Volevo fare la velina

Stampa questo copione

VOGLIO FARE LA VELINA

VOLEVO FARE LA VELINA

2 atti di Alfia Leotta

Scritto e studiato appositamente per i ragazzi

Alfia Leotta -  Posizione SIAE n° 118377

Via Alessandro Volta, 67 – 95010 Santa Venerina (CT)

www.compagniailmelograno.it – info@compagniailmelograno.it

tel/fax – 095 953470 – 3485101868

                         

PERSONAGGI del presente

GIORGIO………………………. Il padre………………………………….anni  50

CAMILLA………………………la madre…………………………………anni  45

ROSA……………………………la nonna materna..………………………anni  70

JESSICA…………………………la figlia………………………………….anni  15

MARCO………………………….il figlio………………………………… anni  16

PERSONAGGI del passato

GIUSEPPE………………………..il padre………………………………... anni  45

GRAZIELLA……………………..la madre………………………………. anni  38

MARIA…………………………... la nonna paterna ……………………... anni  65

ORAZIO…………………………. 1° figlio ……………………………….anni  20

MARIO……………………………2° figlio………………………………. anni  19

ROSA……………………………...3^ figlia………………………………  anni  13

CARMELO………………………..4° figlio………………………………  anni   8

DON MATTEO…………………... il padrone……………………………. anni  60

SAVERIO………………………… suo figlio…………………………….. anni  30

PRIMO ATTO

La scena è ambientata in una stanza da pranzo di una casa modierna,computer, tv, videoregistratore, stereo e quant’altro la tecnologia moderna offra.

All’apertura del sipario Giorgio è seduto al tavolo che legge il giornale, mentre la nonna Rosa sta apparecchiando.

GIORGIO       Di to’ figghia e to’ niputi ancora nudda notizia?

ROSA                        Saranno ‘nto turnari oramai. Patteru ca erunu l’ottu …..

GIORGIO       Su quasi l’una e ancora non si vidunu. Sugnu cunvintu ca non s’arricogghiunu picchì a soddisfazioni di dirimi ca c’aveva raggiuni, non m’ha volunu dari.

ROSA            E chi ci vo’ fari, tutte’ dui su’ spiccicati. Testa di trunzu una e testa di trunzu l’autra.

GIORGIO       ( ironico )  A vilina!........ Voli fari a vilina

MARCO         ( entra, vestito alla moda, con orecchini ovunque, giubbotto di pelle e jeans strappati, scarponi. Con il telefonino in mano sta mandando  SMS ) Ciao Giorgio!

GIORGIO       Parri cù mia?

MARCO         Giorgio non sei tu?

GIORGIO       Fino a prova contraria sugnu to’ patri, quindi sei pregato di chiamarmi papà!

MARCO         Quanto sei antiquato……è fuori moda Giorgio!

GIORGIO       E tonna?.......( lo scruta dalla testa ai piedi ) Di unni veni, di ‘n corcertu rock?

MARCO         ( senza staccare gli occhi dal cellulare ) Da scuola, perché?

GIORGIO       Pari ‘n carru di cannaluvari………..Ma ti ci fanu trasiri accussì cumminatu?

MARCO         ( distratto ) Niente!

GIORGIO       Nenti? Ma chi razza di risposta è?........( non udendo risposta) Ma mi sta’ sintennu?

MARCO         ( distratto ) Certo, come dici tu!

GIORGIO       Staiu parranno ccù tia……….e posulu ‘stu trabbicculu quannu ti parru……..

MARCO         Ah?.....Dicevi?

GIORGIO       Possibili ca vi ci cuccati ccù ‘sti cosi?.....Tuttu u jornu, sempri… tinchi- tinchi –tinchi, cù ddù itu…..ma non ti siddii, ccù ‘sti MSS……SSM?

MARCO         SMS Giorgio.

GIORGIO       Appuntu, ‘sti cosi……e finiscila ti dissi. Sugnu to’ patri, no Giorgio!......Si m’avissa azzardatu e mo tempi, astura era tuttu sgangulatu! Non c’è cchiù rispettu…….a comu ti dassi, comu!

MARCO         Non puoi, ti potrei denunciare.

GIORGIO       Ca certu, oggi c’hanu la denuncia facili……….Signuri mei, macari i pulici c’hanu a tussi.

MARCO         La legge e legge e non puoi farci niente!

GIORGIO       Ah no? ( si sfila la cinta, come per batterlo )

MARCO         ( resta indifferente, sempre intento a massaggiare ) Attento ti cadono i calzoni.

