Quànne squàgghje ‘a neve

Stampa questo copione

Quanne squàgghje 'a neve… "

                                          “ Quànne squàgghje 'a neve… "

                                         

                                                       Commedia comica in due atti

                                                                           di

                                                               Pino Antonante

Personaggi : 4 U, 4 D

Anni novanta, Amalio è al telefono, con due dita tiene una pistola ...

Amalio....Ma si Lola farò come dici tu, cosa faccio( guarda la pistola )ma niente ho in mano il tuo

               revolver e pensavo al pietoso consiglio che mi hai dato, ma non ci riesco, mi trema la

               mano, Lola ascoltami ti prego, che dici se ci prendessimo una pausa di riflessione...che              

               manca…ah manche p’ù…ma lo sai mia moglie non conta,non ha mai contato,ha smesso di

               contarmi perfino i soldi nel portafoglio,si si ma che centra,lo sò che è vuoto da molto

               ma il principio dove lo metto...dove ? Scusa  puoi  ripetere dove, è meglio di no...ma si si,

               riuscirò a impossessarmi di tutto vedrai (DRIINN)un momento cara ( apre ) Uèh Filippo,           

               entra entra,solo un’attimo  ce' Lola al telefono...

Filippo....Ah cè Lola,la sanguisuga,quedde te stè ruvine 'a vite...sei alla sua mercedes.

Amalio.... Piccè nonge 'a canusce, cara sono quì...se ho parlato con Irene dici...quasi,ero lì lì per

                parlare…ma sì sì, glielo dirò in questo altro viaggio che faremo ...si un'altro, ma sarà inutile

                come tutti  gli altri...e chi se ne frega tanto paje srocreme... ma certo i tuoi soldi li troverò

                come sempre...magari farò...farò...

Filippo.....'Na rapina !

Amalio...'Na  rapina...cioè volevo dire che oggi mangio due rapine stufate,no Lola qui no, qui non venire

              no non urlare  ti prego no...si ho capito, va bene cara obbedisco...ora devi andare hai il turno di

              notte...ma no ti prego ce' Filippo mi vergogno ...e va bene come vuoi tu ( fischietta come

              un'uccellino mentre Filippo si guarda intorno )va bene cara si si...che cara ragazza( risatina

              chiude e vede Filippo che cerca qualcosa ) ...ce perse qualche cose?

Filippo....Io.... no no,che hai l'uccello?

Amalio....Felì ma  ce domande face ,certe ca 'u tenghe.

Filippo.....E de ce razze?

Amalio......Ma scusa , che razza d'uccello vuoi che tenga...il più comune...

Filippo..... E che lo tieni in gabbia?

Amalio......Si, in catene, condannato ai lavori forzati ah ah ah...ma dai è libero...liberissimo !

Filippo......E pe' quiste ca' nonge 'u trove, eppure l'ho sentito fischiettare da questa parte...

Amalio.... E’ sendute fisckà(fischiare) l’acidde...ma ce ste dice, ero io...

Filippo.....Tu...eri tu?

Amalio.....Ma si.lo faccio per Lola,dice che come so' fare il merlo io non lo sa  fare nessuno ma non ti

                aspettavo stasera…

Filippo…..Face fridde Amà, nevica, sai ho i termosifoni guasti non passa acqua e allora…

Amalio….E’ strane ca’sotte ‘o  ponte non passa acqua?

Filippo….No, no, lì ne passa parecchia , Amalio ce fridde ca’ face….

Gli offre un liquore

Amalio….Tieni ti scalderà, accomodati, ( gli siede accanto sul divano)sai caro,stasera mi sento solo e ho bisogno di compagnia ( mette un braccio attorno al collo di Filippo )

Filippo......Amà, a scanse d'equivoche ce tipe de cumpagnie ?

Amalio.....Intima,ma come t'avènene ‘ste pensiere?

Filippo.....De ‘ste timbe tutte po' essere....e tua moglie Irene non ce’ ?

Amalio.....Non ci devono essere,e non ti devono conoscere altrimenti tutto fallisce, siamo soli, loro stònne a lezione da' contessa, jedda 'a mamese e Cristina, poi Lola,poverina,purtroppo stanotte lavora

Filippo.....Ah lavora di notte e che fa’che fa’?

Amalio.....Non so di preciso,è una donna così risevata, sempre al lavoro, anima e corpo nel suo

                lavoro, credo che sia nel campo socialmente utile, frequentatrice di curie...

Filippo......Una donna curiosa.

Amalio......In fondo sai di questa sua casta vita ne sono fiero,Filippo, non ci crederai, ma io  sono il suo

                 primo uomo!

Filippo......Ma dai , il suo primo uomo ,Il suo primo merlo !?

Amalio.....Si si, lei cosi mi dice... allora caro  hai pensato a quello che ti ho proposto?

Filippo......Si Amalio,ci ho pensato ma non lo so...non lo so.

Amalio.....No lo sai, Filippo tu lo devi sapere, è l'unica soluzione dei nostri problemi,ie stoche senza 'na

                lire.. e tu, il tuo estratto conto ce dice tène ancore voce?

Filippo.....Amà e da un pezzo che non ho più l' estratto conto...mo' tenghe il conto astratto.

Amalio ..Vedi, stame 'nguajàte, Lola s'à mise 'ngape c'agghja lassà Irene,cominciai per gioco e mo'…

Filippo......E nu' p’ù sciuèche(gioco) stame accussì,siamo perdenti nati, no’ ‘ste ninde da fa' .

Amalio....'U sciueche è 'na malatie,so' inutele tutte le terapie provai pure col manuale " Come vincere il

                gioco " non funzionò, a proposite poi te lo prestai è viste qualche miglioramento ?

Filippo....'Na fregatura Amà, l'ho letto e riletto " Come vincere il gioco " ma ce vinge,ancora no' 'ngarre

               n'ambo a tutte le  ruote.

Amalio.....Ma ce te spuèse a canàteme(cognata) Cristina  fai terno secco...e io mi sistemo.

Filippo.....Ce bellezze…ie me spose e tu face ‘u terne e ti sistemi …scuse Amà non ho capito!

Amalio.......Lasse fa a me, 'a bònaneme d'attane l'a remaste 'na furtune...conto in banca, sta' casa,

                  con l’attico,12 stanze e ‘nu stanzine, terre, e ce no' me sbaglie o tre o quattre box.

Filippo......Ce furtune,e po' le box s’affittene, mi farebbero proprio comodo.

Amalio......E te le pìgghje tu, ie me pìgghje ‘sta casa e metà du' patremonie.

Filippo......Comunque no' me sente tanda secure.. Amà àspettàme...

Amalio......Aspettàme 'a carrozze,e allora basta finiamola con questa agonia ( prende la pistola

                 lasciata vicino al telefono) la vedi questa ?

Filippo......Bella, è di quelle che premi e s'àppìzechene(accendono) le sigarette?

Amalio......E di quelle che premi e s'àppìzzechene quattre cannèle(candele)ci sono due colpi.

Filippo..... Due colpi..Amalio, ma ce te passe pa' cape, due colpi ah nel caso  ti trema la mano

                e non ti centri!?

Amalio......A questa distanza…Filippo 'nu colpe  e pe' te.

Filippo......Pe' me, uèh ma ce t'à ditte ca' 'a vògghje(volere) fa' fenite ?

Amalio.....Ma non ce bisogno di dirlo,si capisce, che vivi a fare,Filippo tu sei un peso morto!

Filippo.....Pe' mo' so' ‘nu pese vive e accussì vògghje remanè!

Amalio.....Bèh mo’ avaste, no' me fa perdere ‘a pacenze tine(tieni) a quà e sparate ...(girano

                intorno al tavolo)

Filippo.....No no, Amalio ti prego no,aspetta no' sparà ( si ferma e sente che qualcosa gli è accaduto

                nei pantaloni )'u stè sapeve...torna in te...torna sui tuoi passi , torna alla ragione,torna...

Amalio....Torna a Surrinte, te stè pigghje paure, eh si forse hai ragione meglio se non lo fai...

 

Filippo......Ahhh...e tande ce vuleve a capirle...

Amalio......Ti sparo io,firmete no' me fa' sbaglià,jsse fore ( Filippo sotto il tavolo piange ) no me fa'

                  sbaglià ca' posse culpì 'na jamme...

Filippo.......Amalio ma se ti dispiace colpirmi una gamba perchè mi vuoi uccidere?

Amalio......Non la tua...'a jamme du' taùle e srocreme m‘a mette suse 'o cunte ( Filippo fa’ per

                 svignarsela ma…) fermete …ma piccè stè camine accussì ?

FIlippo......No ninde, m'assute 'nu delore...

Amalio..... E tutte 'na vote...ma ce sendute 'na fitta secca?

Filippo......'Na fitta vagnàte(bagnata)...va bene Amà live 'sta pestole da minze...m'è convinte...

Amalio......Di fronte a buoni argomenti di persuasione prevale sempre il buon senso,mo' sinteme

                 sane, domani parto con Irene,sai il solito viaggio…

Filippo....Quindi al massimo fra tre giorni sei già qui,ma scuse famme capì, ce partite a fa',

               turnate chiù arrajate de prime,comunque non riuscirò mai a far innamorare tua cognata

               po' stè  srocrete,no no è troppo difficile.

Amalio....Ma provaci Filippo provaci ,vedrai sarà  facile ho pure studiato il piano.

Filippo......Non vedo cosa centra la musica.

Amalio.....Ma ce museche, ho già preparato il terreno,ho parlato di te e stavano a bocca aperta,

                ti vogliono conoscere, domani in viaggio gli manderò un telegramma a nome  tuo, tu

                avine prime de Natale e te presente.

Filippo.....Fin quà è facile....vengo prima di Natale e mi presento ...piacere Ricotta Filippo e po’?

Amalio......A quà te vuleve, quì ce la trovata ,solo Ricotta Filippo non basta,per loro ci vuole

                 qualcosa in più di un semplice Ricotta...

Filippo......E ce volene 'a recotte asckuànte(piccante)?

Amalio..... Il titolo,vogliono il titolo nobilare e quì entra in ballo indovina chi…il marchese!

Filippo......E ci è ?

Amalio.....Sei tu, il marchese Filippo Ricotta che torna dai suoi possedimenti , per porgere i suoi

                nobili auguri di Natale ad un caro e vecchio amico,non staranno più nella pelle.

Filippo......Ie fazze 'u marchese, ce cape ca’ tine…ma vestito così non avrò molto credito.

Amalio...L'abito non lo fa il monaco, per loro è il titolo che conta...il titolo,devi solo stare in guardia

              dal conte Babbà,il fratello della contessa,veri nobili ma senza na lire,cu' ‘a scuse de' lezioni

             private di comportamento e portamento blasonico s'azzettene a tavola  tre vote 'o giurne.

Filippo.....No' parlame de tàule(tavolo) ca' stoche a' disciùne(digiuno) da jere matine.

Amalio....Perciò datte da fa'...ma ce fizze (puzza) ca’ se sente …ma da do' avene?

Filippo.....Da fore !

Amalio....Filippo, ci prenderemo tutto ed io sarò il  padrone,naturalmente a te 'i box non li leva

               nessuno ( e mentre lo accompagna alla porta )Felì come te mueve se sente ‘u fizze

               da te ste jesse?

Filippo....Fizze, ma ce fizze...quiste è 'nu profume nueve ...'na fragranza de...

Amalio.....De cesse!

Filippo....Già, de cesse,Amà ho cercato di stringere di mantenere  ma ninde da fa'…ho ceduto

Amalio....Scuse eh, ma ce stè a disciùne da jere matine ce t'à fatte male?

Filippo.....Ce m’à fatte male 'a pestole !

I due con frasi a soggetto escono di scena. Dalla penombra serale si passa al buio notturno  poi la luce mattutina illumina il salotto di casa Mariotti,arredato con mobili datati ma tenuti con  cura,un’albero di Natale fa bella mostra di sé.Aspasia Carrino vedova Mariotti,benestante, ha il pallino del titolo nobiliare,lei che nasce povera e di cultura poco acculturata. Su consiglio  della contessa Wanda,per migliorare il suo grado di cultura, è alle prese con un cruciverba. Le due figlie vivono con lei, la primogenita Irene, col marito dott. Amalio Pisco,giocatore accanito e perseguitato dalla sfortuna ben disposto verso il gentil sesso,dopo l'ennesimo litigio sono in gita riconciliatrice, fallimentare come al solito,poi ce Cristina, alla ricerca del tipo giusto, blasonato prima di tutto.  Al piano di sotto abita,col fratello,conte Babbà,la contessa Wanda dei FortePennacchi,vedova alla fame.

Entra Aspasia con penna e cruciverba ....

Aspasia...Cristina, sbrigati ca' mo' arrive 'a contesse è ‘ste parole no’ l'agghje fenite, come

                so' difficile, e ce sapeve ca' le nòbele sapene fa' tutte ‘ste cose,dizione, portamento

                ce furtune nascere nobile col casato....io purtroppo àgghje nate scasata,ma come se

                dice "non'è mai troppo tardi"ed io non sarò una tardona,ce la farò anzi ce la faremo è vero

               Cristìna, Cristìnaaaa e respunne a mammà,in questa casa tutto parlerà di nobiltà, si sentirà

                anche nell'aria è vero Cristina …e da' 'na voce a’ mammà…

Si sente il rumore dello scarico

Aspasia.....Ecco…’a voce da' nobiltà,Cristinaaa...

Entra Cristina  con un puzzle fra le mani

Cristina......( Entusiasta )...Mammà 'u se' ca' l’àgghje finite?

Aspasia....Nonge 'u sapeve ma l'àgghje sendùte(sentito).

Cristina....Ma stoche a parle de quiste ( guarda il puzzle e con orgoglio…)ho sbattuto ma finalmente

                agghje fenite  de fa 'u puzzle !

Aspasia....E ringraziame 'a Madonne senza 'a mane sòje(sua) no' sime ninde, e mo' 'a ventre(pancia)

                 t'a sinte(senti) chiù sgonfie?

Cristina......Ma ce ventre,' u pùzzle, il gioco d' incastri...quidde c'aviva fa' tu.

Aspasia.....Ma cu’ tutte le còmpete ca’ me de' 'a contesse come fazze, stanotte àgghje studiate le

                  vocali, due ore di sonno perso, però mo’ …ah 'u sapive ca' so' cinche?

Cristina.....’U sapeve ‘u sapeve!

Aspasia.....E qual'è 'a prime?

Cristina.....Come quale, la " A "  po' me pare c'avène o la  "E " o la “ U “…

Aspasia.... E dice ca ‘u sapive?

