Telefono a gettoni

Stampa questo copione

TELEFONO A GETTONI

S.I.A.E.

                                                                                 Teatro Comico Napoletano         

TELEFONO A GETTONI

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria ANDOLFI

(1993)

Questo lavoro, depositato alla SIAE il 19.10.1993, è stato inserito in alcuni miei spettacoli di Cabteatro e più volte rappresentato a Napoli dalla Compagnia Il Guazzabuglio che ne ha avuto per anni l’esclusiva SIAE.

Non sono consentite variazioni del titolo.

I diritti d’autore sono i minimi d’uso, previsti dalla SIAE.

S.I.A.E.                                                          Teatro Comico Napoletano         

TELEFONO A GETTONI

Atto unico breve

di

Colomba Rosaria ANDOLFI

(1993)

PERSONAGGI :

SALVATORE  (giovane sui trent’anni)

MICHELE  (amico di Salvatore)

RAGAZZA (simpatica ventenne)

RAGAZZO (venditore di fazzolettini)

UN PASSANTE (uomo col cellulare)

UNA PASSANTE (donna di mezza età)

Il continuo progresso teconologico, il passaggio dalla lira all’euro e altri cambiamenti hanno reso datati anche quei lavori teatrali che erano attualissimi nemmeno un ventennio fa. Il Telefono a gettoni rimane però simbolo di un’epoca.

 

TELEFONO A GETTONI

 

La scena è ambientata in una piazza di Napoli agli inizi degli anni ’90. Sulla destra c’è un telefono a gettoni con tetto a cupola di colore arancione; sulla sinistra c’è un cartello, fissato su un palo,con la scritta Fermata ATAN.

Una ragazza si avvicina al telefono, introduce il gettone telefonico nella fessura, compone un numero e aspetta.

UN PASSANTE (con un grosso telefono cellulare appiccicato all’orecchio attraversa la piazza): Sciùsciù, me siente?... (Si ferma e si piega per trovare il campo) E mò me siente?...... E che fa, tanto ’e ttelefonate ’e ppava ’a ditta… Ma tu staje pronta?.... E dimme, ogge che vestito t’ hé miso?.... (Contento) Overo!... È propio chillo ca me piace cchiù assaje… Sì, sto arrivanno… (esce di scena).

RAGAZZA (seccata): Uffà, è occupato… (Riaggancia la cornetta) Forse aggio sbagliato ’o nummero (Compone lentamente di nuovo il numero) Ah, sta chiammanno… Che bellezza!... Pronto Marì, che me dice?   

Da un lato della piazza sopraggiungono due uomini sulla trentina.

SALVATORE (a Michele) : Michè, e cammina!

MICHELE : Salvató, i’ stongo stanco… Nuje stammo giranno ’a mezora.

SALVATORE (nervoso) : Vide che fatica s’ ha da fà pe’ truvà nu telefono ca funziona!... Io tengo pure na nuttata ’ncuollo… Però si a chillo nun l’avverto subbeto, passo nu guajo.   

MICHELE (vede la ragazza che parla a telefono): Ah, finalmente nu telefono che funziona!… Mò ’a guagliona fernesce ’e parlà e tu ’o chiamme.  

RAGAZZA (a telefono): Overo, ha ditto propio accussì!... E essa?...

SALVATORE (impaziente guarda la ragazza) : Si chella sta parlanno c’ ’o ’nnammurato, aggio voglia d’aspettà!

RAGAZZO (con uno zaino in spalla e con in mano dei pacchetti di fazzolettini di carta arriva nella piazza e si avvicina ai due): Accattateve ’e fazzulettine! Duje pacchette ciento lire.

MICHELE (fruga nelle tasche): Ciento lire… E chi ’e ttene!

RAGAZZO (porgendo due pacchetti di fazzolettini a Salvatore): Pigliataville vuje!… Costano ciento lire sulamente.

SALVATORE : Guaglió, ccà ce girano ’e ccervelle… Va a vennere ’a n’ata parte!  

RAGAZZA: Ciao, Marì, mò passeme a mammà!

Sopraggiunge una donna di mezza età che regge un sacchetto della spesa.

RAGAZZO (si avvicina alla donna): Signó, accattateve ’e fazzulettine… Duje pacchette ciento lire.  

DONNA (senza fermarsi): Guaglió, a me ’e sorde me serveno pe’ fà ’a spesa (esce di scena)

RAGAZZO (seguendola fuori scena): Signó, sulo ciento lire!... (Dissolvenza) Signó!   

Salvatore, impaziente, mostra il gettone telefonico alla ragazza,  sperando che lei concluda la telefonata.