GIORGIO       ( di riflesso si guarda i calzoni scendere alle caviglie)

ROSA            ( entra e vede il genere in mutande ) Chi fai?

GIORGIO       ( imbarazzato prontamente li rialza ) Nenti, fazzu pigghiari aria e mutanni.

ROSA            Marco, chi vo’ mangiari oggi? To’ soru vosi fatta a pasta a funnu, ni voi?

MARCO         Mi andrebbe una bella carbonara.

ROSA            E ppì secunnu? Nuatri avemu i puppetti

MARCO         Ci sarebbe del pesce spada?

ROSA            No, si voi ci su’ masculini.

MARCO         Ma che schifo!

GIORGIO       Signora Rosa, non ha sentito? Il nostro cliente desidera pesce spada, vada a comprarlo…..subito!....Il signore gradisce dell’insalata di mare o dell’aragosta?

MARCO         Aragosta andrà benissimo!

GIORGIO       Ma jù ‘u mazzu!....U levu da circolazioni……( sta per lanciarsi, ma viene trattenuto dalla nonna )

ROSA            Lassulu peddiri

GIORGIO       Ringrazia ca c’è to’ nanna, s’annunca oggi abbagnavi comu chi!

MARCO         ( distrattamente ) Si certo……. Hai ragione.

ROSA                        Chi ci vo’ fari, su carusi………

GIORGIO       E dicunu ca che’ figghi c’ha essiri dialogo, comprensione…….giustu, ma si t’ascutassiru!……Si stanu sempri allappati a ‘stu cosu…….( glielo strappa di mano )

MARCO         Papà, che fai?

GIORGIO       Chi fazzu?.....U vo’ vidiri?......( apre la finestra e lo butta giù)

MARCO         Meglio così, era già fuori moda.

DA FUORI SI SENTE: Ahaia…..disgraziatu……..di cu è? Cu fu

MARCO         E’ uscito il nuovo modello l’FG 4007, è uno sballo, ( velocissimo ) ……registratore digitale, audio video, 4 megapixel effettivi, web cam, lettura file MP3, connessioni USB, LCD da 1,6 pollici…..Costa solo 520,00 euro.  Me lo compri?

GIORGIO       ( rincretinito si affaccia alla finestra ) Oh..Oh….è miu…..molla l’ossu!.......Camilla, fatti dari ‘stu telefunu, ca mi sciddicau de’ manu!

MARCO         Ormai sarà rotto. O mi compri quello nuovo o te lo sogni che vado all’università!

GIORGIO       Taliati a chistu……..e chi mi fai ‘n favuri a mia si ti pigghi ‘na laurea?

MARCO         A chi se no?

GIORGIO       ( a stento trattiene la rabbia ) Ma chi è jurnata?........Senti to’ matri e to’ soru stanu acchianannu, priparati ca si mangia.

MARCO         Prepararmi?

GIORGIO       Laviti i manu, mancu?

MARCO         Perché dovrei, non sono mica sporche?

GIORGIO       Ah già, dimenticavo che il signore cammina coi guanti…….( dandogli una sberla ) o laviti ‘ngrasciatu ca non si autru!

MARCO         ( uscendo ) Ma che maniere!

CAMILLA      ( entra, seguita da Jessica. Entrambe deluse per il fallimento del provino. Senza dire una parola, getta il cellulare sul tavolo e si accascia sulla sedia )

JESSICA       ( piangente ) Papì, non mi hanno nemmeno fatto entrare.

GIORGIO       ( consolandola si rivolge alla moglie ) Chi voli diri?

CAMILLA      Chiddu ca dissi!......Prima ni tocca parrari ccù ‘n tritolu additta avanti a porta, trasemu e ‘n attruvamu ‘n autru assittatu a ‘n tavulinu ca non sapeva unni ‘n hava mannari…… appoi si presenta ‘na speci di brucculu ccù ‘na scoccia di nucidda allato ca a talia da testa e pedi e ni fa trasiri intra ‘n ufficiu ccù ‘n finocchiu ca l’incheva catti ‘nsichitanza………

GIORGIO       Ma unni istu.......‘nta ‘n fruttivendulu?

JESSICA       Eravamo più di 100 ragazze e ci hanno detto che ci faranno sapere.

GIORGIO       Senza mancu fariti parrari?

CAMILLA      Ma u sapemu ca è sulu ‘n modu gentili di dirini NO!

GIORGIO       Ma chi ti pareva accussì facili? Mi meravigghiu comu non v’addumannaru soddi.