Cristina….E ce agghja ditte “ ’u sapeve ” po’ me n’agghje scurdate.

Aspasia….E’ sbagliate pure ‘a dizione, la "E" non si dice " E " ma si dice "E " ( allunga gli

                  angoli della bocca come in un sorriso ) devi allungare gli angoli della bocca fino alla

                  punta delle recchje così EEEE…stè sinte…. queste si capisce ca’ è ‘na E !

Cristina.....Insomma ogni "E " m'àgghja fa 'na resate.

Aspasia....'A resate m’a fàzze (faccio) ije, ‘stù pùzzle dope n'anne e minze l'è fenite...

Cristina......E ce jè n'anne e minze, na' vide ce dice a quà sùse,( sullo scatolo ) da tre a sei anni .

Aspasia...  E ‘ste parole dei crociati, ma com'è ca' no' me ne trase une…na' sinte queste, uno

                  orizzontale non vedente…"morto"…macchè nonge trase,… "costruisce forni”…

Cristina......Queste è facile, costruisce forni …" fornicatore" vide trase?

Aspasia... Famme vedè,no e' sbunnàte(fuoriuscita) come so' difficile,... gire 'u sughe !

Cristina.....Gire 'u sughe, gire ‘u sughe....e quanta parole so'?

Aspasia....Ma ce parole,va' gire 'u sughe cu' no se juscke(brucia)...attore di prosa...prosaico,macchè,

                 accedente a jèdde(lei la contessa) e addò stè appoggiate!

Cristina.....(Rientra ) Mammà,stanotte non ho dormito, pensavo, pensavo chissà come sarà?

Aspasia....E come sarà,esperto non'è ma n’u tenìme 'u stesse, addò l'acchiàme notre ,oh con

                 questa servitù no' se stè chiù secure,dopedemane è natale stonne tanda cose da fa'

                 e quidde ne’ lasse accussì ,tutte ‘na vote,almeno ‘nu preavviso,da Letizio no' me

                 l'aspettave proprie eh…a’state  proprie 'nu cafone...

Cristina.....E come puteve avvisà, quidde puveridde o' spedale arrevate muerte.

Aspasia.....E ce vuol dire, prime ere vive, furtune ca' don Settimio ci manda questo ragazzo di

                   fortuna, non è pratico non' è ancora un vero domestico...

Cristina.....E ce face l'addomestichiamo noi,comunque ste’ parlave del marchese Filippo, l'amico

                 d'Amalio,mammà ci pensi un vero marchese.

Aspasia...Ce furtune ca’ tenime,me raccumanne Cristì,e uàrdeme Cristì,na' vote ca' mette 'u pède

                a quà  intre non ce lo facciamo scappare,tratteniamolo,incastriamolo,incateniamolo…

Cristina...Sine mammà sine…è successo tutto così all'improvviso... sembra quasi spuntato da...da...

Aspasia...Da n'ove de pasche,quel  porco di tuo cognato questo non ce lo doveva fare,com'è

                tène n'amiche marchese e s’u tène astepate(conservato) e i marchesi mica sono funghi.

 

Cristina.....Tu dici Amalio e sòreme(sorella),Irene mu' puteve pure presentà prime,quiste è ‘nu tuèrte

                  (torto)belle è buene.

               

Aspasia.... Esagerata, un torto, un tortellino,ma po'ce vuè da Irene, bella de mammà,ce po' fa', il

                  porco  la tiene oscurata , però devo dire che mi fa piacere, si, 'a prima vote ca' qualche

                  cosa ca' tène a ce fa' col porco di tuo cognato ca' me face piacere,a proposite Cristì,

                  so' già tre giurne ca' stonne fòre e tutto tace,se vede ca' 'u cicle de rusarie c'agghje

                  fatte  accumenze a fa' effette.

Cristina....Come 'na sckàtele d'antebiotece, ci vuole solo buona volontà,Irene a tene 'a volontà?

Aspasia.....Sòrete a state sempre volontarie però è 'na jòjja(stupida) !

Cristina......Irene è ‘na martire!

Aspasia....’Na martire jojja, e nonge 'u lasse eh…lo ama...lo adora,e ce l'aveva dicere c’aveva fà

                 stà fine,un nobile si doveva prendere…un nobile!

Cristina......Dopotutto Amalio è un medico, no’ t’ù scurdà poi purtroppo è stato travolto dalla vita.

Aspasia....'Nu trene  l'aveva travolgere e sòrete pigghjàve(prendeva) pace.

Cristina.....Però tu con Amalio non essere sempre così brusca,peggiori la situazione.

Aspasia....Si è vere, sono un po' bruschetta, ma s'u merite, e tu  me raccumanne famme ‘stù riàle

                 (regalo)pìgghjete ‘stù nobile, è il sogno che io non'ho mai potuto realizzare,ora vedo in te

                 quello che cercavo per me,prendi questo titolo...intitoliamoci,comunque a te 'u frate

                 da’ contesse no' te piace proprie?

Cristina.....Chi Babbà? Ma famme 'u piacere,avrà il titolo ma pare 'nu muerte vivente.

Aspasia.....Comunque  sempre conte so'...decadute ma ancora in attività.

Cristina.....Ma lo sai mammà, il mio prototìpo di uomo è un'altro,deve saper essere sia uomo che

                 bambino...caldo... freddo ...dolce...

Aspasia....'Nu semifredde...ti devi saper accontentare tu bella mia sei troppo sergente.

Cristina.....E fammi esprimere il mio concerto, io voglio un uomo per fargli da sposa,da madre,

                 da sorella, da...

Aspasia....Da nonna,ma ce ste dice,ci vuole solo un' uomo che, questo sì,ti deve saper tutelare.

Cristina.....Tutelare…e con Babbà chi mi tuta?       DDRRIINN campanello d’ingresso

 Cristina apre ed entra la contessa, abiti da nobile ma che ormai denotano una vistosa usura

Cristina....Contè bongiorne, accomodatevi,mammà la contessa Wanda dei Forti Pernacchi

Contessa...Cristì, so' tre anne e ancore 'u nome nonge 'u'ndrizze,Contessa Wanda dei Forte

                  Pennacchi,me sape ca’ tu sfùtte, e come no…ma no' jè c'àgghje(sono) venute preste?

Aspasia......So’ tre anne ca’ dicite sempre 'a stessa cose...

Contessa....E che non vorrei dare fastidio, mi sentirei male, se è così ditelo che me ne vado.

Aspasia......Ma poi tornate?

Contessa....Più tardi...

Aspasia......E allora remanite,e il conte Babbà ha dormito o la solita insonnia ?

Contessa....Babbà è un'uomo così sfortunato,  però forse sarà fortunato in amore...che dici Cristì,

                   sarà fortunato ?

Cristina.......Facitele sciucà (giocare al lotto) do' numere e lo scopriremo subito!

Contessa....Sempre speretose 'a uàgnedde(ragazza).

Cristina.......Ma com'è ca' no' s'a spusàte è belle granne?

Contessa...Colpa delle malattie, la prima lo colpì durante lo sviluppo, la tubercolosi, 14 anni di

                  cure, po' na' malatie rete all'otre e il tempo è passato fine a mo' e ringrazianne Die, stè

                  nu' picche megghje, pinse ca'stanotte avute n'attacche, oh quello non respirava, non

                  parlava ma  cu' 'nu file de voce e tanta sofferenze diceve " Crist..Crist..mie..no' riuscive

                  a fenì ‘a parole ma si capiva, " Cristina mia "diceva...mo' se stè face belle pe’ te... bèh

                  e stamatine nonge l'avite fatte ancora ?

Aspasia......Come no, 'na mezz'oretta fa'.

Contessa.....E no' n'à remaste?

Aspasia.......E no ,àgghje(ho) teràte 'u scareche.

Contessa....E questo è il muro invalicabile dell'ignoranza che non potrete mai scavalcare manghe

                   cu’ 'a scale, stoche a parle d'u cafè,non'è che voglio approfittare ma quando finisce...

Cristina......(Fra se) S'accàtte(compera) l'òtre, vado a prenderlo...( esce )

Contessa....Potrei prenderlo al bar, ma po’ vu’ ce avita dicere, “ E’ viste ‘a contesse, ‘u cafè no’

                   s’ù pigghje chiù a qua, ce sape ce l’amme fatte, no no…state tranquille, e poi è una

                   questione di gusto,io  devo dire la verità  preferische quidde fatte a case.

Aspasia......A casa meje!

                                        

Contessa....Mi dovreste essere grati per quello che faccio per voi...

Cristina.....( Rientra )Ma lo siamo, anzi vi saremo gratinati per sempre è vero mammà?!

Contessa...(Prendendo di nascosto una mela dal vassoio)…Non so' cosa mi trattiene in questa casa.

Cristina.....(Mette lo zucchero ) Sempre quattro e una puntina?

Contessa...(Mettendo la mela in borsa)Sì grazie, 'a vite è accussì amàre,pe’ piacere gire nu' picche.

 

Cristina gira su se stessa

Aspasia......( vede Cristina girare )...Ma ce ste face?

Cristina.......M'a ditte gire 'nu picche(poco) ce tenghe qualche cose rete?

Contessa....Si pegge de mamete, gire 'u cafè.Cosicchè stamatine abbiamo visite di riguardo, un

                   marchese( ride con sarcasmo ) il famoso marchese di cui tanto si parla...

Cristina.......E ce stè da ridere,comunque contè voi che siete una mondana …

Contessa.....Ma ce mondane, una donna di mondo, chiene d’esperienze chiene de classe…de..

Cristina......De dìbete(debiti),me serve 'nu cunsiglie, che dite mi vesto in bianco  in rosso o in verde?

Contessa....Mittete 'na bandiera, pe' Babbà mie stè sempre come sia sia no’ ne tine pensiere.

Cristina.......Contè pe' Babbà 'nu càmece da 'nfermiere m'àgghja mettere.

Contessa.....Ma ce colpe le putime da' ce 'a nate nu' picche defettate,comunque non morde e poi

                    gli attacchi gli prendono solo con la luna piena.

Aspasia.......E' lunatico?

Contessa....E' influenzato dal flusso lunare, non'è una vera è propria licantropia, il pelo non è

                  molto, si gonfia questo si,po' la passe, gli devi soltanto togliere la dentiera potrebbe

                  mordersi la lingua,  tutto quà, per il resto sappi che prende le medicine, ma col tempo

                  chiane chiane po' essere ca' nasce 'a simpatie po' l'amore,come se dice 'u pennidde

                  pile pile se face, mo' stè 'stu marchese, è un'occasione come tante e tutte perse, come 

                  l'ulteme ca è pruate...

Cristina.....'U chiaùtare?! Non era male,ma io contè non cerco denaro, lo sapete il contro corrente

                  è gruesse...

Aspasia....Non era nobile, e questo non gli pendeva dalla bilancia, però piaceva , forse un po'

                 basso vero Cristì ?

Crsitina.....Bèh per un’uomo un metro e 42 è poco, però con due bei tacchi...ma com’ era magro.

Aspasia...Perciò sembrava slanciato,così simpatico con quella bella macchina luuunga, un bel

                grigio metabolizzato, mi feci apposta uno schiffon color perla per sintonizzarsi  bene,oh tutti

                mi guardavano ti ricordi?

Contessa..E pe’ forze,parive 'nu sedile c’ù cappidde!

Aspasia.....Quante passeggiate, non capisco perchè al nostro passaggio la gente si grattava…

Contessa....Ah no,ca' ce ve purtave a passegge cu’ 'a machene de l'onoranze funebre.

Cristina.......'Na passeggiate cu' quedda machene  prime 'o poi sa fanne tutte!

Contessa.....Cristina lasciamelo dire  sei cinica.

Cristina.......Ma che dite, a me 'u cineme no’ me piace...( esce  sdegnosa )

   

Contessa....Ah la gioventù,   ( sorseggia il caffè guarda l'albero di natale ),e arrevate notre

                   Natale Aspà, notre Natale in solitudine, e ‘a notte come se sente , mi perseguita…

Aspasia.....No me ne parlate,’a canosche bone,da quanne ‘a bonaneme de Carletto m'à lassàte

                  m'avene a trove tutte le sere...le recorde servene sule a farte sentè chiù sole...

                   

Contessa...Io per dimenticare  ho tolto subito tutto quello che apparteneva al povero Asdrubale

Aspasia…..Noooo…troppo presto, le cristiane po’tàgghjene(sparlano).

Contessa....Se face preste ‘a tagghjà, ma ‘u sapene c’ àgghje mantenute il lutto intimo.

Aspasia……E quello non passa mai,l lutto intimo rimane dentro di noi…

Contessa…Ma ce capite, me mette sempre ‘u mutande gnùre(nero)…a proposite  'u se' ca’ stanotte

                   m'agghje sunnate ‘a bonaneme de mariteme...

Aspasia......Nooo, na' ce me ste dice...e come stè?

Contessa....L'ho trovato bene, stava completamente nudo cu' le mutande 'ngape.

Aspasia......Esibizionista...

Contessa....Mi guarda fisso tòcole(muove) a cape e dice" Ce curagge c'agghje tenute " e svanisce,

                   ce sape  ce vòle dicere ?   

                    

Aspasia... Te uàrde e dice "…ce curagge c'agghje tenute " e chidde 'a veretà dicene, ie a Carlette

                 'u tenghe in cornice suse ‘o cummò, mi fa ‘un effetto strano, di giorno no, ma di notte, oh

                 contessa mia sarà ‘u pensiere ma dentro di me si scatena un desiderio che non vi dico.

Contessa…No ste bisogne de dicere,’u tenghe pure ie ‘stù desederie …e no’ sule de notte.

 

Aspasia…..E brave a contesse, le piace fa l’ossesso!           

Contessa....Si, sono molto ossessiva....                          DRINNNN( telefono)

Cristina.....(Rientra col vassoio di crostata e mangiandone un pezzo risponde)…Pronto, uh…

                  mammà Irene è !

Aspasia.....Belle de mammà....addò stonne....stè bone...addùmmànne(domanda) ?

Cristina.....Come stè Irene....a ditte ca’ stè azzettate.

Aspasia.....E ce tenghe do' figghje ...do' jojje ( stupide) de salute come stè ,l' ha picchiata ?

Cristina......Irene sei picchiata....ce cose... ce ditte ....no' se sente...è disturbata...

Aspasia.....Ste disturbate...dille  cu' se pigghje 'na bustina fosforescente...

Contessa...Ma la linea è disturbata, e strano che volino c'erano gli scioperi col singhiozzo, che

                  portano ritardo ?