 

RAGAZZA (incurante, continua a parlare): Sì, mammà, Maria me l’ha ditto.

 

MICHELE : Simmo furtunate; sta parlanno cu ’a mamma.... Salvató, mò che parle cu Gaetano, salutammillo.

SALVATORE : Michè, qua’ Gaetano?... Io aggi’ ’a parlà c’ 'o principale!

MICHELE  : ’O principale ’e Gaetano?

SALVATORE (spazientito) : ’O principale mio... Michè, e fattella na cura ’e fosforo!

RAGAZZA (a telefono) : No, chella zì Rafilina è ghiuta ô spitale a truvà a zì Nicola; io so scesa pe’ ccà attuorno a fà nu poco ’e spesa............... Overo?!.......... Gesù Gesù, chella cosa brutta se vuleva mettere a cumpetenza cu te!..... Mammà, saccio ca te si’ fatta ’a permanente?... Eh séh, qua’  scarola riccia?... Chillo, papà, te sfotte.... Allora ce vedimmo dimane.

MICHELE (a Salvatore): Hé visto? Ha fernuto.

SALVATORE: Finalmente! (si avvicina con il gettone fra le dita).

RAGAZZA : E passammillo.......... Papà, comme staje? T’ è passata ’a freva?...... E se sape ca te fa male ancora ’a capa........ Noo, statte â casa pure dimane..... Pecché, Caterina sta lloco?....... Uh, ’a voglio salutà!

SALVATORE (esausto, bussa sulla spalla della ragazza, mostrando il gettone) : Signorina… Signorina… Gué, guaglió!

RAGAZZA (infastidita, agita la mano come per scacciare una mosca): Caterì, auguri!...’A sarta te l’ha dato ’o vestito?......... E fattillo accurcià nu poco!..... No, ogge no. Aggio prummiso a zì Rafilina ca resto addu essa pure a durmì. Si vuo’, te pozzo accumpagnà dimane....... Ma ’o nennillo stà ’mbraccio a te?..... E fammillo sentì!...... Chiapparie', songo ’a zia. Comme staje?.... (Sorride) Aggio ’ntiso; ha ditto mbrù mbrù. Significa ca vò bere.

SALVATORE (seccato, torna vicino all’amico): Vide si chella ’a fernesce! 

RAGAZZA (a telefono) : Ma allora Carmeniello nun è sciso a faticà?....... E dincello ca 'o voglio sentì.

MICHELE (per calmare Salvatore) : Te faccio vedé ca mò ha fernuto. Â casa nun tenarrà cchiù a nisciuno. (Spazientito, a voce alta) Nuje jammo ’e pressa.

RAGAZZA : Carmenié, che ce faje â casa?..... Comme mai nun si’ ghiuto a faticà?…..'A ditta stà chiusa pe' lutto!... E pecché, chi è muorto?......... Ma era giovane?...... Teneva trentott’anne... E comme se chiammava..... Comme?...... Casimiro… Che razza ’e nomme!

SALVATORE (a Michele) : Proprio 'o nomme ’e chella carogna d’ ’o principale mio..... (Disperato) Chillu fetente a chest’ ora m’avarrà già licenziato...... Sabato m’ ha ditto chiaro e tunno “Si faje n'atu juorno 'e festa, nun t’appresentà cchiù a faticà”.

MICHELE : Ma si tu lle dice ajere che t’ è succieso, chillo certamente se cumpè… se cumpenentrarrà.

SALVATORE : Macché!... Chillo ha ditto ca nun tengo giustificazione nemmanco si sta murenno muglierema, pecchè ’a fatica ha da jì annanze.

MICHELE : E tu dice ca sta murenno pàteto... Pò essere ca isso p’ ’o pate ce tene cchiù assaje.

SALVATORE : Michè, famme ’o piacere, statte zitto.

RAGAZZA : Carmenié, famme salutà ’a nonna, si no chella se dispiace........ (Alza il tono di voce) ... Ano’, ano’, so’ Patrizia… Comme staje?.........(Sorride) ’E dulore ’e tteneno pure ’e giuvene… L’età nun significa niente. Stanotte è muorto nu certo Schettino ca teneva trentott’anne sulamente.

SALVATORE : Michè, aggio capito buono?... Ha ditto propio Schettino?

MICHELE : Sì, ha ditto “Schettino, trentott’ anne sulamente”.

SALVATORE : E t'arricuorde ’o nomme ca ’a guagliona ha ditto primma ’e Schettino?

MICHELE (pensoso): Era nu nomme strano…. Me pare Casidoro… (Contento)  Ah, sì, ha ditto Casimiro... Pace all'anima soja!... Ma a te che te ne ’mporta?