ROSA            ( entra ) E’ prontu, pozzu puttari?

GIORGIO       Si, ca c’haiu ‘na fami?

JESSICA       Per me niente. Non ho fame.

MARCO         ( entra ) Mamma, io devo andare. Luigi mi aspetta.    

CAMILLA      Si, tantu, mancu jù c’haiu fami.

GIORGIO       E no!......Ora basta!....Tutti a tavola. Forza!

MARCO         Ma Giorgio…..

GIORGIO       ( dandogli uno scappellotto ) Assettiti e senza pipitiari……. Macari tu ( alla figlia ) Tutti a tavola. Cu non c’havi fami non mangia, ma si sta tutti a tavola. E chi è! Unni stamu jennu a finiri?......... Non c’è cchiù rispettu ppì ‘sta famigghia?.......Chi semu addivintati……… assittativi! ( tutti si siedono ) ………..Accussì si fa………

ROSA            ‘E mo’ tempi n’ha faceumu a cussa, picchì l’ultimu arrestava senza seggia. Erumu 7 e c’aveumu sulu 6 seggi ‘n casa e rutti ppì giunta. ‘n pocu di minestra e ‘n tozzu di pani duru…….. E ccù tuttu chistu non ni lamintaumu di nenti…….c’era na cuntitizza a stari tutti ‘n semi…..

GIORGIO       Appuntu! Ascutati a vostra nonna.

JESSICA       Altri tempi nonna, altri tempi. Siamo nel 2006 le cose sono cambiate……

ROSA            Ma la famiglia non può e non deve cambiare! E’ l’unicu beni ca ‘n arresta ammenzu a tuttu ‘stu marciumi ca c’è oggi!

GIORGIO       Sante parole! E ora figghi miei diletti, vistu ca semu tutti qui riuniti……..mi faciti vidiri i pagelli do quadrimestri?

MARCO         Per forza?

JESSICA       Adesso? A tavola?

GIORGIO       E quannu, non c’è megghiu d’ora.

MARCO         Ma poi ti sporchi le mani…….

JESSICA       Rimandiamo che è meglio.

GIORGIO       U capì, non mi vuliti fari vidiri. C’è per caso qualche insufficienza?......... E vabbè, non è accussì gravi, no?...............Vi promettu ca non fazzu scenati.

MARCO         ( e Jessica si guardano come per dire, facciamoci coraggio. Si alzano e vanno a prenderle)

CAMILLA      Senti, non fari comu o to’ solitu, va beh?

GIORGIO       Jù non capisciu comu po’ essiri tantu tranquilla. I to’ figghi si ni strafregunu da scola e ppì tia è tuttu normali.

CAMILLA      Ti pari ca non ci pensu? Ma è macari veru ca si non provunu ora ca su carusi, non c’è cchiù nudda speranza di trasiri ‘nta televisioni.

GIORGIO       E chi ci voli, basta tuppuliari…….”E’ permessu, pozzu trasiri?.....Sarei interessato a visitare la televisione……..” Nenti di cchiù facili!

CAMILLA      Non fari u spiritusu! E’ importanti.

GIORGIO       E l’istruzioni? Non è importanti?

CAMILLA      Ci su’ sempri i scoli serali!

GIORGIO       Ma a sintiti?.........Allura si tu ca a sta pungennu!……… Si daccordu macari tu? ( rivolta alla suocera)

ROSA            Ma chi dici! Si mo’ figghia nisciu di sensi non voli diri jù l’approvu!

MARCO         ( seguito da Jessica, entrano e porgono le pagelle al padre. Tornano a sedersi )

GIORGIO       ( leggendo per prima quella del figlio ) Insufficiente,……..insufficiente……. sufficiente……..insufficiente…..discreto……… Ma che bello!!!!!!! ( continua a leggere fino a quando con ironia ) Alt,…fermi tutti…….un Ottimo c’è! In ginnastica, ma c’è!.........( lo guarda e la butta sul tavolo disgustato. Prende quella della figlia ) Discreto…..discreto…….almenu chista sta pattennu cchiù auta……..Sufficiente….. discreto……insufficiente……..Ma vi rendete conto ca chista è bocciatura sicura?

JESSICA       E chi se ne frega! Tanto io voglio fare la velina, sposare un calciatore e fare così la presentatrice di Sanremo!

CAMILLA      Bedda figghia!

GIORGIO       A postu, u pani è fattu!.......( poi al figlio ) E tu inveci?........

MARCO         Partecipare al Grande Fratello, sposare una miliardaria e campare di rendita!

CAMILLA      Bravu!