Cristina....Che portate ritardo, si sono ritardati, Irene me raccumanne no' t'affaccià 'o finestrine

                ah state in aeroporto,ciao Amalio,no ancora no,il telegramma si è arrivato,mo’ sto' in ansia

                che vuoi un 'uomo maschile in casa …ahh…Gesù chi ha sparato....ho sentito uno sparo

               ...sei stato tu..è stato Amalio...

Aspasia..... 'U sapeve ca’ prime o poi me l'accedeve...Ireneee...assassine....assassine...'u vogghje

                   vedè suse 'a sedie elettroniche....

Cristina......Non'è uno sparo...ah no, Amalio a' fatte 'nu pallone cu 'a giungomme…pronto pronto

                  a cadùte.. ( da un morso alla crostata )

Aspasia......E ce s'à fatte addùmmànne...

Contessa....'Na panocchie…(bernoccolo)  è caduta la linea, si sarà interrotta.

Aspasia.. .. Ma ce stè face ,te stè mange 'a crostata…'u se'(lo sai) ca’ te face male.

Cristina.......Me piace mammà.

Aspasia.......Po' no’ te lamentà ce te jèssene(spuntano) le bufale...

Contessa.....Le besonte...i brufoli...avite sciute 'o dermatologhe?

Cristina.......Ma ce dermatologhe....dal dottore della pelle.

Contessa....Ma è lo  stesso.

Cristina...... Contè no’ jè 'u stesse àmme sciùte(siamo andate) da notre.

Contessa....Oh mamma du' Carmene a qua se jèsse pacce...e ce t'à date ?

Cristina.....'A creme tre vote 'o giurne,pe’ me no’ capisce ninde, à ditte: " Signorina le cose dùce

                 (dolci) ve fanne  male " e po' me de' 'a creme...no jè megghje 'a crostate.

Contessa....Aspà tène ragione, come se face a resistere è ‘na delizia, e po’ ce le po’ fa’ ‘nu

                   stuèzze de crostate.

                  

Aspasia.....No no,Cristìna avàste cu' crostate…i crostacei ti fanno male!

DDDRRRIINNN.....porta d'ingresso....Cristina và ad aprire e rientra con …

Cristina…..Contè ,vostro fratello Babbà…

Entra il conte Babbà, uomo dai modi e voce molto gentili. Stravolto per la nottata passata.

Babbà......Bongiorne a tutti,Cristì te vuleve da' l'augurie....buon natale....( e bacia Cristina )

Cristina....E avaste Babbà e ce tine nu' stappalavandine ...( si pulisce la guancia)

Babbà.......Ma è pe' farte sentè l'affette...

Cristina.....Tu me face sentè le vàve...(saliva)

Babbà.......Pensave ca' n'augurie te faceve piacere.

Cristina.....Da' Madonne ca' me ste'de' l'augurie de Natale.

Babbà.. ...Ma ce te doche fastidie, si forse è ragione,cu' l'augurie de Natale agghje esagerate.

Cristina.....Ah, sia ringraziate Die...

Babbà...... Te le fazze pe' capedanne...

Contessa...Cristì, ca' n'augurie te stè face, pinse a quanta vote t'à chiamate stanotte.

Babbà........Ie l'agghje chiamate... e quann'è ?

Contessa.....Nel dolore, nella sofferenza ,dicevi”… Crist..Crist mie...”non riuscivi a parlare ma si

                    capiva che dicevi “Cristina mia...”.

Babbà....... Ma ce Cristina, ie diceve “Criste mie aiuteme tu”.

Cristina ......Ah ah ah,Babbà te piace come àgghje(ho) addòbbiàte l’albere de natale...

Babbà.......E accussì me sente stamatine,addobbiato,ce fiacca  me stè gire pure 'a cape...

Contessa...E colpa della dieta,  ti ho detto che la dieta non la devi fare...

Babbà........Ma quale dieta ie stoche a fazze 'u disciune, agghje fatte 'u training ma ninde da fa'.

Contessa…Non mi dire che in questo stato è fatte a sedute de yoga..( Babbà vorrebbe parlare )    

                   no’ me dicere ca è fatte 'a sedute...Babbà no’ mu’ dicere...insomma a parlà!?

Babbà.......No’ mu’ dicere no’ mu’ dicere e mo' 'u vole sapè,si l'agghje fatte, mi rilassa mi aiuta a

                  raggiungere un'equilibrio psicofisico standard, un controllo totale della mente sul corpo

                 ...il motto è" mens sana in corpore sano " mi ripeto " io mi sento sazio....io mi sento

                  sazio...." e alla fine mi convinco ...

Cristina....La scienza non ha limiti, con la sola forza di volontà uno si convince di essere sazio.

Babbà......Ce capite, mi convinco ca è ‘na studecarie, ho fatto pure la posizione 13 di yoga ma nonge

                funzione...                    

Contessa...La tredici, ti ho detto che quella a testa in giù ti fa male,te ve' tutte ‘u sanghe 'ngape.

 

Babbà.......Tutte 'u sanghe 'ngape...e ce stoche in piedi  me ve' tutte intre alle piede ?

Contessa....Ma quante è stuèdeche(stupido)....che sono vuoti i piedi ?

Babbà.........Insomma và dove ce il vuoto,e allore mo'  tenghe 'u stomache chine de sanghe...

Aspasia.......Babbà queste è fame , ma ‘a matine  nonge face colazione ?

Babbà........ Come no,tutte le matine mi bevo due bicchieri...

Aspasia...... E face buene,’a matine do' bicchiere de latte so' de sustanze...

Babbà........Ma ce latte, do' bicchiere  d'acqua.

Contessa....Quella sazia e non gonfia,ti depura,il corpo umano è come una pianta, è costituito

                   per l'80 per cento da acqua e per non seccare  bisogna annaffiarlo.....ce ste face mo'

                   ce stè treminde ?

                     

Babbà........(si guarda addosso) Ce me stè jesse qualche radice.

Cristina.....Na', no ' fa' cumpleminte pigghjete ‘nu stuèzze de crostate...

Babbà..... No grazie, so’ allergiche al gluteo, e st’ulcere dueadenare stamatine me sente 'u fueche.

Cristina.....Vuè ‘nu bicchiere d'acqua …?

Babbà.......Avaste cu’ l'acqua, scioglie i sali che mi scatenano la bigotta...

Contessa...La bigotta , Babbà la gotta!

Babbà........A ‘nu piede, mo' a tenghe a tutt'è doje.

Contessa....Pe’ frate tenghe  'na cartella cliniche, bèh a ce ore arrive stu' marchese ?

Cristina..... Arriverà arriverà,nel telgramma non dice l'ora ( mette mano nel mobile )...ah ecco

                 "Carissimo,dopo ricevimenti alla corte di Spagna, Svezia e PoloNord, vengoti a voi per

                  necessito riposo...stop... leggiadra accoglienza accògliomi o accogliòmi  in vostro giardino

                  con rosa da cogliere, ce poeta no?

                                                                     

Contessa...Chiù ca’ marchese me pare nu' giardeniere.....   DDDRRRIIINNN porta d’ingresso

Cristina......Ahhhh....ahhhhh.....( L’emozione)

Aspasia….Ahhhhhh…..ahhhh…( come sopra )

Babbà.......( Si spaventa ).....Ahhhhh...( semisvenuto a braccia e gambe aperte  )

 

Contessa.....Babbà parla , accussì m' u facite murè...pigghjate ‘nu bicchiere d'acqua.

Babbà........ Avaste cu’ l'acqua !

Cristina......Chi è ?

    

 Fuori  scena ...Sono  Marchese....il sig. Marchese.

Cristina......Oh Madonna meje ,arrevate,mammà me voche a cange…ce emozione…( esce )

Aspasia......Si si un momento,...contè pe’ piacere aprite voi io potrei svenire…

Contessa....E come fazze no’ vide a Babbà in che condizioni stè...

Aspasia......Dalle 'nu bicchiere d'acqua ca’ se repigghje.( va’ ad aprire )

Babbà........Avaste cu' l'acqua, Wanda tenghe 'nu presentimente...

Contessa...Qual'è ?

Babbà........C'agghje murè affugàte!

Contessa....Uèh cape stuè quanne t'a da' da fa', mo' quist'otre adda pruà(provare).

Babbà........E ce so' melùne !? ( Meloni)

Contessa....(Prendendo un’altra mela) No mele ! Speriame ca' stu’ marchese non gli va’ a genio ma

                   tu datte da fa',te dicive fa' ‘u piccine, vèstite da marinaretto puèrtele 'nu lecca lecca po'

                   essere ca’se'nnammore e tu manghe pa’ cape.

Babbà.........Ma piccè agghja fa ‘ste cose?

Contessa....( Prendendolo per il colletto della giacca ) Come piccè...tene le solde...

Babbà.........Wanda lasse perdere, Cristina no jè ca me 'nteresse tande.

Contessa....Ma ce ste dice....ma te piacene le femene o no ?

Babbà.........A periode.

Contessa....A periode...e forse so’ le malatie, ma perchè non gli piaci perché,fatte  vedè, girete ‘nu

                   picche…’u se’ ce a fa’ cànge pettenate(cambia pettinata).

Pompeo è giovane, modi ed abiti delicati.L'impermeabile bagnato dalla pioggia

Pompeo … ( Con voce molto bianca)…E’ permesso ?

Aspasia.......Prego accomodatevi.

Pompeo....Grazie assai,che tempaccio che tempaccio e il freddo che fa' brrrrr,sono tutto indirizzato.

Aspasia.....Ma toglietevi l'impermeabile,quest'anno caro marchese avremo un natale in umido...

Pompeo....Cu' le patàne...che siete esperta di stagioni?

Aspasia.....E bèh, con l'età un po' stagionati si diventa,che fà piove a dirotto?

Pompeo.....Un dirottamento, un vero naufragio,(imitando con le dita l’acqua che gli colpisce il capo )

                 … ticchete ticchete ticchete tà...tutte 'ngape l'agghje pigghjate !

Babbà........(Dispiaciuto ) Ce peccate...( fra i due nasce il feeling)

 

Pompeo.....( A Babbà )E  voi caro, avete mai visto tanta acqua ?

Babbà.........Tutte le giurne!

Aspasia......Permettetemi di presentarvi la contessa Wanda dei Forte  Pennacchi e suo fratello

                   Il conte Babbà.                      

Babbà.......Babbà è un diminuitivo,viene da…da ,oh a furie de Babbà m'agghje scurdate 'u nome

                 Wanda da do' diminuisce stu’ Babbà ?

Contessa...Da Babbiòne( cretino)…da Bartalo...

Pompeo.....Ah Bartalo l'amico di Coppi, il ciclope,che carino, siete proprio un bell'uomo ma che occhi

                   roooossi...che sei in calore?

Babbà……No, è la congiuntivite.

Aspasia.....Signor Marchese accomodatevi... possiamo offrire qualcosa da bere.

Pompeo.....No grazie..bere fa male.

Babbà........A chi lo dite...

Pompeo.....Sono astemio e voi?

Aspasia......E bèh,ògne tande 'na jasteme( bestemmia) me scappe...ma ninde proprie ?

Pompeo....Bèh magari un bicchiere d'acqua...e voi caro Babbà  niente acqua ?

Babbà.......Come no, sto proprio seguendo  una cura idrica.

Pompeo.....Ma che bel ragazzo,che fisico, scommetto che fai sport acquatici .

Babbà........No,ie m’affoghe intre a ‘nu bicchiere d'acqua, e cu’ no’ m’ affoghe m'a beve...

                     

Pompeo.... L'acqua non ha mai ucciso nessuno.

Babbà......  Non'è detto ,ce continue accussì qualched'une l' accide.

Contessa.....E allora caro Marchese  conoscete i Forte Pennacchi ?

Pompeo....Come no, signò quànn’èsche(esco) de case otre ca’ forte pernacchie, 'na serenate

                 de pernacchie…

                            

Cristina......(Entrando )…Buongiorno...

Aspasia.....Eccola, guardate il fiore di mammà...una rosa da cogliere...muèvete Cristì...che

                  portamento da regalo,studia da contessa,è aspirante marchesa con predisposizione

                  a principessa...

Cristina......Mammà ti prego,scusate esagera sempre,Cristina Mariotti signorina dalla nascita...

Contessa...Cu' 'a predisposizione a signora...

Cristina......Che emozione visionare un vero marchese,immagino che dopo tanto viaggiare sarete

                  stanco...

Pompeo....Si molto...agghje venute a piedi...

Cristina.....A piedi....ah avete fatto un voto,e venite dal Polo Nord o dalla corte Svedese ?

Pompeo....Venghe da parrocchie ma fiammiferi no' ne tenghe...

Cristina.....Quest'anno avremo un Natale in bianco ma per voi abituato al freddo della corte 

                 del polo nord che sarà mai,cosichhè siete  marchese?

Pompeo.....Dalla nascita.

Contessa...E ditemi la vostra famiglia da quale ramo discende ?

Pompeo.....Da che ramo ? Ma sicuramente da un ramo secco.

Contessa...Ah un ramo unico... non vi siete fusi con un' altra casata ?

Pompeo.....Non ne tenemme besogne ,in famiglia siamo tutti fusi!

Contessa...Insomma in famiglia 'u tenite 'u blasone o no ?

Pompeo.....Come no,mio fratello Riccardo...tene 'nu nasone ca’ face paure.

DDDDDRRRRIIINNNN...La porta d’ingresso.

Cristina….Sarà il nuovo cameriere…

Babbà …..Voche ie Cristì…

Pompeo....Notre cameriere ...scusate ma  de quanta stanze è sta case ?

Aspasia.......Dudece più il piano artico.

Entra Babbà che scambia  Filippo per un mendicante.

Babbà....Aspettate quì buon'uomo...ce tenite do' spiccele pu' cristiane...

Filippo....Vi ringrazio ma non posso accettare oggi non sono in servizio.

Aspasia...In servizio...allora si tu quidde ca’ ste aspettàmme(aspettando)?!

Filippo.....Si, l’atteso sono io!

Aspasia....Finalmente è 'rrevate, ah la servitù,noi non siamo fortunati con i camerieri pensi che

                 in tre mesi …tre.

Pompeo....Ma no’ se truàvene buène ?

Cristina.....Benissimo ,ma di fronte al destino che possiamo fare,se ne sono andati all'improvviso.

Aspasia....Po' sotte alle feste è difficile trovarne uno, va' intre a cucine e accuminzete a orientà...

Filippo.......No stè besogne, intre alle cucine m'oriente a uècchje achiuse.

