Viola, violino e viola d’amore

Stampa questo copione

VIOLA, VIOLINO E VIOLA D'AMORE

commedia musicale in due tempi

di GARINEI e GIOVANNINI

scritta con MAGNI

musica di BRUNO CANFORA

l°TEMPO QUANDO SI APRE IL SIPARIO I NOSTRI TRE PROTAGONISTI SONO IN SCENA. COME UN TRIO CONCERTISTICO. LUI. AL CENTRO. SUONA UN VIOLINO; LEI. ALLA SUA DESTRA. LA VIOLA; L'ALTRA. ALLA SINISTRA. LA VIOLA D~AMORE. ·STANNO SUONANDO LE ULTIME BAT, TUTE DEL "CONCERTO PER VIOLA. VIOLINO E VIOLA D'AMORE".

LUI                                         Il violino strumento melodioso

                                                del cui suono si dice

                                                abbia un che di misterioso

                                                grazie al segreto della sua vernice

                                                Un trillo…un’impennata…un improvviso

                                                ora in chiave di pianto … ora in chiave di riso

                                                un abbandono di malinconia

                                                fuga… capriccio … sogno … fantasia

                                                forse follia... forse diavoleria

                                                tutto un moto perpetuo... tutto un iradiddio

                                                io

VIOLA                                   La viola

                                                Strumento d'origine orientale

                                                fedele per natura

                                                ad una sua scrittura

                                                musicale,

                                                per cui, se suona in duo,

                                                mantiene il tono suo,

                                                ma prova invece gran difficoltà

                                                quando l'altro strumento

                                                ha un suo momento d'improvvisazione

                                                quindi, la viola, forse, non ha

                                                estemporaneità

                                                ma ogni nota che fa

                                                ha un suono d'assoluta fedeltà

                                                L'unica in questo trio: io

VIOLA D'AMORE                La viola d’amore

                                                strumento superiore

                                                con molte corde in più

                                                da cui riceve magiche virtù

                                                di dare vibrazioni

                                                e suoni, modulazioni …

                                                Viola d'amore;

                                                e amore ècome un rito

                                                che affronta con volubile furore

                                                senza avere spartito

                                                senza avere leggìo: io.

(FORSE UNA RIPRESA DI CONCERTO D'ARCHI

- OPPURE IL BREVE RITORNELLO DI “VIOLA, VIOLINO E VIOLA D’AMORE"

O UNA BOTTA DI "SWINGLER")

LUI                                         Nota bene: il violino èpiùpregiato

                                                quanto piùèstagionato.

                                                Acqua al mulino mio,

                                                perché per voi il violino sono io.

LEI                                          Avvertenza: la viola si sente a suo agio

                                                in un tempo di “adagio”

                                                non gradisce il “galoppo”

                                                accetta l'''allegretto ma non troppo,

                                                ma non si lancia mai nell’”allegro”con brio:

                                                ragion per cui la viola sono io.

L'ALTRA                               Attenzione: la viola d'amore

                                                ha nella sua voluta superiore

                                                una testina d'Amore bendato.

                                                Come un significato

                                                di mistero, di estasi, d'oblio.

                                                E la viola d'amore sono io.

FINALE MUSICALE SUL QUALE LEI E L'ALTRA ESCONO. LASCIANDO IN SCENA SOLTANTO LUI. VALE A DIRE L'AVVOCATO CARLO ALBERTO. IN SCENA SI FORMA IL SUO APPARTAMENTO: UN ATTICO CON TERRAZZA. OLTRE LA TERRAZZA SI VEDE L'INTERNO DELL'APPARTAMENTO~' SUL TETTO LE ANTENNE DEI TELEVISORI.

CARLO ALBERTO              (RIVOLGENDOSI AL PUBBLICO) All'inizio di questa storia il trio                                            non esiste ancora. Èsoltanto un duo. Mia moglie ed io. Questo èil                                                  nostro nido d’amore…il sabato…Perché anche mia moglie lavora.                                                 Alla FAO Assistente del professor Zimpelius. E perciò, noi,                                                      quantunque sposati da poco, facciamo l'amore soltanto il sabato. Lei                                              dice che èmoderno, civile. tutti i paesi evoluti fanno così. lo saròun                                      sottosviluppato, ma l'unico giorno delIa settimana in cui sto bene èla                                                 domenica. Lunedìe martedìpassano. Mercoledìe giovedìsono                                                       nervoso... Il venerdìdivento un lupo. Mi viene pure la narice                                                            vibratile… fiuta vento... E tutto cominciòuna sera di venerdì…Un                                                venerdìdi luglio (ANNUSA. L'ARIA) Percepii il suo profumo …

(SILVIA, MOGLIE DI CARLO ALBERTO. ÈINTERPRETATA DALL'ATTRICE CHE NEL "NUMERO" MUSICALE DI PRESENTAZIONE IMPERSONIFICÒ LA VIOLA. ÈGIOVANE. BELLA, BIONDA. ATTRAVERSA LA SCENA IN VESTAGLIA).

SILVIA                                  Vieni a letto, amore... Ho tanto sonno... Lo sai

                                                che quando mi sei vicino dormo meglio

CARLO ALBERTO              (AL PUBBLICO) Nel vedermela davanti bella, trasparente, beh. la                                                             buttai lì: (ALLA MOGLIE) Silvia... (CON VOCE                                                                           IMPROVVISAMENTE STROZZATA) Beviamo una cosa.

SILVIA                                  (STUPITA) Perché?

CARLO ALBERTO              (AL PUBBLICO) Eh, già... Perché? (ALLA MOGLIE) Beh, così...                                                beviamo una cosa

SILVIA                                  Domani, caro…Domani c'èpiùtempo (E SI AVVIA IN CAMERA                                               DA LETTO)

CARLO ALBERTO              (GRIDANDO) Ma io ti amo anche oggi!

SILVIA                                  (SI VOLTA, SI ARRESTA IN UNAPOSIZIONE DI STUPORE CHE                                        MANTIENE IMMOBILE PER TUTT IL TEMPO DELLA                                                            SPIEGAZIONE DI CARLO ALBERTO)

CARLO ALBERTO              (AL PUBBLICO) Restòpietrificata. Non se L'a spettava una botta                                                             così.

SILVIA                                  (GLI VA INCONTRO, GLI BUTTA LE BRACCIA AL COLLO E LO                                       BACIA) Anche io ti amo.

CARLO ALBERTO              (LA ABBRACCIA ANCHE LUI) Allora perché non mettiamo il                                                   sabato avanti di un giorno e facciamo la settimana legale?

SILVIA                                  (SCUOTE DOLCEMENTE LA TESTA) Domani, domani…Appena                                            ti svegli,èsabato... (ED ENTRA IN CAMERA DA LETTO)

CARLO ALBERTO              Ed èsubito sabato. Che poi non èvero. Non comincia subito il sabato                                             la mattina si lavora. Il sabato. quello che conta. comincia la sera. E                                                   chi ci arriva?

                                                NEL FRATTEMPO SUL SUPERATTICO, FRA LE ANTENNE, È                                            COMPARSO IL TECNICO DELLA TELEVISIONE.

TECNICO                              (PARLA IN DIALETTO ROMANO CON UNA CERTA PUNTA DI                                          RICERCATEZZA) Dottò, che parla da solo?

CARLO ALBERTO              (AL TECNICO) Lei non ha ancora finito con quelle antenne?

TECNICO                              Sì, che ho finito. Ma ho indugiato alcunché. Da quassùse vede un                                                   panorama!

CARLO ALBERTO              Sì, lo so: l'Acqua Acetosa, Villa Glori …

TECNICO                              No, dicevo er panorama umano dentro le case … "No scenufleggio.                                                Tutti che se spoìano, se ignudano. Saràun pòer caldo, un pòla                                                        decadenza del costume, ma qui ogni finestra pare una figura del                                                      Decamerone dei fratelli Fabbri. (IMPROVVISAMENTE) Ih proprio                                              qua sotto c'èuno in mutande che sta a corre appresso a una                                                                  paperona…

CARLO ALBERTO              A chi?

TECNICO                              A 'na paperona, dottò. … Co' due piedi … Fina, fina de sopra,                                                       s'allarga de sotto…Bella …bella de zio...

CARLO ALBERTO              Che cosa?

TECNICO                              Bella de zio... Perché io de natura so un pòguardone. Che niente                                                     nientepure lei? No, perché se no, caso mai, siccome dalla terrazza sua                                             nun se vede gnente, je potevo fa io da ripetitore: (CACCIA UN                                                             URLO IMPROVVISO)

CARLO ALBERTO              Che è?

TECNICO                              L'ha beccata ... Quello in mutande ... J'èzompato addosso… Dev'esse                               una svedese ... Sta ignuda, con una criniera de capelli biondi che pare                                              un fienile… Aho, mo' je se sta tutto a intorcinàne li capelli e poi ...

CARLO ALBERTO              (CHE HA SEGUITO LA DESCRIZIONE CON MOLTO                                                                         INTERESSE) E poi?

TECNICO                              Ah, je piace?

CARLO ALBERTO              (RISCUOTENDOSI) Basta... Vada via di là... Si vergogni. .. Vada via... (CON BRUSCO CAMBIAMENTO RIPRENDE IL TONO NARRATIVO RIVOLGENDOSI AL PUBBLICO, MENTRE IL TECNICO SCOMPARE E LA LUCE SI ABBASSA SUL SUPERATTICO) Gli espressi tutta la mia riprovazione. Tuttavia il suo rozzo discorso mi aveva turbato. Mi avvicinai alla ringhiera (GUARDA SPORGENDOSI) Effettivamente non si vede niente (SIINQUIETA RITIRANDOSI) Ma non si deve vedere, che diamine. (DA UN'OCCHIATA ALLA STANZA DA LETTO. SULLA SUA FACCIA SI LEGGE LA DECISIONE DI UN ULTIMO TENTATIVO CON LA MOGLIE. SI AVVIA VERSO LA STANZA DA LETTO E        VI SCOMPARE)

SILVIA (DA DENTRO LA STANZA, PARLA CONCITATAMENTE IN TEDESCO) Aber, Carlo Alberto, willstDu mich nun schlafen lassen ja oder nein? Du weisst doch, dass ich den wecker auf sechs uhr gestellt habe, Lass mich in ruhe

(CON UNO SPECIALE DISPOSITIVO IL PUBBLICO POTRA' LEGGERE, COME SE FOSSERO TITOLI, LA TRADUZIONE ITALIANA DELLA BATTUTA TEDESCA DI SILVIA):                                       "Insomma, Carlo Alberto, vuoi lasciarmi dormire, si o no? Sai che ho                                         messo la sveglia alle sei. Lasciami in pace.

SOTTO QUESTA BATTUTA PUO' ANCHE ESSERCI DELLA MUSICA CARLO

ALBERTO                             (ESCE. ARRETRANDO DI SPALLE) Volevo farti uno scherzo...                                                             Figurati se avevo intenzione. E poi èsubito sabato...                                                                         (NERVOSAMENTE, PRENDE UN SOPRAMMOBILE. UN                                                       GIORNALE E LO SBATTEPER TERRA. SOTTOLINEATO                                                      DALLA MUSICA. POI, TRA IL CANTO E IL RECITATIVO,                                                      DICE):

CARLO ALBERTO              Eh, no

                                                Stasera, no

                                                ieri, no

                                                domani èsabato. Sì

                                                Perché? Così

                                                Perché lei èorganizzata tutta schedulizzata

                                                Attacca la spina

                                                spinge un bottone

                                                e la macchina èin funzione.

                                                Eh, no. L'uomo non èun elettrodomestico

 non èun lavapiatti

 a dodici scatti

 non èun frigorifero

 nèun aspirapolvere.

 E se anche lo fosse, io non lo sono, no

 Chèin fondo amore mio,

 nonèche chiedo tanto.

 Che cosa ti domando?

 Di non fissare il "quando".

 Non essere un robot

 abbandonati un po’

 Non fare piùprogrammi

 e, ti scongiuro, dammi

 quel poco che ti chiedo.

 Lo sai cosa ti chiedo?

(REFRAIN di "UN AMORE COME DICO IO")

 Un amore come dico io

 un amore come piace a me

 un amore tutto a modo mio

 che appartenga solamente a me

 Un amore nuovo .... sempre nuovo... sempre

 differente

 che mi dia tutto e in cambio non mi chieda niente.

 Un amore come dico io

 un amore come piace a me

(RIPRENDE SOLA ORCHESTRA IL REFRAIN SUL QUALE CARLO ALBERTO PARLA).

                                                Un amore così... senza tempo... senza calendario senza disco orario...                                               minuti... secondi ore… insomma senza lancette. Un amore senza                                                      “ma”, senza “se”,“forse”“chissà”“vedremo”…Un amore più                                                        divertente…piùbizantino …piùsoddisfacente, …insomma…

RIPRENDE A CANTARE)

                                                Un amore nuovo... sempre nuovo... sempre dif- ferente che mi dia                                                   tutto e in cambio non mi chieda niente Un amore come dico io un                                                    amore come piace a me...

(TERMINATA LA CANZONE. RESTA DELLA MUSICA IN SOTTOFONDO)

ALLE SPALLE DI CARLO ALBERTO CHE ÈAL DAVANZALE E STA CERCANDO DI GUARDARE NELLA CASA DI FRONTE, APPARE SILVIA SECONDA, INTERPRETATA DALLA ATTRICE CHE AVEVA IMPERSONIFICATO LA VIOLA D'AMORE. E CHE HA IL VOLTO IDENTICO A QUELLA DI SILVIA. ÈABBIGLIATA PER LA NOTTE COME LA DONNINA IDEALE DI UN PAGINONE DI SEXI-BOY ED ÈSEDUCENTE SDRAIATA SULL'AMACA)

SILVIA II                              Non hai niente di meglio da guardare?

CARLO ALBERTO              (SI GIRA, VEDE LA APPARIZIONE E SI PRECIPITA VERSO IL                                           PUBBLICO) Me la vidi davanti, all'improvviso. Mia moglie era lì                                                  nella stessa identica posizione ... (TIRA FUORI DALLA TASCA UN                                           PAGINONE DEL GIORNALE “SEXI_BOY”CON LA FOTO DI                                              UNA DONNA SEMINUDA) Sì, il paginone di “Sexi-boy", queste                                                          pubblicazioni oscene... Oggi l'ho viste dal barbiere e distrattamente                                                me la sono messa in tasca.

SILVIA II                              Vieni qui (E GLI TENDE UN BRACCIO)

CARLO ALBERTO              (CON UN BALZO LE ÈVICINO, LE SI INGINOCCHIA DAVANTI                           E COMINCIA A BACIARLE LA MANO, IL BRACCIO ...)

                                                Allora hai capito con quanta intensitàti desideravo stanotte. o dolce,                                              unica mia…

SILVIA II                              Ti sarebbe piaciuto andare sul tetto a guardare i vicini che fanno                                                      l’amore, eh?

CARLO ALBERTO              Io?

SILVIA II                              Ti piace guardare, eh?

CARLO ALBERTO              (IMBARAZZATO) Ma io...

SILVIA II                              A me, si

CARLO ALBERTO              Eh? Non me lo avevi mai detto

SILVIA II                              Non me lo avevi mai chiesto (CON ALTRA VOCE INSINUANTE)                                              Beviamo una cosa?

CARLO ALBERTO              (AMMICCA AL PUBBLICO SORRIDENDO) Meravigliosa. frivola                                            creatura (LA BACIA) Vado e torno. (ENTRA                                                                                 PRECIPITOSAMENTE NELLA STANZA DA LETTO. COMPARE                                           SUL FONDO ORA, NELLA STANZA ILLUMINATA                                                                         SCORGIAMO CHE SILVIA SI RIGIRA NEL SONNO                                                                 SCOPRENDO IL VOLTO ROVESCIATO SUL CUSCINO. CARLO                                      ALBERTO RITORNA DI CORSA CON UNA BOTTIGLIA DI                                                         CHAMPAGNE IN MANO. ATTRAVERSA LA STANZA. SUPERA                                IL LETTO. POI SI BLOCCA. VEDE SILVIA ADDORMENTA. LE                                           SI AVVICINA SORNIONE SORRIDENDO. INTANTO SULLA                                                           TERRAZZA SILVIA II SCIVOLA MOLLE DALL'AMACA. SI                                                            AVVICINA AL GRIGLIATO E COMINCIA AD ARRAMPICARSI                                         SUL TETTO)

CARLO ALBERTO              Fai finta di dormire adesso, eh. briccona. (LA BACIA SUL COLLO)

SILVIA                                  (APRE GLI OCCHI E LO FISSA SENZA CAPIRE).

CARLO ALBERTO              (MOSTRANOOLE LA BOTTIGLIA CON UN GESTO DA                                                         CANTONIERE) Don Perignon... (AMMICCA FURBO) Eh?

SILVIA                                  Eh?

CARLO ALBERTO              Eeeeh... (FA PER ABBRACCIARLA)

SILVIA                                  (SI METTE AD URLARE IN TEDESCO) Mach, dass du coyg                                                      kommst, geh weg... Aber was hast Du deen diese Nacht v Genug                                                    damit, geh weg.

(I SOTTOTITOLI COL SISTEMA COME SOPRA TRADUCONO: "VATTENE VIA VATTENE VIA, MA CHE HAI STANOTTE? BASTA? VATTENE VIA).

SILVIA                                  (SPEGNE LA LUCE E SI SPROFONDA NEL LETTO).

CARLO ALBERTO              (SORPRESISSIMO. ESCE DALLA STANZA E PASSA IN                                                        TERRAZZA SEMPRE CON LA BOTTIGLIA IN MANO. POSA LA                                         BOTTIGLIA INDI RIVOLGENDOSI AL PUBBLICO) Che cos'era?                                          Una presa in giro, una irrisione alla mia virilitàfrustrata? Forse non                                           mi amava più, o solo per dimostrarmi che con me avrebbe potuto                                                         giocare come il gatto con il topo? Infatti, a volte, nei suoi rari                                                     momenti di abbandono mi chiama topolino.

SILVIA II                             (DALL'ALTO) Topolino...

CARLO ALBERTO              (ALZA LA TESTA DI SCATTO E VEDE SILVIA II) Ancora mia                                               moglie che ricominciava il suo gioco misterioso (CAMBIANDO                                                     TONO A SILVIA II) Che fai lassù?

SILVIA II                              (SOTTOVOCE) Guardo i vicini

CARLO ALBERTO              Io non so che ti succede stanotte

SILVIA II                              Vieni ...

CARLO ALBERTO              (COMINCIA AD ARRAMPICARSI)

SILVIAII                              Sono tutti nudi ...

CARLO ALBERTO              Ci deve essere anche una svedese con i capelli di miele, lunghissimi

SILVIA II                              C'èanche un uomo ...

CARLO ALBERTO              (DIVERTITO) Ah. si, quello in mutande

SILVIA II                              Non ce le ha più

CARLO ALBERTO              (INTERROMPENDO L'ARRAMPICATA) Ma siamo impazziti...                                                  Vieni giùsubito... Non guardare... Ti proibisco...

SILVIA II                             Come vuoi (SCENDENDO, GLI VOLA FRA LE BRACCIA)

CARLO ALBERTO              (GUARDANDOLA PERDUTAMENTE) Silvia.

SILVIA II                             Che c'è.

CARLO ALBERTO              Io non ti riconosco più... Mi sembri un'altra

SILVIA II                             Ma non mi desideravi così?

CARLO ALBERTO              Si, così, paperona.

(COMINCIA NUMERO MUSICALE SEXI BOY)

SEXY e BOY

Sexy-boy

io ti voglio così, sexy-boy

Èla notte creata per noi

ed io questa notte saròcome vuoi

Sexy-boy

tu sei l'uomo per me, sexy-boy

e stanotte saròpiùche mai

soggiogata da te… tua

Vieni qui, sexy- boy

non parliamo... non parliamo...

Oramai, sexy-boy

esistiamo solo noi

Solo noi

e niente altro all'infuori di noi

e, allora, baciami. sexy-boy

(SILVIA II INIZIA UN BALLETTO DI SEDU ZIONE. SU CARLO ALBERTO CHE REAGISCE COMICAMENTE SBALORDITO. FORSE RIPRESA CANTATA DELLA PARTE FINALE DELLA CANZONE IL "NUMERO" TERMINA CON SILVIA II E CARLO ALBERTO ABBRACCIATI SULL'AMACA, ALL'INIZIO DI UNA NOTTE D'AMORE)

BUIO

(UNA MUSICA SEGNERA' IL PASSAGGIO DI TEMPO DALLA NOTTE AL GIORNO. SULLA MUSICA SUONERA' UNA SVEGLIA)

SONO LE SEI DEL GIORNO SUCCESSIVO. LA LUCE SI RIACCENDE NELLA CAMERA DA LETTO. SILVIA SI ALZA. AGILE E DINAMICA, GUARDA IL POSTO DI CARLO ALBERTO ACCANTO AL SUO: ÈVUOTO. SCENDE DAL LETTO. ESCE SULLA TERRAZZA.

CARLO ALBERTO, SOLO, ANCORA VESTITO, ÈIN UNO STATO DI DOLCE

DORMIVEGLIA SULL'AMACA CHE ONDEGGIA LEGGERMENTE. SILVIA SI AVVICINA.

CARLO ALBERTO              (AD OCCHI SOCCHIUSI) Poi la rompiamo a martellate, la sveglia. .. sì, sì (COME UN GATTONE) Restiamo cosìtutta la vita...

SILVIA                                  (VEDE LA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE CHE ÈSUL TAVOLO, LA ESAMINA CONTRO LUCE, LA POSA NUOVAMENTE) Carlo Alberto...

CARLO ALBERTO              (APRE GU OCCHI, GUARDA ACCANTO A SÈ. STUPITO DI NON VEDERE NESSUNO. SI VOLTA. E LA MOGLIE ÈDAVANTI A LUI)

SILVIA                                  Svegliati...

CARLO ALBERTO              (CON GLI OCCHI APPANNATI) Eh?

SILVIA                                  (PRENDE LA BOTTIGLIA E LA ROVESCIA) Èvuota.

CARLO ALBERTO              (BALZA IN PIEDI SOLLECITO ED ESALTATO E LA GHERMISCE) Ah, ingorda beona... Vieni qui, accoccolati ... Vado a prenderne un'altra. Ce la beviamo insieme nell'alba dorata ... Magari nella vasca da bagno … Diguazziamo finchénon sorge il sole. Poi usciamo nudi sulla terrazza e offriamo i corpi ai primi tiepidi raggi... Vuoi? Si che vuoi, bella bella di zio ... Aspetta (PARTE DI CORSA)

SILVIA (ANCORA ANNICHILITA ÈNELLA TERRAZZA. SCUOTE LA TESTA SBALORDITA ED ESCE DI SCENA)

CARLO ALBERTO              (TORNA DI CORSA CON UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE) Dove sei? (CERCA DI APRIRE LA BOTTIGLIA) L'hai capita, eh, che non sono uomo da caffèlatte la mattina... Ci hai messo dueanni... Ti sei scatenata, eh? E adesso io ti depravo... Vedrai che succede da oggi in poi in questa casa: il Basso Impero. (SI FERISCE IL DITO CON LA GABBIETTA DELLO CHAMPAGNE) Ahi … Accidenti a queste gabbiette... Èl'orgasmo ... Ci metto subito un po’d'alcool) (CON LA BOTTIGLIA ANCORA IN MANO CORRE IN BAGNO, APRE LA PORTA E SUBITO SI ARRESTA FOLGORATO: SILVIA II NELLA VASCA, DA BAGNO, SEPOLTA NELLA SCHIUMA, GU TENDE LE BRACCIA NUDE)

SILVIA II                              Mi insaponi la schiena?