GIORGIO       Muta tu!..........E bravi! …….Chisti su i figghi ca haia addivatu?.......... Ppì chisti haia fattu 20 anni di sacrifici?.........Ppì ‘sti du’ beddi spicchi haia ittatu sangu notti e jornu supra a ‘n camion, di ‘na punta all’autra di l’Italia?

MARCO         Ma cosa credi che anch’io mi voglio ridurre come te?

GIORGIO       Picchì, comu sugnu riduttu?

MARCO         Ma guardati, senza classe, senza stile, sembri un pezzente……

GIORGIO       Ma questo pezzente ti ha permesso fin’ora di fare la bella vita che hai fatto! ‘Sti robbi, ‘sti cosi ( alludendo allo stereo, al televisore ecc….) Jù l’haia sudatu ppì vuatri……

JESSICA       Anche tu la guardi la TV, non lo hai fatto mica solo per noi.

ROSA            Ora basta. Sugnu stufa di sentiri ‘sti cosi. Vostru patri c’havi raggiuni….( alla figlia ) e tu……. Mi meravigghiu di tia, non è chistu ca ti ‘nsignai!

TRILLA IL TELEFONO.

GIORGIO       Pronto?........Ah direttore, mi dica…………Possibile?.......C’ha essiri ‘n errori……… Sicuru?.........A cu è intestatu?............Ho capito,……..si, certo che vengo……..Ci vediamo. Arrivederci. ( aggancia il ricevitore e guarda male la moglie )

CAMILLA      Chi fu?.......Picchì mi talii accussì?

GIORGIO       U capisti cu era?

CAMILLA      No.

GIORGIO       U diritturi da banca………. Dici ca si prisintaru ppì canciari ‘n assegnu di 2000 euru firmatu to......

CAMILLA      2000?

GIORGIO       Appuntu,……….. a ‘nfotografu.

JESSICA       Ah, si, quelli del book fotografico per le selezioni.

CAMILLA      ( fa segno di tacere )

GIORGIO       U book?.........Vi facistu arrubbari macari ‘sti soddi?

ROSA            Camilla, veru è?

MARCO         2000 euro? A me per la moto no, a lei per 4 fotografie si?

CAMILLA      Marco finiscila.

MARCO         Ma che finisco e finisco. La tua piccolina, la tua dolce figlia, ti fa 2 moine e tu cedi…….sganci 200 euro e dovrei stare zitto?........... Io non sono figlio di nessuno?.........

GIORGIO       Marco finiscila

MARCO         Sono stufo marcio di subire le angherie di tutti voi.

GIORGIO       Angherie? E quali, sintemu?

MARCO         Ti devo elencare tutti i vostri no? Bene: 1° - La crociera degli studenti; 2° Il campeggio in Brasile; La moto; gli stivali El Charro; il nuovo telefonino; la macchina…….

GIORGIO       Ci n’è ancora?

JESSICA       Parli tu? E io cos’ho avuto oltre quei 4 stracci che ho nell’armadio….

GIORGIO       ‘Na boutique sana sana……..

JESSICA       Volevo un motorino è invece ho una bicicletta

GIORGIO       Jù mancu chiadda aveva a to’ età.

JESSICA       Di andare in discoteca la sera non se ne parla nemmeno.

ROSA            Basta…basta….basta……….

GIORGIO       ( alla moglie ) A vistu? Avistu?.

CAMILLA      Ascuta Giorgio, era ‘n opportunità. Si non ci tintava, avissumu campatu co’ rimpiantu di non avirici pruvatu.

GIORGIO       Giustu! E ora sai chi ti dicu?.........Ca po’ restu da to vita ora, campi co’ rimorsu d’aviri appizzatu ‘na famigghia! ( prende giacca e cappello e va via )

CAMILLA      Unni vai?

GIORGIO       Prima a banca e poi ‘nta ‘n avvocato ppè pratichi do’ divorziu! ( via )

JESSICA       Papà, aspetta……

CAMILLA      Marco, vai….currici appressu,….fermulu.

MARCO         ( gli corre dietro ) Papà……..

ROSA            Ma chi cumminastu,….chi cumminastu!!!!!!!

CAMILLA      Mamma, ppì favuri……..non ti ci mettiri macari tu! ( via )

JESSICA       ( piange ) Tutta colpa mia. Tutta colpa mia……….

ROSA            Ora ci pensi?.........

JESSICA       Non voglio che papà e mamma si lascino per colpa mia.

ROSA            Non ti preoccupare………ora ci passa, u tempu di spapurari tuttu u focu ca c’havi d’intra.