Cristina.....Prima asciugatevi  state tutte spunzàte…( bagnato fracido)

Filippo......Cu' l'acqua a vinte e difficile ripararsi, però ho avuto un'idea, mi son detto se continuo

                a camminare mi prenderò tutta l'acqua che ce fin quà da voi e allora ho pensato bene di

                fermarmi e prendere solo quella che cadeva li' .

Cristina....Sembra di sentire parlare mio cognato Amalio...

Filippo......Amalio è vostro cognato...e allora voi siete Clistere?

Cristina.....Ma ce clistere, Cristina !

Filippo....  Scusate, sono confuso, Amalio non mi aveva detto che ha una cognata cosi bella

Cristina.....Amalio....conoscete Amalio....ma orsù dunque parlate  voi chi siete?

Filippo......Io....io sono Filippo Ricotta cioè il marchese Filippo Ricotta...

Aspasia....Notre, e ce ste n'invasione de marchese,scuse se' ma tu si marchese ? ( a Pompeo )

Pompeo....Pompeo Marchese fù Cataldo e Cacciotta Maria...mammà!

Contessa...Ma  allora tutto si spiega,si tratta d' un equivoco...quiste è 'u cameriere.

Aspasia.....Menu male ,stè diceve quiste adda essere 'a sore du' marchese.

Pompeo....Ma diciteme 'na cose ma 'ste cameriere  se n'anne sciute senza preavvise.?

Aspasia.....Purtroppo si, sono morti all'improvviso...tu de salute come ste'...

Pompeo.....Buene signò....( fa le corna )

Aspasia….E allora vieni con me  che ti mostro la camera…

Cristina.....Marchese vi presento la contessa Wanda dei Forte Pernacchi  e suo fratello Babbà....

Contessa...E dalle,Forte Pennacchi,dunque marchesi Ricotta ..Ricotta...mi pare di ricordare una

                  casata di Ricotta...ricordo che sentii una  storia da mio nonno, mi parlava di un vostro

                  trisavolo un certo Goffredo Ricotta detto il " Fino "  per via del suo fisico esile…

Filippo...... Ah come no, Il caro trisnonno Goffredo, si’ era esile, in famiglia siamo tutti esilaranti…

Cristina..... Amalio ci ha parlato tanto di voi, sappiamo tutto.

Filippo.......Tutto...vi ha detto tutto,signò scusatemi io non volevo ve lo giuro…l’ho pregato, Amalio

                  no me fa’ fà ste cose ma jdde ninde...sempre capa toste.

Cristina.......E ha fatto bene, s'immagini che leggendo le prime parole del suo telegramma

                   ho pianto...( prende il fazzoletto )

Pompeo......Marchese datemi  il residuato(riferendosi al cappotto ) che l'appendo...

Pompeo tira il cappotto di Filippo…

Filippo.......Attenzione, ce stè tire forte, se po' staccà 'a maneche, è un capo delicato...

Babbà.......Delicato, stu’ cose chine de pèzze...quiste è cunzemate.

Pompeo e Babbà ridono e si guardano maliziosamente

Filippo.......E quà lo volevo, voi mi direte che queste sono pezze,ed io dico si, so’ pezze, è chine 

                  de pezze ma ad un occhio profano, signora voi siete profana ?

Aspasia.....A me befane ?

Filippo......Ma no,ad un'occhio inesperto sembrano pezze,sono toppe, linea clochàrde, non sono

                mica messe a caso, in queste pezze ce una logica ,lo stilista sapeva bene dove metterle.

Babbà......Addò stave strazzàte uh uh uh…

Pompeo...Uh uh uh...ironico...!( malizioso )

                     

Cristina......Mammà perchè non facciamo visitare la casa a Filippo...uhh scusa mi sono messa

                  in libertà…

Filippo.......Ma figurati, è una casa grande?

Aspasia.....Grandissima, per pulire ce da farsi un mazzo così.

Pompeo.....Un mazzo così, e perché se ne sono andati ?

Cristina.......Marchese gradite un po' di crostata ?

Filippo.......Ma sapete ho appena fatto una colazione così abbondante...

Aspasia.....No no, un pezzo lo dovete assaggiare ...l'ho fatta io…

Marchese...Ah bèh, se l'avete fatta voi...

Cristina......Sai è una casa così grande ...dodici stanze...

Filippo.....( prende un pezzo di crostata l'assaggia poi uscendo prende tutto il piatto ) ..E ‘nu

                stanzine...( a se )

Escono tutti tranne La contessa Babbà .

Contessa…Babbà che te ne pare?

Babbà……. Bèh è proprio un bel ragazzo…

Contessa…Si si, però troppo casuals per essere nobile…

Babbà……Ma Pompeo non’è nobile…però è di buona famiglia.

Contessa…Babbà certe volte mi metti i dubbi…

Babbà. …E levateli, a me piace.

Contessa..Ma stoche a parle du’ marchese, me pare ‘nu muerte de fame .

Babbà……Muerte de fame ‘,e ce jè ‘u prime…è un po’ stravagante questo sì…

Contessa…Stravagante ma muerte de fame, lo sai  ca’ pe’ certe cose so’ n’esperte.

Babbà……E allora dovremo essergli solidali o no?

Contessa…Dici che dobbiamo essergli solidi,  vedremo, come se dice “ quànne squàgghje

                  ‘a neve…

Babbà….. Tutto viene a galla!

Rientrano i tre mentre il marchese lascia sul tavolo il piatto di crostata...vuoto.

Cristina.....Caro Filippo, mammà non ebbe tempo, si sposò troppo giovane, poi i figli la casa…

Filippo.....(Con la bocca piena)Eh cara Aspasia per me vi siete sposata troppo precocemente.

Aspasia.....Si è vero, mi sono sposata molto precotta.

Cristina.....Ma non dovete andare a far compere per domani, è vigilia , ci vorranno tante cose,

                 Io naturalmente non posso venire mi sento così stanca,resto in casa con Filippo.

Aspasia.....Ma certo, andiamo via subito....Marchese la lascio nelle vostre mani, mi raccomando,

                  una ragazza sola e indifesa ...

                     

Contessa....La maga Circe.

Aspasia......Cristina,mi raccomando.....mi raccomando.

Cristina......Sine mà...ce me po' fa'...( sottovoce )

Aspasia......E ce ste parle de jdde...si tu ca' fa'.

Cristina......Vai vai, (Escono)soli,siamo rimasti  soli,non so ma sento nell’aria come una musica come

                  dei trulli di tamburo( lui no )…ma è il mio cuore  che batte forte forte,Filippo questa musica

                  sarà la nostra colonia  sonora la senti si tocca con mano,tu non tocchi…ahhh…marchese

                  ma cosa fate ?

Filippo….Toccavo, ma non ti preoccupare vedi  ho i guanti grigi…

                  

Cristina…Non mi pare una buona ragione…

Filippo….Come no, il grigio va’ su tutto…ah ah ah…

Cristina....Ah ah ah…giocherellone, l'uomo così mi piace, a metà.

Filippo…Ti piacciono i nani ?

Cristina….Ma no,metà bambino e poi uomo e poi giocare e poi amare, amare giocare,la

                 vita così è ,un gioco che amiamo,ma si ci vuole un po’ di musica Pompeo provvedi la'

                 ce' l'impianto sterile,sai ballare,io vado pazza ( parte un lento balla da sola) ma mammà 

                 non mi lascia uscire , dice che si incontrano lupi affamti di sesso...

Pompeo....( Ballando da solo  )Tenete ragione,neanche io ci vado… tutti quei ragazzi...non mi fate

                  Pensare a cosa mi farebbero.

Cristina......( Ballando con Filippo ) Per caso conosci Fred ?

Filippo.........Fred chi ....Fred Bongusto...

Cristina.......Fred lo psicologo del sesso...

Filippo.......Ah Fruàid.....bèh...

Cristina......Ce una teoria sul bacio, la tua specialità è col succhio o col risucchio ?

Filippo........Cu' resùcchje perde 'u fiate…a ventosa.

Cristina...  A stappalavandine,come Babbà,Filippo chiudi gli occhi voglio mostrarti una cosa

                  (uscendo)  non fermarti balla...e non  aprire finche non  ti do' il permesso...

Pompeo vede Filippo ballare ...gli si infila nelle braccia.

Filippo.......Cara sei già tornata... posso aprire?

Pompeo.....Scccc....

Filippo.....Si meglio il silenzio, le silance,Cristina che bei fianchi, e che carne morbida, e questi

                capelli così lunghi(accarezza i capelli....troppo corti )..li hai legati,cara quello che accadrà

                fra noi mi fa paura...

Pompeo...E che sarà mai, mica ti mangio!

Filippo .....( apre gli occhi)...Madonna meje ...ce schife.... ma ce ste face ?

Pompeo....Ma ninde,mi sono lasciato prendere,sappiate che non cado nelle braccia del primo

                 venuto.

Filippo......Recuerdete ca no si 'na femene.

Pompeo....Pe’ ‘nu pile...( per un pelo )

Filippo.......Pe 'nu pile...pa’ varve ( barba)

Rientra Cristina con una corona sulla testa…

Cristina.....Ora puoi aprire...bella no,era della bisnonna ma fine a mo’ è rimasta vergine .

Filippo…..La bisnonna è vergine ?

Cristina....La corona,non vedo l’ora d’incoronarmi da’ marchesa,a proposito domani sei impegnato?

Filippo......No, ormai non'ho più niente da impegnare.

Cristina...  E allora vieni a cena da noi ne sarò felicissima ( lui accetta )dai usciamo andiamo

                 incontro a mammà la faremo felice…

Filippo.......E Amalio ?

Cristina.....Ma ce tempo, lo vedrai dopo...dai andiamo…( Escono )

Pompeo vedendo il cruciverba di Aspasia lo prende e...

Pompeo..Nido di vespe ...vespasiano ,...nàààà e com’è ca’ nonge me  trase… ( uscendo )

 

Entra Irene nervosamente, sbatte la borsetta sul divano e mentre si toglie il soprabito

Irene…Amalio….Amalio ancora …( gli va incontro )e muoviti come sei lento…

Entra Amalio con una valigia e la sofferenza di chi cammina con un paio di scarpe strette.

Amalio.....So’ lente, cu’ ‘ste scarpe nonge ‘a fazze chiù, ( si siede ) ahhh finalmente a casa.

Irene........Non ci pensare…e ‘u riàle(regalo) pe’ mammà…no’ jè ca’ l’è scettate?

Amalio.....A mammà, no ancore no, ahhh come me dòlene....e quiste grazie a te sempre

                grazie a te ma ce àgghje fatte de male,do' giurne nanze e rete p’ù riale de mammà.. ahhh!

Irene........Però a valùte (valsa)'a pene, proprio un bel capo...cu’ tutte chidde perline colorate.

Amalio.....Cu ‘a luce adda parè n'albere de natale...( fa per togliersi una scarpa )..ahhh ce delore...

               è jè totte colpa toje...

 

Irene........E ce colpe tenghe mo'....ce l'agghje fatte ie ?

Amalio....Tu esisti e queste è già 'na colpe...ce m'à ditte mittete chidde nueve" …si cammina

                la gente guarda, ci vede, ci giudica"....infatti tutte  pe' zueppe m'anne pigghjate..

.

Irene.......Ce ne sapene le cristiane, quelli solo per curiosità s'informavano sul tuo incedere da

                tacchino.

Amalio.....E stave bisogne de dicere  ‘a veretà, potevi dire che facevo il ballerino ,infatti, lo sai,

                senza ste do’cepodde tenghe do’ piede de 'na ballerina ucraina.

Irene.......De 'na ballerine ucraina cu’ le cepodde, tu no' tine 'nu numere tu hai la  taglia ..xxl.

Amalio.....Ha fatte 'a battuta...si forse sono un po' larghi…

Irene........No Amalio non sono  larghi...sono piatti.

Amalio.....Piatti....larghi, però a fuson....ahhh…

Irene........Devi provare con due planetari.

Amalio....So’ stritte.....( cerca di togliere la scarpa )

Irene.......E' normale ca te le sente stritte dalle timbe de sestemarse...so' nueve.

Amalio....So' tueste, te dicive prendili di vitello, e me raccumanne mocassine.

Irene.....Ca’ ce tu no’ jsse mai cu’ me ce me dice a fa’ mo' c'assime mo'c'assime( Mo’ che

             usciamo)

Filippo....Mo' c'assime...ma ce capite…le scarpe a mocassine!

Irene.......E ce ne sacce ie....mo' cassime capive comunque è pelle di vitello.

Amalio.....E pelle de ciucce...tire chiane chiane..ahh...ce bellezze…stoche àbbevèscje(rinascere), se

                sente 'u sanghe ca’ stè camine,come ce sa' rotte ‘na dighe, nà vide a quà  'u tatuagge m'a

                lassate “ Vero cuoio ".

Irene........Però cu' a manicure miche te lamentave,te facive tuccà...massaggià...ahhh ahhh…

Amalio.....Ce jè mo', ce tine delore de ventre(pancia) ?

Irene........Face ‘a parte ca' no’ sape ninde ,l'innocente, 'a manicure dell'Hotel.. a Zurlì...

Amalio.....Zurlì...'u maghe Zurlì...a Zurigo ignorante,nello Svizzero, e po’stu delore m'à fatte

                scurdà  tutte cose...

Irene........Ma le massagge de quedda svergognate te l'arrecuerde di 'u giuste porco ?!

Amalio.....Ce jè Irè,notre attacche de gelosia, la cameriera faceva il suo dovere, il suo mestiere.

Irene........’U sacce ie ce mestiere, a parte ‘a cameriere...

Amalio.....None 'a cameriere.. forse ti riferisci alla cuoca...

Irene........Nonge stoche a parle  de quedda lampione, àllippesciàte ( brutta) e jerta jerta(alta).

Amalio.....Si, jerta jerta, cu’ do' jamme longhe longhe, a quà m'arrevavene, proprie l'altezza toie.

Irene.........Mazza mazza, queste è carne !

Amalio.....Quedde è cellulite.

Irene.........Sappi che nelle botti piccole cè il vino migliore.

Amalio.......Irene tu una botte...noo...'na damigiana… ( Irene è grassa e bassa)

Irene.........( Piagniucola ) A me l'offese, a quedde le cumpliminte, a me le sckàffe(schiaffi) a quedde

                 le  carezze…

Amalio…..Sckàffe o carezze sempre mane ‘nguedde so’.

Irene…… Stai sempre a contrariarmi…perché perchèèè?!

Amalio.... Ma chi ti contrae…

Irene…….Si che mi contrai, ( piagnucolando )contrai oggi contrai domani poi una si sente contratta.

