggerisce)... sempre secondo l'insegnamento…

L'uomo -              (Guardando il Suggeritore in malo modo) del mio maestro! Ah, Jane! Con quelle sue due grandi...

Suggeritore -        Due grandi…?

L'uomo -              … aspirazioni: diventare prima ballerina e interpretare un musical!

Suggeritore -        Capisco. (Suggerisce) Così tornai al cinema...

L'uomo -              Così tornai al cinema e fu durante le riprese de "Il gladiatore", osservando la ricostruzione degli antichi fasti di Roma, che inavvertitamente...

Suggeritore -        (Suggerisce)… e malinconicamente...

L'uomo -              ... e malinconicamente ripensai all'Italia: alla mia piccola città, alla mia piccola...

Suggeritore -        Abbiamo capito...

L'uomo -              ... alla mia piccola casa...

L'uomo e il

Suggeritore -        ... alla mia piccola famiglia…

L'uomo -              … in cui ci si scambiava un sia pur minimo di felicità...

L'uomo e il

Suggeritore -        ... al mio minuscolo negozio...

L'uomo -              ... e provai nostalgia...

Suggeritore -        (Suggerisce)... ma anche timore...

L'uomo -              ... ma anche timore che mia moglie...

Suggeritore -        (Suggerisce)... non ce l'avesse fatta...

L'uomo -              ... non ce l'avesse fatta da sola...

Suggeritore -        (Suggerisce)... e che mio figlio...

L'uomo -              ... e che mio figlio Telesforo non mi riconoscesse più come padre...

Suggeritore -        (Suggerisce) Riflettei...

L'uomo -              Riflettei a lungo e giunsi alla convinzione che...

Suggeritore -        (Suggerisce)... purtroppo non avevo raggiunto affatto...

L'uomo -              ... purtroppo non avevo raggiunto affatto...

Suggeritore -        (Suggerisce)... la felicità...

L'uomo -              ...  la felicità...

Suggeritore -        (Suggerisce)... e che forse non l'avevo data nemmeno...

L'uomo -              ... e che forse non l'avevo data nemmeno al prossimo…

Suggeritore -        (Suggerisce)… a chi mi voleva bene...

L'uomo -              … a chi mi voleva bene... (Al Suggeritore) Ma queste cose non sono mica scritte sul copione!!

Suggeritore -        Certo che no. Gliele sto suggerendo io.

L'uomo -              Allora si attenga al testo! Si attenga al testo!

Suggeritore -        (Suggerisce) Quell'infausto giorno...

L'uomo -              (Riprende) Quell'infausto giorno dell'attentato alle torri gemelle...

Suggeritore -        (Chiede) Dove si trovava?

L'uomo -              (Facendogli contemporaneamente un gestaccio col braccio) Ero già in Italia da tre giorni!

Suggeritore -        (Suggerisce)... e pieno di sensi di colpa...

L'uomo -              ... me ne tornai...

Suggeritore -        (Suggerisce)... nella mia piccola città...

L'uomo -              ... ma non ancora nella mia piccola casa...

Suggeritore -        (Suggerisce)... in cui non oso...

L'uomo -              ... in cui non oso presentarmi...

Suggeritore -        (Suggerisce)... anche perché...

L'uomo -              ... anche perché...

Suggeritore -        (Suggerisce)... avrei una spiacevole sorpresa.

L'uomo -              (Al Suggeritore) Come sarebbe a dire?

Suggeritore -        Senta, vuole un suggerimento?

L'uomo -              Lei è qui per questo...

Suggeritore -        (Suggerisce) Allora lasci stare, mi dia retta: contatti Telesforo ma lasci il resto così com'è.

L'uomo -              (Incuriosito) E perché?

Suggeritore -        (Suggerisce) Perché per quanto mascalzone lei sia...

L'uomo -              Sentiamo, (Al Suggeritore, con aria di superiorità) sentiamo dove vuole arrivare. Continui pure...

Suggeritore -        (Suggerisce) Bene… Perché per quanto mascalzone lei sia è sempre il padre di suo figlio...

L'uomo -              (Si altera) Ma lei cosa vuole da me? Perché continua a starmi addosso per farmi dire cose… che non voglio dire? Eh? Intromettendosi nella mia intimità! Chi è, lei, che mi suggerisce ciò che devo e non devo fare??

Suggeritore -        (Si alza e lo guarda con compassione) Io, caro signore, oltre ad essere il Suggeritore, sono quello che da sei anni vive con la sua ex moglie che ha voluto rifarsi una vita! E con me ha trovato anche la felicità, (Lascia il copione in terra)fuori e dentro se stessa! Senza affidarsi ad alcun Parag Hul! (Esce. Riprende il forte rumore del mare)

L'uomo -              (Sconcertato, lo guarda andare via. Pausa, rivolto al pubblico) Scusate, Signore e Signori, ero solo di passaggio, come del resto lo sono sempre stato. La mia stessa vita è stata… (Esce lentamente e mestamente piangendo).

Sipario

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 2 volte nell' ultimo mese
  • 13 volte nell' arco di un'anno