JESSICA       Ma io volevo solo inseguire il mio sogno.

ROSA            E’ meraviglioso inseguire i propri sogni, ma vedi cara mia, la strada per arrivarci è lunga e tortuosa. Se fosse semplice, non sarebbe più un sogno, non credi?

JESSICA       Sei d’accordo con me allora?

ROSA            Ti sto incoraggiando a non arrenderti mai, ma con questo non vuol dire che sono d’accordo con quello che stai facendo.

JESSICA       Che sto facendo di sbagliato?

ROSA            Stai trascurando la scuola. L’istruzione è la cosa più importante nella vita, senza questa, saresti solo un oca in mezzo a tante, senza futuro, senza sbocchi. Mettiamo il caso che per fisico, bellezza  ti prendano in questo fantastico e lussureggiante mondo dello spettacolo, fatto lustrini e palliett………….. che futuro avresti, quando di queste cose non ti resta niente più?......... Un antico detto siciliano dice: CU SI ‘NNAMURA DI CAPIDDI E DI DENTI, SI ‘NNAMURA DI NENTI……… La bellezza svanisce, ma il contenuto resta.

JESSICA       La scuola è solo un inutile perdita di tempo. Lo so, tu cosa mi devi dire……sei stata una professoressa, per te è facile parlare così…….

ROSA            Ma non sono nata professoressa. Non sai i sacrifici che ho dovuto fare per poter imparare a leggere e a scrivere.

JESSICA       Perché?

ROSA            Erano tempi duri cara mia. Il padre era il capo assoluto della famiglia, era il depositario della cultura e della saggezza umana. L’unica fonte del nostro sapere.

JESSICA       Erano ben preparati allora.

ROSA            Sicuramente sui fatti della vita lo erano, pur non sapendo né scrivere, né leggere, sapeva insegnarci quanto bastava per stare al mondo. Io non era una di quelle però. A me non bastava, volevo studiare, conoscere, imparare quanto più potevo……ma non mi era permesso, le donne era destinate a ben altro…..diventare mogli e madri.

JESSICA       Davvero era così difficile?.......E come hai fatto allora?

ROSA            Aiutami a sparecchiare che poi ti  racconto una storia.

CALA LA TELA            FINE 1° ATTO

2° ATTO

La scena è ambientata in una vecchia cucina di campagna negli anni 40

L’ambiente è al buio, solo un angolo del palco un faro illuminerà, Nonna Rosa seduta su una sedia a

Dondolo che lavora a maglia e Jessica che le sta seduta accanto in ascolto

ROSA            Eravamo 4 figli, 3 maschi e 1 femmina. Con noi viveva anche Nonna Maria, rimasta sola dopo la morte del nonno

Una luce si alza e illumina Nonna Maria intenta a stirare su un vecchio tavolo, con il ferro a

carbone.

ROSA            Mio padre, lavorava la terra del nostro padrone, con umiltà e dedizione. Era un brav’uomo, devoto a mia madre e affettuoso con noi figli………

La scena lentamente s’illumina, mentre mette in ombra nonna Rosa e Jessica

GIUSEPPE   ( entrato sul finire delle parole di Rosa ) S’abbinirica matri……… ( si siede stanco ) Graziella è ddà banna?........... ( non udendo risposta, perché sorda )……Unn’è Graziella?

MARIA           Sta lavannu, è fora.

GIUSEPPE   Ccù ‘stu friddu? Graziella, trasi intra è scuru oramai…….dumani appoi i fai.

GRAZIELLA Timminai! ( da fuori )

MARIA           Orazio non è ccù tia?

GIUSEPPE   Sta dannu a mangiari ‘o sceccu.. E’ accussì vecchiu oramai ca non c’ha fa cchiù mancu a tirari u carrettu

MARIA           Orazio?

GIUSEPPE   U sceccu mamma!……. Povera bestia……… cridu ca arrivau u so’ mumentu.

MARIA           Madunnuzza, ma chi dici,….a 18 anni?

GIUSEPPE   Maliditta a surdania! U sceccu, parro do’ sceccu! ( urlando )

MARIA           U sceccu? Chi c’havi?

GIUSEPPE   E’ vecchiu e non c’ha fa cchiù.

MARIA           Ma si non c’havi mancu ‘n annu ca to patri u ‘ccattau.

GIUSEPPE   Vossia si pessi qualche passaggiu. U papà avi 20 anni ca è mortu.

MARIA           Mo’ papà? Chiassi di 20.