Amalio…. E no' chiangere,dimme de ce stè parle, stavene 'nu sacche de femene come fazze a

                 Recurdarme…

Irene........E già, mica guardavi i paesaggi nooo, le femene uardave sei un satirico, Ivonne 'a

                 manicure te dice ninde?

Amalio.....E ce s’a scorde ,Ivonne m’à ditte tanda cose…pe’ le cepòdde,ce delore ca’ m'a fatte

                sentè, ma mo'avaste...Irè nonge a fazze chiù tu mi perseguiti vogghje essere libero voglio

                respirare...

                     

Irene........Agghje fede ca' è l'ulteme respire...e l'otra valigia a dò' ste?

Amalio......Ce valigie...ah ‘u taxista se’ l’à tenute pe’ pegne...ce fegure c’agghje fatte senza ‘na lire

                 mo' damme le solde ca’ voche a pajà....( prende la borsa della moglie )

Irene...... Lasse a borsa ..( tirano un po dalle due parti finchè Irene gliela strappa dalle mani)

               e le dece mila lire ca t'agghje date prime de parte ce fine anne fatte?

Amalio.......Gli ho investiti in borsa.

Irene..........Fa mene 'u speretuse...

Entra Pompeo

Pompeo....( A voce alta ) Uèeeeh silenzio....ce so' ste lùcchele ( grida)

Amalio......Irè ci è quiste quà?

Irene.........Ce ne sacce,scuse ma tu ce si ?

Pompeo.....Io so ' Pompeo.

Amalio.......Pompeo...e come te trueve a quà?

 

Pompeo…Abbastanza bene.

Amalio….Scuse ce tine na’ sore ca’ face ‘a manicure ?

Irene...... E dalle, ste pinse ancore a manicure…e cessala porco!

Amalio…Va bene cesso!

Irene…...Sapete dove l’ho trovato ?

Pompeo..Nel cesso?

Irene ……Ma no…soli nella stanza cu’ ‘na guàntiera di bignè al pistacchio io capisco il tradimento

                ma col mio dolce preferito noooo…  ( piange )

 

Pompeo…Che Mancanza di tatto, cosicché  la prendeva per la gola…

Irene......Si, a me mai mi prende per la gola…

Amalio....Però l’ho pensato, Irene sapisse quanta vote ti volevo prendere per la gola.

Irene…..E piccè no’ lè fatte mai?

Amalio....Per paura,…paura che t’aumente ‘u diabete, ma ce tempo Irene ce tempo…

Irene.......Ma cosa vuoi che importa del mio diabete al…ma se po’ sapè ce si ?

Pompeo...Pompeo…'u cameriere nueve.

Irene.......Ah, e  mammà?

Pompeo....Bèh ce vulite l’età stè, però a parte ‘a pressione  ste proprie bòne.

Irene.........Uèh cape stuè( stupido)...mamma meje.

Pompeo.....Ah, e' uscita pocanzifà con la contessa...la signorina Cristina e il marchese Filippo...

Amalio........Filippo è già venuto,bene, ...e sono usciti insieme con Cristina...benissimo!

Irene...........Ci è stu marchese Filippo ?

Amalio......Un'amico d'infanzia, te ne parlai tempo fa',come no, te lo dissi  ma tu quando parlo

                 non m'ascolti , sinte famme ‘nu piacere giù ce  il taxi che aspetta…vai a pagare vai.

                

Pompeo…Ie a piedi àgghje venute, e po’ tenghe sule dece mila lire…

Amalio…..E bastano, anzi sai che fai …prenditi il resto.

Pompeo…E voche subete…ma scusate  so’ sempre solde mie…

Amalio…..Ma vai vai, paga che poi…ahhh àgghje capite , nà’…tieni prendi …( mani in tasca)

Pompeo… No grazie, non accetto mai caramelle da uno sconosciuto.

Amalio…..Ma ce caramelle ,tieni è per le sigarette…

Pompeo…Beh allora grazie assai, ( apre la mano e trova i fiammiferi)…le fiammifere ?

Amalio…. Pe’ le sigarette !

Irene…....Un momento,chissà forse ce' qualcosa,lui dimentica spesso…(guarda nel cappotto)

                Infatti  esce un reggiseno)...Amalio... Amalioooo…di chi è questo reggiseno.

Amalio.....Irene lo sai che non li metto.

Irene.......E già,tu non li metti...tu li togli!

Amalio.....Ma poi li rimetto...cioè li rimetto a posto.

Irene…....Li riagganci, eh si questo sarà della manicure...

Amalio....Ma scherzi,troppo piccolo, è della cameriera cioè lo trovò la cameriera, si ora ricordo, lo

               trovò in camera  e lo presi per te...

Irene........Per me...non è della mia misura...

Amalio....Tanto per quello che ci devi mettere dentro...

Irene......Ah si,e allora spiegami  per quale motivo fai uso di slip, Pompeo stasere ‘u signore se

              còrche(corica) intre ‘o stanzine da letto e recuerdete " Ogne buscje 'nu delore ca' te sia”

Amalio....No no Irene no...non mi fare questo ( Irene esce )...si si è fatta ah ah ah ( si strpiccia le      

               Mani si pettina sghignazza sottovoce...Il vantaggio del litigio è che si è liberi..”Ogne buscje

               nu' delore ca' te sia " ancore cu' le sentenze stàme intre o’ 2000  ah ah ah ( al buio non

               vede la sedia) Ahhhh....mamma  ce delore, 2000 butte de sanghe...ahhhh...( mentre esce di

               casa alla chetichella , Pompeo svegliato dal grido fa il suo ingresso in scena appena in

               tempo per vedere Amalio che zoppicando  esce di casa mentre cala il sipario sulla fine del

            

                                                                         primo atto.  

                                                           

              

                                               Secondo atto

E' passata la notte.Pompeo,seduto, scopa  e canticchia" …Sono una donna non sono una santa" sbadiglia apertamente...

Pompeo....Madonna ce suènne ca’ tenghe me pare ca' mo' m'agghje curcàte, ce sape piccè se

                 tene suènne proprie quanne t'azà,pe' me s'avvissa aspettà d'esserse azate prime de

                 sce’ curcàrse( sbadiglia ) madonna meje notre poche e me strazze 'a vòcche, però

                 ce desgraziate ca' è 'u marite da' signora ce ere mariteme a doje 'u faceve otre ca’ se

                 corche intre a stanze degli ospiti, e quà si nota la differenza di classe fra signori e

                 puveridde,quanne s'arrajene le signure se corchene in stanze deverse mammà e papà

                 se curcavene une de cule all'otre.( si sente bussare la porta) e ce po’ essere a quest'ora?

                 (Entra Amalio sconvolto e zoppicante)Signor Amalio siete mattutino non vi ho sentito…

Amalio......Agghje chiuse citte citte.(in silenzio)

Pompeo....Ma ce ‘a successe, che avete preso una storta?

Amalio......Una sedia...s'azàte mugghjereme(si è alzata mia moglie) ?

Pompeo.....Ancora no,siete arrivato giusto in tempo.

Amalio.......Menu male...come in tempo...ce vuè cu' dice (cosa vuoi dire)?

Amalio nel frattempo si toglie la giacca e la mette sulla poltrona.

Pompeo....No ninde,però pe' 'na femene è facile capì c'avite passate 'a nuttate fore de case.

Amalio......Fòre a' porte…cioè no...cioè si e no...si insomma …ah già, sono stato all'opera.

Pompeo....Benediche all'opera e ce teneve sett’atti, ah all'opera…si si all'opera,qualche madame ?

Amalio....Butterfly,la madama Butterfly, po' m'agghje scurdate le chiave de case e pe' no' fa'

               discussione cu’ ‘a signora m'àgghje curcate suse alle scale.

Pompeo...( Malizioso)E questa " Butterfly " com'è… vi è piaciuta?

Amalio......Da morire, cioè… da morire ma non tanto da lasciare il segno.

Pompeo....Une però ve' l'ha lassàte(lasciato)...rosso, sul colletto...

Amalio......Suse a cammise…'u sapeve ‘u sapeve , e mo' come fazze ?

Pompeo...Fate fare a me,(sputa e strofina) però ‘ste cose no' se fanne,dumane è pure Natale.

Amalio.....Hai ragione, ma ti giuro che non lo faccio solo a Natale, Pompè siamo fra uomini , voglio

               dire,urologicamente lo siamo no, io gli dicevo “no sul collo no” e quella niente da fare

               ‘na vampire,io non vorrei, credimi, dalla mia testa parte sempre un " No " deciso, questo

                " No " cammina cammina, m'arrive mòcche, la apro per lasciarlo uscire ma come 'na

                magia me jèsse 'nu "Si "spontaneo...categorico, però Pompè, che donna… che donna !

Pompeo...Sime tutte uguale.

Amalio.....E no caro mio no, tutte imprevedibili,questa sembrava sdegnosa, sai quel tipo làsseme

                sta no' me tucca,poi non parlava...

Pompeo....E' muta?

 

Amalio.....Timida, di una timidezza unica, sembrava un'orsolina,mi disse che parlare con uno

                sconosciuto era sconveniente gli potevo dare torto?

Pompeo....No, no,mai sia, con uno sconosciuto mai...e ce avite fatte dicite dicite.

Amalio......E bèh io ho vacillato, così lei di fronte al mio vacile s'à presentate, e miche tene do'

                 uècchje nooo…

                   

Pompeo....E quante ne tene...?

Amalio....’Na ventine, tene do' stuezze de cristalle e jntre 'u mare...e io li mi volevo tuffare,nel piacere

                di quel mare color  benzina verde senza piombo...

         

Pompeo...Ormai l'inquinamento è dappertutto...

Amaliio.....Ho pensato, queste è toste,ci tiene ai sentimenti, i tempi di  lavorazione saranno lunghi,

                 ci vorrà tempo per ambientarsi,  tempo per sedurla...

Pompeo....Come minime do' mise...

Amalio......Do' menute Pompè....due minuti e ha ceduto.

Pompeo....Do' menute..no no troppo poco, io di cedere cedo ma le fazze aspettà.

Amalio.......Non ho chiuso occhio tutta la notte...

Pompeo.....Si vede..tenete le occhiate.

Amalio......Mo' te fazze vedè ‘a scena...tu sei Amalio....allora ero seduto sulla poltrona...( prende

                 Pompeo e lo fa sedere ) così.....lei mi camminava intorno come la tigre della malesia

                 ( imita la tigre )

Pompeo... Sandokan...

Amalio......Ste’ sciucàmme(giocando) alle perate...che poi questa tigre non camminava…

Pompeo....Una tigre cionca...(zoppa)

Amalio......Ma no, più che un camminare era una danza. ( imita la danza ) come passi di gazzella

                 …felpati... poi molto lentamente  se l'è tolta…

Pompeo....’A felpe?

Amalio......La giacca del tajer, color rosso rubino anni 70, mi guarda e come una scimmia mi salta

                 addosso così...( gli salta in braccio )

Pompeo....AAAHHHH!!!

Amalio.......Sai cosa voleva?

Pompeo.....L’amènele...( noccioline)

Amalio.....Cu’‘a birre...voleva me...questo maschiaccio,si alza  e lentamente si sfila la  gonna così…

                ( Amalio voluttuosamente imita il gesto della donna, naturalmente lui ha i pantaloni che

                abbassa un  po’)mi guarda e mi risalta sulle gambe così...( sembrano la statua della pietà )

Pompeo.....Ahhhh…!!!! Allore è’proprie ‘nu vizie ca’ tene!

Entra Irene e vede e i due seduti uno sull'altro con I pantaloni di Amalio un po’ calatii )

Irene........Ma ce ste' succede,Amalio…Pompeo,ce ste facite ?

Amalio.....Bongiorne Irene  t'e' svigliate, stè faceve vedè a Pompeo com’ è ‘a statua da’ pietà.

Irene......  Ah si è proprio bella, me recorde ca’ quidd’anne a S. Pietro, c’era il concilio economico.

Amalio.....Come ti dicevo 'a Madonne tene 'a mane sotte o' figghje accussì...Pompe'...live 'a mane ca'

                no' so' figghjete...

Pompeo …Scusate m’è scappata.

Amalio…Senti,il caffè portalo nello stanzino da letto e prendi il pigiama( si leva il pantalone)

Irene.........E ce stè face te stè spuègghje( spogliando) ?

Amalio......( Li rialza) No no, me stoche a veste…

Irene…E il pigiama?

Amalio…Il pigiama…è per Pompeo, poveretto dorme nudo.( si muove verso lo stanzino)

Irene.........( Grida )Alt, no’ te movere de da’,te ste viste no ?Vogghje proprie vedè..(esce)

Entra Aspasia poi Cristina

Aspasia.....Amme àccùmenzàte a prima matine...Amà ce stè preparame notre viagge?

Irene.......( Rientra )'U sapeve 'u sapeve,mammà m'à tradite notra vote,stanotte no’ s'à curcàte a qua,

                 il letto non è in disfatta, ...è 'ssute di 'a verità porco ?

Amalio.....Ti dico ca'nonge agghje ‘ssùte...ero così stanco del viaggio c'àgghje pìgghjàte suènne

                suse ‘a poltrone, scooomoda, agghje azzùppàte ( battuto)pure ‘a jamme...

Cristina…Bongiorno Amà, dormito bene?

Amalio...Benissimo, di quelle dormite ca manghe te n’avvirte…Cristina ho saputo che hai conosciuto il mio Amico Filippo…volevo dire il marchese Filippo

Cristina…Che bell’uomo così affabile…

Aspasia....No’cangià descurse,tu stanotte sei uscito, ah no ,e piccè t’è mise “ il vestito nero” ?

Amalio.... Miei cari volevo ricordarvi ca' tenghe sule do' vestite, uno estivo, bianco, per matrimoni,

                batteseme e cresime e questo invernale nero che uso anche per i funerali  estivi.

Aspasia....E ce a scè a' 'nu funerale ?

Amalio......Ma cara suocera l'ho messo per  voi.

Aspasia.....Pe’ me...l’avite sendùte...'u funerale mije...brutte desgraziate...

Amalio......Ma è per il rispetto nei vostri confronti e poi andrà bene per la cena di stasera o me

                 mette quidde estivo bianco ?

Aspasia....Irene apre l'uècchje,non guardare solo quello che hai dentro...guarda fuori (Irene fa per

                 andare)….addò stè vè ?

Irene……..Mammà vado a guardare…

Aspasia…Ma quanne t’à sviglià,tu non ti arrendi  all'evidenza...e tu , tu sei un fallito me ste' ruvine

                 'sta povera figghja...