CARLO ALBERTO (SOLITO SORRISO DI GIOIA VERSO IL PUBBLICO)

SILVIA II                              Vieni.

CARLO ALBERTO              Che hai, oggi? Non posso esprimere un desiderio che subito lo esaudisci

SILVIA II                              Versami sulle spalle lo champagne ghiacciato

CARLO ALBERTO              (ESALTATO) Sì, si, e poi ci beviamo tutta la vasca. (VERSA LO CHAMPAGNE. MENTRE SILVIA II OFFRE IL CORPO ALLO STILLICIDIO. DALLA TERRAZZA IMPROVVISAMENTE ECHEGGIA LA VOCE DI SILVIA)

SILVIA                                  Carlo Alberto...

(ALLA VOCE DELLA MOGLIE. CARLO ALBERTO RESTA IMPIETRITO. CONTINUA COME UN AUTOMA A VERSARE LO CHAMPAGNE AFFACCIANDOSI IN TERRAZZA DOVE VEDE CHE LA MOGLIE GLI STA PREPARANDO LA COLAZIONE SUL TAVOLINO. GUARDA ANCORA NEL BAGNO E VEDE SILVIA II CHE DIGUAZZA NELLA VASCA). CARLO ALBERTO (A SILVIA II) Allora tu non sei lei ... Sei un'altra. Oppure (GUARDA VERSO LA TERRAZZA) Oppure, èlei che non è… (CON IN MANO LA BOTTIGLIA ORMAI VUOTA VA SULLA TERRAZZA. DELIBERATAMENTE URTA LA CHICCHIERA DEL CAFFÈNEL MOMENTO IN CUI SILVIA STA VERSANDO)

SILVIA                                  (IRRITATA) Gib acht du nast den kaffee verschuttet

CARLO                                  ALBERTO (POSITIVO) Questa èmia moglie. (TORNA DI CORSA VERSO IL BAGNO E DALLA PORTA VEDE SILVIA II CHE, SEMPRE NELLA VASCA, GLI SORRIDE) E questa chi è? Da dove èuscita? (RAPIDAMENTE CHIUDE LA PORTA DEL BAGNO)

SILVIA                                  Te ne sei bevuta un'altra ...

CARLO ALBERTO                          (GUARDA LA BOTTIGLIA CHE TIENE ROVESCIATA) Ah. no. Questa l'ho vuotata nella vasca.

SILVIA                                  Nella vasca?

CARLO ALBERTO              (AL PUBBLICO) Tutto mi si confuse nella mente. Ebbi un capogiro, simulato naturalmente ... E, andando incontro a mia moglie, dissi (TORNA VICINO ALLA MOGLIE) Mi sento male.

SILVIA                                  Certo che ti senti male. Hai bevuto, hai dormito tutta la notte in terrazza, adesso ...

CARLO ALBERTO              (INTERROMPENDOLA) Mi sento proprio male.

(SI ACCASCIA IN BRACCIO ALLA MOGLIE CHE LO SOSTIENE FINO AL LETTO E CE LO STENDE SOPRA)

SILVIA                                  (DOPO AVER DISTESO IL MARITO SUL LETTO SI DIRIGE DI CORSA VERSO IL BAGNO)

CARLO ALBERTO              (BALZA A SEDERE SUL LETTO E URLA VERSO LA MOGLIE) Dove vai?

SILVIA                                  In bagno, a prenderti un'aspirina

CARLO ALBERTO              No.

SILVIA                                  (NON LO ASCOLTA ED ENTRA NEL BAGNO SCOMPARENDO ALLA NOSTRA VISTA)

CARLO ALBERTO              Adesso la vede.

(TRATTIENE IL FIATO ASPETTANDO L'URLO DELLA MOGLIE PER LA SICURA SCOPERTA IMPROVVISAMENTE ALLE SUE SPALLE SEDUCENTISSIMA C'ÈSILVIA II CHE LO ABBRACCIA. CARLO ALBERTO BALZA IN PIEDI CERCANDO DI LIBERARSI DALL'ABBRACCIO).

Sei pazza? Cosa fai? Ma poi chi sei tu, chi ti conosce? (CAMBIANDO TONO) Cosa fa nella mia camera? Se ne vada... C'èmia moglie di là

SILVIA II                              (TENDENDOGLI LE BRACCIA) Che t'importa.

CARLO ALBERTO              (SI SENTE DEI RUMORI) Eccola che torna ... Resti lì, signora, non si muova, la prego. (ESCE DI CORSA DALLA CAMERA DA LETTO CHIUDENDO UNA DIVISIONE SEPARATORIA PROPRIO NEL MOMENTO IN CUI LA MOGLIE TORNA CON UN BICCHIERE D'ACQUA E UN’ASPIRINA)

SILVIA                                  Non ti sentivi male?

CARLO ALBERTO              (FEBBRILMENTE) Prima... Adesso sto benissimo… Anzi, esco con te. Sei pronta?

SILVIA                                  Esci alle sette?

CARLO ALBERTO              Sì. certo. Vado a sentire il respiro della cittàche si sveglia (UN COLPO DI CLAKSON)

SILVIA                                  La macchina del professor Zimpelius ègiàqui... Èla prima volta che non mi trova giùal portone... Allora, vieni? (PRENDE FRETTOLOSAMENTE LA BORSA. I GUANTI. GLI APPUNTI)

CARLO ALBERTO              No, èmeglio che resti qui... Lavoro … stamattina ho voglia di lavorare...

SILVIA                                  (LO BACIA AL VOLO) Ecco ... bravo... E non bere più... Poi, piùtardi ti telefono... Ciao

(ESCE A PRECIPIZIO, MENTRE SI SENTE ANCORA UN SUONO DI CLAKSON.

CARLO ALBERTO              (GUARDA LA DIVISIONE SCORREVOLE CHE HA CHIUSO PRIMA. CI SI DIRIGE RISOLUTO PER APRIRLA. POI SI FERMA E VA VERSO IL PUBBLICO) Non era vero... Non poteva essere vero... In quella stanza non c'era nessuna donna… cosìpensavo. E, infatti, quando risolutamente mi decisi ad aprire... (SPALANCA LA DIVISIONE E APPARE LA CAMERA DA LETTO. PER UN ATTIMO. L'IMMAGINE DI UNA DONNA COMPLETAMENTE NUDA BIANCHEGGIA SUL LETTO. CARLO ALBERTO RICHIUDE DI COLPO). Era ancora lì (CON ALTRO TONO) O era la paura che ci fosse che mela aveva fatta rivedere? (CAUTAMENTE RIAPRE LO SCORREVOLE. PIANO PIANO. NELLA STANZA, QUESTA VOLTA, NON C'ÈNESSUNO. TIRA UN SOSPIRO DI SOLLIEVO, ENTRA). Infatti non c'è... Non c'èpiù… (CON VOCE SGOMENTA) Perchénon ci sei? Dove sei andata?

VOCE FLORA II                  Allora adesso mi vuoi?

CARLO ALBERTO              (SI VOLTA DI SCATTO E VEDE)

SILVIA II                              (CHE ESCE DA UN ARMADIO VESTITA BIZZARRAMENTE MA IN MODO MOLTO PROVOCANTE, E VA AD ACCOCCOLARSI SUL LETTO) Ho tanta voglia di fare l'amore

CARLO ALBERTO              (VIBRA E FREME. SALTA SUL LETTO. LA AFFERRA, LA ROVESCIA) Ma chi sei, chi sei?

SILVIA II                              Non lo sai?

CARLO ALBERTO              Mi sei apparsa così, all'improvviso.

SILVIA II                              Sei tu che mi hai chiamato.

CARLO ALBERTO              Io? Cos'è, una magia?

SILVIA II                              Se non lo sai tu.

CARLO ALBERTO              Eppure il tuo volto, io l'ho giàvisto... L'ho giàincontrato.

SILVIA II                              E non ti ricordi dove?

CARLO ALBERTO              Io ti ho vista… adesso non riesco a metterti a fuoco… No, il tuo viso non mi ènuovo (SI ESALTA) Il tuo corpo invece sì…è nuovo …ènuovissimo (LA STRINGE A SÈ. SILVIA II REAGISCE ALLA STRETTA VIBRANDO). Vibra come una corda di violino… anzi, di viola… di viola d'amore.

(CADONO ABBRACCIATI SUL LETTO)

SILVIA                                  (RIENTRA VELOCEMENTE. ATTRAVERSA LA SCENA. ENTRA IN CAMERA DA LETTO. SI BLOCCA SULLA SOGLIA. CARLO ALBERTO BALZA IN GINOCCHIO MENTRE SILVIA II GLI RESTA AGGRAPPATA ALLE SPALLE)

CARLO ALBERTO              (PENOSAMENTE) Silvia ... Poi ti spiego.

SILVIA                                  Cosa vuoi spiegare? Ètalmente evidente.

CARLO ALBERTO              Sì, però, sai, tante volte le apparenze...

SILVIA                                  Io lo sapevo già...

CARLO ALBERTO              Che sapevi?

SILVIA                                  Che appena uscita io, ti saresti rimesso a dormire (VA A PRENDERE IL REGISTRATORE) Con queste tue stranezze mi hai fatto dimenticare il registratore con la relazione di Zimpelius. Ciao. pigrone. E non fare tardi in tribunale. (ESCE DI CORSA DANDOGLI PRIMA UN BACIO SULLA FRONTE)

CARLO ALBERTO              (PRIMA MERAVIGLIATO POI IMPAZZITO DI GIOIA) Non l'ha vista... non la vede... non ti vede...

L'ORCHESTRA ESPLODE NELLA CANZONE "ALLORA ÈLA FINE DEL MONDO" CARLO ALBERTO - (DA' LIBERO SFOGO ALLA SUA GIOIA E COMINCIA A CANTARE)

Allora èla fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

Allora èla fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

Ho voglia di far capriole

perchéc'èqualcosa

qualcosa di nuovo

di nuovo nel sole

Improvvisamente... prodigiosamente

tu sei comparsa avanti a me

Mi sembra che dentro la testa

duemila campane

vicine e lontane

scampanino a festa

Tutti i miei pensieri... i miei desideri

ringiovaniscono con te

Èproprio la fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

O meglio, l'inizio d'un mondo

l'inizio d'un mondo

del mio nuovo mondo

(A UN CERTO MOMENTO LA CANZONE ABBRACCIA SILVIA II E LA FA BALLARE FELICE.

MANCA PAGINA 25

SILVIA                                  Stupendo: l’hai dipinto tu?

CARLO ALBERTO              (SORPRESO) Come lo sai? Non l'ho nemmeno firmato...

SILVIA II                              Sembra proprio un Gauguin

CARLO ALBERTO              (SI VOLTA VERSO IL PUBBLICO ILLUMINANDOSI DEL SOLITO SORRISO)

SILVIA II                              Perchélo tieni cosìnascosto?

CARLO ALBERTO              Èmia moglie che lo ha messo li. Dice che meno si vede e meglio è. E poi io non dipingo più, da quando mi sono sposato...

SILVIA II                              Ma devi riprendere subito. Tu stai sprecando il tuo talento.

CARLO ALBERTO              (FELICE ESPLODE DI NUOVO NEL REFRAIN RIVOLGENDOSI QUESTA VOLTA A SILVIA II).

Ma tu sei la fine del mondo

la fine del mondo la fine del mondo

Ma anche il principio di un mondo

piùbello e giocondo

il mio nuovo mondo

SILVIA II                                          (CHE NEL FRATTEMPO HA GIRONZOLATO ED HA DATO UNA SCORSA AD ALCUNI FOGLI DATTILOSCRITTI) (MUSICA IN SOTTOFONDO) E questa che è? L'arringa per la causa Spinelli?

CARLO ALBERTO                          (STUPITO) Che nei sai tu della causa Spinelli? L'unica persona con la quale ne ho parlato èmia moglie e non mi èstata nemmeno a sentire.

SILVIA II                                          (CHE HA LETTO AVIDAMENTE I FOGLI) Stupenda (DECLAMA) E lascerete voi che venga condannato un innocente? Immagino l'effetto che farà, detta dalla tua voce calda e sensuale.

CARLO ALBERTO                          (GUARDA ANCORA IL PUBBLICO COL SOLITO SORRISO COMPIACIUTO) La mia voce calda e sensuale...

SILVIA II                                          (CON LEGGERO RIMPROVERO) Perchénon hai continuato a fare l'attore, con quella voce che hai?

CARLO ALBERTO                          (SBALORDITO) Sai pure che volevo fare l'attore? (SI SCHERMISCE) L'attore poi... Una volta ho recitato in villeggiatura, alla Pro Loco... Feci l'orazione di Marc’Atonio sul cadavere di Cesare... Poi l'ho rifatta a casa per gli amici... ma poche volte perchéappena comincio mia moglie si addormenta.

SILVIA II                                          (CON IMPROVVISO TONO SHAKESPEARIANO) Silenzio. Udiamo ciòche Marc'Antonio sta per dire...

CARLO ALBERTO                          (LA GUARDA. SI ILLUMINA E SUBITO ENTRA IN PARTE) "O tu, gentile romana, il nobile Bruto ha detto che Cesare era ambizioso. Se cosìera, fu un grave difetto. E gravemente Cesare ne ha pagato il fio. Qui con il permesso di Bruto e degli altri. Bruto èuomo d'onore e tutti, tutti sono uomini d'onore, venga a parlare al funerale di Cesare".

SILVIA II                                          (CHE LO HA SEGUITO RAPITA CON OCCHI INNAMORATI GLI BATTE LE MANI E CANTA)

Sei proprio la fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

Che voce da basso profondo

che gesto rotondo

la fine del mondo...

(LA MUSICA VA IN SOTTOFONDO)

CARLO ALBERTO                          Quanto sarebbe bello uscire con te, capire con te le cose che passano intorno a noi...

SILVIA II                                          Se non mi vede nessuno...

CARLO ALBERTO                          Ah, già, èvero: .. (RIPRENDE A CANTARE IL REFRAIN DELLA CANZONE MA "ALLORA ÈLA FINE DEL MONDO" MENTRE SCOMPARE LA SCENA DELL'APPARTAMENTO. DA QUESTO MOMENTO COMINCIA UN GROSSO NUMERO MUSICALE CON I DUE PROTAGONISTI PER LA STRADA A CONTATTO CON I PASSANTI CHE VEDONO SOLTANTO CARLO ALBERTO IN ATTEGGIAMENTO DI PAZZA FELICITÀ SENZA POTER VEDERE QUELLO CHE FA L'INVISIBILE SILVIA II)

CARLO ALBERTO                          (CANTANDO)

Allora èla fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

a due   Usciamo a tuffarci nel mondo

corriamo nel mondo

parliamo col mondo.

CARLO ALBERTO                         Passiamo davanti al portiere

ch'èil piùchiacchierone

di tutto il quartiere

di Corso Sempione

SILVIA II                                          Vedi cosa faccio? Io ti salto in braccio

(SILVIA SALTA IN BRACCIO A CARLO ALBERTO)

lui ti saluta e non lo sa

CARLO ALBERTO                          All'angolo c'èun graduato

severo censore

di ogni reato

d'oltraggio al pudore

SILVIA II                                          Io ti dòun bacione da contravvenzione

(SILVIA II BACIA CARLO ALBERTO)

ma il pizzardone non lo sa

CARLO ALBERTO                                      Èproprio la fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

SILVIA II                                                      Cammina ridendo e scherzando

scherzando e ridendo

nel tuo nuovo mondo

(SU SPECIALE ARRANGIAMENTO, D'ACCORDO COL COREOGRAFO, LA COREOGRAFIA CONTINUA RACCONTANDO QUESTA PASSEGGIATA FELICE DI CARLO ALBERTO: SILVIA II LO HA RINGIOVANITO,PUO' PORTARLO IN UNA STRADA TIPICA DOVE SI ALLINEANO I NEGOZI DI MODA PER GIOVANI E COMPRARGLI UNA CRAVATTA DI BEAT, UNA GIACCA VIVACE. FACENDOGLIELA INDOSSARE. POI POSSONO FINIRE IN UNA PIAZZA O IN UN LOCALE DOVE SI RADUNANO I GIOVANI E CARLO ALBERTO PUO' FAR LORO UN BREVISSIMO DISCORSO INNEGGIANDO ALL'AMORE AL CLASSICO GRIDO DI "FACCIAMO L'AMORE NON FACCIAMO LA GUERRA". RIPRESA CORALE DELLA CANZONE A TEMPO DI SHAKE BALLATO ANCHE DA CARLO ALBERTO CON LA SUA INVISIBILE COMPAGNA. TERMINATA LA DANZA CARLO ALBERTO E SILVLA II, EBBRI D'AMORE, SI PRECIPITANO A CASA.

CARLO ALBERTO E SILVIA II RIENTRANO DI CORSA NELL'APPARTAMENTO.

CARLO ALBERTO              Sì, sì, facciamo l'amore! (E SI TUFFANO A PESCE SUL LETTO, SENZA REALIZZARE CHE SILVIA, LA MOGLIE, VI ÈGIA' SDRAIATA LEGGENDO UN LIBRO)

SILVIA                                  (URLANDO Carlo Alberto! (I DUE RESTANO SUL LETTO NELLA STESSA POSIZIONE,  MENTRE SILVIA BALZA GIU' DAL LETTO) Va bene che èsabato, ma addirittura il tuffo sul letto...

CARLO ALBERTO              (COLPITO) Èsabato?

SILVIA                                  Come se non lo sapessi... Mi hai messo paura. (METTE UN A MANO SUL SENO) Senti come mi batte il cureo (SPOHGE IL PETTO VERSO IL MARITO PER FARGLI SENTIRE IL CUORE, POI C RIPENSA) No, meglio no... Tu non sei normale, sai? Poi, da ieri sera sembri un malato... (ED ESCE)

CARLO ALBERTO              (SI DIRIGE VERSO IL PUBBLICO) Era sabato. Ed io l'avevo dimenticato. (GUARDA SILVIA CHE GLI SORRIDE INVITANTE; GRIDA ALLA MOGLIE CHE ÈFUORI SCENA) Chi credi di essere? Io non so che farmene dei tuoi squallidi sabati... della cara abitudine... Io sono uomo di grandi risorse, di grande fantasia... (CERCA CON LO SGUARDO SILVIA Il) Dove stai? (LA VEDE SUL DIVANO IN POSA LANGUIDA E SENSUALE E LE SI AVV1CINA DI CORSA) Bella, bella di zio... Di chi sei la gallillona, tu? Di chi sono queste coscionid'oro?

SILVIA II (RIDE)                 Sss, ti sente.

CARLO ALBEHTO              E che mi senta... Anzi, adesso vado di làe glielo dico.

SILVIA II                              Che le dici?

CARLO ALBEHTO              (BLOCCATO) Già, che le dico.

SILVIA                                  RIENTRA, ORA D'UOMORE DIVERSO E S'AVVIA VERSO IL MARITO) Scusami (LO BACIA TENERAMENTE SULLA TEMPIA)

CARLO ALBERTO              (RABBONITO) No, scusamitu... lo ammetto, a volti sono eccessivo.

SILVIA                                  No, èche io non ti avevo sentito entrare e allora...

CARLO ALBERTO              (LA ACCAREZZA) Ti sei spaventata? (MA SI ACCORGE CHE SILVIA II LO GUARDA E RITIRA SUBITO LA MANO DALLA CAREZZA)

SILVIA II                              (HA UNA EVIDENTE SMORFIA DI DISGUSTO)

SILVIA                                  Oggi ho parlato di noi con Zimpelius... Con lui si puòparlare... Èuno studioso, capisce. Mi ha detto che sei un ipersessuale.

CARLO ALBERTO (GUARDA SILVIA II COME PER DIRE "MODESTAMENTE. HAI VISTO?” E LEI GLI RISPONDE CON UN GESTO DI CONFERMA)

CARLO ALBERTO              Ma tu che fai? ... vai in giro a raccontare i fatti nostri.

SILVIA                                  Guarda che Zimpelius e una autoritàin materia. Con il suo studio sulle aberrazioni sessuali degli aborigeni ha vinto il Premio dell'Accademia.

SILVIA II                              Chi èquesto Zimpelius?

CARLO ALBERTO              Èun imbecille.

SILVIA                                  Tutt'altro che un imbecille. Tanto èvero che secondo lui noi dovremmo stare insieme anche il mercoledì, così, per spezzare.

CARLO ALBERTO              Ma io gli spezzo le ossa...

SILVIA                                  Invece lui voleva venire qui stasera.

CAR LO ALBERTO                         A fare che?

SILVIA                                  A parlarti di questi problemi.

SILVIA II                              Fallo venire: Magari si porta appresso anche qualche aborigeno.

CARLO ALBERTO              Ti piacerebbe un aborigeno, eh, sudiciona?

SILVIA                                  (RESTA DI GELO)  Che hai detto?

CARLO ALBERTO              Che ho detto?

(SILVIA SECONDA DURANTE QUESTO DIALOGO SI ALLONTANA VERSO LA TERRAZZA)

SILVIA                                  Carlo Alberto, tu ogni tanto dici delle cose sconnesse e non te ne rendi conto. Èproprio quello che mi ha detto Zimpelius. Il sesso ti sta dando alla testa.

(CARLO ALBERTO COMINCIAAPRESTARE ATTENZIONE AD ALCUNI RUMORI CHE VENGONO DALLA TERRAZZA)

SILVIA                                  (CONTINUANDO) Sei nervosissimo, facilmente irritabile. Ma che sono questi rumori? C'èqualcuno in terrazza. .. Vado a vedere.

CARLO ALBERTO              (RISOLUTAMENTE) No.

SILVIA                                  Eppure sì (VA IN TERRAZZA)

CARLO ALBERTO              Eh, si: certo che c'è(FA L'OCCHIETTO AL PUBBLICO) Tanto non la vede...

SILVIA                                  (RIENTRANDO) C'è.

CARLO ALBERTO              (ALLARMATO) Chi c'è?

SILVIA                                  Il tecnico della televisione. Quello lavora pure la notte.

CARLO ALBERTO              (RIPENSANDOCI) Eh, no: quello sta indugiando alcunché (ESCE DI CORSA VERSO LA TERRAZZA. SUL TETTO C'ÈIL TECNICO DELLA TELEVISIONE." SILVIA II NON C'È. CARLO ALBERTO SI GUARDA IN GIRO, CERCANDOLA).

TECNCIO                              Che callaccia stanotte, dottò. Non je pare de stàa Mogadiscio?

CARLO ALBERTO              (DISTRATTO, CERCANDO SILVIA II) Non lo so: non ci sono mai stato.

TECNICO                              Nemmanco io... Sì fa per dire ... Mo, quasi quasi me spoglio pure de majetta. Tanto qui èscuro, chi me vede?

CARLO ALBERTO              Faccia quello che vuole (VEDE SILVIA II CHE ÈCOMPARSA SUL TETTO ACCANTO AL TECNICO CHE SI STA TOGLIENDO LA CANOTTIERA) No, lei non puòassolutamente. Si rivesta... Non si vergogna? Spogliarsi davanti a una signora!

TECNICO                              Quale signora?

CARLO ALBERTO              (NON SA CHE DIRE) Mia moglie... (LA CHIAMA) Silvia.

SILVIA                                  (CHIAMATA, VIENE SULLA TERRAZZA)

CARLO ALBERTO              Quell'uomo si sta spogliando davanti a te.

TECNICO                              E grazie. Lei adesso l'ha chiamata …Ad ogni modo, anche volendo, la signora non me pòvedè... Potemo pure fàla prova finestra (SI SPORGE E IL TORSO NUDO ÈCOPERTO DAL PARAPETTO) Signò, chéme vede?

SILVIA                                  Si figuri... per me, anche se fosse nudo.