GIUSEPPE               Si bonanotti!

MARIA           Non mangi?

GIUSEPPE   Cu ti dissi ca non magiu?

MARIA           Ti stai jennu a cuccari. Non ti senti bonu?.......Chi c’hai?....Fammi vidiri a lingua?....

GIUSEPPE   Finitila, ca bonu mi sentu.

ORAZIO        ( entra e bacia la nonna ) Nannitta, comu semu oggi?

MARIA           Ca comu hama essiri, comu e vecchi.

ORAZIO        Ma si siti ‘na picciuttedda?!

GRAZIELLA ( entra seguita da Mario con un braciere in mano ) Posulu ccà.

ORAZIO        E Rosa unn’è?

GRAZIELLA Sta vinennu.

GIUSEPPE   Non mi diri ca si tonna a misi ‘nta testa di studiari?

GRAZIELLA No o maritu, chi dici.

MARIA           Comu no, u jaddu non s’ha pinnari? Comu nu mangiamu ccù tutti i pinni?

MARIO           Quali jaddu nanna…..

GIUSEPPE   Non tunnamu ‘nta ‘stu discursu. ‘Nzignici chiuttostu a governari ‘na casa, a raccamari, a cusiri…….chisti su i cosi ca c’aggiuvunu a ‘na fimmina,…….. u studiu!

ORAZIO        I masculi no e ora a fimmina si!

GIUSEPPE   U duviri dè figghi masculi è chiddu di aiutari a mia. I soddi non c’abbastunu ppì sfamarivi a tutti.

ORAZIO        Ma picchì jù ‘n campagna e iddu a falignami?

GIUSEPPE   Picchì accussì vogghiu jù. E senza pipitiari. ( si siede vicino al braciere )

MARIA           N’autra vota hata ghiri a bivirari? No facistu assira?

GRAZIELLA Vossia mi s’arriposa. Havi assai ca è additta. ( raccogliendo la biancheria piegata per posarla in una cassapanca )

MARIA           Va beni ( mostrando un calzino tutto bucherellato ). M’assettu e cusu ‘stu sculapasta?

GIUSEPPE   Quannu si mangia?

GRAZIELLA E’ quasi prontu.

GIUSEPPE   Cchiù tardu veni a truvarini Don Matteo……..

GRAZIELLA Ma ancora è troppu nica…………

GIUSEPPE   Oramai u cuntrattu è fattu. E ‘n bon partitu……..po’ matrimoniu c’è tempu.

ROSA            ( entrando ) Patri, ascutimi ppì favuri……

GRAZIELLA ( anticipando una discussione, trascina la figlia verso l’uscita ) Rosa, aiutimi a cunzari a tavula.

BUIO IN CAMERA E LUCE A ROSA E JESSICA

ROSA            Era praticamente impossibile convincere mio padre, che era importante studiare. L’unico a cui era permesso era Carmelo, il più piccolo. Aveva 8 anni e frequentava la 3a elementare………………

LUCE IN CAMERA. C’è Rosa in compagnia del fratellino, che con una candela mano leggono un quadernetto nero.

ROSA            ( CONTINUANDO A RACCONTARE ) Era bravo, intelligente e mi spiegava quello che facevano in classe. Io così, all’insaputa di mio padre, la notte alla luce di una candela mi esercitavo a leggere e a scrivere.

BUIO IN CAMERA 

JESSICA       Di nascosto? Ma cosa avrebbe potuto fare…..qualche ramanzina e tutto finiva li, no?

ROSA            Pur conoscendo la bontà di nostro padre, nessuno azzardava ribattere una sua decisione, nessuno osava contraddirlo……..

JESSICA       E perché?

ROSA            Rispetto, il rispetto per i genitori era fondamentale. Nemmeno pensavamo che potesse essere altrimenti…………..Ma eravamo tanto felici

JESSICA       Felici?...Così?

LA SCENA S’ILLUMINA SULLA FAMIGLIA RIUNITA ATTORNO AL BRACIERE. La nonna

lavora a maglia , la mamma pesta sementi in un mortaio e i figli ridono ascoltando i racconti del

padre

ROSA            La sera era divertentissimo ascoltare mio padre. Ci raccontava storielle divertenti, miniminagghi…..

JESSICA       Minichè?

ROSA            Miniminagghi……..indovinelli.

BUIO SU  ROSA E JESSICA

GIUSEPPE   Ascutati chista:………..E’ tunnu e non è munnu………… c’havi li feddi e non è mulini…………spara e non è cannuni…..chi è?

TUTTI             Booh?