Irene........Amalio dove sei stato?

Amalio.....Ma te l'ho detto.

Irene........No’ m’è ditte ninde.

Amalio....Ma si te l'ho detto mentre litigavamo ma tu non mi dai ascolto,io parlo parlo e  lei non mi

               sta a sentire, bella moglie, questa è la moglie che mi avete dato...una sorda...tutti sordi

              questa  è ‘na case de  surde...

                  Entra Pompeo che ascolta le ultime parole...

Pompeo.....( Gridando ) 'U cafè è pròoonte...

Amalio.......Ma ce studechite…piccè ste’ lucchele ( perché gridi) ?

Pompeo......Ca' ce site tutte surde(sordi)...

Aspasia......Irene no' te fa' 'mbrugghjà 'u canuscime buene,parla Amà tutte cose vulime sapè.

Amalio.......Proprie tutte cose?

Aspasia.....Parla porco...queste è ‘a vote ca' sparisce da stà case...

Irene........ Mammà no' dicere ‘ste cose me face avènè da’ chiangere…( singhiozza )

Pompeo....( Mette lo zucchero e assaggia)…Signore il caffè…

Amalio...... L’è fatte dòce (dolce)?

Pompeo...( Pompeo riassaggia il caffè ) Si si,….

Amalio.....Ma  ce mode so', va' cange ‘a tazze rimbambì… muèvete, bèh..( cambia discorso)

               allora avite preparate 'u menù per la gran vigilia?

Cristina.....Ce mancherebbe, ce di tutto dal pesce alla bistecca di ferro…

Irene........Uèh…Amalio, io e mammà quà stiamo !

Amalio.....Putroppo, cioè purtroppo per me è una sofferenza credetemi ,tenere una cosa dentro e

                non saperla esprimere ti fa star male ti fa…

Irene........Tu stè male piccè no' se’ ce a dicere ?

Amalio.....Si stò male che si nota…cioè volevo dire non io, io stò bene,benissimo,è quell’altro

                che stà male…

Irene.......Quell’altro chi, parla porco  ci è ca’ stè  male?

Amalio….Come chi, ve l’ho detto ma voi quando parlo io …

Cristina…..Amalio, ma scusa ce’ qualcuno che stà molto male e tu canti la solita canzone…

 

Amalio..... Non m’ero accorto di cantare, ma ditemi chi sta male no’ me facite sta cu’ pensiere

Aspasia.....Màmete !!!

Amalio.......Mammà stè male...e picce me l'avite ascunnute…è grave ?

Irene.........E’ inutile che tenti di svitare il discorso …parla chi stà male?

Viene incalzato dalle donne e si trova in difficoltà, vorrebbe un’appiglio…

Amalio......E chi sta male ?Io veramente vorrei  parlare del marchese Filippo...

Cristina.....Filippo...oh Dio Filippo stà male…?

Amalio......Filippo ste’ male, ( l’appiglio)...ah si si come no, si si, stà malissimo ce peccàte giovane

                 giovane…

                

Cristina.....Noooo. Filippo mio...mammà Felippe ste male  e mo' ?

Aspasia......No face ninde a mammà n'acchiàme (troviamo) notre…

Cristina......Nooo...ie vògghje a Filippe sento che l'amo…

Irene...........E tutte 'na vote ?

Cristina......Si Irene, finalmente Cupido mi ha colpito...

Aspasia.....Cristì  cu' troppe maschele t’a face, ci è ‘stù Cupide è nobile almene ?

Cristina......Cupido e quidde ca' mene le frecce intre 'o core degli innamorati...

Aspasia......Oh Gesù mio, cu' n'indiane t’e mise!?

Cristina..... Mammààà… Filippo ieri sera  a passeggio voleva la mano…

Aspasia…..Attenzione ca’ cu’ ‘a mane s’accumenze e po’ ce sape addò se ve’ spicce…

Cristina…..Uffa, mi ha chiesto in moglie,gli devo dare la risposta fra tre giorni ma  morirà prima...

Aspasia...Tre giurne, ma proprie’na jojje, subete sine aviva dicere, va’ beh le’ de’ subite ‘a risposta

                 lo sposi ci prendiamo il titolo e lui se deve morire che morra tanto un giorno o l'altro

                 tutti saremo ammortizzati.

                 

Cristina....Non sembrava, così d'appetito... l'ho visto così bene...

Amalio.....Da fuori ma dentro è marcio...,’na diarrea acuta, 22 scariche…a rischio di vita.

Cristina....Forse à state  ‘a crostate…

Amalio......Po’ essere,e così stanotte l'abbiamo vegliato...

Irene.........In abito da sera ?

Amalio.....Ora vi spiego,dunque,Filippo non può muoversi dal …si insomma da lì, e allora siamo

                andati noi e così per dirglielo senza traumi psicologici  abbiamo organizzato una festa

                ....medici e amici tutti in abito da sera e così glielo abbiamo detto cantando e ballando,era

                felicissimo  che non vi dico …

Cristina...E allora non verrà a cena...era così contento.

Irene.......Povero Filippo,Amalio scusami chissà che nottataccia sempre attaccato al suo capezzolo.

Amalio….Si Irene, sempre attaccato al suo capezzolo …tutta la notte.

 

Aspasia...Ma no' vide ca’ è 'nu fàuse,questo coso sapete dove l'ho trovato...( mostra un perizoma

                rosa )...nell’armadio, in quel  montone di tuo marito...

Amalio....(Fingendo sorpresa ) Ah, il papillon rosa nel montone stava, fortune ca’ vu’, cara suocera ,

                mettite le mane a tutte vànne (parti) se no chi lo trovava più,questo papillon mi stà così

                bene mi stà è vero? ( se lo mette al collo)

                

Irene……Scusa ma la farfalla che avevi non teneva il gancio?

Aspasia…Ma ce farfalle è ‘nu mutande da femene…

Cristina…’Nu mutande…( lo rigira nelle mani  )…Irène ste cose  te mitte ?

Irene........(Essendo grassa)Ca’ce tràsche(entro)a qua intre,Amalio di ci è stu mutande di chi?

              

Amalio.....Di chi…come de ci è…e de ce po’ essere Irene… è ‘u mie.

Irene…….’U tue ?Amalio, e non me lo potevi dire prima che…sono tua moglie avrei capito…

Amalio.......Ma ce capite, eh si , è proprie ‘nu mutande, quiste è ‘u mutande russe ca’ da vent’anne

                  me mette a capedanne p’avè fùrtune sule ca’ forze de lavarle si è ristretto e à perse ‘u

                  culore e ‘a fortune.

 

DDDDDRRRIIINNN   arriva Filippo, Pompeo va ad aprire

Pompeo.....(rientra sghignazzando)Prego accomodatevi …

Fra lo stupore di tutti e l'imbarazzo di Amalio entra Filippo vestito da ragazzino con pantaloni corti

Per far piacere a Cristina a cui piacciono gli uomini a metà.

Filippo.....E' permesso,auguri a tutti,uèh Amalio come stai ,da quanto tempo ...(lo abbrraccia)

Amalio....(Gli tiene la testa) Sccchhh, non ci fate caso,  sono le allucinazioni post diarrea...

Irene........Signor marchese ma che cosa fate quì...voi state male...

Filippo......Male,no’ m’àgghje mai sendute mègghje ( si gratta ) ciao Cristina,ne stè crostate?

Cristina...Ancora con la crostata, quella ti può uccidere, mo’come stai cè pericolo di scariche?

Filippo.....Ce ste qualche file a massa..( ora si apre il cappotto ) Cristina  ti piaccio ,come  sto'...?

Amalio.....Male...stà malissimo, lo sa’ ma l’inconscio non l’accetta…

Cristina.....Amore stai così bene...l'hai fatto per me ?

Filippo......Ma te l'ho detto, sono metà uomo e metà bimbetto....(esce dal cappotto un 

                giocattolo qualsiasi e gioca )

Amalio.....Filippo...Filippo, ce venute a fa'...devi stare a letto…sei debole.

Filippo..... Si quiste è vere, da jere sere ca' stoche a’ disciùne. (che sto a digiuno)

Amalio.......Tipico della  malattia,  gli ha chiuso lo stomaco...

Filippo...... No no,quidde stè apirte al massimo, stanotte no, avevo i crampi e scaricavo la

                  tensione sforzandomi di non pensare…

Irene........ Chiamatele scariche di tensione,fortuna che Amalio vi ha vegliato stando sempre

                 attaccato al vostro capezzolo .

Filippo......Al mio capezzolo e m’à vegliate, a me,...Amà siamo stati ad  un veglione ?

Amalio.....Ma si,tu deliravi...non puoi ricordarti...è vero che non ti ricordi niente ?(Gli dà una

                gomitata ).

Filippo.......AAhhh...!!!

Amalio....Gli fa ancora male,tu devi seguire quello che dice il medico,stanotte sono stato da te per il

                consulto , io, gli altri, i balli di gruppo …il cha cha cha… ti ricordi il cha cha cha ?

Filippo.....Ah si, il cha cha cha,( canta il cha cha cha della segretaria e balla seguito da Amalio) come

                stavo male quando ballavo il cha cha cha ti ricordi Amalio, ma ora stò meglio, molto meglio,  

                grazie alle tue cure meravigliose…flebo,bagnòle, iniezioni…ce chiù…?

Amalio….Supposte, indovene…

Filippo….No ce indòvene, indre ‘o mazze( sedere).

             

DDDRRRIIINNN.....entra la contessa, poi  Babbà con il carrello della  spesa…

Contessa....Bongiorne e augurie, àgghje sciùte(sono andata) a' chiàzze p’a spese,no' se po' da' 'nu

                   passe,dice ca' ste  ‘a crise.

Pompeo........E Babbà non viene...no jè ca’ stè male?

Contessa.....Babbà stè ‘nghiane chiane chiane,tene ‘u sovraffiate … 'u carrelle stè chine chine.

Pompeo.......Uh ce peccate, tutte chidde sforze, le po’ assè l’ernie…

Contessa….Nooo ,impossibile…però gli sforzi li deve evitare potrebbero strozzarsi.

Pompeo.....’U voche aiute ca è megghje( esce)

Aspasia......E' pigghjàte tutte cose,  stasere vogghje fa' 'na bella fegure...

Contessa.....Disse Archimede" Datemi una leva e solleverò il mondo"…tu m'è date 'u portafoglie...?

Aspasia.......E tu m’è purtate tutte 'a chiazze.

Entra Babbà ( anche lui con i pantaloncini )aiutato da Pompeo...

Pompeo......Come  stè belle vestute accussì, sembri un ragazzino.

Contessa…..E lui così è, metà e metà…

Cristina…..(Ironica)’U sapime ca è metà e metà

Contessa….( Risentita)…Metà uomo e metà piccinne…

                    

Babbà........Si,certe vote proprie 'nu neonate da mettere in culla...

Pompeo.....Come me piacerebbe turnà neonate ed essere incullato...dai a me non ti stancare.

Prendono il carrello insieme e escono un'attimo...

Cristina......Allora potrai restare a cena ?

Amalio.......Devo prima visitarlo ...

Filippo .....Ma stò meglio ,stanotte no...m'è rimasto solo un senso di vacanza …di vuoto.

Aspasia....Mio caro marchese il vuoto è fatto per essere riempito .

 

Rientrano Babbà e Pompeo

Contessa...E quello che dico io ,Cristì, è viste ce belle jàmme tène Babbà ?

Cristina.....Ce brutte jamme...

Babbà.......So' belle le sue...( al marchese )

Pompeo....A me piacciono...na' vedete le mie...

Babbà.......Come so' belle...

Amalio.......E spicciatele...da’ viscjlie de Natale facime ‘a sfelate de le jàmme …

Cristina......Bèh, che ne dite se prendessimo  un bel bicchiere di  te'caldo caldo ?

Babbà........Pe’ me ninde... sempre d'acqua se tratte...

Contessa...Sempre se lamente, ci sarà una cena di vigilia indimenticabile...è costato un'occhio della

                  testa però Aspà ne vale ‘a pena.

Aspasia.....E de ce te laminte l'uecchje l'agghje mise ije...poi tutti a messa eh,don Settimio m’à      

                  prenotate il secondo banco, ce una vista migliore, e poi da li’ tutti ci vedono, specie cu’

                  le vestite nueve ca’ n’amme fatte…

Contessa….Tutte e tre v’avita presentà ‘a messe de Natale  cu’ vestite de strass …oh Gesù.

Irene…..…Si, forse sono troppo strazzati, ma abiti da sera sono…che dite il tè lo prendiamo

                  sull'artico,  ce in vista tutto il porto di Taranto…prego marchese da questa parte Amalio

                  tu non vieni ?

Amalio........Ma certo cara,sbrigo una faccenda e sono subito da te...

Filippo.........E allora Cristina ci avviamo ...( gli offre il braccio )

Cristina...... Che gentile…grazie...

Amalio......Cristina, ti rubo Filippo,dobbiamo parlare un'attimo, tu vai ti raggiungerà presto…bravo,

                 'u sapeve ca' riuscive...mo' me raccumanne,te spuese e la tua metà di casa,terre e poderi

                 la  passi a me…naturalmente le box tutte  a te...

Filippo.......Tutta ‘a case, le terre… e Cristina ce adda dicere, jedde è l’erede…e po’ Amà

                  stè notra cose, fra me e  Cristina è nato l’amore, nonge ma’ spose pe’ le solde .

Amalio….Meglio, la moglie innamorata è una sorgente di sì,farà tutto quello che ti dirò di fare…

                ‘u se’ ca’.le box le puè affittà...o no’ jè accussì ?

                  

Filippo..... Si si, come no, farà quello che gli dirò di fare...ne vedime Amà...( esce )

Amalio.......Va' mo' va'...ce bellezze, tutto come previsto, sarò il padrone assoluto, il padrone di

                  tutto e sarò libero…libero ,gioco ,donne...ah ah ah…ce cape ..ce cape DDDRRRIIINNN

                  …’a pooorte…farò una crocera alle Hawai…

Pompeo .....( Di ritorno dalla porta )...Signore ce di là  la signorina Lola ...

Amalio.........Looola...otre ca’ scè all’Hawai ‘u uàje stè a quà ( Guaio) ...ce l'è ditte ?

Pompeo......Che non volete vedere nessuno.

Amalio.........Bravo,sei furbo sei, è capite 'u perichele... e se n'à sciute si ?!

Pompeo......Sì, de cape, come stè nervose...

Amalio.......E mo'....sinte Pompè, da òscje quando ce pericolo, non usiamo nomi  o altro...avàste

                 ca’ me dice” may day may day”...e io capisco è capite?