CARLO ALBERTO              Come?

SILVIA                                  Sì, che vuoi che sia un uomo nudo…Èsolo ridicolo.

SILVIA II                              Èeccitante:

CARLO ALBERTO              Scenda immediatamente di lì... Venga giù.

TECNICO                              E se vengo giù, allora si che la signora me vede tutto... Perchécor fatto der mezzo busto, io, appena arrivo, me levo li calzoni... Sòignudo, dettò, a uso de lombrico.

SILVIA II                              Èdelizioso... Parla romano ma sembra un dio greco.

CARLO ALBERTO              Allora vengo su io e ti butto di sotto (E FA PER SALIRE, MA SI BLOCCA PERCHÈSILVIA II STA DISCENDENDO

SILVIA II                              Perchéfai così? Tanto non mi vede

CARLO ALBERTO              Ma lo vedi tu.

SILVIA                                  Cosa vedo? Che dici?

CARLO ALBERTO              Eh, dico... Ma lo vedi che razza di insolente ....

TECNCIO                              (ALZA LE BRACCIA) Pace, dotto, Me ritiro.

CARLO ALBERTO              (CALMO) Adesso resti pure lì; si spogli, faccia quello che vuole

TECNICO                              No, no, me ne vado... Stasera ciòpure er movimento... Sa, cor mestiere nostro, bazzicando su li tetti come li gatti, se rimedia alcunché...

TECNICO                              Bona notte, dottò... Fine de la trasmissione (E SCOMPARE)

CARLO ALBERTO              (A SILVIA) Domani faccio fare tutta una protezione in muratura… lo di quello non mi fido.

SILVIA                                  Èun lavoratore, mica èun ladro.

CARLO ALBERTO              E io non mi fido dei lavoratori.

SILVIA                                  E voti socialista

CARLO ALBERTO              Che diavolo c'entrano i socialisti coi lavoratori? E la sera chiudi bene le serrande, perchéquello èpure un guardone.

(CARLO ALBERTO SI GUARDA INTORNO. SILVIA E SILVIA II LO GUARDANO DA PUNTI DIVERSI)

SILVIA                                  (RIDENDO) Finalmente soli... (LO ABBRACCIA MA CARLO ALBERTO RESTA PIETRIFICATO NEL VEDERE SILVIA II CHE OSSERVA LA SCENA. CON LA MANO DIETRO LE SPALLE DELLA MOGLIE LE FA CENNI DI ANDARSENE) SILVIA II (FA CENNO DI NO E RESTA)

SILVIA                                  (ABBRACCIANDOLO) Lo vedi a che punto sei di nervi? Ti sembra un comportamento normale il tuo? Vuoi mangiare prima?

SILVIA II                              Dopo.

CARLO ALBERTO              No: prima.

SILVIA                                  (INTERDETTA) Ti chiedo se vuoi mangiare prima, e tu mi rispondi: no: prima... (SI ALZA ED ESCE PER ANDARE IN CUCINA)

CARLO ALBERTO              (QUASI AGGREDENDO SILVIA II) Adesso cosa dovrei fare secondo te? Dopo tutto èmia moglie. E poi, se le dico di no, si insospettisce.

SILVIA II                              E perchèdevi dirle di) no.

CARLO ALBERTO              Ma, tu, non sei gelosa?

SILVIA                                  Tutt'altro; mi piaceràguardarvi.

SILVIA                                  (RIENTRANDO) Le uova, come le vuoi?

CARLO ALBERTO              Dopo. SILVIA (INTERDETTA) Ti ho chiesto come, non quando.

CARLO ALBERTO              E io dico dopo (SI AVVICINA A SILVIA. LA ROVESCIA SUL
DIVANO. LA BACIA MA ÈEVIDENTE CHE LA PRESENZA DI SILVIA II LO METTE TUTTORA A DISAGIO. SI RIALZA. LIBERA LA MOGLIE) Al burro, grazie.

SILVIA                                  (SI ALZA) Allora le vuoi prima (ESCE)

SILVIA II                              Che ti succede?

CARLO ALBERTO              Ma io ... (PRENDENDO CORAGGIO) Bè, io in tre non l'ho mai fatto.

SILVIA II                              Apposta avevo detto di far venire anche questo Zimpelius.

CARLO ALBERTO              Ma èun vecchio, piccolo, secco. brutto... E poi chèstai dicendo? Ci mettiamo a fare un'orgia, adesso?

SILVIA II                              Perché, non ti piacerebbe?

SILVIA                                  (RIENTRANDO) Vuoi prima le uova o il formaggio?

CARLO ALBERTO              Dopo. (LA ROVESCIA SUL DIVANO. LA BACIA. I DUE SI STACCANO. SI GUARDANO NEGLI OCCHI. SI BACIANO ANCORA. SILVIA II DA SEGNI DI IMPAZIENZA)

SILVIA II                              (CHIAMANDO) Ehi...

CARLO ALBERTO              Eh, no. Devi stare zitta.

SILVIA                                  (MERAVIGLIATA) Io non ho parlato.

SILVIA II                              Dovete parlare. Èpiùeccitante:

CARLO ALBERTO              Appunto dico. Devi parlare.

SILVIA                                  Ma dobbiamo parlare o fare l'amore?

SILVIA II                              Tutte e due le cose insieme …

CARLO ALBERTO              Tesoro. parliamo e facciamo l'amore.

SILVIA                                  Va bene...

CARLO ALBERTO              (LE BACIA LE BRACCIA, IL COLLO, IL VISO. POI) Parla. amore. SILVIA II                                     (SPASMODICA). Parla

CARLO ALBERTO              Parla.

SILVIA                                  (COLLOQUIALE) Sai caro, oggi in ufficio, èvenuta una delegazione americana...

CARLO ALBERTO              Che stai dicendo?

SILVIA                                  Tu mi hai detto di parlare.

CARLO ALBERTO              E mi parli della delegazione americana

SILVIA                                  Allora dillo tu di che dobbiamo parlare.

SILVIA II                              (IN UN SOFFIO) D'amore...

CARLO ALBERTO              (PERDUTAMENTE) D'Amore...

SILVIA                                  (LO ABBRACCIA) Sì, sì. Povero piccolo, èpovero... èdolce …topolino.

SILVIA II                              (NAUSEATA) Falla star zitta, zitta.

CARLO ALBERTO              Zitta.

SILVIA                                  Perchéstasera non ti va bene niente?.. (SI ALZA INFASTIDITA E IMBARAZZATA) E, poi, non ti capisco, èsabato, tu l'hai aspettato, io l'ho aspettato, che stiamo a fare qui? Dammi la manina e andiamo a nanna…

CARLO ALBERTO              (NON PUO' ESIMERSI DAL CERIMONIALE DELLA "CARA ABITUDINE" - DA' LA MANO ALLA MOGLIE E GUARDANDO SILVIA II CON L'ARIA DI DIRE "CHE POSSO FARE? ÈSABATO" SEGUE LA MOGLIE IN CAMERA DA LETTO. I DUE SCOMPAIONO)

ENTRA LANGUOROSA UNA MUSICA IN SOTTOFONDO. FORSE "UN AMORE COME DICOIO"

SILVIA II                              (SI ALLUNGA VOLUTTUOSA SULL'AMACA PER ALCUNI SECONDI. POI DI COLPO SI ALZA E TRASPARENTE SCIVOLA VELOCE NELLA CAMERA DA LETTO.)

LA LUCE SI ACCENDE IN CAMERA DA LETTO E VEDIAMO CARLO ALBERTO E LA MOGLIE A LETTO. SILVIA II SOLLEVA LE LENZUOLA E SI INSINUA A FIANCO DI CARLO ALBERTO CHE LA SEGUE MERAVIGLIATO E POI ESTASIATO).

ORCHESTRA ANCORA PIU' FORTE CON LA FRASE DI "MA ALLORA ÈLA FINE DEL MONDO" MENTRE LA LUCE SI ATTENUA, SCOMPARE DEL TUTTO).

(LA LUCE SI RIACCENDE SUI BALLERINI CHE PARTECIPANO AL WEEK-END (O ALL'HAPPENINE). AD UN CERTO PUNTO ENTRA IN SCENA CARLO ALBERTO CON AL BRACCIO SILVIA E SILVIA II.

TUTTI, SI BLOCCANO CAMBIO DI LUCE.

CARLO ALBERTO              (AL PUBBLICO) Era il nirvana. Da quella sera, il paradiso terrestre... Avevo un'amante e non ero costretta ai piccoli sotterfugi di tutti i mariti... Ero un privilegiato. Fino al giorno in cui ebbi cattiva idea di accettare questo invito. E ci siamo venuti tutti e tre, eccoci qui...

(RIPRENDE IL BALLETTO DEL WEEK-END DURANTE IL QUALE SILVIA II CERCHERÀ DI IMITARE SILVIA SOTTO LO SGUARDO DIVERTITO DI CARLO ALBERTO. MA PURTROPPO UN FOTOGRAFO RIPRENDERA FOTOGRAFIE DURANTE TUTTA L'AZIONE E TALVOLT A IMPRESSIONERA' SULLA PELLICOLA ANCHE DELLE SITUAZIONI IMBARAZZANTI DI CARLO ALBERTO E SILVIA II.

TERMINATO IL BALLETTO, SI RIFORMA, DURANTE LA BATTURA CHE SEGUE, LA SCENA DELL'APPARTAMENTO DI CARLO ALBERTO E SILVLA)

CARLO ALBERTO              (AL PUBBLICO) Apparentemente anche in questo pomeriggio di festa, niente era venuto a turbare il mio paradiso terrestre… Apparentemente, perchécome in ogni paradiso terrestre, anche nel mio c'era il serpente... il tecnico della televisione. Quel livido, sinistro individuo che sul tetto si avvolgeva alle antenne, tra le spire dei suoi cavi coassiali, qualche cosa doveva aver captato ... E così, quella sera, mentre io stavo sistemando il terrazzo per proiettare le fotografie fatte in quel pomeriggio di festa, il serpente era scivolato giùdalle viscide antenne del tetto.

NEL FRATTEMPO SILVIA II ÈARRIVATA IN SCENA E SI ALLUNGHERÀ MOLLEMENTE SULL'AMACA.

IL TECNICO DELLA TELEVISONE ESCE DAL SALOTTO ILLUMINATO E VIENE SULLA TERRAZZA.

TECNICO                              Che, fate er cinema? Ce so li topolini?

CARLO ALBERTO              Ci vuole ancora molto per installare questo ripetitore?

TECNICO                              Stabilizzatore, dotto' … Nun se butti a discorre tecnico se non èpadrone della materia ... Fate er cinema?

CARLO ALBERTO              (VA A SEDERSI SULL'AMACA ACCANTO A SILVIA II, QUASI A VOLERLA NASCONDERE AGLI OCCHI DEL TECNICO) Facciamo il comodo nostro e lo faremmo di piùse lei se ne fosse giàandato.

TECNICO                              Ah, ho capito che razza de cinema volete fà... Là(INDICA LO SCHERMO) Tutte le figure de ommini e donne nude co' la maschera nera che fanno cose e qui, voi due, belli, sdraiati sull' ama. (FA DONDOLARE L'AMACA)

CARLO ALBERTO              (GUARDA SGOMENTO SILVIA II CHE SI DIVERTE Tutti e due chi?

TECNICO                              Ma come chi... Piuttosto me levi 'na curiosità: sull'amaca, la cosa vièmejio? … Cor dondolo … E poi deve venìmejo pèforza, visto che state li tutti e due…

CARLO ALBERTO              Ma tutti e due chi?

SILVIA, LA MOGLIE, ENTRA PORTANDO LE LASTRINE PER LA PROIEZIONE

TECNICO                              Sss… Bella donna, la sua signora ... Mi sono permesso di alludere, inquantochèer vincolo matrimoniale nobilita er movimento …(ANDANDOSENE) Vado a fini e sparisco subito. Sòdelicato, no?

(RIENTRA NEL SALOTTO)

SILVIA                                  (INFILANDO LA PRIMA LATRINA NEL PROIETTORE)

Èpronto  

(FA SCATTARE LA PRIMA DIAPOSITIVA). Qui ci siamo tutti.

CARLO ALBERTO              (RIDACCHIA E DA' DI GOMITO A SILVIA II) Proprio tutti, no... tu... (CIRCONDA ATTETTUOSAMENTE COL BRACCIO SILVIA II)

SILVIA                                  Perchéchi manca? Ah, si, manca Zimpelius...

CARLO ALBERTO              Ah, già... Zimpelius... (SI FA GRANDI RISATE INSIEME CON SILVIA II)

SILVIA                                  (GUARDA MERAVIGLIATA CARLO ALBERTO. CARLO ALBERTO SI BLOCCA) Che cos'hai? Ti si èanchilosato il braccio?

CARLO ALBERTO              (REALIZZA CHE STA CIRCONDANDO AFFETTUOSAMENTE CON UN BRACCIO LE SPALLE DI SILVIA II, MA CHE LA MOGLIE NON PUO' SPIEGARSI IL PERCHÉ DI QUEL BRACCIO COSÌ. A me? no.

SILVIA                                  E allora perchéstai cosi? (ASSUME LA STESSA POSIZIONE COL BRACCIO)

CARLO ALBERTO              Ah, già, perchéper te èstrano che io stia cosi

SILVIA                                  Direi proprio di sì.

CARLO ALBERTO              (TIRANDO GIU' IL BRACCIO EMETTENDOLO SULLE GAMBE DI SILVIA II) Cosi, invece, va bene?

SILVIA                                  (SENZA CAPIRE) Certo.

CARLO ALBERTO              Va bene pure per me. E andiamo avanti.

SILVIA                                  (SCATTA UN'ALTRA DIAPOSITIVA ED APPARE IL PRIMO PIANO UN VECCHIETTO DALL'ARIA DIABOLICA)

CARLO ALBERTO              Oh, ecco Zimpelius... Carino, eh? (SILVIA II FA UNA SMORFIA DI DISGUSTO E SILVIA GUARDA IL MARITO COME A DIRE: "CREDI DI ESSERE TANTO SPIRITOSO?"

FA POI SCATTARE UN' ALTRA DIAPOSITIVA RAFFIGURANTE CARLO ALBERTO CHE IMBOCCA CON LA FORCHETTA UN PERSONAGGIO INVISIBILE NELLA FOTOGRAFIA)

SILVIA                                  Che stavi facendo?

SILVIA II                              Facevi bocca mia bocca tua…

CARLO ALBERTO              Facevo: "bocca mia bocca tua, qual'èpiùbella la mia o la tua? La mia… aaahm".

SILVIA                                  E lo facevi da solo?

CARLO ALBERTO              (INDICANDO LO SCHERMO) Eh!

SILVIA                                  (FA SCATTARE UN'ALTRA DIAPOSITIVA CHE MOSTRA SULLO SCHERMO CARLO ALBERTO CHE SI RUZZOLA SU UN PRATO) E qui perchéti ruzzoli sul prato?

SILVIA II                              Ti ruzzolavi su di me...

CARLO ALBERTO              (A SILVIA II) No: sul prato.

SILVIA                                  Domando: ti ruzzoli sul prato e lui: "no, mi ruzzolo sul prato". Comunque ti ho chiesto; perché?

CARLO ALBERTO              (PER GUADAGNARE TEMPO) Ah, ma allora èun'altra domanda. Non ti preoccupare: continua pure.

SILVIA                                  (INNERVOSITA FA SCATTARE UN'ALTRA DIAPOSITIVA ED APPARE CARLO ALBERTO IN UNA POSA TERRIBILMENTE COMPROMETTENTE) Questa, però, me la spieghi: che vuol dire? che stai facendo?

SILVIA II                              Facevamo l'amore ...

CARLO ALBERTO              Sssst ....

SILVIA                                  Perché? Non ti posso chiedere che cosa stavi facendo?

CARLO ALBERTO              Ah, beh... Però, le fa bene le fotografie questa macchina… Che sarà? Una Canon?

(DAL SALOTTO ESCE IL TECNICO DELLA TELEVISIONE E GUARDA LA PROIEZIONE SULLO SCHERMO)

SILVIA                                  (DECISA A FARSI SPIEGARE) Che stavi facendo?

CARLO ALBERTO              E adesso non me lo ricordo...

TECNICO                              Posso mettere bocca? Io magari ciavròn'idea fissa, ma lei faccia a faccia co' su' marito, provi a incastracce de fantasia una figura de corpo umanofemminile, e poi vedràse nun je vi èfori proprio la posizione naturale dell'omo e della donna, dai tempi de Adamo ed Eva a li giorni nostri …

CARLO ALBERTO              (SBALORDITO DA QUESTO DISCORSO, CORRE VERSO IL PUBBLICO MENTRE LA LUCE SI ABBASSA SUI TRE PERSONAGGI I QUALI SUBITO DOPO LASCIANO LA SCENA) Allora la vedeva... L'aveva vista ... Non c'era altra spiegazione... Non poteva aver ricostruito tutto, solo con la fantasia ... La vedeva... Ma se la vedeva, poteva anche... Era geloso…Mi scoprii geloso d'una donna che vedevo solo io… e forse anche lui… Infatti, poco dopo, quando rientrai nel salotto ...

(SI ILLUMINA IL SALOTTO E VEDIAMO IL TECNICO DELLA TELEVISIONE SEDUTO SUL DIVANO MENTRE FORMA UN NUMERO TELEFONICO. SULLO STESSO DIVANO ÈSEDUTA SILVIA II, DISCINTA E SORRIDENTE. CARLO ALBERTO RESTA IMPIETRITO SULLA PORTA ASCOLTANDO LA TELEFONATA DEL TECNICO).

TECNICO                              (AL TELEFONO) A richè, io stasera ciòpÈle mano 'na bionda misteriosa, le sette bellezze, robba fina… e non so dove portalla... Allora avevo pensato che se tu stasera me lasci libbera la camera e vai a dormìa casa de mamma...(VEDE CARLO ALBERTO). C'ègente, a Righè, ne riparlamo (RIATTACCA)

CARLO ALBERTO              (VA DECISO VERSO IL TECNICO CERCANDO DI METTERSI FRA SILVIA II E LUI, IN MODO DA COPRIRLA. SILVIA II INTANTO RIDE DIVERTITA E ASSUME POSE TENT ATRICI) Adesso basta... Devi spiegarmi. Chi èquesta bionda misteriosa?

TECNICO                              Mo' me metto in imbarazzo ... Va bèche so' uno della televisione, ma so un gentilomo...

CARLO ALBERTO              Eh, no... Tu sei... Tu un qualche cosa devi essere, perché, dico, come hai fatto a vederla?

TECNICO                              E che ce vo? ... Ce semo conosciuti in linea d'aria... Èstato un colpo de fulmine... Io me stavo a calàli carzoni e lei s'èmessa a ride...

CARLO ALBERTO              (SI SCAMBIA SEGNI CON SILVIA II CHE, DIVERTITA, FA CENNO DI NO)

CARLO ALBERTO              Allora, tu da stasera questa bionda misteriosa non la vedi più. (LO PRENDE PER IL COLLO)

TECNICO                              Ah dottò, che fa, me lasci, giùle mani...

(SI AGGIUSTA; POI CONFIDENZIALMENTE) Ma, dico io, se je piace Elvira, che bisogno c'ède strangolamme? Nun me lo poteva di?

CARLO ALBERTO              Elvira chi?

TECNICO                              Elvira, dottò, la bionda misteriosa... quella che sta a servizio proprio qui de fronte.

(A QUESTO PUNTO ENTRA IN SCENA SILVIA E RESTA SULLA SOGLIA A SENTIRE IL DISCORSO DEI DUE UOMINI. SILVIA II FA DISPERATI CENNI A CARLO ALBERTO CHE, PERÒ, NON SE NE ACCORGE)

TECNICO                              Ma, dottò, se a lei proprio je piace, je dico de portàun'amica, na sellerona, l'amica me l'accarrozzo io, e uscimo insieme tutti e quattro...

SILVIA                                  Carlo Alberto ...

CARLO ALBERTO              (SI VOLTA DI SCATTO, REALIZZA; POI CORRE VERSO IL PUBBLICO MENTRE LA LUCE RAPIDAME TE SI ABBASSA E TUTTO SCOMPARE ALLE SUE SPALLE)

SULLA BATTUTA DELLA MOGLIE, UN FORTE, DRAMMATICO ACCORDO D'ORCHESTRA CHE DA IL VIA AL SEGUENTE SFOGO MUSICALE DI CARLO ALBERTO.

CARLO ALBERTO              Capite?

Da una meravigliosa condizione

stavo precipitando nella piùnera abbiezione

Non solo questa mia

gelosia

per l'uomo televisivo

il cui comportamento

capito e non capivo,

ma da quel momento nasceva il "problema-mia-moglie"

- il maledetto antenniere

le aveva fatto sapere

che me la facevo con le cameriere…

- le diapositive

l'avevano messo sul "chi-vive" …

se facevo cosi (ASSUME COL BRACCIO LA POSIZIONE PER CINGERE LA SPALLA A SILVIA II)

(gesto in se stesso

assai logico)

ai suoi occhi appari vo un signore dimesso

dall'Istituto Traumatologico ...

La mia stupenda creatura

non poteva addirittura

piùmuoversi e parlarmi

con mia moglie sempre pronta a sospettarmi

sempre lì a controllarmi

No… senza ritardo

s'imponeva un provvedimento:

metterle sùun appartamento, come un industriale lombardo

(COME LEGGESSE UN GIORNALE E CERCASSE

TRA GLI ANNUNCI ECONOMICI)

“Bicamere

doppi servizi

in via di Villa Patrizi

numero trentatrè

ingresso senza portiere...”

Ma io domando e dico: perché?...perché?

Sarebbe stato cosìbello vivere in tre ...

Ah, come sarebbe andato meglio

dal momento del mio risveglio

se queste due donne della mia vita

per un miracolo divino

avessero potuto conoscersi,

lasciatemi dire: accordarsi.

Come si accordano due viole...

(SU SPECIALE COMMENTO MUSICALE ESCONO LE DUE DONNE)

con un violino

(ALTRO SVOLAZZO DI VIOLINO)

MENAGE A TRE

SILVIA E SILVIA II                        Sono giàle undici

bonjour, bonjour, mon sexy-boy...

Ecco pane burro e tè

e marmellata se ne vuoi

I                       Prima un bagno tiepido

ci tufferemo assieme a te

II                     Poi la sauna finnica

ed anche lìsaremo in tre

I e II                            Con rami di betulla

ti flagelleremo sul popo'

come cura dimagrante

con effetto conturbante

I                       Poi c'èil golf al Circolo

diciotto buche... e noi con te

II                     Poi le "dejeuner sur l'herbe"

come in un quadro di Manet

I e II                                        Poi le ninfe e il satiretto

danno vita in un boschetto

a un’“apres-midi del fauno" di Debussy

INTERMEZZO CANTATO A TRE DI "VIOLA. VIOLINO E VIOLA D'AMORE"

(RIPRENDE IL REFRAIN DI "MENAGE A TRE")

Bello èsottoscrivere

l'accordo d'un menage a tre

per poter convivere

con un amante come te

Se potràsuccedere

che nasca una contrarietà

noi sapremo cedere

con grande signorilità

I                                   Ti seccherebbe cara,

se venisse a Capri assieme a me?