GIUSEPPE   ( si alza, si volta e mostra il sedere )

TUTTI             ( ridono )

LUCE SU ROSA E JESSICA E BUIO SUGLI ALTRI

ROSA            Passavano così le nostre serate, filastrocche, proverbi, ninne nanne, giochi, preghiere e orazioni…….

JESSICA       Oh mio Dio,….senza TV? Che noia!!!!

ROSA            Non sai invece quanto attendavamo quell’ora che nostro padre ci dedicava ogni sera.

JESSICA       Certo, deve essere bello ridere insieme ai propri genitori………..

ROSA            Non sai quanto!............ Poi una sera venne in casa Don Matteo con suo figlio Saverio

JESSICA       Il nonno?

BUIO SU ROSA E JESSICA  LUCE SULL’ALTRA SCENA con Giuseppe, Don Matteo e Saverio

DON MAT.    Carissimu Pippinu, sugnu propriu cuntentu che Saveriu e Rosa s’accasunu.

GIUSEPPE   Chiddu onoratu sugnu jù. E’ ‘n motivu d’orgoglio, ppì nuatri ‘mparentarini cu vossia.

DON MAT.    ( spavaldo ) U sacciu, u sacciu……

GIUSEPPE   Ma sugnu ‘n pocu preoccupatu……Rosa c’havi ancora 13 anni e vostru figghiu 30…………

DON MATT.  Niente paura…………Saverio, è ‘n carusu a postu! A  parola data….. è data! Nenti ha succediri fra iddi, fino a compimentu da maggiore età di Rosa e quindi o jornu do’ matrimoniu…………..Veru Saveriu?

SAVERIO      Certu patri…………. Rosa mi piaci appiddaveru e mancu ppì tuttu l’oru do’ munnu ci putissi mancari di rispettu.

GIUSEPPE   Bravu figghiu miu, bravu…..

BUIO SU LORO E LUCE SU ROSA E JESSICA

ROSA            E quel giorno segnò tutta la mia vita.

JESSICA       Ma se non volevi sposarlo, perché lo hai fatto?

ROSA            Perché piano piano imparai a volergli bene prima ed ad amarlo poi.

JESSICA       Non è al contrario, scusa?

ROSA            E qua è dove sbagliate tutti. Prima bisogna volere bene ad una persona, stimarla, accettarla per quello che è, comprendendone pregi e difetti, essergli amica e confidente………l’amore e la passione sono una conseguenza a tutto ciò. Vedi, se fosse al contrario, il fervore dell’amore iniziale, potrebbe spegnersi e se non hai coltivato null’altro, non ti resta niente…..tutto è perso……e si finisce col divorziare.

JESSICA       Non ci avevo mai pensato.

LUCE SU ROSA GIOVANE E SAVERIO seduti al tavolo con dei libri

ROSA            Mi aiutò a studiare, anche per lui era fondamentale l’istruzione, e mi incoraggiò a proseguire dopo aver preso la licenza media.

JESSICA       E tuo padre?

ROSA            Glielo tenemmo nascosto, fino al giorno in cui………….

BUIO SU ROSA E JESSICA.

GIUSEPPE   ( rientra dal lavoro prima del previsto e li scopre intenti a studiare ) Chi è ‘sta nuvità?

ROSA            Padre, io….( cercando di nascondere i libri )

SAVERIO      Don Pippo, non vaceumu nenti di mali…..

GIUSEPPE   Chi su tutti sti purcarii supra o tavulu?

ROSA            Non su purcarii, su libri!

GIUSEPPE   Tu muta, ccù tia ni facemu i cunti appoi……..otinni ddà banna!

ROSA            Ma patri, picchì……

GIUSEPPE   Ti dissi muta…..otinni! ( Rosa scappa via in lacrime )

SAVERIO      Don Pippo, sarà mo’ muggheri,…….

GIUSEPPE   Hai detto bene….sarà! Ppì comora è ancora mo’ figghia e fa chiddu ca dicu jù.

SAVERIO      Havi boni possibilità, è intelligenti……putissi fari…..

GIUSEPPE   Nenti!......Idda a fari a fimmina di casa e basta! ( raccoglie i libri, glieli mette in braccio e lo fa uscire ) E ora otinni macari tu…… E si b’attrovu ancora ccù ‘sti libri manu manu……….informu to’ patri.

BUIO IN SCENA, LUCE SU ROSA E JESSICA

ROSA            A quel punto, dovetti prendere la decisione più dolorosa della mia vita………. Non potevo accettare l’idea di smettere di studiare

JESSICA       Ma bastava aspettare il matrimonio e poi saresti stata libera di proseguire, no?