SALVATORE : Michè, ’o muorto se chiammava Casimiro Schettino e teneva trentott’anne… Hé capito?

MICHELE : Gesù, te l’aggio ditto mò mò io a te… E allora?...

SALVATORE : E allora, Michè, si’ propio senza speranza!… Aspè, famme sentì ’a guagliona che sta dicenno (si avvicina alla ragazza e tende l’orecchio).

RAGAZZA: Ano’, passammillo n’ata vota… Gué, Carmenié, si staje ascenno, ce putimmo vedé nu poco....  Pecché addó vaje?.... Già se fà ’o funerale!

SALVATORE (interessato) : A che ora?

RAGAZZA (meccanicamente): A che ora?.... Ah, a mmiezojuorno.

Michele guarda Salvatore con aria stolida.

SALVATORE (sussurra alla ragazza) : Da addó parte ’o carro?

RAGAZZA (meccanicamente) : Da addó parte ’o carro?...  Ah, da ’o spitale Loreto....... (Sorride)  Sì, ’o sto’ sentenno a Fido…. Ma pecché stà abbaianno?

MICHELE  : Gesù, chesta mò parla pure c’ ’o cane!

SALVATORE (frastornato, con la mano sulla fronte) : E lassala parlà!... Miché, accumpàgneme!... Aggi’ ’a jì ’e corza ’o spitale. 

MICHELE (preoccupato) : Salvató, nun me fà preoccupà!... Che te siente?... Jammo ’e Pellegrini; stà cchiù vicino.

SALVATORE : No, io aggi’ ’a jì ’o Loreto.

MICHELE : E pecché?

SALVATORE : Pecché è llà ca stà ’o muorto…. (Seccato) Michè, nun te sfurzà ’e capì!… Jammo!

MICHELE (tono supplichevole, indicando il cartello ATAN): Però pigliàmmece ’o pullmànno.

SALVATORE: E si aspettammo ’o pullmànno, facimmo notte. (Avviandosi, fuori scena) Curre, fa’ ampressa!

RAGAZZA: Allora, Carmenié, statte buono! (Riaggancia il ricevitore e grida in direzione dei due che si stanno allontanando) Ma comme, primma me date pressa e po’ ve ne jate!

                               F  I  N  E

Nota: Questo lavoro è stato scritto e ambientato nei primi anni ’90, quando la moneta corrente era ancora la lira e i telefoni cellulari erano privilegio di pochi. Lo spettacolo con cui è stato portato in scena è costituito da atti unici brevi, intervallati da composizioni in versi, sempre mie.

Il regista che volesse realizzare lo spettacolo “CABTEATRO” con i miei testi, potrà avvalersi della scaletta qui acclusa.  Su gttempo.it in “Teatrando in versi” troverà introduzioni corali, macchiette e alre composizioni in versi che potrà inserire.

                   

                                            Colomba Rosaria Andolfi

   (corandolfi@libero.it)      

(Scaletta dello spettacolo)

CABTEATRO

Spettacolo in due tempi

Testi di

Colomba Rosaria Andolfi

 Primo tempo                                  Secondo tempo

       (Esterni)                                        |           (Interni)                 

                                                              |

* ’A vita è na scazzetta                       |  * Mani pulite (tammurriata)

                                                              |                 

- Telefono a gettoni                             |  - Sportello bancario

                                                              |       

* Vicino â fermata                                |   * ’A malalengua (o ’A vita)

                                                              |       

- Quanno succede a te...                    |  - Sotto a chi tocca

                                                              |

<Suono di clacson e rombo di motorini>     |  * Vurrìa 

                                                              |

* Napule primma e doppo (tammurriata)         |  - Pesa e ammesura!

                                                              |

- Fossero chiste ’e guaje!                            |  * Nu mistero             

                                                              |                 

* ’E pressa                                           |  - Quanno se dice ’a ciorta!

                                                              |

- Fino alla morte                                  |

____________________________________________________________          

(-) Atti unici

(*) Versi

Un allestimento scenico essenziale con elementi facilmente componibili velocizzerà i cambi di scena a vista. Le tammurriate e i versi recitati renderanno piacevoli le brevi attese. 

I diritti d’autore per lo spettacolo “CABTEATRO”sono i minimi d’uso SIAE.

Questo testo potrà essere rappresentato anche col titolo “SI RIDE DENTRO, SI RIDE FUORI”, volendo significare che il pubblico si divertirà e uscirà dal teatro ancora ridendo.

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 4 volte nell' arco di un'anno