II                                 Si, ma a un patto: che al ritorno

me lo lascia qualche giorno

I                                                           Ritornando da Paris

m'ha regalato questo qui

(I INDOSSA UN CAPPELLINO,

UNA SCIARPA, UNA BORSA,

INSOMMA UN REGALO

PORTATOLE DA LUI)

II                                 Che tesoro d'uomo è

l'ha regalato pure a me

(INDOSSA O MOSTRA LO STESSO REGALO)

II                                 Ed in ogni ricorrenza

per motivi di prudenza

Carlo Alberto non commette parzialità

LE DUE POTREBBERO AVERE A QUESTO PUNTO

UN CAGNOLINO FOX TERRIER DELLO STESSO

INTERMEZZO CANTATO A TRE DI "VIOLA, VIOLINO E VIOLA D'AMORE")

(RIPRENDE IL REFRAIN DI "MENAGE A TRE")

Donne, non guardatelo

ce lo godiamo solo noi...

Sempre in forma splendida

e sempre tanto sexy-boy

Ma che sguardo mobile

(è prova di genialità)

E che barba ruvida

è segno di virilità

E quando guidi tu

la nostra nuova Dino cabriolet

pur se superi i trecento

io tranquilla m'addormento

Sei campione al bowling…

e cintura nera di judò…

dai del tu a De Chirico

sai tutti i tipi dei Bordeaux...

Sei il violino che ci vuole

per suonare con due viole

questo nostro delizioso concerto a tre

BALLETTO DELLE DUE E CHIUSURA DEL NUMERO CON RIPRESA DEL REFRAIN DI "VIOLA, VIOLINO, VIOLA D'AMORE" CANTATA DA TUTTI E TRE ALLA MANIERA DEGLI SWlNGLERS.

CARLO ALBERTO (RIPRENDE A LEGGERE IL GIORNALE E CON LO STESSO STILE DI PRIMA SU ACCOMPAGNAMENTO MUSICALE, CANTA)

Sì,

quale felicità

Se fosse stato così...

E invece la cruda realtà

mi obbliga a...

“Bicamere

doppi servizi

via di ville Patrizi

numero 33

ingresso senza portiere"

Comodo! Ma perchè?

M'importa assai del portiere

che tanto non la può vedere...

(oddio un portiere pignolo

forse potrebbe pensare

vedendomi entrare

da solo

a un qualcosa di particolare...

Beh, francamente mi secca

che quello mi prenda per checca)

E quindi tutto sommato

a mio modesto parere

meglio senza portiere

Però, che bel risultato;

mi ritrovai declassato

da libero amatore

come ero stato agli inizi

a clandestino d'amore

che affitta per mesi tre

a scopo di garçonniere

"Bicamere

doppi servizi

Via di Villa Patrizi

numero 33

ingresso senza portiere"

(LA SCENA CHE SI È ANDATA VIA VIA FORMANDO RAPPRESENZA LA GARCONNIERE IN CUI DOMINA UN GRANDE LETTO A FORMA DI AMACA CON LENZUOLA NERE. CARLO ALBERTO COMINCIA A SUONARE IL VIOLINO)

SILVIA II                                      (ESTASIATA) Che grazie, adorè … Sai che così a occhi chiusi, quando ho sentito il violino, per un momento ho pensato che avessi messo un disco di Oistrack.

CARLO ALBERTO             (COME IL SOLITO, SORRIDE VERSO IL PUBBLICO COMPIACIUTO. SUONANO ALLA PORTA. CARLO ALBERTO SI ALZA SECCATO, RIPONE IL VIOLINO NELLA CUSTODIA, MA SI DIMENTICA DI TOGLIERSI IL FAZZOLETTO DAL COLLO)

E così un giorno con una suonata di campanello si conclude la tipica squallida storia di tutte le garconnieres. Andai ad aprire. (APRE LA PORTA. SILVIA COMPARE NEL VANO).

SILVIA                                 Disturbo?

CARLO ALBERTO             (AL PUBBLICO) Era mia moglie (D'IMPULSO RICHIUDE LA PORTA) Di istinto pensai di scappare dalla finestra. Era un attico. In un lampo vidi il titolo del giornale: "Celebre avvocato precipita dal sesto piano. Il cordoglio della nazione. Il telegramma del Presidente Saragat alla famiglia dell'illustre estinto." Ci ripensai: fuggire? Perché? Non la vede. (RISUONA IL CAMPANELLO. RIAPRE LA PORTA SORRIDENDO). Ah, sei tu, cara? Mi sembravi e non mi sembravi.

SILVIA                                 Posso entrare?

CARLO ALBERTO             Figurati.

SILVIA                                 (ENTRA. FA UN RAPIDO SOPRALUOGO, SEGUITA DA CARLO

                                               ALBERTO CHE RIDE) Perché ridi?

CARLO ALBERTO             No, perché, vedi, alle volte la vita è piena di coincidenze. Mettiamo il caso che fra me e te ci fosse qualche cosa di poco chiaro, tu a questo punto mi domanderesti sicuramente: "Carlo Alberto, che stai facendo qui?" E io già con la risposta pronta, a quel punto…

SILVIA                                 (INTERROMPENDOLO) Carlo Alberto,  Che stai facendo qui?

CARLO ALBERTO             (PRESO COMPLETAMENTE DI CONTROPIEDE) Ah, già perché tu me lo domandi?

SILVIA                                 Eh, si.

CARLO ALBERTO             BÈ, sono qui perché questa è la casa di Maurizio. Ti ricordi Maurizio, no?

SILVIA                                 No.

CARLO ALBERTO             (AL PUBBLICO) Come poteva ricordarselo? Non esisteva. (A LEI) Come? Maurizio quel mio amico; una persona integra, un magistrato... Siccome è partito, mi ha pregato di venire qui ogni tanto a dar da mangiare ai canarini

SILVIA                                 Allora vi ho disturbato ..... (INDICANDO IL FAZZOLETTO) Vedo che stavate ancora a tavola.

CARLO ALBERTO             (REALIZZANDO E TOGLIENDOSI IL FAZZOLETTO) Ah, no... questo è il fazzoletto … L'ho usato e m'è rimasto qui.

SILVIA                                 Ti sei soffiato il collo? E dove sono questi canarini?

CARLO ALBERTO             (AL PUBBLICO) Prendete nota della mia onestà. Un uomo che non dice bugie, quando è costretto a  dirne una, dice sempre la più stupida .... Infatti, i canarini non c'erano … (A SILVIA) Strano, erano qui un momento fa .... Che siano volati?

SILVIA                                 E la gabbia dov'è?

CARLO ALBERTO             (IMPROVVISAMENTE ED ESAGERATAMENTE ENERGICO) E proprio a me lo chiedi? (AL PUBBLICO). Perché poi non lo dovesse chiedere a me questo non saprei spiegarlo. Comunque, fu un atto d'audacia. Che funzionò. Mia moglie, infatti, cambiò argomento.

SILVIA                                 (CHE NEL FRATTEMPO SI È MESSA A LEGGERE I TITOLI SULLE COSTE DI ALC UNI LIBRI) Hai visto Maurizio cosa legge?

CARLO ALBERTO             No, che legge?

SILVIA                                 (MENTRE SILVIA II TRATTIENE A STENTO UN SORRISO) "L'amore bizantino". "Vita segreta di una casa di tolleranza", "Come diventai sodomita"

CARLO ALBERTO             Sai, anche a scopo di documentazione… Ora i processi di oggi ....

SILVIA                                 Ci sono anche le annate di "Sexy-boy"

CARLO ALBERTO             Sono quelle che ha sequestrato... Sai, Maurizio, un magistrato

                                               integerrimo

SILVIA                                 E le fa rilevare?

CARLO ALBERTO             È pignolissimo (CAMBIANDO TONO) E poi non sta bene frugare fra le cose degli altri

SILVIA                                 È sposato…Maurizio.

CARLO ALBERTO             Eccome, ha anche quattro figli.

SILVIA                                 E dormono tutti e sei qui, in questo letto?

CARLO ALBERTO             Eh, beh, necessità di bilancio ... Sai, i magistrati non è che siano pagati

                                               tanto...

SILVIA                                 Con le lenzuola nere?

CARLO ALBERTO             Già, hai visto che strano? ... Le lenzuola nere: Chissà poi perché?

SILVIA II                                      Diglielo a quella monaca, perché. Perché un corpo nudo di donna risalta come una perla in uno scrigno di velluto nero.

CARLO ALBERTO             (A SILVIA II) Questo glielo dici tu.

SILVIA                                 (TAGLIANDO CORTO) Dov'è?

CARLO ALBERTO             Chi? Maurizio?

SILVIA                                 Dov' è la sudiciona che ti porti qui dentro?

SILVIA II                                      (COMPIACIUTA) Parla di me.

CARLO ALBERTO             (RIDENDO) Ah. ma perché, tu credi... Ma, allora, cerchiamola, la sudiciona. A parte la mancanza di rispetto.

SILVIA II                                      No, no, sudiciona mi piace...

CARLO ALBERTO             (CORRE PER TUTTA LA STANZA COME UN MATTO) Dove sta? Dentro l'armadio? (COME NELLE POCHADE) ... No... Sotto il letto? ... Come nelle barzellette ... Nein... nel comodino? Allora ho per amante la nana del circo Togni ...  Fochino... focherello … E allora dov'è? Forse c'è, forse non c'è...

SILVIA                                 (CHE NON LO È STATO A SENTIRE) E così hai un'amante. Del resto, ce l'hanno tutti.

CARLO ALBERTO             (AL PUBBLICO) E qui mancai la mia grande occasione di dirle tutto. Sia chiaro, fu per paura; paura di non essere creduto; oppure, ancora peggio, di essere creduto e di finire al manicomio.

SILVIA                                 (MOLTO CONTROLLATA) Però, è strano.

CARLO ALBERTO             Che cosa?

SILVIA                                 Non me ne importa niente. Mi sento assolutamente distaccata. Di solito, in queste situazioni una donna si dispera. piange. Io non provo niente (DI COLPO SCOPPIA IN LAGRIME E CANTA PIANGENDO LA CANZONE “NO, NON È POSSIBILE")

                                               NO, NON È POSSIBILE

SILVIA                                 (PIANGE SENZA PAROLE SULLA PRIMA PARTE DEL REFRAIN)

non è possibile

si, l'amante, lo so,

è il sogno proibito

di ogni marito

però tu, no,

non è possibile

Ma guarda se una donna

dedica tutta la vita ad un uomo che poi

si rimedia una stupida

per far lo stupido

Si, sei stupido tu

più stupida io

che piango ed il rimmel si scioglie e mi sporca di blu

(LA MUSICA CONTINUA IL SECONDO REFRAIN E SILVIA SINGHIOZZA, CALMANDOSI SEMPRE DI PIÙ)

CARLO ALBERTO             (PARLANDO SOPRA LA MUSICA E I SINGHIOZZI) Avanti, su, non fare così che mi dispiace … Mi sembra esagerato… In fondo la colpa è più tua che mia…  (TENDENDOLE UN FAZZOLETTO) Su, soffiati il naso.  Calmati.

SILVIA                                 (ESPLODENDO) No, non è possibile.

                                               (ALL'INCISO DELLA CANZONE)

No, accidenti non è giusto

che tutta la colpa ricada su me

se facciamo l'amore soltanto di sabato.

Io

son fatta cosi

perciò ci lasciamo

e ci separiamo

(L'ORCHESTRA SI ARRESTA. LEI REALIZZA)

(PARLANDO) Ci sepa… (CANTANDO) non è possibile

(TERMINATA LA CANZONE; ESCE DI CORSA DA CASA IN LAGRIME, CARLO ALBERTO LA RINCORRE LA PRENDE PER UN BRACCIO E LA TRASCINA DENTRO? SBATTENDOLA A SEDERE SU UNA POLTRONA)

SILVIA                                  Lasciami… Ti ho detto: lasciami…

CARLO ALBERTO             E invece non ti lascio; mi devi ascoltare. Ed è inutile che assumi quell'aria da vittima, perché, se c'è una vittima, quella sono io… (SILVIA E SILVIA II ESPRIMONO CON UN GESTO IL LORO STUPORE) Ero solo, indifeso, sono stato aggredito

SILVIA II                                      Che bugiardo!

CARLO ALBERTO             Zitta!

SILVIA                                 Non ho parlato.

CARLO ALBERTO             E non devi parlare. Me la sono trovata davanti all'improvviso… bella, desiderabile. Aveva un che di familiare, di conosciuto… uno di quei visi che quando li fissi, pensi; ma io l'ho già vista da qualche parte:

SILVIA II                                      (AL PUBBLICO) Ancora non l'ha capito…

CARLO ALBERTO             Una di quelle donne a cui non puoi fare a meno di dire: io t'ho aspettata, forse t'ho amata da sempre

SILVIA                                 (ACCENNA A RIALZARSI, MA CARLO ALBERTO LA RISBATTE SULLA SEDIA MENTRE LA LUCE COMINCIA AD ABBASSARSI IN MODO DA FARE ANNULLARE PROGRESSIVAMENTE SILVIA II)

CARLO ALBERTO             Ma io, invece, non l'amo affatto … lo amo te … (CAMBIA TONO) Andiamo via di qui, Silvia … Sono anni che diciamo di prenderci una vacanza e per quel maledetto Zimpelius non ce la siamo presa mai … Andiamo lontano, troviamoci un'isola e ricominciamo tutto da capo… Lontano. (Adesso si può andare dovunque, ci sono tante facilitazioni …) Ti ricordi quante volte abbiamo detto di andare a Tahiti... Questa è la volta buona… Io sono un avventuroso, ho un'anima alla Jack London... Sotto la croce del Sud… riproviamo a vivere insieme… Vuoi?

SILVIA                                 (DURANTE LE ULTIME BATTUTE SILVIA SI ALZA, VA AL TELEFONO E FORMA UN NUMERO) Herr doctor Zimpelius, bitte...

CARLO ALBERTO             (AL PUBBLICO) Telefona a Zimpelius! … Ecco, io le metto la mia anima a nudo e lei telefona a Zimpelius (A SILVIA, GRIDANDO) Ti ordino di riattaccare Immediatamente… (AL PUBBLICO) Che, poi, è lui che me l'ha fatta diventare così… Prima di mettersi a lavorare con quel pazzo, non era così, la mia piccola, dolce, cara Silvia (GRIDANDO, A SILVIA) Tu non sai a che cosa sto rinunciando per te… Io conto fino a cinque, se a cinque non hai riattaccato, faccio quello che non ho mai fatto, Silvia: ti metto le mani addosso. (MENTRE CARLO ALBERTO DICE QUESTA BATTUTA. SILVIA PARLA FREDDAMENTE E SOTTOVOCE IN TEDESCO CON ZIMPELIUS NEL MICROFONO. AL PUBBLICO APPARE SU UNA SCRITTA LUMINOSA LA TRADU ZIONE ITALIANA DELLA TELEFONATA. QUESTA: “Si, credo proprio che accetterò quei venti giorni di vacanza che lei mi ha offerto… Andrò a Tahiti con mio marito. Penso di averlo trascurato troppo, ed io lo amo, professore… Dobbiamo stare di più insieme… Come? C'è un aereo diretto? Aspetti, prendo nota)

CARLO ALBERTO             Ti ho detto che conto fino a cinque e tu ti metti a scrivere?

SILVIA                                 (Gli fa cenno di abbassare la voce)

CARLO ALBERTO             Allora provochi… E io conto: uno, due, tre, quattro.

SILVIA                                 (AL TELEFONO) Danke shone, mein professor (RIATTACCA)

CARLO ALBERTO             Cinque (FA PER AVVENTARSI COL PUGNO ALZATO)

SILVIA                                 C'è un aereo per Tahiti che parte domani alle quattordici e venti e arriva alle sette e quindici di dopodomani… Se partiamo subito, possiamo prenderlo.

CARLO ALBERTO             (RESTA BLOCCATO) UN ATTIMO DI SILENZIO. SILVIA Amore (E GLI VOLA FRA LE BRACCIA: LUI LA STRINGE IN UN DELIZIO D'AMORE)

SILVIA II                                      (APPARE CON UNA VALIGIA) Io sono pronta. Andiamo.

CARLO ALBERTO             (URLA) Dove andiamo?

SILVIA                                 A Tahiti

CARLO ALBERTO             (SEMPRE A SILVIA II) Via, via di qui.

SILVIA                                 (SPAVENTATA ARRETRA)

CARLO ALBERTO             (SI RENDE CONTO, E CON ALTRO TONO ALLA MOGLIE) Subito a casa a fare le valigie … Non c'è tempo da perdere … Via...

SILVIA                                 E tu?

CARLO ALBERTO             Io ti raggiungo subito … Il tempo di chiudere … di chiudere per sempre… vai… (SILVIA ESCE DI CORSA).

APPENA USCITA LA MOGLIE, CARLO ALBERTO RESTA SOLO CON SILVIA II. LA GUARDA, SI GUARDANO, INIZIA UN SOTTOFONDO MUSICALE UN PO' STRAPPACORE. UN BREVE IMBARAZZANTE TEMPO SENZA PAROLE; POI, CARLO ALBERTO INIZIA, MELODRAMMATICO, IN COUPLET DI "SARO FORTE"

CARLO ALBERTO             Addio

                                               è l'ora dell'addio

                                               ti debbo dire addio

                                               mai più ti rivedrò

SILVIA II                                      Addio

                                               Si lo capisco anch'io

                                               dobbiamo dirci addio;

                                               ma io come farò?

CARLO ALBERTO (LUSINGATO, SORRIDE COME AL SOLITO VERSO IL PUBBLICO)

Soffro

Tu soffrirai, lo so

ma al destino che vien

rassegnarci convien

sospirare, piangere, perché?

Sarò forte

sarò forte

farò a meno di te

Tanto forte

così forte

che ti annullo da me

(SILVIA II SCOMPARE)

Ho costretto il subcosciente

a cacciarla dalla mente

si, definitivamente

questo drastico diniego

m'è costato, non lo nego,

ma mi spezzo e non mi piego

all'ebbrezza ho posto un freno perché

faccio a meno di te

(SILVIA II APPARE ANCORA TENTATRICE)

SILVIA II                                      Ma se il lunedì io tornassi da te

                                               per sussurrarti adorè... adorè...

CARLO ALBERTO             Sarò forte

                                               sarò forte

                                               Non chiamarmi adorè

SILVIA II                                      Adorè, ti chiamo Adorè… adorè

CARLO ALBERTO             Sarò forte

                                               sarò forte

t'allontano da me

                                                        (SILVIA Il SCOMPARE)

Io comando ai miei pensieri

io rinuncio ai desideri

io sarò Vittorio Alfieri

senza fare la commedia

d'ordinare ai camerieri

di legarmi ad una sedia

Posso correre ogni rischio perché

me ne infischio di te.

ALTRA APPARIZIONE DI SILVIA II

                                               Chi risveglierà la tua gioventù

                                               in quei momenti di brivido blù?

CARLO ALBERTO             Sarò forte…

come scoglio

non ti voglio mai più

ALTRA APPARIZIONE DI SILVIA II

                                               Sexy-boy… sexy boy...

CARLO ALBERTO             Sarò forte

                                               un Titano

                                               t'allontano da me

ALTRA SILVIA II               Sexy boy … sexy boy …

CARLO ALBERTO             Non defletto non tentenno

                                               ti cancello ti depenno

                                               ti ripudio con un canno

SILVIA II                                      (TENDENDOGLI UN VIOLINO) Tu che tzigano nell'anima sei

suona per me come solo tu sai

CARLO ALBERTO             Bel violino dell'amore

Non son schiavo dei tuoi vezzi

                                               e ti faccio in cento pezzi

SILVIA II                                      Adorè…

CARLO ALBERTO             Sarò forte

SILVIA II                                      Adorè …

CARLO ALBERTO             Sarò forte

SILVIA II                                      Adorè, ogni giorni è sabato con me

CARLO ALBERTO             Il lasciarti mi dilania

                                               ma non cado nelle pani

                                               sono marmo d'Apuania

SILVIA II                                      (SEXY E TENTATRICE MOLTO)

Adorè, adorè

la tua viola d'amore

CARLO ALBERTO             Vade retro

SILVIA II                                      Che in un concerto infuocato

CARLO ALBERTO             Vade retro

SILVIA II                                      A te solamente ha dedicato

                                               le più eccitanti rapsodie d' amore

                                               con il pianto nel cuore

                                               canterà il suo dolore per te

CARLO ALBERTO             (SOFFERENTE)

                                               Sono forte, tanto forte

SILVIA                                          sexy boy …

         adorè …

Superforte

extra-forte

ci vuol altro per me

SILVIA                                          sexy boy

Non mi spezzo

Non mi piego

me ne frego di te

Conterò fino a tre

e per sempre te ne andrai via da me

(CHIUDE GLI OCCHI E CON GRANDE SFORZO CANTA) Uno-due-tre (SILVIA II È SCOMPARSA)

CARLO ALBERTO             (CONSTATANDOLO) Oh, però è scomparsa per sempre da me Sono

                                               forte… tanto forte …

(FINALE)

BUIO

SIAMO A TAHITI IL GIORNO DELLA FESTA DEL 14 LUGLIO. BREVE COREOGRAFIA INIZIALE DI AMBIENTE SU UNA MUSICA NELLA QUALE AL COLORELOCALE FA DA CONTRAPPUNTO QUALCHE VAGHISSIMO ACCENNO DI MARSIGLIESE. AD UN CERTO PUNTO TRA L'ANIMAZIONE GENERALE ENTRANO CARLO ALBERTO E SILVIA.

CARLO ALBERTO È ECCITATISSIMO. HA IN MANO LA VALIGETTA DA PITTORE

CARLO ALBERTO (MENTRE LA MUSICA E L’ANIMAZIONE VANNO IN SOTTOFONDO)

Che idea essermi portato i colori. Mi rimetterò subito a dipingere (A SILVIA CON TENEREZZA) Grazie, amore, grazie di essere venuta. Mi sembra di rinascere. Mi sento un altro (AL PUBBLICO, MENTRE TUTTI SI FERMANO NELLA POSIZIONE IN CUI SI TROVANO) Arrivammo proprio il 14 luglio. Anche qui si festeggiava la presa della Bastiglia. Il giorno della libertà per i francesi coincideva con il giorno della mia riacquistata libertà. (RIPRENDENDO IL MOVIMENTO. RIVOLGENDOSI AD UNA TAHITIANA) Vahine no te tiare… Vahìne no te tiare…

SILVIA (STUPITA)             Ma che dici?

CARLO ALBERTO             È il titolo di un quadro di Gauguin. Significa ragazza con il fiore… (SALUTA ANCORA) Vahine no te tiare…

SILVIA                                 Ma che fai? Le saluti così? È come se una di loro andasse a Firenze e ad ogni ragazza che incontra dicesse: "Primavera di Botticelli" … "Primavera di Botticelli"...

(RIPRENDE VIVACISSIMO IL MOVIMENTO COREOGRAFICO MENTRE CARLO ALBERTO E SILVIA VENGONO .. INGOIATI DALLA FOLLA, FORSE USCENDO ANCHE DI SCENA. QUANDO RIENTRANO O RIVENGONO IN PRIMO PIANO CARLO ALBERTO È ANCORA PIU' ECCITATO

CARLO ALBERTO             Questa è vita… Si canta, si beve… Poi si ricanta, poi si ribeve... (AL PUBBLICO MENTRE TUTTI SI FERMANO COME SOPRA) Un paese ospitale … accogliente, dove gli uomini bevevano anche tra un bicchiere e l'altro … (SI TOGLIE LE SCARPE) Dove ognuno faceva il comodo suo.

SILVIA                                 Che fai?