Pompeo.....E ce so' stuedeche, “ Me deo Me deo “…ma st' Amedeo ci è 'u marite?

Amalio.......Pompè no' te mettere pure tu, va' e dille ca' te sbagliate che non sono in casa…

Pompeo va,si odono fuori scena dei gemiti di dolore,rientra con Lola che gli stringe l'orecchio.

Pompeo......AAhhhh...lassateme 'a recchje...si allunga mi diventa un'orecchione...

Lola............(Bionda,molto appariscente) Non 'è in casa ...e quello chi è il suo fantasma...

Amalio.......Lola....tu qui, che piacere vederti...

Lola........(Aumentando man mano il tono )Ah si,ti fa piacere e piccè no' me vuleve fa' trasè...?

Amalio.....Capisce sempre il contrario di ciò che dico…ma tu Lola ti prego non gridare...

Lola.........Non devo gridare, sottovoce,(alza la voce )ce stè qualched’une ca'no’ po' sentè?

Amalio.......E’ per Pompeo ,ha mal di testa.

Pompeo....Male de recchje!

Lola..........E se mi va di gridare chi me lo impedisce tuuuu...?( gli prende il colletto )

Amalio.......Io, non mi permetterei mai ...lui... è un tipo pericoloso è cintura marròne.

Lola...........Lui chi …'sta menza femene.

Pompeo.....Signora non offendiamo, io so' femene da cape ‘o pède...

Lola..........Ma no' me fa' ridere....tu si’ cintura marròne?

Pompeo...Bèh proprio marrone no...un marrò chiaro....

Lola........Cintura bèige....ah ah ah..uèh ie 'a centure t'a fazze mangià....( cambia tono di voce,ora è

               maschile, da guappa ) a ce sciuche stè sciucame...Amà stamatine stoche nervose…come

               mai ...respunne Amà ce perse 'a lenghe...

Amalio.....Ti prego Lola no’ fa’ quedda voce, mi fa paura lo sai ...

Lola..........E tu no dicere buscje....forse non mi volevi vedere, forse la mia presenza ti disturba

                 forse non mi vuoi più...se è così dillo, basta che lo dici e io me ne vado subito.

Amalio........( Incredulo )...Te ne vai subito..davvero ?

Lola........... Lo sai che mantengo quello che dico, prima t'accide e po’ me ne voche...

Amalio......M'accide, ce parole grosse ( Vede Lola mettere la mano in borsa) ce tine adda intre ?

Lola.......... Un' amica che conosci già ,la vuoi rivedere?

Amalio......No no, mi chiedevo chissa se Lola avrà la bella idea di venirmi a trovare...e oplà.

                  

Lola..........E oplà, è viste ce belle ’idea , così sei contento, allora ti fa piacere !?

Amalio.......No !

Lola.........Nooooo!?

Amalio.....No, mi è uscito un "No " mi devo far visitare, mi succede spesso sai, dalla testa mi parte un

                "Si" camìne camìne… màh.....ma certo che mi fa piacere...

 

Attimo di silenzio

Lola.........Amalio hai parlato ?

Amalio.... Non ho fiatato te lo giuro.

Lola.........Amàààà..tu devi parlare...per caso hai qualcosa da dirmi?

Amalio.....No no, proprio niente...

Lola........( Solita voce ) Uàrdeme intre all'uecchie..( Lui non guarda ) uàrdeme è un’ordine.

Amalio......E tu no' fa' quedda voce.

Lola.........E allora cu' mugghierete è parlate ...?

Amalio.....Ah con Irene...e de ce cosa ?

Lola........ Come de ce cose.....di noi...

Amalio.....Ah si , mi pare di si...

Lola........Ah ti pare...e allora 'sta signora si sposa ?!

Amalio......Una signora si sposa, falle l'augurie da parte mia e chi è il fortunato.

LoLa........Amàààà!!!! Uàrdeme  e uàrdeme lo sai che ti amo...( gli mette la pistola in faccia )

Amalio......Si lo so, me lo mostri sempre...parlerò te lo giuro gli dirò tutto.

Lola.........L’hai già detto...

Amalio.... L'ho già detto...e che cosa mi ha risposto ?

Lola.........Me lo hai già detto un mese fa' e ancore ninde, allora ce dice ce li facciamo intestare

               tutti i suoi beni?

Amalio....Stai tranquilla, tutto m'intesterà, quànne n'arrajame ce tène mane 'nu libre,’nu vase ,me l’

               intesta,sapessi che mira che tiene !

Lola........Uèhhh…ie so' ‘na femene d'onore e tu mi hai disonorata ti ricordi si !?

Amalio.....Si si, ma per una  volta che ho frequentato il tuo letto non si fa così...

Lola......Tu l'hai frequentato solo una volta...cioè...qualla volta mi bastò per capire che avevo di fronte

             l'uomo della mia vita,mi parlasti del tuo infelice matrimonio, di tua suocera dei libretti dei

              terreni capii subito che eri l'uomo giusto per me...e per natale che pensierino mi fai,

              forse quel bel cappotto di pelle ...

Amalio.....Lola mi trovo a corto di contanti ...

Lola.......  Tirarlo fuori..ora , subito, gli voglio dare un'occhiata...

Amalio......Ma Lola ...adesso...mi vergogno  

Lola..........Ma ce capite, tira fuori il portafoglio...

Amalio.....Ecco vedi è a secco e poi il cappotto ce l'hai, fai una cosa scrivi a Babbo Natale, si, può

               darsi che la pelle  te la fa lui.

Lola.........Ammàààà.....( mette la mano nellla borsetta )...

Amalio....No no...ti prego no...parlerò,la lascerò vivremo insieme tu ed io…sarò il tuo uomo.

Lola......... Il mio merlo…dài fammelo sentire,come lo fai tu il merlo non l fa’ nessuno,

                 (Amalio fischietta )ahhh...che bravo, che merlo, e allora darai tutto a me ?

Amalio......Tutto!

Lola..........Tutto prima di sposarci...ti ricorderai si ?

Amalio......Si si ...

Lola..........Ah ti ricordi, e com'è ca'  le 100 mila lire de 'stu mese te le scurdate?

Amalio.......No no, che dici...po' facime tutte 'nu cunte.

Lola........ (Torna dolce )Bèh allora io mo' me ne vado....ti dispiace ?

Amalio......No...cioè si, me dispiace da murè...

Lola........Allora resto,ah ah ah ,t'agghje fatte 'u scherze ah ah ah.. senti passami un 10mila che

               prendo il taxì...

Amalio.....Pompeoooo...

Pompeo...Siiiiii....?

Amalio......La signora prende il taxi...io ti devo 20 mila giusto?

Pompeo....No no,solo diecimila...

Amalio......Pompè sono 20 mila con le prossime dieci, sai piove e la signora prende il taxì.

Pompeo…..E no’ po’ pigghjà ‘u mbrelle.

 

 Amalio…..E’ spiritoso, vai vai…accompagna la signora...ciao Lola...a presto.

Lola..........Io aspetto, ma non troppo, se no' poi mi viene la bella idea e qua torno,buon Natale.

                ( Colpendolo sul viso come avvertimento mafioso con due schiaffi leggeri ma decisi )

Amalio.....Vai vai ,chiama quando vuoi e non aver paura di venire,(esce) ti stà bene ti stà,sempre

               rete alle femene,chi va’ per certi mari certi pesci piglia ( si prende a schiaffi ) e mo' come

               fazze questa pareva ‘na santa  e m'à capetate 'a figghje de Buffalo Bill ...'a prossema vote

               no no  queste 'è l'ultema vote lo giuro...ma tu Amalio, ascoltami una volta per tutte…

Entra Pompeo non visto da Amalio che continua la riflessione ad alta voce.

                  

                 ….devi essere più forte devi saper dire no,sii uomo...si sarò uomo...a quà cumànne

                 ije,mo' ce torne le fazze 'na mazziate ca’ se l'adda recurdà pe' tutte a vite s'adda

                 mettere 'ngape ca’ da me n'avanze proprie ninde...( vede Pompeo )

Pompeo...E ie ninde avanze,non vi ho dato mai niente mai,me putessere cecà n’uècchje

                (  Esce di corsa e impaurito )

Amalio..... Ah si, grazie assai…( gli va’ dietro )…uèh ,no’ jè ca’ po’ cànge pensiere...

Rientrano Irene, Babbà, Filippo, Contessa, Aspasia e Cristina.

Irene.........Amalio...Amaliooo dove sei.....Amalio.....( si guarda intorno poi esce)

Babbà.....Dunque quei terreni con ville e poderi vi appartengono,un bel patrimonio, varrànno

               diciamo…‘nu miliarde ?

Filippo.....Un miliardo, ma scherziamo…quasi due...

Contessa...Un mucchio di denaro, eh caro marchese come le dicevo noi Pennacchi siamo una stirpe

                 di militari,  crociate,turchi,nello stemma di famiglia abbiamo tre torri e voi avete le torri...?

Filippo......Ci mancherebbe...contessa le nostre non sono torri, sono torroni !

Babbà.......Come le dicevo tre torri,con tre spade che infilzano un cavalllo rampante con tre

                 corna ,dal numero di corna si vede il valore della casata...più corna tenete è più

                 prestigio avete.

Contessa...E voi siete prestigiatore,cioè…volevo dire quante corna avete o non appartenete ad una

                  stirpe di militari ?

Filippo......Ma scherziamo,Contessa, il nostro stemma è pieno di corna , no’ se contene!

                

Irene........(Rientrando)Scusatemi vado da Amalio sarà tutto solo soletto nel suo stanzino da letto, lo

                vado a rincuorare dumane è Natale e non vorrei che mi depressa…

Aspasia.....Remane a quà a sentè la storia dei nobili, pensa che tua sorella sta per passare nell’

                 orango aristocratico cu’ tanda corne .

Irene.........Ere megghje 'nu commerciante …livello nostro mammà!

Cristina......Da òscje chiamame marchesa è capite,lo sai che faremo visita a principi e regnante...

Aspasia.....E io l' accompagnerò in qualità di marchesa madre...

Cristina......Filippo ti prego continua...parlami dei miei avi...

Filippo.....E ce t'agghja dicere, purtroppo le gloriose pagine della storia dei Ricotta si sono perse,

               montagne di pagine sparite, ne hanno parlato tutti i giornali non lo  sapevate....noooo,

               fu'un caso nazionale ...  

Babbà......Ce peccate, mi sarebbe piaciuto leggere di questo famoso " Caso Ricotta "

Contessa...La nostra è una storia gloriosa, il  capostipite fu' Adone principe di castel Pennacchi, re

                  di Gallipoli, affogò nel battaglia di lido Checca..gli succedette Terenzio principe di

                  Avetrana e signore di Mungivacca...trucidato nell'assedio di Otranto dai Mori..

Cristina.....Che storia emozionante, Terenzio era un moralista.

Contessa....Se combatteva i mori, restò la sorella Cunegonda duchessa di Manduria detta  la

                   baffuta,non si sa’perché, ebbe una relazione con Goffredo  il monco e mise al mondo

                   Gustavo e Titino.

Aspasia.......Titino,che carino, chissà che bel piccino no?

Babbà........Gustavo  fu massacrato in combattimento a Toledo...

Filippo......  La guerra di Spagna fu tragica , morì di lancia o di spada?

Contessa....Di corna,fu un toro nell'arena,rimase Titino che partì per la guerra di Slovacchia.

Aspasia..... Titino il piccolino in guerra , ma come se face a mannà 'nu piccinne in battaglia...

Babbà........Ma ce piccinne, Titino era un nano...insomma ‘na stirpe de suldate…

Filippo........'Na stirpe de scarugnate !

Si odono delle grida affrante, poi entrando...

Irene........Mammàààà...Amalio se ne va', mi lascia,sto male, ie m’accide...lassateme lassateme...

                me vogghje accidere.

Un po’ tutti a soggetto le chiedono spiegazioni, la contessa gli da un po’ d’acqua

Irene.......Amàlio  Amalio......( piagnucolando ) no’ me vole chiù...mi lascia mammà...

Aspasia.....Nooo, no’ jè possibile ...nonge crede.

Irene.........Si mammà...Amalio se ne va',  va 'via ...ci lascia mammà ...lascia la nostra casa

                  il nostro nido...pe’ Natale  stu riale m’à fatte…

Aspasia...  Pe’ Natale ‘na grazie n’à fatte,…Pompeoooo…bottiglia e bicchieri...

Irene……..Avaste cu’ l’acqua.

Aspasia…Ma ce acqua…champagne…

Cristina.....Ma te pare 'u mumente,...Irene su’ su’  no' fa' accussì siii forte...

Contessa..Portiamola di là, è meglio se ti stendi un po' ti sentirai meglio…

Babbà……Vuè nu’ poche d’acqua ?

Irene………Avaste cu’ st’acqua.

Tutti i presenti tranne Filippo escono, entra Amalio,mentre Irene ,fuori campo,continua a dare in escandescenze.

Filippo.......Ma ce cùmbenàte...sinte come stè lucchele...

Cristina.....( rientra ) Amalio vieni di la', non ragiona più, stè de’ pugne 'o mure è in preda ad una

                  crisi stereo…vieni presto…( esce )

Amalio......( A filippo )Va' tu pe' piacere.....è un momento duro....cerca di calmarla...

Filippo esce dopo un' attimo riappare con la mano sul volto.

Amalio.......Ha fenite de menà pugne 'o mure?

Filippo......(Entra massaggiandosi il mento )Si si, stai tranquillo, a me me l'à terate,ce delore,ma

                 scuse proprie a vigilie de Natale... potevi aspettare almene dope ‘a befane…                

                

Amalio......E come agghja fa',sono stato costretto, quedde m'accide, anze è megghje ca’ me ne

                 voche,no’ se sape mai,ma nu’ ne tenime in contatto, appena sestime le cose ne vedime

                 e me de' tutte cose come d’accordo.

Filippo......Ma ce accorde...le cose cangiane, mè parlate de solde de case de terre…

Amalio…Piccè no’ me cride…è tutto vero.

Filippo….Si si ma le box so' dudece e none tre o quattre.

Amalio......Dudece ?…E no' si cuntende l'affitte è te sestemate.

Filippo......Dudece box de cuttone e a’ fantasia...sinte Amà se vuoi andare vai ma ie no te

                doche proprie ninde...

Amalio....Come no’ me de' ninde, ah t’à stè pigghje pe’le box, ma ere ‘nu scherze, facime a metà

               pure cu’ le box …

Filippo.....Ma quale minze, quale accorde, mo' so' marchese no’ t’u’ scurdà...