ROSA            E’ quello che feci. A 16 anni, con la complicità di tuo nonno, scappai di casa …..la classica fuitina…….

JESSICA       Tu?........Non immaginavo………..

ROSA            Era l’unica soluzione. Mio padre per la vergogna non volle più vedermi e mia madre s’ammalò. Neanche in punto di morte mi permise di andarla a trovare

JESSICA       Che insensibile………

ROSA            E lasciò che lei morisse senza l’ultimo saluto alla sua bambina ( si asciuga le lacrime

JESSICA       ( l’abbraccia ) Mi dispiace

ROSA            Non me lo sono mai perdonato, ma non l’ho mai odiato per questo, l’odio per se stesso è stato sufficiente. Visse il resto della sua vita con questo rimorso.

JESSICA       Si, ma tu?.........Ne è valsa la pena?...........Hai buttato al vento quello che avevi.

ROSA            Ne è valsa la pena, ne è valsa la pena………Da un grande dolore ne è nata una grande gioia, quella di vedere crescere e formare tanti giovani. La consapevolezza di essere stata un guida a quanti sono emersi nella vita, mi rende felice.

JESSICA       Con questo vuoi dire che sentirsi responsabili del successo di qualcuno, gratifica?

ROSA            Proprio questo! Il cammino della tua vita è segnato da grandi  e piccole opportunità. che è giusto cogliere al volo, con saggezza e prudenza,….. ma anche da grandi e piccoli ostacoli, che dovrai superare con maturità e intelligenza. ……L’istruzione ti aiuta in questo cammino…… Commetterai sicuramente degli sbagli,  non te li evita certo, ma quantomeno ti evita di pagarne il prezzo più alto.

JESSICA       Ho capito nonna.

ROSA            Brava la mia bambina.

JESSICA       Studierò, non ti deluderò……….forse anch’io un giorno, come te,  potrò realizzare i miei sogni.

ROSA            Ne sono certa amore mio!

FINE

NOTE DELL’AUTRICE

La messa in scena di questa commedia, se recitata ai ritmi giusti non durerà più di 40 minuti.

Si consiglia di arricchirla con la musica, un sottofondo adeguato specie durante il racconto della

Nonna.

E’ importantissimo l’uso delle luci.

Fari bianchi durante il primo atto e luce calda ( fari ambrati ) durante il secondo atto, puntati a

fascio solo sulla zona in cui si consuma la scena.

Le due scene dovranno essere agli estremi opposti del palco per evitare che il riflesso della luce,

illumini chi è in ombra.

I movimenti di scena nei cambi luce dovranno essere effettuati nel massimo silenzio e al buio più

totale, quindi suggerisco di puntare un occhio di bue sulla nonna e Jessica, lasciando al buio il resto

della scena.

L’uso dei costumi, dei trucchi, dei mobili e dei suppellettili è fondamentale, è importante per la

buona riuscita dello spettacolo, non tralasciare alcun particolare.

Sono i particolari che fanno vincere le rassegne.

Per quanto riguarda l’uso della scenografia, suggerisco di coprire al 2° atto le scene con dei teli neri

e usare degli elementi di spicco, come un grande vecchio camino affumicato, magari realizzato in

carta pesta, che domina la scena, su cui sono posati vecchi strumenti di una volta. Un vecchio tavolo

con 7 sedie in pessimo stato, e suppellettili antichi, come paioli ecc……

Non tralasciare gli oggetti personali, quali una vecchi pipa di rasta per il padre, un antico giocattoli

in legno per il bambino ( la trottola o tuppetturu ), un coltellino per l’intaglio del legno per il 2°

figlio, ecc…….

I vestiti, ovviamente vecchi e rattoppati.

E per finire, non per ultimo, quale autrice se fosse possibile, ne sarei davvero felice se venisse

menzionato il mio nome e ne sarei orgogliosa, qualora la commedia venga messa in scena, essere

presente al debutto dei ragazzi.

Questo lavoro, come tutti i miei precedenti, verrà depositato alla SIAE

Credo di non dover aggiungere altro e auguro a tutti buon lavoro.

ALFIA LEOTTA

Via A.Volta, 67 – Santa Venerina (CT)

095 953096   095 953470   3485101868

    Questo copione è stato visto
  • 0 volte nelle ultime 48 ore
  • 0 volte nell' ultima settimana
  • 1 volte nell' ultimo mese
  • 11 volte nell' arco di un'anno