CARLO ALBERTO             Ti rendi conto che per quarant'anni di seguito ho portato le scarpe. Basta con questa schiavitù. (LANCIA LA SCARPA CHE VA A COLPIRE UN PASSANTE. NASCE UN PARAPIGLIA. RIPRENDE VIVACE IL MOVIMENTO COREOGRAFICO; CARLO ALBERTO E SILVIA VENGONO NUOVAMENTE INGOIATI DALLA FOLLA ED ESCONO DI SCENA

(QUANDO IL BALLETTO DIRADA SCOPRE UN ANGOLO PRIMITIVO DI TAHITI. CARLO ALBERTO SEMPRE PIÙ ESALTATO, SCALZO, CON LA CAMICIA FUORI DAI PANTALONI, È AL COLMO DELLA GIOIA; MENTRE SILVIA AL MASSIMO DELLA SOPPORTAZIONE SI STA PREPARANDO A LASCIARLO)

CARLO ALBERTO             Un calcio alla civiltà … Questo avrei dovuto fare da parecchio tempo… Allora si che vengono fuori i capolavori … I tramonti dei mari del Sud …  La barriera corallina… La spiaggia magica di Tahiti... Gauguìn… Io, al massimo, la spiaggia pubblica di Torvaianica … Ma dammi un mese di tempo...

SILVIA                                 Sempre così… come due naufraghi?

CARLO ALBERTO             Siamo gli unici scampati al grande naufragio della civiltà...

Abbiamo rotto i ponti... abbiamo bruciato le navi dietro di noi... (CON L'ARIA DI LANCIARE UNA MALEDIZIONE) Europa... (DIRIGE IL BRACCIO IN SEGNO DI MALEDIZIONE VERSO UN PUNTO IMMAGINARIO, POI CI RIPRENSA, ESTRAE LA PICCOLA BOSSOLA LA ORIENTA E CAMBIA DIREZIONE ALL'ANATEMA) Europa, io ti ripudio… (VA VERSO SILVIA) Io e te soli, in tutto questo arcipelago, solo noi due viviamo così.

SILVIA                                 Infatti a cinquecento metri c'è l'Hotel HyIton: abitano tutti lì, perfino gli aborigeni. (DI COLPO DECISA) Io vado…

CARLO ALBERTO             Dove?

SILVIA                                 All'Hylton... Una doccia, Carlo Alberto... Acqua che scende, sapone, schiuma... Una tovaglia. Sai che cosa è una tovaglia? Una di quelle cose che si stendono sul tavolo e sopra ci si mettono i piatti … ti ricordi i piatti? … Una telefonata …

CARLO ALBERTO             Ahhh... devi telefonare a Zimpelius…

SILVIA                                 Zimpelius?... Mi crederà morta … No, no, io non voglio parlare con nessuno … Voglio solo usarlo, il telefono … Mi sdraio sul letto, formo il numero del segnale orario e resto a sentirlo cosi, incantata, per due ore… Se non lo faccio, impazzisco.

CARLO ALBERTO             Non lo fare. Stanotte, no. Non lo fare. Non mi lasciare solo. È pericoloso … C'è perfino la luna piena. E tu lo sai, lo sai che sono come un lupo. Guarda, mi vibra la narice. (LONTANO SI COMINCIA A SENTIRE UN CORO DI VOCI INDIGENE CHE CANTANO UNA STRUGGENTE CANZONE D'AMORE) Senti… Anche stasera i nativi sono venuti sulla spiaggia a cantare in onore del Dio Pescecane... Stanotte nessuno dormirà in tutto l'Arcipelago

SILVIA                                 Io sarò l'unica… Scusami, proprio non ce la faccio più … Buona …

CARLO ALBERTO             Silvia, resta. Ti prego, resta…

(IL CORO AUMENTA GRADATAMENTE. CARLO ALBERTO RIMANE PER UN ATTIMO A GUARDARE IN DEFIZIONE DI SILVIA. POI TORNA AL SUO CAVALLETTO. LA MUSICA È AL MASSIMO DELL'INTENSITÀ. DIETRO DI LUI, SDRAIATA MOLLEMENTE SU UN'AMACA CON UN TIPICO PAREO TAHTITIANO E CON UN FIORE DI IBISCO NEI CAPELLI. RIAPPARE SILVIA II. COME AVVERTENDO LA SUA PRESENZA ALLE SPALLE, CARLO ALBERTO LENTAMENTE ALZA LA TESTA, SI VOLTA E LA VEDE MENTRE GLI TENDE LE BRACCIA. LA MUSICA CADE DI COLPO).

CARLO ALBERTO             (AVANZANDO VERSO SILVIA II) Sei tornato, Paperona oceanica… Sei tornata, bella di zio Gauguìn…

(SILVIA SECONDA, AIUTATA DA CARLO ALBERTO, SCENDE AGILE E FLESSUOSA DALL' AMACA. SI PRENDONO PER MANO E CORRONO V ERSO LA RIBALTA, MENTRE LA SCENA SI TRASFORMA IN UNA VISIONE DI TIPICA SPIAGGIA TAHITIANA, È NOTTE. LA SCENA VIENE INVASA DAGLI INDIGENI CHE BALLANO IL TAMOURÈ. ANCHE CARLO ALBERTO E SILVIA II SI MESCOLANO AGLI ALTRI CHE STANNO DANZANDO, AD UN CERTO PUNTO DEL TAMOURÈ, CARLO ALBERTO USCIRÀ PER RIAPPARIRE  IN PAREO E GHIRLANDA DI FIORI, IL TAMOURÈ CRESCE DI TONO FINO A DIVENTARE UNA DANZA QUASI ORGIASTICA, NELLA QUALE CARLO ALBERTO È AL MASSIMO DELLA FELICITÀ INSIEME CON LA INVISIBILE SILVIA II. TERMINATO IL TAMOURÈ, CARLO ALBERTO E SILVIA II RESTANO SOLI AL DIAPASON DELLA LORO PASSIONE)

CARLO ALBERTO             Guarda, ho una sorpresa per te... Ho ricominciato a dipingere:

SILVIA II                                      (FISSANDO UNO DEI QUADRI) Stupendo, sembra un Raffaello

CARLO ALBERTO             (STUPITO) Ma come … a Roma sembravo Gauguin e a Tahiti sembro un Raffaello? Mah, bizzarria d'artista. (SORRIDE AL PUBBLICO, LUSINGATO. POI, GUARDANDO SILVIA II. METTE SUL CAVALLETTO UNA TELA NUOVA, COMINCIANDO A TIRARE LINEE COME UN FORSENNATO) Ferma… Resta così ... Ti faccio il ritratto ...

                                               (LE ACCOMODA IL FIORE TRA I CAPELLI) Vahine no te tiare.

SILVIA II                                      Sono io? La ragazza con il fiore?

CARLO ALBERTO             (ESALTATO) Si, tu, tu, vahìne no te tiare … Ecco, alzala così, la tua mano meravigliosa...

DURANTE QUESTE AZIONI È ARRIVATA SILVIA, LA MOGLIE CHE, ASCOLTANDO LE STRANE FRASI DI CARLO ALBERTO PRONUNCIATE ALL'ARIA E VEDENDO IL MARITO FARE MOVIMENTI INCOMPRENSIBILI, SI BLOCCA E SI NASCONDE PER POTER VEDERE SENZA ESSERE VEDUTA)

CARLO ALBERTO             … abbandonati così, mia divina ispiratrice … (DI COLPO, CAMBIA TONO E SI RIVOLGE AL PUBBLICO) Nascosta lì dietro, mia moglie non vista da me, assisteva al mio connubio artistico con l'altra … lo seppi dopo, molto tempo dopo... E a ripensarci bene, oggi, a mente serena, sapendo che lei non vedeva l'altra, debbo esserle apparso un vero e proprio imbecille... Perché, questo vedeva mia moglie …

(TORNA INDIETRO VERSO LA STUOIA - SOPRA LA QUALE ADESSO SILVIA II NON C'E PIU' - E RIPRENDE A PARLARE COME SE, INVECE, SILVIA II FOSSE LÌ. LA MOGLIE LO GUARDA, SBALORDITA DAPPRIMA, POI, GRADADAMENTE SI RENDE CONTO)

CARLO ALBERTO             (A SILVIA II) E io pazzo, pazzo, che ho fatto pace con mia moglie e ho rinunciato a te... Dammi uno schiaffo … no, dammi un bacio… Aspetta, prima finisco il quadro… (TORNA ALLA TELA E RIPRENDE A LAVORARE). Quando sarò morto i critici lo intitoleranno "Ritratto di ignota" e, invece, dovrebbero chiamarlo "Ritratto di paperona oceanica"

SILVIA                                 (CHE HA CAPITO, RIDE DI SUO MARITO E RIDENDO COMINCIA A CANTARE UNA RIPRESA DI "NON È POSSIBILE" MENTRE CARLO ALBERTO CONTINUA FRENETICAMENTE A LAVORARE, DI TANTO IN TANTO AGGIUSTANDO LA POSA DI SILVIA II)

                                               NON È POSSIBILE (ripresa)

SILVIA (ALLEGRA E RIDENTE)

Ah,

allora è così:

esiste un'amante

ma nella sua mente

Lui sogna e …

non è possibile

E

in questa follia

la vede realmente,

la bacia realmente

e forse la …

non è possibile…

Io, ma come avrò fatto

a essere stata gelosa e aver pianto per chi?

una donna fantastica ed invisibile!

(ALLEGRISSIMA)              Oh, l'amante non c'è...

(CAMBIA DI COLPO TONO, DIVENTA PREOCCUPATA E IL TUTTO FINISCE E SMORZARE FORSE ANCHE SENZA PIÙ MUSICA)

           però se ha bisogno

           di credere a un sogno

           vuol dire che io... non è possibile

(FORSE DA QUESTO PUNTO, PUÒ RESTARE SEMPRE UN COMMENTO MUSICALE. FORSE)

CARLO ALBERTO             (ALLA FINE DELLA CANZONE, DÀ UN ULTIMO SAPIENTE COLPO) Ecco, fatto ... Perfetto … Il tuo volto, proprio quelle tue espressioni cosi familiari. Ma chi sei? Chi mi ricordi? Vuoi che te lo faccia vedere? (NASCONDE IL QUADRO) E tu mi dai un bacio ...  (TENDE LE LABBRA E BACIA IL VUOTO) Ah, che bacio tropicale... Amiamoci qui, sulla spiaggia… rotolandoci come due barattoli d'amore (SI ROTOLA DA SOLO SULLA SPIAGGIA SOTTO LO SGUARDO INCREDULO DELLA MOGLIE NASCOSTA) Ed ora, ferma… Prende la rincorsa e... No, dopo …  Prima voglio farti un'altra sorpresa… Vengo subito… (GRIDA VERSO IL MARE) Demoni del mare, arrivo… (ED ESCE DI CORSA PER TUFFARSI NEL MARE)

SILVIA ORA È SOLA. UN SOTTOFONDO DI MUSICA VA VERSO IL QUADRO DIPINTO DA CARLO ALBERTO. SI RENDE CONTO CHE IL VOLTO DEL QUADRO È IL SUO STESSO VOLTO

SILVIA                                 (CANTANDO) Ah, ma questa sono io!

I miei occhi... la mia bocca… il mio viso

allora la donna che s'immagina sono io.

E non lo sa…

Ma certo, non lo sa

non l'ha capito …

Ma l'ho capito io

E così ora so

Ma lo so chi è la donna immaginaria

Lo so chi sei

So come sei

e finalmente posso vederti

(LENTAMENTE SI ILLUMINA LA FIGURA DI SILVIA II _ SOTTOLINEATURA MUSICALE)

                                               Ecco ti vedo.

                                               A noi due, signora me stessa

SILVIA II                                      A noi due

LE DUE DONNE                 Sarà un gran bel match!

(BATTUTE DI PREPARAZIONE, FORSE COLPO DI GONG. INIZIO DEL DUETTO TRA LE DUE SILVIA)

SILVIA                                 Io,

                                               la donna che ha sposato sono io

e quindi chi ha ragione sono io

sono io

contro te

SILVIA II                                      Io,

la donna che ha creato sono io

e quindi la più forte sono io

sono io

contro te

SILVIA                                 Capito

SILVIA II                                      Capito

SILVIA                                 E allora?

SILVIA II                                      E allora?

SILVIA                                 Ridammelo

SILVIA II                                      E riprendilo

SILVIA                                 Lo farò

SILVIA II                                      Forse è meglio no

SILVIA                                 Lascia stare l'uomo mio

                                               ch'è mio… è mio… è mio

SILVIA II                                      Il sabato … solo il sabato

SILVIA                                 Senti tu…

SILVIA II                                      Sta a sentire tu ….

A DUE                                  Qui c'è solo un posto disponibile

                                               Vattene tu... tu… tu.

SILVIA                                 Io gli dò il calore familiare

SILVIA II                                      Io gli dò due ali per volare

SILVIA                                 Io lo difendo

SILVIA II                                      Lo pretendo

SILVIA                                 Non m'arrendo

DUE                                                Ci battiamo come due pugilatori

                                               impegnati in un match

                                               Che match!

SUONA IL GONG LE DUE DONNE SI ALLONTANANO. FORSE RESPIRERANNO AFFANNOSAMENTE. COME DUE PUGILI IN ATTESA DI RIPRENDERE IL ROUND. AL SUONO DEL GONG RISCATTANO UNA CONTRO L'ALTRA.

SUONA IL GONG

- 2 -

SILVIA                                 Io ti guardo e penso "quella sono io"

                                               ma solo all'apparenza sono io

                                               perché io

                                               son così

SILVIA II                                      Io

dal suo cervello sono nata io

perché ti vuole come sono io

come io

son per lui

Capito?

SILVIA                                 Capito

SILVIA II                             E allora?

SILVIA                                 E allora?

SILVIA II                                      Regalagli sette sabati

SILVIA                                 Questo no

                                               questo proprio no

SILVIA II                                      Ed allora vinco Io

SILVIA                                 No, io!

SILVIA II                                      No, io!

SILVIA                                 No, io!

SILVIA II                                      Puoi vincere trasformandoti

SILVIA                                 Come te?

SILVIA II                                      Certo come me

A DUE                                  Io ti guardo e penso ch'è impossibile

                                               essere come te

SILVIA                                 Io

dovrò bastargli come sono

A DUE                                  Io

SILVIA II                                      Ti dico "grava grazie" e vinco

A DUE                                  Io

SILVIA                                 Vinco

A DUE                                  Io

SILVIA II                             Vinco

A DUE                                  Io

SILVIA                                 Vinco

A DUE                                  Io

ci battiamo come due pugilatori

impegnato in un match

Che match!

SUONA IL GONG

BREVISSIMA SOSTA. RIPRENDE IL MOTIVO A PIENA ORCHESTRA. PER UN CORTO ROUND DI BALLO; POI, RIPRESA CANTATA DALLA ULTIMA PARTE DEL REFRAIN.

SILVIA                                 Io

                                               gli voglio bene a modo mio

A DUE                                  Io

SILVIA II                             Gli voglio bene a modo io lo

SILVIA                                 Modo mio

SILVIA II                                      Modo suo

SILVIA                                 Modo mio

A DUE                                  Ci battiamo come due pugilatori

impegnati in un match

che match.

DA FUORI LA VOCE DI CARLO ALBERTO. LE DUE DONNE SI BLOCCANO

CARLO ALBERTO             (F.C.) Torno… sto tornando...

LE DUE DONNE SI GUARDANO, RIPRENDONO A CANTARE QUASI DALLA FINE.

A DUE                                  Ecco lui

ecco lui

ecco lui

Sarà lui che sceglierà chi è la più degna

di vincere il match

che match.

GONG E FINE

TERMINATO IL DUETTO SI SENTE LA VOCE DI CARLO ALBERTO CHE TORNA

CARLO ALBERTO             (FUORI CAMPO) Eccomi che torno … il pescatore dei mari del sud torna dalla sua donna … (ENTRA DI CORSA PORTANDO IN UN RECIPIENTE TRASP_ RENTE UN GROSSO CARATTERISTICO PESCE TROPICALE E VA DIRITTO VERSO SILVIA II SENZA VEDERE LA MOGLIE CHE RESTA ALLE SUE SPALLE) Guarda che t'ho portato: una sirena tropicale. Rarissima. Omaggio alla bellezza.

SILVIA II                                      (FA DISPERATI CENNI A CARLO ALBERTO PER FARGLI CAPIRE CHE C'È LA MOGLIE)

CARLO ALBERTO             (SI BLOCCA, REALIZZA CON LA CODA DELL'OCCHIO E IMPROVVISA CON TONO FALSO) Ah, è così, vero, Silvia, è così. Non ti degni nemmeno di venire a prendere questo modesto dono. E va bene (VOLTANDOSI) Te lo porterò io stesso questo rarissimo esemplare della fauna dei mari del Sud: l'ho pescato in omaggio alla tua bellezza.

SILVIA                                 (RICEVE DALLE MANI DI CARLO ALBERTO IL PESCE TROPICALE E LO VA A DEPOSITARE AI PIEDI DI SILVIA II)

CARLO ALBERTO             (SEGUE UN PO' PREOCCUPATO IL MOVIMENTO DI SILVIA) Ah, non accetti nemmeno. Come siete orgogliosi, voi bianchi, voi e la vostra cosiddetta civiltà ...

SILVIA                                 Carlo Alberto, le vacanze sono finite. Ho telefonato a Zimpelius. Mi aspetta in ufficio dopodomani.

CARLO ALBERTO             Lo sapevo. Per questo volevi tornare in albergo.

SILVIA                                 Veramente no; comunque, adesso si rientra nell'ordine, il battello per l'aeroporto parte fra un'ora.

CARLO ALBERTO             (RIMANE INTERDETTO E GUARDA SILVIA II CHE ELUDE IL SUO SGUARDO)

SILVIA                                 Mi hai sentito?

CARLO ALBERTO             Sì.

SILVIA                                 E allora che aspetti?

CARLO ALBERTO             Ci sto pensando… Si, perché non credo che verrò

SILVIA                                 Come?

CARLO ALBERTO             Anzi, a pensarci meglio, ho deciso. Cosa vorresti che mi rimettessi a fare l'avvocato? Vorresti che mi rimettessi ad aspettare il sabato?

SILVIA                                 (RIDANDOGLI LE SCARPE) Intanto vorrei che ti rimettessi le scarpe, e il resto verrà da sé.

CARLO ALBERTO             No. Io invece resterò, nudo, errante per gli arcipelaghi, con i piedi spaccati dal corallo e forse una mano staccata dal morso di un pescecane (ALZA LA MANO DESTRA, REALIZZA ALZA LA DESTRA ABBASSA LA SINISTRA), inghirlandato come un figlio del sole. Che me ne faccio della tua civiltà dei tuoi orari? Tu non sei una donna: sei un congegno elettronico. Io non torno.

SILVIA                                 Per cui, fra me e lei scegli lei.

(MOMENTO DI SUSPENSE, CARLO ALBERTO SI VOLTA LENTAMENTE GUARDA SILVIA II CHE È RIMASTA INTERDETTA)

CARLO ALBERTO             (CON VOCE STROZZATA) Lei chi?

SILVIA                                 (INDICA LA SIRENA TROPICALE) Lei, la sirena tropicale, lei l'isola, lei la vita primitiva … Chi scegli?

CARLO ALBERTO             Ho già scelto. Resto.

SILVIA                                 Guarda che se è, è per sempre.

CARLO ALBERTO             La-or a-na, Silvia.

SILVIA                                 Cosa?

CARLO ALBERTO             La-ora-na. È il saluto dei tahitiani per chi parte . .. la-ora-na.

SILVIA                                 (QUASI SOVRAPPENSIERO) È strano.

CARLO ALBERTO             Che cosa?

SILVIA                                 Non me ne importa niente. Mi sento assolutamente distaccata. Di solito, ci si dispera … (PREVEDENDO UN GESTO DI LUI) No, no: stavolta non sento niente veramente. Sta tranquillo, non piango. Vedi … Io non piango (DOPO UNA PICCOLA PAUSA) La-ora-na, Carlo Alberto. (ED ESCE) PIÙ FORTE È ORA IL CANTO DI "LA-ORA-NA-BONVOYAGE" GLI INDIGENI VENGONO SULLA SPIAGGIA A SALUTARE COME OGNI SERA IL BATTELLO CHE CONDUCE I PARTENTI ALL'AEROPORTO.

CARLO ALBERTO Torna da me, meravigliosa creatura. Mia moglie è partita … Sono libero, libero per sempre… Vieni da me, donna del mio desiderio … Ora sì che potremo essere felici, io e te. INTANTO ALLE SPALLE DI CARLO ALBERTO VEDIAMO PASSARE - O APPARIRE - IL BATTELLO SUL QUALE ACCANTO A SILVIA CHE PARTE C’È ANCHE SILVIA II CHE SI ALLONTANA DA CARLO ALBERTO; ORMAI, AVENDO TRONCATO OGNI LEGAME CON LA MOGLIE, NON DESIDERANDOLA PIÙ, NON POTRÀ PIÙ VEDERE SILVIA II. SUL CORO DI LA-ORA-NA FORTISSIMI, CALA IL SIPARIO MENTRE CARLO ALBERTO, SULLA SPIAGGIA. ATTENDE INVANO.

FINE DEL PRIMO TEMPO

VIOLA, VIOLINO, E VIOLA D'AMORE SECONDO TEMPO

SECONDO TEMPO SONO PASSATI QUASI DUE GIORNI DA QUANDO SILVIA HA LASCIATO FRETTOLOSAMENTE TAHITI. ANCORA A SIPARIO CHIUSO SI SENTONO GRIDOLINI DI GIOIA DI RAGAZZE E CONFUSIONE. IL SIPARIO SI APRE SULL’APPARTAMENTO DI CARLO ALBERTO. È SERA. L'APPARTAMENTO DI CARLO ALBERTO È PIENO DI RAGAZZE FESTANTI. SONO LE CAMERIERE, LE CUOCHE, INSOMMA TUTTE LE LAVORATRICI DOMESTICHE DELLE CASE INTORNO ALL'APPARTAMENTO DI CARLO ALBERTO, CHE IL TECNICO DELLA TV, APPROFITTANDO DELL'ASSENZA DEI DUE PADRONI DI CASA, HA INVITATO NELL'APPARTAMENTO PER UN GAIO FESTINO. E IL NOSTRO TECNICO È INFATTI LÌ SDRAIATO SULL'AMACA, "GALLO DELLA CHECCA" DI QUESTA SOIREE.

COREOGRAFIA ALLEGRA E SFRENATA, EVENTUALE CANZONE DELL'ANTENNIERE. E, A UN CERTO PUNTO, QUANDO IL BALLO È AL CULMINE, LA NOTIZIA CHE I PADRONI DI CASA STANNO TORNANDO, VELOCISSIMAMENTE TUTTI SCAPPANO DALLA SCENA, È UNA FUGA CHE DURA POCHISSIMI SECONDI E L' APPARTA MENTO RITORNERÀ NELLA SUA NORMALITÀ. FORSE IL TECNICO DELLA TV, ACCORGENDOSI DI AVERE DIMENTICATO QUALCOSA, PUÒ RITORNARE RAPIDAMENTE A PORTARLA VIA.

APPENA L'APPARTAMENTO È VUOTO - UNA MUSICA RESTA IN SOTTOFONDO - ENTRA IN CASA SILVIA I CHE ARRIVA DA TAHITI. HA DELLE VALIGIE. SI GUARDA INTORNO UN PO' SPERDUTA E RATTRISTATA, POI VA AL TELEFONO, FORMA UN NUMERO.

SILVIA                                 (AL TELEFONO, IN TEDESCO) DOKTOR ZIMPELIUS, BITTE... LASSEN SIE MICK SOFORT BEI SEINER RUCKKEHR RUFEN, BITTE. ES IST DRINGEND. (I SOLITI SOTTOTITOLI TRADUCONO: "IL DOTTOR ZIMPELIUS PER FAVORE? MI FACCIA CHIAMARE APPENA RIENTRA, A QUALUNQUE ORA. È URGENTE, GRAZIE). (VA VERSO LA TERRAZZA E SULL'AMACA VEDE MOLLEMENTE SDRAIATA, SILVIA II'' VESTITA SEDUCENTEMENTE.