Amalio.....Marchese,ma famme 'u piacere, tu no' si nisciune recuerdete ca’ ie t'agghje fatte

                Marchese.

Filippo.....No,tu me fatte fesse !

Amalio.....Ah si, e allora mo' le diche tutte cose...

Filippo......Non ti crederanno,dopo ca' l'agghje ditte ca’ tenghe 'u stemme chine de cuerne

                non ti crederanno mai.

Amalio.....Brutte desgraziate ca’ no’ si' otre, no' m’ù putive dicere prime...e mo' ce fazze a’dò

                voche senza solde...ce le diche a Calamity Gene quedde me spare, ce torne adda intre

                e diche”… scusa Irene agghje scherzate”  m'accide ‘a mamese...

Filippo......Ma ce accide, Irene te vole bene,falla cuntende è Natale...Amà remane a qua…

                 so’ brave cristiane, Irene pare ‘na santa..ah già  tu hai il grande amore...

Amalio.....Ma ce amore,si è ragione,Irene è ‘na santa e in fondo le vogghje bene ma è troppe gelose

                sempre attaccate,me vole sule pe jedde e l'otre ce anna dicere.

DDDRRRIIINN,Pompeo va ad aprire e per paura di Lola rientra indietreggiando e gridando

Amalio.......( Ansioso )Lola arrète( di nuovo ) a quà stè’?

Lola...........Nonge trove chiù 'u russette...forse nella fretta m'è caduto qui...ce l'è truate......( vede

                  Filippo e si defila ) ...buongiorno...

Filippo........Bongiorne...? ( la guada come se la conoscesse e cerca di mettere a fuoco )

Amalio.......( sempre più ansioso ) E va va...mo' vedime con calma cu' Felippe..vai Lola...

Lola..........Quanta fretta, 'u russette me serve per il lavoro ( parla cercando di dare le spalle a

                 Filippo)

Filippo......Amà, e questa sarebbe Lola,queste è Lola…signorina scusate ma noi ci conosciamo!?

Lola..........Vi sbagliate,di sicuro mi scambiate per un'altra,signore siete poco fisarmonicista

                 ( fa per  andarsene)

Filippo........( La chiama ) Brigitta !!!

Lola............Siiiiii....uhhhh....( capisce di aver fatto una gaffe )

Filippo......Amalio queste no' se chiame Lola, queste è Brigitte,Brigitta  sono io Filippo, no te

                recuerde, sono io Lippo Lippo...accussì me chiame Lippo Lippo...

Amalio......LIppo...tu 'u chiame Lippo Lippo?

Lola..........Ah sì, Lippe Lippe… mo' me recorde..(nervosa) e come te trueve a quà...

Amalio......E piccè te chiama LIppo Lippo ?

Filippo......Amalio ce se dicene certe cose...Brigitta bella mea fatte abbrazza.

Amalio......E làssele...ma famme capì tu ce si Lola o Brigitta?

Filippo..... Brigitta, Brigitta muse russe,so' do' anne ca' canosche,ah mo' agghje capite ah ah ah

                 queste è Lola l'assistente sociale...ah ah ah...

Amalio.....Brigitta...Lola,allore ve canuscite...

Filippo......E ci è ca’ n‘a canosce...

Entra Babbà...

Babbà.......Amalio...vieni di la Irene....uèh....Silvana ce sorpresa come te trueve a quà..

Lola .........Quist'otre ce mangave....                DDDRRRIIINNN porta d’ingresso

Amalio......Pure tu canusce a Brigitte...

Babbà.......Ma ce Brigitte, Silvana lenga longhe, qualche vote per il mio vizietto ho approfittato...

                 ti dovevo telefonare per disdettare l'appuntamento, sai forse mi è nato un nuovo

                 sentimento...

Pompeo….Signore , il tassista…

Tassista….( Con valigia )…Buongiorno, scusate ma de sta valigia che ne faccio…uèh Loredana , come te trueve a qua…

                  

Amalio......Ma tu ce si Lola, Brigitta  Silvana Loredana ...come te chiame...

Lola..........Antonietta...Antonietta Lapesa...piccè?

Amalio.....Almene mo' sacce a ci e c'agghje accise...lassateme...il primo uomo il primo amore..tre

                vote l'agghje accidere...prima Brigitta po' Silvana e all'ulteme Lola... 

Lola...........( Fa la voce ma Amalio ribatte ) Aiutateme , mantenitele, no' lassate ( esce di corsa insieme al tassista )

Amalio....E mò a do' voche,proprie 'a sere da viscjlie, me pigghjasse a sckaffe accussì... accussì…

                ( colpisce  Babbà )...

Babbà.......Ahhhh ,e ce ngentre ie, oh Gesù me stè batte 'u core...me sente male…

Amalio….Scuseme Babbà, m’à scappate.

Filippo.......Su su’ su’…( gli da’ due schiaffi che peggiorano la situazione di Babbà ) calma,

                  azzittete a quà e relassete...Pompeoooo…

Pompeo.....( Entra )Siiiii...

Filippo......Pigghje 'nu bicchiere d'acqua pe' Babbà...

Babbà.......E dalle cu' l'acqua,Pompè aiuteme e sciamene ca’ a qua intre scappane le sckaffe ...

                 come me sente male…

Pompeo....No’ jè ca m’à lassà…? ( Babbà fa’ le corna ed escono )

Filippo......Amà ti rinde cunte de quidde ca 'è cumbenate pe' 'na femene, sempre cu' ste femene

                e spiccele, mi basta un fischio e le ho ai miei piedi...arrevate ‘u sciupafemene.

Amalio......Ma è vero ,mi basta un fischio.

Filippo.......Si lo so,quello del merlo.

                  

Amalio.....Già! Me despiace Felì…me dispiace assaje, lasciare il noto per l’ignoto, a qua se mange

                 pure tre vote o’ giurne.

                 

Filippo.....’Na furtune da ninde…sinte ce addore ca’ se sente…

Amalio......Sarà una vigilia indimenticabile e tutto in onore del  marchese.

Filippo......E ci è ?

Amalio......Come ci è…

Filippo......Ah già , so' ie !

Rienrano le donne che sorreggono Irene.

Irene........( piangendo e sorretta) Amalio…Amalio...mammà dove stà Amalio ...dove sarà

                il nostro Amalio …

Aspasia....Purtroppo il tuo Amalio stè ancora a quà .

Irene.......Amalio,perché, dimmi perché,non ti piaccio più,mi amavi tanto ti ricordi com'ero bella,

               si ora sono un po' lievitata...ma andrò in palestra con mammà, la contessa conosce

               un centro di terapia intensiva,ci andremo tutti è vero mammà,diventeremo tutte belle,

               attrattive…

Aspasia....Sine a mammà, avaste sacrefice, m'agghja da' a pazza gioia...

Contessa...Quello è il centro che fa’ per voi,un centro di benessere dove si rinasce,si ringiovanisce

                   almene de vent’anne…

Aspasia......Avete detto trenta...

                 

Contessa.....N’esagerame mo’,è una palestra ca’ coste eh…però dal ballo allo sport, dallo sci

                    nautico all'alpinismo, dal windsurf  al tennis...conosco una signora che a 78 anni s’è

                    piazzata benissimo al torneo di Wimbledon…

Cristina.......A ce poste ?

Contessa....Terza fila dei popolari,ma per dire che è lo spirito che conta, la forza di volontà,

                    sport e cultura sono il pane del cervello...

Cristina.......Ce anche la forza del portafoglio.

Contessa.....Signori , la cultura costa ma ce sapisse quante coste l'ignoranza...a proposite m'aviva

                    fa' sentè le verbe...dimmi il gerundio del  verbo andare

Aspasia.......Contè pure 'a viscjile de Natale...

Contessa....Poche storie,allora il gerundio di andare  è...è facile,a…a…andò, almeno dimmi il futuro.

                   

Aspasia......’U future d’Andònie…e ce fazze ‘a mascjàre.( maga)

Tutti ridono meno Irene che piange.

Amalio......Irene,no' chiangere chiù ma  veramente è credute...à credute .. agghje fatte 'na

                 prove, e tu come al solito no’ m’è date ‘u timbe de spiegà ,ma si ,è vero,volevo vedere

                 quanto mi ami…

Irene..........Amalio…allora non vai via?

Amalio…..E ce se mòve de qua.

Irene……..Allora mi ami?

Amalio…..No,cioè si, io non lo so’ mi parte il si ed esce un no,mi devo far visitare, comunque

                 voi non lo sapete ma cè una novità...una sorpresa...mo’ diciteme ‘nu poche,quante

                 costa ‘sta palestra,signori noi  quà tenime a Felippe...Felì ninde sapene!?

Filippo......Pe mo’, e dope?

Amalio......Il solito modesto.... signori quà si nasconde  un maestro di gym…

Filippo..... A qua intre…e a’ dò s'ascunnùte(nascosto)? (Amalio fa segno a Filippo di stare al

                gioco  e così comincia a fare esercizi ginnici))

Cristina......Mammà è sendùte  Filippo è pure maestro di Gym...

Filippo.......Ah si, come no ...de gin ..de  rum...

Amalio......Ma ce rum, vuol dire "Rumba" i maestri con tante discipline usano le abbreviazioni…

                 lui sa’ fare tutto dal salto in lungo al salto in alto, dal salto in  …cosa salti di solito ?

Filippo……Il pasto!

Amalio……’Pe stà leggere, sapete  è ‘nu ballerine nate…dal twist al liscio…

Aspasia.......'U lisce...pure 'u lisce...ce furtune, è la mia passione.

Contessa.....E brava Aspasia…sape ballà ‘u liscie ?

Aspasia......No, ma mi piace...

Irene............IL rock...farò il rock acrobatico.

Amalio....... Si si, poi ti fa fare le capriole…Filippo te la senti di fare due passi...

Filippo....... Cu' ‘stù fridde,stè face 'a neve.

Amalio...... Pure il comico,signori lezioni a domicilio, non ve l’aspettavate eh,non se l’aspettavene.

Filippo........(Sottovoce)Manghe ije...ma ce stè cumbine,Amalio ti prego...

Amalio........Lasse fa’ a me...faremo a metà,signori sarà tutto a metà prezzo...

Filippo........E avaste,me ste face studechì, ma ce metà prezze,'u maestre de ballo de sport...

                  ie no' ma fide de sta’ all'impiede,signori scusate ma so' tutte chiacchiere...sine Amà,

                  chiacchiere, buscje…

                    

Cristina.....Come chiacchiere...no' si maestre ?

Filippo......So’ maestre de uàje, s'à ‘nventate tutte cose pe' le solde,sempre le solde, so' 'a ruvine

                de tutte cose.

   

Cristina.....Filippo non pensare ai soldi non danno la felicità.

Contessa…Quann’è poche !

Cristina…...Io gli voglio bene così...e poi sei marchese...

Filippo.........Ma quale marchese...

Contessa...Manghe marchese,'u diceve ie ca' quanne squàgghje 'a neve...'u marchese,

                  montagne de pagine gloriose,’a  linea clocharde , voi…voi siete ...siete...

Filippo......'Nu fallite, ‘u sacce, mi sono prestato al gioco e so' do' vote fallite,Cristina perdonami

                 ma no’ so’ proprietarie de nisciune titele , na' de ce so' propietarie, un mucchio di

                 cambiali( mostra le cambiali ) ie no’ so' nisciune...ma tenghe  ancora 'na facce e m’a

                 vògghje uàrdà senza gerarme dall’otra vànne, perdunateme…e comunque Buon Natale.

                

Fa per andare via ma...

Cristina.....Filippo...Filippo no' te ne scè...mammà  a me du' titele no' me ne 'mporte  proprie

                 Ninde,le verbe, 'a dizione il portamento so' cose chiù gruesse de nu', è l'amore ca’

                 conte, l'amore vero quidde ca' te nasce do' core,none da 'nu titele, l'amore de do'

                 puveridde no' jè mene nobile de quidde fra do' signure, l'amore , mammà, no' canosce

                 ostacoli scavalca pure le muntagne…

Aspasia.....Ma se po' remanè congelate.

Irene..........Si,se po' remanè cùngelàte, ma quànne mene te l'aspitte arrive quidde cane de

                  muntagne cu' liquore e te scarfe ‘u core.

Aspasia.....Quale cane…'u S. Bernadette ?

Contessa...Si,u' cane ca' viste 'a Madonne...'u S. Bernarde...

              

Cristina......Mammà…io...io...sciamene Felì…( si stringe a Filippo e fanno per andare ) 

Irene..........Cristìna e accussì ne lasse…addò sciate cu' stu  fridde...

Cristina......Addio …

Aspasia…'E sbagliate Cristì, non l'hai detta bene, la vocale " O " si forma facendo un cerchio

                 circolare con le labbra e poi basta soffiare dentro così OOOOO...giusto contessa?!

                 E allora caro marchese a tavola vi voglio accanto a me,piccè me stè tremendite, no’,

                 no so’ pacce…sogno, ce vulite fa’, i sogni so’ come certe virus ca’ purtame intre ma

                 no’ se fanne sentè, sime tutte portatori sani, e allora almene pe' stasere faciteme sugnà !

Tutti la guardano stupiti, mentre fanno il loro ingresso babbà e Pompeo che porta il pentolone

Babbà.........Signori a tavola...la cena è  pronta.

Pompeo….Babbà, se stiamo insieme divento contessa?

Filippo........Contessa cosa ce di buono ?

Contessa....Caro marchese è la tradizione che comanda... pasta cu' pesce...

Irene.......... E ce pesce, Amalio un gamberone gigante...

Amalio……Ma ce gamberone gigante...è un’ aragosta...

Cristina.......E dope se sciòche  eh... ne facime 'na bella tombole...

Contessa...Giochi popolari,mègghje un bridge o un bacaràh...

Aspasia......Pe me ninde baccalà ,me remane suse 'o stomache...

Pompeo......Signora Aspasia  il passato di verdure...

Aspasia......Pompè pure tu te mitte...e avaste cu' ste verbe...

Pompeo......Ma ce verbe, il passato di verdure lo servo dopo ?

 

Cristina…..Ah ah ah…beh facime ‘nu belle brindisi d’augurie…

 

Tutti dandosi gli auguri alzano il bicchiere  

Contessa…Babbà, sinte a me mittete ‘nu poche d’acqua.

Babbà ……E avaste cu’ l’acqua !!!!       Tutti ridono mentre cala il sipario sulla Fine

                                                         

                                                                     

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 0 volte nell' ultimo mese
  • 1 volte nell' arco di un'anno