MUSICA "NON È POSSIBILE"

SILVIA I                               Tu

SILVIA II                                      (PARLATO) Io, sì

SILVIA I                               Mi segui anche qui.

SILVIA II                                      (PARLATO) Certo, sei tu che mi pensi.

                                               Ormai sei presente

sei sempre presente

sei sempre qui… (FA CENNO: NELLA MIA TESTA)

Non è possibile.

(MUSICA ESEGUE VARIAZIONI, SILVIA, COME CACCIANDO VIA DALLA TESTA SILVIA II ... SCENDE DALLA TERRAZZA SULLA QUALE SI ABBASSA LA LUCE. È NEL SOGGIORNO, ACCENDE UNA SIGARETTA, LA SPEGNE. VA PER PRENDERE UNA VESTAGLIA IN BAGNO, APRE LA PORTA E VEDE SILVIA II NELLA VASCA. LA MUSICA È DI NUOVO AL CANTABILE DI "NON È POSSIBILE" ).

SILVIA I                               NO...

SILVIA II                                      (PARLANDO) E perchè no?

SILVIA I                               Così proprio no.

SILVIA II                                      (PARLANDO) E invece proprio così

SILVIA I                               Ormai sei di casa

                                               vai in giro per casa

                                               stai qui... stai lì

                                               Non è possibile...

(SILVIA I SI CHIUDE IL BAGNO)

                                               Ma

                                               Guarda se una donna deve trovarsi costretta

                                                                                             a lottare con chi

con un'ombra che sbuca

da qualunque angolo...

(LA MUSICA, CON VARIAZIONI, L'ACCOMPAGNA MENTRE SILVIA ENTRA IN CAMERA DA LETTO DOVE, SDRAIATA IN POSA PICCANTISSIMA, VEDE SILVIA II)

SILVIA I                               Qui

SILVIA II                                      (PARLATO) Certo qui.

SILVIA I                               Ti vedo anche qui.

SILVIA II                                      (PARLATO) Ci siamo stati tutti e tre.

SILVIA I                               Io non ti permetto

                                               Va via dal mio letto

                                               No, non è possibile.

II STROFA

SILVIA II

(SI ALZA DAL LETTO E SI RIVOLGE MOLTO IRONICAMENTE A SILVIA I)

Ehi,

madama virtù,

rinuncia al tuo stile

sii più femminile su,

fai come me

LA MUSICA CRESCE DI TONO. SILVIA II SCENDE DAL LETTO E COMINCIA A CAMMINARE PER LA STANZA ALLA SUA MANIERA SEXY ANCOR PIÙ ACCENTUATA QUASI PROVOCATORIA NEI RIGUARDI DI SILVIA I SINO A CHE

SILVIA I                               (CANTANDO) Non è possibile

SILVIA II                                      Dai,

che femmina sei,

comincia a svegliarti

impara a spogliarti

da sexy girl

La musica sottolinea Silvia II che inizia un quasi spogliarello, interrotto da

SILVIA I (CHE OSSERVANDO LO SPOGLIARELLO CON UN GESTO DI OTTORE CANTA)

                                               Non è possibile

SILVIA II                                      Io

poiché non esiste sordo peggiore di chi

non ti vuole ascoltar

mi ritiro in buon ordine

il campo è libero

SILVIA I                               Si

facciamo così

Tu lasciami sola

 e vinco da sola

SILVIA II                                      (IRONICAMENTE) Non è possibile

SILVIA I                               E invece vincerò

SILVIA II SI DILEGUA. SILVIA È SOLA. PRENDE UNA DETERMINAZIONE, VA IN TERRAZZA E SI ACCINGE A SMONTARE L'AMACA. INTANTO SULL'ALTRO TERRAZZO COMPARE IL TECNICO DELLA TELEVISIONE).

TECNICO                                      A signo', chi non muore se rivede

SILVIA                                 (SPAVENTATA) Chi è? Ah, ma lei sta sempre sul tetto?

TECNICO                                      E che ne so, signora mia. Qui, oramai, in ogni casa, pure la più povera, ce stanno du' televisori, uno pe canale. È er benessere... Io mica lo so, sto povero partito comunista come farà a anna' avanti … Boh? Oramai je rimasto solo er Papa…

SILVIA                                 (PER TAGLIARE CORTO) Allora buon lavoro.

TECNICO                                      Grazie... Ndo è stata tutto 'sto tempo? In villeggiatura?

SILVIA                                 Si.

TECNICO                                      Io, la mia signora, la manno sempre a Caprarola... C'è l'aria bona... Così lei se rifiata e io puro: a Roma... Lei signo’, ndo è stata de bello?

SILVIA                                 Tahiti

TECNICO                                      Ndo rimane? Vicino al Villaggio Tognazzi?

SILVIA                                 No, Tahiti sta molto lontano... Non è in Italia,

TECNICO                                      Se capisce: quando uno po' spende, fa pure bene... E il dottore è tornato?

SILVIA                                 No, è rimasto lì.

TECNICO                                      (INTERESSATO) Per cui lei momentaneamente sarebbe moje de italiano all'estero, esposta alle tentazioni dell'insidiosa estate romana? ... Vo' che scendo giù a daje 'na mano?

SILVIA                                 Grazie. Non s'incomodi.

TECNICO                                      E perché er dottore nun è tornato? Che avete litigato, sarvognuno?

SILVIA                                 (LO GUARDA E SORRIDE) No... ma io dovevo riprendere il lavoro e sono tornata prima.

TECNICO                                      Ma che fa? Je copre le magagne … Magara se sarà messo a fa er beccamorto co' quarche villeggiante o co' quarche burina der posto. Oddio, certo che a uno de città je capita: sarà l'aria fina, er vino bono... A me me successe tale e quale l'altr'anno a Vignanello... Ma perché sta a smonta quell'affare?

SILVIA                                 Perché non serve più ...

TECNICO                                      Come? Ce se sta così comodi...

SILVIA                                 (CON INTENZIONE) Troppo comodi? La vuole? Gliela regalo.

TECNICO                                      Ma è un oggetto ambito…

SILVIA                                 Se la prenda pure...

TECNICO                                      (SPORGENDOSI A PRENDERE L'AMACA) Signora mia, nun ho parole... proprio nun ho parole…

SILVIA                                 (SALUTANDOLO) Magari non ne avesse... Buona notte…

TECNICO                                      (FERMANDOLA MENTRE SI ALLONTANA) Signo' (SILVIA SI RIVOLTA) Stia tranquilla, che a suo marito je passa… È roba de villeggiatura. Quello è un rondone. Ai primi freddi, pija e torna, 'ndo va?

SILVIA                                 Grazie. Lei è molto gentile.

(INIZIA UN COMMENTO MUSICALE. SILVIA SCENDE LENTAMENTE LE SCALE ED ENTRA NELLA SUA CAMERA DA LETTO PREPARANDOSI ALLA NOTTE, NEL FRATTEMPO IL TECNICO COMINCIA A SISTEMARE L'AMACA).

LA LUCE LENTAMENTE SI ABBASSA SUL TECNICO MENTRE SALE SU SILVIA CHE SI COMINCIA A PREPARARE PER LA NOTTE E DICE

SILVIA                                 (FRA SÈ) È un rondone … Ai primi freddi torna. Certo. Tanto sa che                                                  l'aspetta la rondine al nido …

Eh, no… E se quando torna il nido fosse vuoto, con tanto di lettera sopra il como? Certo… (ATTRAVERSA LA SCENA DI CORSA E VA VERSO UN PICCOLO SCRITTORIO. LA MUSICA COMMENTA QUESTA AZIONE. SILVIA PRENDE LA PENNA E COMINCIA A SCRIVERE CANTANDO LE PAROLE CHE SCRIVE).

- Caro Signor rondone... (APPALLOTTA IL FOGLIO E LO BUTTA) Avrebbe l'impressione che è tutto quanto un gioco (RIPRENDE A SCRIVERE) Mio Carlo Alberto (SI FERMA) Credo proprio che io oggi non posso più chiamarlo "mio" (APPALLOTTOLA IL FOGLIO) Molto meglio affrontare l'argomento in modo secco, brusco, più violento (INIZIA IL REFRAIN DI "TRANQUILLAMENTE SENZA DI TE") (SILVIA SCRIVE E, CON UNA CERTA VIOLENZA MA SENZA ESAGERARE. CANTA).

Da oggi so

che non ho più bisogno - bisogno di te

che posso fare a meno - a meno di te

Da oggi so

che posso vivere

tranquillamente senza di te

Da oggi so…

(SI INTERROMPE, BUTTA LA PENNA, STRAPPA IL FOGLIO, LA MUSICA ACCOMPAGNA E SOTTOLINEA SEMPRE LE SUE AZIONI. SILVIA VA DI CORSA VERSO UN MOBILE, CERCA, TROVA E PRENDE UN REGISTRATORE A FILO, ATTACCA SPINA E CANTA AL MICROFONO, VIOLENTEMENTE)

REFRAIN DI "TRANQUILLAMENTE SENZA DI TE"

Da oggi so

che non ho più bisogno - bisogno di te

che posso fare a meno - a meno di te

Da oggi so

che posso vivere

tranquillamente senza di te

Da oggi so che tu non sei più l'uomo - l'uomo per me

ma non ne faccio un dramma - un dramma perché

Da oggi so

che posso ridere

tranquillamente senza di te

Ieri

C'era un'intesa fra te e me

Oggi l'incanto è rotto e tu sai perché.

Ed anche se

tu decidessi di tornare da me

Se mi vuoi bene, non lo fare perché

da oggi so

che posso vivere

tranquillamente senza di te

HA FINITO, FA TORNARE INDIETRO IL REGISTRATORE, SI SENTE IL RUMORE DEL NASTRO.

SILVIA                                  Così è molto più freddo d'una lettera … più moderno… Gli darà molto più fastidio… (IMMAGINANDO LA SCENA) Lui torna da Tahiti... Naturalmente con lei... Apre la porta (IMITANDO CARLO ALBERTO) "Scusa, cara, se ti precedo" … Tutto galante, il vanaglorioso imbecille … "Accendo la luce"... tric (ACCENDE L'INTERRUTTORE E LA STANZA È INONDATA DALLA SUA VOCE CHE CANTA FORTISSIMO).

Da oggi so

che non ho più bisogno - bisogno di te

che posso fare a meno - a meno di te

Da oggi so…

FERMA IL REGISTRATORE E LA CANZONE SI INTERROMPE, SILVIA SU MUSICA DICE

No giacchè mi ci metto

ti voglio fare ancora più dispetto

Adesso stai fresco

Te l'incido in tedesco

(RIPRENDE A CANTARE IL REFRAIN DI "TRANQUILLAMENTE SENZA DI TE". MA IN TEDESCO. SI INTERROMPE, PERÒ DOPO I PRIMI VERSI).

(AMETTE DI REGISTRARE SULL'APPARECCHIO. MUSICA DI COMMENTO E DI SOTTOFONDO) no, perché dargli la soddisfazione di andarmene ... Io resto… Lo aspetto…

È più leale aspettarlo

affrontarlo... per guardarlo

negli occhi e dirgli faccia a faccia

REFRAIN DI "TRANQUILLAMENTE SENZA DI TE".

Da oggi so

che la mia vita è tutta... ma tutta per me

e che se sono sola, lo sono perché

Da oggi son

decisa a vivere

tranquillamente senza di te.

L'ORCHES'I'RA RIPRENDE PIU' FORTE. SILVIA SI AVVICINA AL LETTO, SPOSTA I CUSCINI DEL MARITO, VEDE IL PIGIAMA DI LUI. HA UN MOMENTO DI PERPLESSITÀ, POI LO PRENDE A PUGNI CANTANDO FORTE

Da oggi so

che debbo vivere

tranquillamente senza di te

(E SUL FINIRE DELL'ORCHESTRA SI BUTTA SUL LETTO ABBRACCIANDO IL PIGIAMA)

LA LUCE CALA SULLA CAMERA DA LETTO MUSICA CONTINUA IN SOTTOFONDO, FORSE SFOCIA IN "UN AMORE COME DICO IO"

ORA TUTTO L'APPARTAMENTO È RISCHIARATO SOLO DALLA LUNA. MUSICA NOTTURNA. VEDIAMO UNA TESTA COMPARIRE AL DI LÀ DEL MURAGLIONE DELLA TERRAZZA: È CARLO ALBERTO CHE È ARRNATO FIN LASSÙ FURTNAMENTE, ARRAMPICANDOSI LUNGO IL TUBO DELLA GRONDAIA, SI GUARDA INTORNO, VEDE CHE DALLA STANZA DI SILVIA TRAPELA UNA LUCE.

(CARLO ALBERTO INDICANDO LA STANZA DI SILVIA)

Dorme… Proprio come la sera in cui mi apparve per la prima volta… Silvia dormiva, io ero qui e lei improvvisamente fiorì su quell'amaca (GUARDA VERSO L'AMACA) Ma l'amaca è scomparsa … (AL PUBBLICO) Mi accorsi che tutto ormai stava scomparendo dalla mia vita … A Tahiti, il giorno stesso in cui era partita mia moglie, era scomparsa anche lei… Tornavo a casa sicuro di ritrovarla, e non trovavo più nemmeno L'amaca... Mi guardai intorno, sgomento e… (TROVA CON LO SGUARDO L'AMACA SULLA TERRAZZA DEL SUPERATTICO) Stava lassù … Perché? … Forse il viscido serpente delle antenne - mi chiesi… Ma no… (RIENTRA NELL’AZIONE) Divina creatura, vuoi farmi ingelosire, eh? Ho fatto ventitremilaventuno chilometri per rivederti. Ero sicuro di ritrovarti qui (SI ARRAMPICA RAPIDO E ANSIOSI VERSO IL TERRAZZO) Così come sono venuto ce ne andremo insieme lungo il tubo della grondaia, vuoi?

TECNICO                                      (EMERGENDO DALL' AMACA) Io con un uomo nun ce scappo.

CARLO ALBERTO             - Ancora tu … sempre tu … (ROVESCIA L'AMACA SCODELLANDONE FUORI IL TECNICO)

TECNICO                                      Aiuto!

CARLO ALBERTO             - Zitto, che se ti fai sentire da mia moglie ti strangolo. Dove hai preso quell'amaca? Come ti sei permesso di rubare?

TECNICO                                      (TENTA DI DIRE QUALCOSA)

CARLO ALBERTO             - (PREVENENDOLO) Zitto… stai zitto… Era vuota? Quando l'hai presa, era vuota? C'era qualcuno dentro?

TECNICO                                      (COME PRIMA, FA UN ALTRO TENTATIVO DI PARLARE)

CARLO ALBERTO             - (SEMPRE PREVENENDOLO) Zitto… Lo vedi che non rispondi? Cinque secondi di tempo per sparire… Uno …

TECNICO                                      Già sparito, dotto' … (SCOMPARE)

CARLO ALBERTO             - (PRENDE L'AMACA E COMINCIA A RIMONTARLA)

TECNICO                                      (RICOMPARENDO IMPROVVISAMENTE) L'ha ammollato, eh, dotto'?

CARLO ALBERTO             - Chi?

TECNICO                                      - La burina… So' amori de villeggiatura. È come nelle foje morte: er mare cancella sulla sabbia i passi degli amanti disuniti…

                                               (CANTICCHIA AVVIANDOSI)

CARLO ALBERTO             - (LO GUARDA MINACCIOSO)

TECNICO                                      (INTERROMPENDO IL CANTO) Ero già sparito da prima … (RIPRENDE A CANTICCHIARE E SI ALLONT ANA)

CARLO ALBERTO             - (HA FINITO DI SISTEMARE L'AMACA E, COME IN DELIRIO, SI RIVOLGE ALLA INVISIBILE DONNA DEL SOGNO) Ti prego … ritorna … Dove sei? Perché non rispondi? (SI GUARDA INTORNO) Tutto è come quella notte: la stessa atmosfera; c'era la luna, lei dormiva, io ero qui … E allora perché ti fai attendere? (CON UN IMPROVVISO GUIZZO DI FURBERIA) Ho capito: manca lo champagne. Ingorda, beona: aspettami torno subito con il nettare … (SCENDE E A PRECIPIZIO LE SCALETTE, POI RICORDANDOSI CHE LA MOGLIE STA DORMENDO ... TRAVERSA A PASSI DI LUPO DA LA CAMERA DA LETTO, DOVE SCOPRIAMO SILVIA CHE SI È ADDORMENTATA. INAVVERTITAMENTE URTA QUALCOSA. CON UN BALZO SCOMPARE E NOI VEDIAMO SILVIA CHE SI AGITA NEL SONNO E SI RISVEGLIA RESTANDO, PERÒ, SUPINA AD OCCHI APERTI. CARLO ALBERTO RIENTRA NELLA CAMERA DA LETTO STRINGENDO UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE, ALLA QUALE STA FRETTOLOSAMENTE TOGLIENDO STAGNOLA E GABBIETTA. È ANCORA NELLA STANZA DA LETTO, QUANDO IL TAPPO SALTA IN ARIA CON IL RUMORE DI SCHIOPPETTATA. SILVIA BALZA A SEDERE SUL LETTO, MENTRE CARLO ALBERTO È IN PIEDI DAVANTI A LEI, HA LA BOTTIGLIA IN MANO E TUTTA LA SCHIUMA GORGOGLIANDO, GLI COLA SULLA MANICA.

SILVIA                                 Carlo Alberto?

CARLO ALBERTO             - Eh? Chi è?

SILVIA                                 (GLI BUTTA LE BRACCIA AL COLLO) Ero sicura che saresti tornato.

CARLO ALBERTO             - Ah… Beh certo: il mare cancella sulla sabbia i passi degli … (RIPRENDENDOSI, LUCIDO) Ho capito subito che avevi ragione tu … Ho preso l'aereo successivo. Basta con le follie, la pittura, la Polinesia… La vita è una cosa seria … (CERCA DI LIBERARSI DALL'ABBRACCIO DELLA MOGLIE) Da domani si ricomincia… Ci alziamo alle sei, durante la settimana si lavora, e il sabato, il nostro caro sabato, tanto amore… (ALLARMATO) A proposito: oggi che è?

SILVIA                                 Giovedì.

CARLO ALBERTO             - (CON ENTUSIASMO) E allora subito a dormire … Hai messo la sveglia?

SILVIA                                 Si, ma aspetta…

CARLO ALBERTO              - No, no, no… È già tardi.

SILVIA                                 Beviamo una cosa?

CARLO ALBERTO             - (MERAVIGLIATO) Bere? Eh, no… Capisco che lo dici per me…                                                    Ma te l'ho detto, basta con le follie, si rientra nell'ordine…

SILVIA                                 Allora perché hai aperto quella bottiglia?

CARLO ALBERTO             (CHE SOLO ADESSO SI RENDE CONTO DI STRINGERE ANCORA IN MANO LABOTTIGLIA DI CHAMPAGNE) Ah. questa … Beh, appunto … Proprio per farti vedere che ho deciso di finirla con queste sciocchezze … Ecco, la vado a buttare via … Da domani, in questa casa, acqua di Nepi. (VA IN BAGNO, VERSA IL CONTENUTO NELLA VASCA VUOTA, INTANTO DICE A BASSA VOCE, RIVOLGENDOSI ALL'ASSENTE SILVIA II) Dove sei bella di zio: versami sulle spalle lo champagne ghiacciato - dicesti, ti ricordi?

SILVIA                                 (CHE LO HA SEGUITO, È SULLA SOGLIA DEL BAGNO)

CARLO ALBERTO             (MOSTRANDOLE LA BOTTIGLIA VUOTA) Visto? (POSA LA BOTTIGLIA VUOTA E PRENDE LA MOGLIE PER LE SPALLE COSTRINGENDOLA A TORNARE VERSO IL LETTO) Su, a letto, amore … Staremo abbracciati tutta la notte …

SILVIA                                  Si.

CARLO ALBERTO             (PRECISANDO) Buoni buoni.

SILVIA                                 Stanotte, magari…

CARLO ALBERTO             Buoni, buoni, ho detto … È giovedì (COSTRINGENDOLA A CORICARSI)

SILVIA                                 Certo, amore, come vuoi tu… (LO ABBRACCIA) Sono tanto felice…

CARLO ALBERTO             (SI CHINA SU LEI E LE BACIA GLI OCCHI, POI DESIDEROSO DI VEDERLA ADDORMENTATA) Adesso dormi.

SILVIA                                 E tu che fai? Non vieni a letto?

CARLO ALBERTO             Sì certo … Però prima vorrei stare un pò in terrazza … riordino i miei pensieri … Tu non ti preoccupare, dormi … Io mi fumo una sigaretta sull'amaca .. cinque minuti al fresco …

SILVIA (STUPITA)             L'amaca non c'è più.

CARLO ALBERTO             Si lo so, ma me la sono fatta ridare subito, da quel losco individuo, da quel ladro … Giù le mani dall’amaca… È mia. Non si tocca … Ma tu dormi, adesso … E dormi (IN COMPLETA MALAFEDE) Eh … È bello essere di nuovo a casa… Buona notte, amore.. (ESCE DI CORSA VERSO LA TERRAZZA)

SILVIA                                 (RIZZANDOSI A SEDERE SUL LETTO CON MOLTA TENEREZZA E AMAREZZA) Non è tornato per me: è tornato per te. (ISTANTANEAMENTE SI ACCENDE LA LUCE SU SILVIA II CHE COMPARE DAVANTI A SILVIA)

SILVIA II                                      Come potevi illuderti che fosse tornato per te … (SI AVVIA VERSO LA TERRAZZA DOVE NOI VEDIAMO CARLO ALBERTO RITORNATO DAVANTI ALL'AMACA. TENDE LE BRACCIA VERSO DI LUI E LO CHIAMA) Carlo Alberto … Adorè …

CARLO ALBERTO             (CHE NON LA VEDE) Niente: non viene… Forse perché ho perso tutto quel tempo a fare la commedia con Silvia…Magari si sarà pure ingelosita… Ma guarda che io con mia moglie ho mentito: io mia moglie non l'amo più, non la desidero più, non la voglio più…

SILVIA II                                      Lo so, ed è proprio per questo che non riesci a vedermi più.

CARLO ALBERTO             (SI METTE A SEDERE, SI PRENDE LA TESTA FRA LE MANI E DISPERATAMENTE DICE) Non c’è… È scomparsa … (NEL FRATTEMPO SILVIA, CHE È PIÙ CHE MAI SVEGLIA, CON UNO SCATTO IMPROVVISO SI ALZA, INDOSSA UNA VESTAGLIA ED ESCE DECISA PER RECARSI IN TERRAZZA)

SILVIA                                 Carlo Alberto.

CARLO ALBERTO             (VOLTANDOSI DI SCATTO PIENO DI GIOIA) Amore (VEDE LA MOGLIE) Ah, sei tu?

SILVIA                                 Ti dispiacerebbe presentarmi la signora?

CARLO ALBERTO             (GUARDANDOSI INTORNO) Quale signora?

SILVIA                                 (INDICANDO DOVE VEDE SILVIA II) Quella.

CARLO ALBERTO             Quella chi?

SILVIA                                 Io la vedo. L'ho vista anche a Tahiti. Quando posava per te, con il fiore fra i capelli … La paperona oceanica.

CARLO ALBERTO             (COLPITO E CIRCOSPETTO) L'hai vista?

SILVIA                                 Come la vedo adesso.

CARLO ALBERTO             (PIENO DI SPERANZA) E dove sta? (RIPRENDENDO IN MANO LA SITUAZIONE) No, no, un momento, tu a Tahiti non hai visto niente. Tutt'al più avrai visto il quadro. M'avrai sentito parlare, così, mentre dipingevo. Non puoi averla vista. La vedo soltanto io.

SILVIA                                 E com'è che non la vedi adesso?

CARLO ALBERTO             (LOGICISSIMO) Non la vedo, perché non c’è. Tu magari vorresti darmi ad intendere che c’è. Ma non c'è (RIPENSANDOCI) o c'è?

SILVIA                                 C'è.

CARLO ALBERTO             E allora, io, perché non la vedo?

SILVIA                                 No, no: tu la vedi benissimo.

CARLO ALBERTO             Io? Tu stai giocando d'astuzia. (LA GUARDA FURBO) Bionda o bruna?

SILVIA                                 Bionda, naturalmente.

CARLO ALBERTO             Perché dici naturalmente? (SILVIA E SILVIA II SI SCAMBIANO UNO SGUARDO COME PER DIRE "PROPRIO NON CAPISCE")

SILVIA                                 L'importante è che abbia detto bionda.

CARLO ALBERTO             Ah, e poi?

SILVIA                                 Poi… basta. Occhi chiari, pelle bianca. Un nasetto così, come il mio. Insomma una biondina come tante. Un po’ esile ma delle gambe lunghissime. Oddio, forse è anche la posizione: stando così allungata sull'amaca.

(SILVIA II, CHE NEL FRATTEMPO ERA SALITA IN TERRAZZA E SI ERA DISTESA SULL'AMACA, ASSUME CON LE GAMBE L'ABITUALE POSIZIONE)

CARLO ALBERTO             (ALLA PAROLA "AMACA" SI GIRA FOLGORATO) Perché, adesso è sull'amaca?

SILVIA                                 Dove l 'hai vista la prima volta.

CARLO ALBERTO             (CORRE, SALE LE SCALE DI CORSA, VA VERSO L'AMACA, SI RENDE CONTO CHE È VUOTA).

CARLO ALBERTO             Perché mi dici che c'è. Non c'è.

SILVIA II È SCESA DALL'AMACA E SCENDE LE SCALE: STA VENENDO NEL SALOTTO, PER DISTENDERSI SUL DIVANO.

SILVIA                                 Sta scendendo.

CARLO ALBERTO             (SCENDE ANCHE LUI CERCANDO LUNGO LA SCALA) Dov'é? dov'è? dov'è?

SILVIA                                 Adesso è sul divano.

CARLO ALBERTO             Se è vero che tu la vedi, io perché non la vedo? (GRIDANDO) Perché non la vedo più?

SILVIA                                (CHE È RIMASTA COLPITA DALLA SINCERITÀ DI QUESTA AFFERMAZIONE DEL MARITO SI VOLGE A SILVIA II E LE CHIEDE) È vero?

CARLO ALBERTO             Certo che è vero.

SILVIA                                 Non parlo con te. (A SILVIA II) È vero?

CARLO ALBERTO             Allora parli con lei. Le parli (VOLGENDOSI AL PUBBLICO) Le parlava, capite, come le parlavo io. Prima.

SILVIA (A SILVIA II)        Perché non ti vede?

CARLO ALBERTO             (IMMEDIATAMENTE) Che ha detto?

SILVIA                                 Dalle almeno il tempo di rispondere. (A SILVIA II) Perché non ti vede? (MENTRE SILVIA II RISPONDE, CARLO ALBERTO TENDE L'ORECCHIO SENZA NATURALMENTE SENTIRE)

SILVIA II                                      Perché io sono come lui ti desiderava; e, quindi, per vedere me, dovrebbe ancora desiderare te. Ma adesso non ti desidera e non mi vede.

SILVIA                                 (COLPITA, QUASI A SE STESSA) Ah, è così?

CARLO ALBERTO             (CON ANSIA) Così come? Che ha detto?

SILVIA                                 (IRONICAMENTE) Chiedilo a lei.

CARLO ALBERTO             E no, tu non puoi fare cosi. Non è corretto. È sleale. Io devo sapere perché non la vedo. Ho trovato: perché ci sei tu (ANNULLA IL TENTATIVO DI REAZIONE DI SILVIA). No, no: non dirmi che anche prima tu c’eri. Prima non la vedevi; ora, poverina, sa che la vedi, che sai tutto, quindi è condizionata. È in soggezione, perché è timida, sai …

SILVIA II                                      (REAZIONE)

SILVIA                                 (IRONICA) Allora, secondo te io sono di troppo qui… Dovrei lasciarvi soli?

CARLO ALBERTO             (CON GOFFO TENTATIVO DI ADDOLCIRE LA PILLOLA) Si …

SILVIA                                 E va bene. (VA IN CAMERA DALETTO)

CARLO ALBERTO             (SENZA NEMMENO RISPONDERE, SALE DI CORSA LA SCALETTA E AFFANNATISSIMO SI SIEDE DI FRONTE ALL' AMACA). Se ne è andata. Siamo soli, siamo di nuovo soli. Fatti vedere, dove sei, ma dove sei? Stai giocando a nascondino eh, birbacciona? Ecco chiudo gli occhi, vieni, vieni, vieni, vieni.

SILVIA                                 (ESCE DALLA STANZA DA LETTO E, CON IRONICO INTERESSAMENTO) È venuta?

CARLO ALBERTO             Eh, no… Non puoi interrompere ……….. Mi stavo concentrando.

SILVIA                                 Scusa (E RITORNA NELLA STANZA DA LETTO)

CARLO ALBERTO             Dove ero rimasto? Ah! (RITORNA VERSO L'AMACA, SIEDE, CHIUDE GLI OCCHI, RITORNA A CONCENTRARSI) Meno quattro … tre … due … uno … (APRE GLI OCCHI) Niente … Ah! (SI RICORDA CHE LA MOGLIE GLI HA DETTO CHE L'ALTRA ERA SUL DIVANO E CORRE VERSO IL DIVANO, SOLLEVA I CUSCINI CERCA, POI SPEGNE UNA LUCE, SI RICONCENTRA).

SILVIA                                 (SI RIAFFACCIA) È venuta?

CARLO ALBERTO             Ma tu non dovevi Uscire?...

SILVIA                                 A quest'ora?

CARLO ALBERTO             Non hai niente da fare? Non so, Zimpelius… qualcuno…

SILVIA                                 Qualcuno chi?

CARLO ALBERTO             Un amico, un corteggiatore …

SILVIA                                 Sei matto.

CARLO ALBERTO             Chiunque vuoi, basta che mi lasci solo.

SILVIA                                 Ma tu sei proprio matto!

                                               (SCUDISCIATA D'ORCHESTRA)

CARLO ALBERTO             (SORPRESO E COLPITO) Sono matto?

                                               (MUSICA "SONO MATTO")

CARLO ALBERTO             Sono matto,

si sissignore, sono matto, matto

Se … se in un vecchio mondo che ristagna

come un lago di campagna

c'è uno stupido che sogna

e lo prendono per matto

e va bene: sono matto.

Sono matto, si

da … da ricovero coatto, matto

Se … se rinnovellando Pigmalione,

con la mia immaginazione

io dò corpo a una visione

e tu pensi ch'io sia matto

troppo giusto: sono matto

Si, però, sapessi l'entusiasmo

la continua frenesia

che cervello fino, il vecchio Erasmo

quando elogia la follia, la follia

Sono matto, si e… e perfino mentecatto, matto

Ma se questa dolce mia creatura

mi desidera… mi adora

da sembrare addirittura

pussygatta e pussygatto

e tu insisti che son matto

- io non solo ti capisco,

ma ti credo, t'obbedisco, non combatto

e sono m atto.

(IN PROSA - SU SOTTOFONDO DI RITMI)

Questa è la mia toga

Sai tu a che cosa può servire

questo indumento chiamato toga?

In tribunale ci sei mai stata?

Credo di no … no, proprio no

Ti sei mai chiesta se avrei gradito

la tua presenza nell'aula? No!

Tu non hai mai veduto o sentito

tuo marito con questa toga.

È grigia un'aula di tribunale

eccola lì … guardala lì

(SI FORMA IN MODO SINTETICO UNA GRIGIA AULA DI TRIBUNALE, CON GIUDICE, AVVOCATI ... TESTIMONI ecc…)

Sai quante volte avrei gradito

vederti lì … seduta lì

a dar coraggio a tuo marito

impaludato con questa toga

Ma lei,

lei c'è venuta a sentire me.

SU FRASE MUSICALE DI "SEXY BOY", ENTRA SILVIA II. L'AULA E I PRESENTI CAMBIANO COLORE.

Come un miracolo, entrava lei

e l’aula grigia cambiava colore

ed io scattavo come un demonio

mi ricordavo di Marcantonio e con scespiriano furore:

(INDOSSA LA TOGA E VA A PRENDERE POSTO NELL'AULA)

Giudici,

io non sono qui per lodare Cesare

ma per parlarvi di Bruto

per descrivervi Bruto

per dirvi che Bruto

è un uomo d'onore.

Si, signori e signore,

Bruto Proietti è uomo d'onore,

non è un truffatore

e poiché tutti... tutti qui siete uomini d'onore,

secondo la vostra coscienza

proclamerete la sua innocenza

(TUTTI APPLAUDONO)

(MUSICA "È PROPRIO LA FINE DEL MONDO")

TUTTI                                    Quest'uomo è la fine del mondo

la fine del mondo

la fine del mondo

Ma quale oratore facondo

dal gesto rotondo

la fine del mondo

(LA SCENA DEL TRIBUNALE SCOMPARE: E CARLO ALBERTO RIPRENDE A PARLARE CON LA MOGLIE).

Sono matto.

Tu di fronte a questo fatto

sosterrai che sono matto.

Certo, è il termine più adatto.

In astratto;

perché, invece, ti ribatto

ch' è inesatto:

non son matto.

Sono molto più che matto.

Sono folle, son demente

Mi sia dato un documento

meglio ancora: una patente

con l'impronta ed il ritratto

E, se vado fra la gente,

come riconoscimento

voglio un abito scarlatto

come usava nel trecento

Sono matto

però tanto soddisfatto

di ricevere d'un tratto

(CANTA "UN AMORE COME DICO IO")

Un amore come dico io

Un amore come piace a me

Una coppia che diventa un trio

due regine per un solo re

Era un nuovo gioco d'equilibrio d'alta acrobazia

                                               Variazioni sulla quarta corda della fantasia

                                               Per esempio; la tua festa

(SI FORMA SINTETICAMENTE UN ANGOLO DI CUCINA CON UNA TAVOLA ESSENZIALMENTE APPARECCHIATA. SILVIA È IN SCENA)

Che giornata emozionante

eccitante! Entro a casa trepidante

(FA COME SE ENTRASSE IN CASA)

                                               "Tanti auguri. .. Ecco, per te... "

(CONSEGNA ALLA MOGLIE UN PICCOLO PACCHETTO)

SILVIA                                 L'orologio Vacheron

Constantin

Mille grazie

CARLO ALBERTO             - No, pardon:

                                               tu dicesti: "Danke schoen

                                               (No, neanche

                                               solo danke)

Ci sediamo... cominciamo

io mi sento sulle spine

e alla fine - o a metà - del primo piatto

come un matto

- facci caso: come un matto -:

"che distratto

È arrivato

l'avvocato

Di Donato

e non gli ho telefonato"

Tu credesti a questa storia che non era

affatto vera

Ma di là, lo sai che c'era?

SOTTOLINEATA DA MUSICA DI "SEXY-BOY" ACCENDE UNA LUCE E SCOPRE UNA TAVOLA SONTUOSAMENTE IMBANDITA IN UN ANGOLO DELL'APPARTAMENTO. SILVIA II È IN ATTESA DI CARLO ALBERTO).

C'era lei

che ha preparato una tavola imbandita

da moderna Margherita

che s'incontra con Armando

rinnovando la vetusta voluttà

De "La Dame aux Camelias"

(Scusa la sincerità: d

a una parte c'era "Upim" e dall'altra "Chez Maxime")

Ed un'altra differenza:

l'accoglienza.

MUSICA DI "SEXY -BOY". SILVIA SECONDA VIENE INCONTRO A CARLO ALBERTO IN MANIERA PARTICOLARMENTE INVITANTE. I DUE BALLANO MOLTO STRETTI ED ALLA FINE CARLO ALBERTO LE CONSEGNA IL REGALO. IL TUTTO MOLTO BREVEMENTE. MENTRE SILVIA II SCARTA IL REGALO, CARLO ALBERTO DICE ALLA MOGLIE

(Vuoi verificare che

il gioiello

è uguale a quello

che ho donato prima a te

- Nota e apprezza

questa mia delicatezza)

Al riguardo voglio anche

sottolineare che

lei non disse un moscio "danke"

ma un milione di "adoré"

CARLO ALBERTO TORNA NELL’AMBIENTE DELL'APPARTAMENTO E SILVIA II LO BACIA PIÙ VOLTE CHIAMANDOLO "ADORE"

Poi tornai da te, sedetti

assaggiai il secondo piatto

e di scatto, come un matto

- nota bene: come un matto -

"è arrivato

l'avvocato Di Donato!

SILVIA                                 "Ma gli hai già telefonato"

CARLO ALBERTO             - Ed io pronto: "era occupato"

(AL PUBBLICO)

Mi spavento da me stesso:

che prontezza di riflesso!

COMINCIA UNA MUSICA BRILLANTE E CARLO ALBERTO PASSA DI CORSA DALL'AMBIENTE SILVIA A SILVIA II SIEDE A TAVOLA, MANGIA QUALCHE BOCCONE  RAPIDAMENTE; TORNA ALL'AMBIENTE SILVIA I FA COME PER DIRE QUALCHE PAROLA ALLA MOGLIE; RITORNA NELL’AMBIENTE SILVIA II ... MANGIA LA FRUTTA; RITORNA NELL'AMBIENTE SILVIA. SPEGNE CON UN SOFFIO LA TORTA DELLE CANDELINE. RITORNA DI CORSA DA SILVIA II, ANCHE QUI SPEGNE UNA ORNATISSIMA TORTA DELLE CANDELINE E LA MUSICA DI COMMENTO TERMINA E CARLO ALBERTO TORNA A RACCONTARE ALLA MOGLIE.

Che gloriosa sensazione

che esperienza leggendaria

poter far la da padrone

dentro il mio castellinaria.

Ma l'idea ch'io fossi matto

te l'ho letta nella mente

chiaramente a Fregene.

SU COMMENTO MUSICALE SI FORMA UNA SINTETICA SCENA DI SPIAGGIA CON UNA CABINA. ENTRANO I VARI TIPI DI BAGNANTI E SI FERMANO IN POSA. LA MUSICA SI INTERROMPE E CARLO ALBERTO RIPRENDE

Ti sovviene

come avvenne lo stranissimo incidente.

RIPRENDE LA MUSICA. TUTTI I BAGNANTI SI MUOVONO PER RACCONTARE LA SEGUENTE AZIONE: MOVIMENTO DI SPIAGGIA. CARLO ALBERTO È SDRAIATO VICINO ALLA MOGLIE. AD UN CERTO PUNTO UN AITANTE GIOVANOTTO ATTRAVERSA LA SCENA ED ENTRA NELLA CABINA. CARLO ALBERTO SI ALZA DI SCATTO E C'È UN PUGILATO COL GIOVANOTTO. FINO AL PUNTO IN CUI CARLO ALBERTO TORNA A RACCONTARE ALLA MOGLIE ARRESTANDO L'AZIONE. TUTTI I PERSONAGGI RESTANO FERMI NELLA LORO ULTIMA POSIZIONE.

Stop! Questo è quello che hai veduto

e con te tutta Fregene –

gente bene

che mi tolse il suo saluto

perché il fatto

non offriva

che una sola alternativa

naturale:

Carlo Alberto è un omo matto

od un omosessuale?

Se a chiarire questo errore

non bastasse la parola,

"tutti indietro, per favore,"

come fossimo in moviola

LA MUSICA RIPRENDE VELOCE COL SUONO DI UN NASTRO CHE TORNA INDIETRO E TUTTI I BALLERINI, CON MOVIMENTI MOLTO RAPIDI, FANNO AL CONTRARIO L'AZIONE FATTA PRECEDENTEMENTE RITORNANDO NELLA POSIZIONE DEL PRIMO STOP E FERMANDOSI. LA MUSICA CESSA.

                                               Rivediamola, la scena,

                                               ma girata a modo mio

                                               aggiungendo una persona

UN GLISSATO MUSICALE SOTTOLINEA L'INGRESSO DI SILVIA II, CHE SI SDRAIA ACCANTO A CARLO ALBERTO.

La mia dolce splendida sirena

che vedevo solamente io

RIPRENDE LA MUSICA E IL BALLETTO RIPRENDE LA PRIMA AZIONE, MA QUESTA VOLTA VEDIAMO SILVIA Il PRIMA MASSAGGIARE CARLO ALBERTO E POI DI COLPO ALZARSI PER AVVIARSI VERSO LA CABINA. AD UN CERTO PUNTO DELL'AZIONE, CARLO ALBERTO FA CESSARE  IL MOVIMENTO. LA LUCE SI SPEGNE LENTAMENTE E TUTTA LA SCENA SCOMPARE.

Basta. Grazie. Basta e avanza.

Ma se adesso che ho chiarito l'antefatto

della strana circostanza,

tu rimani dell'idea che sono matto,

e va bene, sono matto

Ma che giorni, che emozioni

che via-vai di sensazioni!

Tutto in tre, dovunque in tre

A teatro? Che piacerei

che soddisfazione piena

quando andammo in tre a vedere

"Metti una sera a cena"

Che due ore piene zeppe

di cornuti, di papponi,

di ninfomani, erotomani, califfi,

nella prosa di Giuseppe

di Patroni e di Griffi.

SULLA INTRODUZIONE DELLA BOSSA NOVA "MENAGE A TRE", LA LUCE SCOPRE TRE POLTRONE DI TEATRO SULLE QUALI PRENDONO POSTO CARLO ALBERTO AL CENTRO E SILVIA E SILVIA II CHE COMINCIANO A CANTARE.

TRE                                       Bello è stare all'Eliseo

per ascoltare in gran soirée V

alli, Albani, Or stnì, Falk

ed il minore dei Giuffré

CARLO ALBERTO             Lei commenta:

SILVIA                                 "Tirano

                                               ad epater las bourgeois"

CARLO ALBERTO             Lei commenta:

SILVIA II                                      "Ammazzalo:

                                               che stuzzicanti novità".

CARLO ALBERTO             Quando Umberto Orsini

                                               dentro la bandiera fa l'amor

                                               lei mi dice:

SILVIA II                                                "Per favore

                                               mi procuri un tricolore?"

SILVIA                                 Col piede sotto al tavolo

                                               Rossella a Romolo che fa?

SILVIA II                                      Io preparo l'alluce

                                               e te lo faccio adesso qua.

CARLO ALBERTO             E poiché nessuno vede

                                               lei s'intrufola col piede

                                               e raggiunge inesplorate località.

VIA LE POLTRONE E LE DUE DONNE. CARLO ALBERTO RIPRENDE A RACCONTARE.

Scusa; ancora Un momentino

Ti ricordi di quell'happening

nella villa di Luchino

in cui ognuno improvvisò

qualche numero a piacere?

Sta a vedere

come andò.

SU MUSICA SI FORMA UNO STRANO AMBIENTE IN CUI SI SVOLGE UN HAPPENING. A GRUPPI ENTRANO I BALLERINI VESTITI SECONDO I PERSONAGGI CHE INTERPRETERANNO (E DA DECIDERE INSIE ME CON COSTUMISTA E COREOGRAFO). QUANDO LA SCENA È FORMATA E I PERSONAGGI HANNO FATTO IL LORO INGRESSO, TUTTI SI FERMANO E CARLO ALBERTO DICE ALLA MOGLIE, CONTINUANDO A RACCONTARE

Ed adesso toccò a noi

Esco solo... inchino... poi,

con un tono da compaire:

"io e mia moglie... Ginger Rogers,

Fred Astaire

SU SOTTOLINEATURA MUSICALE, SILVIA ENTRA DI CORSA E SI VA A METTERE A FIANCO DEL MARITO, VESTITA COME GINGER ROGERS.

(Ma non dissi qualche cosa

che ora dico solo a te

Sai chi c'era accanto a me

a guidare i passi miei?

SOTTOLINEATA MUSICALMENTE, SILVIA II ARRIVA DI CORSA E VA A METTERSI ALLA DESTRA DI CARLO ALBERTO, VESTITA ESATTAMENTE COME SILVIA.

C’era lei

la mia bella misteriosa.

E così danzammo in tre.)

I TRE ESEGUONO UN ELEGANTE BALLO ALLA MANIERA DI FRED ASTAIRE E GINGER ROGERS. ALLA FINE CARLO ALBERTO RIPRENDE A RACCONTARE.

Fui felice, quella sera.

E tu pure insieme a me

Sai perché?

Perché c'era

un’atmosfera...

un sottile nonsoché...

Com'è vera

quella massima che dice:

"chi è felice fa felice!".

E io - felice grazie a lei –

questa mia felicità

la donavo

l'elargivo

la spargevo con lo "spray"

a chiunque si trovasse nelle mie prossimità

- quindi a te, te soprattutto.

E tu, invece di goderti

L’usufrutto

della mia felicità,

ti diverti

a proclamare, detto fatto,

che son matto.

Ma se sono matto io

che mi sento un precursore

inventore.. creatore

anzi, no: mi sento un dio,

beh, signori, a conti fatti

voglio scrivere sul muro:

"giù il cappello, perché i matti

sono i savi del futuro"

E tra loro, io sono il primo

lo sceltissimo nel mazzo:

sono il primo fantapazzo

(MUSICA "SONO MATTO")

SONO MATTO, si

Quindi autorizzato a fare il matto

e se in poco men che non si dica

mi ritrovo la mia amica

la mia amica sull'amaca

che riprende il nostro gioco

faccio il matto e appicco il fuoco

Faccio il matto, si,

E dò a tutti quanti scacco matto

Se la dolce donna che mi ama

         come prima più di prima

         non risorge dalla spuma

         non mi porge la sua chioma

         faccio il matto e allago Roma

                   Si, lo so, non posso più riaverla

                   neanche andando da un cronista

                   a che pro stampare "chi l'ha vista?"

                   se nessuno può vederla?

Viceversa, si,

per un'insidiosa via traversa

c'è c'è qualchedunaltro che la vede

e, in perfetta malafede,

se la ride e se la gode:

Tu, che con la mia creatura

ci conversi addirittura

quindi, stammi ad ascoltare

devi imporle di tornare

ché, se entro un quarto d'ora,

lei non è venuta ancora

chiamo Satana e gli offro questo patto:

"Io ti dò l'anima a te

tu mi dai la donna a me...

Io ti dò l'anima a te

Tu mi dai (GRANDE RISATA)

Che bel patto!

Sì, lo so, con questo mio contratto

Do-dopo morto finirò disfatto

dentro il piombo liquefatto

però in vita il gioco è fatto.

E il diabolico baratto

sarà arma di ricatto

per pretendere il riscatto

di colei che m'hai sottratto

Sono matto... maatto. (

E CORRE SULLA TERRAZZA A GETTARSI NELL' AMACA)

ORA SILVIA HA DECISO. È COME SE SI RIMBOCCASSE LE MANICHE. SI RIVOLGE A SILVIA II .... E LE DICE, SULLA MUSICA DEL COUPLET DI "POCO POCO"

SILVIA                                 Ah. si... Allora è così... Per riaverlo... per riconquistarlo c'è solo un sistema: essere come lui mi vuole essere, quindi, come te che debbo fare? Avanti, dimmelo, cosa ci vuole?

SILVIA II                                          Poco poco ci vuole poco quel poco di più che eccita il gioco e "rien ne va plus"

                                                            Poco poco

                                                            ma proprio poco appena un "chissà",

                                                            e, via!, in altalena tra sogno e realtà

                                                                           Una scintillante coppa

                                                                           di Dorn Perignon...

                                                                           Una nuvola di profumo...

                                                                           Due occhi nuovi...

                                                            Poco poco

                                                            però, quel poco dev'essere "più"

                                                            più civetteria

                                                            più più fantasia

                                                            più più frenesia

                                                            in modo che tu comandi il tuo gioco e "rien ne va plus"

               II

Poco poco

e a poco a poco

sarai come me

SILVIA I                               accetto il tuo gioco, mi fido di te

SILVIA II                                                Prima cosa: devi dirgli

                                                        "sei il mio sexy -boy"

                                                        Poi, ricordati di guardarlo

                                                        con occhi nuovi

SILVIA I                               Poco a poco

                                               mi presto al gioco

SILVIA II                                      È il gioco del più

                                               più modulazioni

                                               più più variazioni

                                               più più vibrazioni

                                               e con questi tre più

                                               la viola d'amore diventerai tu

SU MUSICA DA EFFETTO SILVIA II COMINCIA A CAMBIARE SILVIA I. UN LAMPEGGIARE INTERMITTENTE DI FLASH NASCONDERAI E RIVELERÀ AL PUBBLICO LE FASI BREVI DI QUESTO CAMBIAMENTO. QUANDO TERMINERÀ QUESTO GIOCO DI INTERMITTENZA LE DUE DONNE FINALMENTE SARANNO UGUALI NEL VESTITO, NEI CAPELLI, NEI MODI.

SILVIA I E SILVIA II RIPRENDERANNO INSIEME TUTTA O UNA PARTE DEL REFRAIN DI "POCO POCO" E POI IN UN VIOLENTO BALLETTO VEDREMO SILVIA I MUOVERSI E AGIRE PERFETTAMENTE COME SILVIA II, PRONTA ORA PER ANDARE A RICONQUISTARE CARLO ALBERTO, FORSE A UN CERTO MOMENTO, LA MUSICA PUÒ  SFOCIARE IN QUELLA DI "SEXYBOY", QUANDO SILVIA II DÀ VIA LIBERA A SILVIA I.

FORSE IL CRESCENDO MUSICALE DEL "NUMERO" PUÒ INTERROMPERSI QUANDO SILVIA I, VEDENDO CARLO ALBERTO AFFRANTO SULLA TERRAZZA, LO CHIAMA:

SILVIA I                               Mio sexy boy

CARLO ALBERTO             Bella, bella creatura mia … sei tornata ....

LA MUSICA RIPRENDE. 1 DUE VOLANO UNO NELLE BRACCIA DELL' ALTRA. SILVIA I SBATTE IL MARITO SULL'AMACA, INCHIODANDOVELO CON UN BACIO, MENTRE SILVIA II SI COMPIACE CON SÉ STESSA. È LA FINE DEL "NUMERO".

IL BACIO DURA A LUNGO. LUNGHISSIMO

SILVIA II                                      (PRIMA COMPIACIUTA, POI SORPRESA, OSSERVA E COMMENTA CON UN SORRISO LA DURATA DEL BACIO) E si era parlato di poco poco. (pausa) E va bene. Io-ra na Carlo Alberto e Silvia, Bon voyage. (E SCOMPARE).

SILVIA                                 (STACCA LE LABBRA DALLA BOCCA DI CARLO ALBERTO)

CARLO ALBERTO             (SI AFFLOSCIA COME UN SACCO VUOTO)

SILVIA                                 Vuoi un altro bacino?

CARLO ALBERTO             (RIPRENDE VITA DI SCATTO E, SI RIPRECIPITA SU SILVIA) Un altro? Mille, ne voglio ... duemila.

SILVIA                                 (TENENDOGLI IL VISO STRETTO FRA LE MANI), Stati attento, ché ti stronco nel fiore degli anni (E LO BACIA ANCORA APPASSIQNATAMENTE, MENTRE LA MUSICA RIPRENDE FORTE E IRONICO "SEXY-BOY". LA LUCE LENTAMENTE SI SPEGNE DEL TUTTO).

MUSICA SOTTOLINEA L'ABBASSARSI DELLA LUCE SINO AL BUIO E IL PASSARE DEL TEMPO. NEL BUIO SQUILLA UN TELEFONO. LA LUCE TORNA PER SCOPRIRE CARLO ALBERTO RIVERSO NELL'AMACA. MENTRE SILVIA SI ALZA PER ANDARE IN PUNTADI PIEDI A RISPONDERE.

SILVIA                                 (SOTTOVOCE E INFASTIDITA) Pronto? Herr doktor Zimpelius... (POI IMPREVEDIBILMENTE COMINCIA A PARLARE IN TEDESCO CON VOCE TAGLIENTE MA SEMPRE SOTTOVOCE)! Wie können Sie jetzt telephonieren! Sie stören en gewiss. Ich sage segar, mein Mann ist kein Sonderling. Sie sind dagegen ein Sonderling.

Herr Professor. Sie dürfen sich etwas mehr Ihrer Frau, statt den Ureinwohnern, widmen … Morgen werde ich nicht pünktlich ins Büro kommen ... Ich komme, wenn ich erwache... Die Arbeit ist nicht alles im Leben, Gute Nacht.

(SUL  PALCOSCENICO SCORRONO I SOTTOTITOLI DELLA TRADUZIONE: "CERTO CHE DISTURBA... ANZI, VISTO CHE CI SIAMO, LE DIRÒ CHE MIO MARITO NON È AFFATTO UN ANORMALE... L'ANORMALE È LEI, CARO PROFESSORE, E SI DEDICHI DI PIÙ A SUA MOGLIE INVECE CHE AGLI ABORIGENI; DOMANI NON VERRÒ PUNTUALE, VERROÒ QUANDO MI SVEGLIO. IL LAVORO NON È TUTTO NELLA VITA. BUONANOTTE).

(RIATTACCA, CORRE VERSO L'AMACA MA LA FA DONDOLARE E CARLO ALBERTO QUINDI SI SVEGLIA).

CARLO ALBERTO             Eh? Che c'è?

SILVIA                                 (STRINGENDOGLISI ADDOSSO) Niente, amore. Dormi.

CARLO ALBERTO             Ho avuto un incubo. Ho sognato mia moglie che parlava in tedesco... Ma tu parli tedesco?

SILVIA                                 Io? Adoré …

CARLO ALBERTO             Sst… Mia moglie è di là che dorme … e dobbiamo fare attenzione, adesso ti vede.

SILVIA                                 Non parlarmi di lei... comincio ad odiarla ...

CARLO ALBERTO             Era inevitabile. (E LA ABBRACCIA, POI SCIOLGIENDOSI DALL'ABBRACCIO) Che notte mi hai fatto passare… indimenticabile:

SILVIA                                 Meglio, delle altre?

CARLO ALBERTO             Senti, non ti offendere, ma tu, per caso hai battuto il marciapiede? SILVIA                                         Io?

CARLO ALBERTO             Sì, stanotte me ne hai dato la prova... Ti sei abbandonata ai giochi d'amore con uno spirito) un pudore, come se per te fosse stata la prima volta.

SILVIA                                 (FA UN GESTO COME PER DIR E "APPUNTO").

CARLO ALBERTO             Solo una grandissima baldracca è capace di dare questa illusione a un uomo … Baldraccona... Beviamo una cosa, vado e torno. (ECCITATISSIMO SCENDE E VA VERSO LA CAMERA DA LETTO)

SILVIA                                 (FERMANDOLO) - No, di là no, che svegli la tedesca...

CARLO ALBERTO             (FERMANDOSI, ALLARMATO) Ci mancherebbe solo il risveglio della Germania. Ah! (TORNA VERSO SILVIA E COMINCIA A DISPORLE IL VESTITO IN UN CERTO MODO)

SILVIA                                 Ma che fai?

CARLO ALBERTO             Ti addobbo e ti drappeggio. Mi preparo una sorpresa. Mentre sono di là penso ad altro … al lavoro, alla causa Proietti - a proposito in appello abbiamo perso - insomma, ti dimentico, torno, oblioso; resto folgorato a guardarti, e dico: "Scusi, signora ho sbagliato appartamento…"E tu mi rispondi? No, no, non voglio saperlo… Preparati ... Io improvviso.

(VA DI NUOVO VERSO LA CUCINA, LASCIANDO SILVIA DISCINTA SULL'AMACA).

TECNICO                                      (COMPARE DAL TERRAZZO DELLE ANTENNE, VEDENDO SILVIA NELLA POSIZIONE DATALE DAL MARITO ESCLAMA SBALORDITO)

TECNICO                                      Eh, questo è n'agguato a tradimento

SILVIA                                 (LO VEDE E SUBITO SI COPRE LE GAMBE) Vada via, per favore, la prego... mio marito può tornare da un momento all' altro.

TECNICO                                      Che stamo a fa? Stamo a discore.

SILVIA                                 Adesso non posso spiegarle...

(A QUESTO PUNTO DALLA BATTUTA DI SILVIA, CARLO ALBERTO RIENTRA DI CORSA PORTANDO UNA BOTTIGLIA DI CHAMPAGNE E RESTA FOLGORATO. NON VISTO, SENTE LA MOGLIE CHE, CONTINUANDO LA SUA BATTUTA, STA DICENDO AL TECNICO).

SILVIA                                 Ma lui non deve vedere che stiamo parlando insieme ...

CARLO ALBERTO             (CORRE VERSO IL PUBBLICO; CON OCCHI STRALUNATI INDICA I DUE CHE SULLO SFONDO CONTINUANO A PARLARE MA NON SI ODONO PIÙ LE LORO PAROLE. Parlavano e qui ebbi la prova che tutti i miei sospetti erano fondati. Parlavano. Quindi si vedevano... insomma, comunicavano. E se comunicavano c'era una tresca fra loro. Sentii che stava maturando la tragedia.

CARLO ALBERTO             Vi ho visto. Parlavate, negatelo, parlavate. No, che non si può. E se parlate, vuol dire che vi vedete.

TECNICO                                      Come ragionamento nun fa una crespa.

CARLO ALBERTO             E perché vi vedete?

TECNICO                                      Sarà un effetto ottico.

SILVIA                                 Senti, Carlo Alberto.

CARLO ALBERTO             (INTERROMPENDOLA) Zitta tu, meretrice... (AL TECNICO) Se vi vedete ci deve essere una ragione (DI SCATTO) Ecco! Se tu la vedi,  vuol dire che l'ami.

TECNICO                                      Io?

CARLO ALBERTO             Non c'è altra spiegazione (CON FORZA) Tu la vedi perché l'ami.

TECNICO                                      Co' tutto er rispetto, dotto', io vedo pure mi' nonna, ma non l'amo...

CARLO ALBERTO             O almeno la desideri.

TECNICO                                      (SINCERAMENTE SCANDALIZZATO) Mi' nonna?

CARLO ALBERTO             Questa femmina, questa bagascia di fratta e di bosco, per la quale ho trascurato mia moglie... Una santa donna, tutta casa e lavoro.

TECNICO                                      Ah, ma allora lei e la signora annate de moruworio ...

SILVIA ASSISTE DIVERTITA, E AL TEMPO STESSO LUSINGATA DALLA INVOLONTARIA DICHIARAZIONE D'AMORE DEL MARITO).

CARLO ALBERTO             E invece lei, lei che non esisteva, lei che ho fatto io dal nulla, la mia creatura, tu, signo mio, non puoi togliermela... non me la devi togliere (CADENDO IN GINOCCHIO) Per favore, lasciamela, perché io l'amo.

TECNICO                                      Ma chi... la bagascia di fratta e di bosco?

CARLO ALBERTO             (TRAGICO) Si. E tu me l'hai tolta. (PIOMBA A SEDERE PRENDENDOSI LA TESTA FRA LE MANI).

SILVIA (UN PO' DIVERTITA E UN PO' COMMOSSA, SI AVVICINA E GLI METTE UNA MANO SULLA SPALLA.)

CARLO ALBERTO             (ALZA GLI OCCHI INCONTRANDO LO SGUARDO DELLA MOGLIE E LE DICE CON TIMIDA SPERANZA) O non è vero?

SILVIA                                 (FA CENNO DI NO CON LA TESTA) Non è vero.

I DUE SI ABBRACCIANO TENERAMENTE. IL TECNICO DELLA TELEVISIONE SI SOFFIA FRAGOROSAMENTE IL NASO.

CARLO ALBERTO             (SCUOTENDOSI) Ma lei sta ancora lì?

TECNICO                                      No, siccome m'ero commosso, ho indugiato alcunché. Comunque, moglie o non moglie, i miei rispetti lo stesso signora o signorina: tanto ner palazzo nun lo sa nessuno, per cui tutti lo stimano e la riveriscono uguale come se un persona perbene

CARLO ALBERTO             (BALZA SU COME UNA CATAPULTA) Nel palazzo? Ma allora qui ti vedono tutti (AL TECNICO) La vedono tutti.

TECNICO                                      Ma perché la dovrebbe vede’ solo lei.

CARLO ALBERTO             (URLANDO) Vada via... via...

TECNICO                                      Certo che me ne vado. E nun ce vengo più qui'. Anzi, me ripijo pure tutte le antenne mie (STRAPPA LE ANTENNE DAL TETTO) Ecco, così nun me vedrete più a me, ma nun vedrete più nemmanco er telegiornale. Signora e signori, buonanotte (VIA)

(USCITO CHIASSOSAMENTE IL TECNICO. CARLO ALBERTO E SILVIA SI GUARDANO. SILVIA AVANZA VERSO LUI SORRIDENDO.

CARLO ALBERTO             (ARRETRA) No, non avvicinarti

SlLVIA                                  Perché?

CARLO ALBERTO             La nostra storia ormai non ha più senso. Eri una creatura eccezionale... almeno credevo... misteriosa ma soltanto mia. Per questo ti amavo. Ma adesso chi siamo?

SILVIA                                 Non lo so. Chi siamo?

CARLO ALBERTO             Due persone qualunque. Due che si vedono, naturalmente, borghesemente. (CAMBIA TONO IMPROVVISAMENTE) Oh, senza contare la figura che mi fai fare?

SILVIA                                 Quale figura?

CARLO ALBERTO             Andando in giro così… Che scherziamo? … Se ti vedo solo io, è un conto... Ma se ti vedono anche gli altri... lo ho una dignità da difendere (LA AFFERRA, LE TOGLIE GLI ABITI, LA PARRUCCA) Butta via questa roba... (POI PRENDE UN INDUMENTO CHE LA MOGLIE HA LASCIATO PRECEDENTEMENTE SULLA TERRAZZA) Ecco, mettiti questo... Via questa porcheria dagli occhi. .. (SILVIA IMMOBILE LASCIA FARE) Cosi almeno hai un aspetto decoroso ..... Oh ... (FA UN PASSO INDIETRO E RESTA SBALORDITO, SILVIA LO GUARDA CON UN SORRISO IRONICO. DOPO UN SILENZIO) Ma tu... tu sei mia moglie.

SILVIA                                 Oh, l'hai capito. Finalmente.

CARLO ALBERTO             (DECISO) No, non è vero. (IN UNA ESTREMA SPERANZA, CORRE VERSO LA CAMERA DA LETTO, SPALANCA LA PORTA, ACCENDE LA LUCE. VEDE CHE IL LETTO È VUOTO, TORNA INDIETRO E, SGOMENTO, DICE) Non c'è.

SILVIA                                 È logico. Sto qui …

CARLO ALBERTO             (ILLUMINANDOSI) Ho capito tutto. Quando sono andato a prendere lo champagne, tu ti sei sostituita a lei... Certo! (RIPRENDE CON PIÙ FOGA) No, non puoi essere tu la donna meravigliosa di questa notte… Era lei …

SILVIA                                 E il bacio che ti ha stroncato nel fiore degli anni, chi te lo ha dato?

CARLO ALBERTO             Eri tu...

SILVIA                                 Ero io; la baldraccona ero io...

CARLO ALBERTO             (STUPEFATTO) Tu ....

SILVIA                                 (INSINUANTE) E tu hai creduto che fossi lei. Perché?

CARLO ALBERTO             (IMPACCIATO, TENTA UNA GIUSTIFICAZIONE) Beh, Era buio... E non ti ho visto bene.

SILVIA                                 Non era buio. E tu mi hai scambiano per quell'altra. Come mai?

CARLO ALBERTO             (RESTA A LUNGO PENSIEROSO, LA GUARDA) Bè, perché a guardarti bene... Ma lo sai che un po’ le somigli...

SILVIA                                 Noo... Allora stai bene attento se io somiglio a lei, lei a chi somiglia?

CARLO ALBERTO             Bè, questa è la cosa che più mi tormenta da quando l'ho vista, la prima volta. A chi somiglia?

SILVIA (PAZIENTE)                   Certa di riflettere. Se io somiglio a lei, lei a chi somiglia?

CARLO ALBERTO             Allora non mi stai a sentire. Se è proprio questo...

SILVIA                                 (GRIDA, INTERROMPENOOLO) Somiglia a me. Perché lei sono io… Chiaro?

CARLO ALBERTO             (DOPO UNA PAUSA) No…

SILVIA                                 Aspetta. (FURIOSAMENTE CON MUSICA IN SOTTOFONDO RIPRENDE LA PARRUCCA, LA RIMETTE, SI RIMETTE IL VESTITO DI SILVIA II, ASSUME LA POSA DELLA DONNA DEL SOGNO) È chiaro adesso?

CARLO ALBERTO             Eh, si. .. Adesso è chiaro... Certo che è chiaro (PAUSA) Ma... l'altro dove sta? SILVIA (DI SLANCIO ABBRACCIANDOLO) Sta qui bello, bello di zia, bello paperone oceanico, coscione d'oro.

CARLO ALBERTO             Sei tu!

SILVIA                                 Sai che giorno è oggi?

CARLO ALBERTO             (OVVIO) È venerdì.

SILVIA                                 No; È sabato. E domani?

CARLO ALBERTO             Sarà domenica.

SILVIA                                 Sarà sabato. Sarà sempre sabato. Come sai amare, Carlo Alberto mio.

CARLO ALBERTO             (GUARDA IL PUBBLICO COL SOLITO SORRISO. POI A LEI, SCHERMENDOSI) Si, però anche tu... (A SILVIA CHE SI SCHERMISCE; MINACCIANDOLA SCHERZOSAMENTE CON LA MANO) No, no, anche tu... (BLOCCANDOSI IMPROVVISAMENTE CON LA MANO IRRIGIDITA E OSCURANDOSI IN VOLTO) Ma a te chi t'ha insegnato tutte queste cose? No, dico. Se tu sei la donna di questa notte, chi ho sposato io? Una donna dalla doppia vita... una "bella di giorno"? E tu, tu che ti sei scandalizzata al cinema quando abbiamo visto il film… Tu? (FORTE) Ma tu sei l'unica che ho capito quello che c'era nella scatola del cinese!

SILVIA                                 Io?

CARLO ALBERTO             Mentre, invece, con me giocavi la commedia della innocenza, del candore, della donna distaccata (IMITANDOLA) "Ma Carlo Alberto, è tardi... domani dobbiamo lavorare". Ti concedevi. E spesso, allorché ti concedevi, abbracciandomi e guardavi scaltramente l'orologio (FA IL GESTO DI cm GUARDA L'OROLOGIO AL POLSO DEL BRACCIO CHE È DIETRO LA TESTA DELL'UOMO) Per questo mi hai costretto a desiderare un'altra donna a tradirti.

SILVIA                                 Con me stessa (COMINCIA INTRODUZIONE MUSICALE)

CARLO ALBERTO             Si, con te stessa... come uno stupido ...

SILVIA                                 Come un uomo innamorato e incapace di tradire. Tu non hai mai desiderato un'altra donna. Hai solo desiderato che io fossi diversa. E stanotte lo sono diventata. Per merito tuo. Perché tu sei... CARLO ALBERTO (GUARDA IL PUBBLICO COL SOLITO SORRISO COMPIACIUTO; POI L'ABBRACCIA FELICE. NELL'ABBRACCIO LEI SI TOGLIE L'OROLOGIO E LO FA CADERE).

SILVIA                                 (CANTANDO)

Sexy boy

io ti voglio così, sexy boy

ogni notte è la notte per noi

ed in ogni notte sarò come vuoi

CARLO ALBERTO                                Ho un amore.

SILVIA                                 Sexy boy.

CARLO ALBERTO                                Come dico io.

SILVIA                                 Tu sei l'uomo per me,

                                               sexy boy

CARLO ALBERTO                                Un amore

SILVIA                                 e ogni notte sarò più che mai

CARLO ALBERTO                                Come piace a me

SILVIA                                 Soggiogata da te … tua

CARLO ALBERTO                                Un amore

SILVIA                                 Vieni qui

CARLO ALBERTO                                Nuovo

SILVIA                                 Sexy boy

CARLO ALBERTO                                sempre vivo

SILVIA                                 non parliamo

CARLO ALBERTO                                sempre incandescente

SILVIA                                 Non parliamo

CARLO ALBERTO                                Che col tempo

SILVIA                                 Ormai

CARLO ALBERTO                                forse

SILVIA                                 sexy boy

CARLO ALBERTO                                può portare

 SILVIA                                esistiamo

CARLO ALBERTO                                qualche inconveniente

SILVIA                                 solo noi

CARLO ALBERTO                                E l'amore

SILVIA                                 sexy boy

CARLO ALBERTO                                come dico io

SILVIA                                 nient’altro all’infuori di noi.

CARLO ALBERTO                                ridiventa

SILVIA                                 E allora baciami

TUTTI E DUE                       sexy boy    cosi

DURANTE LE ULTIME BATTUTE, SILVIA LO HA TRASCINATO ANCHE UN PO' CONTROVOGLIA IN CAMERA DA LETTO E ORA I DUE SI STANNO BACIANDO. AGLI OCCHI DI CARLO ALBERTO APPARE ORA SILVIA II, CON L'ASPETTO, GLI ATTEGGIAMENTI, IL TIPO DI VESTITO DELLA MOGLIE, ORA DESIDERATA DA CARLO ALBERTO.

SILVIA II CANTA SUL MOTIVO DI "NON È POSSIBILE"

SILVIA II

Ah, adesso che lei

è come volevi

e desideravi

mi sogni così

non è possibile

CARLO ALBERTO                                Un amore

SILVIA                                 sexy boy

SILVIA II                             E io torno da te

CARLO ALBERTO                                come dico io

SILVIA                                 tu sei l'uomo per me

SILVIA II                             prontissima a fare

                                     la moglie esemplare

                                     fra un "danke-schoe’ne"

                                     e un dolce sabato

CARLO ALBERTO                                Un amore

SILVIA                                 e ogni notte sarò più che mai

SILVIA II                             Ma la vita è così

                                     questa è una nuova

                                     ennesima prova

                                     che l'uomo è incontentabile

SILVIA                                 soggiogata da te… tua

CARLO ALBERTO                                Un amore

SILVIA                                 sexy boy sexy boy

SILVIA II                             e quindi anche tu

                                     e quindi anche tu

CARLO ALBERTO                                Un amore

SILVIA II                             e quindi anche tu

(

ALLE LORO SPALLE, SCOMPARE LA SCENA DELL'APPARTAMENTO E I TRE SUL

"GRANDIOSO" DELL'ORCHESTRA, SI. TROVANO, NELLO SFONDO NERO, NELLE

STESSE POSIZIONI DEL CONCERTO INIZIALE, MENTRE

CALA IL BIPARO

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 1 volte nell' ultima settimana
  • 8 volte nell' ultimo mese
  • 194 volte nell' arco di un'anno